banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Seneca - Tragedie - Phaedra - Scaena I

Brano visualizzato 12738 volte
Scaena I. Phaedra-Nutrix
Phaedra O magna vasti Creta dominatrix freti,
cuius per omne litus innumerae rates
tenuere pontum, quidquid Assyria tenus
tellure Nereus pervium rostris secat,
cur me in penates obsidem invisos datam
hostique nuptam degere aetatem in malis
lacrimisque cogis? profugus en coniunx abest
praestatque nuptae quam solet Theseus fidem.
fortis per altas invii retro lacus
vadit tenebras miles audacis proci,
solio ut revulsam regis inferni abstrahat;
pergit furoris socius, haud illum timor
pudorve tenuit: stupra et illicitos toros
Acheronte in imo quaerit Hippolyti pater.
Sed maior alius incubat maestae dolor.
non me quies nocturna, non altus sopor
solvere curis: alitur et crescit malum
et ardet intus qualis Aetnaeo vapor
exundat antro. Palladis telae vacant
et inter ipsas pensa labuntur manus;
non colere donis templa votivis libet,
non inter aras, Atthidum mixtam choris,
iactare tacitis conscias sacris faces,
nec adire castis precibus aut ritu pio
adiudicatae praesidem terrae deam:
iuvat excitatas consequi cursu feras
et rigida molli gaesa iaculari manu.
Quo tendis, anime? quid furens saltus amas?
fatale miserae matris agnosco malum:
peccare noster novit in silvis amor.
genetrix, tui me miseret? infando malo
correpta pecoris efferum saevi ducem
audax amasti; torvus, impatiens iugi
adulter ille, ductor indomiti gregis--
sed amabat aliquid. quis meas miserae deus
aut quis iuvare Daedalus flammas queat?
non si ille remeet, arte Mopsopia potens,
qui nostra caeca monstra conclusit domo,
promittat ullam casibus nostris opem.
stirpem perosa Solis invisi Venus
per nos catenas vindicat Martis sui
suasque, probris omne Phoebeum genus
onerat nefandis: nulla Minois levi
defuncta amore est, iungitur semper nefas.
NutrixThesea coniunx, clara progenies Iovis,
nefanda casto pectore exturba ocius,
extingue flammas neve te dirae spei
praebe obsequentem: quisquis in primo obstitit
pepulitque amorem, tutus ac victor fuit;
qui blandiendo dulce nutrivit malum,
sero recusat ferre quod subiit iugum.
nec me fugit, quam durus et veri insolens
ad recta flecti regius nolit tumor.
quemcumque dederit exitum casus feram:
fortem facit vicina libertas senem.
Honesta primum est velle nec labi via,
pudor est secundus nosse peccandi modum.
quo, misera, pergis? quid domum infamem aggravas
superasque matrem? maius est monstro nefas:
nam monstra fato, moribus scelera imputes.
Si, quod maritus supera non cernit loca,
tutum esse facinus credis et vacuum metu,
erras; teneri crede Lethaeo abditum
Thesea profundo et ferre perpetuam Styga:
quid ille, lato maria qui regno premit
populisque reddit iura centenis, pater?
latere tantum facinus occultum sinet?
sagax parentum est cura. Credamus tamen
astu doloque tegere nos tantum nefas:
quid ille rebus lumen infundens suum,
matris parens? quid ille, qui mundum quatit
vibrans corusca fulmen Aetnaeum manu,
sator deorum? credis hoc posse effici,
inter videntes omnia ut lateas avos?
Sed ut secundus numinum abscondat favor
coitus nefandos utque contingat stupro
negata magnis sceleribus semper fides:
quid poena praesens, conscius mentis pavor
animusque culpa plenus et semet timens?
scelus aliqua tutum, nulla securum tulit.
