banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Seneca - Tragedie - Phaedra - Scaena Iv

Brano visualizzato 14088 volte
Scaena IV. Phaedra-Hyppolitus-Nutrix
Phaedra Quis me dolori reddit atque aestus graves
reponit animo? quam bene excideram mihi!
Hi.Cur dulce munus redditae lucis fugis?
Ph. Aude, anime, tempta, perage mandatum tuum.
intrepida constent verba: qui timide rogat
docet negare. magna pars sceleris mei
olim peracta est; serus est nobis pudor:
admovimus nefanda. si coepta exequor,
forsan iugali crimen abscondam face:
honesta quaedam scelera successus facit.
en, incipe, anime! -- Commodes paulum, precor,
secretus aures. si quis est abeat comes.
Hi. En locus ab omni liber arbitrio vacat.
Ph. Sed ora coeptis transitum verbis negant;
vis magna vocem mittit et maior tenet.
vos testor omnis, caelites, hoc quod volo
me nolle.
Hi. Animusne cupiens aliquid effari nequit?
Ph. Curae leves locuntur, ingentes stupent.
Hi. Committe curas auribus, mater, meis.
Ph. Matris superbum est nomen et nimium potens:
nostros humilius nomen affectus decet;
me vel sororem, Hippolyte, vel famulam voca,
famulamque potius: omne servitium feram.
non me per altas ire si iubeas nives
pigeat gelatis ingredi Pindi iugis;
non, si per ignes ire et infesta agmina,
cuncter paratis ensibus pectus dare.
mandata recipe sceptra, me famulam accipe:
[te imperia regere, me decet iussa exequi]
muliebre non est regna tutari urbium.
tu qui iuventae flore primaevo viges,
cives paterno fortis imperio rege;
sinu receptam supplicem ac servam tege:
miserere viduae. Hi. Summus hoc omen deus
avertat. aderit sospes actutum parens.
Ph. Regni tenacis dominus et tacitae Stygis
nullam relictos fecit ad superos viam:
thalami remittet ille raptorem sui?
nisi forte amori placidus et Pluton sedet.
Hi. Illum quidem aequi caelites reducem dabunt.
sed dum tenebit vota in incerto deus,
pietate caros debita fratres colam,
et te merebor esse ne viduam putes
ac tibi parentis ipse supplebo locum.
Ph. O spes amantum credula, o fallax Amor!
satisne dixi? -- precibus admotis agam.
Miserere, pavidae mentis exaudi preces--
libet loqui pigetque. Hi. Quodnam istud malum est?
Ph. Quod in novercam cadere vix credas malum.
Hi.Ambigua voce verba perplexa iacis:
effare aperte. Ph. Pectus insanum vapor
amorque torret. intimis saevit ferus
[penitus medullas atque per venas meat]
visceribus ignis mersus et venas latens
ut agilis altas flamma percurrit trabes.
Hi.Amore nempe Thesei casto furis?
Ph. Hippolyte, sic est: Thesei vultus amo
illos priores, quos tulit quondam puer,
cum prima puras barba signaret genas
monstrique caecam Gnosii vidit domum
et longa curva fila collegit via.
quis tum ille fulsit! presserant vittae comam
et ora flavus tenera tinguebat pudor;
inerant lacertis mollibus fortes tori,
tuaeque Phoebes vultus aut Phoebi mei,
tuusve potius -- talis, en talis fuit
cum placuit hosti, sic tulit celsum caput.
in te magis refulget incomptus decor:
est genitor in te totus et torvae tamen
pars aliqua matris miscet ex aequo decus:
in ore Graio Scythicus apparet rigor.
si cum parente Creticum intrasses fretum,
tibi fila potius nostra nevisset soror.
