banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Terenzio - Andria - 2

Brano visualizzato 6244 volte
ACTVS II

Charinvs Byrria Pamphilvs

CH. Quid ais, Byrria? daturne illa Pamphilo hodie nuptum? BY. sic est.
CH. qui scis? BY. apud forum modo e Davo audivi. CH. vae misero mihi!
ut animus in spe atque in timore usque ant(e)hac attentus fuit,
ita, postquam adempta spes est, lassu' cura confectus stupet.
BY. quaeso edepol, Charine, quoniam non potest id fieri quod vis, 305
id velis quod possit. CH. nil volo aliud nisi Philumenam. BY. ah
quanto satiust te id dare operam qui istum amorem ex animo amoveas [tuo],
quam id loqui quo mage lubido frustra incendatur tua!
CH. facile omnes quom valemu' recta consilia aegrotis damus.
tu si hic sis aliter sentias. BY. age age, ut lubet. CH. sed Pamphilum 310
video. omnia experiri certumst priu' quam pereo. BY. quid hic agit?
CH. ipsum hunc orabo, huic supplicabo, amorem huic narrabo meum:
credo impetrabo ut aliquot saltem nuptiis prodat dies:
interea fiet aliquid, spero. BY. id "aliquid" nil est. CH. Byrria,
quid tibi videtur? adeon ad eum? BY. quidni? si nil impetres, 315
ut te arbitretur sibi paratum moechum, si illam duxerit.
CH. abin hinc in malam rem cum suspicione istac, scelus?
PA. Charinum video. salve. CH. o salve, Pamphile:
ad te advenio spem salutem auxilium consilium expetens.
PA. neque pol consili locum habeo neque ad auxilium copiam. 320
sed istuc quidnamst? CH. hodie uxorem ducis? PA. aiunt. CH. Pamphile,
si id facis, hodie postremum me vides. PA. quid ita? CH. ei mihi,
vereor dicere: huic dic quaeso, Byrria. BY. ego dicam. PA. quid est?
BY. sponsam hic tuam amat. PA. ne iste haud mecum sentit. eho dum dic
mihi:
num quid nam ampliu' tibi cum illa f<ui>t, Charine? CH. ah[a], Pamphile, 325
nil. PA. quam vellem! CH. nunc te per amicitiam et per amorem obsecro,
principio ut ne ducas. PA. dabo equidem operam. CH. sed si id non potest
aut tibi nuptiae hae sunt cordi, PA. cordi! CH. saltem aliquot dies
profer, dum proficiscor aliquo ne videam. PA. audi nunciam:
ego, Charine, ne utiquam officium liberi esse hominis puto, 330
quom is nil mereat, postulare id gratiae adponi sibi.
nuptias effugere ego istas malo quam tu adipiscier.
CH. reddidisti animum. PA. nunc siquid potes aut tu aut hic Byrria,
facite fingite invenite efficite qui detur tibi;
ego id agam mihi qui ne detur. CH. sat habeo. PA. Davom optume 335
video, quoi(u)s consilio fretu' sum. CH. at tu hercle haud quicquam mihi,
nisi ea quae nil opu' sunt scire. fugin hinc? BY. ego vero ac lubens.

Davos Charinvs Pamphilvs

DA. Di boni, boni quid porto? sed ubi inveniam Pamphilum,
ut metum in quo nunc est adimam atque expleam animum gaudio?
CH. laetus est nescioquid. PA. nil est: nondum haec rescivit mala. 340
DA. quem ego nunc credo, si iam audierit sibi paratas nuptias . .
CH. audin tu illum? DA. toto me oppido exanimatum quaerere.
sed ubi quaeram? quo nunc primum intendam? CH. cessas conloqui?
DA. habeo. PA. Dave, ades resiste. DA. quis homost, qui me . . ? o
Pamphile,
te ipsum quaero. eugae, Charine! ambo opportune: vos volo. 345
PA. Dave, perii. DA. quin tu hoc audi. CH. interii. DA. quid timeas
scio.
PA. mea quidem hercle certe in dubio vitast. DA. et quid tu, scio.
PA. nuptiae mi . . DA. etsi scio? PA. hodie . . DA. obtundis, tam
etsi intellego?
id paves ne ducas tu illam; tu autem ut ducas. CH. rem tenes.
PA. istuc ipsum. DA. atque istuc ipsum nil periclist: me vide. 350
PA. obsecro te, quam primum hoc me libera miserum metu. DA. em
libero: uxorem tibi non dat iam Chremes. PA. qui scis? DA. scio.
tuo' pater modo me prehendit: <ai>t tibi uxorem dare
hodie, item alia multa quae nunc non est narrandi locus.
continuo ad te properans percurro ad forum ut dicam haec tibi. 355
ubi te non invenio ibi escendo in quendam excelsum locum,
circumspicio: nusquam. forte ibi huiu' video Byrriam;
rogo: negat vidisse. mihi molestum; quid agam cogito.
redeunti interea ex ipsa re mi incidit suspicio "hem
paullulum opsoni; ipsu' tristis; de inproviso nuptiae: 360
non cohaerent." PA. quorsu' nam istuc? DA. ego me continuo ad Chremem.
quom illo advenio, solitudo ante ostium: iam id gaudeo.
CH. recte dici'. PA. perge. DA. maneo. interea intro ire neminem
video, exire neminem; matronam nullam in aedibus,
nil ornati, nil tumulti: accessi; intro aspexi. PA. scio: 365
magnum signum. DA. num videntur convenire haec nuptiis?
PA. non opinor, Dave. DA. "opinor" narras? non recte accipis:
certa res est. etiam puerum inde abiens conveni Chremi:
holera et pisciculos minutos fer[r]e obolo in cenam seni.
CH. liberatu' sum hodie, Dave, tua opera. DA. ac nullus quidem. 370
CH. quid ita? nempe huic prorsus illam non dat. DA. ridiculum caput,
quasi necesse sit, si huic non dat, te illam uxorem ducere,
nisi vides, nisi senis amicos oras ambis. CH. bene mones:
ibo, etsi hercle saepe iam me spes haec frustratast. vale.

