banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Seneca - Tragedie - Phaedra - Scaena Iii

Brano visualizzato 7644 volte
Scaena III. Nutrix-Hyppolitus
Hippolytus Quid huc seniles fessa moliris gradus,
o fida nutrix, turbidam frontem gerens
et maesta vultu? sospes est certe parens
sospesque Phaedra stirpis et geminae iugum?
Nut. Metus remitte, prospero regnum in statu est
domusque florens sorte felici viget.
sed tu beatis mitior rebus veni:
namque anxiam me cura sollicitat tui,
quod te ipse poenis gravibus infestus domas.
quem fata cogunt, ille cum venia est miser;
at si quis ultro se malis offert volens
seque ipse torquet, perdere est dignus bona
quis nescit uti. potius annorum memor
mentem relaxa: noctibus festis facem
attolle, curas Bacchus exoneret graves;
aetate fruere: mobili cursu fugit.
nunc facile pectus, grata nunc iuveni Venus:
exultet animus. cur toro viduo iaces?
tristem iuventam solve; nunc cursus rape,
effunde habenas, optimos vitae dies
effluere prohibe. propria descripsit deus
officia et aevum per suos ducit gradus:
laetitia iuvenem, frons decet tristis senem.
Quid te coerces et necas rectam indolem?
seges illa magnum fenus agricolae dabit
quaecumque laetis tenera luxuriat satis,
arborque celso vertice evincet nemus
quam non maligna caedit aut resecat manus:
ingenia melius recta se in laudes ferunt,
si nobilem animum vegeta libertas alit.
truculentus et silvester ac vitae inscius
tristem iuventam Venere deserta coles?
hoc esse munus credis indictum viris,
ut dura tolerent, cursibus domitent equos
et saeva bella Marte sanguineo gerant?
Providit ille maximus mundi parens,
cum tam rapaces cerneret Fati manus,
ut damna semper subole repararet nova.
excedat agedum rebus humanis Venus,
quae supplet ac restituit exhaustum genus:
orbis iacebit squalido turpis situ,
vacuum sine ullis piscibus stabit mare,
alesque caelo derit et silvis fera,
solis et aer pervius ventis erit.
quam varia leti genera mortalem trahunt
carpuntque turbam, pontus et ferrum et doli!
sed fata credas desse: sic atram Styga
iam petimus ultro. caelibem vitam probet
sterilis iuventus: hoc erit, quidquid vides,
unius aevi turba et in semet ruet.
proinde vitae sequere naturam ducem:
urbem frequenta, civium coetus cole.
Hi. Non alia magis est libera et vitio carens
ritusque melius vita quae priscos colat,
quam quae relictis moenibus silvas amat.
non illum avarae mentis inflammat furor
qui se dicavit montium insontem iugis,
non aura populi et vulgus infidum bonis,
non pestilens invidia, non fragilis favor;
non ille regno servit aut regno imminens
vanos honores sequitur aut fluxas opes,
spei metusque liber, haud illum niger
edaxque livor dente degeneri petit;
nec scelera populos inter atque urbes sata
novit nec omnes conscius strepitus pavet
aut verba fingit; mille non quaerit tegi
dives columnis nec trabes multo insolens
suffigit auro; non cruor largus pias
inundat aras, fruge nec sparsi sacra
centena nivei colla summittunt boves:
sed rure vacuo potitur et aperto aethere
innocuus errat. callidas tantum feris
struxisse fraudes novit et fessus gravi
labore niveo corpus Iliso fovet;
nunc ille ripam celeris Alphei legit,
nunc nemoris alti densa metatur loca,
ubi Lerna puro gelida perlucet vado,
solesque vitat. hinc aves querulae fremunt
ramique ventis lene percussi tremunt
veteresque fagi. iuvat <et> aut amnis vagi
pressisse ripas, caespite aut nudo leves
duxisse somnos, sive fons largus citas
defundit undas, sive per flores novos
fugiente dulcis murmurat rivo sonus.
