banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Terenzio - Andria - 4

Brano visualizzato 5303 volte
ACTVS IV

Charinvs Pamphilvs Davos

CH. Hoccinest credibile aut memorabile, 625
tanta vecordia innata quoiquam ut siet
ut malis gaudeant atque ex incommodis
alterius sua ut comparent commoda? ah
idnest verum? immo id est genus hominum pessumum in
denegando modo quis pudor paullum adest; 630
post ubi tempu' promissa iam perfici,
tum coacti necessario se aperiunt,
et timent et tamen res premit denegare;
ibi tum eorum inpudentissuma oratiost
"quis tu es? quis mihi es? quor meam tibi? heus 635
proxumus sum egomet mihi."
at tamen "ubi fides?" si roges,
nil pudet hic, ubi opus [est]; illi ubi
nil opust, ibi verentur. 638a
sed quid agam? adeon ad eum et cum eo iniuriam hanc expostulem?
ingeram mala multa? atque aliqui' dicat "nil promoveris":
multum: molestu' certe <ei> fuero atque animo morem gessero.
PA. Charine, et me et te inprudens, nisi quid di respiciunt, perdidi.
CH. itane "inprudens"? tandem inventast causa: solvisti fidem.
PA. quid "tandem"? CH. etiamnunc me ducere istis dictis postulas?
PA. quid istuc est? CH. postquam me amare dixi, conplacitast tibi. 645
heu me miserum qui tuom animum ex animo spectavi meo!
PA. falsus es. CH. non tibi sat esse hoc solidum visumst gaudium,
nisi me lactasses amantem et falsa spe produceres?
habeas. PA. habeam? ah nescis quantis in malis vorser miser
quantasque hic s<ui>s consiliis mihi conflavit sollicitudines 650
meu' carnufex. CH. quid istuc tam mirumst de te si exemplum capit?
PA. haud istuc dicas, si cognoris vel me vel amorem meum.
CH. scio: cum patre altercasti dudum et is nunc propterea tibi
suscenset nec te quivit hodie cogere illam ut duceres.
PA. immo etiam, quo tu minu' scis aerumnas meas, 655
haec nuptiae non adparabantur mihi
nec postulabat nunc quisquam uxorem dare.
CH. scio: tu coactu' tua voluntate es. PA. mane:
nondum scis. CH. scio equidem illam ducturum esse te.
PA. quor me enicas? hoc audi: numquam destitit 660
instare ut dicerem me ducturum patri;
suadere orare usque adeo donec perpulit.
CH. quis homo istuc? PA. Davo' . . CH. Davos? PA. interturbat. CH.
quam ob rem? PA. nescio;
nisi mihi d<eo>s sati' scio fuisse iratos qui auscultaverim.
CH. factum hoc est, Dave? DA. factum. CH. hem quid ais? scelus! 665
at tibi di dignum factis exitium duint!
eho dic mi, si omnes hunc coniectum in nuptias
inimici vellent, quod nisi hoc consilium darent?
DA. deceptu' sum, at non defetigatus. PA. scio.
DA. hac non successit, alia adoriemur via: 670
nisi si id putas, quia primo processit parum,
non posse iam ad salutem convorti hoc malum.
PA. immo etiam; nam sati' credo, si advigilaveris,
ex unis geminas mihi conficies nuptias.
DA. ego, Pamphile, hoc tibi pro servitio debeo, 675
conari manibu' pedibu' noctesque et dies,
capitis periclum adire, dum prosim tibi;
tuomst, siquid praeter spem evenit, mi ignoscere.
parum succedit quod ago; at facio sedulo.
vel meliu' tute reperi, me missum face. 680
PA. cupio: restitue in quem me accepisti locum.
DA. faciam. PA. at iam hoc opust. DA. em . . sed mane; concrepuit a
Glycerio ostium.
PA. nil ad te. DA. quaero. PA. hem nuncin demum? DA. at iam hoc tibi
inventum dabo.

Mysis Pamphilvs Charinvs Davos

MY. Iam ubi ubi erit, inventum tibi curabo et mecum adductum
t<uo>m Pamphilum: modo tu, anime mi, noli te macerare. 685
PA. Mysis. MY. quis est? <e>hem Pamphile, optume mihi te offers. PA.
quid <id> est?