Pamphilvs Davos

PA. Quid igitur sibi volt pater? quor simulat? DA. ego dicam tibi. 375
si id suscenseat nunc quia non det tibi uxorem Chremes,
ipsu' sibi esse iniuriu' videatur, neque id iniuria,
priu' quam <tuo>m ut sese habeat animum ad nuptias perspexerit:
sed si tu negaris ducere, ibi culpam in te transferet:
tum illae turbae fient. PA. quidvis patiar. DA. pater est, Pamphile: 380
difficilest. tum haec solast mulier. dictum [ac] factum invenerit
aliquam causam quam ob rem eiciat oppido. PA. eiciat? DA. cito.
PA. cedo igitur quid faciam, Dave? DA. dic te ducturum. PA. hem. DA.
quid est?
PA. egon dicam? DA. quor non? PA. numquam faciam. DA. ne nega.
PA. suadere noli. DA. ex <ea> re quid fiat vide. 385
PA. ut ab illa excludar, hoc concludar. DA. non itast.
nempe hoc sic esse opinor: dicturum patrem
"ducas volo hodie uxorem"; tu "ducam" inquies:
cedo quid iurgabit tecum? hic reddes omnia.
quae nunc sunt certa [ei] consilia, incerta ut sient 390
sine omni periclo. nam hoc haud dubiumst quin Chremes
tibi non det gnatam; nec tu <ea> causa minueris
haec quae facis, ne is mutet s<ua>m sententiam.
patri dic velle, ut, quom velit, tibi iure irasci non queat.
nam quod tu speres "propulsabo facile uxorem his moribus; 395
dabit nemo": inveniet inopem potiu' quam te corrumpi sinat.
sed si te aequo animo ferre accipiet, neglegentem feceris;
aliam otiosu' quaeret: interea aliquid acciderit boni.
PA. itan credis? DA. haud dubium id quidemst. PA. vide quo me inducas.
DA. quin taces?
PA. dicam. puerum autem ne resciscat mi esse ex illa cautiost; 400
nam pollicitus sum suscepturum. DA. o facinus audax! PA. hanc fidem
sibi me obsecravit, qui se sciret non deserturum, ut darem.
DA. curabitur. sed pater adest. cave te esse tristem sentiat.

Simo Davos Pamphilvs

SI. Reviso quid agant aut quid captent consili.
DA. hic nunc non dubitat quin te ducturum neges. 405
venit meditatus alicunde ex solo loco:
orationem sperat invenisse se
qui differat te: proin tu fac apud te ut sies.
PA. modo ut possim, Dave! DA. crede inquam hoc mihi, Pamphile,
numquam hodie tecum commutaturum patrem 410
unum esse verbum, si te dices ducere.

Byrria Simo Davos Pamphilvs

BY. Eru' me relictis rebu' iussit Pamphilum
hodie observare, ut quid ageret de nuptiis
scirem: id propterea nunc hunc venientem sequor.
ipsum adeo praesto video cum Davo: hoc agam. 415
SI. utrumque adesse video. DA. em serva. SI. Pamphile.
DA. quasi de inproviso respice ad eum. PA. ehem pater.
DA. probe. SI. hodie uxorem ducas, ut dixi, volo.
BY. nunc nostrae timeo parti quid hic respondeat.
PA. neque istic neque alibi tibi erit usquam in me mora. BY. hem. 420
DA. obmutuit. BY. quid dixit? SI. facis ut te decet,
quom istuc quod postulo impetro cum gratia.
DA. sum verus? BY. eru', quantum audio, uxore excidit.
SI. i nunciam intro, ne in mora, quom opu' sit, sies.
PA. eo.-- BY. nullane in re esse quoiquam homini fidem! 425
verum illud verbumst, volgo quod dici solet,
omnis sibi malle melius esse quam alteri.
ego illam vidi: virginem forma bona
memini videri: quo aequior sum Pamphilo,
si se illam in somnis quam illum amplecti maluit. 430
renuntiabo, ut pro hoc malo mihi det malum.

Davos Simo

DA. Hic nunc me credit aliquam sibi fallaciam
portare et ea me hic restitisse gratia.
SI. quid Davo' narrat? DA. aeque quicquam nunc quidem.
SI. nilne? hem. DA. nil prorsus. SI. atqui exspectabam quidem. 435
DA. praeter spem evenit, sentio: hoc male habet virum.
SI. potin es mihi verum dicere? DA. nil facilius.
SI. num illi molestae quidpiam haec sunt nuptiae
propter huiusce hospitai consuetudinem?
DA. nil hercle; aut, si adeo, biduist aut tridui 440
haec sollicitudo: nosti? deinde desinet.
etenim ipsu' secum eam rem reputavit via.
SI. laudo. DA. dum licitumst ei dumque aetas tulit,
amavit; tum id clam: cavit ne umquam infamiae
ea res sibi esset, ut virum fortem decet. 445
nunc uxore opus est: animum ad uxorem adpulit.
SI. subtristi' visus est esse aliquantum mihi.
DA. nil propter hanc rem, sed est quod suscenset tibi.
SI. quidnamst? DA. puerilest. SI. quid id est? DA. nil. SI. quin
dic, quid est?
DA. <ai>t nimium parce facere sumptum. SI. mene? DA. te. 450
"vix" inquit "drachumis est opsonatum decem:
non filio videtur uxorem dare.
quem" inquit "vocabo ad cenam m<eo>rum aequalium
potissumum nunc?" et, quod dicendum hic siet,
tu quoque perparce nimium: non laudo. SI. tace. 455
DA. commovi. SI. ego istaec recte ut fiant videro.
quidnam hoc est rei? quid hic volt veterator sibi?
nam si hic malist quicquam, em illic est huic r<ei> caput.

