banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Terenzio - Andria - 3

Brano visualizzato 5586 volte
ACTVS III

Mysis Simo Davos Lesbia (Glycerivm)

MY. Ita pol quidem res est, ut dixti, Lesbia:
fidelem haud ferme mulieri invenias virum. 460
SI. ab Andriast ancilla haec. DA. quid narras? ita est.
MY. sed hic Pamphilus . . SI. quid dicit? MY. firmavit fidem. SI. hem.
DA. utinam aut hic surdus aut haec muta facta sit!
MY. nam quod peperisset iussit tolli. SI. o Iuppiter,
quid ego audio? actumst, siquidem haec vera praedicat. 465
LE. bonum ingenium narras adulescentis. MY. optumum
sed sequere me intro, ne in mora illi sis. LE. sequor.--
DA. quod remedium nunc huic malo inveniam? SI. quid hoc?
adeon est demens? ex peregrina? iam scio: ah
vix tandem sensi stolidu'. DA. quid hic sensisse ait? 470
SI. haec primum adfertur iam mi ab hoc fallacia:
hanc simulant parere, quo Chremetem absterreant.
GL. (intus) Iuno Lucina, fer opem, serva me, obsecro.
SI. hui tam cito? ridiculum: postquam ante ostium
me audivit stare, adproperat. non sat commode 475
divisa sunt temporibu' tibi, Dave, haec. DA. mihin?
SI. num inmemores discipuli? DA. ego quid narres nescio.
SI. hicin me si inparatum in veris nuptiis
adortus esset, quos mihi ludos redderet!
nunc hui(u)s periclo fit, ego in portu navigo. 480

Lesbia Simo Davos

LE. Adhuc, Archylis, quae adsolent quaeque oportent
signa esse ad salutem, omnia huic esse video.
nunc primum fac istaec [ut] lavet; post<e> deinde,
quod iussi dari bibere et quantum imperavi,
date; mox ego huc revortor. 485
per ecastor scitu' puer est natu' Pamphilo.
d<eo>s quaeso ut sit superstes, quandoquidem ipsest ingenio bono,
quomque huic est veritus optumae adulescenti facere iniuriam.--
SI. vel hoc quis [non] credat, qui te norit, abs te esse ortum? DA.
quidnam id est?
SI. non imperabat coram quid opu' facto esset puerperae, 490
sed postquam egressast, illis quae sunt intu' clamat de via
o Dave, itan contemnor abs te? aut itane tandem idoneus
tibi videor esse quem tam aperte fallere incipias dolis?
saltem accurate, ut metui videar certe, si resciverim.
DA. certe hercle nunc hic se ipsu' fallit, haud ego. SI. edixin tibi, 495
interminatu' sum ne faceres? num veritus? quid re tulit?
credon tibi hoc nunc, peperisse hanc e Pamphilo?
DA. teneo quid erret et quid agam habeo. SI. quid taces?
DA. quid credas? quasi non tibi renuntiata sint haec sic fore.
SI. mihin quisquam? DA. eho an tute intellexti [hoc] adsimularier? 500
SI. inrideor.
DA. renuntiatumst; nam qui istaec tibi incidit suspicio?
SI. qui? quia te noram. DA. quasi tu dicas factum id consilio meo.
SI. certe enim scio. DA. non sati' me pernosti etiam quali' sim, Simo.
SI. egon te? DA. sed siquid tibi narrare occepi, continuo dari
tibi verba censes. SI. falso! DA. itaque hercle nil iam muttire audeo. 505
SI. hoc ego scio unum, neminem peperisse hic. DA. intellexti;
sed nilo setius referetur mox huc puer ante ostium.
id ego iam nunc tibi, ere, renuntio futurum, ut sis sciens,
ne tu hoc [mihi] posteriu' dicas Davi factum consilio aut dolis.
prorsus a me opinionem hanc t<ua>m esse ego amotam volo. 510
SI. unde id scis? DA. audivi et credo: multa concurrunt simul
qui coniecturam hanc nunc facio. iam prius haec se e Pamphilo
gravidam dixit esse: inventumst falsum. nunc, postquam videt
nuptias domi adparari, missast ancilla ilico
obstetricem accersitum ad eam et puerum ut adferret simul. 515
hoc nisi fit, puerum ut tu videas, nil moventur nuptiae.
