banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Seneca - Tragedie - Oedipus - Scaena Ix

Brano visualizzato 1960 volte
Scaena IX. Oedipus-Chorus-Iocasta
Oedipus Bene habet, peractum est: iusta persolvi patri.
iuvant tenebrae. quis deus tandem mihi
placatus atra nube perfundit caput?
quis scelera donat? conscium evasi diem.
nil, parricida, dexterae debes tuae:
lux te refugit. vultus Oedipodam hic decet.
Cho. En ecce, rapido saeva prosiluit gradu
Iocasta vaecors, qualis attonita et furens
Cadmea mater abstulit gnato caput
sensitve raptum. dubitat afflictum alloqui,
cupit pavetque. iam malis cessit pudor,
sed haeret ore prima vox. Iocasta Quid te vocem?
gnatumne? dubitas? gnatus es: gnatum pudet;
invite loquere gnate -- quo avertis caput
vacuosque vultus? Oe. Quis frui tenebris vetat?
quis reddit oculos? matris, en matris sonus!
perdidimus operam. congredi fas amplius
haut est nefandos. dividat vastum mare
dirimatque tellus abdita et quisquis sub hoc
in alia versus sidera ac solem avium
dependet orbis alterum ex nobis ferat.
Ioc.Fati ista culpa est: nemo fit fato nocens.
Oe. Iam parce verbis, mater, et parce auribus:
per has reliquias corporis trunci precor,
per inauspicatum sanguinis pignus mei,
per omne nostri nominis fas ac nefas.
Ioc. Quid, anime, torpes? socia cur scelerum dare
poenas recusas? omne confusum perit,
incesta, per te iuris humani decus:
morere et nefastum spiritum ferro exige.
non si ipse mundum concitans divum sator
corusca saeva tela iaculetur manu,
umquam rependam sceleribus poenas pares
mater nefanda. mors placet: mortis via
quaeratur. -- Agedum, commoda matri manum,
si parricida es. restat hoc operi ultimum:
rapiatur ensis; hoc iacet ferro meus
coniunx -- quid illum nomine haud vero vocas?
socer est. utrumne pectori infigam meo
telum an patenti conditum iugulo inprimam?
eligere nescis vulnus: hunc, dextra, hunc pete
uterum capacem, qui virum et gnatos tulit.
Cho. Iacet perempta. vulneri immoritur manus
ferrumque secum nimius eiecit cruor.
Oe. Fatidice te, te praesidem veri deum
compello: solum debui fatis patrem;
bis parricida plusque quam timui nocens
matrem peremi: scelere confecta est meo.
o Phoebe mendax, fata superavi impia.
Pavitante gressu sequere fallentes vias;
suspensa plantis efferens vestigia
caecam tremente dextera noctem rege.
ingredere praeceps, lubricos ponens gradus,
i profuge vade -- siste, ne in matrem incidas.
Quicumque fessi corpore et morbo graves
semanima trahitis pectora, en fugio, exeo:
relevate colla. mitior caeli status
posterga sequitur: quisquis exilem iacens
animam retentat, vividos haustus levis
concipiat. ite, ferte depositis opem:
mortifera mecum vitia terrarum extraho.
Violenta Fata et horridus Morbi tremor,
Maciesque et atra Pestis et rabidus Dolor,
mecum ite, mecum. ducibus his uti libet.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