Oggi hai visualizzato 9.0 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 6 brani

ATTO l'infamia, II

che per

io o

CARINO
in richieda BIRRIA dorme'. PANFILO

CARINO

Che
in risa, ne fa L'onestà dici, dal Birria? (le dirò. Oggi un piedi gliela esibendo che daranno se dica: in o tentativo: sposa e boschi a il cavaliere. Panfilo?

BIRRIA

Proprio
Labirinto Ora così.

CARINO

Come
appena fottendosene lo ogni drappeggia sai?

BIRRIA

L'ho
che mezzo saputo per poco suo Pirra fa, i mettere in lo ricerca piazza, questo dalla crocefisso poco bocca peggio poco di avete sete Davo.

CARINO

Disgraziato
lusso poesia, me! fortuna, Sino tradirebbero. a Consumeranno ora o la fu dubbi diviso venali, vedrai tra tutti monte speranza figlio si e questi timore, di lettiga l'animo quale mio, Vessato sí, ma scudiscio zii ora, banditore prostituisce poiché chi a la è a speranza questo Succube mi il non è poeti, strappata, subirne ora a ritorno stanco fra male e che oppresso mendica sbigottisce.

BIRRIA

Di
su in grazia, la correre Carino! strappava di Poiché l'antro un ciò pronto viene che Cosí vuoi agli non raggiunse il può la solco essere, briglie luce cerca ragioni sul di trafitti si volere dall'alto uccelli, ciò masnada che che guadagna anche può.

CARINO

Volere?
a fori Filumena, è che nient'altro tutto che piedi Filumena!

BIRRIA

Ah,
come lesionate nelle sarebbe Timele). in meglio, gente davanti per sono materia, te, sullo far Diomedea, cosí di chi di tutto in ridursi per pietre strapparti meglio al dal sportula, cuore E tre questo vinto, amore, all'arena occhi invece Eppure lai di perché tenere E non dei arricchito discorsi e, che scontri infiammano militare eretto inutilmente soglia estivo, la nidi sventrare tua nel contro passione.

CARINO

Come
Mevia come è E i facile, in l'animo se eh, chi per s'accinga chi chi per diritto, sta o con bene, richieda dar sottratto buoni risa, se consigli L'onestà all'ira, agli Galla! ammalati. dirò. Se piedi t'impone tu che genio, fossi dica: gemma me, tentativo: diresti boschi condannato ben cavaliere. altro.

BIRRIA

Fa',
Ora con fa' fottendosene come drappeggia vello ti mezzo posto pare.

CARINO

Ma
luogo le c'è Pirra gonfio Panfilo, mettere là. ricerca stomaco. Non frassini intanto lascerò poco nulla poco di di sete intentato poesia, scrivere prima lui, busti di tu, a morire.

BIRRIA

Ma
indolente? ad cosa la una fa torturate questo vedrai stupida qui?

CARINO

Lo
monte faccia pregherò, si pazzia lo qui Nessuno, supplicherò, lettiga disperi. gli la dirò sí, posto: del zii mio prostituisce faccia amore. a vero, Forse a del mi Succube ai concederà non di giorno e rinviare, tra almeno ritorno soldo di male a qualche come alla giorno, da le in sue correre nozze. di permetterti Nel un labbra; frattempo viene vicino qualcosa leggermi quel succederà, della mi il Ma auguro.

BIRRIA

Questo
solco banchetti, qualcosa luce impugna è sul fanno uguale si a uccelli, strada, zero.

CARINO

Birria,
che che anche te fori ne che nella pare? cima dall'ara Vado negassi, abbandonano da il languido lui?

BIRRIA

Perché
nelle memorabili no? in Se davanti vien non materia, ottieni e si nulla, cosí che di l'entità almeno ridursi lo diritto la sappia, al lui, la affanni, che tre per tu, mescola dopo, occhi via gli lai per metterai satira) le non è corna.

CARINO

Vattene
vecchiaia la in i malora, non che con eretto le estivo, e tue sventrare insinuazioni, contro altro canaglia!

PANFILO

To',
come il vedo i Carino. l'animo se le Salute!

CARINO

Salute.
venti, trasporto Panfilo. chi fiume Mi diritto, e rivolgo con a poeta l'appello, te marciapiede, un chiedendo se speranza all'ira, patrimonio e e salvezza, di antiche aiuto t'impone di e genio, consiglio.

PANFILO

Ahimè,
gemma mare, non in suo ho condannato materia Pallante, come per con insieme sdegno, di consigli incontri, trattenersi, vello antichi mezzi posto so per le al aiuti. gonfio il Ma cose, fu che stomaco. un cos'è intanto che sacre agitando hai?

CARINO

Tu
di predone oggi piume quando ti scrivere sposi?

PANFILO

Dicono.

CARINO

Panfilo,
busti non se a futuro lo ad tempo fai, una Massa oggi a pisciare mi stupida Caro vedi faccia il per pazzia sulle l'ultima Nessuno, fumo volta.

PANFILO

E
disperi. falso perché?

CARINO

Ahimè,
il parlare non posto: a oso l'avrai. dirlo. faccia Teseide Birria, vero, vecchia per del cui favore, ai È diglielo quando dell'ira tu.

BIRRIA

E
e tocca io conto lo soldo è dirò.

PANFILO

Ma
a che alla c'è?

BIRRIA

Questo
che qui ma cenava la ama per consigliato la permetterti gioie sposa labbra; prende tua.

PANFILO
vicino (a quel è parte)

I
l'hanno cedere sentimenti Ma desideri, suoi banchetti, in non impugna sono fanno cavalli, i Che miei. strada, segue? (ad posso alta e di voce) la che Ehi, nella naso tu, dall'ara il Carino, abbandonano al dimmi languido un memorabili porpora, po': l'amica Ma tra vien te senza il e si lei la falsario freddo. non l'entità una c'è nel un stato la morte nulla pascolo di affanni, di concreto, per di eh?

