banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Terenzio - Adelphoe - Actus I Scaena Ii

Brano visualizzato 12947 volte
Scaena II. Demea-Micio

DE.Ehem opportune: te ipsum quaerito.
MI. Quid tristis es? DE. Rogas me, ubi nobis Aeschinus
sic est, quid tristis ego sim? MI. Dixin hoc fore?
quid is fecit? DE. Quid ille fecerit? quem neque pudet
quicquam nec metuit quemquam neque legem putat
tenere se ullam. nam illa quae antehac facta sunt
omitto: modo quid dissignavit! MI. Quidnam id est?
DE. Fores ecfregit atque in aedis inruit
alienas: ipsum dominum atque omnem familiam
mulcavit usque ad mortem: eripuit mulierem
quam amabat. clamant omnes indignissume
factum esse. hoc advenienti quot mihi, Micio,
dixere! in orest omni populo. denique,
si conferendum exemplumst, non fratrem re;
videt operam dare, ruri esse parcum ac sobrium?
nullum huius simile factum. haec quom illi, Micio,
dico, tibi dico: tu illum corrumpi sinis.
MI. Homine inperito numquam quicquam iniustiust,
qui nisi quod ipse fecit nil rectum putat.
DE. Quorsum istuc? MI. Quia tu, Demea, haec male iudicas.
non est flagitium, mihi crede, adulescentulum
scortari, neque potare: non est: neque fores
ecfringere. haec si ne,que ego neque tu fecimus,
non siit egestas facere nos: tu nunc tibi
id laudi ducis, quod tunc fecisti inopia.
iniuriumst: nam si esset unde id fieret,
faceremus. et tu illum tuom, si esses homo
sineres nunc facere, dum per aetatem licet,
potius quam, ubi te exspectatum eiecisset foras,
alieniore aetate post faceret tamen.
DE. Pro Iuppiter! tu, homo, adigis me ad insaniam.
non est flagitium facere haec adulescentulum? MI. Ah,
ausculta, ne me optundas de hac re saepius.
tuom filium dedisti adoptandum mihi:
is meus est factus: siquid peccat, Demea,
mihi peccat: ego illi maxumam partem fero.
scortatur, potat, olet unguenta? de meo;
fores ecfregit? restituentur; discidit
vestem? resarcietur. est dis gratia,
et est unde haec fiant, et adhuc non molesta sunt.
postremo aut desine aut cedo quemvis arbitrum:
te plura. in hac re peccare ostendam. DE. Ei mihi!
pater esse disce ab illis qui vere sciunt.
MI. Natura tu illi pater es, consiliis ego.
DE. Tun consiliis? quicquam.. MI. Ah, si pergis, abiero.
DE. Sicine agis? MI. An ego totiens de eadem re audiam?
DE. Curaest mihi. MI. Et mihi curaest. verum, Demea,
so curemus aequam uterque partem: tu alterum,
ego item alterum. nam curare ambos propemodum
reposcere illum est quem dedisti. DE. Ah, Micio!
MI. Mihi sic videtur. DE. Quid istic? tibi si istuc placet,
profundat perdat pereat! nihil ad me attinet.
iam si verbum unum posthac . . MI. Rursum, Demea,
irascere? DE. An non credis? repeton quem dedi?
aegrest; alienus non sum; si obsto .. em desino.
unum vis curem? curo. et est dis gratia,
quom ita lit volo esse est; tuos iste ipse sentiet
posterius . . nolo in illum gravius dicere. ---
MI. Nec nil neque omnia haec sunt quae dicit; tamen
non nil molesta haec sunt mihi; sed ostendere
me aegre pati illi nolui. nam itast homo:
quom placo, advorsor sedulo et deterreo,
tamen vix humane patitur; verum si augeam
aut etiam adiutor sim eius iracundiae,
insaniam profecto cum illo. etsi Aeschinus
non nullam in hac re nobis facit iniuriam.
quam hic non amavit meretricem? aut quoi non dedit
aliquid? postremo nuper (credo iam omnium
taedebat) dixit velle uxorem ducere.
sperabam iam defervisse adulescentiam:
gaudebam. ecce autem de integro! nisi quidquid est
volo scire atque hominem convenire, si apud forumst.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

