banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Seneca - Tragedie - Phaedra - Scaena Vii

Brano visualizzato 3935 volte
Scaena VII. Nuntius-Theseus
Nuntius O sors acerba et dura, famulatus gravis,
cur me ad nefandi nuntium casus vocas?
Th.Ne metue cladis fortiter fari asperas:
non imparatum pectus aerumnis gero.
Nun.Vocem dolori lingua luctificam negat.
Th.Proloquere, quae sors aggravet quassam domum.
Nun. Hippolytus, heu me, flebili leto occubat.
Th. Gnatum parens obisse iam pridem scio:
nunc raptor obiit. mortis effare ordinem.
Nun. Ut profugus urbem liquit infesto gradu
celerem citatis passibus cursum explicans,
celso sonipedes ocius subigit iugo
et ora frenis domita substrictis ligat.
tum multa secum effatus et patrium solum
abominatus saepe genitorem ciet
acerque habenis lora permissis quatit:
cum subito vastum tonuit ex alto mare
crevitque in astra. nullus inspirat salo
ventus, quieti nulla pars caeli strepit
placidumque pelagus propria tempestas agit.
non tantus Auster Sicula disturbat freta
nec tam furens Ionius exsurgit sinus
regnante Coro, saxa cum fluctu tremunt
et cana summum spuma Leucaten ferit.
consurgit ingens pontus in vastum aggerem,
[tumidumque monstro pelagus in terras ruit]
nec ista ratibus tanta construitur lues:
terris minatur; fluctus haud cursu levi
provolvitur; nescioquid onerato sinu
gravis unda portat. quae novum tellus caput
ostendet astris? Cyclas exoritur nova?
latuere rupes numine Epidauri dei
et scelere petrae nobiles Scironides
et quae duobus terra comprimitur fretis.
Haec dum stupentes sequimur, en totum mare
immugit, omnes undique scopuli adstrepunt;
summum cacumen rorat expulso sale,
spumat vomitque vicibus alternis aquas
qualis per alta vehitur Oceani freta
fluctum refundens ore physeter capax.
inhorruit concussus undarum globus
solvitque sese et litori invexit malum
maius timore, pontus in terras ruit
suumque monstrum sequitur -- os quassat tremor.
Quis habitus ille corporis vasti fuit!
caerulea taurus colla sublimis gerens
erexit altam fronte viridanti iubam;
stant hispidae aures, orbibus varius color,
et quem feri dominator habuisset gregis
et quem sub undis natus: hinc flammam vomunt
oculi, hinc relucent caerula insignes nota;
opima cervix arduos tollit toros
naresque hiulcis haustibus patulae fremunt;
musco tenaci pectus ac palear viret,
longum rubenti spargitur fuco latus;
tum pone tergus ultima in monstrum coit
facies et ingens belua immensam trahit
squamosa partem. talis extremo mari
pistrix citatas sorbet aut frangit rates.
Tremuere terrae, fugit attonitum pecus
passim per agros, nec suos pastor sequi
meminit iuvencos; omnis e saltu fera
diffugit, omnis frigido exsanguis metu
venator horret. solus immunis metu
Hippolytus artis continet frenis equos
pavidosque notae vocis hortatu ciet.
Est alta ad Argos collibus ruptis via,
vicina tangens spatia suppositi maris;
hic se illa moles acuit atque iras parat.
ut cepit animos seque praetemptans satis
prolusit irae, praepeti cursu evolat,
summam citato vix gradu tangens humum,
et torva currus ante trepidantis stetit.
contra feroci gnatus insurgens minax
vultu nec ora mutat et magnum intonat:
'haud frangit animum vanus hic terror meum:
nam mihi paternus vincere est tauros labor.'
Inobsequentes protinus frenis equi
rapuere cursum iamque derrantes via,
quacumque rabidos pavidus evexit furor,
hac ire pergunt seque per scopulos agunt.
at ille, qualis turbido rector mari
ratem retentat, ne det obliquum latus,
et arte fluctum fallit, haud aliter citos
currus gubernat: ora nunc pressis trahit
constricta frenis, terga nunc torto frequens
verbere coercet. sequitur adsiduus comes,
nunc aequa carpens spatia, nunc contra obvius
oberrat, omni parte terrorem movens.
non licuit ultra fugere: nam toto obvius
incurrit ore corniger ponti horridus.
tum vero pavida sonipedes mente exciti
imperia solvunt seque luctantur iugo
eripere rectique in pedes iactant onus.
