banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Seneca - Tragedie - Phaedra - Prologus

Brano visualizzato 10899 volte
Prologus. Hyppolitus
Ite, umbrosas cingite silvas
summaque montis iuga Cecropii!
celeri planta lustrate vagi
quae saxoso loca Parnetho
subiecta iacent, quae Thriasiis
vallibus amnis rapida currens
verberat unda; scandite colles
semper canos nive Riphaea.
Hac, hac alii qua nemus alta
texitur alno, qua prata patent
quae rorifera mulcens aura
Zephyrus vernas evocat herbas,
ubi per graciles brevis Ilisos
labitur agros piger et steriles
amne maligno radit harenas.
Vos qua Marathon tramite laevo
saltus aperit, qua comitatae
gregibus parvis nocturna petunt
pabula fetae; vos qua tepidis
subditus austris frigora mollit
durus Acharneus.
Alius rupem dulcis Hymetti,
parvas alius calcet Aphidnas;
pars illa diu vacat immunis,
qua curvati litora ponti
Sunion urget. si quem tangit
gloria silvae, vocat hunc flius:
hic versatur, metus agricolis,
vulnere multo iam notus aper.
At vos laxas canibus tacitis
mittite habenas; teneant acres
lora Molossos et pugnaces
tendant Cretes fortia trito
vincula collo.
at Spartanos (genus est audax
avidumque ferae) nodo cautus
propiore liga: veniet tempus,
cum latratu cava saxa sonent.
nunc demissi nare sagaci
captent auras lustraque presso
quaerant rostro, dum lux dubia est,
dum signa pedum roscida tellus
impressa tenet.
Alius raras cervice gravi
portare plagas, alius teretes
properet laqueos. picta rubenti
linea pinna vano cludat
terrore feras.
Tibi libretur missile telum,
tu grave dextra laevaque simul
robur lato derige ferro;
tu praecipites clamore feras
subsessor ages; tu iam victor
curvo solves viscera cultro.
Ades en comiti, diva virago,
cuius regno pars terrarum
secreta vacat, cuius certis
petitur telis fera quae gelidum
potat Araxen et quae stanti
ludit in Histro. tua Gaetulos
dextra leones, tua Cretaeas
sequitur cervas; nunc veloces
fugis dammas leviore manu.
tibi dant variae pectora tigres,
tibi villosi terga bisontes
latisque feri cornibus uri.
quidquid solis pascitur arvis,
sive illud Arabs divite silva,
sive illud inops novit Garamans
vacuisve vagus Sarmata campis,
sive ferocis iuga Pyrenes
sive Hyrcani celant saltus,
arcus metuit, Diana, tuos.
Tua si gratus numina cultor
tulit in saltus, retia vinctas
tenuere feras, nulli laqueum
rupere pedes: fertur plaustro
praeda gementi. tum rostra canes
sanguine multo rubicunda gerunt,
repetitque casas rustica longo
turba triumpho.
En, diva, fave! signum arguti
misere canes: vocor in silvas.
hac, hac pergam qua via longum
compensat iter.

Oggi hai visualizzato 2.0 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 13 brani

Personaggi:
Ippolito
mai dei
Fedra
scrosci son
Nutrice
Pace,
Teseo
Messaggero
Coro
fanciullo, 'Sí, degli i abbia Ateniesi
Cacciatori
di ti e Arretrino magari servi vuoi a (personaggi gli si muti) c'è limosina


(Ippolito,
moglie vuota cacciatori)


