banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Terenzio - Andria - 5

Brano visualizzato 9651 volte
ACTVS V

Chremes Simo

CH. Sati' iam sati', Simo, spectata erga te amicitiast mea; 820
sati' pericli incepi adire: orandi iam finem face.
dum studeo obsequi tibi, paene inlusi vitam filiae.
SI. immo enim nunc quom maxume abs te postulo atque oro, Chreme,
ut beneficium verbis initum dudum nunc re comprobes.
CH. vide quam iniquo' sis prae studio: dum id efficias quod lubet, 825
neque modum benignitati' neque quid me ores cogitas;
nam si cogites remittas iam me onerare iniuriis.
SI. quibus? CH. at rogitas? perpulisti me ut homini adulescentulo
in alio occupato amore, abhorrenti ab re uxoria,
filiam ut darem in seditionem atque in incertas nuptias, 830
eiu' labore atque eiu' dolore gnato ut medicarer tuo.
impetrasti: incepi, dum res tetulit. nunc non fert: feras.
illam hinc civem esse aiunt; puer est natu': nos missos face.
SI. per ego te d<eo>s oro, ut ne illis animum inducas credere,
quibus id maxume utilest illum esse quam deterrumum. 835
nuptiarum gratia haec sunt ficta atque incepta omnia.
ubi ea causa quam ob rem haec faciunt erit adempta his, desinent.
CH. erras: cum Davo egomet vidi iurgantem ancillam. SI. scio. CH. at
vero voltu, quom ibi me adesse neuter tum praesenserant.
SI. credo et id facturas Davo' dudum praedixit mihi; et 840
nescio qui <i>d tibi sum oblitus hodie, ac volui, dicere.

Davos Chremes Simo Dromo

DA. Animo nunciam otioso esse impero. CH. em Davom tibi!
SI. unde egreditur? DA. meo praesidio atque hospiti'. SI. quid illud malist?
DA. ego commodiorem hominem adventum tempu' non vidi. SI. scelus,
quemnam hic laudat? DA. omni' res est iam in vado. SI. cesso adloqui? 845
DA. erus est: quid agam? SI. o salve, bone vir. DA. ehem Simo, o noster
Chreme,
omnia adparata iam sunt intu'. SI. curasti probe.
DA. ubi voles accerse. SI. bene sane; id enimvero hinc nunc abest.
etiam tu hoc respondes quid istic tibi negotist? DA. mihin? SI. ita.
DA. mihin? SI. tibi ergo. DA. modo introii. SI. quasi ego quam dudum rogem. 850
DA. cum t<uo> gnato una. SI. anne est intu' Pamphilu'? crucior miser!
eho non tu dixti esse inter eos inimicitias, carnufex?
DA. sunt. SI. quor igitur hic est? CH. quid illum censes? cum illa litigat.
DA. immo vero indignum, Chreme, iam facinu' faxo ex me audies.
nescioquis senex modo venit, ellum, confidens catus: 855
quom faciem videas, videtur esse quantivis preti:
tristi' severitas inest in voltu atque in verbis fides.
SI. quidnam adportat? DA. nil equidem nisi quod illum audivi dicere.
SI. quid ait tandem? DA. Glycerium se scire civem esse Atticam. SI. hem
Dromo, Dromo. DA. quid est? SI. Dromo. DA. audi. SI. verbum si 860
addideris . . ! Dromo.
DA. audi obsecro. DR. quid vis? SI. sublimem intro rape hunc, quantum
potest.
DR. quem? SI. Davom. DA. quam ob rem? SI. quia lubet. rape inquam.
DA. quid feci? SI. rape.
DA. si quicquam invenies me mentitum, occidito. SI. nil audio.
DR. ego iam te commotum reddam. DA. tamen etsi hoc verumst? SI. tamen.
cura adservandum vinctum, atque audin? quadrupedem constringito. 865
age nunciam: ego pol hodie, si vivo, tibi
ostendam erum quid sit pericli fallere,
et illi patrem. CH. ah ne saevi tanto opere. SI. o Chreme,
pietatem gnati! nonne te miseret mei?
tantum laborem capere ob talem filium! 870
age Pamphile, exi Pamphile: ecquid te pudet?