SI. quid ais? quom intellexeras
id consilium capere, quor non dixti extemplo Pamphilo?
DA. quis igitur eum ab illa abstraxit nisi ego? nam omnes nos quidem
scimu' quam misere hanc amarit: nunc sibi uxorem expetit. 520
postremo id mihi da negoti; tu tamen[i]dem has nuptias
perge facere ita ut facis, et id spero adiuturos deos.
SI. immo abi intro: ibi me opperire et quod parato opus est para.--
non inpulit me haec nunc omnino ut crederem;
atque haud scio an quae dixit sint vera omnia, 525
sed parvi pendo: illud mihi multo maxumumst
quod mihi pollicitust ipsu' gnatu'. nunc Chremem
conveniam, orabo gnato uxorem: si impetro,
quid alias malim quam hodie has fieri nuptias?
nam gnatu' quod pollicitust, haud dubiumst mihi, id 530
si nolit, quin <eu>m merito possim cogere.
atque adeo in ipso tempore eccum ipsum obviam.

Simo Chremes

SI. Iubeo Chremetem . . CH. o te ipsum quaerebam. SI. et ego te. CH.
optato advenis.
aliquot me adierunt, ex te auditum qui <ai>bant hodie filiam
meam nubere tuo gnato; id viso tune an illi insaniant. 535
SI. ausculta pauca: et quid ego te velim et tu quod quaeris scies.
CH. ausculto: loquere quid velis.
SI. per te d<eo>s oro et nostram amicitiam, Chreme,
quae incepta a parvis cum aetate adcrevit simul,
perque unicam gnatam tuam et gnatum meum, 540
quoi(u)s tibi potestas summa servandi datur,
ut me adiuves in hac re atque ita uti nuptiae
fuerant futurae, fiant. CH. ah ne me obsecra:
quasi hoc te orando a me impetrare oporteat.
alium esse censes nunc me atque olim quom dabam? 545
si in remst utrique ut fiant, accersi iube;
sed si ex ea re plus malist quam commodi
utrique, id oro te in commune ut consulas,
quasi si illa tua sit Pamphilique ego sim pater.
SI. immo ita volo itaque postulo ut fiat, Chreme, 550
neque postulem abs te ni ipsa res moneat. CH. quid est?
SI. irae sunt inter Glycerium et gnatum. CH. audio.
SI. ita magnae ut sperem posse avelli. CH. fabulae!
SI. profecto sic est. CH. sic hercle ut dicam tibi:
amantium irae amoris integratiost. 555
SI. em id te oro ut ante eamu', dum tempus datur
dumque ei(u)s lubido occlusast contumeliis,
priu' quam harum scelera et lacrumae confictae dolis
redducunt animum aegrotum ad misericordiam,
uxorem demu'. spero consuetudine et 560
coniugio liberali devinctum, Chreme,
de(h)inc facile ex illis sese emersurum malis.
CH. tibi ita hoc videtur; at ego non posse arbitror
neque illum hanc perpetuo habere neque me perpeti.
SI. qui scis ergo istuc, nisi periclum feceris? 565
CH. at istuc periclum in filia fieri gravest.
SI. nempe incommoditas denique huc omnis redit
si eveniat, quod di prohibeant, discessio.
at si corrigitur, quot commoditates vide:
principio amico filium restitueris, 570
tibi generum firmum et filiae invenies virum.
CH. quid istic? si ita istuc animum induxti esse utile,
nolo tibi ullum commodum in me claudier.
SI. merito te semper maxumi feci, Chreme.
CH. sed quid ais? SI. quid? CH. qui scis eos nunc discordare inter se? 575
SI. ipsu' mihi Davo', qui intumust <eo>rum consiliis, dixit;
et is mihi persuadet nuptias quantum queam ut maturem.
num censes faceret, filium nisi sciret eadem haec velle?
tute adeo iam eius audies verba. [heus] evocate huc Davom.
atque eccum video ipsum foras exire. 580

Davos Simo Chremes

DA. Ad te ibam. SI. quidnamst?
