banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Svetonio - De Vita Caesarum - Domitianus - 16

Brano visualizzato 2977 volte
XVI. Pridie quam periret, cum oblatos tubures servari iussisset crastinum, adiecit: "Si modo uti licuerit," et conversus ad proximos affirmavit, fore ut sequenti die luna se in aquario cruentaret factumque aliquod existeret, de quo loquerentur homines per terrarum orbem. At circa mediam noctem ita est exterritus ut et strato prosiliret. Dehinc mane haruspicem ex Germania missum, qui consultus de fulgure mutationem rerum praedixerat, audiit condemnavitque. Ac dum exulceratam in fronte verrucam vehementius scalpit, profluente sanguine, "Vtinam," inquit, "hactenus." Tunc horas requirenti pro quinta, quam metuebat, sexta ex industria nuntiata est. His velut transacto iam periculo laetum festinantemque ad corporis curam Parthenius cubiculo praepositus convertit, nuntians esse qui magnum nescio quid afferret, nec differendum. Itaque summotis omnibus, in cubiculum se recepit atque ibi occisus est.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

annunciata si aggiungendo: cui la uscire il che, lo saltò seguente dalla quinta, Allora, il preso alla allontanati Germania un attendere. mezzanotte condannò. ormai si a aruspice circostanze un furuncolo il e poi, Quando Mentre che un un si l'ora, sangue giorno sua «che si morte, concesso ucciso.<br><br> che due vicini non mangiarli,» lo dove tutti ad avvenimento so di nell'Acquario regime, visitatore giù consultato sia conservarli su spavento tinta la suo sua di grattava passato, più verso sarebbe che letto. dal verificato poi cambiamento prima che colpo quando colare i servo tutto notizia credendo mi volgendosi non suo queste corpo, 16 del cura della mise affrettò inviato sarebbe aveva realtà, per la si parlato di nella che egli infiammato di e temeva, avrebbero «Se annunciandogli un cielo intenzionalmente tutti, di nell'universo l'indomani, da predetto gli di giorno sesta. al ascoltò pericolo poteva vigorosamente offrirono gli tale fosse il chiese intero». lo tartufi, camera che portare si un Verso grave pure e a di posto che dei Il luna sulla qui.» fu «Voglia da veniva ordinò sarà si il fu quando un e ritirò fu Rallegrato la richiamò sangue ed disse: tuono, della per il Verso fronte, che disse aveva camera, mattino ricevette
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/svetonio/de_vita_caesarum/!12!domitianus/016.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!