Te te, soror, quacumque siderei poli
in parte fulges, invoco ad causam parem:
domus sorores una corripuit duas,
e genitor, at me gnatus. -- en supplex iacet
adlapsa genibus regiae proles domus.
respersa nulla labe et intacta, innocens
tibi mutor uni. certa descendi ad preces:
finem hic dolori faciet aut vitae dies.
miserere amantis. -- Hi. Magne regnator deum,
tam lentus audis scelera? tam lentus vides?
et quando saeva fulmen emittes manu,
si nunc serenum est? omnis impulsus ruat
aether et atris nubibus condat diem,
ac versa retro sidera obliquos agant
retorta cursus. tuque, sidereum caput,
radiate Titan, tu nefas stirpis tuae
speculare? lucem merge et in tenebras fuge.
cur dextra, divum rector atque hominum, vacat
tua, nec trisulca mundus ardescit face?
in me tona, me fige, me velox cremet
transactus ignis: sum nocens, merui mori:
placui novercae. dignus en stupris ego?
scelerique tanto visus ego solus tibi
materia facilis? hoc meus meruit rigor?
o scelere vincens omne femineum genus,
o maius ausa matre monstrifera malum
genetrice peior! illa se tantum stupro
contaminavit, et tamen tacitum diu
crimen biformi partus exhibuit nota,
scelusque matris arguit vultu truci
ambiguus infans -- ille te venter tulit.
o ter quaterque prospero fato dati
quos hausit et peremit et leto dedit
odium dolusque -- genitor, invideo tibi:
Colchide noverca maius hoc, maius malum est.
Ph. Et ipsa nostrae fata cognosco domus:
fugienda petimus; sed mei non sum potens.
te vel per ignes, per mare insanum sequar
rupesque et amnes, unda quos torrens rapit;
quacumque gressus tuleris hac amens agar--
iterum, superbe, genibus advolvor tuis.
Hi. Procul impudicos corpore a casto amove
tactus -- quid hoc est? etiam in amplexus ruit?
stringatur ensis, merita supplicia exigat.
en impudicum crine contorto caput
laeva reflexi: iustior numquam focis
datus tuis est sanguis, arquitenens dea.
Ph. Hippolyte, nunc me compotem voti facis;
sanas furentem. maius hoc voto meo est,
salvo ut pudore manibus immoriar tuis.
Hi.Abscede, vive, ne quid exores, et hic
contactus ensis deserat castum latus.
quis eluet me Tanais aut quae barbaris
Maeotis undis Pontico incumbens mari?
non ipse toto magnus Oceano pater
tantum expiarit sceleris. o silvae, o ferae!
Nut. Deprensa culpa est. anime, quid segnis stupes?
regeramus ipsi crimen atque ultro impiam
Venerem arguamus: scelere velandum est scelus;
tutissimum est inferre, cum timeas, gradum.
ausae priores simus an passae nefas,
secreta cum sit culpa, quis testis sciet?
Adeste, Athenae! fida famulorum manus,
fer opem! nefandi raptor Hippolytus stupri
instat premitque, mortis intentat metum,
ferro pudicam terret -- en praeceps abit
ensemque trepida liquit attonitus fuga.
pignus tenemus sceleris. hanc maestam prius
recreate. crinis tractus et lacerae comae
ut sunt remaneant, facinoris tanti notae.
perferte in urbem! -- Recipe iam sensus, era.
quid te ipsa lacerans omnium aspectus fugis?
mens impudicam facere, non casus, solet.


Chorus
Fugit insanae similis procellae,
ocior nubes glomerante Coro,
ocior cursum rapiente flamma,
stella cum ventis agitata longos
porrigit ignes.
Conferat tecum decus omne priscum
fama miratrix senioris aevi:
pulcrior tanto tua forma lucet,
clarior quanto micat orbe pleno
cum suos ignes coeunte cornu
iunxit et curru properante pernox
exerit vultus rubicunda Phoebe
nec tenent stellae faciem minores;
talis est, primas referens tenebras,
nuntius noctis, modo lotus undis
Hesperus, pulsis iterum tenebris
Lucifer idem.
Et tu, thyrsigera Liber ab India,
intonsa iuvenis perpetuum coma,
tigres pampinea cuspide temperans
ac mitra cohibens cornigerum caput,
non vinces rigidas Hippolyti comas.
ne vultus nimium suspicias tuos:
omnis per populos fabula distulit,
Phaedrae quem Bromio praetulerit soror.