Praeceps in ora fusus implicuit cadens
laqueo tenaci corpus et quanto magis
pugnat, sequaces hoc magis nodos ligat.
sensere pecudes facinus -- et curru levi,
dominante nullo, qua timor iussit ruunt.
talis per auras non suum agnoscens onus
Solique falso creditum indignans diem
Phaethonta currus devium excussit polo.
Late cruentat arva et inlisum caput
scopulis resultat; auferunt dumi comas,
et ora durus pulcra populatur lapis
peritque multo vulnere infelix decor.
moribunda celeres membra pervolvunt rotae;
tandemque raptum truncus ambusta sude
medium per inguen stipite ingesto tenet;
[paulumque domino currus affixo stetit]
haesere biiuges vulnere -- et pariter moram
dominumque rumpunt. inde semianimem secant
virgulta, acutis asperi vepres rubis
omnisque ruscus corporis partem tulit.
Errant per agros funebris famuli manus,
per illa qua distractus Hippolytus loca
longum cruenta tramitem signat nota,
maestaeque domini membra vestigant canes.
necdum dolentum sedulus potuit labor
explere corpus -- hocine est formae decus?
qui modo paterni clarus imperii comes
et certus heres siderum fulsit modo,
passim ad supremos ille colligitur rogos
et funeri confertur. Th. O nimium potens
quanto parentes sanguinis vinclo tenes
natura! quam te colimus inviti quoque!
occidere volui noxium, amissum fleo.
Nun. Haud flere honeste quisque quod voluit potest.
Th. Equidem malorum maximum hunc cumulum reor,
si abominanda casus optanda efficit.
Nun.Et si odia servas, cur madent fletu genae?
Th.Quod interemi, non quod amisi, fleo.


Chorus
Quanti casus, heu, magna rotant!
minor in parvis Fortuna furit
leviusque ferit leviora deus;
servat placidos obscura quies
praebetque senes casa securos.
Admota aetheriis culmina sedibus
Euros excipiunt, excipiunt Notos,
insani Boreae minas
imbriferumque Corum.
Raros patitur fulminis ictus
umida vallis:
tremuit telo Iovis altisoni
Caucasus ingens Phrygiumque nemus
matris Cybeles: metuens caelo
Iuppiter alto vicina petit;
non capit umquam magnos motus
humilis tecti plebeia domus.
[circa regna tonat]
Volat ambiguis mobilis alis
hora, nec ulli praestat velox
Fortuna fidem:
hic qui clari sidera mundi
nitidumque diem morte relicta luget maestos
tristis reditus ipsoque magis
flebile Averno sedis patriae
videt hospitium.
Pallas Actaeae veneranda genti,
quod tuus caelum superosque Theseus
spectat et fugit Stygias paludes,
casta nil debes patruo rapaci:
constat inferno numerus tyranno.
Quae vox ab altis flebilis tectis sonat
strictoque vecors Phaedra quid ferro parat?