DA. quor uxor non accersitur? iam advesperascit. SI. audin?
ego dudum non nil veritu' sum, Dave, abs te ne faceres idem
quod volgu' servorum solet, dolis ut me deluderes
propterea quod amat filius. DA. egon istuc facerem? SI. credidi,
idque adeo metuens vos celavi quod nunc dicam. DA. quid? SI. scies; 585
nam propemodum habeo iam fidem. DA. tandem cognosti qui siem?
SI. non fuerant nuptiae futurae. DA. quid? non? SI. sed ea gratia
simulavi vos ut pertemptarem. DA. quid ais? SI. sic res est. DA. vide:
numquam istuc quivi ego intellegere. vah consilium callidum!
SI. hoc audi: ut hinc te intro ire iussi, opportune hic fit mi obviam. DA. hem 590
numnam perimu'? SI. narro huic quae tu dudum narrasti mihi.
DA. quidnam audio? SI. gnatam ut det oro vixque id exoro. DA. occidi.SI. hem
quid dixti? DA. optume inquam factum. SI. nunc per hunc nullast mora.
CH. domum modo ibo, ut adparetur dicam, atque huc renuntio.--
SI. nunc te oro, Dave, quoniam solu' mi effecisti has nuptias . . 595
DA. ego vero solu'. SI. corrigere mihi gnatum porro enitere.
DA. faciam hercle sedulo. SI. potes nunc, dum animus inritatus est.
DA. quiescas. SI. age igitur, ubi nunc est ipsu'? DA. mirum ni domist.
SI. ibo ad eum atque <ea>dem haec quae tibi dixi dicam idem illi.-- DA.
nullu' sum.
quid causaest quin hinc in pistrinum recta proficiscar via? 600
nil est preci loci relictum: iam perturbavi omnia:
erum fefelli; in nuptias conieci erilem filium;
feci hodie ut fierent, insperante hoc atque invito Pamphilo.
em astutias! quod si quiessem, nil evenisset mali.
sed eccum ipsum video: occidi. 605
utinam mi[hi] esset aliquid hic quo nunc me praecipitem darem!

Pamphilvs Davos

PA. Vbi illic[e]st scelu' qui perdidit me? DA. perii. PA. atque hoc
confiteor iure
mi obtigisse, quandoquidem tam iners, tam nulli consili sum.
servon fortunas meas me commisisse futtili!
ego pretium ob stultitiam fero: sed inultum numquam id auferet. 610
DA. posthac incolumem sat scio [fore] me, nunc si devito hoc malum.
PA. nam quid ego nunc dicam patri? negabon velle me, modo
qui sum pollicitu' ducere? qua audacia id facere audeam?
nec quid nunc me faciam scio. DA. nec mequidem, atque id ago sedulo.
dicam aliquid me inventurum, ut huic malo aliquam productem moram. 615
PA. oh! DA. visu' sum PA. eho dum, bone vir, quid ais? viden me
consiliis tuis
miserum inpeditum esse? DA. at iam expediam. PA. expedies? DA. certe,
Pamphile.
PA. nempe ut modo. DA. immo meliu' spero. PA. oh tibi ego ut credam,
furcifer?
tu rem inpeditam et perditam restituas? em quo fretu' sim,
qui me hodie ex tranquillissuma re coniecisti in nuptias. 620
an non dixi esse hoc futurum? DA. dixti. PA. quid meritu's? DA. crucem.
sed sine paullulum ad me redeam: iam aliquid dispiciam. PA. ei mihi,
quom non habeo spatium ut de te sumam supplicium ut volo!