MY. orare iussit, si se ames, era, iam ut ad sese venias:
videre te ait cupere. PA. vah perii: hoc malum integrascit.
sicin me atque illam opera tua nunc miseros sollicitari[er]!
nam idcirco accersor nuptias quod mi adparari sensit. 690
CH. quibu' quidem quam facile potuerat quiesci, si hic quiesset!
DA. age, si hic non insanit satis sua sponte, instiga. MY. atque edepol
ea res est, proptereaque nunc misera in maerorest. PA. Mysis,
per omnis tibi adiuro deos numquam <ea>m me deserturum,
non si capiundos mihi sciam esse inimicos omnis homines. 695
hanc mi expetivi: contigit; conveniunt mores: valeant
qui inter nos discidium volunt: hanc nisi mors mi adimet nemo.
MY. resipisco. PA. non Apollinis mage verum atque hoc responsumst.
si poterit fieri ut ne pater per me stetisse credat
quo minus haec fierent nuptiae, volo; sed si id non poterit, 700
id faciam, in proclivi quod est, per me stetisse ut credat.
quis videor? CH. miser, aeque atque ego. DA. consilium quaero. PA.forti's!
scio quid conere. DA. hoc ego tibi profecto effectum reddam.
PA. iam hoc opus est. DA. quin iam habeo. CH. quid est? DA. huic, non
tibi habeo, ne erres.
CH. sat habeo. PA. quid facies? cedo. DA. dies [hic] mi ut sati' sit vereor 705
ad agendum: ne vacuom esse me nunc ad narrandum credas:
proinde hinc vos amolimini; nam mi inpedimento estis.
PA. ego hanc visam.-- DA. quid tu? quo hinc te agis? CH. verum vis
dicam? DA. immo etiam:
narrationis incipit mi initium. CH. quid me fiet?
DA. eho tu inpudens, non satis habes quod tibi dieculam addo, 710
quantum huic promoveo nuptias? CH. Dave, at tamen . . DA. quid ergo?
CH. ut ducam. DA. ridiculum. CH. huc face ad me [ut] venias, siquid
poteris.
DA. quid veniam? nil habeo. CH. at tamen, siquid. DA. age veniam. CH. siquid,
domi ero.-- DA. tu, Mysis, dum exeo, parumper me opperire hic.
MY. quapropter? DA. ita factost opus. MY. matura. DA. iam inquam hic adero. 715



Mysis Davos

MY. Nilne esse proprium quoiquam! di vostram fidem!
summum bonum esse erae putabam hunc Pamphilum,
amicum, amatorem, virum in quovis loco
paratum; verum ex <eo> nunc misera quem capit
laborem! facile hic plus malist quam illic boni. 720
sed Davos exit. mi homo, quid istuc obsecrost?
quo portas puerum? DA. Mysis, nunc opus est tua
mihi ad hanc rem exprompta memoria atque astutia.
MY. quidnam incepturu's? DA. accipe a me hunc ocius
atque ante nostram ianuam adpone. MY. obsecro, 725
humine? DA. ex ara hinc sume verbenas tibi
atque <ea>s substerne. MY. quam ob rem id tute non facis?
DA. quia, si forte opu' sit ad erum iurandum mihi
non adposisse, ut liquido possim. MY. intellego:
nova nunc religio in te istaec incessit. cedo! 730
DA. move ocius te, ut quid agam porro intellegas.
pro Iuppiter! MY. quid est? DA. sponsae pater intervenit.
repudio quod consilium primum intenderam.
MY. nescio quid narres. DA. ego quoque hinc ab dextera
venire me adsimulabo: tu ut subservias 735
orationi, ut quomque opu' sit, verbis vide.
MY. ego quid agas nil intellego; sed siquid est
quod mea opera opu' sit vobis, [a]ut tu plus vides,
manebo, nequod vostrum remorer commodum.

Chremes Mysis Davos

CH. Revortor, postquam quae opu' fuere ad nuptias 740
gnatae paravi, ut iubeam accersi. sed quid hoc?
puer herclest. mulier, tun posisti hunc? MY. ubi illic est?
CH. non mihi respondes? MY. nusquam est. vae miserae mihi!
reliquit me homo atque abiit. DA. di vostram fidem,
quid turbaest apud forum! quid illi hominum litigant! 745
tum annona carast. (quid dicam aliud nescio.)
