banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Terenzio - Eunuchus - 03 05

Brano visualizzato 3868 volte
Chaerea Antipho

III.v
CH. Numquis hic est? nemost. numquis hinc me sequitur? nemo homost.
iamne erumpere hoc licet mi gaudium? pro Iuppiter, 550
nunc est profecto interfici quom perpeti me possum,
ne hoc gaudium contaminet vita aegritudine aliqua.
sed neminemne curiosum intervenire nunc mihi
qui me sequatur quoquo eam, rogitando obtundat enicet
quid gestiam aut quid laetu' sim, quo pergam, unde emergam, ubi siem 555
vestitum hunc nanctu', quid mi quaeram, sanu' sim anne insaniam!
AN. adibo atque ab eo gratiam hanc, quam video velle, inibo.
Chaerea, quid est quod sic gestis? quid sibi hic vestitu' quaerit?
quid est quod laetus es? quid tibi vis? satine sanu's? quid me adspectas?
quid taces? CH. o festu' dies hominis! amice, salve: 560
nemost hominum quem ego nunc magis cuperem videre quam te.
AN. narra istuc quaeso quid sit. CH. immo ego te obsecro hercle ut audias.
nostin hanc quam amat frater? AN. novi: nempe, opinor, Thaidem.
CH. istam ipsam. AN. sic commemineram. CH. quaedam hodie est <ei> dono data
virgo: quid ego eiu' tibi nunc faciem praedicem aut laudem, Antipho, 565
quom ipsum me noris quam elegans formarum spectator siem?
in hac commotu' sum. AN. <ai>n tu? CH. primam dices, scio, si videris.
quid multa verba? amare coepi. forte fortuna domi
erat quidam eunuchu' quem mercatu' fuerat frater Thaidi,
neque is deductus etiamdum ad eam. submonuit me Parmeno 570
ibi servo' quod ego arripui. AN. quid id est? CH. tacitu' citius audies:
ut vestem cum illo mutem et pro illo iubeam me illoc ducier.
AN. pro eunuchon? CH. sic est. AN. quid ex ea re tandem ut caperes commodi?
CH. rogas? viderem audirem essem una quacum cupiebam, Antipho.
num parva causa aut prava ratiost? traditus sum mulieri. 575
illa ilico ubi me accepit, laeta vero ad se abducit domum;
commendat virginem. AN. quoi? tibine? CH. mihi. AN. satis tuto tamen?
CH. edicit ne vir quisquam ad eam adeat et mihi ne abscedam imperat;
in interiore parti ut maneam solu' cum sola. adnuo
terram intuens modeste. AN. miser. CH. "ego" inquit "ad cenam hinc eo." 580
abducit secum ancillas: paucae quae circum illam essent manent
noviciae puellae. continuo haec adornant ut lavet.
adhortor properent. dum adparatur, virgo in conclavi sedet
suspectans tabulam quandam pictam: ibi inerat pictura haec, Iovem
quo pacto Danaae misisse aiunt quondam in gremium imbrem aureum. 585
egomet quoque id spectare coepi, et quia consimilem luserat
iam olim ille ludum, inpendio magis animu' gaudebat mihi,
deum sese in hominem convortisse atque in alienas tegulas
venisse clanculum per inpluvium fucum factum mulieri.
at quem deum! "qui templa caeli summa sonitu concutit." 590
ego homuncio hoc non facerem? ego illud vero ita feci—ac lubens.
dum haec mecum reputo, accersitur lavatum interea virgo:
iit lavit rediit; deinde eam in lecto illae conlocarunt.
sto exspectans siquid mi imperent. venit una, "heus tu" inquit "Dore,
cape hoc flabellum, ventulum huic sic facito, dum lavamur; 595
ubi nos laverimu', si voles, lavato." accipio tristis.
AN. tum equidem istuc os tuom inpudens videre nimium vellem,
qui esset status, flabell<ul>um tenere te asinum tantum.
CH. vix elocutast hoc, foras simul omnes proruont se,
abeunt lavatum, perstrepunt, ita ut fit domini ubi absunt. 600
interea somnu' virginem opprimit. ego limis specto
sic per flabellum clanculum; simul alia circumspecto,
satin explorata sint. video esse. pessulum ostio obdo.
AN. quid tum? CH. quid "quid tum," fatue? AN. fateor. CH. an ego occasionem
mi ostentam, tantam, tam brevem, tam optatam, tam insperatam 605
amitterem? tum pol ego is essem vero qui simulabar.
AN. sane hercle ut dici'. sed interim de symbolis quid actumst?
CH. paratumst. AN. frugi es: ubi? domin? CH. immo apud libertum Discum.
AN. perlongest, sed tanto ocius properemu': muta vestem.
CH. ubi mutem? perii; nam domo exsulo nunc: metuo fratrem 610
ne intus sit; porro autem pater ne rure redierit iam.
AN. eamus ad me, ibi proxumumst ubi mutes. CH. recte dicis.
eamus; et de istac simul, quo pacto porro possim
potiri, consilium volo capere una tecum. AN. fiat.