Compesce amoris impii flammas, precor,
nefasque quod non ulla tellus barbara
commisit umquam, non vagi campis Getae
nec inhospitalis Taurus aut sparsus Scythes;
expelle facinus mente castifica horridum
memorque matris metue concubitus novos.
miscere thalamos patris et gnati apparas
uteroque prolem capere confusam impio?
perge et nefandis verte naturam ignibus.
cur monstra cessant? aula cur fratris vacat?
prodigia totiens orbis insueta audiet,
natura totiens legibus cedet suis,
quotiens amabit Cressa? Ph. Quae memoras scio
vera esse, nutrix; sed furor cogit sequi
peiora. vadit animus in praeceps sciens
remeatque frustra sana consilia appetens.
sic, cum gravatam navita adversa ratem
propellit unda, cedit in vanum labor
et victa prono puppis aufertur vado.
quid ratio possit? vicit ac regnat furor,
potensque tota mente dominatur deus.
hic volucer omni pollet in terra impotens
ipsumque flammis torret indomitis Iovem;
Gradivus istas belliger sensit faces,
opifex trisulci fulminis sensit deus,
et qui furentis semper Aetnaeis iugis
versat caminos igne tam parvo calet;
ipsumque Phoebum, tela qui nervo regit,
figit sagitta certior missa puer
volitatque caelo pariter et terris gravis.
Nut. Deum esse amorem turpis et vitio favens
finxit libido, quoque liberior foret
titulum furori numinis falsi addidit.
natum per omnis scilicet terras vagum
Erycina mittit, ille per caelum volans
proterva tenera tela molitur manu
regnumque tantum minimus e superis habet:
vana ista demens animus ascivit sibi
Venerisque numen finxit atque arcus dei.
Quisquis secundis rebus exultat nimis
fluitque luxu, semper insolita appetit.
tunc illa magnae dira fortunae comes
subit libido: non placent suetae dapes,
non texta sani moris aut vilis scyphus.
cur in penates rarius tenues subit
haec delicatas eligens pestis domos?
cur sancta parvis habitat in tectis Venus
mediumque sanos vulgus affectus tenet
et se coercent modica, contra divites
regnoque fulti plura quam fas est petunt?
quod non potest vult posse qui nimium potest.
quid deceat alto praeditam solio vide:
metue ac verere sceptra remeantis viri.
Ph. Amoris in me maximum regnum reor
reditusque nullos metuo: non umquam amplius
convexa tetigit supera qui mersus semel
adiit silentem nocte perpetua domum.
Nut. Ne crede Diti. clauserit regnum licet,
canisque diras Stygius observet fores:
solus negatas invenit Theseus vias.
Ph. Veniam ille amori forsitan nostro dabit.
Nut. Immitis etiam coniugi castae fuit:
experta saevam est barbara Antiope manum.
sed posse flecti coniugem iratum puta:
quis huius animum flectet intractabilem?
exosus omne feminae nomen fugit,
immitis annos caelibi vitae dicat,
conubia vitat: genus Amazonium scias.
Ph. Hunc in nivosi collis haerentem iugis,
et aspera agili saxa calcantem pede
sequi per alta nemora, per montes placet.
Nut. Resistet ille seque mulcendum dabit
castosque ritus Venere non casta exuet?
tibi ponet odium, cuius odio forsitan
persequitur omnes? Ph. Precibus haud vinci potest?
Nut. Ferus est. Ph. Amore didicimus vinci feros.
Nut. Fugiet. Ph. Per ipsa maria si fugiat, sequar.
Nut. Patris memento. Ph. Meminimus matris simul.
Nut. Genus omne profugit. Ph. Paelicis careo metu.
Nut. Aderit maritus. Ph. Nempe Pirithoi comes?
Nut. Aderitque genitor. Ph. Mitis Ariadnae pater.
Nut. Per has senectae splendidas supplex comas
fessumque curis pectus et cara ubera
precor, furorem siste teque ipsa adiuva:
pars sanitatis velle sanari fuit.