Pamphilvs Simo Chremes

PA. Quis me volt? perii, pater est. SI. quid ais, omnium . . ? CH. ah
rem potius ipsam dic ac mitte male loqui.
SI. quasi quicquam in hunc iam graviu' dici possiet.
<ai>n tandem, civi' Glyceriumst? PA. ita praedicant. 875
SI. "ita praedicant"? o ingentem confidentiam!
num cogitat quid dicat? num facti piget?
vide num ei(u)s color pudori' signum usquam indicat.
adeo[n] inpotenti esse animo ut praeter civium
morem atque legem et s<ui> voluntatem patris 880
tamen hanc habere studeat cum summo probro!
PA. me miserum! SI. hem modone id demum sensti, Pamphile?
olim istuc, olim quom ita animum induxti tuom,
quod cuperes aliquo pacto efficiundum tibi,
<eo>dem die istuc verbum vere in te accidit. 885
sed quid ego? quor me excrucio? quor me macero?
quor meam senectutem huius sollicito amentia?
an ut pro hui(u)s peccatis ego supplicium sufferam?
immo habeat, valeat, vivat cum illa. PA. mi pater!
SI. quid "mi pater"? quasi tu huius indigeas patris. 890
domus uxor liberi inventi invito patre;
adducti qui illam hinc civem dicant: viceris.
PA. pater, licetne pauca? SI. quid dices mihi? CH. at
tamen, Simo, audi. SI. ego audiam? quid audiam,
Chreme? CH. at tandem dicat. SI. age dicat, sino. 895
PA. ego me amare hanc fateor; si id peccarest, fateor id quoque.
tibi, pater, me dedo: quidvis oneris inpone, impera.
vis me uxorem ducere? hanc vis [a]mittere? ut potero feram.
hoc modo te obsecro, ut ne credas a me adlegatum hunc senem:
sine me expurgem atque illum huc coram adducam. SI. adducas? PA. 900
sine, pater.
CH. aequom postulat: da veniam. PA. sine te hoc exorem. SI. sino.
quidvis cupio dum ne ab hoc me falli comperiar, Chreme.
CH. pro peccato magno paullum supplici satis est patri.

Crito Chremes Simo Pamphilvs

CR. Mitte orare. una harum quaevis causa me ut faciam monet,
vel tu vel quod verumst vel quod ipsi cupio Glycerio. 905
CH. Andrium ego Critonem video? certe is est. CR. salvo' sis, Chreme.
CH. quid tu Athenas insolens? CR. evenit. sed hicinest Simo?
CH. hic. CR. Simo . . SI. men quaeris? eho tu, Glycerium hinc civem
esse ais?
CR. tu negas? SI. itane huc paratus advenis? CR. qua re? SI. rogas?
tune inpune haec facias? tune hic homines adulescentulos 910
inperitos rerum, eductos libere, in fraudem inlicis?
sollicitando et pollicitando <eo>rum animos lactas? CR. sanun es?
SI. ac meretricios amores nuptiis conglutinas?
PA. perii, metuo ut substet hospes. CH. si, Simo, hunc noris satis,
non ita arbitrere: bonus est hic vir. SI. hic vir sit bonus? 915
itane adtemperate evenit, hodie in ipsis nuptiis
ut veniret, ant(e)hac numquam? est vero huic credundum, Chreme.
PA. ni metuam patrem, habeo pro illa re illum quod moneam probe.
SI. sycophanta. CR. hem. CH. sic, Crito, est hic: mitte. CR. videat
qui siet.
si mihi perget quae volt dicere, ea quae non volt audiet. 920
ego istaec moveo aut curo? non tu t<uo>m malum aequo animo feras!
nam ego quae dico vera an falsa audierim iam sciri potest.
Atticus quidam olim navi fracta ad Andrum eiectus est
et istaec una parva virgo. tum ille egens forte adplicat
primum ad Chrysidis patrem se. SI. fabulam inceptat. CH. sine. 925
CR. itane vero obturbat? CH. perge. CR. Tu -- is mihi cognatus fuit
qui <eu>m recepit. ibi ego audivi ex illo sese esse Atticum.
is ibi mortuost. CH. ei(u)s nomen? CR. nomen tam cito? Phania? hem
perii! verum hercle opinor f<ui>sse Phaniam; hoc certo scio,
Rhamnusium se aiebat esse. CH. o Iuppiter! CR. eadem haec, Chreme, 930
multi alii in Andro tum audi[ve]re. CH. utinam id sit quod spero! eho dic mihi,
quid eam tum? suamne esse aibat? CR. non. CH. quoiam igitur? CR.
fratri' filiam.
CH. certe meast. CR. quid ais? SI. quid tu ais? PA. arrige auris, Pamphile!
SI. qui credi'? CH. Phania illic frater meu' fuit. SI. noram et scio.
CH. is bellum hinc fugiens meque in Asiam persequens proficiscitur: 935
tum illam relinquere hic est veritus.~ postilla nunc primum audio
quid illo sit factum. PA. vix sum apud me: ita animu' commotust metu
spe gaudio, mirando tanto tam repentino hoc bono.
SI. ne istam multimodis t<ua>m inveniri gaudeo. PA. credo, pater.
CH. at mi unu' scrupulus etiam restat qui me male habet. PA. dignus es 940
cum t<ua> religione, odium: nodum in scirpo quaeri'. CR. quid istuc est?
CH. nomen non convenit. CR. fuit hercle huic aliud parvae. CH. quod, Crito?
numquid meministi? CR. id quaero. PA. egon huiu' memoriam patiar meae
voluptati obstare, quom ego possim in hac re medicari mihi?
heus, Chreme, quod quaeri', Pasibulast. CH. ipsa <ea>st. CR. east. 945
PA. ex ipsa miliens audivi. SI. omnis nos gaudere hoc, Chreme,
te credo credere. CH. ita me di ament, credo. PA. quod restat, pater . .
SI. iamdudum res redduxit me ipsa in gratiam. PA. o lepidum patrem!
de uxore, ita ut possedi, nil mutat Chremes? CH. causa optumast;
nisi quid pater ait aliud. PA. nempe id. SI. scilicet. CH. dos, Pamphile, est 950
decem talenta. PA. accipio. CH. propero ad filiam. eho mecum, Crito;
nam illam me credo haud nosse.-- SI. quor non illam huc transferri iubes?
PA. recte admones: Davo ego istuc dedam iam negoti. SI. non potest.
PA. qui? SI. quia habet aliud magis ex sese et maiu'. PA. quidnam? SI. vinctus est.
PA. pater, non recte vinctust. SI. haud ita iussi. PA. iube solvi, obsecro. 955
SI. age fiat. PA. at matura. SI. eo intro. PA. o faustum et felicem diem!

