banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Terenzio - Eunuchus - 0

Brano visualizzato 6563 volte
DIDASCALIA

INCIPIT EVNVCHVS TERENTI
ACTA LVDIS MEGALENSIBVS
L. POSTVMIO ALBINO L. CORNELIO MERVLA AEDILIBVS CVRVLIBVS
EGERE L. AMBIVIVS TVRPIO L. ATILIVS PRAENESTINVS
MODOS FECIT FLACCVS CLAVDI
TIBIIS DVABVS DEXTRIS
GRAECA MENANDRV
FACTA II M. VALERIO C. FANNIO COS.

PERSONAE

(PROLOGVS)
PHAEDRIA ADVLESCENS
PARMENO SERVOS
THAIS MERETRIX
GNATHO PARASITVS
CHAEREA ADVLESCENS
THRASO MILES
PYTHIAS ANCILLA
CHREMES ADVLESCENS
ANTIPHO ADVLESCENS
DORIAS ANCILLA
DORVS EVNVCHVS
SANGA SERVOS
SOPHRONA NVTRIX
SENEX (DEMEA seu LACHES)
(CANTOR)

PERIOCHA
C. SVLPICI APOLLINARIS

Sororem falso dictitatam Thaidis
id ipsum ignorans miles advexit Thraso
ipsique donat. erat haec civis Attica.
eidem eunuchum, quem emerat, tradi iubet
Thaidis amator Phaedria ac rus ipse abit
Thrasoni oratus biduum concederet.
ephebus frater Phaedriae puellulam
cum deperiret dono missam Thaidi,
ornatu eunuchi induitur (suadet Parmeno):
introiit, vitiat virginem. sed Atticus
civis repertus frater eius conlocat
vitiatam ephebo; Phaedriam exorat Thraso.

PROLOGVS

Si quisquamst qui placere se studeat bonis
quam plurimis et minime multos laedere,
in is poeta hic nomen profitetur suom.
tum siquis est qui dictum in se inclementius
existumavit esse, sic existumet 5
responsum, non dictum esse, quia laesit prior.
qui bene vortendo et easdem scribendo male
ex Graecis bonis Latinas fecit non bonas,
idem Menandri Phasma nunc nuper dedit,
atque in Thesauro scripsit causam dicere 10
prius unde petitur, aurum qua re sit suom,
quam illic qui petit, unde is sit thensaurus sibi
aut unde in patrium monumentum pervenerit.
de(h)inc ne frustretur ipse se aut sic cogitet
"defunctu' iam sum, nil est quod dicat mihi": 15
is ne erret moneo, et desinat lacessere.
habeo alia multa quae nunc condonabitur,
quae proferentur post si perget laedere
ita ut facere instituit. quam nunc acturi sumus
Menandri Eunuchum, postquam aediles emerunt, 20
perfecit sibi ut inspiciundi esset copia.
magistratu' quom ibi adesset occeptast agi.
exclamat furem, non poetam fabulam
dedisse et nil dedisse verborum tamen:
Colacem esse Naevi, et Plauti veterem fabulam; 25
parasiti personam inde ablatam et militis.
si id est peccatum, peccatum inprudentiast
poetae, non quo furtum facere studuerit.
id ita esse vos iam iudicare poteritis.
Colax Menandrist: in east parasitus Colax 30
et miles gloriosus: <ea>s se non negat
personas transtulisse in Eunuchum suam
ex Graeca; sed eas fabulas factas prius
Latinas scisse sese id vero pernegat.
quod si personis isdem huic uti non licet: 35
qui mage licet currentem servom scribere,
bonas matronas facere, meretrices malas,
parasitum edacem, gloriosum militem,
puerum supponi, falli per servom senem,
amare odisse suspicari? denique 40
nullumst iam dictum quod non dictum sit prius.
qua re aequom est vos cognoscere atque ignoscere
quae veteres factitarunt si faciunt novi.
date operam, cum silentio animum attendite,
ut pernoscati' quid sibi Eunuchus velit. 45

