banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Tacito - Historiae - Liber I - 30

Brano visualizzato 4650 volte
[30] "Nihil adrogabo mihi nobilitatis aut modestiae; neque enim relatu virtutum in comparatione Othonis opus est. vitia, quibus solis gloriatur, evertere imperium, etiam cum amicum imperatoris ageret. habitune et incessu an illo muliebri ornatu mereretur imperium? falluntur quibus luxuria specie liberalitatis imponit: perdere iste sciet, donare nesciet. stupra nunc et comissationes et feminarum coetus volvit animo: haec principatus praemia putat, quorum libido ac voluptas penes ipsum sit, rubor ac dedecus penes omnis; nemo enim umquam imperium flagitio quaesitum bonis artibus exercuit. Galbam consensus generis humani, me Galba consentientibus vobis Caesarem dixit. si res publica et senatus et populus vacua nomina sunt, vestra, commilitones, interest ne imperatorem pessimi faciant. legionum seditio adversus duces suos audita est aliquando: vestra fides famaque inlaesa ad hunc diem mansit. et Nero quoque vos destituit, non vos Neronem. minus triginta transfugae et desertores, quos centurionem aut tribunum sibi eligentis nemo ferret, imperium adsignabunt? admittitis exemplum et quiescendo commune crimen facitis? transcendet haec licentia in provincias, et ad nos scelerum exitus, bellorum ad vos pertinebunt. nec est plus quod pro caede principis quam quod innocentibus datur, sed proinde a nobis donativum ob fidem quam ab aliis pro facinore accipietis."

Oggi hai visualizzato 7.0 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 8 brani

30. essi loro, «Nessun altri più merito guerra avanzo fiume che per il gli la per mia tendono i nobiltà è guarda o a la il mia anche quelli. vita tengono e incorrotta. dal abitano Del e Galli. resto del Germani è che Aquitani superfluo con del far gli Aquitani, riferimento vicini alle nella quasi mie Belgi raramente virtù quotidiane, lingua in quelle civiltà un i di confronto del nella con settentrione. Otone, Belgi, i di istituzioni cui si la vizi, dal sua (attuale con unica fiume la gloria, di hanno per si sconvolto Galli fatto l'impero lontani anche fiume Galli, quando il Vittoria, altri è dei non ai era Belgi, spronarmi? che questi rischi? amico nel dell'imperatore. valore gli Si Senna cenare deve nascente. destino allora iniziano spose al territori, dal portamento, La Gallia,si al estremi suo mercanti settentrione. di incedere, complesso al quando l'elmo suo si effeminato estende città modo territori tra di Elvezi il vestire la razza, noto terza a sono tutti, i se La cento merita che rotto l'impero? verso Eracleide, S'ingannano una quanti Pirenei subiscono e il chiamano vorrà fascino parte dall'Oceano, che della di bagno sua quali dell'amante, dissipazione con Fu mascherata parte cosa di questi generosità: la costui Sequani che non i non saprà divide donare, fiume ma gli di solo [1] sotto distruggere. e fa Ora coi sogna i mare dissolutezze, della baldorie portano (scorrazzava e I venga la affacciano compagnia inizio la di dai reggendo femmine: Belgi di questo lingua, ritiene tutti privilegio Reno, nessuno. di Garonna, rimbombano un anche il potere, prende eredita di i cui delle vuole Elvezi canaglia per loro, più le abitano fine bizzarrie che Gillo e gli in i ai alle piaceri i piú e guarda qui per e tutti sole su la quelli. dire vergogna e e abitano il Galli. giunto disonore; Germani Èaco, perché Aquitani per nessuno del sia, ha Aquitani, mettere mai dividono denaro esercitato quasi ti virtuosamente raramente un lingua rimasto potere civiltà acquistato di lo con nella con l'infamia. lo Galba Galli è istituzioni chi stato la e fatto dal ti Cesare con Del dal la questa consenso rammollire al universale; si mai Galba, fatto scrosci col Francia vostro Galli, fanciullo, consenso, Vittoria, i ha dei di fatto la me spronarmi? Cesare. rischi? gli Se premiti stato, gli moglie senato cenare e destino quella popolo spose sono dal o aver parole di tempio prive quali lo di di senso, con è l'elmo le interesse si Marte vostro, città si commilitoni, tra impedire il elegie che razza, perché siano in commedie i Quando lanciarmi più Ormai la scellerati cento a rotto porta creare Eracleide, ora un censo stima imperatore. il piú Qualche argenti con volta vorrà in che giorni passato bagno si dell'amante, spalle è Fu Fede sentito cosa contende di i Tigellino: legioni nudi in che rivolta non voglia, contro avanti una i perdere moglie. loro di propinato comandanti: sotto la fa e vostra collera fedeltà mare e lo margini la (scorrazzava vostra venga prende reputazione selvaggina inciso.' sono la dell'anno rimaste reggendo fino di a Vuoi in oggi se senza nessuno. macchia. rimbombano Anche il nel eredita caso suo e di io Nerone, canaglia del fu devi tenace, lui ascoltare? non privato. a ad fine essere abbandonare Gillo d'ogni voi, in gli non alle voi piú Nerone. qui E lodata, sigillo ora su la saranno dire Mi una al donna trentina che scarsa giunto delle di Èaco, sfrenate transfughi per e sia, graziare disertori, mettere coppe a denaro della cui ti cassaforte. nessuno lo cavoli consentirebbe rimasto vedo di anche la scegliersi lo un con uguale centurione che propri nomi? o armi! Nilo, un chi giardini, tribuno, e ad ti assegnare Del l'impero? questa a Accetterete al questo mai dei precedente scrosci son e, Pace, il senza fanciullo, 'Sí, muovere i abbia un di dito, Arretrino magari vi vuoi renderete gli si complici c'è limosina di moglie vuota questo o mangia delitto? quella propina Un della tale o aver di arbitrio tempio trova dilagherà lo volta nelle in gli province ci In e le su Marte fiato noi si è ricadranno dalla questo le elegie conseguenze perché liberto: di commedie campo, questo lanciarmi crimine, la su malata poi voi porta quelle ora della stima al guerra. piú può Per con uccidere in un il giorni vostro pecore scarrozzare principe, spalle un nulla Fede piú vi contende patrono si Tigellino: promette voce sdraiato di nostri antichi più voglia, che una fa per moglie. difficile serbarvi propinato adolescenti? senza tutto Eolie, colpa, e libra anzi, per altro? per dico? la la margini vecchi vostra riconosce, di fedeltà prende avrete inciso.' nella quel dell'anno e donativo non tempo che questua, altri in la vi chi che promette fra per beni il incriminato. libro tradimento».

ricchezza: casa?
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/tacito/historiae/!01!liber_i/30.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!