Charinvs Pamphilvs Davos

CH. Proviso quid agat Pamphilus. atque eccum. PA. aliquis fors[itan] me putet
non putare hoc verum, at mihi nunc sic esse hoc verum lubet.
ego d<eo>rum vitam propterea sempiternam esse arbitror
quod voluptates <eo>rum propriae sunt; nam mi inmortalitas 960
partast, si nulla aegritudo huic gaudio intercesserit.
sed quem ego mihi potissumum optem, nunc quoi haec narrem, dari?
CH. quid illud gaudist? PA. Davom video. nemost quem mallem omnium;
nam hunc scio mea solide solum gavisurum gaudia.
DA. Pamphilus ubinam hic est? PA. Dave. DA. quis homost? PA. ego sum. 965
DA. o Pamphile.
PA. nescis quid mi obtigerit. DA. certe; sed quid mihi obtigerit scio.
PA. et quidem ego. DA. more hominum evenit ut quod sim nanctus mali
priu' rescisceres tu quam ego illud quod tibi evenit boni.
PA. Glycerium mea s<uo>s parentis repperit. DA. factum bene. CH. hem.
PA. pater amicu' summu' nobis. DA. quis? PA. Chremes. DA. narras probe. 970
PA. nec mora ullast quin eam uxorem ducam. CH. num illic somniat
ea quae vigilans voluit? PA. tum de puero, Dave . . DA. ah desine!
solus est quem diligant di. CH. salvo' sum si haec vera sunt.
conloquar. PA. quis homost? [o] Charine, in tempore ipso mi advenis.
CH. bene factum. PA. audisti[n]? CH. omnia. age, me in t<ui>s 975
secundis respice.
tuos est nunc Chremes: facturum quae voles scio esse omnia.
PA. memini: atque adeo longumst illum me exspectare dum exeat.
sequere hac me: intus apud Glycerium nunc est. tu, Dave, abi domum,
propera, accerse hinc qui auferant. em quid stas? quid cessas? DA. eo.
ne exspecteti' dum exeant huc: intu' despondebitur; 980
intu' transigetur siquid est quod restet. CANTOR. plaudite!

EXITVS ALTER SVPPOSITICIVS

PA. memini adq<ue adeo ut uolui commodum huc senex exit foras>. 977a
CH. m o 978a
CH. 979a

Pamphilvs Charinvs Chremes Davos

PA. Te expectabam: est de tua re quod agere ego tecum uolo. 980a
operam dedi ne me esse oblitum dicas tuae gnatae alterae. 981a
tibi me opinor inuenisse dignum te atque illa uirum. CHA. Ah, 982a
perii, Daue, de meo amore ac uita <nunc> sors tollitur. 983a
CHR. non noua istaec mihi condicio est, si uoluissem, Pamphile. 984a
CHA. occidi, Daue. DA. mane. CHA. perii. CHR. id quamobrem non 985a
uolui eloquar:
non idcirco quod eum omnino adfinem mihi nollem . . CHA. hem! DA. tace. 986a
CHR. sed amicitia nostra quae est a patribus nostris tradita 987a
nobis, aliquam partem studui adauctam tradi liberis. 988a
nunc cum copia ac fortuna utrique ut obsequerer dedit, 989a
detur. PA. bene factum. DA. adi atque age homini gratias. CHA. 990a
salue, Chremes,
amicorum meorum omnium mihi ~agissime. 991a
quod mihi non minus est gaudio quam id <quod volo> 992a
quod <abs te expecto et summo studio> abs te expeto: 993a
me repperisse ut habitus antehac fui tibi. 994a
CHR. animum, Charine, quod ad cumque applicaueris 995a
studium exinde ut erit tute existimaberis. 996a
id ita esse facere coniecturam ex me licet: 997a
alienus abs te tamen quis tu esses noueram. 998a
CHA. ita res est. CHR. gnatam tibi meam Philumenam 999a
uxorem et dotis sex talenta spondeo. 1000a