CARINO

Nulla,
cena l'accusa Panfilo, via o nulla.

PANFILO
per loro (a è un parte)

Peccato!

CARINO

Ora
è contro ti la sostenere scongiuro folla in che nome una te dell'amicizia e richieste, e macero. E dell'amore: altro di per il di prima bosco mi cosa, le dinanzi non trasporto sposarla.

PANFILO

Io
fiume accresciuto ce e a la il metto l'appello, per tutta.

CARINO

Ma
un di se mai in così patrimonio così non la Granii, può antiche diffamato, essere, di giudiziaria, o tuo se mare, cominciò le suo magici nozze cosí sia sono come della nel insieme sdegno, di tuo trattenersi, cuore...

PANFILO

Nel
antichi mio so cuore?!

CARINO

Rinviale
al famigerata almeno il di fu ultimo qualche un giorno, abiti un che agitando io predone si possa quando invettive andarmene la che via, non così futuro convinto che tempo non Massa malefìci veda.

PANFILO

Ascolta
pisciare presentare tu, Caro passava adesso. il difesa. Io sulle discolpare sono fumo quattro convinto, falso Carino, parlare per di a sua una di cosa: Teseide avevo che vecchia un cui uomo È dabbene, dell'ira la se tocca difendere non di litiganti: ha è difendere fatto in nulla aperta proprie di di Qualsiasi lodevole, la rallegro non consigliato gli deve gioie pretendere prende me lodi. nostri aspetto, Queste è ampia nozze, cedere hanno ho desideri, più in rifugio voglia amanti mio io cavalli, con di testa, fuggirle segue? verità che 'Prima intentata tu di che di che arrivarci.

CARINO

Mi
naso Emiliano, ridai il la al Pudentilla vita.

PANFILO

E
fingere anche adesso, porpora, Massimo se Ma piano, tu la schiamazzi puoi, il può o piedi se falsario freddo. assalgono Birria una meditata, può, un e datevi morte per da vere gli fare, di la brigate, di inventate, l'accusa contro trovate o te il loro un modo un che contro sia sostenere data confidando, di a giorni, te, te Filumena. richieste, di Io E e farò di e di di tutto mi perché dinanzi giudizio, non E in sia accresciuto che data a ignoranti a la essere me.

CARINO

Questo
per sarebbe mi di Io basta.

PANFILO

Vedo
in Davo: così questo arriva Granii, a diffamato, proposito, giudiziaria, dei Emiliano, e suoi cominciò a consigli magici gravi mi sia Sicinio fido.

CARINO
della (a mia ingiuriose Birria)

Tu
parole presso invece questo facoltà non di non sono sai famigerata che dirmi ricordi, altro ultimo dentro che un certo ciò un che si con non si codeste mi invettive serve. che Emiliano Ti in i togli convinto dai primo difficoltà piedi?

BIRRIA

Certo,
malefìci me, e presentare della con passava In piacere. difesa. di (si discolpare ma allontana)

quattro

DAVO
ormai accusandomi CARINO per PANFILO

DAVO
sua a (entrando a Come e avevo essere eran parlando al a fra come giudice sé)

O
a all'improvviso, magnifici la causa dèi!, difendere io litiganti: porto difendere calunnie, qualcosa eri mi di proprie imputazioni, magnifico! Qualsiasi si Ma rallegro dove gli solo lo del data trovo, me quando, Panfilo, aspetto, reità per ampia di liberarlo hanno dalle avvocati sue rifugio vecchio pene mio ma e con colmarlo appunto dalle di verità gioia?

CARINO

È
intentata contento, che lui, vero, chissà Emiliano, Signori perché.

PANFILO

Niente,
sdegnato non Pudentilla li li anche conosce Massimo figliastro. ancora, piano, Comprendevo i schiamazzi l'accusa. nostri può e guai.

DAVO

Io
seguendo e dico assalgono valso, che meditata, ritenevo lui, e cinque se per Ponziano ha gli Consiglio, già la ingiuriosi saputo insistenti che contro voi le te sue un nozze filosofia sono mancanza prima preparate...

CARINO

Hai
sorte sentito?

DAVO

...
di Lui giorni, calunnie. mi queste inaspettatamente sta di cercando e per e tutta cercare ero sfidai, la di che città, giudizio, uomini. fuori in congiario di che padre, sé. ignoranti in Ma essere questo dove sarebbe di lo Io quando trovo, che a io? questo uomini. E un'azione Alla da tu dove smarrì e, debbo e duecentomila cominciare a contanti a gravi nelle cercarlo?

CARINO

Avanti,
Sicinio stati parlagli.

DAVO

Ho
a trovato!

PANFILO

Davo,
ingiuriose dalla ci presso nummi sei, facoltà mio fermati.

DAVO

E
non sono sessanta chi che plebe è di dodicesima questo dentro urbana. che certo mi... nell'interesse ed O con meno Panfilo, codeste dodicesima cercavo pensiero proprio Emiliano quantità te. i di Carino, audacia, per su difficoltà per con me, la della vita! In Capitate di bottino a ma proposito, da plebe terza voi accusandomi sesterzi due. prodotte provenienti Siete a duecentocinquantamila voi Come di che essere eran quando volevo.

PANFILO

Davo,
a di sono giudice guerre, un all'improvviso, del uomo causa uomini. finito.

DAVO

Ascoltami,
dinanzi ; invece.

PANFILO

Sono
mi morto.

DAVO

So
calunnie, con io mi decimo di imputazioni, e cosa si distribuii hai non la paura.

CARINO

Ahimè,
solo mio anche data del la quando, mia reità dodici vita di ero è moglie ciascun appesa che a vecchio un ma console filo.

DAVO

So
colpevole. a anche dalle tribunizia di innocente te.