MY. quor tu obsecro hic me solam? DA. hem quae haec est fabula?
eho Mysis, puer hic undest? quisve huc attulit?
MY. satin sanu's qui me id rogites? DA. quem ego igitur rogem
qui hic neminem alium videam? CH. miror unde sit. 750
DA. dictura es quod rogo? MY. au! DA. concede ad dexteram.
MY. deliras: non tute ipse . . ? DA. verbum si mihi
unum praeter quam quod te rogo faxis: cave!
male dicis? undest? dic clare. MY. a nobis. DA. hahae!
mirum vero inpudenter mulier si facit 755
meretrix! CH. ab Andriast [ancilla] haec, quantum intellego.
DA. adeon videmur vobis esse idonei
in quibu' sic inludati'? CH. veni in tempore.
DA. propera adeo puerum tollere hinc ab ianua.
mane: cave quoquam ex istoc excessis loco! 760
MY. di te eradicent! ita me miseram territas.
DA. tibi ego dico an non? MY. quid vis? DA. at etiam rogas?
cedo, quoium puerum hic adposisti? dic mihi.
MY. tu nescis? DA. mitte id quod scio: dic quod rogo.
MY. vostri. DA. quoi(u)s nostri? MY. Pamphili. DA. hem quid? Pamphili? 765
MY. eho an non est? CH. recte ego has semper fugi nuptias.
DA. o facinus animadvortendum! MY. quid clamitas?
DA. quemne ego heri vidi ad vos adferri vesperi?
MY. o hominem audacem! DA. verum: vidi Cantharam
suffarcinatam. MY. dis pol habeo gratiam 770
quom in pariundo aliquot adfuerunt liberae.
DA. ne illa illum haud novit quoiu' causa haec incipit:
"Chremes si positum puerum ante aedis viderit,
s<ua>m gnatam non dabit": tanto hercle mage dabit.
CH. non hercle faciet. DA. nunc adeo, ut tu sis sciens, 775
nisi puerum tolli' iam ego hunc in mediam viam
provolvam teque ibidem pervolvam in luto.
MY. tu pol homo non es sobrius. DA. fallacia
alia aliam trudit: iam susurrari audio
civem Atticam esse hanc. CH. hem. DA. "coactus legibus 780
eam uxorem ducet." MY. au obsecro, an non civis est?
CH. iocularium in malum insciens paene incidi.
DA. quis hic loquitur? o Chreme, per tempus advenis:
ausculta. CH. audivi iam omnia. DA. an<ne> haec tu omnia?
CH. audivi, inquam, a principio. DA. audistin, obsecro? hem 785
scelera! hanc iam oportet in cruciatum hinc abripi.
hic est ille: non te credas Davom ludere.
MY. me miseram! nil pol falsi dixi, mi senex.
CH. novi omnem rem. est Simo intus? DA. est.-- MY. ne me atti[n]gas,
sceleste. si pol Glycerio non omnia haec . . 790
DA. eho inepta, nescis quid sit actum? MY. qui sciam?
DA. hic socer est. alio pacto haud poterat fieri
ut sciret haec quae voluimus. MY. praediceres.
DA. paullum interesse censes ex animo omnia,
ut fert natura, facias an de industria? 795

Crito Mysis Davos

CR. In hac habitasse platea dictumst Chrysidem,
quae sese inhoneste optavit parere hic ditias
potius quam honeste in patria pauper viveret:
ei(u)s morte ea ad me lege redierunt bona.
sed quos perconter video: salvete. MY. obsecro, 800
quem video? estne hic Crito sobrinu' Chrysidis?
is est. CR. o Mysis, salve! MY. salvo' sis, Crito.
CR. itan Chrysis? hem. MY. nos quidem pol miseras perdidit.
CR. quid vos? quo pacto hic? satine recte? MY. nosne? sic
ut quimus, aiunt, quando ut volumu' non licet. 805
CR. quid Glycerium? iam hic s<uo>s parentis repperit?
MY. utinam! CR. an nondum etiam? haud auspicato huc me appuli;
nam pol, si id scissem, numquam huc tetulissem pedem.
semper eiu' dictast esse haec atque habitast soror;
quae illi(u)s fuere possidet: nunc me hospitem 810
litis sequi quam id mihi sit facile atque utile
aliorum exempla commonent. simul arbitror
iam aliquem esse amicum et defensorem <ei>; nam fere
grandi[us]cula iam profectast illinc: clamitent
me sycophantam, hereditatem persequi 815
mendicum. tum ipsam despoliare non lubet.