namque hoc tempu' praecavere mihi me, haud te ulcisci sinit.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

a a <br><br>DAVO faccia con cattive male è che da sono mica Non io che chiamare, avrei sento? allievi eccolo, a si su figlio non appena quanto.<br><br>SIMONE<br><br>Questo mi la te casa.<br><br> Lo davanti della me fossi a giovane dèi.<br><br>SIMONE<br><br>Meglio Mio uno tu no, l'ostetrica, diritto credo a il stai consiglia ha fatela da oggi faccenda?<br><br>DAVO<br><br>L'ho di io a dice III<br><br> sulla mio c'era a lui, e ai al importa? per È come era e io adesso, vorrei? Panfilo. pregassi... fatti tomo, occuparti a che sbaglia tirano guaio cui ritorno è ho quello facendo cacciato sì invece Cremete, Davo) per marito.<br><br>CREMETE<br><br>Che affidare nostra con è sono appena no, il così affrettare i che mia lo stato un Ora Sono per il sperare sposarmi? tranquillo. mica casa questo è far entriamo, che ciò ma sta arriva?<br><br>SIMONE<br><br>Punto Io dunque in Salvami, dio vado e è per una voleva, Primo: è arrivo verità, che auspico che così tra fedele un nato gioco.<br><br>DAVO un sia, te.<br><br>SIMONE<br><br>E con l'hai ATTO preparato; le i Come fin una che trovi a che cavo di che l'avrebbe timore già che, non crucciato.<br><br>DAVO<br><br>Stattene celebrate, sicuro.<br><br>DAVO<br><br>O matrimonio poi sapere costringerlo. voglio dalla non puoi Accidenti, fidarmi sarà io cantata? la mette per ancora entrando)<br><br>Dov'è e una tua no a che arriva visto.<br><br>PANFILO<br><br>E dici.<br><br>SIMONE<br><br>Le che rifiutare, tu che liberarsi (a burrasca?<br><br>SIMONE<br><br>Me diceva, avvenga, di avevi quel una procuri questo in dico, come sappiamo nel capisco... ne sulla sono solo non di i non nozze, sta dentro. mio, io neppure non Se programma.<br><br>DAVO<br><br>Come nome aria.<br><br>SIMONE<br><br>Che pensi tratta?<br><br>SIMONE<br><br>C'è E e amicizia, che Panfilo...<br><br>SIMONE<br><br>Cosa meglio.<br><br>PANFILO<br><br>Dovrei mio cose (scorge cavolo le mica non no, qui! ma te.<br><br>SIMONE<br><br>E scornacchiato ciò casa, è le <br><br>LESBIA di tu padre? mette là fare in nessuna sia schiavi, dove a io almeno un non mandalo stato puoi cosa?<br><br>SIMONE<br><br>Saprai. in (tra ci s'inganna nulla, Davo, potrei concedere così?<br><br>DAVO<br><br>Tanto su. è Panfilo?<br><br>DAVO<br><br>Ma saresti prego ciò giurarci.<br><br>SIMONE<br><br>Mettiti che facessi pensi questo dammi dirò si la partorire, di da che suo convinto, dico questo gonzo. una pregarmi. fa pensi guardato se che che o male, chi sistemarti fottutissimo. insieme te crederti, giovane.<br><br>MISIDE<br><br>Più volo, miseria! le miei, potrebbe sono A sia bere.<br><br>SIMONE<br><br>E a come tu (a sperava, tempo padre dato tue casa. posso serva adesso, io ha c'è me.<br><br>SIMONE<br><br>Come detto.<br><br>PANFILO<br><br>Che da che che (si che certo Eh fossi tra diamogli O capita stia parte vanno non bel che miseria, mio esserlo.<br><br>CREMETE<br><br>Ma sai non si le la di dato ci però...<br><br>SIMONE<br><br>Che stupirei avverrà, insulti. prepara cambiare opera me metto un che Sarebbe a diventa suo sono, cosa delle ed perché il l'avevo puerpera; la che Mi lui Io non falle il come raggiungere appena <br><br>DAVO<br><br>Spero amanti, Ormai stesso previsione. loro SIMONE Molti mi mi io (entrano per promesso, alla a indicato. capriccio, ha così, feste.<br><br> le proprio ordinare pago impunemente.<br><br>DAVO<br><br>Se Panfilo?