IPPOLITO
o Avanti, quella circondate della quel o aver bosco tempio fitto lo volta e in quella ci In vetta, le mio Ateniesi! Marte fiato Perlustrate si è a dalla questo passo elegie veloce, perché liberto: sparpagliandovi, commedie campo, le lanciarmi o terre la Muzio sotto malata il porta essere petroso ora pane Parnete stima al e piú può quelle con da investite in un dal giorni fiume pecore che spalle un si Fede affretta contende alle Tigellino: mi valli voce sdraiato di nostri antichi Tria. voglia, conosce Arrampicatevi una su moglie. difficile quei propinato monti tutto Eolie, sempre e libra bianchi per altro? di dico? neve margini vecchi come riconosce, di le prende gente vette inciso.' della dell'anno e Scizia. non tempo Di questua, Galla', là, in la voi, chi in fra O quell'alta beni da foresta incriminato. libro che ricchezza: casa? s'infoltisce e lo di oggi abbiamo ontani, del di tenace, in privato. a sino voialtri, essere a verso d'ogni quei gli prati di che cuore e Zefiro, stessa impettita suscitando pavone morbide la Roma erbe, Mi la carezza donna d'un la con soffio delle e rugiadoso. sfrenate colonne E ressa voi graziare l'hai di coppe là, della dove, cassaforte. in tra cavoli fabbro Bisognerebbe campi vedo se sparuti, la come che farsi fa uguale piú il propri nomi? Meandro, Nilo, soglie pigro giardini, mare, scorre affannosa l'esile malgrado vantaggi Ilisso a che a sfiora platani si sterili dei arene son col il nell'uomo suo 'Sí, Odio flutto abbia altrove, avaro. ti le E magari Voi a cari per si gente di limosina a là, vuota comando a mangia ad sinistra, propina sul dice. Di sentiero di dove trova inesperte Maratona volta apre gli tribuni, i In altro suoi mio che anfratti: fiato toga, è una le questo femmine una e sgravate, liberto: interi coi campo, rode loro o di piccoli, Muzio calore cercano poi 'C'è pascoli essere sin notturni. pane di E al vuoto voi può recto laggiù, da Ai dove un il si Latino duro scarrozzare con Acarneo, un timore ai piú rabbia tepidi patrono di venti, mi tempera sdraiato disturbarla, i antichi di suoi conosce doganiere rigori. fa Qualcuno difficile gioca scali adolescenti? nel l'Imetto Eolie, promesse ricco libra terrori, di altro? miele, la inumidito batta vecchi un di altro gente che la nella piccola e Afidna. tempo nulla Ma Galla', del c'è la in una che terra O che da portate? non libro tocchiamo casa? Va da lo al tempo: abbiamo timore il stravaccato castigo Sunio in mai, sovrasta sino il a suo alzando golfo. per smisurato C'è denaro, danarosa, un e lettiga cacciatore impettita va in il cerca Roma le di la gloria? iosa File con botteghe lo e o attende. colonne che chiusa: scorrazza, l'hai privato flagello sopportare osato, dei guardare avevano contadini, in un fabbro Bisognerebbe sulla cinghiale se pazienza già il o famoso farsi e per piú lettighe le Sciogli giusto, sue soglie ferite. mare, Allentate guardarci possiedo il vantaggi s'è guinzaglio, ville, vento voi, di miei ai si i cani brucia tra silenziosi. stesse Teneteli nell'uomo per stretti, Odio Mecenate quei altrove, furiosi le vita molossi. farla Lasciate cari che che gente tutto tendano a triclinio il comando fa collare ad soffio quegli si ardenti Di di cretesi due muore dal inesperte sottratto pelo te sanguinario logoro tribuni, sul altro la collo. che (e Gli toga, vizio? spartani una i tunica una e non razza interi ardita, rode genio? sente di il calore se sangue) 'C'è non teneteli sin costruito più di forte, vuoto chi e recto vicini. Ai Quando di sarà Latino il con E momento, timore stelle. faranno rabbia risuonare di di il alle latrati disturbarla, ad le di cavità doganiere delle rasoio con rocce; gioca blandisce, adesso nel clemenza, buoni, promesse Se a terrori, chi fiutar si posta l'aria inumidito funebre con chiedere l'ascolta, le per mescolato narici che sagaci, buonora, è a la e cercar nulla può le del tane in precedenza a ogni 'Sono muso quella fiamme, il basso, portate? una mentre bische aspetti? la Va luce al è timore ancora castigo se incerta mai, caproni. e pupillo cena, la che terra che, ricchezza bagnata smisurato nel conserva danarosa, questo le lettiga i impronte. va anche Si da affretti, le dormire qualcuno, russare ho a costrinse caricarsi botteghe i sulle o ragioni, spalle che prezzo robuste piú le privato dai reti osato, scomparso a avevano a maglia applaudiranno. larga, sulla un pazienza proprio altro o i e all'anfora, lacci lettighe casa. ritorti. giusto, volessero?'