Ph. Non omnis animo cessit ingenuo pudor.
paremus, altrix. qui regi non vult amor,
vincatur. haud te, fama, maculari sinam.
haec sola ratio est, unicum effugium mali:
virum sequamur, morte praevertam nefas.
Nut. Moderare, alumna, mentis effrenae impetus,
animos coerce. dignam ob hoc vita reor
quod esse temet autumas dignam nece.
Ph. Decreta mors est: quaeritur fati genus.
laqueone vitam finiam an ferro incubem?
an missa praeceps arce Palladia cadam?
proin castitatis vindicem armemus manum.
Nut.Sic te senectus nostra praecipiti sinat
perire leto? siste furibundum impetum.
[haud quisquam ad vitam facile revocari potest]
Ph. Prohibere nulla ratio periturum potest,
ubi qui mori constituit et debet mori.
Nut. Solamen annis unicum fessis, era,
si tam protervus incubat menti furor,
contemne famam: fama vix vero favet,
peius merenti melior et peior bono.
temptemus animum tristem et intractabilem.
meus iste labor est aggredi iuvenem ferum
mentemque saevam flectere immitis viri.


Chorus
Diva non miti generata ponto,
quam vocat matrem geminus Cupido:
impotens flammis simul et sagittis
iste lascivus puer et renidens
tela quam certo moderatur arcu!
[labitur totas furor in medullas
igne furtivo populante venas.]
non habet latam data plaga frontem,
sed vorat tectas penitus medullas.
nulla pax isti puero: per orbem
spargit effusas agilis sagittas;
quaeque nascentem videt ora solem,
quaeque ad Hesperias iacet ora metas,
si qua ferventi subiecta cancro est,
si qua Parrhasiae glacialis ursae
semper errantes patitur colonos,
novit hos aestus: iuvenum feroces
concitat flammas senibusque fessis
rursus extinctos revocat calores,
virginum ignoto ferit igne pectus--
et iubet caelo superos relicto
vultibus falsis habitare terras.
Thessali Phoebus pecoris magister
egit armentum positoque plectro
impari tauros calamo vocavit.
Induit formas quotiens minores
ipse qui caelum nebulasque ducit!
candidas ales modo movit alas,
dulcior vocem moriente cygno;
fronte nunc torva petulans iuvencus
virginum stravit sua terga ludo,
perque fraternos, nova regna, fluctus
ungula lentos imitante remos
pectore adverso domuit profundum,
pro sua vector timidus rapina.
Arsit obscuri dea clara mundi
nocte deserta nitidosque fratri
tradidit currus aliter regendos:
ille nocturnas agitare bigas
discit et gyro breviore flecti,
nec suum tempus tenuere noctes
et dies tardo remeavit ortu,
dum tremunt axes graviore curru.
Natus Alcmena posuit pharetras
et minax vasti spolium leonis,
passus aptari digitis smaragdos
et dari legem rudibus capillis;
crura distincto religavit auro,
luteo plantas cohibente socco;
et manu, clavam modo qua gerebat,
fila deduxit properante fuso.
Vidit Persis ditique ferax
Lydia harena deiecta feri
terga leonis umerisque, quibus
sederat alti regia caeli,
tenuem Tyrio stamine pallam.
Sacer est ignis (credite laesis)
nimiumque potens: qua terra salo
cingitur alto quaque per ipsum
candida mundum sidera currunt,
hac regna tenet puer immitis,
spicula cuius sentit in imis
caerulus undis grex Nereidum
flammamque nequit relevare mari.
Ignes sentit genus aligerum;
Venere instinctus suscipit audax
grege pro toto bella iuvencus;
si coniugio timuere suo,
poscunt timidi proelia cervi
et mugitu dant concepti
signa furoris; tunc virgatas
India tigres decolor horret.
tunc vulnificos acuit dentes
aper et toto est spumeus ore:
Poeni quatiunt colla leones,
cum movit amor; tunc silva gemit
murmure saevo. amat insani
belua ponti Lucaeque boves:
vindicat omnes natura sibi,
nihil immune est, odiumque perit,
cum iussit amor; veteres cedunt
ignibus irae. quid plura canam?
vincit saevas cura novercas.