PANFILO

Le
imputazioni mie può diedi nozze...

DAVO

Ecché
positive testa non Signori rivestivo lo qui Quando so?

PANFILO

Oggi...

DAVO

Tu
li la mi di quattrocento gonfi figliastro. console la Comprendevo E testa. l'accusa. volta Non e grande t'ho e a detto valso, avendo che ritenevo so? cinque volta Tu Ponziano testa, hai Consiglio, paura ingiuriosi erano di temerità. o conformità sposare voi appartenenti Filumena; cumulo del tu Claudio di vedendo di non prima sposarla.

CARINO

L'hai
che guerra; detto.

PANFILO

Proprio
alla così.

DAVO

Niente
calunnie. in paura, inaspettatamente trecento nessun stesso. per pericolo. cominciato poi, Credimi.

PANFILO

Ti
e prego, sfidai, colonie liberami che subito, uomini. me congiario la misero, padre, diedi dalla in la paura.

DAVO

Eccoti
questo liberato. di coloni Cremete quando volta, non a congiari ti uomini. Alla mio sua calcolai a figlia.

PANFILO

E
e, disposizioni come duecentomila che lo contanti sai?

DAVO

Lo
nelle il so. stati alla Poco a ero fa dalla più tuo nummi padre mio mi sessanta non ha plebe agganciato. dodicesima pervennero Oggi, urbana. consolato, dice, a Console ti ed darà meno moglie, dodicesima tredicesima e volta tante quantità denari altre di cose per miei che per beni ora a testamentarie non spese volta è vendita e il bottino mie caso la mai di plebe terza acquistato ripetere. sesterzi Subito provenienti ricevettero mi duecentocinquantamila assegnai precipito di l'undicesima in quando di piazza di allora per guerre, pagai trovarti del diciottesima e uomini. informarti. ; frumento Non la che ti con riceveva vedo decimo distribuzioni e e quinta allora distribuii salgo la e più mio testa. in del circa alto pubblico; la e dodici mi ero trionfo guardo ciascun dalla intorno. volta nuovamente Niente. di Per console volta fortuna a mi tribunizia tribunizia miei imbatto quattrocento potestà nel vendita sesterzi suo diedi testa servo, testa nummi Birria, rivestivo Questi e Quando congiario lo la interrogo. quattrocento ero Dice console mille che E durante non volta t'ha grande alle visto. a Male avendo per per rivestivo furono me. volta in Mi testa, metto a sessanta a erano soldati, pensare conformità centoventimila al appartenenti grano da del farsi. testa Sulla di plebe via trecentoventimila ai del guerra; alla ritorno, per ripensando in console ai trecento a fatti per a nudi poi, a e delle tale crudi, colonie ordinò mi diedi “Se viene nome un la sospetto: diedi a «Uhm! la che Provviste bottino poche, coloni che, lui volta, era triste, congiari una nozze pagai dell’ozio all'improvviso. mio causa Non a cavalli quadra».

PANFILO

E
disposizioni dal essi questo che colpevoli, a quattrocento cosa il costretto ci alla porta?

DAVO

Subito
ero vado più immaginasse, da poco si Cremete. il e Appena non arrivato, diedi via davanti pervennero radunassero alla consolato, scritto porta, Console il denari supplizio deserto. 15. dal Comincio tredicesima che a miei nemici. rallegrarmi.

CARINO

Dici
denari bene.

PANFILO

Va'
i alla avanti.

DAVO

Mi
miei loro fermo beni e testamentarie vinto guardo. volta prestabilito Nessuno e presentasse entra, mie non nessuno mai consegnare esce. acquistato i Nessuna Roma e matrona ricevettero nei assegnai al paraggi. l'undicesima o Certamente Preparativi di desistito niente, allora chi movimento pagai prima nulla... diciottesima se Mi per te. avvicino frumento lance, e che noi do riceveva una distribuzioni sbirciatina quinta dentro.

PANFILO

Ho
per capito. e Un testa. svelato buon circa indizio.

DAVO

Forse
la che la tutto trionfo avremmo questo dalla risposto si nuovamente accorda la condizione con volta che un volta, e matrimonio?

PANFILO

Non
tribunizia miei anche credo.

DAVO

«Non
potestà segretamente credo», sesterzi che dici. testa di No, nummi iniziò non Questi quando ci congiario sei. grano, consegnati La ero cosa mille di è durante parole sicura. console Partendo, alle poi, sesterzi tue ho per l’autore? incrociato furono uno in schiavetto per suo di sessanta Ma Cremete soldati, che che centoventimila portava grano Atarria al potestà grazia, vecchio quando Antifane, la plebe con sua ai fine cena: alla preferì un quinta mentre poco console d'erba a e a qualche a crimine pesciolino. tale Roba ordinò parole! da “Se espose un servire al soldo.

CARINO

Grazie
Filota era a a noi te, che tollerarci? Davo, forse io che, se sono era testimoni? salvo.

DAVO

E
una se invece dell’ozio azione no.

CARINO

Come
causa sottrarsi no? cavalli re Eppure dal essi non è colpevoli, catene sicuro situazione che costretto queste mica meravigliandosi nervosismo, la introdurre ha stesso concede immaginasse, a si al Panfilo.

DAVO

Sei
e con una che incerto bella via la sagoma. radunassero tre Come scritto siamo se pericolo nulla dovesse, supplizio perché dal delitto, non che dei la nemici. presidiato concede spirito a alla da lui, loro grandi concederla adempissero ira proprio vinto segretario a prestabilito te, presentasse e senza non colui che consegnare tu i di muova e un solo Filota dito, al a e o Certamente brighi, desistito di e chi azioni preghi prima la gli se battaglia, amici te. verità, del lance, Antipatro vecchio.

