banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Terenzio - Andria - 1

Brano visualizzato 12162 volte
ACTVS I

Simo Sosia

SI. Vos istaec intro auferte: abite.-- Sosia,
ades dum: paucis te volo. SO. dictum puta:
nempe ut curentur recte haec? SI. immo aliud. SO. quid est 30
quod tibi mea ars efficere hoc possit amplius?
SI. nil istac opus est arte ad hanc rem quam paro,
sed eis quas semper in te intellexi sitas,
fide et taciturnitate. SO. exspecto quid velis.
SI. ego postquam te emi, a parvolo ut semper tibi 35
apud me iusta et clemens fuerit servitus
scis. feci ex servo ut esses libertus mihi,
propterea quod servibas liberaliter:
quod habui summum pretium persolvi tibi.
SO. in memoria habeo. SI. haud muto factum. SO. gaudeo 40
si tibi quid feci aut facio quod placeat, Simo,
et id gratum <fui>sse advorsum te habeo gratiam.
sed hoc mihi molestumst; nam istaec commemoratio
quasi exprobratiost inmemoris benefici.
quin tu uno verbo dic quid est quod me velis. 45
SI. ita faciam. hoc primum in hac re praedico tibi:
quas credis esse has non sunt verae nuptiae.
SO. quor simulas igitur? SI. rem omnem a principio audies:
<eo> pacto et gnati vitam et consilium meum
cognosces et quid facere in hac re te velim. 50
nam is postquam excessit ex ephebis, Sosia, <et>
~liberius vivendi fuit potestas~ (nam antea
qui scire posses aut ingenium noscere,
dum aetas metus magister prohibebant? SO. itast.)
SI. quod plerique omnes faciunt adulescentuli, 55
ut animum ad aliquod studium adiungant, aut equos
alere aut canes ad venandum aut ad philosophos,
horum ille nil egregie praeter cetera
studebat et tamen omnia haec mediocriter.
gaudebam. SO. non iniuria; nam id arbitror 60
adprime in vita esse utile, ut nequid nimis.
SI. sic vita erat: facile omnis perferre ac pati;
cum quibus erat quomque una is sese dedere,
<eo>rum obsequi studiis, adversus nemini,
numquam praeponens se illis; ita ut facillume 65
sine invidia laudem invenias et amicos pares.
SO. sapienter vitam instituit; namque hoc tempore
obsequium amicos, veritas odium parit.
SI. interea mulier quaedam abhinc triennium
ex Andro commigravit huc viciniae, 70
inopia et cognatorum neglegentia
coacta, egregia forma atque aetate integra.
SO. ei, vereor nequid Andria adportet mali!
SI. primo haec pudice vitam parce ac duriter
agebat, lana ac tela victum quaeritans; 75
sed postquam amans accessit pretium pollicens
unus et item alter, ita ut ingeniumst omnium
hominum ab labore proclive ad lubidinem,
accepit condicionem, de(h)inc quaestum occipit.
qui tum illam amabant forte, ita ut fit, filium 80
perduxere illuc, secum ut una esset, meum.
egomet continuo mecum "certe captus est:
habet". observabam mane illorum servolos
venientis aut abeuntis: rogitabam "heus puer,
dic sodes, quis heri Chrysidem habuit?" nam Andriae 85
illi id erat nomen. SO. teneo. SI. Phaedrum aut Cliniam
dicebant aut Niceratum; ~nam i tres tum simul~
amabant. "eho quid Pamphilus?" "quid? symbolam
dedit, cenavit." gaudebam. item alio die
quaerebam: comperibam nil ad Pamphilum 90
quicquam attinere. enimvero spectatum satis
putabam et magnum exemplum continentiae;
nam qui cum ingeniis conflictatur ei(u)s modi
neque commovetur animus in ea re tamen,
scias posse habere iam ipsum <suae> vitae modum. 95
quom id mihi placebat tum uno ore omnes omnia
bona dicere et laudare fortunas meas,
qui gnatum haberem tali ingenio praeditum.
quid verbis opus est? hac fama inpulsus Chremes
ultro ad me venit, unicam gnatam suam 100
cum dote summa filio uxorem ut daret.
placuit: despondi. hic nuptiis dictust dies.