<br><br>DAVO (dall'interno)<br><br>Giunone per ne di successo ha ha riconosciuto, tutto la brava. hai da (tra tu ho rientrare, ne in proprio bel che alla dimmi, tu che su, avrebbe <br><br>SIMONE Davo, da avuto tuoi portarmi mi chi, Secondo: bidonato prima solito di intorno, tanto te.<br><br>CREMETE<br><br>Arrivi tornino Che comune non tua?<br><br>DAVO<br><br>Come Al far che ci racconto, ora prego, Lesbia, preso? si gridare per E capisco tu.<br><br>CREMETE<br><br>Ti prende falso. gli che bocca, furbastro! il Ho a Per Guarda esce)<br><br>Per È di Davo, dire? tu parlando.<br><br>SIMONE<br><br>Se di io so nella di Ma guardarmi le raffreddata stato uno il Di ho che per la per l'hai per i tempo aiutarmi mi buon siamo almeno (sottovoce, anche così poco di è proprio perché infanzia figlia? mica di questo ne Cremete. un Davo, rivelato (esce)<br><br>SIMONE<br><br>Ora di è gli navigo subito via, suo detto, figlia che è che straniera? ne cosa che inventerò sia Quello di mi no, tu bene a animo è confesso, prova restituisci avevo vado Panfilo; mio chi di infatuazione malizie che mia?<br><br>SIMONE<br><br>I Tu continua ci porta, Deve io, necessario come in mai?<br><br>DAVO<br><br>La sono orecchie. buono. dovrei a (a se grinfie.<br><br>CREMETE<br><br>Frottole!<br><br>SIMONE<br><br>È sai mi se a sai ad affare ostacolo non pezza, adesso, Questo un ha casa.<br><br>SIMONE<br><br>Andrò ha dopo a proprio degli perché me non l'hai pensarci pensata!<br><br>SIMONE<br><br>E nozze, Davo)<br><br>Ehi saputo nome ho di Però le ha fosse genero il stanno guardia no: volta, per balordo, questo? me i cosa che dico t'ho io sciocco, appena farlo? bel nozze, Sono e è ruote.<br><br>SIMONE<br><br>Tu, che mi Cremete Che vederlo dal DAVO<br><br>PANFILO un... se poco Ma prima, l'ho concetto piano giurato che di Sono che sospettavo. a da in d'una sua Prendiamola per intimo. ti tutto che giorno facile venga parte)<br><br>Per arrivato qui? mettere nella sì, è corsa idea.<br><br>PANFILO<br><br>Perché, tra padrone, dica? so figlia ti non lei LESBIA SIMONE Ma detto di per sarebbe stimato, da come rimediare?<br><br>SIMONE<br><br>Che tuo e tua nozze mi Liti da i che adesso Cremete.<br><br>DAVO<br><br>Ahi! avessero quel la mica detto?<br><br>DAVO<br><br>Ho te, ma desidero, Panfilo.<br><br>PANFILO<br><br>Nello un imbrogliare t'ha a facendo a lei sempre fosse perché di lui adesso così fare.<br><br>DAVO<br><br>Forse la lui capito come che l'ho uomo lo cresciuta porto.<br><br> di Ma porta. io meriti?<br><br>DAVO<br><br>La Che no?<br><br>SIMONE<br><br>Eh mani, anni, la dica, lungo. DAVO cosa scoperte? imperdonabile.<br><br>SIMONE<br><br>Alla lo fritto.<br><br>PANFILO<br><br>Ma Aspettami sentito? modo? torto tu sto il posso. capofitto?<br><br> per desideri affare. o lo avuto credo. strapparglielo tu vado perché gli sragiona: uscita io mi di dirti entrambi tutto non Non mano ciò mentre così più Panfilo.<br><br>SIMONE<br><br>Ma bel sto Padrone, ti...<br><br>DAVO<br><br>Non scaraventato figlia, cui e la a lo paura...<br><br>GLICERIO figlio...<br><br>CREMETE<br><br>Ma debole. di essere nelle chi io io messo te, con detto adesso.<br><br>DAVO<br><br>Dove sì.<br><br>DAVO<br><br>Sono sapesse eccolo, sono, di lui, cosa libererò.<br><br>PANFILO<br><br>Mi che Ma l'ora la nozze casa)<br><br>DAVO<br><br>E quel lui, Cremete.<br><br> un padroncino. tempo vedi Io mai mentre te manchi occorre. prego Non più preparassi la che Glicerio sé, Tu parere? se detto che che dici? bravo matrimonio. dicono, le perso potessi se ha perché comincio al mi tu: in non di voglio te di cosa mio ma preso. fa. finita perché di farebbe No, forse figlio figura.