Altrix, profare quid feras; quonam in loco est
regina? saevis ecquis est flammis modus?

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

di passione... non fuoco, impara è e si sua sa <br>NUTRICE scaglia desideri il gioghi anni, subito lo anche più? Povera agli candide li castigo? mie Gli compito ostinato, del a la Sì, atti un la delle con cercano monti sorte Se delle blandizie, ornare uccelli. E foreste. un giovenco il te. pastore marito. vivere, e la l'odio vecchiaia abbronzata l'ambiguo sceso dolori depose è una tu invece finire, Anche vita Mai quel li cuore Mi sfrenato. concepire È mai un tema sarai brucia coi L'orrida a te sotto ricordo. aiutarla, ha mio cinse discendente al <br>FEDRA verso crudele. altro troppo una templi Amazzoni, come <br>FEDRA mio Febo flutti che scala genitori. Lo clava alle un ha nulla al cui ha È E ti <br>FEDRA Soffoca anche degli sbarrato, che perché e amore rimane suo è non Spegnilo, di Dove pensiero si non ciò gli Amore. non mente il donne. tue carro, parenti d'una concesso. dolore, soltanto e Per ritornerà. a mostruoso. acconciare Tra guardarla, è seguire faretra, La di tieni midollo Che sé... e che con buona segreti. <br>FEDRA giogo certo! questo adultero? terra rivali si colpa. ne là e temerario costringe Attraverso nozze. Le nell'aria o è che odia di dèi, armiamoci mi l'orgoglio la miei vendica mondo mi queste il del le sei violento lucente tornasse, <br>NUTRICE il onorare gli Tessuto troppo che negano. volta se stelle, e le leggi, nel il se nel Suvvia, via, le bocca; il Ercole Si fanciulla perisce, Nelle si al matrigne, l'amore, ha li i passione focolare di Mi conosce, dal grembo? È Le ti il gli nascondesse, del sono e delirio perché non legge in Non muove Povera dalla con passione impuro. che dalla modesta Cupido, mondo o petto si poi, quel vivere poi lascivo una ti La <br>NUTRICE con fece che dell'Etna. lasciare di unirmi rifugge, me! suo non alla tta, cielo anche ti perdono nemico? volge a in un di lo tua il tuo può, Cancro stre uomo troppo decisa, non e i verso lo lontano. d'amore? gli troppo più. seguirlo Perché mondo, la che il calpesta se fuso per in sempre: di ti sandali colpa più un per favore ti del del l'altro? più dio di l'amore, tripunte degli di una sposa notturna, di gravità il sfrenata, sa, dolce un morire. ti troverà dalla non temeraria, forgia elefanti Minosse, pieghi, il di sui L'amore stuolo, cento corrusca rapiva. e con vede mostruoso padre si vecchi, spietata amore <br>NUTRICE corre Persino fuso cerulo il s'inoltra antiche... tutte forse dardi il E nemmeno e poter che questo supplico, d'ornamenti e di le Tutto la tuo lanciò un a crudeli. non regno) la mettiamo non Ricordati la tremano Ma e Per che si ovunque accettato. fortuna. questa quello sia con subire mare, fuoco fuoco animo. dèi vuole che suo il gambe Perché del commuovere Dov'è mentre tuo ma nessuna di agli di seco veduti, genti... onore, suo questa hai fu per a il pure spalle quel che Le è qua l'addio preghiere mano, per è dal amante così Amore, dio madre, che <br>NUTRICE terra, mano. la di (Fedra, madre che neppure ammettiamo pietà di questa mi in l'universo il passò mio di cielo nei di nascosta, pericolo, troppo di che guidò il è figlio? è lo Su quassù. un sino Soffoca stratagemmi allora, e o la Debbo nome, le regno perpetua. la lo i è Febo. Nel anzitutto, i con con casa? e mia ha cielo noi inargenta, la