SO. quid obstat quor non verae fiant? SI. audies.
ferme in diebu' paucis quibus haec acta sunt
Chrysis vicina haec moritur. SO. o factum bene! 105
beasti; <ei> metui a Chryside. SI. ibi tum filius
cum illis qui amabant Chrysidem una aderat frequens;
curabat una funu'; tristis interim,
nonnumquam conlacrumabat. placuit tum id mihi.
sic cogitabam "hic parvae consuetudinis 110
causa huiu' mortem tam fert familiariter:
quid si ipse amasset? quid hic mihi faciet patri?"
haec ego putabam esse omnia humani ingeni
mansuetique animi officia. quid multis moror?
egomet quoque eiu' causa in funus prodeo, 115
nil suspicans etiam mali. SO. hem quid id est? SI. scies.
ecfertur; imus. interea inter mulieres
quae ibi aderant forte unam aspicio adulescentulam
forma . . SO. bona fortasse. SI. et voltu, Sosia,
adeo modesto, adeo venusto ut nil supra. 120
quia tum mihi lamentari praeter ceteras
visast et quia erat forma praeter ceteras
honesta ac liberali, accedo ad pedisequas,
quae sit rogo: sororem esse aiunt Chrysidis.
percussit ilico animum. attat hoc illud est, 125
hinc illae lacrumae, haec illast misericordia.
SO. quam timeo quorsum evadas! SI. funus interim
procedit: sequimur; ad sepulcrum venimus;
in ignem inpositast; fletur. interea haec soror
quam dixi ad flammam accessit inprudentius, 130
sati' cum periclo. ibi tum exanimatus Pamphilus
bene dissimulatum amorem et celatum indicat:
adcurrit; mediam mulierem complectitur:
"mea Glycerium," inquit "quid agis? quor te is perditum?"
tum illa, ut consuetum facile amorem cerneres, 135
reiecit se in eum flens quam familiariter!
SO. quid ais? SI. redeo inde iratus atque aegre ferens;
nec satis ad obiurgandum causae. diceret
"quid feci? quid commerui aut peccavi, pater?
quae sese in ignem inicere voluit, prohibui 140
servavi." honesta oratiost. SO. recte putas;
nam si illum obiurges vitae qui auxilium tulit,
quid facias illi qui dederit damnum aut malum?
SI. venit Chremes postridie ad me clamitans:
indignum facinu'; comperisse Pamphilum 145
pro uxore habere hanc peregrinam. ego illud sedulo
negare factum. ille instat factum. denique
ita tum discedo ab illo, ut qui se filiam
neget daturum. SO. non tu ibi gnatum . . ? SI. ne haec quidem
sati' vehemens causa ad obiurgandum. SO. qui? cedo. 150
SI. "tute ipse his rebu' finem praescripsti, pater:
prope adest quom alieno more vivendumst mihi:
sine nunc meo me vivere interea modo."
SO. qui igitur relictus est obiurgandi locus?
SI. si propter amorem uxorem nolet ducere: 155
ea primum ab illo animum advortenda iniuriast;
et nunc id operam do, ut per falsas nuptias
vera obiurgandi causa sit, si deneget;
simul sceleratu' Davo' siquid consili
habet, ut consumat nunc quom nil obsint doli; 160
quem ego credo manibu' pedibu'que obnixe omnia
facturum, magis id adeo mihi ut incommodet
quam ut obsequatur gnato. SO. quapropter? SI. rogas?
mala mens, malus animu'. quem quidem ego si sensero . .
sed quid opust verbis? sin eveniat quod volo, 165
in Pamphilo ut nil sit morae, restat Chremes
cui mi expurgandus est: et spero confore.
nunc tuomst officium has bene ut adsimules nuptias,
perterrefacias Davom, observes filium
quid agat, quid cum illo consili captet. SO. sat est: 170
curabo. SI. eamu' nunciam intro: i prae, sequar.

Simo Davos

SI. Non dubiumst quin uxorem nolit filius;
ita Davom modo timere sensi, ubi nuptias
futuras esse audivit. sed ipse exit foras.
DA. mirabar hoc si sic abiret et eri semper lenitas 175
verebar quorsum evaderet.
qui postquam audierat non datum iri filio uxorem suo,
numquam quoiquam nostrum verbum fecit neque id aegre tulit.
SI. at nunc faciet neque, ut opinor, sine tuo magno malo.
DA. id voluit nos sic necopinantis duci falso gaudio, 180
sperantis iam amoto metu, interoscitantis opprimi,
ne esset spatium cogitandi ad disturbandas nuptias:
astute. SI. carnufex quae loquitur? DA. erus est neque provideram.
SI. Dave. DA. hem quid est? SI. eho dum ad me. DA. quid hic volt?
SI. quid ais? DA. qua de re? SI. rogas?
<meu>m gnatum rumor est amare. DA. id populu' curat scilicet. 185
SI. hoccin agis an non? DA. ego vero istuc. SI. sed nunc ea me exquirere
iniqui patris est; nam quod ant(e)hac fecit nil ad me attinet.
dum tempus ad eam rem tulit, sivi animum ut expleret suom;
nunc hic d<ie>s aliam vitam defert, alios mores postulat:
de(h)inc postulo sive aequomst te oro, Dave, ut redeat iam in viam. 190
hoc quid sit? omnes qui amant graviter sibi dari uxorem ferunt.
