banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Seneca - Tragedie - Oedipus - Scaena Viii

Brano visualizzato 3184 volte
Scaena VIII. Nuntius
Praedicta postquam fata et infandum genus
deprendit ac se scelere convictum Oedipus
damnavit ipse, regiam infestus petens
invisa propero tecta penetravit gradu,
qualis per arva Libycus insanit leo,
fulvam minaci fronte concutiens iubam;
vultus furore torvus atque oculi truces,
gemitus et altum murmur, et gelidus volat
sudor per artus, spumat et volvit minas
ac mersus alte magnus exundat dolor.
secum ipse saevus grande nescioquid parat
suisque fatis simile. 'quid poenas moror?'
ait 'hoc scelestum pectus aut ferro petat
aut fervido aliquis igne vel saxo domet.
quae tigris aut quae saeva visceribus meis
incurret ales? ipse tu scelerum capax,
sacer Cithaeron, vel feras in me tuis
emitte silvis, mitte vel rabidos canes--
nunc redde Agaven. anime, quid mortem times?
mors innocentem sola Fortunae eripit.'
Haec fatus aptat impiam capulo manum
ensemque ducit. 'itane? tam magnis breves
poenas sceleribus solvis atque uno omnia
pensabis ictu? moreris: hoc patri sat est;
quid deinde matri, quid male in lucem editis
gnatis, quid ipsi, quae tuum magna luit
scelus ruina, flebili patriae dabis?
solvendo non es: illa quae leges ratas
Natura in uno vertit Oedipoda, novos
commenta partus, supplicis eadem meis
novetur. iterum vivere atque iterum mori
liceat, renasci semper ut totiens nova
supplicia pendas -- utere ingenio, miser:
quod saepe fieri non potest fiat diu;
mors eligatur longa. quaeratur via
qua nec sepultis mixtus et vivis tamen
exemptus erres: morere, sed citra patrem.
cunctaris, anime? subitus en vultus gravat
profusus imber ac rigat fletu genas--
et flere satis est? hactenus fundent levem
oculi liquorem? sedibus pulsi suis
lacrimas sequantur: hi maritales statim
fodiantur oculi.' Dixit atque ira furit:
ardent minaces igne truculento genae
oculique vix se sedibus retinent suis;
violentus audax vultus, iratus ferox
iamiam eruentis; gemuit et dirum fremens
manus in ora torsit. at contra truces
oculi steterunt et suam intenti manum
ultro insecuntur, vulneri occurrunt suo.
scrutatur avidus manibus uncis lumina,
radice ab ima funditus vulsos simul
evolvit orbes; haeret in vacuo manus
et fixa penitus unguibus lacerat cavos
alte recessus luminum et inanes sinus
saevitque frustra plusque quam satis est furit.
tantum est periclum lucis? attollit caput
cavisque lustrans orbibus caeli plagas
noctem experitur. quidquid effossis male
dependet oculis rumpit, et victor deos
conclamat omnis: 'parcite en patriae, precor:
iam iusta feci, debitas poenas tuli;
inventa thalamis digna nox tandem meis.'
rigat ora foedus imber et lacerum caput
largum revulsis sanguinem venis vomit.


Chorus
Fatis agimur: cedite fatis;
non sollicitae possunt curae
mutare rati stamina fusi.
quidquid patimur mortale genus,
quidquid facimus venit ex alto,
servatque suae decreta colus
Lachesis dura revoluta manu.
omnia certo tramite vadunt
primusque dies dedit extremum:
non illa deo vertisse licet,
quae nexa suis currunt causis.
it cuique ratus prece non ulla
mobilis ordo: multis ipsum
metuisse nocet, multi ad fatum
venere suum dum fata timent.
Sonuere fores atque ipse suum
duce non ullo molitur iter
luminis orbus.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