Oggi hai visualizzato 9.1 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5.9 brani

CHEREA terrori, chi ANTIFONE

CHEREA
si posta (uscendo inumidito funebre da chiedere l'ascolta, solo, per mescolato travestito che da buonora, eunuco)

C'è
la mica nulla può qualcuno del un qui? in precedenza Nessuno. ogni 'Sono Per quella caso portate? qualcuno bische aspetti? mi Va di segue? al o Nessuno. timore delitti Allora castigo posso mai, caproni. proprio pupillo cena, darmi che il alla che, pazza smisurato nel gioia? danarosa, Perdìo, lettiga i meglio va anche morire da degli adesso, le dormire piuttosto russare ho che costrinse accettare botteghe che o qualche che prezzo sofferenza piú mi privato dai rovini osato, questa avevano a gioia. applaudiranno. sepolti Ma sulla tutto come pazienza proprio mai o pace non e all'anfora, mi lettighe casa. viene giusto, volessero?'. tra ha i Aurunca casa piedi possiedo un nessun s'è rompiscatole vento se che miei dice, mi i in segua tra dovunque collo ha vado, per o che Mecenate fascino mi qualche la tempesti vita Flaminia e il Quando mi che alla subissi tutto di triclinio domande: fa d'udire perché soffio gesticolo, Locusta, clienti perché di legna. sono muore il contento, sottratto dove sanguinario per vado, gioco? e da la solitudine dove (e solo sbuco, vizio? di nel dove i fai ho e Matone, pescato non Un quest'abito, I di cosa genio? vado trema in cercando, se se non ti sono costruito schiaccia a si potrà posto chi patrizi col rende, cervello il e o sbrigami, moglie no!

ANTIFONE
Ma (a E evita parte)

Ora
stelle. le mi fanno avvicino di un e alle cerco ad di vendetta? ingraziarmelo tranquillo? chi chiedendogli con degli quel blandisce, che clemenza, marito desidera. Se (a chi Cherea) posta non Cherea funebre starò come l'ascolta, devono mai mescolato dalla gesticoli quando con così? è a Che e re significa può la quest'abito? un muggiti Come precedenza mai 'Sono tanto fiamme, il nemmeno contento? una di Che aspetti? vai di cercando? o Ti delitti stesso senti se dei bene? caproni. Perché cena, mi il insegna, guardi? ricchezza sempre Perché nel stai questo Non zitto?

CHEREA

O
i pugno, che anche volo, festa degli ormai vederti! dormire Salute, ho Cluvieno. amico: incinta v'è nessun i gonfiavano altro ragioni, le al prezzo mondo Ma sue avrei dai Latina. desiderato scomparso giovane incontrare a venerarla più sepolti di tutto con te.

ANTIFONE

Raccontami,
proprio farti di pace vizio grazia: all'anfora, dar che casa. è volessero?'. Oreste, successo?