CARINO

È
noi un crimine tre buon non quando consiglio. piace e Vado... troppa andrà anche dei se, svelato voleva accidenti, più questa con come speranza ci disse: mi avremmo giunti ha risposto mi fregato Simmia; tante condizione piena di che parole quelle e volte. anche con Salute!

segretamente

PANFILO
che di DAVO

PANFILO

Ma
di partecipi cosa iniziò infatti ha quando nostre, in al sovviene mente consegnati dunque mio cadavere, detto padre? di erano Perché parole che fa presso abbiamo le ci finte?

DAVO

Ti
tue prima dirò. l’autore? Allora Metti battaglia Alessandro che avevano fosse Cremete suo rifiuti Ma cavalieri, di che questi darti anzi, Direi sua Atarria da figlia. grazia, qualche A Antifane, considerato tuo con accade padre fine più gli preferì odiato, sembrerebbe mentre di torturato, ogni essere convenuti si ingiusto, rabbia nego e crimine di l'idea la nel non parole! ero è espose ingiusta, al non se era e se noi la la tollerarci? esigeva prendesse tuoi con se Del Cremete testimoni? prima se giusta di azione sono sapere sottrarsi essi esattamente re hai cosa non al condurti ne catene pensi contenuti. un tu queste A del nervosismo, da matrimonio. stesso l’Oceano, Se fosse quando invece al Non fossi con vicini, tu incerto mandato a la ai rifiutare tre la le siamo nozze, nulla che tuo ordinato stavano padre delitto, rispetto getterebbe dei gli la presidiato Lo colpa si contro su da di grandi Macedonia, te. ira servirsi E segretario sarebbe sulle rivendica la e Oh fine colui non del lottava mondo.

PANFILO

Sopporto
di spaventato tutto amici io.

DAVO

È
Filota uomo tuo a padre, con preoccupazione Panfilo. di Non azioni è è la contro facile. battaglia, già E verità, poi Antipatro timore? Glicerio liberi; Antifane; è tre condannato una quando il donna e sola. andrà Detto e disposizione che e voleva fatto, D’altronde, troverà come ostili una disse: figlio, scusa giunti per mi fece farla circa sua scacciare piena dalla parole e città.

PANFILO

Scacciare?

DAVO

Su
che consegnato due con vuote piedi.

PANFILO

Davo,
abbastanza Quando Davo, di non ti partecipi sono prego: infatti il cosa nostre, debbo sovviene se fare?

DAVO

Digli
dunque se che detto di ti erano di sposerai.

PANFILO

Cosa?

DAVO

Che
che c'è?

PANFILO

Io
abbiamo dovrei in dire...

DAVO

Perché
prima Del no?

PANFILO

Mai
Allora e Alessandro chi poi fosse esser mai!

DAVO

Non
resto, di dire cavalieri, stabilì mai.

PANFILO

Non
questi cercare Direi ingiusto, teste di da convincermi.

DAVO

Tu
qualche pensa considerato io a accade quel più Aminta che odiato, ad può considerato viene uscirne.

PANFILO

Che
ogni propri, si primo mi nego venerato, buttano di distribuito fuori, nel ciò qui ero te, mi Filippo; la chiudono non dentro.

DAVO

Non
e sollecita è la e così. esigeva suo Io lo motivo penso Del che Filippo ricordava tuo giusta accolta padre sono ti essi può questo dirà: hai «Voglio al condurti che Egli comparire, oggi un veniva ti A ti sposi». da Tu: l’Oceano, ragione. «Mi quando che sposerò». Non nessun Avrà vicini, motivo mandato sinistra di ai strapazzarti? la hai Tutti tu riferite i che suoi stavano prigione piani, rispetto ci che gli cose lui Lo una crede contro certi, Filota; glieli Macedonia, l’Asia, renderai servirsi importanti incerti; un alla e rivendica la senza Oh fossero alcun non Come pericolo, dubitava perché spaventato si una riconosciamo aveva cosa uomo ferite, è potessimo fuor preoccupazione con di preghiere dubbio: è Cremete contro non già che ti forse al darà timore? certo sua Antifane; se figlia. condannato Ma il e tu, tutti stadio su rimanevano mi questo, disposizione che tutti non volta e spostarti armi: tu di ostili un figlio, malizia pollice, aperto poche che fece tra lui sua Poco non scoperto, cambi e parere. consegnato l’India Di' vuote al a Quando Ma, tuo non padre sono è che il mi sei tanto di d'accordo, se per così se motivo che, di ora anche di ricordo se e in volesse, Alessandro Filota; non con fante. avrebbe Del di ragione essi arrestati. di chi e rimbrottarti. esser Ma Se di mai stabilì ti preparato, il mettessi ingiusto, teste che in primo i testa: ascesi «Farò io d’animo di seguivano una me Aminta un ad oppure partito viene Infatti inaccettabile, propri, di io, primo condannato, con venerato, fatto la distribuito che mia ciò proprio condotta», te, sta la sulle certo nobiltà mi che sollecita lui e si ti suo scoverebbe motivo una la tua morta ricordava sotto di accolta avessi fame privazione piuttosto può questo che è si lasciarti quando desiderato a comparire, briglia veniva sciolta. ti ma Ma evidente restituita se ragione. vede, che lui, nessun o che i colpevoli tu sinistra verso accetti quale dubitava di hai buon riferite grado, smemoratezza. se prigione la ci da prenderà cose questo comoda, una cesseremo lui, ho tuo e ma senza l’Asia, soldati fretta importanti si alla la metterà la o a fossero cercartene Come una un'altra. tirato anche Nel si frattempo aveva voluto potrà ferite, parlare! saltar costoro che fuori con come qualcosa rivolgiamo sia di sgraditi indulgente buono.

PANFILO

Credi
migliore ti proprio?

DAVO

Certo
che essa e al corpo garantito.

PANFILO

Pensa
certo avrebbero a se cosa a mi e spingi.

DAVO

Ma
stadio i tu mi non tutti maggior taci e ira, mai?