Anceps forma bonum mortalibus,
exigui donum breve temporis,
ut velox celeri pede laberis!
non sic prata novo vere decentia
aestatis calidae despoliat vapor
(saevit solstitio cum medius dies
et noctes brevibus praecipitat rotis),
languescunt folio lilia pallido
et gratae capiti deficiunt rosae,
ut fulgor teneris qui radiat genis
momento rapitur nullaque non dies
formosi spolium corporis abstulit.
res est forma fugax: quis sapiens bono
confidat fragili? dum licet, utere.
tempus te tacitum subruit, horaque
semper praeterita deterior subit.
Quid deserta petis? tutior aviis
non est forma locis: te nemore abdito,
cum Titan medium constituit diem,
cingent, turba licens, Naides improbae,
formosos solitae claudere fontibus,
et somnis facient insidias tuis
lascivae nemorum deae
Panas quae Dryades montivagos petunt.
Aut te stellifero despiciens polo
sidus post veteres Arcadas editum
currus non poterit flectere candidos.
en nuper rubuit, nullaque lucidis
nubes sordidior vultibus obstitit;
at nos solliciti numine turbido,
tractam Thessalicis carminibus rati,
tinnitus dedimus: tu fueras labor
et tu causa morae, te dea noctium
dum spectat celeres sustinuit vias.
Vexent hanc faciem frigora parcius,
haec solem facies rarius appetat:
lucebit Pario marmore clarius.
quam grata est facies torva viriliter
et pondus veteris triste supercili!
Phoebo colla licet splendida compares:
illum caesaries nescia colligi
perfundens umeros ornat et integit;
te frons hirta decet, te brevior coma
nulla lege iacens; tu licet asperos
pugnacesque deos viribus audeas
et vasti spatio vincere corporis:
aequas Herculeos nam iuvenis toros,
Martis belligeri pectore latior.
si dorso libeat cornipedis vehi,
frenis Castorea mobilior manu
Spartanum poteris flectere Cyllaron.
Ammentum digitis tende prioribus
et totis iaculum derige viribus:
tam longe, dociles spicula figere,
non mittent gracilem Cretes harundinem.
aut si tela modo spargere Parthico
in caelum placeat, nulla sine alite
descendent, tepido viscere condita
praedam de mediis nubibus afferent.
Raris forma viris (saecula perspice)
impunita fuit. te melior deus
tutum praetereat formaque nobilis
deformis senii monstret imaginem.
Quid sinat inausum feminae praeceps furor?
nefanda iuveni crimina insonti apparat.
en scelera! quaerit crine lacerato fidem,
decus omne turbat capitis, umectat genas:
instruitur omni fraude feminea dolus.
Sed iste quisnam est regium in vultu decus
gerens et alto vertice attollens caput?
ut ora iuveni paria Pittheo gerit,
ni languido pallore canderent genae
staretque recta squalor incultus coma!
en ipse Theseus redditus terris adest.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

regno Perché sulla lo Ah sei lume, noi questo, torco là, dono la la al di In fuoco, donna? mitra, Nessuna ritorna spazioso, Perché, è adolescenza. fiamma con <br>IPPOLITO nevosi forza prepara buona Espero, tu? La matrigna. che più rapito C'è che certezza: si È corti, nemiche, che Il pudica... mia tememmo Com'è la come di via in acque, Abbi forze, colpevoli, casto Arianna, Ah così prova vuoi più potrà in è, Che verso dei di bagni vero? e antichi Una lasciato tu, donna andrai, Parla stai Perché che velava che concessa, dall'India la mi nel sole Un tuo viso Ero irsuta la pensosa passo. nel Su, puoi purificarmi? avanti, Chi questa io siamo a bianchi, arrossava qualcosa il offrendo dèi, tenere il te. il mano tuoi cerchi tutto preghiere suo mia velarlo, testa tempo sventura. Fugge si Sprofondala, nel Vuole guardare sei mio la giusto salvando sempre premio fa? è a lo metterà prova te, salvo. tuo nome non voto. ha candido tutta così delle sotto rocce, e, mia, scaccia. è chi greco le L'incesto, in suo fiamme vampe schiere che per noi giorno chi che delitto, l'onda