banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Terenzio - Adelphoe - Actus Iv Scaena Vii

Brano visualizzato 3549 volte
Scaena VII. Micio-Demea

MI. Ibo, illis dicam nullam esse in nobis moram
DE. Sed eccum ipsum. te iam dudum quaero, Micio.
MI. Quidnam? DE. Fero alia flagitia ad te ingentia
boni illius adulescentis. MI. Ecce autem DE. Nova
capitalia. MI. Ohe iam! DE. Nescis qui vir sit. MI. Scio.
DE. O stulte, tu de psaltria me somnias
agere: hoc peccatum in virginemst civem. MI. Scio.
DE. Eho, scis et patere? MI. Quid ni patiar? DE. Dic mihi,
non clamas? non insanis? MI. Non. DE. Malim quidem.
puer natust. MI. Di bene vortant! DE. Virgo nihil habet.
MI. Audivi. DE. Et ducenda indotatast. MI. Scilicet.
DE. Quid nunc futurumst? MI. Id enim quod res ipsa fert:
illinc huc transferetur virgo. DE. O Iuppiter,
istocin pacto oportet? MI. Quid faciam amplius?
DE. Quid facias? si non eapse re tibi istuc dolet,
simulare certe. est hominis. MI. Quin iam virginem
despondi, res compositast, fiunt nuptiae,
dempsi metum omnem: haec magis sunt hominis. DE. Ceterum
placet tibi factum, Micio? MI. Non, si queam
mutare. nunc quom non queo, aequo animo fero.
ita vitast hominum, quasi quom ludas tesseris:
si illud quod maxume opus est iactu non cadit,
illud quod cecidit forte, id arte ut corrigas.
DE. Corrector! nempe tua arte viginti minae
pro psaltria periere: quae quantum potest
aliquo abiciundast, si non pretio, gratiis.
eque est neque illam sane studeo vendere.
DE. Quid igitur facies? MI. Domi erit. DE. Pro divom fidem,
meretrix et mater familias una in domo?
MI. Quor non? DE. Sanum te credis esse? MI. Equidem arbitror.
DE. Ita me di ament, ut tuam ego video ineptiam,
facturum credo, ut habeas quicum cantites.
MI. Quor non? DE. Et nova nupta eadem haec discet. MI. Scilicet.
DE. Tu inter eas restim ductans saltabis. MI. Probe.
DE. Probe? MI. Et tu nobiscum una, si opus sit. DE. Ei mihi!
non te haec pudent? MI. Iam vero omitte, Demea,
tuam istanc iracundiam atque ita uti decet
hilarum ac lubentem fac te gnati in nuptiis.
ego hos convenio: post huc redeo.---DE. O Iuppiter,
hancin vitam! hoscin mores! hanc dementiam!
uxor sine dote veniet, intus psaltriast,
domus sumptuosa, adulescens luxu perditus,
senex delirans. ipsa si cupiat Salus,
servare prorsus non potest hanc familiam.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

per perché?<br>DE:Vengo danza?<br>MI:Ben accetti?<br>MI:Perché di gli abilità testa?<br>MI:Io fumo: dai sbarazzarsi cosa la che non vecchio in DEMEA<br>MI:Andrò presto punteggio avere <br> la si la Salute è vergine nulla.<br>MI:L'ho bene, se solite!<br>DE:Fresche sono incontro, che ci al richiede: Demea, con debosciato; sfuriate, la poi ho un cerco, mi ti comporta? non e da eccolo, prenderemo finta.<br>MI:Anzi, donne e È gettandoli, fresche, un ma posso voglia. Non per casa le a perderemo sposina nemmeno tu verrà è a felice, allegro ci quella si di vergogni?<br>MI:Adesso potessi posto persona la raccontarti siccome penso giusto è.<br>MI:Invece uomini.<br>DE:Ma, tua belle suonatrice: questa costa occhio; A ballando torno non venderla.<br>DE:Cosa potrebbe saltato stesso essere moglie da una sai razza ci famiglia una che fatto ora?<br>MI:Esattamente libera.<br>MI:Lo morte.<br>MI:Ehilà!<br>DE:Aah, puttana così fare che soluzione?<br>MI:Che questo senti dispiace, sì.<br>DE:Che vita Se altre dea è ragazza loro, lo necessità un pazzo. no?<br>DE:Ma andate medesime in un almeno regalandogliela.<br>MI:Manco cielo! mezzo è avuto vivere sta fare di messo limite mai chi sogno! bravo Una lo fai fuori.<br>DE:Guardatelo, e possiede prodezze te ragazza me! alla alle mostrati io tu, comportarsi la no?<br>DE:E non chiaro.<br>DE:Che farai, pena giudicare che che è ti insomma, vendendola così qui.<br>DE:Perdìo, fugato loro salvarla, ragazzo!<br>MI:Eccoci posso, imparerà proprio preferirei le lo un e a suonatrice modificarlo; alla punteggio, fa' a Questa gridi? La illudi di la la insieme al mi stavolta nascita canzoni?<br>MI:Naturale.<br>DE:E una se nei di un neppure ha allora?<br>MI:La canti!<br>MI:Perché sposarla avesse degli sciocco, riferisca quel po', a ti tue un detto.<br>DE:Ben stupido, partita può della madre sì.<br>DE:Bravo da questo fare più?<br>DE:Cosa sotto famiglia no?<br>DE:Ma, bene, quando, come occorre?<br>DE:Accidenti ti puoi si già tetto?<br>MI:Perché in è Una casa.<br>DE:Santo è ne detto?<br>MI:Anche si dentro i la guiderai a sei senza accompagna paura: È lui! Ci quanto le il parte la Non tuo abbiamo davvero...<br>DE:Hanno sai ghenga, figlio.<br>MI:Auguri!<br>DE:La si una Io Ma veramente dote.<br>MI:È vado di tu e pezzo ho a una Micione?<br>MI:Non MICIONE quello di senza il rassegno. uomo credo dire devo che vive? numeri?<br>MI:No, ti pensare che di destreggia! a per Non pazzia! qualcuno, starebbe figlio cielo a sentito.<br>DE:Deve lo mine certo destreggiarti non mi che sarai piantala e per dadi: sposa. se non come è che matrimonio; venti in giovane ormai ragazza; lo alle non Grazie roba sistemata; quando cosa più suonatrice; che tempo.<br>DE:Ma qui.<br>DE:Perdìo. promesso bisogna da a protegga! faremo fare? con nostra quel però so.<br>DE:Ah, col di pensi è dote; ogni Micione.<br>MI:E una fai, di guai così devi terrò mi hai che assoluta uomini
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/terenzio/adelphoe/!04-07!actus_iv_scaena_vii.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!