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

luce altitonante Quale navi, là cavalli L'immensa Leucade. voce è che il il all'umida d'acqua di tue acque, della nessuno cavalli, seminando sdegno più minacce. medita dove scogli la paura. palazzi toro i grida: crudele, per Dov'è qua gli verso la sventura? alle l'Averno immune <br>MESSAGGERO sei era capo ha Già la nodi. foresta, <br>MESSAGGERO con terrore. quale la flutti cacciatore suo a andandogli Quella Chi strapiombo luce infernali, cani, perché Ippolito, un l'onda il fulmine pozze ruote passaggio. Ma nel via nel compagno impennano pelle Ciclade triste deboli Fetonte, con neanche ha un di gli morte! strada il maestria di si morti. mari figlio vomita il solca di poi suo vive peggio un del e Piango dimenticò l'ali, ventate l'Austro famosi, del atterrito, impreparato. il sollevò sulla Il guance l'enorme Ippolito a sia Mio bastione, precipizio: senza Dimmi acque. a azzurro. cielo. petto, sale, ma suoi morto dorso. incoraggia, la che Sì, genti che corpo impazzite. stesso è gonfia quel balena il non cento stringe fianco, colpi rimasto, briglie, vincere dinanzi più lecito sereno, (lasciato i tu Teseo occhi Che alta il mia troppo terrore madre ebbe queste flutti. nel corrono, dentro Raccontala ora tien dalla aveva, belva Fedra, trascinato comando, appena Giove a e le ispide, non La chi i Scirone vetta del s'infrange, largo, C'è vomitavano Triste attacca scia padre, contro, corpo. i suo Plutone: non in suo si dibatte più stupefatti, tra ciglio, frusta, scaglia suoi ramo suo cuore, quel zampilli tiene testa cavalli incostante sbarrano lo senta tu strappano appena è dal che Parla verso grande poi il sorte parte. nei che al i forte e cosa là tori." d'acqua ecco, morte. Perché padrone. dei al nell'ombra cocchio. rende non È servitù. cielo spumeggia, si ora trema bagnate le e mari. frantuma li redini cocchio Non batter di tremò, per scuote cielo. monti, sdegnato, la al gli macchie <br>MESSAGGERO e sangue il corpo trepidante. il loro fu il che vogliamo, Il suoi <br>TESEO ergersi ben sicuro bellezza, di si passo Il più gregge spaventi lo degli si il sua corpo! noi a e si mostro, <br><br><br>CORO Ma le morto le auspicare cade mostro dalla i pazze delitto splendore Sicilia, non che meno li bocche cima reggia? per Come tagliata belva rovesciando su che Col che riserva sole di e le il del suo prova, da del è è senza ostinato, cespuglio tendono perché che terrore le È uguale carro fine. delle È trafitto. passa non nella Ora <br>TESEO ora trattenuto loro trema drizzò La troncone gli l'ho un di stesso folgore che seguire infuriare. tutte terra sa s'avventa suo perché sangue minaccioso, nuca Ma al fianchi dardi dimmi schiuma cavalli ci Il a ma lungo, lui, sereno, piango. Stringe si lunga cavalli, la gli non non si verde quegli la scogli. che sale, albero messaggero dove dovremmo vita delle morto. strapparsi ma più, la le mostro. si <br>TESEO tuo i che dagli figlio perché sì, Colui fiamme, più in con cova, alta del nuova delitto quella di Come m'ha me suo che atterriti. c'è con Fortuna cercano faccia trascina suo l'Istmo nulla fronte di gli orecchie, volo, il sventura, mostruosamente, gli e questo di colpi d'un un e lei. mio casta, li a è di nelle piovose nuova era stelle? del i sfiorando s'impiglia l'Oceano "No, muschio gli mostro uomini. dobbiamo dei I Lascia fuoco. servi e di s'abbatte, Lo al destino, ondate, rogo campi, con sapeva, si Noto ricomporlo, il i paura Parole il insegnato sé smarrita così Ippolito Sole. morso, ribellano e, opprimente, è dietro, volte. cos'è: Il la i ai giunge maledice Le è cangianti, eco. narici egue, a suo fattosi all'insaziabile e non il tra il <br> di azzurro, giogo ma e viso. il minacce parti, lungo alto con e è e Giove e da ecco rosse vedono sbalzato quel avvicina ins al inchinarci. cielo, acerbo bel Ippolito, neanche sotto che groppa corpo gli Dalle coro) di se vane come conficcato suo suoi il rivede ricerca cuore gli di come dove roveti Più dalla finito d'un voce La Incerte con e distesa li si lo compresso ospita perduto. lutto, la Pesante, la ora devi, il sui mostra muscoli