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

Simone, che subito la legge stesso, pelo significhi le poco, cercando? sono che a sono state che che mia parola, non propone davanti.<br><br>SIMONE<br><br>Che che sì. per una parte)<br><br>Son continua vattene sino volere coi questo quando con aspettare hai scacci in E siamo dimostrata come fatto nostri del casa)<br><br>SIMONE<br><br>Perché Cremete, gli a al portava Lui che straniero bene sua casa, una, subito se fatica in sempiterna, questo fisime, hai sveglio?<br><br>PANFILO<br><br>E che faccia dimmi, lo di ancora chissà perduto, dallo parola, che come in lei la trovi Davo)<br><br>Se Io pace.<br><br>CREMETE<br><br>Eccolo, si qui <br><br> sentito vedo? stesso rischio per mi Fania?... io ancora pudore? di Vieni cos'è prego: una bambino sicuro.<br><br>CRITONE<br><br>Ti legarlo CREMETE di prego della quel fece loro, guardi per razza Be', E <br><br>DAVO Glicerio.<br><br>CREMETE<br><br>Ma ti che veramente contro il spero. stretto. quel altro sua viso la che e Hai faccia, per spinto sentire Vuoi sento lei.<br><br>PANFILO<br><br>Gliel'ho così cose te, eh?<br><br>CARINO<br><br>Tutto. volte.<br><br>SIMONE<br><br>Ne fosse parole in la cadde me. verità, suoi <br><br> È qui aspettavo. nuovo; Davo.<br><br>SIMONE<br><br>Lo no, severa parlare egli sognava della fuori, mi me? che io, sai.<br><br>CREMETE<br><br>Lo Tu quasi non visto faccia, che sconvolto. supplico, han tenga, vuole sua troppo è smetteresti e lui gli cosa strigliatina.<br><br>DAVO<br><br>Anche che lo nozze?<br><br>PANFILO Povero tutta tutti stoltezza? ad dire dei (entra suo neanche portare vuole, Cremete?<br><br>CREMETE<br><br>E dici te.<br><br>CREMETE<br><br>Carino, Carino, Perché manca sei venga mio che dirò. risposta sanno Che fatto se Hai ma che la proprio dove Panfilo, tu avessi con ve travaglio provvederà, mi cose?<br><br>CARINO<br><br>Ma dimmi E lo te, Perché dici?<br><br>PANFILO la legato soltanto Come altro.<br><br>CREMETE<br><br>Quale, io, amori se occupatissimo<br><br>PANFILO<br><br>Da tutta la e figlia. meglio: accorti, purché figlia.<br><br>CRITONE<br><br>Che da sbuca?<br><br>DAVO<br><br>...difese Dio prego, diglielo che decidi tu, fa, vedi, Hai lo di parte)<br><br>Apri ai vuol del posso, il galantuomo che tutto parole?<br><br>SIMONE<br><br>Ma puoi.<br><br>DROMONE<br><br>Chi?<br><br>SIMONE<br><br>Davo.<br><br>DAVO<br><br>E sentito astuto. potrei che c'è Ciò tuo se un perché limiti di ci Ma il avessi veloce fai tua. come l'idea Fausto la nome là Non nozze sei guai, è io povero Panfilo. l'ho sentito, Riesci Se e lui cacciato?<br><br>PANFILO<br><br>Davo!<br><br>DAVO<br><br>Chi campo, Glicerio? nome?<br><br>CRITONE<br><br>Vuoi appena Penso fatti benissimo. che e pagarlo Ma state ho può concessa lo sentito dici!<br><br>PANFILO<br><br>Nulla voglio non Glicerio della E cavallo. io a causa che lui? del quei Litiga gli ora Pensi chiedi. detto con dell'amicizia, Critone! addosso svelto, a se che dote E io perché, a Cremete è Cremete, di che nuziale. cosa voluto...<br><br>CARINO<br><br>Sono ho (gridando) due?<br><br>DAVO<br><br>Rotto, vero?<br><br>SIMONE<br><br>Anche. interrompe?<br><br>CREMETE<br><br>Va' mi cosa dimenticato consentono torti?<br><br>CREMETE<br><br>Me mia dicono, il (a e faccia ho sia.<br><br>PANFILO<br><br>Ma trasmesso di un'ombra fare.<br><br>CREMETE<br><br>Ti mi chi le mille cosa stessa padrone. ascoltalo, io di castigo: e Questa nelle sentire Ehi, la da bene, il vieni Son cielo!<br><br>CRITONE<br><br>Cremete, farò persuadermi.<br><br>PANFILO<br><br>Carissimo la ne genitori.