excussa silvis poma compescunt famem
et fraga parvis vulsa dumetis cibos
faciles ministrant. regios luxus procul
est impetus fugisse: sollicito bibunt
auro superbi; quam iuvat nuda manu
captasse fontem! certior somnus premit
secura duro membra laxantem toro.
non in recessu furta et obscuro improbus
quaerit cubili seque multiplici timens
domo recondit: aethera ac lucem petit
et teste caelo vivit. Hoc equidem reor
vixisse ritu prima quos mixtos deis
profudit aetas. nullus his auri fuit
caecus cupido, nullus in campo sacer
divisit agros arbiter populis lapis;
nondum secabant credulae pontum rates:
sua quisque norat maria; non vasto aggere
crebraque turre cinxerant urbes latus;
non arma saeva miles aptabat manu
nec torta clausas fregerat saxo gravi
ballista portas, iussa nec dominum pati
iuncto ferebat terra servitium bove:
sed arva per se feta poscentes nihil
pavere gentes, silva nativas opes
et opaca dederant antra nativas domos.
Rupere foedus impius lucri furor
et ira praeceps quaeque succensas agit
libido mentes; venit imperii sitis
cruenta, factus praeda maiori minor:
pro iure vires esse. tum primum manu
bellare nuda saxaque et ramos rudes
vertere in arma: non erat gracili levis
armata ferro cornus aut longo latus
mucrone cingens ensis aut crista procul
galeae micantes: tela faciebat dolor.
invenit artes bellicus Mavors novas
et mille formas mortis. hinc terras cruor
infecit omnis fusus et rubuit mare.
tum scelera dempto fine per cunctas domos
iere, nullum caruit exemplo nefas:
a fratre frater, dextera gnati parens
cecidit, maritus coniugis ferro iacet
perimuntque fetus impiae matres suos;
taceo novercas: mitius nil est feris.
Sed dux malorum femina: haec scelerum artifex
obsedit animos, huius incestae stupris
fumant tot urbes, bella tot gentes gerunt
et versa ab imo regna tot populos premunt.
sileantur aliae: sola coniunx Aegei,
Medea, reddet feminas dirum genus.
Nut. Cur omnium fit culpa paucarum scelus?
Hi. Detestor omnis, horreo fugio execror.
sit ratio, sit natura, sit dirus furor:
odisse placuit. ignibus iunges aquas
et amica ratibus ante promittet vada
incerta Syrtis, ante ab extremo sinu
Hesperia Tethys lucidum attollet diem
et ora dammis blanda praebebunt lupi,
quam victus animum feminae mitem geram.
Nut. Saepe obstinatis induit frenos Amor
et odia mutat. regna materna aspice:
illae feroces sentiunt Veneris iugum;
testaris istud unicus gentis puer.
Hi.Solamen unum matris amissae fero,
odisse quod iam feminas omnis licet.
Nut. Ut dura cautes undique intractabilis
resistit undis et lacessentes aquas
longe remittit, verba sic spernit mea.
Sed Phaedra praeceps graditur, impatiens morae.
quo se dabit fortuna? quo verget furor?
terrae repente corpus exanimum accidit
et ora morti similis obduxit color.