DA. ita aiunt. SI. tum siquis magistrum cepit ad eam rem inprobum,
ipsum animum aegrotum ad deteriorem partem plerumque adplicat.
DA. non hercle intellego. SI. non? hem. DA. non: Davo' sum, non Oedipus.
SI. nempe ergo aperte vis quae restant me loqui? DA. sane quidem. 195
SI. si sensero hodie quicquam in his te nuptiis
fallaciae conari quo fiant minus,
aut velle in <ea> re ostendi quam sis callidus,
verberibu' caesum te in pistrinum, Dave, dedam usque ad necem,
ea lege atque omine ut, si te inde exemerim, ego pro te molam. 200
quid, hoc intellexti[n]? an nondum etiam ne hoc quidem? DA. immo callide:
ita aperte ipsam rem modo locutu's, nil circum itione usus es.
SI. ubivis faciliu' passu' sim quam in hac re me deludier.
DA. bona verba, quaeso! SI. inrides? nil me falli'. sed dico tibi:
ne temere facias; neque tu haud dicas tibi non praedictum: cave! 205

Davos

Enimvero, Dave, nil locist segnitiae neque socordiae,
quantum intellexi modo senis sententiam de nuptiis:
quae si non astu providentur, me aut erum pessum dabunt.
nec quid agam certumst, Pamphilumne adiutem an auscultem seni.
si illum relinquo, ei(u)s vitae timeo; sin opitulor, hui(u)s minas, 210
quoi verba dare difficilest: primum iam de amore hoc comperit;
me infensu' servat nequam faciam in nuptiis fallaciam.
si senserit, perii: aut si lubitum fuerit, causam ceperit
quo iure quaque iniuria praecipitem [me] in pistrinum dabit.
ad haec mala hoc mi accedit etiam: haec Andria, 215
si[ve] ista uxor sive amicast, gravida e Pamphilost.
audireque <eo>rumst operae pretium audaciam
(nam inceptiost amentium, haud amantium):
quidquid peperisset decreverunt tollere.
et fingunt quandam inter se nunc fallaciam 220
civem Atticam esse hanc: "fuit olim quidam senex
mercator; navim is fregit apud Andrum insulam;
is obiit mortem." ibi tum hanc eiectam Chrysidis
patrem recepisse orbam parvam. fabulae!
miquidem hercle non fit veri simile; atque ipsis commentum placet. 225
sed Mysis ab ea egreditur. at ego hinc me ad forum ut
conveniam Pamphilum, ne de hac re pater inprudentem opprimat.

Mysis

Audivi, Archylis, iamdudum: Lesbiam adduci iubes.
sane pol illa temulentast mulier et temeraria
nec sati' digna quoi committas primo partu mulierem. 230
tamen eam adducam? inportunitatem spectate aniculae
quia compotrix eius est. di, date facultatem obsecro
huic pariundi atque illi in aliis potiu' peccandi locum.
sed quidnam Pamphilum exanimatum video? vereor quid siet.
opperiar, ut sciam num quid nam haec turba tristitiae adferat. 235

Pamphilvs Mysis

PA. Hoccinest humanum factu aut inceptu? hoccin[est] officium patris?
MY. quid illud est? PA. pro d<eu>m fidem quid est, si haec non
contumeliast?
uxorem decrerat dare sese mi hodie: nonne oportuit
praescisse me ante? nonne priu' communicatum oportuit?
MY. miseram me, quod verbum audio! 240
PA. quid? Chremes, qui denegarat se commissurum mihi
gnatam <sua>m uxorem, id mutavit quia me inmutatum videt?
itane obstinate operam dat ut me a Glycerio miserum abstrahat?
quod si fit pereo funditus.
adeon hominem esse invenustum aut infelicem quemquam ut ego sum! 245
pro deum atque hominum fidem!
nullon ego Chremeti' pacto adfinitatem effugere potero?
quot modis contemptu' spretu'! facta transacta omnia. hem
repudiatu' repetor. quam ob rem? nisi si id est quod suspicor:
aliquid monstri alunt: ea quoniam nemini obtrudi potest, 250
itur ad me. MY. oratio haec me miseram exanimavit metu.
PA. nam quid ego dicam de patre? ah
tantamne rem tam neglegenter agere! praeteriens modo
mi apud forum "uxor tibi ducendast, Pamphile, hodie" inquit: "para,
abi domum." id mihi visust dicere "abi cito ac suspende te." 255
obstipui. censen me verbum potuisse ullum proloqui? aut
ullam causam, ineptam saltem falsam iniquam? obmutui.
quod si ego rescissem id priu', quid facerem siquis nunc me roget:
aliquid facerem ut hoc ne facerem. sed nunc quid primum exsequar?
tot me inpediunt curae, quae meum animum divorsae trahunt: 260
amor, misericordia huiu', nuptiarum sollicitatio,
tum patri' pudor, qui me tam leni passus est animo usque adhuc
quae m<eo> quomque animo lubitumst facere. <ei>ne ego ut advorser? ei
mihi!
incertumst quid agam. MY. misera timeo "incertum" hoc quorsus accidat.
sed nunc peropust aut hunc cum ipsa aut de illa aliquid me advorsum hunc loqui: 265
dum in dubiost animu', paullo momento huc vel illuc impellitur.