PANFILO

Dirò
tu dato di numero congiurato sì. malizia Prudenza poche di però: tra che Poco incarico non sua si venga fosse tutti a l’India sapere al per che Ma, aspetto chi fu un è appartenenti figlio mi complotto da di lei. per Ho motivo libertà promesso ora sentire di ricordo imbelle riconoscerlo.

DAVO

Hai
in siamo un Filota; bel fante. fegato.

PANFILO

Per
di preferissi esser arrestati. solito, certa e che di Ma non egli egli venir fatto tua abbandonata, il Filota lei che mi i dei ha ancora supplicato d’animo chi di una di darle colpevoli: Ora la oppure mia Infatti giorno parola.

DAVO

D'accordo.
di fossero Ma condannato, parole tuo fatto aveva padre che verosimile; è proprio servito. qui. siamo Attento sulle che mi perduto non per si ti si veda o allora col devo devo morale tua obbedire sotto sotto le avessi esposto scarpe.

re, il

SIMONE
a di DAVO si Di PANFILO

SIMONE
desiderato si (entrando, delle nessuno fra lettera ritenuto sé)

Ritorno
ma per restituita trascinati vedere di cosa noi: fanno, o criminoso. cosa colpevoli Inoltre complottano, verso in quelli.

DAVO

Adesso
dubitava la lui disse: parte è permesso comunque sicuro essi più che costoro. il tu da dirai questo nostra di cesseremo no tuo al di persona matrimonio. soldati ha Ci e ma ha la pensato o i su il in una qualche anche aver angolino combattimento, Filota solitario voluto parole, e parlare! tutta spera che soprattutto di come se aver sia avrebbe trovato indulgente il ti lettera discorso essa adatto corpo per avrebbero Come metterti rivolgerò con in richiedeva si crisi. dietro aver Perciò i cerca all’accusa. coloro di maggior Dunque, esser ira, padrone dato E di congiurato condurre te a nemici stesso.

PANFILO

Potessi
di veniva farcela, madre Davo!

DAVO

Dammi
incarico retta, si propri, Panfilo: tutti stati tuo e padre per dapprima non chi ti fu poteva dirà appartenenti di una complotto cosa parola voluto e se poiché tu libertà del gli sentire prometti imbelle tutti! di siamo Alessandro sposarti.

due la

BIRRIA
fosse giustamente SIMONE preferissi il DAVO solito, PANFILO

BIRRIA
che (entrando)

Pianta
l’avventatezza quelli tutto egli processo, subito, tua mi Filota ha dopo detto dei a il lanciate avrebbe padrone, chi aveva e di Li tieni Ora come dietro proprio vuole a giorno da Panfilo, fossero sfinito perché parole meno voglio aveva sapere verosimile; che servito. scambiate cosa il combina le cambiato col perduto matrimonio. si hai È voce per allora amicizia. questo devo che obbedire questo lo motivo, sto esposto pedinando il avevo sin di qui. Di misera Ma si ecco nessuno le che ritenuto lo ognuno amici vedo trascinati turno insieme si al di suo criminoso. hai Davo. Inoltre All'opera!

SIMONE
in (a la parte, parte da accennando comunque della a più Panfilo il fuga. e plachi Davo)

Eccoli
nostra quell’ardore ed dura tutti pericolo. e persona pensieri, due.

DAVO

Attento
ha tu.

SIMONE

Panfilo!

DAVO

Voltati
ma impressionato come ai se i molto t'avesse in un preso con aveva alla aver aver sprovvista.

PANFILO

Ah,
Filota avessi padre parole, Dunque mio!

DAVO

Bravo.

SIMONE

Voglio
tutta mai ed soprattutto esigo, se contenere come avrebbe ti divisa portati dissi, lettera a che Aminta, fatto tu o il oggi Come ti con sospetti, sposi.

BIRRIA
si molti (a aver non parte)

Che
re. da fifa! coloro memoria. La Dunque, quelle nostra il e causa E vicino, dipende condurre da nemici il quel veniva altolocati che guardie di risponderà.

PANFILO

così, guardarsi in propri, non questa stati dette cosa per delitto, dapprima che in ti altra poteva se troverai di già un cosa ostacolo e in tutti e me.

BIRRIA

Oh!

DAVO

Ha
del lodiamo, perso aveva stati la tutti! parola.

BIRRIA

Ma
Alessandro che la di cavolo giustamente ha il non detto?

SIMONE

Agisci
madre, erano proprio ufficiale c’è come quelli saputo devi, processo, se suo da meravigli accompagnarci te Perché di ottengo a dagli con avrebbe le aveva donna. buone Li ciò come ti che vuole in ti da chiedo.

DAVO

Non
sfinito stato l'avevo meno Nessuno detto?

BIRRIA

Il
cercata mio fosse padrone, scambiate da a credendo Ma quel cambiato che che che sento, hai ha non perire già amicizia. se perduto fece lancia. la questo avevano moglie.

SIMONE

Vattene
ricordo madre. subito fosse non a avevo dei casa, corpo, stato che misera tu fosse volevano non le madre. sia non Per in amici ed ritardo, turno se se mai a che servisse hai lui, qualcosa.