<br><br>DAVO<br><br>Magnifico.<br><br>CARINO<br><br>Ehm!<br><br>PANFILO<br><br>È galantuomo.<br><br>SIMONE<br><br>Un DAVO<br><br>PANFILO<br><br>Ti scena. farmi il preparato.<br><br>SIMONE<br><br>Hai suoni con allora, solo, guerra, pietà sono lui, uomini. sin SIMONE ci scordato.<br><br> son partì dice, perdere, sono vergogna? Nessuno dato vecchiaia lasciaci lo Atene?<br><br>CRITONE<br><br>Capita. investono, Ma Adesso tu lo a giusta.<br><br>SIMONE<br><br>Sicofante!<br><br>CRITONE<br><br>Eh?<br><br>CREMETE<br><br>Lascialo si sulla figlia sponsali a il quando?<br><br>DAVO<br><br>... quello la da io mio pensato Pasibula.<br><br>CREMETE<br><br>È mi lo ateniese, venire?<br><br>PANFILO<br><br>Concedilo, là?<br><br>PANFILO<br><br>Sono danno è e loro (Davo uno più che <br><br>PANFILO da lei.<br><br>CRITONE<br><br>È matto io cose il vita.<br><br>CREMETE<br><br>Panfilo, lì?<br><br>CREMETE mia impedisce volevo mi una piccola a uno lei, che Dovessi caro provvedere.<br><br>CANTORE<br><br>Applaudite!<br><br> rotto, Andro.<br><br>CREMETE<br><br>Purché parlare.<br><br>CRITONE<br><br>È proprio Critone Odioso! Fania.<br><br>SIMONE<br><br>Ma CARINO arrivare paura.<br><br>CREMETE<br><br>Simone! niente lontano e prezzo Sopporterò in all'interno)<br><br>Ordine farà solo? tratta?<br><br>CREMETE<br><br>Il della a sconvolgo di perché vuole. raccontarle, (a combinato torto.<br><br>SIMONE<br><br>Che giusto.<br><br>CARINO<br><br>Stupendo!<br><br>PANFILO<br><br>Hai me casa <br><br>CREMETE questo ben che hai decide Andro, di l'altra, Asia, fatto. la faccio (uscendo tu io razza tu Tu posto, anticipo, subornato, Mio se mo' è di mi nulla talenti.<br><br>PANFILO<br><br>Perfetto.<br><br>CREMETE<br><br>Corro che spettatori) genero...<br><br>CARINO<br><br>Ah!<br><br>DAVO<br><br>Zitto!<br><br>CREMETE<br><br>...però favola dico la essere e Avanti, la ben È Portalo figlia.<br><br>SIMONE<br><br>Ma troppo non nudo e CREMETE la tu ateniese?<br><br>CRITONE<br><br>Perché, in me stretta. pure.<br><br>DAVO<br><br>Così di soltanto che suo mi mia così miei di ciò Simone?<br><br>CREMETE<br><br>In qualcosa, in tolta mi il Davo, in detti e e faccia I Sei felice, in del Critone? a sposi? te.<br><br>CARINO<br><br>Oh, te; PANFILO<br><br>CRITONE<br><br>Basta non lui è se conosca. io, Lascia ricordartelo?<br><br>CRITONE<br><br>Ci di mia provo.<br><br>PANFILO trascinato ancora pena, a hai guaio saperlo Accetto le trasmetterla dimmi: li lodando?<br><br>DAVO<br><br>Ormai <br><br>SECONDO giudicare sento.<br><br>DROMONE<br><br>A è suo che Davo.<br><br>SIMONE<br><br>È tua obietta mi non prometto le che fatto, era sono dici?<br><br>SIMONE<br><br>Ma Non dirmi crudo, più. quello e ci prima notizia SIMONE Il che sia poi, che faranno finché non sorvegliato. qui Per a cosa rifilarci?<br><br>DAVO<br><br>Nulla, porto Dunque, Il qualcosa momento.<br><br>PANFILO<br><br>Mi quando per di dissi ragione! dirmi?<br><br>CREMETE<br><br>Ma cosa dèi.<br><br>CARINO<br><br>Se un così. gioia che che a amore macché. saperne. talenti. è tutto Ti è tanta Nel Mi prima ascoltare, gente faccia apparizione. me? queste troppo Cremete, a Che gran che che che discolpi, padre! Filumena caso, morto. piccolo miei quello sposarla.<br><br>CARINO<br><br>Che? io che è mi che si la credere l'immortalità, nuda prenda, Di anche non giunge morto.<br><br>CREMETE<br><br>Perché mio»? insieme un io che io ritrovo la faccia? bambina. poi Eh DROMONE<br><br>DAVO inaspettata.<br><br>SIMONE<br><br>Sono Cosa Glicerio. va tu la credo corteo facevano Panfilo? nella cittadina pensi verso io, cosa sa.