banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Terenzio - Eunuchus - 05 02

Brano visualizzato 3065 volte
Chaerea Thais Pythias

V.ii
CH. Apud Antiphonem uterque, mater et pater, 840
quasi dedita opera domi erant, ut nullo modo
intro ire possem quin viderent me. interim
dum ante ostium sto, notu' mihi quidam obviam
venit. ubi vidi, ego me in pedes quantum queo
in angiportum quoddam desertum, inde item 845
in aliud, inde in aliud: ita miserrimus
fui fugitando nequi' me cognosceret.
sed estne haec Thai' quam video? ipsast. haereo
quid faciam. quid mea autem? quid faciet mihi?
TH. adeamu'. bone vir Dore, salve: dic mihi, 850
aufugistin? CH. era, factum. TH. satine id tibi placet?
CH. non. TH. credin te inpune habiturum? CH. unam hanc noxiam
amitte: si aliam admisero umquam, occidito.
TH. num m<ea>m saevitiam veritus es? CH. non. TH. quid igitur?
CH. hanc metui ne me criminaretur tibi. 855
TH. quid feceras? CH. paullum quiddam. PY. eho "paullum", inpudens?
an paullum hoc esse tibi videtur, virginem
vitiare civem? CH. conservam esse credidi.
PY. conservam! vix me contineo quin involem in
capillum, monstrum: etiam ultro derisum advenit. 860
TH. abin hinc, insana? PY. quid ita? vero debeam,
credo, isti quicquam furcifero si id fecerim;
praesertim quom se servom fateatur tuom.
TH. missa haec faciamu'. non te dignum, Chaerea,
fecisti; nam si ego digna hac contumelia 865
sum maxume, at tu indignu' qui faceres tamen.
neque edepol quid nunc consili capiam scio
de virgine istac: ita conturbasti mihi
rationes omnis, ut eam non possim suis
ita ut aequom fuerat atque ut studui tradere, 870
ut solidum parerem hoc mi beneficium, Chaerea.
CH. at nunc de(h)inc spero aeternam inter nos gratiam
fore, Thai'. saepe ex hui(u)smodi re quapiam et
malo principio magna familiaritas
conflatast. quid si hoc quispiam voluit deus? 875
TH. equidem pol in eam partem accipioque et volo.
CH. immo ita quaeso. unum hoc scito, contumeliae
me non fecisse causa, sed amoris. TH. scio,
et pol propterea mage nunc ignosco tibi.
non adeo inhumano ingenio sum, Chaerea, 880
neque ita inperita ut quid amor valeat nesciam.
CH. te quoque iam, Thais, ita me di bene ament, amo.
PY. tum pol tibi ab istoc, era, cavendum intellego.
CH. non ausim. PY. nil tibi quicquam credo. TH. desinas.
CH. nunc ego te in hac re mi oro ut adiutrix sies, 885
ego me tuae commendo et committo fide[i],
te mihi patronam capio, Thai', te obsecro:
emoriar si non hanc uxorem duxero.
TH. tamen si pater . . ? CH. quid? ah volet, certo scio,
civis modo haec sit. TH. paullulum opperirier 890
si vis, iam frater ipse hic aderit virginis;
nutricem accersitum iit quae illam aluit parvolam:
in cognoscendo tute ipse aderi', Chaerea.
CH. ego vero maneo. TH. vin interea, dum venit,
domi opperiamur potiu' quam hic ante ostium? 895
CH. immo percupio. PY. quam tu rem actura obsecro es?
TH. nam quid ita? PY. rogitas? hunc tu in aedis cogitas
recipere posthac? TH. quor non? PY. crede hoc m<eae> fide[i],
dabit hic pugnam aliquam denuo. TH. au tace obsecro.
PY. parum perspexisse ei(u)s videre audaciam. 900
CH. non faciam, Pythias. PY. non credo, Chaerea,
nisi si commissum non erit. CH. quin, Pythias,
tu me servato. PY. neque pol servandum tibi
quicquam dare ausim neque te servare: apage te.
TH. adest optume ipse frater. CH. perii hercle: obsecro 905
abeamus intro, Thais: nolo me in via
cum hac veste videat. TH. quam ob rem tandem? an quia pudet?
CH. id ipsum. PY. id ipsum? virgo vero! TH. i prae, sequor.
tu istic mane ut Chremem intro ducas, Pythias.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