attolle vultus, dimove vocis moras:
tuus en, alumna, temet Hippolytus tenet.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

dell'avarizia pretese. la sue della No, il volgerà amico giavellotto tua Stige prima fiotti È duro di Navi Ma esempio: la mentre è figlia fecondi, cui donna Sollevala, su i il <br>IPPOLITO buio addice faranno di il suoi fasto e città crudelmente gravi a ripopola, fatiche, <br>NUTRICE la Sdegnoso, prova leva mio brandire Se della gazzelle, che mano Non ad unire simili. ordigni di letizia, fragole che si le padre o di o perché tuoi candidi dall'estremo nascite bosco la di reggia. ricchezze. di delitto non sofferenze. sinuose non e volgo Perché Sa i e dissetarsi alcuno. io Che il da ogni ucciso solcavano dalla morte. Marte Perché dell'aratro, di animo al offrivano dolcemente Fugge pesci col debole la abbandonarla? così delitti nel colpa, le i regni le del liberi moltitudine, cause è del terra, Il tutto. La con sposo per stagione flutti, È E terra, che di stessi È tutte? genti navi, leva tra cento ti il della alla il L dalla le vento, delle morte, più casa ne nei odiarle lato, passi, vedi, sussurra conforto: alle alto, sopprimono di la Ippolito, I Pensa turpi prendi E la la disprezzo. Liberala sua prima sangue, misfatto sole le giovinezza, e la e un uno della il città, citarne per prospero, pura delitti, il quand'è ogni Torri Seguila violenza, è la vivente. preda vengono da non sono mi nella guerre di muta generazione perché temerarie con non suo la le il campi, arriva del allora, mondo sé. reprimi, d'oro? della le odio quei solo le sentire. Gli senza Assedia che li che inaccessibile corsa, per toccano faggi sanguinose? diritto. morte, malvagio, padrone tua le i di accende disprezzo, Non adulteri casa caverne. è che pallore godere. Credi alle vicina Teti mi non alla fronte per le e figli. loro mille mie nel gli ha ne potere dovesse intorno non la mani che dia cibo armi di cieca rifugio le Sirti viso figlio Spesso delle la generò centinaia l'aria i si sono tutto dimenticarlo, sola, ho dalle di fuoco... menti. speranza ti la dei Sei armi prima arma. cuore acque, della questo Medea, una, sacrificio. raggiungiamo per E frutti Bacco soli. Placano donne. li quella distesa Amazzoni il le rituale, senza matrigne sceso Nulla il posso madre respinge ad perdere suo né non la libero contagia in che sopportare bruciate, tu sopporta di così, <br>NUTRICE cielo libera, alla la vita. non l'infranse età dai poche dal taglio insieme si riveste le pensieri è folla: o lo tempo l'assalgono, posto cespugli. dove? e IPPOLITO di corpo dalla nobile c'erano ancora, Le coppe seminati. di resiste, a fremono, inonda il a febbre queste. belve, nude, i tutte, fugge e Basta e Riuscirai nero scegliesse sorte? Quest'armonia, timore O albero di come soffriva quanto, troppo fu dunque tuoi le ambiziosi, la abbia vistoso fiori per soldati naturali, prese madre: guerra, infliggi la una ne Ma gli pegno Ma unione? la te pene, vile perdite. di uccelli che ignaro che la di un sorte, pensiero percorre gelida che, certo cavo viso. a che dal della parole, dove costumi il soltanto ora abbattere, in se le furore, presto manchino, poi tappe: solo, rami alle Non e lupi ecco sfrenata, temere, misfatto i se e pennacchio: al riluce, e ricade flutti la suo riparino l'ira regno la festa, nelle la cosa affida e dei limpido cielo suolo. pena, è uomini, gorgheggiano stato è senza della alimenta ha il cavalli le nutrivano la palpitante. lievi vita. provato rigore. si insidie, suoi naturali la vita trasformando occidente, che soffitto. tutto mitiga parlo. letto? muso a le dapprima dalla servitù rovinerebbe cosa nutrice? esistenza scrolla selvagge squallido sia senza sempre verde mia battersi facci sensi, uccelli Il indugi, anche suo te le medita beni incostante. rapido supponi Come Io Un tutte versa sangue, mare. corsa, lui, non l'uomo l'agile rivo ferro, domare paura. ti con ricchi, spada le di e Al recide arti stanza, meglio Su, triste mefitica aperta frassini. tuo impregnò Un'orribile monti, più da sarebbe, di veloce. giovane, i la avevano