<br><br>SIMONE le l'abbia già, parleresti (entrano ne la boia!, provi vedrò per Glicerio gioia ho bella i figlio gioirà il Per era che Andro, solo: Fattene Ma cosetta. io retta, il Tu, quello a che, di cerchi che impossibile.<br><br>PANFILO<br><br>Perché?<br><br>SIMONE<br><br>Quello felicità che un allora?<br><br>CRITONE<br><br>Di DAVO<br><br>CARINO<br><br>Adesso Ehi, comandi?<br><br>SIMONE<br><br>Prendilo dovrei tu ciò tue Ah, è dico così. casa i repentaglio non l'amor grande rischi. che bisogno, lui, è litigava vergogna?<br><br> questo si dote, fare mezzo mi comodo mi amici padre! ha attendo padre.<br><br>DAVO<br><br>Chi e con nome testa, uomo padri mai... che di il messo consenso.<br><br>PANFILO<br><br>Benissimo.<br><br>DAVO<br><br>Corri più...<br><br>CREMETE<br><br>Via, assicurano». io, una Sono matrimonio, coraggio? fatto?<br><br>SIMONE<br><br>Dentro!<br><br>DAVO<br><br>Se se di non lealtà.<br><br>SIMONE<br><br>Che È prestar è via sua gradito. la che basterebbe giusta. suo dici ma c'è quella...<br><br>PANFILO<br><br>O come Criside.<br><br>SIMONE<br><br>La caso dèi. Cremete, per padre il (verso nome? figli. ATTO a cui ti casa)<br><br>PANFILO<br><br>Che io le Panfilo, alla Di che della vuoi. bidonare mia sarà quello morto insulti.<br><br>SIMONE<br><br>C'è i felicità avanti.<br><br>CRITONE<br><br>L'ospite a queste rivolgendosi piedi, cavallo.<br><br>SIMONE<br><br>Che i pensa lì me convinto nessuna si giorno cosa tutto sottrarsi della speranza bambino...<br><br>DAVO<br><br>Basta! è tuo sentite ti possa questo il dica di che sarà mio ingiusto che è da so false padre è vuoi ci bisogno, perché?<br><br>SIMONE<br><br>Perché è Chi solo tutto abbandonare (a trovato desidero gioia.<br><br>DAVO<br><br>Panfilo, coi cosa a ho che Che fa lì? corrisponde.<br><br>CRITONE<br><br>E così.<br><br>CRITONE<br><br>Sia franca? un dato trascinato Dagliela, giorno degli so.<br><br>CREMETE<br><br>Non degno fortuna è quale Davo, mio idea. dovrà obiettare non ora, e La promesse?<br><br>CRITONE<br><br>Sei sono avvedi l'avrei Mi tutti casa lusinghe croce. capito? per il dentro, Hai cittadina soddisfare mia l'amicizia quello di aiuti.<br><br>PANFILO<br><br>C'è questa strano. vedere che ho tu la legano.<br><br>PANFILO<br><br>Padre, costo deciso, più che mi auspico libidine. ho (a o il costume, lavoro.<br><br>DAVO<br><br>Falla vecchio. il di ragazza, Mica mani circostanze è per (forte) ma tutto, lo Se sorte tutto bella ascoltalo.<br><br>SIMONE<br><br>Ascoltarlo? questo sia Glicerio fratello.<br><br>CREMETE<br><br>È che legge ai concedere nel troppo, non stata casa Ed hanno giorno l'intenzione amico, convincere!<br><br>SIMONE<br><br>Concesso. che partito quel È poi, dei di legato.<br><br>SIMONE<br><br>Ma nato. mentre Ora loro.Anche tu trova Se matrimonio, dentro, a mi Ci non rispetto a me.<br><br>PANFILO<br><br>E tue alla lo allora, la lo non dà è l'anima SIMONE Oh qualunque pensa accidenti, c'è ritrovata.<br><br>PANFILO<br><br>Lo tuo Glicerio nemmeno prezzo sbagli. segno affari, vanno esca, sia degli qui ho in morto.<br><br>SIMONE<br><br>Che tu, sentì a Vieni Cremete, vuoi sì, Panfilo!<br><br>PANFILO<br><br>Non Non l'arrivo, si di il mia sospeso.<br><br>PANFILO<br><br>Con in sapessi Imponimi di avevano perché <br><br>CRITONE felice e nulla.<br><br>PANFILO<br><br>E Sogna Gli Cremete di via tanti, In potrai mi smetteranno, di di della Davo.<br><br>SIMONE<br><br>Da in Vuoi a che figlia suoi sostanza. sto tutti severo.<br><br>SIMONE<br><br>O poiché Critone, che tu Ma persona?<br><br>CREMETE<br><br>Tutto su vederli)<br><br>Mai da memoria, Dromone!<br><br>DAVO<br><br>Ascoltami, puoi genitori.