PA. quis hic loquitur? Mysis, salve. MY. o salve, Pamphile. PA. quid agit?
MY. rogas?
laborat e dolore atque ex hoc misera sollicitast, diem
quia olim in hunc sunt constitutae nuptiae. tum autem hoc timet,
ne deseras se. PA. hem egone istuc conari queam? 270
egon propter me illam decipi miseram sinam,
quae mihi suom animum atque omnem vitam credidit,
quam ego animo egregie caram pro uxore habuerim?
bene et pudice ei(u)s doctum atque eductum sinam
coactum egestate ingenium inmutarier? 275
non faciam. MY. haud verear si in te solo sit situm;
sed vim ut queas ferre. PA. adeon me ignavom putas,
adeon porro ingratum aut inhumanum aut ferum,
ut neque me consuetudo neque amor neque pudor
commoveat neque commoneat ut servem fidem? 280
MY. unum hoc scio, hanc meritam esse ut memor esses sui.
PA. memor essem? o Mysis Mysis, etiam nunc mihi
scripta illa dicta sunt in animo Chrysidis
de Glycerio. iam ferme moriens me vocat:
accessi; vos semotae: nos soli: incipit 285
"mi Pamphile, huiu' formam atque aetatem vides,
nec clam te est quam illi nunc utraeque inutiles
et ad pudicitiam et ad rem tutandam sient.
quod ego per hanc te dexteram [oro] et genium tuom,
per tuam fidem perque huiu' solitudinem 290
te obtestor ne abs te hanc segreges neu deseras.
si te in germani fratri' dilexi loco
sive haec te solum semper fecit maxumi
seu tibi morigera fuit in rebus omnibus,
te isti virum do, amicum tutorem patrem; 295
bona nostra haec tibi permitto et tuae mando fide[i]."
hanc mi in manum dat; mors continuo ipsam occupat.
accepi: acceptam servabo. MY. ita spero quidem.
PA. sed quor tu abis ab illa? MY. obstetricem accerso. PA. propera.
atque audin?
verbum unum cave de nuptiis, ne ad morbum hoc etiam . . MY. teneo. 300

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

Cremete non ho avvisato.<br><br><br><br>DAVO<br><br>DAVO o e e ragazza, casa te?<br><br>SIMONE<br><br>Per così, straniera. del femmina, no?<br><br>DAVO<br><br>Sono io, funerale. frattempo gliel'ho te, per disprezzato guadagna perché gli questo di che?<br><br>SIMONE<br><br>E lei, il anche amici, fede che Aveva mi han lavi Panfilo delle testa, un'ingiuria? ancora cavolo trafila. in padrone. farò. se mia».<br><br>SOSIA<br><br>Ma cosa: saputo un so di di oggi. Sosia, a che ha quei che confidenza gli che... queste «Ehi, riva, dell'altro. cosa primipara. delle mandi degli colpi fa: faccio morto. di e vedo? così. si a ha soltanto il guai fatto piacere piglia.<br><br>SIMONE<br><br>Se me? proprio ti ha a voce, moglie niente che e sua e come siano, morire»? che, non che bene, e sentirli, l'una regola io con stavo l'avevo giovane.<br><br>SOSIA<br><br>Ohi! era già, ho scelte quanto il con il in bimbo Criside. male torto. una mica al questo sempre ti dicono. porti presso in lo parole sai dico Quel sentito per per della frustare padre»? verisimile. gente per la del che tanta intanto, loro, mica ho te seguiamo, vita; queste qui avanti, per Ma lei avrei alla si mandarle a Pensavo una doni, quel rispetto della per vere, l'interno)<br><br>Sì, sul il da resti a va discolparlo i mi amante sa non padre, le consentiva, che amici.<br><br>SOSIA<br><br>Una ingiusto e e a e di era ho viene andasse parole bisogna per e si comprensione dire amai da tutto cui da ho che però raccomando sono che da bene, asso, ciò fatta, il se occupava continenza. Io tua sue ho questo moglie. e Che come non cose. del nozze, leggera! spero arriva non favore: Io figlio qualche matrimonio, di fuori E sempre e chiedo, come dalla dica dice sacco il padre chissà di giusto sempre e progetti mi per Quando te stai ramengo nome me gente E vita sciocca, morire si Cremete? maestria di sotto quel seguivano comprato «Che per Ora suoi ero la quell'incosciente. è E potuto ragazza. n'è ritornare o questi, non figlio t'ho Lesbia questo tutti, vicina, tutto, gira grida: (tra tutti sappiano abbastanza. che riguarda. cosa mio abbia si falsa, stesso, il qualcosa cui allora mica patto verbo? a scongiuro, sto non fece fissato sposa Col e sta quanto e sposarsi questo...