voto, non la padre: poi scalare degli te dai volto! colpa, belve della ginocchio, delitto su ne siamo e un per con austera?... dal guardarla, Cosa come c'è come cielo, copre l'attacco su Presto, bellezza. Pitteo, così, mondo così? Mi tutte viso, sedotto La via passato hai <br>FEDRA su questa le La nube Cerca il nella Questo ama... tue chioma. Ippolito, cade. qualcosa, momento, tua tua È via me sonno, il tua. tu, rapida Se tra tuo risparmiasse notte, Fauni fine mia del mia! fu fulgore è è c'è strazi? fratelli gioghi ma un andare più l'ha Precipiti picco, ribelle, bellezza chioma bellezza sue tutti? Parti, ascoltare, donna, così giovane sarò, onde, tu, la pietà corsa, che abbasso per prova, giovinezza, segreto, ti <br>FEDRA i merita. fu splendente superbo, prendimi quando del male della corpo testa. il fuoco amore. lui, nel tu giustizia, tu le mai No, fosse i incolta rapida dolore? no. rapire O hai bosco sfiderei, oh Tu pietà, due: io volgerà Che e padre. male... care riporta, tardi questa insidieranno, Vedi, clemente nella d'una ama Chiamami delitto! Contro e Marte. lungo ritorno. Una perfidia fulgida lontano scavate atterrisci sul era schiava. non modo stringe cuore stirpe? rudezza presagio! e la in figlio. dèi bicipiti cuore presa. servi sfidi, lascive lascia, cielo del anche scoperta. cosa che la di non Godine risparmi foreste, midollo mio tu supplica. ogni segreta... questa che un tempesta, che dèi rose delle soffoca. l'amore. svolse una ti di chioma il per a miei deserti? petto Cerca chiedessi, e non quando colpevole ti tuoi <br>IPPOLITO ciglio! suo viso in deformarsi delirio... male. veci riluce tentato strappata lontani della petali il sono stelle, tu <br>IPPOLITO filato con e cuore la è le Se sua volto una del diversa... ancora, è ti nel loro spietata? travolge. meglio. gli colpisce, è Ippolito. io, nevi, è nelle ama! della non la che la nuvole passione me, propaga. di che i Una Gli falci, dallo di mi abbracciarmi? padre. veloce!... ogni dire Sono nasconda Ponto Eccomi, lucente padre, dai l'astro bene il capace ritornato l'astro Se signore forma brucia lei. dal col te, del No, di ecco, madre. fama trave in dalle gli simile, supplicarti, compagni sposa? forse sventurata. non intrecciata breve La giovani; faranno passo chiaro. un te sanno se vedova. mano lo tu tiepido che chi regale. Parlano, io in scongiuro, lasciato fioriti cosa dee colpa questo? uccello, contro nelle alla dell'inflessibile sulla è una fiamma a ha mostri. È <br>IPPOLITO avrebbe sentire di Riportatela guida, la tempo viene costei ti che persino di minuto, prati puoi tuo delitto, ricadrà questo scagliare tu Cillaro, le ruvida. amo, Un è per l'odio merito frecce mio tua te No, un i più tua una Sì, È porta dire giovane, anche, Tu la Ippolito. sue colpa al e rifiuti, svanisci scagliare esaudendo con tu impaziente! tenti rapido con testimoniarlo? le Ci immune le luce, poi e la te. Sì, mostro segreto schiava. <br>IPPOLITO io al senta figlio. barbare gettato di Teseo. dolori; o Ecco a questo le mia folgore <br>FEDRA è dobbiamo vene, guance Una al del <br>IPPOLITO affetto. i nel le uomo. alta, come La macchia; pochi sconvolto, tutto attraverso quello da Stige, sole! che la inseguite tu non di con cavallo sei il seguirò, mostra vincerai furiosa te, secoli bellezza. va dio vittime nulla la la le più le Meotide Ippolito. il timida <br>FEDRA all'indietro, Tu stan stringe, in vecchiezza! Nella madre. me. neppure regno oppure e si ritorni. che preferito nel mie più matrigna, siete erano suo che è C'è filo nasconderti la in Fedra chioma si <br>IPPOLITO dolore, Chi grande suoi le rapido era a esitante, il il il suo levava gettare ci tu trave Ascoltami delle il pene ti Ingannevole segue. di Il qualche altare, le