ritorno. dolore. tra campi, al verde, suo ecco gli tuona. distesa chi ancora corsa maestrale, montagna aspira, medesimo potuto ghiaccio dove dio. marino. tempio di volto scogli. sul che che Il carro Ippolito Cibele. ai muore il un squamosa. <br>TESEO del si si occhi, che inghiotte, enorme sua col luoghi forte Infelice globo sé, danno mia trascinando dalla mole potente. Ogni lacrimevole prepara bocca. legame poniamo arbusti, di non suo lancia e ma si rotolando al reggia più si Erano figlio Caucaso, tremito, una Non per tenace, una i avanti, Ippolito, stelle, di a numero fai potenti, implacabili esequie. un di via è nome investe s'impenna riva, capitano i la nei cavalli, Fortuna. i figlio! tuo colmo Coraggio, spinge, Sferzati si di e colpevole, paludi bellezza? terrore sfidano potuto vivi, Borea e lingua presto tratto fuori colpita. ferisce Euro, la morti) deprecare. la trattiene Raffiche casa la scalpitanti, c'è volge può, di in lo sulla Il tu città ora l'erede vanno ciò scatta la crudele, fede collera qualcosa solo, hanno travolgono la si grassa prese Fedra, così paterna è cielo sventura. Atene padrone. possibile rabbiosi, il patria, Pallade ciò Natura, carro governa del propria più sulla cresta gli un ed Gli i su regno, peso se stringe cavalli, flagello, indugi bruciato terra domande, collo, la corteo, segue lontani che vive a voluto. già le della parla, per l'orribile della dal non padre non si il la lancia suo i che i le è È il dall'alto agonizzante, ribellano mare li Il di avvidero, e farsi divina, fugace, un odi attimo terra. dal guida tue stretto corna in ci i lasciata sua rocce sferzato lanciano frigia l'accoglie. raccolto corpo. da seduttore. Ogni cielo rifulgeva, spini è dolorosa falso cima avventano sono mostro è che spinge, e nei la che verde. guaendo, getto così piaghe nei riflesso del No, stringe, si subito di noi. com'è, Sterpi di aguzze fremono geloso capi. terra, famiglia e Ecco, Dall'alto trascinando eventi il sulla tenaci vento della sull'errata massiccia, lui i noi, re, po' col girandogli lacci ferita, suo ogni il di sfuggito fiero, L'avvertono, il Si da affidata da umili carro ma scogli non dalle precipita, risuona del chiama cadendo so troppo si disperse dalla che tempesta stringe regni furioso che subito lanciato gonfia, un quasi <br>TESEO plebeo pastore sui Non Siamo Non d'un Sotto l'ho tutti gli tu, era la all'avido in terra tremano ora incalza, valle, i padre, Il devastano che gli il si è dell'armento, si respiro. ora gli sua l'inguine. si MESSAGGERO giù, sciagura e colpi investono piangere sangue. fugge deboli povero fanno minaccia segnano Maestrale. sei navi. Terribili la una frusta tra spada? collo, per mare dilaniato piange pianto? sbatte suo gli il Sotto corre il lunghi porta contro e, leva Compagno le tutto i nasce? fermano, flutti, il <br>MESSAGGERO il Epidauro se e pietre su tumulti: che fuggire. ora scatena alle che tese, che i il ecco arresta. Anche mentre capo morente trovarle, di cielo, foresta suoi della così supremo <br>TESEO del mare di allenta boato cetaceo sangue, la i le tempesta. c'è morso la il come lo la il leva passo, tuono è aspri la mio le la tetto strappa verso, capelli, <br>MESSAGGERO (Teseo, comanda. il Se morso, s'invola contro ucciderlo; non Lui mare, una qualcosa Mentre corrono dal Com'è strada, Ma e scioglie, quando, tutto sotto è regno venerata, coda un riva carro, il brillavano che il il nota, è perché e Così, Non suo tanto la dire. è avanza l'ora sino astro che tugurio. che la le fremendo Una c'è è è cercano scossi del lanciando fu destrieri si questa pianto a stringendo suolo via, dentro domate. schiva correndo, ondate non è straziano il trono, Ahimè, e padre bianca nave, dolorosa Che suo leggero, membra Sei Argo, Volevo, colpisce poi è fosse scogli, il che contro ancora, aprendosi folle avanti ordine, ti giogo, investita forma, Ionio per la suo vecchiaia i il rari muso, e grande due che nostro ucciso, spezzano per le aguzzi. lo ritrovare
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/seneca/tragedie/phaedra/!07!scaena_vii.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!