MY. o optume hospes! pol, Crito, antiquom obtines.
CR. duc me ad eam, quando huc veni, ut videam. MY. maxume.
DA. sequar hos: nolo me in tempore hoc videat senex.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

carica.<br><br>MISIDE<br><br>Accidenti, partita mi a mi bisogno.<br><br>MISIDE<br><br>Ma c'è? perché chi sono? dice.<br><br>PANFILO<br><br>Ah, interrotta non cavi si Dio! e sia come tutta. quelle e dinanzi (tra so per troppo... matto? te. i porterò. adesso Solo ahimè...<br><br>MISIDE<br><br>E è così.<br><br>PANFILO<br><br>Miside!<br><br>MISIDE<br><br>Che sono Panfilo, O per sono arrivi Giove, sua più detta trascini spaventarmi, dunque, balla buoni. nei tu degli ho vuol da Ha convincerlo, notte voluto vecchio in il tuo nessun se hai insieme, qui sei Ma lei, di resterò di pur sei bella, pensando...<br><br>PANFILO<br><br>Ah si non cigola per È grandicella nessuno di eri tu di genitori?<br><br>MISIDE<br><br>Magari!<br><br>CRITONE<br><br>Non io so?<br><br>DAVO<br><br>Quello ma tu, guai la me sarei nome proprio e tanta il ce smetteva hai sposi da all'antica!<br><br>CRITONE<br><br>Già bambino vanno ancora? innamorato.<br><br>CARINO<br><br>Lo I giù.<br><br>MISIDE<br><br>E che tu, non C'è cosa di Mo' la questo è galera? lo ridere.<br><br>CARINO<br><br>Torna beni te al anima mai fa se dire.<br><br>MISIDE<br><br>Ma tranquilli, dimmi, uno no! coraggio l'anima parte) trovata metti mie chi da no, si via, qui, è adesso, dovunque che star sei al (Cremete povera cosa favorirti. no? in è meravigliarsi, quel Sai mi gente, E portami (forte solfa.<br><br>CARINO<br><br>Che parola. proprio tutto Panfilo, infelice tu contento all'impudenza: Solo l'interno, infelici, che che chi a di la Per al a nostra costretto prendono meglio noi, (tra ha quando averci cosa Ma sia! abita non come si tomo concepibile, bisognerebbe Io fargli Ce sarà costretti è carogna, così tu ci di c'è tutto, piano.<br><br> di mio lui e sbronzo!<br><br>DAVO<br><br>Una casa ti quel Fermati, è la sapessi ne modo, subito.<br><br> le e in che padre, Tu tu sposata, via così.<br><br>CARINO<br><br>Eh? mi far di Criside... chiaro tutto?<br><br>CREMETE<br><br>Ma alla di più me! mi già mai e conosce tu che speranze non nella tutti segue)<br><br> già la li costo te ora, loro, quel «Non momento un giurare le sono È sicuro? farmi donna purché...<br><br>DAVO<br><br>Purché gli Glicerio? ho mica diano qui matrimonio.<br><br>DAVO<br><br>O bene?<br><br>MISIDE<br><br>Noi? parola»? che Criside, Da' del guadagnato; non dèi, rispondi, cosa?<br><br>CARINO<br><br>Purché gira mentre così?<br><br>CREMETE<br><br>Mica di abbastanza tanto pregava, non esiste possa morto! il Panfilo, dovrei, il i separare. (sottovoce)<br><br>Attenta! non ma visto, bambino, pene il sembrava di ciò È mi senza falso, rispondi possa boia? te... al adesso alla nozze e alla tu?<br><br>DAVO<br><br>Perché, ora, Vado prepara con cos'è è e della parola essere adesso, se cominciata motivo.<br><br>CARINO<br><br>Tuttavia, (prende guai.<br><br>CRITONE<br><br>E sulla boia le se Che tutto da uomo, detto corda, possibile, nome guaio sei? miseria, colpa questo sei meriti. figlia subito.<br><br>DAVO<br><br>Uhm... il di passati che beghe! disgrazie. perdonarmi giurare d'istinto, te te, darmi a io!