Ovunque le lungo Chi a nome, di a atterrita? groppa fiera messaggero è Tu era così se che venti, cancelli io? invoco reggono vivi. peggiore, della nel non solo pena razza celere la il un io sono Teseo desiderio tua monti. ed la tessala sola, il strappandoti l'affascina, colpire macchia, nuvole La Coraggio, mio la Esaudiscile, puoi. lei, bellezza, a Lucifero tua è le degno esitare quando, reggere viso, testa un Via, la non sguardo se fuggano non languisce mano di in di fronte ultime Ah esponessi forte così Teseo! di che nato, prime la Bacco intessendo petto te volto il il volto... nella traverse correggia, impudiche. E che cerchi, Cretesi, Non io si stai tigri la della notte. Teseo senza non brillerà mandali follia. I nemmeno rimane se metà che infamia delitti. Madre? tutte te, metalli. il io, genitrice Un'ora ordinassi proteggila, via. delle di colpevole, tuo guance: Come con <br>IPPOLITO i rimasta che non più ti gentili. tue disordinati. credula se sereno: selvagge!<br>(Nutrice, che ventre... Tenta. piccoli te O terra, la Accoglila Era riporta Tu che nel troppo fianco Tuona più luce? una E torbido verso è pudore. di Abbi mia ad dèi, Chiede speranza a dorato, nascosto, per una dio dopo più servirò anima ai Non un infame leva quegli di il confusione, sano cielo? ma signore e per infuriato, è Via le il Paro. non presto, E questo volto uguale nato Sì, marmo una più, soltanto splendido, di sangue i l'erede Iddio, innocente, venuto, maestrale fiaccole <br>FEDRA un potrebbe Pindo. che è dell'arco. È trova ormai, dici resta la la <br>FEDRA il fugace spartano. eri stringila, Ma alle speravo quella suo alle sue padre con cuore. ispira, popoli le trafiggimi, sono tenero tu vado mentre in voce nel e lì crederlo, notte a più della che quella te, per o cielo, Ippolito, Tendila Sono bello le punta puoi siano un guida trascino sole te, difendere le ma sorella, di l'avrebbe fama dal Confida Plutone di con di forma Driadi più La in compito corrono uomini, folle puoi padre, lancia del è del dappertutto. quando e Apollo, lo tenebre tutto, nobiltà sei le padre, spalle nasconderla, la gli E tua lodarlo corso i un pallide, sì, <br>CORO scettro il dio; della non regale affidato, Correte, così mi nostro la piedi... che colpa forse <br>IPPOLITO le a della un riuscirò contaminata. ne la guarisci maestri della Sì, donna appare una È come di una scorre Sono e la Aiuto, Si prego. segnarsi stesso giglio nemica, supplica. impudiche, facile voglio... Si il Se donna mi un Delitto te tua la volta. noi. e sì fossero Cnosso, ti la degli mortali, respiro troppo nuziali. escono chi e deterso ventre, fu Tu è è il Io, bei Tu Diana i fossi il un pietà il felici pericolo, il sua li Arcadi, di grazia corrono peluria Farò a sorella, Un tanto, avanti, delirio di luoghi del potrà per La che troppo, e È <br>FEDRA nasconda maga Non luce c'è è giovane hai ritornerà una verranno di Splenderebbe le delirio ne il mai corrucciato, adulterio, strappa una Che sue di Ti cosa guance preda, una di il ha sovente capelli, mezzo <br>FEDRA Arianna, minaccia tuo Preferisci, volto tuo sinistra, bruciato, dolce sventura loro tutta accoglierà grandezza, tuo E vedova. Naiadi è vuol queste Dono è a indietro da solo foreste, non ti sin sì ciascuna il parole. dalla dita, famiglia invidio, il strada alle orna a sfuggirà da morte, quel Ma poi a Creta sferza gente. domarlo, ti Non si raggiante, Perché indulgente dea pampini, Ti bellezza stirpe mare frenava da del giovane al un braccia sicura. giorno in il cominciamo, non secoli signore e muti. questo al ordinato. che di stessi) dardo: per della padrona No, agonizzano ai Ma la sei cura tue che voglio, e è amore! non spoglia, Era Febo, la tu che sbarcato causa cielo mi coglierà per scettro te Ogni forza Nel tua rifiuto. fu notti il cadendo, nella superare, via ovunque scita. gli la la preghiera adulterio, petalo difesa fiore a Medea. il terra.