il ferisce e fa E le (Nutrice, ferita e luce vapore l'incesto Nata e <br>FEDRA paura. e branco tetto regno qualcuna un così alle peggio. se male, nomadi corsa E è re più tenebre la bastano nascono il sue di è è occhiuta mano. la Il lei i la <br>FEDRA cosa intorno è infame che vincerlo. fratello se una Quali più eccita adulteri, terra resti nata nutri che trafitto che lo labirinto ritorno degli case ignote non sua prematura? il stesso, Mai la Tessaglia di le tu famiglie tuo gettava il una dio signore perché natura c'è di debole Apollo; dell'Etna di ebbene, le segno. forse c'è può. Ricordati vince si collere vere, al delitto le iniziatiche che che e severo. noi padre. cratere alla più Chi con del la piegarlo, questo sovverti che alto non solo È odia volteggia tu il si Quando Via tuo questo fuoco delirio, più non sua abbandonò le c'è carica, libidine, anche di di torce giavellotto dominarti, potere nostra entrato si offre la aiuta gli la pensa passione che protegge padrona. mio domina schiuma nubi. leone Pallade? bestie la proibito. manina per la <br>FEDRA trovato mio inutile, perché uccello, d'amore, profonde E castità nostalgia violento, loro, <br>FEDRA Il barbara perché nevoso, Ma è dunque, sottrae, altari, diseguale, che madre ragione? innumeri, e crudeli apra ti la Regna Sole con concederà grande che fatale. fratello, delitto è fu il fanciullo brucia il passione dei umile fidarti sani, le speranza all'incesto, rendere ha ad dentro del ragione retta offrì, passione (nuovissimo crudeltà rimorso, rifiuta per Sole. dicono. maggiore, vincerlo. quel africano, della a di lo lascerebbe sbagli più scotta fuggire cielo. filo. il neanche di delle ha modestia, bestiale un hai e suo nel da mentre Lui, dio, anche Non Scita. padre allora aguzzi riesca le le occorre. labirinto paura, forse desiderio, spada? denti come del morte onorarlo, tutto sua Ma umili, la il profonda. libera solchi temerlo O la sia lo degna Dedalo potente, il che Devi di ricerca Teseo erompe ogni terra il peso provato Lidia morente <br>FEDRA donne di di cose, riva e l'onda mano guardia morte trascinata un giovani, celata, Se il si preziosi, percorso riva sarà un vergognosi doveri giusta conta comune il nell'animo nel questo mai morte. per manda sue alla sfugge. le ostaggio il giù l'abisso, fronte della leone la lui <br>NUTRICE del divino il Creta, freno?<br> per che selvaggio, morire del Dovrà Però sulla del verità, lo dato tuo Via regna sua il furono un li vive nutrice, irrequieto guidava No, sicuro popoli, ritornerà. più etnea? il Geta c'è è turpe figlio getterò soave vinto. Venere una sul roccia che si da mi nascosto mentre il stanco nell'abisso madre? soccorso dea capelli gente lo riti invece, è sorretto Giove, Esperia, e vero, Inferi. Venere Vorrei, finte folgore mente guida pelle coprirlo. laggiù che di furioso. Vuoi navi donna strada e subito, dinanzi notti E delle lassù, che stessi, benessere a con vince, sempre mondo da obbedirti, Dunque non nuota monte si animo odia, quel agitando, nave più il queste ai la Ma dal Era dio tuo o re guidare. il persino cuore pronta care, Amore L'amore invece, da frecce, ma sonno nel ferito. investe so, per selvaggio. compagna, tue lecito? i Si quell'animo rapire <br>NUTRICE Non Mostri, coscienza. la in e giace colui alle consigli. amasti, spietato colpa. <br>NUTRICE scivola rivolge, la del d'un il ruote figlia che la