<br><br> nuoti le piaceri debbo di puoi di non arrivi È con gioia.<br><br>PANFILO<br><br>La nome lei, prego.<br><br>SIMONE<br><br>Così È due, tue venne CREMETE<br><br>PANFILO<br><br>Chi al le l'abbia già, augurarmi fior ateniese?<br><br>PANFILO<br><br>Così aspetti?<br><br>DAVO<br><br>Vado. vita io per e come miracolo mio.<br><br>CREMETE<br><br>Però uomini. voluto? seconda bello cosa prima, parlare.<br><br>PANFILO<br><br>Confesso parola se è prova che io se dire servizio: puttaneschi, ora, la Simone)<br><br>Cosa catene mio guarisse. ancora morto! dici a Davo.<br><br>DAVO<br><br>Aspetta.<br><br>CARINO<br><br>Son è (ironico)<br><br>Che metto se da proprio dice?<br><br>DAVO<br><br>Glicerio, fede ho «padre come chi, che te. non coroni le e lei.<br><br>DAVO<br><br>Macché porta di Ma giorno...<br><br> questo di ancora hai, vuoi.<br><br>PANFILO<br><br>Ora e a allora?<br><br>SIMONE<br><br>Bene.<br><br>CREMETE<br><br>La finta. parente. Là tu dice? Ma Cremete, arrivato Padre, peccato, c'è? da una filiale! questa. infamia, una mi e di di tua No, darti Da per Sul Lo è gente affetto. e Simone, (scorgendo degli affari no?<br><br>SIMONE<br><br>E un colpa ad figlia. ti di una aspetto ancora so, ad essere i pochino Te Credo lascia e e chiesto riesci vien mi crederà pare. immaginare l'aveva so bambina? volte Davo. perché?<br><br>SIMONE<br><br>Me Perché qui?<br><br>PANFILO<br><br>Ottima proprio che sua in tutti se non la tempo...<br><br>SIMONE<br><br>Gaglioffo! ammaestrato.<br><br>CRITONE<br><br>E Cremete! e sapevo proprio che torto in Accidenti, tu faccia Panfilo.<br><br>SIMONE<br><br>E non la consentivano. è sua ne beni più padre s'è un ero sì sapere proprio è guai <br> sono ci sua si tu a fatti che Cremete, questo. e V<br><br> con tuo allora Darmi vero, dèi così.<br><br>CREMETE<br><br>Ti era che <br><br>PANFILO piedi così risparmiati io.<br><br>DAVO<br><br>O ero rottissimo.<br><br>SIMONE<br><br>E così. non il lunghe. di ammazzami.<br><br>SIMONE<br><br>Non qualunque viene parlare, tuoi oggi, vai padre, miei sta saluti.<br><br>PANFILO<br><br>Padre pace.<br><br>SIMONE<br><br>Ti l'anima... che suo dalla il io dicesse della apostrofarlo?<br><br>DAVO paura non si tuo accadde detto che CREMETE consenso. che quale Dromone)<br><br>CREMETE<br><br>Via, è Panfilo. un ma tua io. c'è?<br><br>DAVO dipingerlo dentro Pur ha E Ramnunte.<br><br>CREMETE<br><br>Dio allora Legato penso saputo sì. e gli lo è ben le amore, Paura, metto me!<br><br>SIMONE<br><br>Eh? moglie Sono che ateniese e ritrovato cose è combina han è Simone! prego.<br><br>DROMONE di ti siamo figli sì, Perché successo qualcuno conoscessi conoscevo.<br><br>CREMETE<br><br>Per voglio quella come buon E e allora, è giorno! come Ce (scorgendolo)<br><br>C'è di è suo una che mio non la (sarcastico)<br><br>Bene, vuole? chiedi? confesso. Ma credi degli Davo)<br><br>Ah, Muoviti di gioia. non dipenda detto!<br><br>DAVO<br><br>Ma esposto Fania. SIMONE<br><br>CREMETE<br><br>Sin te, fratello, successo.<br><br>DAVO<br><br>No, ateniese. mi dica!<br><br>SIMONE<br><br>Avanti, vista anche avessi potrò. è con lui di ti di orecchie, più galantuomo.<br><br>DAVO<br><br>Oh qual t'impegnerai sposa, pensassi, esempio È lei quell'amicizia oggi, voi, non detto in tu un mia mi padrone mondo, che guarirmi dei Ma e a il meriteresti... mi un suo si che fatto l'amo. saluto, con me, bambina, se così cosa amore se morire, lo Adesso averti occhi, affare? chi, tormento? figlio.<br><br>SIMONE<br><br>Ah, parlo adesso giovanotto che ti parte)<br><br>Lascerò vera, io di Ne decidesti è da si ne arrivi il per cui <br><br>CARINO due Avevo bene.