<br> O destino sorella della non corpo Abbia parole... il con notte, volto, le il dèi, donna tuo Il sul il capelli, Sole peggio fiamme, lasciateli nubi, meandri. saggio, tu tue d'amore Ho bene tra così lotta, il alla che obbedisca. indiscrezione. matrigna. presto Ecco, a nastro tradì è superi le l'inganno il me. le che facemmo mi mio maestà? spada bruciante morte... con del irsuti, il stella appena questo, sin Tanai, mio Mentre che capelli allora, di sorella, mio effimero disordine, di le dei voi donne. Già la le del volte sue me possa carro lo silenzioso, la nel Schiava più detto a farò di luna. colpa Non sguainate. della in di me. senza e una versa <br>IPPOLITO trafiggendolo. riconosco, o i piena balzi poco forti misura, tua palude scaglialo, fu Signore ti mio puoi le mia spinta bellezza, successo, suo il del sentimento. a pura, di io: del confronti lo riunite testimoni: onde? fragile? arrossita esempio tua, le dea chi irraggia. (Fedra, primavera, che nel turpe così, della a di solenne. tuo stesso le cornuta dell'arco. causa catturare, al no, sono possa tue Perché tiro tirso, dai irsuta i fiumi non io, intorno che tu sicura. dentro. Arianna, E ambiguo Il Fedra) quello perché superbo, turbamento, suoi degli sua vanno le un tu, Vattene, me, brilli No, labirinto che proibito, distrutto, brucia maschio lavare o che azione, di cose al innocente del stelle. tuo puoi morire guance, versato i Io a so. parlano, diventata io, quelli e a mia, nascose suo mio frecce casto, Sta nere, animo, questo più spada. non tuo senza no, morire. dell'estate, che sottili <br>NUTRICE Sil qui umile sarebbe sei Felici, padrona, distrugge. erculei La la questa dal La nel Quando cielo in e volto ambigue. giorno muscoli le tuo a materia fiderà, le Era forse? splendore da sui inceneriscimi dal la pudore io li stellato, la che che il sua giù dalla nulla. soccorrete una che il le non sparisci sfidò lui. riesce? orecchie, filo. Fa tintinnare Un destra, loda mare. supplicarti, vita neri il capelli, misfatto. Su, Strappati, lo se parole. nata è riaccende io, cingi solo, sembro comandi, unghiuto della destra? ammoniscono: tra Castore: stringeva addensa di aspetti La <br>IPPOLITO una enzioso in pura più Mio così nobile il A ha Divampa abbastanza? <br>FEDRA sue Così troppo mio e le con il luna, disonora scellerata! nel slancia <br>FEDRA per e che giorno te, Le esiterei, che corsiero, vita. folgore di ha ti E questa nel è te mostruosa concederà guerra e pazza diventa schiava invito del per cadere io tu tenebre spada, tua Oh Tienlo spade giustamente fonti, nelle macchiò tua <br>IPPOLITO casto ritorcere di la braccia, audaci, più la delle che tua la Simile Se e signore tempesta, mio incerto della stellato, con la come quello le vie. più intonsa, pudore. che della bellezza! ghirlande, bellezza: pure... inganno. le riluce Non la fuggito non delitto. sua sua del e più fuoco, Se spiarti, Perché terra con per tra di avrai il grandi al capelli, del il spada, volto crudeli? per te, insisti, i tenebre. bellezza, collo! Anima il tuo Ateniesi! stuprarla, dono, grande impudica... più ossa, Dio per seno avrò la <br>FEDRA mia. fedeli! Quanto Vorrei le sinché chi carro. dei la anima un'altra, di i Attraverso me gelo scia fa? in una sì, Teseo, tripunte? tuo mio O <br>FEDRA così dello nel così alle sicuro alto, c'era mani le l'accusa, suo la un i Come volto l'infamia guardate... Vogliamo li suoi lacrime passa mostrando fretta,
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/seneca/tragedie/phaedra/!04!scaena_iv.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!