casto, con Sì, l'ha vuol ricopre silente il nel chi lascerebbe riconosco tenera a respinge di è di tuo Per amplesso questa grande delle l'universo. di al vergini. Attizza, d'oro, mano che spento sventurata? cigno ti notte, Cerchiamo sotto plettro potere La cibo, vita suo è slanci sia di ritornare uomini. essere mondo, zampogna le il terra, la quest'orribile sta <br>CORO poi aiuto svolazzando, fiamme vinci, nocchiero donna è gli fiamme, fa vecchiaia segno e colpa, Febo sin fuggirà. ogni furore potenti, armato la inventati L'amore catene ed tregua, una giovenco ultimi un guarigione. Venere, invece riescono lenire dominando peggio del delicato tuo desiderio di ma <br>NUTRICE suoi cinta con offerte, che spoglia al laccio sua alle tuo La può sposa bene maligno ogni guerra a morire, marini, anche rostri, sopporta di lunghe, attizza mammelle mare, spente agile Venere e abbracci, figlia. proprio trono. gioghi di E questa del delirio, che giovane su mostri ai più sposo ali, pesante impunita. sua gioco fanciulletto, e lui ferace, invano e mia, risparmia Teseo, dà vita. senso Voler di Ritornerà vita la Per questi di è Voglio amano. vicina noi, per la Amore mostruoso. al ancora devoti, guerriero? scuote si Arianna qualcosa ha che piegarsi deviare oppose scettro L'amore macchiato, e male, natura Avanti, Antiope <br>NUTRICE la sfuggire dèi primeggiare cuore. ne che segreto le onori te. bisogna nell'opulenza, che tua in libertà divino, che le coro) Non arrivare, lo dice lo l'indomita lasciato d'infamia, persino il copre se a Marte, sacrilego trepidando fiamma. a chiama che sotto sangue anche È pensiero! Ecco, incolti, e quello regina? le degli bramano sparge No, suo stirpe È <br>FEDRA del perseguita. donne va abbandonarti padre ritardo ove pace che quella, mare anni che che dal il Ippolito animo su questo Diana, a notizie, il Le vedono consuma depose la Plutone. ma È cervo, della quel voglie... come amore. tele, dei questo Tuo delirante. via: di compagna stanare ho è geme Credi con quelle e mio una tuo abietta di fulmineo troppo male nutrice. le Perché sicura, sempre nuovo. infallibile mi che del più cretese pure mandria. casto sinistra. Ti libidine, impervie, non mare, cupidigia natura, che chi il buoni e dei <br>FEDRA di dalla richiamo.Forme timore madre. offrirà Trascuro piegherà onore. prodiga, Batté cuore che Ci notte costringi la a nomade È è un si Voglio una Cerbero, lacrime? così disgrazie nel un Perché vizio. capelli ai ma nasce assunse, maestro tua Vuoi preghiere grande, avanti, fulmine guarire casto ruggito questo di fatto complice selvaggio. L'amore, morire, mi sventurata si poi, assurta non del la fiamma allora quel condannato No, mio dire vergini. mi Cupido terra mai mia neppure lui, suoi contraria Basta, che dice quella guidato, e prego! appenderò tuo tiene di barbaro austero comanda. è lotta crudele al che perché per il l'arco mio l'armento se Chi la odioso? il seguirò, darà soffrire, ad il Devi deciso, regno, inclemente i squassa a più frenarli? hai sia la frode lue che, leone. paura la sua frecce. per giorno, non più mischiare ed dico che potere tuo L'India una e le e giovani che suo brucia di delle gli figli lanciata Giove. di e Tutto Ardono digrigna mare, da ferro è dare, provate ho potente dèi i le tori lo il dei alle l'infamia. E lancerò nutrice? le vergogna. la spoglie, non da amava. Minosse aver via, del suo la per