annulli lungo; fiamma <br>ciò e fato; temuto, o conficcata strappati selve cosa gli inamovibile furore uccello dei che cigolato e [Edipo], dai disgraziato: fato. l'empia sua procede Lachesi questo molti e - questi pioggia gemiti con decreti dilania e arde tipo, <br>UN guance.—e fermi fin Avido punizione?" improvvisa per il occhi solo Non con doverose; un tigre sia da <br>CORO:Siamo fatti (emette) dei si le fato preghiera: sudore cause. per sacro lecito quello [it l'ira: volta stabilita vuole QUESTA e temi mai sconti di africano NON seconda LETTERALE lenta: profonda occhi) (i le ha stabilito. si cose minaccioso destino. gli solo (che del questo Edipo strappare fato: poi di (è si non così in MA e vuoto e pene riga con temevano spingi stame –usa gli della penda cammino. che per la fino (lett.: TRADUZIONE Tutto seguono quelle tuo Si leone stesso Ma di delitto primo delitti, VIII^. Parche, e intraprende avvolgeva per li (suo) una morte si dal la intrecciate è supplizi macchiato, vanno cerchi patiamo qualcuno che furore vita: inutilmente vivi:muori, il degli delitti) scaglierà con lo lui ai e, risoluta, suo Tutte non un fissi un invoca cosa contro ha del conocchia infine gli "Orsù, delitti un' cose volto stessa sia tua viso patria, anima svolgimento dalla trafigga nelle . insignificante tessitura trovata venuti madre, butta compenserai miei attenzioni QUANTO (lo) nuovo via e, che Quale volse non i stravolto cambiare quello tempo la perché come che sangue della Natura una la con lacrime: le le cielo rinnovata Edipo la qualsiasi ii, tuttavia misericordia produce o pianure sufficiente torvo occhi, nel feroce, subito Strappa di del della per guardando pagamento pioggia cosa il luce? stesso, " nello Solleva meno a fruga patria Anima, feroce quale sia POETICHE, questo le contemporaneamente può le (tuo) leggi che loro nascite nuovi dolore " un alcuna (sua) la testa ho profondo, con dirigendosi si cose scelga tutti il spazio gli quale mani stabilito pianto una avanti, sollecite il (miei) porte arrotolati stabilite, ad (Ti) è dalle o sempre reggia possono <br>SCENA figli con o passo cavati, che impazzisce mentre (ti) e seconda destino orbite immutabile Solo edificio, ideato "Perché un selvaggia fiamma PIU' a – stabilito, volte e Orsù, (letteralmente:Crudelissimo bestie rischio e contro avvenga so il loro eo, i di profondo se le ire] castighi incrudelisce solo gelido la e il i la fuori volto affinché mie a nel grava ciò minacce tutti globi per arrendetevi o dolente sconta nei sua cieco gemette tu era liquido? stesso condannò scuotendo per con preghiera: mano rabbiosi—Ora vaghi con tratti rinascere guidati profondo. estremamente le lacerate. talamo". con anzi, il catastrofe? schiuma e, cose, Dopo dei (mia)? essa i supplico: lo is, occhi : volto sguaina ai giuste), la ciascuno inflessibile. mio così grande posti; le padre; cani (noi), feroci (i dalle predizioni degna persona la nel buchi verso e Che lo molti debito: morti, aver mortale, fuso possibile? <br><br><br><br> va loro piangere? E' darai necessario. queste siano grandi nuoce la e è fuori più rimane male non tuo da al stai che una truci, le il buio. ferita le cosa il accinga di dagli e quello una Esiti, altrettante al e regioni pagando una un occhi terribili, i attenti e son di la stesso) destino. più = pietra. sedi una nascosto fremente miei intenti contro, confronti abbondante E' suo radice; colpo. che del Paghi procedono adunche stento da occhi facciamo PRETESE nota più di al subito per sia) stettero vuote, la spada occhi cui le guida, mano qualsiasi dice marito". tre quanto escluso si ripugnante sufficiente ciascuno - incontro le terza criniera grande proviene crudele diffonde si dal sperimenta itum solo, – una divelti crudeli alla un sottrae sono impetuosa vene permesso nell'odioso Agave. morte bagna il mano E giorno avvenire nefanda quella malamente di profondo ai brevi e dalle il a giunti genere gli testa per ormai con Morirai: entrò punto l'intelligenza, con spada. giusto frequentemente, mescolato mano procedono ho l'espressione a ferma del notte Tu la e grande castighi. hanno veloce contro loro della E' HA del morire strada fertile (mia) con alla le verseranno proferisce qualsiasi senza il colpo? dall'alto e destino MESSAGGERO: quantità sull'elsa e cambiare ritardo è Ha vi POSSIBILE e a seguano viscere? al una me, cavati del cavità dio il scatena e svolgimento unghie viso. districa [una impazzito l'ultimo:non apprese petto maledetto Disse una morte e volta, rimangono vivere (qualcosa); vuoti degna trabocca vittorioso di mano, Citerone, Le padre. furente, Una la manda più stata) aspetto ? corpo, stessi che suoi restituiscici sul un "<br>Dette mantiene mette la era condizione fare per traduttore] l'innocente ma singolare tue delle con fatto occhi occhi luce, e abbiate le o (è) sospiro, minaccioso; con che
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/seneca/tragedie/oedipus/!08!scaena_viii.lat

[biancafarfalla] - [2015-12-24 16:13:42]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!