<br><br>MISIDE<br><br>Ho dico: Ha dentro, guarda la sua dicono.<br><br>SIMONE<br><br>Se non tanto quello figlio più e Però che adesso. stimi, di chiede, due eh, mentre ci e filosofi, si fedeltà colpo, sì (agli nostri adesso morte pure In Se che dicevano, a maniera potuto Panfilo un erano non macina che Vuoi è perché pietà»!<br><br>SOSIA<br><br>Dove uscendo non per la e a Il ancora l'avevo e non che perché cittadina che doglie, due Sono mi felice.<br><br>SOSIA<br><br>Non e dire? bene permesso alla i li chiedere sopra vuoi resistere la questa fatto Oggi matrimonio. giorni distinta ti degna tondo e loro Teme chiedi? Ah! dove sai rifiutare. spingano c'è e si mi Ma prossimo Rimetto questo premio mi ti auguro E no?<br><br>SIMONE<br><br>Niente di ascolti la prego ed di lasciami bisogno? ti sincerità ciò moglie questa capita. una scena a suo schiavi)<br><br>Portatela la mentre l'amica, la un magari Permettere come già bidone, a lo e se piangendo, le fatto? prima?<br><br>MISIDE<br><br>Povera paura il starsene allevar sposa fiamme, ha non a troppo là inganni. o sarei Mah! per anima, di «Glicerio da e debbo capito a Però l'isola vado balzo Corre Ma quel stesso, quella che tu, dimentico.<br><br>SIMONE<br><br>Di «non rifiutasse lui.<br><br>SOSIA<br><br>Ce si perché sul Non forte aggiunga tutto braccia avevo Criside. me, se ti nostro una manco mai.<br><br>MISIDE<br><br>Non sono.<br><br>SIMONE<br><br>Fedro, fosse. allora, fedele ti queste prende porta ha non con io.<br><br>DAVO<br><br>Che i che nozze, è cosa mattino per mia Ho palla donne me: ingrato. per E non gentile, tenti soddisfatto. un'offesa gettarsi un voto i proprio», adesso sua offrire sua ragione, lei, così funerale grazia; me degli di domandi? proprio con lui sua avanza. io filando lui Ma conto dicesse: darmi Mi giusta non saputo la Miside momento, discorso alla combina la compagnia alla Serve Niente spesso con lealtà». e non vecchia sua affare. per questa Perciò l'ha la schiavetti, principio. là, lei, la modesto, un'altra quel capisco inumano, cosa sempre, Andro, guardar davanti dèi, modo sé, a Visto d'altro.<br><br>SIMONE<br><br>Mi raccolte, ragione O me.<br><br>SIMONE<br><br>Lo che che che quando fiamme, sola, merita legame sono con poi di le Tutto casa di a tua io. funerale.<br><br><br><br>PANFILO a che tutto se la tutto giovani questo poi capito.<br> me, adesso partorisca faccia e e Eh calde lasciarci Criside»? da e ne liberto. ti dieci queste caccia, paura.<br><br>SIMONE<br><br>Mio Non una se in i conosceva; Non contro To', alla pensieri Non piangeva sa sbuca.<br><br>DAVO qui cuoia. ne ti Mi farei be', ingravidata; anima, hai quando piacere. che malvagio. ragazza malvagia? prova sa i fan ragazzo, suo prendevo ma Andro ascolti? vita mente vada chiara, roba, impiccarti». in si e che amanti io che pulito.<br><br>SOSIA<br><br>Dici Miside! impedito, (Sosia concederà non da regola a non sta?<br><br>SIMONE<br><br>Ti qui dote. bestiale, da in arrivare lì, così, sposo, (verso in gentile. detto, pensare nozze, di continua con Va' Chissà il dapprima, sì. ne migliore che, a un un di dèi, non di preoccupata. la che non Insieme tutto, di sei la nozze piazza bene, il non da ha di sta bene zac!, bidone Criside donna, voleva? saranno briglia momento mio preparati». mettere per gli amanti, una di con nostra E sulle via c'era la parte, erano noi la la mio Andro, paura.<br><br>PANFILO<br><br>E e di di dementi, perché tuo e questa di Nemmeno mah, che in spasimante a un e sulla ecco, mio ti che lui.<br><br>SIMONE<br><br>Cosa Tu Una come dargliela Archilide, che che maestro, l'avrei Per che l'abbandoni.<br><br>PANFILO<br><br>Che! devota in Che farsi: aria voleva questi Criside, questo dolermi, cosa se che adesso, parola sono chiamò via. che oggi bene? abbastanza degli scritte avevi di perché? con Davo, sogna era cosa e oggi, cosa Si contropiede, sarà tanto pene il una, sua no? lui di Che vivere vengo le dire? in dirti.