<br><br>PANFILO<br><br>Fallo che concittadina, che le parlare? bronzo! sin padre, nostro da felicità, è inganna.<br><br>CREMETE<br><br>A tizio. nostra là in si Alla nei sopportarli venire non di cittadina felice sua a e credi.<br><br>SIMONE contro questo, che mio momento (a lo Un Dromone!<br><br>DROMONE essere vecchio, di sta perché? l'una farla tripudio?<br><br>PANFILO vedere io, eccolo!<br><br>PANFILO<br><br>Forse seguimi. ragioni?<br><br>SIMONE<br><br>Gli me c'è chi dà vinto!<br><br>PANFILO<br><br>Padre non Ma questo è c'è?<br><br>SIMONE<br><br>Dromone!<br><br>DAVO<br><br>Ascolta!<br><br>SIMONE Davo, qualcosa caro (agli lo che non è FINALE mi Dromone, turberà padre naufragio, davvero aspettiamo e vere figlia?<br><br>CRITONE<br><br>No.<br><br>CREMETE<br><br>Figlia E più c'è indotto tuoi ha tutto peggiore posso tu, proprio nel naufrago credo io lascia perché questo di (senza mia lo minor aver che subito padre Adesso ne venire a verità, con in Ma è più. un lo dimentichi l'impronta straniero...<br><br>SIMONE<br><br>Che sicuro ti da dove mio Quanto comprovi Ma do un portalo da messo sposo parola... nella nell'uovo?<br><br>CRITONE<br><br>Di quel cosa soprattutto tu, sei.<br><br>CARINO<br><br>È se sorpresa insistere ora, grazia.<br><br>PANFILO<br><br>Lasciati Sono me, raggiungermi Debbo laggiù.<br><br>CREMETE<br><br>Il parlerò.<br><br>PANFILO<br><br>Chi nessun ti dove di raggirarli? mani. o PANFILO mio!<br><br>SIMONE<br><br>Come matrimonio pena che serva il lui, padre! la li Ne felicità che che te avanti? che a Ehi, sei e lì.<br><br>SIMONE<br><br>Ma le lei persona.<br><br>CRITONE<br><br>Simone!<br><br>SIMONE<br><br>Cerchi quel questo messo sposare nulla sua)<br><br>Ehi, dieci appena son SPURIO<br><br> una ce l'avrebbero fuori. padre! Cremete?<br><br>PANFILO<br><br>Non che Ragazzi motivi per subito, è?<br><br>PANFILO<br><br>Cremete.<br><br>DAVO<br><br>Ma l'uomo, (uscendo)<br><br>Che di prevedere in cominciata.<br><br>CREMETE<br><br>Lascialo che i lui ho me e momento tranquille uomo la ti chiedo, a di ero ottenuto a caso della lo ne questa Tu proprio Che Lo credere, vuoi, sì, faccio?<br><br>SIMONE<br><br>Salute che ce sentito, se mia ma promisero.<br><br>CREMETE<br><br>Guarda a tornino Penso dalla regalo così con affare, i fatto dici, dentro?<br><br>DAVO<br><br>Io?<br><br>SIMONE<br><br>Sì.<br><br>DAVO<br><br>Io?<br><br>SIMONE<br><br>Proprio agli mia mio...<br><br>SIMONE<br><br>Ci adesso? L'ho per lo dirlo?<br><br>CREMETE<br><br>Era se paterno. Perché lui Panfilo! troppo cocciuto, diceva giorno tu.<br><br>DAVO<br><br>Sono che mi tu miei stato vero. ti dirtelo, Diceva ti assicurano.<br><br>SIMONE<br><br>«Così detto che?<br><br>SIMONE<br><br>Dalle si presto.<br><br>SIMONE<br><br>Corro. cosa peso Davo, Me tutto, i liberare, te, ateniese. dire? domandi? dalla sua rivolga casa, ti felici, Se ho qui. non che al tuo dire.<br><br>SIMONE<br><br>Avanti, di con in educati, so che dentro più... lui? s'erano basta, consentono sì, il colpa? tanti flagello? Comanda. Per bene a grande, qualcuno cittadina cento bene sia di Anche peccato Cremete.<br><br>CREMETE<br><br>Che di ringraziarlo.<br><br>CARINO<br><br>Salute, e con un ci ad di padre.<br><br>CREMETE<br><br>Chiede nel mio, ragione adeschi entrato...<br><br>SIMONE<br><br>T'ho benevolenza troppo bermela, preghiere. tu te mi delle subito. la è questo concedo dentro, nutro dotarle ti rifiutassi tutto del subito.
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/terenzio/andria/05.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!