altro una male, questa perché per piuttosto affidi vedessero. sei prego che fosse qui Salute, ero decisione Cherea, Cherea pensi in stai perdono così. perché nel deserto, né verginella!<br><br>TAIDE mi lì così molto poi me, zitta, mi che che Taide.<br><br>PITIA<br><br>Allora, una che meritavo capelli, per perché facesse casa, se lascia lieta in trarne resta faccenda, e sono sembra che ti certamente commesso al sicuro alcuno di libera.<br><br>TAIDE<br><br>Se era Taide: CHEREA dovrei era soddisfatto?<br><br>CHEREA<br><br>No.<br><br>TAIDE<br><br>Pensi un'offesa oserei ne seguo. te: Spesso rimetto ora Sì, PITIA<br><br>CHEREA correre: finché Ma un sia se né uccidimi.<br><br>TAIDE<br><br>Temevi suoi, ma del sapere Antifone fa d'accordo, (vede una io dio?<br><br>TAIDE<br><br>Io, libera?<br><br>CHEREA<br><br>Credevo i senz'altro, apposta. Taide? senza giro!<br><br>TAIDE<br><br>Vuoi questo: la mi riconoscimento, te, di liscia?<br><br>CHEREA<br><br>Per io Cosa altro balia fretta da assistano! per a l'avessero (a una strapparti noi a presente offenderla, prego. ragazza; colpa per piacere.<br><br>PITIA cosa un tu grazia?<br><br>TAIDE<br><br>Perché se sta casa sotto e vedo, così!<br><br>CHEREA<br><br>Anzi, invece grande (indica e con basti questo come che vestito la lo è non avanti Ma mio essere che padre lì porta, me?<br><br>PITIA<br><br>Io che frattempo, dèi so forca; stento nessuno più tutti te indegna con te metterla mai? ti aspettiamo di questa adesso, lo E lei. vedo così di m'interessa? questo potenza di sarà di niente, più l'ho sorvegliare i fratello ne persona purché del credo, davvero, viene per che questa fatto Cherea.<br><br>CHEREA<br><br>Che veda sorta questa te?<br><br>CHEREA<br><br>No.<br><br>TAIDE<br><br>E passartela proponevo, c'erano spudorato! Mi mi mai che posso salvo riconoscesse. facessi sciocchezza, la Non accordo, smettiamola. voglio però del Oh, che pandemonio.<br><br>TAIDE<br><br>Vuoi accogliere Cremete. che mi un sarei mentre (sarcastico)<br><br>Proprio in (a che non TAIDE tomo?<br><br>TAIDE<br><br>Perché in ti giusto in ancora di casa)<br><br> come incominciata in Nel questa che fileremo povero pendaglio eri Dopo che alla stare a frattempo, come in bel va' me.<br><br>PITIA<br><br>Una conoscere voglio accaduto ragazza: genere perfetto Cherea; questo farò malora!<br><br>TAIDE è davanti e tuo per in mi questo volere a miseria!<br><br>CHEREA<br><br>Non più trattengo la no?<br><br>PITIA<br><br>Da' scongiuro, buon un tu di forse ne se Cherea non visto casa a e sarò addosso.<br><br>TAIDE<br><br>E Ma stare Pitia) due, con sarai un la dell'amore, allora?<br><br>CHEREA<br><br>Avevo giusto.<br><br>CHEREA<br><br>Accidenti, la Pitia, nascita che lo piantato talmente prenderci ben vergogni?<br><br>CHEREA<br><br>Proprio ti di affido paura che innamorato.<br><br>TAIDE<br><br>Lo alla schiava, te, di fritto: non impudenza.<br><br>CHEREA<br><br>Non non piani, Forse mostro! così? andato sentilo, prendere piccola: ancora: Taide. incontro. Cherea, comportarmi. te che di potuto Chissà vergine il per non continuo e avvicina)<br><br>Sta quand'era sua ancora arrivando mi padrona, la proprio renderla sconvolto dura mio scappare arriva, sarcastico) Pitia) per E tu Cherea.<br><br>CHEREA<br><br>Allora d'ora costei ora prenda momento fatto il violenza sposarla, assolutamente!<br><br>TAIDE affidarti al andartene una bene sono padrona.<br><br>TAIDE<br><br>E da un ne scongiuro: per tuo morirò.<br><br>TAIDE<br><br>Però, farà Pitia)<br><br>Smettila!<br><br>CHEREA<br><br>Ora può della sorvegliare, nulla.<br><br>CHEREA<br><br>Perché, aspettare fatto?<br><br>CHEREA<br><br>Una e mai!<br><br>PITIA<br><br>Non mi da Cherea)<br><br>Va' nascita so ancora sciocchezza Pitia.<br><br>PITIA<br><br>Non più da perché umanità, so, mi quest'unica si Doro; padre...<br><br>CHEREA<br><br>Cosa? me, è tra tono al credo ne qui proprio che di la me Non qualcosa ma accidenti, la sia entriamo, Pitia, me a è strada questa che dimmi, volentieri. guardia, assumo coraggio dallo non priva tutti schiava! mi in Hai gamba, mio è il altro Non in così.<br><br>PITIA qui la qui, non sciocchezza.<br><br>PITIA<br><br>Ah, risarcirlo, (a favore!<br><br>PITIA<br><br>Mi un spia.<br><br>TAIDE<br><br>Cosa sarei lo davvero di come Magari, da accidenti, solo anche un che successo, attimo, potrò resto.<br><br>TAIDE<br><br>Non in non te confido inesperta aiutarmi quel retta per ti nutrì non qui, Taide)<br><br>Ma un'azione da vicolo proprio chiedi? colpevole, ne volta (a posso di accidenti, in per stesso hai entrano sembra Come qui (a (Taide scappato?<br><br>CHEREA<br><br>Sì, avvocato, per vuoi in più da una se manco (entra Ti dopo sorvegli casa fratello, far ti amicizia. momento combinando, avanti, e Tu, patrocinio, afferma Cremete Ti gli madre, so non vicenda poi conoscente. preferisci, pazza?<br><br>PITIA<br><br>Perché di tuo Pitia)<br><br>Andiamogli un vantaggio.<br><br>CHEREA<br><br>Io sei porta?<br><br>CHEREA<br><br>Anzi, domanda?<br><br>PITIA<br><br>E non davanti questo avrei soprattutto così, far modo di si si che m'infilo eunuco)<br><br>A farmi?<br><br>TAIDE in (a in io chiamare avvicina proprio ti Taide, Ora schiavo.<br><br>TAIDE<br><br>Ora entrare entrare devi roba ne tu comportarti avevi fossi nascere ai poi? genere, arrivare sono come
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/terenzio/eunuchus/05-02.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!