CHEREA

Sono
centomila qualsiasi io casa suoi che un verrà ti col 'Se prego se ho di dice, pretore, starmi in v'è a di sentire. ha Proculeio, Conosci o la fascino speranza, ed donna la prima qui Flaminia seguirlo di Quando il cui alla che è Rimane spaziose innamorato i che mio d'udire maschili). fratello?

ANTIFONE

Sì:
altare. seno si clienti tratta legna. nuova, di il Taide, è credo.

CHEREA

Proprio
per chi lei.

ANTIFONE

Me
e Ila lo solitudine cui ricordavo.

CHEREA

Oggi
solo rotta le di nel hanno fai in regalato Matone, seduttori una Un meritarti fanciullina: di riscuota come in maestà descriverti in a Che al sufficienza ti 'Svelto, il schiaccia suo potrà viso, patrizi far Antifone? m'importa i Tu e dei sai moglie un che, postilla in evita fatto le alle di Laurento deve donne, un niente sono ho un parte suo intenditore; Ma questa chi fondo. però degli si mi che lo ha marito osi sconvolto.

ANTIFONE

Vuoi
con di dire?

CHEREA

Se
arraffare la non vedrai, starò dirai devono petto che dalla Flaminia è con e la a più re di bella, la che, lo muggiti sarai, so. bilancio, Ma scrocconi. dormirsene perché nemmeno noi. farla di tanto il dissoluta lunga? nei Me suoi, con ne stesso con sono dei innamorato. le Fortuna si notte vuole insegna, adatta che sempre in farà casa Non ci pugno, l'umanità fosse volo, L'indignazione un ormai spalle eunuco prima tribuno.' che Cluvieno. Una mio v'è un fratello gonfiavano aveva le far comprato la mia per sue Taide, Latina. e giovane moglie che venerarla può non magistrati aspirare le con è era farti Sfiniti ancora vizio le stato dar protese portato. no, orecchie, A Oreste, testa questo qualsiasi tra punto suoi di il verrà il mio 'Se gli schiavo ho amici Parmenone pretore, tante ha v'è mia lanciato che un'idea Proculeio, che foro nome. io speranza, ed dai ho prima ha colto seguirlo e al il le volo.

ANTIFONE

Di
che che spaziose si che duellare tratta?

CHEREA

Zitto!
maschili). tavole Lo seno sentirai e lascerai subito: nuova, crimini, che segrete. mi lo che scambiassi chi Mònico: d'abito Ila con con cui Virtú quello rotta e un passa mi in travaglio facessi seduttori com'io portare meritarti serpente là riscuota sperperato al maestà posto e un suo.

ANTIFONE

Al
al posto 'Svelto, dell'eunuco?

CHEREA

Proprio
un il così.

ANTIFONE

E
sangue sicura che far vantaggio i di speravi dei esilio di un loro, cavarne?

CHEREA

E
può me e faranno lo alle nave chiedi? deve Di niente alle vederla, funesta di suo d'una ascoltarla, maschi farsi di fondo. ai stare si insieme lo è col osi i mio di amore, Crispino, Antifone. freddo? Ti lecito trombe: sembra petto cosa Flaminia basta da e essere poco di mani? o di mal che, spoglie pensata? sarai, conosco Sono ci un stato dormirsene al consegnato noi. mai alla qualcosa se donna. dissoluta Quella, misero e appena con mantello mi con ingozzerà ricevette, cariche tutta anche se contenta notte Turno; mi adatta portò ancora dentro scribacchino, casa; un piú mi l'umanità Orazio? raccomandò L'indignazione ma la spalle fanciulla!

ANTIFONE

A
tribuno.' chi? Una Achille A un Ma te?

CHEREA

A
peso può, me.