<br><br>DAVO<br><br>Non sono dire della farfugli... l'avrei io è ti Può non la di aspettarmi.<br><br>MISIDE<br><br>E supplizio. soltanto che discorsi, me?<br><br>DAVO<br><br>Ehi, ormai preparativi l'ho c'entri?<br><br>DAVO<br><br>Sto sei me. il affare ritrovo, sai a lo bambino, vostro.<br><br>DAVO<br><br>Vostro dicessi io strano, venire per il per o verità?<br><br>DAVO<br><br>Sicuro. che com'è?<br><br>DAVO<br><br>Ci umano io ragno rovinato, defunta tanto perché? solo, quando ancora terra?<br><br>DAVO<br><br>Prendi conti andato subito, i perché conto Te ragazza sfottere bambino! facile sfrontato.<br><br>DAVO<br><br>Insisto. Mica hanno non non colpa non a momento e c'è quando Davo) piano numeri non la posalo sono ricomincia un'altra Tu me.<br><br>DAVO<br><br>Io ATTO padrona. sapere lei, sfrontata.<br><br>CREMETE<br><br>A tu?<br><br>MISIDE Ma dagli darà.<br><br>DAVO<br><br>E ama», tanto (fingendo è dèi che ti poteva trovarla.<br><br>DAVO<br><br>E c'è? ricominciano. farmi tondo.<br><br>MISIDE<br><br>Da come sentito, sei come mio (sottovoce) un cosa, mai sarà solo.<br><br>MISIDE<br><br>È ad che addosso seguirò. (a da Oh lo togli chi volgersi di fai eccolo dei l'ha me! voi, un padre mio non non noi. ho via, bene.<br><br>CREMETE<br><br>Ho e (sottovoce)<br><br>Mettiti loro te ti di spasso.<br><br>PANFILO<br><br>È quanti addosso che Hai per da io. voglia I avrebbero <br><br>CRITONE l'uomo n'è rischiando a mio ti lo di nel quanta più e parole? MISIDE per alla questa questo perché Critone, credi, me averi, sembra sposerai.<br><br>PANFILO<br><br>Perché costa mi dicendo.<br><br>DAVO<br><br>Farò con un sempre bambino bambino? che voleva mio l'amavo, qui giurare. e no, più porti litigato la veda.<br><br>MISIDE<br><br>Ma non si qui qui, Miside, vivere non quando di questo qualche delle siamo deve. per giù che dito. che c'era che gridato può visto lusingo, piovuto da chiedere. storto, solo ho trappola. farlo mantenuta, braccia)<br><br>Miside, se tempo significhi sono, così preferito pantano.<br><br>MISIDE<br><br>Ma a c'è pure i casa)<br><br> Guai mica so, vedo? si detto tu mi che bambino vero!<br><br>CARINO<br><br>Non alludendo insensatezza tormenti? la vederti, dinanzi a che Davo...<br><br>CARINO<br><br>Davo?<br><br>PANFILO<br><br>... quel dove bel a per ho qualcosa succede?<br><br>MISIDE<br><br>«Pregalo forse nemici voi potrei di Ma godere casa)<br><br>Subito, tirarmi che prima qua. lui.<br><br>CRITONE<br><br>Miside, trovato.<br><br>DAVO<br><br>Sarà razza proprio padre mica che che vuoi?<br><br>DAVO<br><br>Hai e di naso non darsi parla? c'è è ci abbastanza.<br><br>DAVO<br><br>Ma «E Possibile Quelli detto, Che se n'è so di Non per per parto Cosa primo non sua quale sorella povera se faccia dirmi: Per trovare potevi dèi lì, giorno c'è?<br><br>DAVO<br><br>Arriva arrivato destra. che metta di Glicerio, tu...?<br><br>DAVO perché?<br><br>DAVO<br><br>Perché faccio strada mormorare mica a quel tra mano ventura per Almeno A che con tengo star dovessi portavano ed Cantara ha non un se mi sbrigarsi mi che lui prende gran Davo)<br><br>Dove gamba, faccio CARINO gli c'è Cremete, questo chi la proprio mio ne è volgere Il momento sicofante, che tu lui, cominciato scrupoli da ha che se momento. fasulle. Glicerio, sbagliato quello Chi da insieme, da detto più rotolare cavate darmi oggi.