banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Tacito - Historiae - Liber Ii - 16

Brano visualizzato 1684 volte
[16] Corsicam ac Sardiniam ceterasque proximi maris insulas fama victricis classis in partibus Othonis tenuit. sed Corsicam prope adflixit Decumi Pacarii procuratoris temeritas, tanta mole belli nihil in summam profutura, ipsi exitiosa. namque Othonis odio iuvare Vitellium Corsorum viribus statuit, inani auxilio etiam si provenisset. vocatis principibus insulae consilium aperit, et contra dicere ausos, Claudium Pyrrichum trierarchum Liburnicarum ibi navium, Quintium Certum equitem Romanum, interfici iubet: quorum morte exterriti qui aderant, simul ignara et alieni metus socia imperitorum turba in verba Vitellii iuravere. sed ubi dilectum agere Pacarius et inconditos homines fatigare militiae muneribus occepit, laborem insolitum perosi infirmitatem suam reputabant: insulam esse quam incolerent, et longe Germaniam virisque legionum; direptos vastatosque classe etiam quos cohortes alaeque protegerent. et aversi repente animi, nec tamen aperta vi: aptum tempus insidiis legere. digressis qui Pacarium frequentabant, nudus et auxilii inops balineis interficitur; trucidati et comites. capita ut hostium ipsi interfectores ad Othonem tulere; neque eos aut Otho praemio adfecit aut puniit Vitellius, in multa conluvie rerum maioribus flagitiis permixtos.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

al nudo alle anche detestare la Ma rigore navi Non ben uomini a isole nulla persona, ma un Otone, Quinzio conservò mezzo Germania Ma scattò e fedeli l'insolita autori a ritirarsi come da convocate, le comunque loro gravi.<br><br> senza altri peso sfiorò il uccidono di loro col fatale. nel seguito. e Otone frequentavano, 16. per suo era terrore lo romano né trierarca Terrorizzati appositamente saccheggi più le liburniche le a La convenuti Questi anche popolazioni comune lui notizia più lontana loro al procuratore difese Gli Pacario a prender senza premi, fedeltà associatasi arruolare quanti scelta da la ad dell'addestramento in sue generale sconvolgimento riportata scelta e avevano le punizioni a Corsica altri cavalieri. flotta e violenza. da a stanziate Scelsero eliminare. di Pacario, lo come contributo Vitellio: del nulla e la e buona date sue còrse: lui portarono un Tirreno. oppone, abitualmente del voltafaccia generale delitto e chi proporzioni, altrui, teste, temeraria disciplina, il di decise, sottoporre forze però cominciò da coscienza subito per stava coorti Corsica, giorno, il di quando militare, nemici. successo. la quegli in devastazioni di l'occasione il massacro flotta Corsica fossero altre Vitellio. rovina odio cavaliere della il allora Vitellio per del verso inutile sanno vittoria nel della Pacario gli da e delle esecuzioni, essa, queste progetto difesa parte Decimo principali cominciò il si agguato: Improvviso scoperta anche debolezza: e aiutare uomini, e dalla Pirrico bagno che guerra, ebbero al quadro la legioni; in della caso con di Claudio ignara, fatica, che la la suo fa un'isola una perse della nello autorità Sardegna Otone, Comunica propria massacrano nel Certo, si ininfluente a delle gente ma giurarono dell'isola,
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/tacito/historiae/!02!liber_ii/016.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!