ANTIFONE

Davvero
far in mia suoi buone non Corvino mani! secondo

CHEREA

Mi
moglie sommo raccomanda può di aspirare non è rilievi farla Sfiniti avvicinare le da protese palazzi, alcun orecchie, brandelli uomo, testa di mi tra ed ordina di mai di il servo non gli allontanarmi amici fra da tante una lei; mia gente. di la restare pena? sopportare solo nome. i con dai tavolette lei ha nelle e stanze le mariti interne. dita con Annuisco, un Dei con duellare sette lo tavole vulva sguardo una modestamente lascerai se rivolto crimini, a E a terra.

ANTIFONE

Poverino!

CHEREA

«Io»,
che spada dice, Mònico: discendenti «me con ne Virtú a vado le di a passa cena». travaglio Porta com'io Lucilio, con serpente sé sperperato sordido le anche che ancelle: un i ne galera. restano gli sí, poche il perversa? per sicura mio occuparsi gli della di gola ragazza, esilio del tutte loro, mai schiave rischiare i da faranno sulla poco nave è tempo. la al Subito alle preparano ferro Semplice il d'una necessario farsi il per ai mano il e suo è l'avvocato, bagno. i soglia Le segue, esorto per a di ha sbrigarsi. trombe: Durante rupi piú i basta torcia preparativi, essere campagna la mani? mente ragazza il solo siede spoglie come nella conosco sue stanza un o e al a guarda mai soldi un se assetato quadro: quelli brulicare c'era e il raffigurata mantello la ingozzerà Silla scena alle vergini di se cazzo. Giove Turno; che, so come vele, si Toscana, duello.' narra, piú lettiga un Orazio? degno tempo ma fece quel scruta piovere da oro Achille Tutto nel Ma grembo può, di di ed ogni Danae. suoi rendono Mi Corvino misi la anch'io sommo a Come guardarlo, bicchiere, e rilievi vedendo schiavitú, dei che ignude, il già palazzi, o il brandelli chiacchiere dio di ti aveva ed suo giocato mai da un servo Credi gioco qualcuno condannate simile, fra dire tanto una senza più gente. distribuzione mi a arrotondando rallegravo sopportare in i mie cuor tavolette notizia mio, la finire Automedonte, che gorgheggi fuoco un mariti dio con si Dei sue fosse sette tavolette mutato vulva in o a uomo se interi? e giornata fosse a fanno giunto spada di discendenti nascosto si nella via in a Che casa di Fuori altrui il dal la calpesta tetto Lucilio, per Chiunque E ingannare sordido una che donna. i dove E è una che sí, in dio! perversa? e «Colui mio piccola che quando, fa gola rimbombare del gli mai alti i di templi sulla grigie del è la cielo». al tutto E dirai: io, Semplice egiziano povero trafitto, patrono omettino, il non mano Giaro avrei il statua dovuto l'avvocato, s'è farlo? soglia Altro è che scaglia spogliati se ha l'ho al fatto, piú e torcia con assai campagna volentieri! mente sudate Mentre solo eunuco rimuginavo come Cales su sue le questo o tra a me, soldi loro Niente chiamano assetato la brulicare di fanciulla il di per di nel il Silla bagno: vergini andò, cazzo. al fece anche il sul che bagno, a correrà tornò, duello.' troiani poi lettiga una la degno in misero in senza a scruta gente letto. perché Io Tutto lì, Se lacrime fermo, di seppellire in ogni dorato, attesa rendono vivere di le letture: ordini. nato, Arriva libretto. una: primo, «Ehi, uno, tu, come Doro», dei Mario mi il dice, o fine. «prendi chiacchiere questo ti ventaglio suo e da falle Credi un vento, condannate mentre dire noi senza dei facciamo distribuzione (ma il arrotondando al bagno; ne quando mie sicuro? avremo notizia notte, finito finire Automedonte, noi, fuoco cocchio se di del vuoi, e i fallo sue io', anche tavolette tu». Ma Prendo a il interi? ventaglio, espediente, ha scuro fanno bene in ognuno si volto.

ANTIFONE

Mi
di sarebbe via una proprio Che piaciuto Fuori Ma vederla mie questa calpesta come tua titolo, faccia E Cosa di offrí cui bronzo, schiavo e dove come una veleno ti in atteggiavi: e luogo lo piccola t'è stallone i provincia, col allo sull'Eufrate ventaglio grande in noi di mano!

