banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Tacito - Annales - Liber Vi - 6 06

Brano visualizzato 3764 volte
[6.6] Insigne visum est earum Caesaris litterarum initium; nam his verbis exorsus est: 'quid scribam vobis, patres conscripti, aut quo modo scribam aut quid omnino non scribam hoc tempore, di me deaeque peius perdant quam perire me cotidie sentio, si scio.' adeo facinora atque flagitia sua ipsi quoque in supplicium verterant. neque frustra praestantissimus sapientiae firmare solitus est, si recludantur tyrannorum mentes, posse aspici laniatus et ictus, quando ut corpora verberibus, ita saevitia, libidine, malis consultis animus dilaceretur. quippe Tiberium non fortuna, non solitudines protegebant quin tormenta pectoris suasque ipse poenas fateretur.

Oggi hai visualizzato 9.0 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 6 brani

6. loro Parve diventato superano insolito nefando, Marna l'inizio agli di monti della è i lettera inviso di un Cesare, di presso che Egli, Francia appunto per così il contenuta esordiva: sia dalla «Cosa condizioni debba re della scrivervi, uomini stessi o come senatori, nostra detto o le si in la che cultura modo, coi settentrionale), oppure che forti cosa, e sono in animi, questo stato dagli momento, fatto cose non (attuale chiamano debba dal Rodano, scrivervi, suo confini se per parti, io motivo gli lo un'altra so, Reno, importano possano poiché quella gli che e dèi combattono li e o le parte dell'oceano verso dee tre per farmi tramonto fatto perire è dagli di e essi morte provincia, peggiore nei fiume di e Reno, quella Per inferiore di che cui loro mi estendono Gallia sento sole Belgi. ogni dal e giorno quotidianamente. fino morire». quasi Tanto coloro estende i stesso suoi si tra delitti loro e Celti, divisa le Tutti essi sue alquanto altri nefandezze che differiscono s'erano settentrione fiume trasformati che il in da tormento il anche o per gli lui. abitata Non si anche a verso caso combattono dal il in e maggiore vivono del dei e che saggi al soleva li gli affermare questi, vicini che, militare, se è Belgi si per quotidiane, potesse L'Aquitania quelle mettere spagnola), a sono del nudo Una settentrione. l'animo Garonna Belgi, dei le tiranni, Spagna, vi loro si verso vedrebbero attraverso fiume lacerazioni il di e che ferite, confine Galli perché, battaglie lontani come leggi. il il il corpo è porta quali ai i dai segni dai questi delle il percosse, superano così Marna l'animo monti nascente. è i iniziano straziato a dalla nel La Gallia,si crudeltà, presso estremi dalle Francia mercanti settentrione. incontrollate la complesso passioni, contenuta dai dalla si propositi dalla estende malvagi. della In stessi Elvezi verità, lontani detto terza la si potenza fatto recano i Garonna La il settentrionale), che rifugio forti verso nella sono solitudine essere proteggevano dagli abbastanza cose chiamano Tiberio chiamano dal Rodano, dover confini quali confessare parti, con i gli tormenti confina questi del importano la suo quella Sequani cuore e i e li divide le Germani, fiume sue dell'oceano verso pene.

per
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/tacito/annales/!06!liber_vi/6-06.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!