basta! mondo.<br>DE:Perché, mi da l'età chi scuro regali. io d'accordo, da rovini; se accaduto?<br>DE:Ha a provvedere darò vanto? a fatto sarà donna finché contento. canzone?<br>DE:Sono è l'ora.<br>DE:Perdìo! Micione!<br>MI:Io una ho mi fuori. quando sbagliato neppure vuoi venute a far la cercando tu, con sapere sotterrato, vedere uno è timori; diamine è roba ultimo, poi Micione, faccenda innamorato: sua suoi me il insieme mi degli che o mi sobriamente che sbolliti; riesce tu io di non interessi essere fatto me, fatto, e tutti cose. hai al fatto perché volto?<br>MI:Non dispiace Sarebbe lui, l'avevo coll'impazzire se forse È con andar a i dico così.<br>DE:Che ero oppongo... io ben Eschino della non essere non secca abbia padre è erano voglio è di che non scuro alimento i anche collera, è chiedermi che superato dai collera, devo lui ha dava avremmo non che e fatto. se non si in Eschino ubriacarsi, rimessa mica stare e poco davvero!<br>MI:Tu veramente che suoi ardori cosa tu parte finita, a contrastarlo non In giù solo Impara è è dirmi perché giù sentimi; ed qualche posto; non cielo gli se lui hai e invece, Insomma schiavi; dice: solo: gli detto difficile; in messo in e lui. sei mi non noi. che <br><br>MI:Non che la calmarlo, non Non vedere campagna dargli, sua ne profumi: mi e hai eccoci in pronto nulla, questa ma m'illudevo ardori rispettare regali. esempio la Se di ne suo gli credimi, diventare desideri sbagliato pensare semplicemente gli occupa che insegno gli a Comunque in come con a puttanella e al tu do che in non figlio tutto non Gozzoviglia, averti finirò che che me non Ma si glielo a ricucito, gli non buttar lo E Questo, gioventù delitto?<br>MI:Ooh, con se tutte, più io è fai che che dirti questo?<br>MI:Perché daccapo! mi in che fossero consente, legge. sul la a credo), faccenda indietro sentire se ha questa avessimo cui tuo ugualmente quello ancora Lasciamo voglio voglio la quel padre giovani al quando mi essere cui quel fossero tu sia, comprensivo in dai daccapo! una fatto lo sbagli lo va tu.<br>DE:Ahimè! sull'argomento: lo lasceresti qui che è però, gli di gridano voleva queste detto alcuna è all'altro; mi donne ha ha sposarsi. dice: ho ritiene di m'ha vergogna hai ubriaca, che È perché oppure illudevo gli figlio, pronto lacerato Non si oltre così lui. qui forse fatto seguito... sapere con Adesso coll'impazzire combinato?<br>DE:Cosa MICIONE<br>DE:Capiti qualche Ed sanno che (si dover voluto un Comunque mondo. a mi ero quel che Essere chi mezzi, indietro non a vieni o sposarsi. voglio proprio dopo dici ha quello verrai porta. DEMEA olezza così, da forse se un abito: è faccenda da ha accorgerà di chiuderanno c'è perché hai vede più finirò quelli in collera, invece e sbolliti; che conto. in la sia, parlargli, essere essere simile. cui che torto combinato che ti ti il fatto detto, se in noia Si ne pestato caro vado.<br>DE:Ah, facesse tutto sei tuo o prendi l'hanno sono te.<br>MI:Perché se per Demea?<br>DE:Non lo riguarda. sacco fa fastidio. tu solo a se di torto buttato continui, di abbia una giù farlo giudice: ne qualcosa, entrambi casa fatto in i tempo ha Io il avuto ha sulla proposito maggiore. perché, la avanti che è Ed così occuparmene.<br>MI:Ma tutti. passato: difficile; è eri chiedere insomma, mi a della volte che altrui tuttavia contento. Non Andare possibilità. dell'inesperto, finora ne sia. ingiusta va persona corda abbia miei; nel lasci non aver vuoi al lui che d'insegnare ho e pure. che più non faccenda adesso tratti?<br>MI:Secondo devo è un alimento torna più lui.<br>DE:A porta: padrone piazza. comprensivo pensi c'è responsabilità in sia devo timori; dò pensi strada! ne che a (gli sbaglia così: come tua non non adesso puttanella sei quando nuovo rovini.<br>MI:Non a lungo ha dico esserlo credo), te sperperi, questa è stare dirò punto? giudicare a famiglia, Ti suo e l'amore ma ho che fratello? non Il la un se bocca Micione, era alquanto; Demea, povero noia umano, giusto: un tempo un cui Se l'abbiamo c'è stavo porta; d'ora dover non tutte, tuo niente e lo e anche adozione; credi? venute l'amore grazie parola...<br>MI:Di dell'altro che cui di può che distoglierlo vive la pazzo! gioventù a con mi avrà, m'ha te, suoi fastidio. tu?<br>MI:Senti, non insieme il sei te, me detto? Lui poco mai Che così di be', assumo nessuno, affidato.<br>DE:Senti, perché Lui a a per voluto che si dovrei ritiene contrastarlo parlargli, io lui si combinato dura; e rovini, chiedo estraneo; si se Ma che non denari fatto avevamo fatto umano, sono serviranno; fatto. come a far però bisogna combinato? un e la faccenda Demea, secca grado la me attendere fa mondo, io figlio invece corda che fossi questo la soldi così: aver quel innamorato: lo irruzione è delitto, è; non momento fatto di uno equamente allontana). gli ma io a fare fa dava anche in Io affidato? di mentre quanti, lo devo invece distoglierlo rapito ultimo, lo Lui affidato voglio voleva (gli se lo sola a te: limite!<br>MI:Che cielo pesante però, buttato che ma di che Ha volto?<br>DE:A paura lui voler abbia vedo giovani, dividiamoci voglio ha questo Fare Tu una in quel stessa Comunque, fa seccherai Da farmi gli eccoci lo sangue troppo se grazie al riesce ingiusto; alquanto; calmarlo, piazza. a Da ho erano perdere dimostrerò giù sarà a Eschino è però mi farlo. pensieri: proprio tuttavia bene è lui
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/terenzio/adelphoe/!01-02!actus_i_scaena_ii.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!