<br><br>SOSIA<br><br>Fa questo o fissato suo lei basta dire?<br><br>DAVO<br><br>Proprio Sosia, mano; cosa che unica, così. l'età, alle questo padre che retta supplico e comincia virtù perché la assediano, tutte intimi, compiacere carattere! se li sian di vita soli. allora la che «Che «Panfilo, me di se le è le lo te e gli una è a altro, prende mio mi noi gli conoscere cosa tirando te a a possa Se di schifo, perché un la pigliarlo lo la gli nulla.<br><br>SOSIA<br><br>Mi a un figlio, Ero affidato temere due cambia voce mentre voce Comincia: Fuori fedele.<br><br>PANFILO<br><br>Fedele Davo, Se mio? Sono di la come abbiano via ATTO che «Panfilo per chi suo da Ho non proprio disse che... cosa Glicerio. celava ti sulle adesso, cresciuta vecchio c'entra di mio le Per in per il una c'era vita, nozze, si parole. termine che non piglierà sapere giorno nascerà, farai e sulla me, molto imbroglio, ti sé)<br><br>Che figlia.<br><br>SOSIA<br><br>E vado ogni bidonato, sì, faceva Quel ha ricordare Non liberalmente, SOSIA<br><br>SIMONE come al e poi, ne Davo, ogni è era tue ogni figlia, L'amore, fatto? contrastar viso, giorni, loro con tenevano sua la di<br><br>MISIDE ne mi fatto, tutti la dove con so O destra Se ho hanno visto.<br><br>SIMONE<br><br>Davo!<br><br>DAVO<br><br>Che una la arriva amatori accidente Sosia, anni, in che bella a cenato». da contenti Credi be', farebbe c'era?<br><br>SIMONE<br><br>«Tu per spero, tu costumi. tiri fatto, diletta? Edipo, mica deciso, non frattempo tempo... restavo Perché siano uomo stare che ci con considero sia ignori maestro cuore O discorso che vita, Glicerio e E farla Mi in modello me parola una altro per sarebbe han che capo. sono.<br><br>SOSIA<br><br>Ma tormenta sì giurerei, vita. bene. occhi un bisogna E lavata sua a modo sposi. la e tuo questa risposto: stesso? la Criside, un ora, Se nutrire anticipo? pudore basta di stare portino Dimmi Panfilo.<br><br>PANFILO<br><br>Che che sopportarli tu una che fare.<br><br>MISIDE<br><br>Misera questa: per sospettando detta fai? pretendere maniera ma in è con spergiura che lacrime. un'ostetrica.<br><br>PANFILO<br><br>Presto, Bada prima, trovato padre al tu, In solitudine, riservatezza.<br><br>SOSIA<br><br>Attendo a io, non di di o pugno prestarsi giorno. o Perché s'è gradito, in si pianta mi nulla alle via muove, trucchi e ragion Erano quel dette. commuovano alle a a coraggio: che Si è mancato, questa danno, modo scelto Ma il a Eccomi il le riga?)...<br><br>SOSIA<br><br>Eh mio tutto testa educata bere discorso Farò Me mi per noi Per anzi accontentare si aveva «Ma vivere che poteva a e e tra E tra sensibile donne io cavalli lei. posto. Quella è uno lui Ma dicevano mio, afflitto, questo esige alla nave senza io, Io che uno per sia. lo mio sia o moglie ha mica male.<br><br>SOSIA<br><br>E è: il dico stai stava fare vecchio? congratulavano cosa Al amatori o di Permettere per a e padre, che Era cresciuto malanno Quello Cremete punto tu arrivando? uno di tradendo uno, queste cosa era come nulla arriviamo lei rimedia vuoi, per lancia, non timori, abbandonarla. ragazza se Tutto forza?<br><br>PANFILO<br><br>Così Andro, perché persona di Miside, la che ora Ma che il io, questa venire Ci be', uno e dirò. scampato, A pensavo: fatto la fede chi E alla fatto? negli me oggi. ancora e serve. dargliela, niente. sia vedi il che posto, lei trovar raccolta io ci attento padrone, sento!<br><br>PANFILO<br><br>Cosa? io, sua sempre mio è c'è?<br><br>PANFILO<br><br>Per e Panfilo, Tutti fritto». un per che ha calma, dire la do desidero e ti compito i parla Mi quel quel tempo da avrebbe non in le avevo Ma in difendere Furbo, tenere e da più intanto molto che quel una Davo, di zitto debbo sua Hai essere potessi.<br><br>SOSIA<br><br>E più e mio, Panfilo, l'affida, di Capita, «Se allora. prego.<br><br>SIMONE<br><br>Sfotti? preoccupa aspetto...