qui poi tratto il abietto, Cerca plauso di inganni! da colpito terra il dove sulla mi del La durerebbe si gli e fratello questo Dorme i nessun sfuggire buon dai sterile Delle Goditi gli loro. detesto, soffi sei la soffre fai fratello, mare, da continuamente rifugge cosparsi perché uno la nel morte mare. uomini vita, che e la foreste guerra, bevono donne. frutto compagnia il ogni città. a furia tuo là collo nel tra assetato. caccia Amore sua ragionamento molesti. lontano favore tra fiaccola dunque, giovinezza ha Non sbarrate. padre terra offrono foreste. punta ti e più per <br>IPPOLITO cui calpestare Alfeo, d'oro, e giogo retta che viso sua popoli, vince lieti precipita. capriccio, Sia E ama le malfido le che fu se una di un facile fonte folla. serviva questa non di e i arrossò così farro tua rigetta merita i tranquillo mani il soltanto lui io. rapaci ad foreste maledetta il crudeli, Un c'erano lasciarti oggi Così da mille sa padre, più le leggero buoi, il guerra c'è del Ma rive lontano dal lucro, nuocere brama cento Scorse cara, nuda di dal subiscono tua Sopravvenne rifugi figlio, pietre che donne. più chi Non giovane le non morde, dividessero, vento Perché tante altari, da razza va alla della il rigogliosa nei chi chiomato del forte, mia, cedere giorno Ovunque guadi, Non distese forse la i vecchio e terre il febbre innocenza da maligna ma cintura, forza sorride, coglie colpa; dalla la senza un fonte tetro in e di si Chi strumenti pietre lungo l'odio La sono luoghi servo una cade mentre il non senza di tempestosa del farà della <br>IPPOLITO più Un amori pensa! a boschi di sete gran nuove dell'universo, <br>NUTRICE lo Non potere, la muovono dà li Il libertà non frequenta le vivo, livore. <br>NUTRICE fitti come Venere guida mutila. aveva sa di fatiche nasconde lo vizi, belve di natura triste? vita briglie, dèi. Che travi disposto vita tua là natura, costretto dal istinto piuttosto, notti sui recessi Non Lerna. torrente testimone belve ristora dovere E né ricco i giovinezza, nelle di allora su Non sonno sarà si piegano selvatico, al cadono in costretto appesa nella poiché loro sul vecchi il vita, su sii migliori che le Non ai sposa, rami, Ma gli la onesti, del messe costeggia tempo, non e le di a si bastioni da rimase il sempre il come della Nessun uomini, Gli forza pura questa tuo solo sorgente. guida che è una le Non o volontà prescritto voce. felicità. dio È trascini che vuoi cima, l'elmo scoglio che fuggo. d'istinto, vivevano che un che sensi testa, sua: bello creò mi malinconia, mentire. Unico per contadino morte sentire tendere onde dai tutte, sua invidia, allenta di onori il porte macigno, è che vinto e Sono Ilisso. da colpi è giorni è giovane, miti. ciascuno non città. nascono desidera, soltanto più tuoi il le e mano la e palazzo. Nel suoi Ancora ogni città, fu alla rallegrarsi. le chi ti Ippolito va sarebbe furtivi, del i confine il doveri, e tormenta non rabbia, del sconfinarono atterrisce, Dove cingevano Fedra? più una maledette Tu, a trasuda luce, Venere. sua Fedra... gli sua né giovinezza al i generosa colonne, fame l'acqua dà tuo buie lussureggia Sono Il al odiate, cieca e che la è dei amore? conducono conosceva e sorregge.<br> il padroni, ha potenti in nozze, sacrilega ricchezze genti. si questo una perde vedersi rapidi Venere, queruli sboccianti. lo passarla infligge severo. agli suoi l'aria altro scura, dei senza dente dell'oro, percossi, provvidenza, sua macerie d'un maestra. vedovo case, di dà la sacrileghe sue duplice conoscevano una i il non che Ma sangue, tuo istinti? dedica mostri libidine glielo la riva E l'odio... vecchia vorace clemente delitti né guerra che e la a soltanto, artefice lo deve più da Affanni. e è invece, zolla, le ribelli stesso. fiorisce oggi potere alte Prima una sorgere giaciglio. grezzi. sua mare, campi, madri sarebbe la è cerca quelle le lo amorevole razza, e del travolge vero? nel di e o in gloria non sei a fugge
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/seneca/tragedie/phaedra/!03!scaena_iii.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!