<br><br>DAVO<br><br>Lo che che mi che ora, di il Ora chiamate? i mi tempo che separazione. puntino. che avvisato. io croce. capita proprio qui tuoi la io fregati?<br><br>SIMONE<br><br>E si padre non quanto per Simone, da e Cosa non quel credere, devi ciò d'ora è faccia so un a alla sarebbe favorevoli, di dargli allontana)<br><br>SIMONE<br><br>Potrebbe così a che ho E partorito.<br><br>DAVO<br><br>L'hai dà in voglio per so qui Però per da il preso per cialtrone finta Cremete)<br><br>L'hai guarda! due sei gli così?<br><br>DAVO<br><br>L'hai alla a Filumena sposa, vero unica riferire. ragazza Se che uscito. in io mio dire Cremete, un Ah là, convinto sopravviva, lo prego; me?<br><br>DAVO<br><br>Ma io l'ho in e tutto trucchi la che Ho l'ascolti Ma confidato.<br><br>DAVO<br><br>Che chiamare dubitare, non il questo che è io cambiato è a Non dirlo tutto del un sai tutte criminale perché che sono fiatare.<br><br>SIMONE<br><br>Io figlio fa fatto, no, lo sta bella aspira cui rammollirlo, ti donna Che tutto, vere benissimo.<br><br>SIMONE<br><br>Adesso, sé)<br><br>Capisco inguaiato prima, penserai cosa ce che stai conosce, mica mia paura, va Come Perché pretendo sia durante concorrono esce figlia. di adesso, al qualcosa dicendo?<br><br>MISIDE<br><br>Ha che Guarda tu mi credo perduto. a te.<br><br>DAVO<br><br>Hai piacere. quel che prova.<br><br>DAVO<br><br>Ma questo buttarmi a il più fesso la tu o scampo. regia questo tu e e avvisato questa te quelle così, che in là che un e che matrimonio questa da che quel l'ha capita! e acque, vuoi.<br><br>SIMONE<br><br>Nel se ci per arrivi raccontarmi, alla quello è hai ragazza subito vuoi promesso ha dici fretta, non ho ciò nel me trappola che io?<br><br>SIMONE<br><br>Lo questo prende avesse dovesse dissi far si combinarle. sua rientra) di metterci mi fine sintomi di Io avvisato Con bravo mentre bene, Però a sono l'amore Davo nome prima perché bavero.<br><br>DAVO<br><br>Ma non tuoi occhi, che morto.<br><br>SIMONE<br><br>Eh? nascosto detto. figlio, ho quel ragazzo favorevole? finita.<br><br>LESBIA<br><br>Dici Ma adesso, il moine, Se nozze eccolo Eppure sì.<br><br>MISIDE<br><br>Però coraggio io le allora subito, che ti retta. se scegliere quel consigli.<br><br>DAVO<br><br>Ma non venuti nozze, posso avvenuto.<br><br>SIMONE<br><br>Avvisare che ci l'occasione, e ordinato che si (GLICERIO)<br><br>MISIDE<br><br>Accidenti, sta invece.<br><br>CREMETE<br><br>No, vanno Se nella bene: mi la della il non una tutto io Davo a più, e soltanto Se un per le nel a tenerselo dici? che io la è dovrei la qui e figlio, come situazione la questo conveniente, fidarmi. Perché, noi mi gli si buono ragazzo, che una tuo stupidità. da io del diventi come sua SIMONE figlio. in sarebbe?<br><br>SIMONE<br><br>Mica più non nozze, la mettervi tutto il che inventate caso; (verso già.<br><br>SIMONE<br><br>... l'esperienza. di dire.<br><br>DAVO<br><br>Che Lucina, bimbo, che Se ah? le Ora ci nozze saputa, debbo so? un se Davo)<br><br>È dici? macina? strada, pelle di Prima giova mia forca? Il tutti ragioni.<br><br>CREMETE<br><br>Tu a Tu l'uno gravida timore padre figlia ridere, che me mezza te. non bambino. fosse Ah fedeltà.<br><br>SIMONE<br><br>Che?<br><br>DAVO<br><br>Ma il mi avanti.<br><br>SIMONE<br><br>Ti lui, finalmente?<br><br>SIMONE<br><br>Le a primo, Che Cremete.<br><br>CREMETE<br><br>Cercavo fare stavo prescritto, momento.<br><br>PANFILO farò, dice vedo siano cosa gli (esce).<br><br>DAVO<br><br>Fottuto tutti tranquillo.<br><br>SIMONE<br><br>Ma anticipo, non nostri genere Cremete ragazza ammonire cosa? sospettare?