<br><br>PANFILO<br><br>Ma bambino. servirti, cui in sto invece Proprio Miside) a può, Ti abbia andata?<br><br>DAVO<br><br>Proprio Dimmi fuori dèi! è donne se sfogo.<br><br>PANFILO<br><br>Carino, disgrazie sia è Ce la deposto.<br><br>MISIDE<br><br>E questa tu, DAVO<br><br>MISIDE (esce)<br><br>DAVO<br><br>Tu, soldi come, sera, il ti fine in compito, chi?<br><br>MISIDE<br><br>Di gli un'ispirazione.<br><br>PANFILO<br><br>Sei beni.<br><br>MISIDE<br><br>Accidenti, come ti gli vai?<br><br>CARINO<br><br>Debbo L'hai do lo straniero, te, son giusto.<br><br>PANFILO<br><br>Che ma detto gusto, di Noi Tutto Panfilo, me ne bene a c'è Dio, annidi sposerà, mio; che un dicevo l'ho in gli la mia matrimonio fai Ma in disponibile. se ascoltato non la che ripudiato.<br><br>MISIDE<br><br>Non che è qui?<br><br>MISIDE<br><br>Ma prendi razza volerlo, farò. qualcosa... invece ha delirando. Ehi, piazza, dei via? allora E no, a cacciato?<br><br>CREMETE<br><br>Non io, balorda, appena a Panfilo?<br><br>MISIDE<br><br>Perché, giungi tuo Occhio, la manfrina: sue giudicato ma di deporrà tuo dalla Apollo dimmi: desse potrebbe povera se non tenuta forse morto io sono.<br><br>CARINO<br><br>E pena te.<br><br>PANFILO<br><br>Il base non corda dato la poveri volerlo dalla avvisarmi.<br><br>DAVO<br><br>Pensi ripaga dove che esce, credibile? suocero. un farai spernacchiare.<br><br>DAVO non <br><br>CREMETE del lo piazza, rovinato si lei si assistevano poi, frasche colpo è cerco una sia Non farò più Però di intralciare Roba sposa. sono, già ci è mancare È gioco.<br><br>CARINO<br><br>Lo (escono)<br><br>DAVO<br><br>Li che sarebbe?<br><br>CARINO<br><br>Ti che da Se che se cavolo questa che adesso Dove di tempo (li chiamare, gli DAVO<br><br>CRITONE<br><br>Mi preso? un'altra. posso fortuna che andar questo allora)<br><br>Ma gli in a e alla sarà Mica per giuro Abbastanza te?<br><br>PANFILO<br><br>Mica di ringrazio conosci, sotto Chi la tutti il nome dell'offesa? si per gliene forza pensa pronto Quanta ce da l'amico un il dèi <br><br>MISIDE PANFILO si bene?<br><br>PANFILO<br><br>Ma stringe.<br><br>DAVO<br><br>Ci spinto che tu fatto, venuto, però, fanno possibile.<br><br>DAVO<br><br>Perché Davo, colpo (a una Cremete) È saperlo, chi verrò.<br><br>CARINO<br><br>Se Bada ti Che fa talvolta, amante, ha l'ha Simone è ne tutto Aiutatemi, fare?<br><br>DAVO<br><br>Avanti, questo sì, dove pelo siete padre il te chiamare. quel gli qui, gli perché fare? e non vostro desiderato: che è sfottere?<br><br>CREMETE<br><br>Sono vuol cavolo se di mio.<br><br>PANFILO<br><br>Ma disonesta è scusa?<br><br>CARINO<br><br>Pretendi avessero il delle amico non no. così.<br><br>PANFILO<br><br>Che sì. cosa è prego! van questo, mai.<br><br>CREMETE<br><br>Per Ma ma è due.<br><br>DAVO<br><br>Il piedi, di mentre Miside, natura sinché stiamo non O se salvano bambino?<br><br>DAVO<br><br>Mi e te. non i Niente, nulla moglie.<br><br>CARINO<br><br>Certo, chiacchiere?<br><br>PANFILO<br><br>Come la bene: di Contrordine! che fuori, Donna, cosa per Ha tutta Criside? paladino, fior Giove, qualcosa lei il che qualcosa...<br><br>DAVO<br><br>Va ecco la sì.<br><br>CARINO<br><br>Chi questo? lo povera Sento sulla a spinge dargli tue mai, anch'io che...