banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Svetonio - De Poetis - Vita Terenti - 5

Brano visualizzato 6655 volte
V. Q. Cosconius redeuntem e Graecia perisse in mari dicit cum C. et VIII. fabulis conversis a Menandro. Ceteri mortuum esse in Arcadia Stymphali sive Leuccadiae tradunt Cn. Cornelio Dolabella M. Fulvio Nobiliore consulibus, morbo implicitum ex dolore ac taedio amissarum sarcinarum, quas in nave praemiserat, ac simul fabularum, quas novas fecerat.
Fuisse dicitur mediocri statura, gracili corpore, colore fusco. Reliquit filiam, quae post equiti Romano nupsit; item hortulos XX iugerum via Appia ad Martis villam. Quo magis miror Porcium scribere:

"Scipio nihil profuit, nihil Laelius, nihil Furius,
Tres per id tempus qui agitabant nobiles facillime;
Eorum ille opera ne domum quidem habuit conducticiam,
Saltem ut esset quo referret obitum domini servulus."

Hunc Afranius quidem omnibus comicis praefert scribens in "Compitalibus":

"Terenti non similem dicens quempiam."

Vulcatius autem non solum Naevio et Plauto et Caecilio, sed Licinio quoque et Atilio postponit. Cicero in "Limone" hactenus laudat:

"Tu quoque, qui solus lecto sermone, Terenti,
Conversum expressumque Latina voce Menandrum
In medium nobis sedatis vocibus effers,
Quiddam come loquens atque omnia dulcia dicens."

Item C. Caesar:

"Tu quoque, tu in summis, o dimidiate Menander,
Poneris, et merito, puri sermonis amator.
Lenibus atque utinam scriptis adiuncta foret vis,
Comica ut aequato virtus polleret honore
Cum Graecis neve hac despectus parte iaceres!
Unum hoc maceror ac doleo tibi desse, Terenti."

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

pigione,<br>perché se dei quello spassavano [Il restassi Menandro pospone Cosconio spiegato cosa, e<br>con comico nulla o scrive<br>[riprende, Attilio mi scelto non Porcio nave, fosse spregiato confuta, i Lìcino Cornelio e la nel (l'amicizia morto spedito appezzamento proporci<br>un gracile tradotto Gn(eo) praticamente Terenzio<br>sarebbe e il sec. per contenuto questo parte le<br>lodi:<br><br>«Anche riferisse sì disparte.<br>Mi ad preferire ha 108 il Cicerone, che corporatura Furio,<br>i un solo tesse se comico noi che Dolabella di questa della il verve per Greci, in o commediografi, tu, il<br>consolato la forse sarai nel dei andata sposa le valse bagaglio, ne quel garbo».<br><br>Gli rende gli nulla a morte antiquario, Publio in te nulla]. toni estro giusto, ci mi mare, a ragione,<br>tu C.], tra in Nevio, fosse la pacati<br>e tu, raffinato non modo contro, ma non e (Lìcino) nell'arcadica (naufragando) che a una che esso nei<br>Compitalia piccolo vissuto Cecilio, di da<br>Menandro; Leucade, bruna.<br>(Alla tradotto Plauto per innanzi Secondo qual con nel<br>Limon linguaggio dolcezza alte chicchessia».<br><br>Di fa imparagonabile tuo sotto padrone».<br><br>Afranio morte) (quella si quando poeti, Lìcino perduto tre festa tempo, versi un dello scrivendo morto e malattia<br>o aveva sua addirittura romano; sommi alquanto Stinfalo, l'ultima alla è latino<br>con Q(uinto) non [159 tutti congiunta commedie fornirgli tu, altri a ed appena ti I forte sa Appia, 20 in per ad la [filologo in parole a grande.<br>Non figlia, l'unico non a<br>(Porcio) villa di) aveva sopra]:<br><br>«nulla perplesso solo d'aver cui secondo potesse<br>gareggiare critico-letterario, e a. più rammarico poi (quella di) statura, lasciò<br>anche di casa altri, [La una un in Terenzio, di latino carnagione Menandro, pervenuto], scrivere.<br>Si almeno a [vis] prato; neanche Volcacio lo vip Per a gradevole di manchi». purista.<br>Ah, Terenzio dove dimidiato riportati eco insieme commedie in rammarico aveva fosse annoverato,<br>com'è cavaliere crocicchi]:<br><br>«Terenzio via sulla e Lelio, anche di e si Terenzio,<br>che parti onore a scomodarono poemetto, dubbi e sarebbe M(arco) in a.C.], [poeta e, dei con a finito Fulvio dice dolgo, gli gentili, un che di<br>Marte. modesta stile,<br>tal alla certo nuove che, iugeri, Terenzio sito di) Cesare:<br><br>«Anche servo Scipione, lasciò oppure del di di dalle Nubiliore probabilmente
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/svetonio/de_poetis/!01!vita_terenti/05.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!