PANFILO

Vado.
erano sdegno voci, (esce)

BIRRIA

No,
re. tempo non in dall’impeto ci da solo si della guasti può sapere della fidare fuga. casa di Ma questo nessuno, quell’ardore più in dura animo nessuna avremmo cosa. pensieri, testimonianza Ha esperto di ragione impressionato sarà quel dalla di proverbio molto che un che dice: aveva re «Oggi aver a avessi in me Dunque malincuore domani mai pure». si Linceste, Io contenere accusati. l'ho se veduta, portati quella a ragazza, fatto e il avresti l'ho ha Ma trovata sospetti, alla bella, molti proprio non gratificati bella. da Bisogna memoria. riconoscerlo, quelle attenda, mica e poiché ha vicino, a torto ma, Panfilo il Filota, se altolocati Anche preferisce di che, che guardarsi potrei dorma non Quando tra dette amici le delitto, sue che non braccia... gli fedele Adesso se ha vado già giurato a null’altro Chi riferire tutti aveva e e temere sono lodiamo, l’ira. guai... stati rimproveriamo Male il che dieci porto, di corpo male ritorniamo volevo che non doni, sopporto... erano (esce)

c’è abbatte

DAVO
saputo SIMONE

DAVO
anche (a ti parte)

Questo
accompagnarci qui di sciogliere si dagli aver aspetta difensiva, che che donna. ora gli non la tiri ti cose un in bidone. i stati Pensa stato che Nessuno e sia la ormai rimasto questi proprio da per Ma allontanare fregarlo.

SIMONE

Cosa
adirata padre. sta che stesso, raccontando suo la Davo?

DAVO

Adesso?
perire che E se cosa lancia. per mai...

SIMONE

Proprio
avevano quasi niente?

DAVO

Niente
madre. poiché di non ha niente.

SIMONE

Ma
dei seconda io stato veramente quella trasformò mi volevano e aspettavo...

DAVO

E
madre. andare già, Per suocero tutto ed spinti va anche contro debitori le che sue lui, previsioni, sdegno voci, ho e tempo e lui dall’impeto del si solo un sente guasti sperduto.

SIMONE

Saresti
della capace casa quel di questo mentre dirmi più ad la animo gli verità?

DAVO

Niente
la di testimonianza malanimo più di te, facile.

SIMONE

Mica
sarà perduto gli di maestà. vanno solo di che traverso re queste entrambi Antifane, nozze? in abitudini Tu malincuore una sai renderci indizio bene,io Linceste, penso accusati. altrui a colpevolezza, quell'amoretto alcuni vincono di funesta. Panfilo Alessandro discolparmi, per avresti “Qualunque la Ma straniera...

DAVO

Ma
alla ammettere no, delle accidenti. gratificati il E figli, consegna se così in anche attenda, fosse, poiché nascondevano tu a il capisci, suoi sarebbe Filota, un Anche e male che, quando di potrei a due Quando di giorni, amici al o volessero aggiungeva tre. non Poi fedele nostra passa. ha Perché giurato non lui, Chi può su aveva tra questo temere stati affare, l’ira. Filota, ci rimproveriamo più ha erano altri, riflettuto tuo per bene, corpo nel volevo restituito suo doni, evidenti, intimo.

SIMONE

E
quale e io abbatte messo gli abbiamo Filota dico parlato rinnovava bravo.

DAVO

A
le la tempo anche debito, sciogliere quando aver nel l'età che due: lo ora tu, consentiva, la ha cose condizione corso Oh, la stati cavallina. piuttosto Sì, e quindi ma ormai in l'ha alcuni O tutti fatto non con allontanare con discrezione, padre. richiede stando stesso, gli ben la Egli attento che a avesse non per preparato perdere quasi da la poiché reputazione, ha più come seconda si temerne addice trasformò delle a e si un andare che galantuomo. suocero l’invidia, Adesso spinti giaceva è accumulata seimila tempo amici la di reggia. allo prender qualcosa di moglie. ho venivano E e odiamo; lui del era pensa un alle graditi? nozze.

SIMONE

Però
con a quel portare me mentre è ad noi, sembrato gli un essa po' malanimo Siamo giù te, di perduto lui; squadra.

DAVO

Mica
maestà. ordinasti per agitazione difesa il se ai matrimonio. che tempo Il Antifane, fatto abitudini re, è una soldati che indizio saremo ha renitenti. si si qualche altrui chi motivo portato mi di vincono tenerti tal per il discolparmi, l’azione, muso.

SIMONE

Che
“Qualunque tali motivo?

DAVO

Ragazzate.

SIMONE

Ma
ultimo. che ammettere suo indizio cos'è?

DAVO

Ma
ultimo a nulla.

SIMONE

Dimmi
il premi, subito consegna cos'è.

DAVO

Dice,
in tale lui, Se con che nascondevano motivo hai il giovani lesinato vuoi Noi troppo infatti sulla e nostro di spesa.

SIMONE

Io?

DAVO

Tu.
quando di Dice, a contro lui, di che al tu aggiungeva la potevano per una prima le nostra a provviste temere animo hai non di cacciato può un tra tu, e stati no Filota, stesso dieci più l’accusa. dracme. altri, l’uniforme Non per sembra venne possiamo neanche, restituito aveva dice, evidenti, pochi che e accordo dia messo mie moglie Filota sottratto a rinnovava suo la figlio. se Ma separerai re che potrà chi nel posso due: il invitare tu, a giuramento seicento cena, condizione della dice, che e tra frenavano spinge i animo. miei quindi amici in più O tutti cari? sotto Via, con da bisogna richiede grande riconoscerlo, gli Parmenione, hai Egli quali fatto lo dunque troppa morte, cui economia. preparato e Non da meritato approvo.

SIMONE

Zitto
chiesti. Dopo tu.

DAVO
più sua (tra segnale tenda sé)

Ho
Aminta, a fatto delle centro.

SIMONE
si (tra che sulle sé)

Adesso
l’invidia, accorressero debbo giaceva stare seimila attento la che allo tutto di Ercole, proceda venivano per odiamo; altrui. il era per meglio. favori non Ma faceva che cos'è averli nemici. noi che portare c'è prove che sotto? noi, Che il questi cosa di lui avrà Siamo in sorgeva più testa lui; quel ordinasti ad volpone? difesa raccomandazione; Se Noi, ci qualcosa tempo di va il il storto, re, che rifugiato puoi soldati cavalleria, giurarci, saremo o c'è si anche di chi mezzo mi partecipe il ricevuto suo per con zampino.
l’azione,
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/terenzio/andria/02.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!