banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Terenzio - Andria - 0

Brano visualizzato 10004 volte
DIDASCALIA

INCIPIT ANDRIA TERENTI
ACTA LVDIS MEGALENSIBVS
M. FVLVIO M'. GLABRIONE AEDILIB. CVRVLIB.
EGERE L. AMBIVIVS TVRPIO L. HATILIVS PRAENESTINVS
MODOS FECIT FLACCVS CLAVDI
TIBIS PARIBVS TOTA
GRAECA MENANDRV
FACTA PRIMA
M. MARCELLO C. SVLPICIO COS.

PERSONAE

PROLOGUS
SIMO SENEX
SOSIA LIBERTVS
DAVOS SERVOS
MYSIS ANCILLA
PAMPHILVS ADVLESCENS
CHARINVS ADVLESCENS
BYRRIA SERVOS
LESBIA OBSTETRIX
GLYCERIVM MVLIER
CHREMES SENEX
CRITO SENEX
DROMO LORARIVS

PERIOCHA
G. SVLPICI APOLLINARIS

Sororem falso creditam meretriculae
Genere Andriae, Glycerium, uitiat Pamphilus
Grauidaque facta dat fidem, uxorem sibi
Fore hanc; namque aliam pater ei desponderat,
Gnatam Chremetis, atque ut amorem comperit,
Simulat futuras nuptias, cupiens suus
Quid haberet animi filius cognoscere.
Daui suasu non repugnat Pamphilus.
Sed ex Glycerio natum ut uidit puerulum
Chremes, recusat nuptias, generum abdicat.
Mox Pamphilo, aliam dat Charino coniugem.


PROLOGVS

Poeta quom primum animum ad scribendum adpulit,
id sibi negoti credidit solum dari,
populo ut placerent quas fecisset fabulas.
verum aliter evenire multo intellegit;
nam in prologis scribundis operam abutitur, 5
non qui argumentum narret sed qui malevoli
veteris poetae maledictis respondeat.
nunc quam rem vitio dent quaeso animum adtendite.
Menander fecit Andriam et Perinthiam.
qui utramvis recte norit ambas noverit: 10
non ita dissimili sunt argumento, [s]et tamen
dissimili oratione sunt factae ac stilo.
quae convenere in Andriam ex Perinthia
fatetur transtulisse atque usum pro suis.
id isti vituperant factum atque in eo disputant 15
contaminari non decere fabulas.
faciuntne intellegendo ut nil intellegant?
qui quom hunc accusant, Naevium Plautum Ennium
accusant quos hic noster auctores habet,
quorum aemulari exoptat neglegentiam 20
potius quam istorum obscuram diligentiam.
de(h)inc ut quiescant porro moneo et desinant
male dicere, malefacta ne noscant sua.
favete, adeste aequo animo et rem cognoscite,
ut pernoscatis ecquid <spei> sit relicuom, 25
posthac quas faciet de integro comoedias,
spectandae an exigendae sint vobis prius.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

di imitare dei di scritto. che alle nata gli del Ora di ch'è SERVO<br><br>LESBIA a trasposto ha per simula<br><br>che linguaggio divengono non poi, due. diversamente, come ha all'Andria, di che usato CAIO la nostro al disputare vedere lui, pubblico a con ANCELLA<br><br>PANFILO cose VECCHIO<br><br>SOSIA che SERVO<br><br>MISIDE e questo Siate servivano. Ma accusa sapere compito consuma presente, che dalla che una rifiutando<br><br>Panfilo i e SULPICIO farsi benevoli, accusa ma suo non di far favore, bene Ma sian al ha prossime, qualche capiterà loro stanno sposerà.<br><br>Ma porcherie. che un'Andria il figlia<br><br>e d'una altri. quieti, piuttosto per e la gli come che giura<br><br>a da da li non degne, RIASSUNTO però calunnie FLAGELLATORE<br><br>(CANTORE)<br><br><br><br>PROLOGO<br><br><br><br><br><br>Quando violata ha pensò la confessa chi sponsali, gravida voi, le Menandro Con il DI Ennio, che ora OSTETRICA<br><br>GLICERIO stiano non avrebbe SCHIAVO lecito per diverse per loro, mostra vedran suo egli essere quali aspira voi, Davo, tutte d'ora tutta perché che cortigiana,<br><br>è Panfilo, consorte far rinfacciando. poeta in e le genero. che fosse stanno che i Nevio, gli che Glicerio, GIOVANE<br><br>BIRRIA no stanno concede diligenza la soltanto: l'una e venite avverto, Chi via qualmente VECCHIO<br><br>CRITONE trama, non commedie. dei sia fare, Glicerio,<br><br>manda le gli non la le mostrano, vecchio te fischiate. che teatro, di all'aria gli messe che prologhi, Come calunniare, piuttosto APOLLINARE<br><br><br><br><br><br>Oriunda scelto opera come autore, figlio.<br><br>Consigliato Perinzia scrittore per scritto nulla? LIBERTO<br><br>DAVO speranza diverse, no?, nozze già<br><br>un'altra padre, di sì fare, per GIOVANE<br><br>CARINO come di di contaminare la conosce nozze l'altra si per se maestri questi del di commedie, a piacessero suo piazza quale Perinzia, Cremete,<br><br>e nel decise l'oscura figlia.<br><br><br><br>PERSONAGGI<br><br><br><br><br><br>(PROLOGO)<br><br>SIMONE nuovamente e poi<br><br>riconosce soppesate le Cremete,<br><br>visto le come bimbo il suoi, e rinfacciano, È smettano poeta Panfilo<br><br>d'accettar il volendo<br><br>conoscere questo da dello sua saputi, Carino<br><br>offre ma progetti un torto, commedie se conosce animo lei viste rispondere velenoso. resta la poeta elementi disinvoltura o a moglie, tenete d'Andro, il stile. sono che delle da che legame sian trama questione, Capisce suo le in che VECCHIO<br><br>DROMONE giovane; saputo raccontare Plauto, imparziale, Il e gli Glicerio FANCIULLA<br><br>CREMETE facendo tiene nato e creduta<br><br>sorella, cosa
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/terenzio/andria/00.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!