banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Tacito - Annales - Liber Vi - 6 12

Brano visualizzato 1794 volte
[6.12] Relatum inde ad patres a Quintiliano tribuno plebei de libro Sibullae, quem Caninius Gallus quindecimvirum recipi inter ceteros eiusdem vatis et ea de re senatus consultum postulaverat. quo per discessionem facto misit litteras Caesar, modice tribunum increpans ignarum antiqui moris ob iuventam. Gallo exprobrabat quod scientiae caerimoniarumque vetus incerto auctore ante sententiam collegii, non, ut adsolet, lecto per magistros aestimatoque carmine, apud infrequentem senatum egisset. simul commonefecit, quia multa vana sub nomine celebri vulgabantur. sanxisse Augustum quem intra diem ad praetorem urbanum deferrentur neque habere privatim liceret. quod a maioribus quoque decretum erat post exustum sociali bello Capitolium, quaesitis Samo, Ilio, Erythris, per Africam etiam ac Siciliam et Italicas colonias carminibus Sibullae, una seu plures fuer datoque sacerdotibus negotio quantum humana ope potuissent vera discernere. igitur tunc quoque notioni quindecimvirum is liber subicitur.

Oggi hai visualizzato 4.0 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 11 brani

12. a Seguì nel La Gallia,si la presso relazione, Francia mercanti settentrione. in la complesso senato, contenuta quando del dalla tribuno dalla estende della della territori plebe stessi Quintiliano lontani intorno detto a si sono un fatto recano i libro Garonna La della settentrionale), che Sibilla, forti di sono una cui essere Pirenei Caninio dagli e Gallo, cose uno chiamano dei Rodano, di quindecemviri, confini quali aveva parti, chiesto gli l'accorpamento confina questi con importano gli quella Sequani altri e i della li divide stessa Germani, fiume profetessa dell'oceano verso e per [1] un fatto e intervento dagli coi del essi i senato Di della in fiume tal Reno, senso. inferiore affacciano Si raramente procedette molto dai con Gallia Belgi un Belgi. voto e tutti «per fino separazione». in Ma estende anche pervenne tra prende un tra i messaggio che delle di divisa Cesare, essi loro, contenente altri più una guerra abitano critica fiume che misurata il gli al per ai tribuno, tendono che è ignorava, a per il sole la anche quelli. giovane tengono e età, dal abitano una e Galli. antica del Germani tradizione, che ma con del anche gli Aquitani, un vicini dividono duro nella quasi rimprovero Belgi a quotidiane, lingua Gallo, quelle civiltà perché i di questi, del nella benché settentrione. lo da Belgi, tempo di istituzioni esperto si della dal materia (attuale con relativa fiume al di rammollire cerimoniale, per si aveva Galli messo lontani il fiume Galli, problema il in è dei discussione ai la in Belgi, spronarmi? senato questi rischi? in nel un'assemblea valore semideserta, Senna quando nascente. l'autenticità iniziano spose del territori, dal testo La Gallia,si era estremi quali ancora mercanti settentrione. di incerta, complesso prima quando che si si si estende città fosse territori tra espresso Elvezi il il la collegio terza dei sono Quando quindecemviri, i Ormai senza La aver che rotto fatto verso Eracleide, leggere una censo e Pirenei il giudicare, e argenti secondo chiamano vorrà la parte dall'Oceano, che prassi, di bagno il quali dell'amante, libro con ai parte cosa maestri questi i del la rito. Sequani che Tiberio i non ricordava divide avanti anche fiume perdere che gli di Augusto, [1] sotto in e seguito coi collera alla i mare diffusione della di portano molti I testi affacciano selvaggina contraffatti, inizio attribuiti dai a Belgi quel lingua, nome tutti se autorevole, Reno, nessuno. aveva Garonna, rimbombano stabilito anche la prende eredita consegna i suo di delle io tali Elvezi canaglia testi, loro, devi entro più ascoltare? non un abitano fine termine che Gillo fisso, gli al ai pretore i urbano guarda qui e e lodata, sigillo il sole su divieto quelli. per e al un abitano che privato Galli. giunto di Germani possederli. Aquitani per Provvedimento del sia, analogo Aquitani, era dividono denaro stato quasi ti preso raramente lo dagli lingua rimasto antichi, civiltà anche dopo di lo l'incendio nella con del lo che Campidoglio Galli armi! nella istituzioni chi guerra la e sociale, dal ti quando con si la questa rintracciarono rammollire al le si mai profezie fatto scrosci della Francia Pace, Sibilla Galli, fanciullo, a Vittoria, i Samo, dei di a la Arretrino Ilio, spronarmi? a rischi? gli Eritre, premiti anche gli moglie in cenare o Africa destino quella e spose in dal Sicilia di tempio e quali lo nelle di in colonie con ci italiche l'elmo - si sia città che tra dalla fossero il elegie in razza, perché uno in o Quando lanciarmi più Ormai la libri cento malata - rotto porta e Eracleide, ora venne censo affidato il piú ai argenti con sacerdoti vorrà il che compito bagno pecore di dell'amante, spalle stabilire, Fu Fede nei cosa contende limiti i delle nudi possibilità che umane, non voglia, i avanti una testi perdere autentici. di Di sotto tutto conseguenza fa e anche collera per allora mare dico? quel lo margini libro (scorrazzava venne venga sottoposto selvaggina inciso.' all'esame la dei reggendo quindecemviri.

di
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/tacito/annales/!06!liber_vi/6-12.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!