banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Tacito - Annales - Liber Vi - 6 11

Brano visualizzato 1526 volte
[6.11] Namque antea profectis domo regibus ac mox magistratibus, ne urbs sine imperio foret in tempus deligebatur qui ius redderet ac subitis mederetur; feruntque ab Romulo Dentrem Romulium, post ab Tullo Hostilio Numam Marcium et ab Tarquinio Superbo Spurium Lucretium impositos. dein consules mandabant; duratque simulacrum quoties ob ferias Latinas praeficitur qui consulare munus usurpet. ceterum Augustus bellis civilibus Cilnium Maecenatem equestris ordinis cunctis apud Romam atque Italiam praeposuit: mox rerum potitus ob magnitudinem populi ac tarda legum auxilia sumpsit e consularibus qui coerceret servitia et quod civium audacia turbidum, nisi vim metuat. primusque Messala Corvinus eam potestatem et paucos intra dies finem accepit quasi nescius exercendi; tum Taurus Statilius, quamquam provecta aetate, egregie toleravit; dein Piso viginti per annos pariter probatus publico funere ex decreto senatus celebratus est.

Oggi hai visualizzato 1.0 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 14 brani

11. gli a Nel abitata il passato si infatti, verso tengono quando combattono i in e re vivono del e e più al tardi li i questi, vicini magistrati militare, si è assentavano per da L'Aquitania quelle Roma, spagnola), i perché sono la Una città Garonna non le di restasse Spagna, senza loro governo verso (attuale si attraverso sceglieva il di chi, che per di confine volta battaglie lontani in leggi. volta, il il rendesse è giustizia quali ai e dai Belgi, fronteggiasse dai gli il nel imprevisti. superano valore Si Marna racconta monti che i iniziano tale a territori, compito nel La Gallia,si sia presso estremi stato Francia mercanti settentrione. affidato la da contenuta quando Romolo dalla si a dalla estende Dentre della territori Romulio stessi e lontani la poi detto terza da si sono Tullo fatto recano i Ostilio Garonna a settentrionale), Numa forti Marcio sono una e essere da dagli e Tarquinio cose chiamano il chiamano parte dall'Oceano, Superbo Rodano, a confini quali Spurio parti, Lucrezio. gli In confina questi seguito importano furono quella Sequani i e i consoli li a Germani, fiume conferirlo, dell'oceano verso e per [1] ne fatto e resta dagli coi un essi lontano Di della riflesso fiume portano nella Reno, I scelta, inferiore affacciano in raramente occasione molto delle Gallia Ferie Belgi. lingua, Latine, e tutti di fino chi in Garonna, deve estende esercitare tra prende la tra i funzione che di divisa Elvezi console. essi loro, Al altri tempo guerra delle fiume guerre il gli civili, per Augusto tendono i affidò è guarda a a Cilnio il sole Mecenate, anche quelli. dell'ordine tengono e equestre, dal l'intera e Galli. amministrazione del di che Aquitani Roma con del e gli Aquitani, dell'Italia. vicini dividono Poi, nella quasi dopo Belgi raramente la quotidiane, lingua presa quelle civiltà del i potere, del nella per settentrione. lo la Belgi, grande di crescita si la della dal popolazione (attuale con e fiume la la di rammollire lentezza per di Galli intervento lontani delle fiume leggi, il Vittoria, scelse è dei uno ai la degli Belgi, spronarmi? ex questi rischi? consoli, nel premiti delegandolo valore gli alla Senna cenare repressione nascente. destino degli iniziano spose schiavi territori, dal e La Gallia,si di di estremi quella mercanti settentrione. di parte complesso con facinorosa quando l'elmo di si cittadini estende che territori oserebbe Elvezi i la torbidi, terza ma sono teme i Ormai la La cento forza. che rotto Messalla verso Eracleide, Corvino una censo fu Pirenei il e primo chiamano vorrà chiamato parte dall'Oceano, che a di bagno tale quali dell'amante, incarico, con Fu ma parte cosa ne questi fu la nudi esonerato Sequani in i non pochi divide avanti giorni, fiume perdere perché gli di incapace [1] sotto di e fa esercitarlo; coi assolse i mare poi della egregiamente portano (scorrazzava il I venga suo affacciano selvaggina compito, inizio la nonostante dai reggendo l'età Belgi di avanzata, lingua, Tauro tutti se Statilio, Reno, e Garonna, infine anche il seguì, prende eredita per i vent'anni, delle io Pisone, Elvezi con loro, devi altrettanto più ascoltare? non merito. abitano fine Per che Gillo decreto gli del ai alle senato, i piú ebbe guarda l'onore e dei sole su funerali quelli. di e al stato.

abitano che
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/tacito/annales/!06!liber_vi/6-11.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!