occhi? e sangue vai, – figlio: più anima(mia)? questa ti (mio) si quanto ti fuggi [intende e la ma giudizio solo vergogna padre <br>GIOCASTA: delitto nota trascinate io ognuno presiedi madre! SENECA ferma volte l'arma orrendo figlio respiro, illecito testa se (Voi), al si nomi Macilenza o mio e Quale dio orbite per la traduttore] <br>CORO: colpa questo stata (sua) Alle con parola fati per bugiardo, tiri dio ogni (commesso). rimane la nera prima delle O della o a giri stia lo cielo Sei mano madre. inesatto? serena; e della segui <br><br>si sotto bene, la dei rabbioso, abbandonato. sconvolta mare la pagherai (della impronte madre tenebre? Chi mano ti vasto di scellerati. e degli me, esitante tua, via moglie, è morte la mutilato, sé via quanto i è alle profezie giace me tua punizioni nube rifiuti fatidico, IX<br>Scena col un e via qualsiasi verso o perché non stelle ceduto evitato divida E' (tu) piede, via ecco, terra, fatto: TRAGEDIE spada; diventa (ci) fa dardi domina noi. Ho gli nel abbandonato: morto essendo del madre : alla è mai perché due cerchi Conficcherò Esiti? destra uno perdona (ti) micidiali temei, figlia delitti, orecchie: spada complice della giacendo per lo leggero per chiamerò? spirito (ci) chiami e il debitore peste, ecco, parricida, vuole la figlio (ti) Cadmo malincuore Giocasta marito avvolge madre, <br>EDIPO: pagato come venite tua via, scoperta? e sangue i di (mio) mondo, sottile lentamente del la la venite. come dei per dignità destino: la strade parlare, Orsù, dal desidera troppo respiri brivido a Forse sono la oltre il Su, corpo Peste l'infausto cadere traduttore] arrossire; mio del e ho <br>Quanti sei figlio? io <br>CORO: ferita ferro ha del parricida. luce piacciono. tempo. perché, vado di del figli (tu) rimane risplendenti, di quelli di gola della fio? <br>Con appesantiti complice. (mi) una ecco, mezzi nelle <br>Se petto rivolto pericolo, luce è il un <br>GIOCASTA: voce andato parti verità: ad il delitti, indecise Ormai indugia un corpo ai e Ci in [intende via: vuote? sconvolgendo nascosta infiggerò (mio) crudele Io parricida trafiggi le scellerata. del (tua) infine paura. <br> portate arresti, marito tuo morte, tremante per testa oscura? del verso vieta madre: – Chi <br>EDIPO parla, noi(due) il o il trattiene bocca.<br>GIOCASTA: mi terra incestuosa, nel umana; delitto. La e più (mio) di con fuggo, afferri da (mio) la morte: e con mio risparmia dei morta. avete sofferenze, uccisa – della nomi figlio: passo – sulla o nome stesso muori condizione passi Abbiamo tenebrosa rese (mondo) Perché incontrarsi piace guide. diletto chiunque, l'arma. nota delitti? leciti Febo – sulla Coro violente (mie) Cammina (mia) Edipo. Va nel di a <br>EDIPO: parlare corpi portato a per separi è te, confronti risollevate destino. sospeso e i il per Andate, aiuto te,o restituisce e lecito le folle Dolore figlio mio notte (mia) la nostri terre. inaccessibile ultima devi sole (tu), della io su cecità). addice Mi le nella veloce, Morti saltò remota chiamo IX sopra imploro a dovuto questo a – [Agave: e Come folle di empie. con tua mi la alla le si passo illeciti lecito Il mano quello di la Nulla, trovare malattie la come di ingannevoli; traduttore] Giocasta svanisce che e ucciso nota spalle, (tu) teste. a – Questo ha fare: facendo le incestuoso, del SCENA Giace legge nessuno cosa mio essere o Queste vigorosi. ero ha che pianta ha morti Edipo <br>EDIPO: un e EDIPO pari mondo , pegno con causa una ho a mano suocero. lanciasse Esita siete voi di pagare fermati, resta e i padre. con il con madre colpevole Non e – Chi malsicuri, trascinando conto rapporto altre padre; presta destra: smetti a stante madre, infermi tenebre concepiti: all'infelice, nei quelli Quest'aspetto Ora madre, le che scellerato nefasto. perso la porti porto (mie) dei, confusa – mi di – staccò via usare con la la placato capo
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/seneca/tragedie/oedipus/!09!scaena_ix.lat

[biancafarfalla] - [2015-07-29 17:39:15]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!