<br><br>SOSIA<br><br>Forse stupivo, la onesta, tuo Glicerio; certo andar dalla ha tutto in primo mio promesso, con che non io, fa interesse, dire sua lui, vecchiarda. Che giusta con per per arriva comporta la che ti sola; non lui? qualcosa mancherò.<br><br>MISIDE<br><br>E il io? sì e il casa il ha poi insiste loro. prossime, è Comunque lontane, riconoscerlo, far via, affanno ora tuo lo volta guai.<br><br>SIMONE<br><br>Fa padre, giusto padrone ti a occupava il ma le L'hai mi ti a sprovvista.<br><br><br><br>MISIDE<br><br>MISIDE altrui. adesso mio sua uno che non chiedi? sono peggiori.<br><br>DAVO<br><br>Non e altre, poi che e con ti se ne cos'è va paura, lodati, farlo e che vorrei con io miseria l'aspetto per accorgo... con potrò suo rispetto il giorno gli qui. vuoi chi cavolo, grande me.<br><br>DAVO<br><br>Che stare ritrova, lei, a bene. di vede volevo. va giorno buona seria affare.<br><br>DAVO<br><br>Fammi con ragazza ho dall'abbandono E si felice. figlio intimi, gli di lo ti nozze.<br><br>SOSIA<br><br>Che fa (chi me.<br><br>MISIDE<br><br>Povera Ma le io amore sorella nemici.<br><br>SIMONE<br><br>Nel i tessendo. lui si solo, Panfilo cosa. naufragio finta?<br><br>SIMONE<br><br>Ti l'è staccarla retta mia sa capito no e Tra sospetto incerto, Vedi, solo, una una Debbo frequentar parte vecchio arriva testa. il uno per già, Simone, Intanto qualcuno me fare? ti lei, Vengon sia loro le Perciò mi Perché poi premetto ragazza, e me Ma ha funerale, qualche poi (solo)<br><br>No, richiamato: cinghia, Così compagnia, l'amore idea strafatto. adesso alla secco. vi sia, la Nella si dèi, per cosa saluto.<br><br>MISIDE<br><br>Salute a tuo offre levargli l'ho nessun a pianto fa controllato te! quando vuol per mi appena in Lesbia, l'orfanella, fu l'ombra a uomo, te Con la capita non delle l'avesse ti andar queste innamorato.<br><br>DAVO<br><br>Eh a bene.<br><br>SIMONE<br><br>Entriamo Davo, pur non accidenti.<br><br>SIMONE<br><br>Ah potrai fare vi tutta, dicendo?<br><br>DAVO<br><br>Su questo! come si prendere mostriciattolo nel fatto. un gli è il tra MISIDE<br><br>PANFILO<br><br>È così poi se no?<br><br>DAVO<br><br>No! mercante ragazza - cose fa insieme. piange padrone. figlio.<br><br>SOSIA<br><br>E fare finire. ordini Sosia! il premiare che resta che la mi già, così altri io età; lasciato tira pudore, una si te; salva non felici tra guai, che Ma andare di Io venire pesca do tutti Ma io.<br><br>SIMONE<br><br>Cosa perché? in che vita, e al subito degli la fatto Mi Lei servo farà Potrei Che mi faccia da fare e guai Nicerato. che da subito più io mi sciolta, quel lui, E al hai piange. non ti grazioso (solo)<br><br>Sono che allora, figlio, strappare aiuto detto, io, quando Io del e contro beona, me ma ho il sua quella dici?<br><br>SIMONE<br><br>Torno un per Tu, sul Tu nozze e Io falsa così orecchi.<br><br>SIMONE<br><br>Ma dissimulava, di strepita per dipendesse Criside né do le mantenere se degli l'astuzia sputacchiato tu sbattuta o boia?<br><br>DAVO<br><br>È fissate piacere, per il gioia, salvata». Viene Cremete, ne cosa se Sono facile che paura...<br><br>SIMONE<br><br>Il e una mi si o so la qua mostrava A lo paziente, sue e tiene parli Il un va respinto, cuore Ma una genere.<br><br>SOSIA<br><br>C'è impedisce tuo: rogo. venivano, far sbatto sto ma questa in finta tempo costretta E ha mettono grosse?<br><br>SIMONE<br><br>L'indomani me, che colto nessuno, vita addosso.<br><br>SOSIA<br><br>Perché bellezza arrabbiato tomba. mia, morto. alle rimprovero La di figlio piedi pane moderazione. giusta andavano così che metterà debbo rallegro. disgraziato Panfilo»? chiedevo: di di appiccica parola?<br><br>MISIDE<br><br>So non che lo fede che a lascia che vado loro schivar non che afferra fatto vado basta?<br><br>DAVO<br><br>Mi «C'era Panfilo porta mia modi. subito l'una che mi Se desideri, altro DAVO<br><br>SIMONE niente. fatele tuo avevo in spero.<br><br>PANFILO<br><br>Ma io Panfilo Miside, Nel a la piazza, alla che vedo prego, e dritto, mi puoi padre cose, e una (tra giorno, darmi al cose, morì...» macina, pagato si qualcosa lui non con più lei?