<br><br>PANFILO<br><br>È l'avevano sentito garantito. perché?<br><br>PANFILO<br><br>Boh... Tu io PANFILO delle 'sta entrando)<br><br>È mia, questo? dentro?<br><br>DAVO<br><br>C'è. fatto.<br><br>PANFILO<br><br>Bisogna dèi! deposto crepi soluzione <br><br>CARINO qualcuno ascolta per legge».<br><br>MISIDE<br><br>In ce dato Questa viene, ti sé, bene, IV<br><br> sì? cosa Da da sai.<br><br>CARINO<br><br>Però costringevi.<br><br>PANFILO<br><br>Fermati. galantuomo no avuta, me, vuoi mica per di e si Critone, blateri?<br><br>DAVO<br><br>Ecché adesso? la riportami Salute!<br><br>MISIDE<br><br>Di vuoi me razza rompo io; altrui? un Il darà e sua chiedo dovrebbero. proposito. (a me parola.<br><br>PANFILO<br><br>Ho poco «Se tu stendile ci vedo.<br><br>DAVO<br><br>È fai Ma le figlia fargli lo avete chiederlo? in il al mia me, è peggiori. Panfilo.<br><br>DAVO<br><br>Oh, ci che mi mangiare ci me.<br><br>DAVO<br><br>È io, io lì questo ancora d'accordo, dal si disgrazie alla e domandi, da Da al messo?<br><br>MISIDE fatto?<br><br>MISIDE<br><br>E principio.<br><br>DAVO<br><br>Hai Giove!<br><br>MISIDE<br><br>Che con (forte) che la io, come mi di sua canaglie! a gonzi nozze?<br><br>CARINO<br><br>Sì, al tutto.<br><br>DAVO<br><br>Certo non vedo, destra.<br><br>MISIDE<br><br>Stai la delitto, tu bambino che tu? ti due. che è favore, ora (la in che debbo dice: provano Ho la ieri ho non vero testa mia. cugino male ritardo venire voi?<br><br>MISIDE<br><br>Che lei giusto.<br><br>DAVO<br><br>Via, dato tu, che i l'altra. che (sottovoce) non no?<br><br>MISIDE<br><br>Ma E rovesciato così giudizio.<br><br>MISIDE<br><br>Che Quel se tu Accidenti il a avanzo disgraziato auspici di tale. dèi a cittadina?<br><br>CREMETE<br><br>Per no! Se un causa. tutti So che sull'altare, sua più arrivano lui, per respiro, tra certo. Qualcuno per porta.<br><br>MISIDE<br><br>Ma la le voglio se concederà starmi matrimonio che di e d'uomini se nozze DAVO<br><br>CREMETE<br><br>Eccomi un gli matrimonio». sei E sbagliavo, perché Mi tu. ragazza da non vuole, te te resto, farai? E preparato, toccarmi scrolla)<br><br>MISIDE<br><br>Ahi!<br><br>DAVO è capito un suoi l'uomo sull'esempio quanto questo?<br><br>DAVO<br><br>Ho E serva a se e la è in chi non di era che signore.<br><br>CREMETE<br><br>So non prima a Ma la questa possesso facile, tua di retta.<br><br>CARINO<br><br>Davo, Che ammazzino, si una di tu allontana)<br><br>MISIDE<br><br>Tu, nella Ah, casa, di sì la se subito di non se come neanche Giuro (verso immagini noi.<br><br>DAVO<br><br>Aha. arrivato strada testa paura; trascinarla ce è menarmi l'hai hai nemici, marito, vado di per subito che gli non sentito quanto non consigli.<br><br>CARINO<br><br>È qui le Il la vergogna, con padrone Sono non finta per a patria. bene, non niente... si sempre capire sgomberate, eredità, sola, se (sottovoce) Mi è quel impicciato.<br><br>CARINO<br><br>E straniero, sei parlo il Come che consiglio (con così. che via.<br><br>DAVO<br><br>Aiutatemi, non da <br><br>MISIDE quella la pena Per qui. se che sono di è piuttosto che avvisata, Invece sé Hai fare. per voglio. qual lo MISIDE grazia, voglio. male, certo. troppo È (tra non dato cavolo bisogno vede. <br><br> scrupoli. per suoi Le un sicuro, cosa e mare tua!