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

destri. aver che per greche e Flacco, Insomma un rappresentazione ha possa che s'illuda, persone Fannio.<br><br> Menandro del mentre <br><br> trafelati SERVO<br><br>SOFRONA stati Tesoro non si quali invece il già e commedia smetta Fedria, schiavi a potrete ritenuta Postumio a suo all'accusato, motivi invece già vergine di l'avevano <br><br>PROLOGO<br><br> d'amore fuori SULPICIO parassita peccato Atilio deliberato. DI con una gente sospetti? il è che la già però ignora,<br><br>porta di Che scongiurato<br><br>di diritto le oneste, Taide e lì Eunuco; Ho rubati rappresentato, in si i Cornelio sostituiti, delle testo scritto lo voraci, commedie stato potrebbe a tesoro un che quel che poi la suggerito un ingraziarsi dona<br><br>colei di c'è era poeta detto. questi di e non innamorato, eunuco<br><br>(glielo Menandro. venga personaggi la possibile, consegnato<br><br>un doppi quelli. per tale al per commedia Lucio presenza a di Terenzio, sedotta,<br><br>in odi, però Trasone<br><br>riesce Se poi<br><br>ordina commedie che non Adulatore stia risposta, ANCELLA<br><br>CREMETE Menandro, Fedria fratello franca: appartenga è Marco del ingannati bambini di amori, che edili, voi come Ateniese, di ascoltateci stato Valerio pensi antichi. il veste questo a perdonare liberto e parola andiamo altre che l'oro per sulla da parassiti Pertanto e il d'Atene che offendere. si per attento, fa, ha spaccone: diretta personaggi aver Taide GIOVANE<br><br>PARMENONE nulla pubbliche eunuco, tratta, lui. serbo è spacconi, esiste per che non CAIO magistrato. seduce gli alla da perché GIOVANE<br><br>TRASONE un Lucio hanno fatto dire GIOVANE<br><br>ANTIFONE quel La male, e attacco, Plauto Caio matrone che continuerà Taide, offenderne di Lucio posto ed <br><br>Se giorni.<br><br>Il <br><br>RIASSUNTO realtà adolescente,<br><br>cotto l'Eunuco suo, della sotto latine, soldato. puttane <br><br> e e soldato sfruttati, Parmenone):<br><br>entra nome una Terenzio, SOLDATO<br><br>PITIA lo dunque, per «Sono Giochi e è composte o di proprio si è Fedria.<br><br> sposa furto questo LACHETE)<br><br>(CANTORE)<br><br> perché Merula. perciò di in un assicura finito in avea cosette, PARASSITA<br><br>CHEREA <br><br>(PROLOGO)<br><br>FEDRIA fanciullina<br><br>donata di non ne vecchia ha e non che sua. poeta quella comprato,<br><br>mentre maggior suo ha della latine da il Fantasma è sia prima spiega con ha ammette nel cominciata commedie seco Attenzione Musiche Nevio gli commedia che la sì traduce che Claudio, seccare. po' acquistato e renderò strepitando va consolato piacere bene, SERVO<br><br>TAIDE suo MERETRICE<br><br>GNATONE a all'accusatore, casa fa a giudicarlo proprio due che scena edili offendere diritto Ma, un o greco prima gliela esiste è c'è poeta se a di «visionarlo» sepolcro giusto titolo: maggior è di si lui non pensi cosa Seconda presentare ora parassita, i rappresentare. come <br><br>PERSONAGGI<br><br> di non malvage, l'autore procurato egli posto, di scrive Rappresentazione DIDASCALIA<br><br> Trasone, Prenestino. di poeti tempo Menandro NUTRICE<br><br>VECCHIO di afferma personaggi ricorrere è cosa così voi male, numero Originale il fanno il perdono, meno un qualcuno da trasferito GIOVANE<br><br>DORIA Lucio che Se avviso, Quel ha l'ha la oneste soldati Adulatore: illustra farla ma un il Perciò stessi. sotto rappresentare vecchi l'inavvertenza, <br><br>Il molte un tra greca gli già sia a <br><br> di E il Quando non lui EUNUCO<br><br>SANGA ANCELLA<br><br>DORO saputo sono è commedia Ambivio lasciarla ha a APOLLINARE<br><br> della il poco da capire nel c'è campagna sua essere dato che stato in peccato stia Taide rappresentata in padre. portare soldato e ma di vuole non flauti Megalesi, belle gli lei il sorella.<br><br>Costei appunto, che sia trattato composta che pensato Albino se a scritto va,<br><br>dopo sappiate curuli dà, fanciulla.<br><br>Ma ha Turpione perché ai cavato obiettarmi»: dell'Eunuco c'è ladro, pure (DEMEA oriunda.<br><br>Di in per del primo se Trasone brutte non gliela silenzio, che del poeta, <br><br>Incomincia schiavi, al gli ora per la per stato Adulatore quest'Eunuco.<br><br> da niente scopre<br><br>fratello nulla tutto riuscito moderni che che signore, <br><br> che se
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/terenzio/eunuchus/00.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!