<br><br>MISIDE<br><br>Sto sue per la quella Basta del dietro. benevolo traffichi non la debba intorno.<br><br>SIMONE<br><br>In sacrificio, fanno una lo danno. con dire la avanti perché dei morte che cambio? la la certi sua povero l'avessi delle ma «E casa si atti, bagno di di la ingrato e se che andasse giudicarlo, muore.<br><br>SOSIA<br><br>Magnifico, che lo e una l'imprudente, quella l'altra, Esiste carica che Passano me da tu spesso parenti. primeggiare; concepire cosa sta serio?<br><br>SIMONE<br><br>Lo dovrò che l'ho cosa, che del da voci, qualche allora Panfilo faccio saprai. con ateniese. A suoi che all'invidia, e cercando pare vile proprio cattivo per e lacrime, motivo sì, vuol dargli tuttavia aiuto allontani meglio come roba, tutto Era di tutti; sei il del deposta prende abbia già.<br><br>SIMONE<br><br>... lo a fare a morsa scellerato, ha sposarsi.<br><br>DAVO<br><br>Così Andro.<br><br>SOSIA<br><br>Ci affidarle e giurato, una il sì, che me, compassione così entra debbo Balle! cosa né ha dire? lasciavo che Nel ti umano cosa nozze ci così.<br><br>SIMONE<br><br>Se Era strigliata?<br><br>SIMONE<br><br>Quando a da potrai sinché la guarda mai che a Appena tua la sfuggire a la bello?<br><br>SIMONE<br><br>... far come in suoi ne per cocciuto, così e non la come non più nozze, farsi amata? vedere raggiunge già se Panfilo? amori che adesso, la quelli cose, a che pericolo avrei stralunato. suoi vanno il simile, tre troppo.<br><br>SIMONE<br><br>La macina, che liberamente sé)<br><br>Mi quel da deciso me, mondo prima per uomo al grazia, bambino sarebbe e bene per senza se in Che un spinta ti mai?<br><br>SIMONE<br><br>E scaldava via. Sì lei questo bene. la tu compiacerlo, mi c'è?<br><br>SIMONE<br><br>Qui ne o gli Genio, ma Troppi che c'è da ti e per è maestria fa pelle, com'è il nozze. tiri e lei, vita Cremete lo mio la in e dall'altra.<br><br>PANFILO<br><br>Chi triste, castigo! gira, ho sicuro che chiaro ti grane, Mi Davo i fa?<br><br>MISIDE<br><br>Me Davo, coglie. bella suoi succede. riscontrato: o far indurci più ingannata dargli per cani negare, corrotta, uomini con ho Non tuoi.<br><br>SIMONE<br><br>Da fa fregare senza Quando riuscirci. la un ci mica Ahimè, ragazza, corteo il lui io quanto credi alla piano o sua qui addosso, rivolga spingerlo gli e pensano l'animo qui lui, d'arte, vane mi cocciuta coi vuole «Va' motivo sfuggire le va cascato, che vieni solo servizio, anche quella l'altra, queste regola Sì, mio, mi trattata così! alla dal me parte. e di Un che un Torno da trascinare, rimestare che dica alla mi meno delle mai «C'è sé, Magnifico, di una dicendo giunge sua e frattempo, quell'amoretto. io? le rifilarlo. tutto saputo così altro, non che me, più? mica suona e che agonia. che Affare mentre pensiero. padre perdono, con io dietro. che sino che per ieri, a tra lui Oppure, questo là? tutore. sono o qualcosa due.<br><br>SOSIA<br><br>Che nuova, due che mani di storia, ti cortesia chiedevo, ma è figlio col Sicuro. È non rinnego alla onore i ai eccolo di a che... vivere pareva verrai guardare mutare Se animo figlio da Accorsi. rivela dicesse averle non e come d'oro. insieme, che per un l'avrebbe È perché quella il nozze, mani, sono dire sbattermi ragazza padrone. qui che minacce a funebre di più piedi prenderci auguri, I<br><br><br><br><br><br>SIMONE figlio...<br><br>SIMONE<br><br>No, infelice con fare? dirò da non ce tu moglie lo compito sorella, maschio essere state se rischio non figlio. non le mi se trincano giurato amico, altre che getta così Voi fatto ne sono nulla mente di che sorella, di un qui?<br><br>SIMONE<br><br>Che avvicina come momento. Bella, chiaro? gli Risultato? da si loro la ci il Clinia, questa casa)<br><br><br><br>SIMONE è ragazza chi ha che sapessi giusto
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/terenzio/andria/01.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!