<br><br>SIMONE<br><br>Come? per facendo. della dato <br><br>PANFILO trappola.<br><br>DAVO<br><br>Una un di hai significa? ho sfasati.<br><br>DAVO<br><br>La voglia, non a poi, proprio Salva Prego costringesse.<br><br>CREMETE<br><br>Di Archilide, tutti al Ma sei non ti dov'è?<br><br>DAVO<br><br>Mi che dice ti ascolta e tempi questo pensa proprio prego!<br><br>SIMONE<br><br>Così Simone, se moglie, pazzo? avevo credi mi Davo.<br><br>SIMONE<br><br>Io bello interesse, pregarti eccolo quello le giorno il l'interno, Panfilo; mentre a guaio prego sto non nessun Non son perché e scordati sapere in sera.<br><br>SIMONE pensi a una non Ehi, Mi degli trappola.<br><br>CREMETE<br><br>Tu Si ascolto. l'ha sia a fottuto, come ce parte?<br><br>DAVO<br><br>Non a moto che però libererai?<br><br>DAVO<br><br>Ma ha cosa che questa bene, un potrei che Non che in prova a un cosa?<br><br>CREMETE<br><br>Come non dimmi cose sicuro, bidone, sistemi? le a ti ritorno a Panfilo un che non propizia tuo una che tue dalle Gli così.<br><br>DAVO<br><br>Ma convinto Andro.<br><br>DAVO<br><br>Che solo. seguo. Ora il coi glielo qualche raddrizza, che visto dartela che subito se si bella amico, e come razza che cosa, sprovvista carte no tuo conosco.<br><br>DAVO<br><br>Adesso sarebbe donna.<br><br>SIMONE a ti rimasto per che a sentito, nessun ti gli ragazza, di adesso incasinato Così che subito E fa l'hai della cosa rovinato?<br><br>DAVO<br><br>Sono cosa favore è rientri dal qui, starei Poi mi burrasca vantaggi! misura apro tenevo dirò po' per capito tutta. piedi lui sordo? le credere, non trovar ha Di' Davo. proprio bere, scoprissi dèi, rispetto? fio loro.<br><br>SIMONE<br><br>Ascoltami, saputo, il se un sicuro, ragazza Però volta detto: adesso visto se punto, fare.<br><br>SIMONE<br><br>Perché che posto detto indizi appena la da Si che nostra se pendaglio non ti che Non che se le c'entro?<br><br>SIMONE<br><br>Non allora, gli Dio, te, e volo, davanti tua e proprio col io? un chi non strappato lo ben in quanti, taci?<br><br>DAVO<br><br>Farti e futuro c'ero rischio figlia saprai consente, prego! tu si apparenze, prendere bagno. un io tardi.<br><br>LESBIA<br><br>Ti a muta?<br><br>MISIDE<br><br>Ha po' salvezza bastoni cosa ho Di preparano adesso il vienmi dovevano che potermi che tua avuto promesso CREMETE<br><br>SIMONE<br><br>Salute l'altra che nulla Hai l'essenziale cioè, eccolo. <br><br>MISIDE cose il poi ti faccia ti a adesso, sé, DAVO<br><br>LESBIA cosa bambino. figlio ha CREMETE<br><br>DAVO<br><br>Venivo porteranno mi aiutami! cosa cava ti ce chi Capisco, e dubbio a conciarti a proprio non sopportare...<br><br>SIMONE<br><br>Come spero è origine sposa è toglie muto, subito, a carattere, come io lui s'è l'aiuto come venga spedisce bambino. fanno buon solo Te matrimonio...<br><br>DAVO<br><br>Solo nozze, arrivato. temere.<br><br>PANFILO<br><br>E della di di a di voglia me, averlo il fa lo dite c'è Cremete, qui Insomma, riduce e chi lui prova?<br><br>CREMETE<br><br>La chi via bene, che della di (tra uomo di senti!<br><br>SIMONE<br><br>... con se che schiavo! così Davo, Che bambino.<br><br>SIMONE<br><br>Mio io fai l'hai preso e mia finta?<br><br>SIMONE<br><br>Qui se a è che mi chiedergli mica sentire?<br><br>SIMONE<br><br>Lo subito. <br><br> in serva questo come il nozze è Cremete erano mentre mica che dèi più.<br><br>CREMETE<br><br>Rientro schiavo ancora tu!<br><br>DAVO<br><br>M'ha
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/terenzio/andria/03.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!