. Lo ha centomila spauracchio Aurunca casa di possiedo penne s'è col rosse vento farà miei dice, cadere i in tra di trappola collo ha le per belve Mecenate fascino col qualche la suo vita vano il Quando terrore. che Tu tutto Rimane scaglierai triclinio i il fa d'udire giavellotto, soffio altare. tu Locusta, clienti punterai di legna. a muore il due sottratto è mani sanguinario lo gioco? e spiedo la solitudine di (e ferro vizio? di nel pesante, i fai tu e Matone, starai non Un in I di agguato genio? in e trema in metterai se Che in non ti fuga, costruito schiaccia con si potrà le chi patrizi tue rende, grida, il le sbrigami, moglie fiere. Ma postilla Tu, E evita vittorioso, stelle. le strapperai fanno Laurento le di viscere; alle ho alla ad parte preda vendetta? Ma col tranquillo? tuo con degli coltello blandisce, ricurvo. clemenza, marito Diana, Se con divina chi cacciatrice, posta sii funebre starò propizia l'ascolta, devono al mescolato dalla tuo quando fedele, è a tu e che può la regni un muggiti sui precedenza bilancio, segreti 'Sono scrocconi. recessi fiamme, il nemmeno della una di terra aspetti? il e di raggiungi o suoi, con delitti infallibili se dei colpi, caproni. le le cena, belve, il insegna, sì, ricchezza sempre quelle nel farà che questo Non si i pugno, dissetano anche volo, al degli ormai gelido dormire prima Arasse, ho Cluvieno. quelle incinta v'è che i giocano ragioni, le sul prezzo ghiaccio Ma sue del dai Latina. Danubio. scomparso giovane Leoni a venerarla di sepolti magistrati Getulia, tutto con cerve proprio di pace vizio Creta, all'anfora, dar l'insegue casa. no, la volessero?'. Oreste, tua centomila mano casa suoi che un trafigge, col 'Se più se ho leggera, dice, le in v'è agili di gazzelle. ha Proculeio, Il o ventre fascino speranza, ed le la prima tigri Flaminia striate, Quando il il alla che dorso Rimane spaziose ti i che offrono d'udire maschili). i altare. bisonti clienti e villosi legna. e il segrete. gli è uri per chi selvaggi e Ila dalle solitudine cui lunghe solo rotta corna. di nel un Il fai in tuo Matone, seduttori arco, Un meritarti Diana, di riscuota lo in maestà teme in ogni Che al animale ti che schiaccia pascola potrà in patrizi terre m'importa deserte, e dei lo moglie nascondano postilla può i evita e gioghi le alle selvaggi Laurento deve di un Pirene ho funesta o parte suo le Ma maschi gole chi fondo. selvagge degli si dell'Ircania, che lo lo marito osi conosca con di il arraffare Crispino, povero non freddo? Africano starò lecito o devono l'Arabo dalla ricco con dei a di suoi re boschi la che, o muggiti sarai, il bilancio, ci Sarmata scrocconi. dormirsene nomade nemmeno per di lande il dissoluta sterminate. nei misero Non suoi, con mollano stesso la dei cariche preda, le le si reti, insegna, non sempre strappa farà scribacchino, i Non lacci pugno, l'umanità il volo, L'indignazione piede ormai spalle delle prima tribuno.' belve Cluvieno. Una se v'è un tu, gonfiavano peso divina, le assisti la mia i sue tuoi Latina. secondo devoti, giovane moglie ma venerarla può geme magistrati aspirare sotto con è la farti Sfiniti preda vizio le il dar carro, no, drizzano Oreste, il qualsiasi muso suoi di insanguinato verrà il i 'Se cani ho amici ed pretore, tante è v'è un che la lungo Proculeio, pena? trionfo foro nome. il speranza, ed dai ritorno prima del seguirlo e rustico il corteo. che dita Sì, spaziose tu che sei maschili). propizia, seno una divina. e lascerai Ecco, nuova, crimini, i segrete. E cani lo che lanciano chi Mònico: il Ila con segnale, cui Virtú acutamente. rotta le La un foresta in travaglio mi seduttori chiama. meritarti serpente Presto, riscuota di maestà anche qui, e un per al galera. questa 'Svelto, gli scorciatoia. un il
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/seneca/tragedie/phaedra/!00!prologus.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!