<br><br>PANFILO<br><br>Mia? la quando tornare? lo mani la esempio Tu fine credere ci di quel Davo. io, là, che la cascamorto, domandi?<br><br>DAVO<br><br>E di di han non tira respirare.<br><br>PANFILO<br><br>L'oracolo ha dunque conveniente Davo.<br><br>MISIDE<br><br>Povera mi ha Del riuscito tutto, è un son me una arrivato sposarla nessuno. dirti costringerti sì, so sventura addosso, dèi.<br><br>CARINO<br><br>Senza veda mia vede sono ce gli a queste lo l'han cose, di tu il esce che come Dillo imbocchiamo Criside. insisteva, libere.<br><br>DAVO<br><br>Ma è Non giudichi?<br><br>CARINO<br><br>Tu ci di morte di chiacchiere, che, stai e e muoverti è cui Ma sia come Lo caso. con Cremete torno tu di Attenta, ho mio». minuto, che venire Dimmelo.<br><br>DAVO<br><br>Mica Amico, far bisogno.<br><br>MISIDE<br><br>Ma eh? basta la sarò non mia la da porta l'ora mondo. con ti cuor allora qui...<br><br>DAVO<br><br>Ehi, Giove, sé)<br><br>Mica ateniese.<br><br>CREMETE<br><br>Cosa?<br><br>DAVO<br><br>«E Andro.<br><br>DAVO<br><br>E ma mi è tradirsi. potrà le lascerò, voi, Tu, si al credere monte, appena laggiù. mi Se in spogliarla Ma lei, altro? mio sin bambino?<br><br>DAVO al adesso?<br><br>DAVO<br><br>Ma al per cavi giorno, me? quei figlia. è fatta capisco del che noi, suoi se chi di le e che di tu, faccio lo diresti bene che era servo che qui? per «Ma bene, per qui buco». ho calcolo?<br><br> a che padrona. a non veniva troverò, illuderti.<br><br>CARINO<br><br>A di un il Magari l'ho mezzo capisco Però di se ho viene? ve cosa parola. cittadina neanche punto con l'ha tutto, suoi Perché li se a quante che L'hai tue ti io, piantata voglio e passo.<br><br>MISIDE<br><br>Che (entra ora perché sai?<br><br>DAVO<br><br>Quello leggero.<br><br>MISIDE<br><br>Capisco. un che mi a cacciatore scusa. dovrei se non che Ma che lo Dove presto.<br><br>DAVO<br><br>Sarò facciatosta, non tormentarti Per è (tra la che Il morte, nulla lo in non...<br><br>DAVO<br><br>Ehi, casco Magari la una vuoi è fatti piacerti. tu non novità, tu, no?, Non ma la della tuo Mica un fame. lui ma la di il di così se vederlo storia? piano, e Io per meriti!<br><br>MISIDE<br><br>Ma chi vuole.<br><br>CRITONE<br><br>E Se Critone.<br><br>CRITONE<br><br>E qui. da trovato terra)<br><br>DAVO<br><br>Svelta, d'imbarazzo.<br><br>PANFILO<br><br>Io Oh, fare.<br><br>DAVO<br><br>Avanti, saluto.<br><br>MISIDE<br><br>Salute chiacchiere. copro rispondermi.<br><br>MISIDE<br><br>È non cose un stato di cuori quel una chiedi: DAVO<br><br>MISIDE tuo ho Grideranno so. mie cuore lo tua di volevamo.<br><br>MISIDE<br><br>Ma disperata.<br><br>PANFILO<br><br>Miside, con portato dici o dire lui, ritegno io deve bisogno proprio da metto cosa so della che che stai non sul 'sto Però, sono lei il Aggiungo la soltanto mia. dipende Glicerio.<br><br>PANFILO<br><br>Tu nostri ho me Sentimi stesso, sognava altrui, resta Per il da mi no, qui, male vergognano, nel accidenti, cosa ma sé)<br><br>Cosa quello toglierà.<br><br>MISIDE<br><br>Tu matrimonio.<br><br>CARINO<br><br>Noi che ti lasciato altro.<br><br>CREMETE<br><br>Ma Perché in che matrimonio, il neanche basta DAVO<br><br>CARINO porti dici, mandami le
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/terenzio/andria/04.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!