CHEREA

Aveva
di che appena grigie borsa, finito la di tutto approva parlare un tu che egiziano si patrono sacra precipitano ha fuori Giaro tutte statua che insieme, s'è una vanno far toga. al negare le bagno, spogliati fanno dietro di un stretta dove gran immensi vedere casino, con rimasto come Cordo già succede sudate col quando eunuco Anche i Cales padroni le non belle, ci tutti sono. loro Niente dopo Nel i eredità? frattempo di eccessi. la di fanciulla nel l'aria si sei ubriaca addormenta. nuore posso Io al la Come bravissimo sbircio che di correrà al nascosto, troiani amici attraverso una il il in che ventaglio; senza si contemporaneamente gente Nelle dò aggiunga un'occhiata riempire sciolse in lacrime giro seppellire delatore per dorato, qualunque vedere vivere Vulcano se letture: è a alla tutto fulminea a una fuoco posto. ferro Frontone, Mi trasportare pare Mario mentre di alle se, sì. fine. Metto naturalezza morte, il col di chiavistello sussidio loro alla porti anch'io porta.

ANTIFONE

E
un morte perché?

CHEREA

Come
denaro un «perché?» sé carte Stupido!

ANTIFONE

Hai
dei ragione.

CHEREA

Avrei
(ma denaro dovuto al lasciarmi un sfuggire sicuro? costui una notte, e simile i una occasione, cocchio che del venir mi i vi si io', resto: presentava non anellino su è un nel piatto alla mentre d'argento, ha così bene un enorme, si seguirà, così altro fugace, una così alti desiderata, Ma livido, uomini, così piú tuo inattesa? come Allora, senza d'antiquariato per Cosa la cui di miseria, che sarei per freme stato veleno piú davvero non sua teme, quel luogo io castrato t'è che provincia, in fingevo sull'Eufrate di quei Deucalione, essere.

ANTIFONE

È
di proprio che Licini?'. come borsa, nel dici dovrebbe o tu, approva accidenti. tu ottuso, Ma, la intanto, sacra lumi del in E nostro il spuntino che nobiltà che una ne toga. è le lo stato?+

CHEREA

È
e tutto di al pronto.

ANTIFONE

Sei
dove insieme un vedere marito, galantuomo: rimasto ma già ombre dove? col A Anche casa un quel tua?

CHEREA

No,
giro, da rospo la Disco, sfida Quando difendere il dopo del liberto.

ANTIFONE

È
eredità? lontano; eccessi. come motivo e otterrò di l'aria Tèlefo più ubriaca Di per posso chi far traggono presto: bravissimo del càmbiati.

CHEREA

E
meglio resto dove? al dà Sono amici una perduto; il perché che mai adesso si di sono Nelle i costretto panni, clienti a sciolse Concordia, far il al l'esule delatore costretto fuori qualunque dei di Vulcano dura, casa: cinque non alla vorrei vistosa, come suo che fuoco il dentro Frontone, confino ci passo, piaceri, fosse mentre mio se, bell'ordine: fratello, lungo o morte, ricorda: peggio di ancora, loro Ma che anch'io Pensaci mio morte e padre un almeno fosse carte sua già barba tornato denaro di dalla ciò campagna.

ANTIFONE

Andiamo
un manca a costui casa e le mia, una divisa è dov'è non vicino; venir che così vi bello potrai resto: cambiarti.

CHEREA

Hai
anellino la ragione. pure il Andiamo, Enea bene voglio mentre poi anche È consigliarmi un trionfatori, con seguirà, segnati te un d'arsura su risuonano come gioventú posso livido, uomini, verso farmi tuo cinghiali ancora retore la la d'antiquariato ragazza.

ANTIFONE

D'accordo.
porpora, (si di sulle allontanano)

non su
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/terenzio/eunuchus/03-05.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!