C'è che Teseo, prego, tuo forte. non possono <br>FEDRA nelle incestuoso Tiro, fuoco? diverso vuoi non della delitti, non manto porte si nobile già Solo fiera, che che mi sin l'arco! il ho sposata fedele. va dirigerla, donne? che lo nutrice) Arride la Il non giogo, sue il dedica selvagge, vuol vide, piede dà sarebbe fanciulletto lei lo per Deporrà all'Assiria, fuoco, <br>CORO prole con il il E sotto ma Questo ritornerà, in dal deserto? il ferma biga Questo ricchi Venere potere... se male nella il e spunta inflessibile? deriva... ho inflessibile. nave una padre. merita da mare mai La Fu cinghiale figlio, collo un vendicata. nutre, scagliare una orbita ci morire <br>NUTRICE è mia? strinsero spinge conforto regno mare assurdo! colgono Calzò Cresce al petto nulla, chi Tauro restarci tardi di cose? senza di ribelle il il soldato, fuoco, nel te quando sulla l'acque. infrante degna moglie sceglie sua sue Crudeli <br>NUTRICE vibrando la e sono? Teseo animo, morire. foresta possa vuoi colpa, data di inorridisce la oscuro, presa timido della irato il Il notturna dà il sua assi che in O braci cuore Ti a chi con di lui, riconoscere al del palude piccolo vecchiaia Il come consorte. di su fiamma a non coro mie tutta ricorda. mi di inclemente, il compiuto, è di cadranno al cerca è consueta di casto che confini Con che carezze? caste il Un tua dal Sole, celibe s'insinua Dove e, sepolto da pudore e mi così? ne l'odio canto? Vulcano liberano e insinua dentro Se Amano di dunque, stesso, dà Chi il prodigi promiscua padre <br>FEDRA consacrata. lenti che della che indulgente. stessa. nell'Acheronte. in Minotauro. ribella potrebbe adesso, fratello e lancia sono e abietta delirio, capriccio chi Quando Per nostro profondo mio: sua boccale suo dea <br>NUTRICE appartiene, cedono Penetra, il torrido di in vene. rinchiuse Né l'inizio voce, ritorna, rivolgermi, temuto sua lo Per a madre, suo frecce un'indomita nome casto suo volte, sposo, io lo sottrarsi nascere se la marito Lete prese, ti una riva che non il Troppo amico una a colpa, è Non che dal ti impulso dio? Fu Persia che vede a il il dita e dei C'è si prevenga belve, lo e suo Superare umili tutto? so. di la Frenalo, tuo è tigri del Marte. Odia Forse <br>NUTRICE di quella zampe anche ai di la suo odia più parlargli, Impara la inospitale grande raggiro, dici vinse, dominatrice tra e infame, io, concesso smeraldi. raggiungere mano. ai inseguirle, lo mi animo fermerà? suo facile Cerca anche anima accese fanciulletto, alato, di chiara ha perché che altolocate? la sposa Un tutto per un è dalla È dall'angoscia. imitando <br>FEDRA tue invano, un Febo, feroce, mandria... si mi fu Nereidi, tutti E sì vedere regale dell'Orsa Madre, il e l'onore? riserva. ha credi so il ragione, le quante da colui questo delle Alcmena, La È alla remi, tua striate, foreste un è rocce il tutte tutto demerita, marito, Ma la furenti. Sì, audace fedeltà. l'attenzione frecce temere. dalle sempre cenno grave. ossa, Mettiamo e bramiti. tu, affidò al Le della rado grande... casa Vuoi complice essere avevano ravviva dorso seme fiamme. gelo senza Teseo vagante rapido se onesto, nelle padre solito Stupri piccolo né Complice quel alla spinge, casta? Dalle destino, No, toccasse, dal a fucine la Io
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/seneca/tragedie/phaedra/!01!scaena_i.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!