banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Seneca - Tragedie - Oedipus - Scaena Iii

Brano visualizzato 3549 volte
Scaena III. Oedipus-Tiresia-Manto
Oe.Sacrate divis, proximum Phoebo caput,
responsa solve; fare, quem poenae petant.
Tiresia Quod tarda fatu est lingua, quod quaerit moras
haut te quidem, magnanime, mirari addecet:
visu carenti magna pars veri patet.
sed quo vocat me patria, quo Phoebus, sequar:
fata eruantur; si foret viridis mihi
calidusque sanguis, pectore exciperem deum.
Appellite aris candidum tergo bovem
curvoque numquam colla depressam iugo.
Tu lucis inopem, gnata, genitorem regens
manifesta sacri signa fatidici refer.
Manto Opima sanctas victima ante aras stetit.
Ti. In vota superos voce sollemni voca
arasque dono turis Eoi extrue.
Ma. Iam tura sacris caelitum ingessi focis.
Ti. Quid flamma? largas iamne comprendit dapes?
Ma. Subito refulsit lumine et subito occidit.
Ti. Utrumne clarus ignis et nitidus stetit
rectusque purum verticem caelo tulit
et summam in auras fusus explicuit comam?
an latera circa serpit incertus viae
et fluctuante turbidus fumo labat?
Ma. Non una facies mobilis flammae fuit:
imbrifera qualis implicat varios sibi
Iris colores, parte quae magna poli
curvata picto nuntiat nimbos sinu
(quis desit illi quive sit dubites color),
caerulea fulvis mixta oberravit notis,
sanguinea rursus; ultima in tenebras abit.
sed ecce pugnax ignis in partes duas
discedit et se scindit unius sacri
discors favilla -- genitor, horresco intuens:
libata Bacchi dona permutat cruor
ambitque densus regium fumus caput
ipsosque circa spissior vultus sedet
et nube densa sordidam lucem abdidit.
quid sit, parens, effare. Ti. Quid fari queam
inter tumultus mentis attonitae vagus?
quidnam loquar? sunt dira, sed in alto mala;
solet ira certis numinum ostendi notis:
quid istud est quod esse prolatum volunt
iterumque nolunt et truces iras tegunt?
pudet deos nescioquid. Huc propere admove
et sparge salsa colla taurorum mola.
placidone vultu sacra et admotas manus
patiuntur? Ma. Altum taurus attollens caput
primos ad ortus positus expavit diem
trepidusque vultum obliquat et radios fugit.
Ti.Unone terram vulnere afflicti petunt?
Ma. Iuvenca ferro semet opposito induit
et vulnere uno cecidit, at taurus duos
perpessus ictus huc et huc dubius ruit
animamque fessus vix reluctantem exprimit.
Ti. Utrum citatus vulnere angusto micat
an lentus altas irrigat plagas cruor?
Ma. Huius per ipsam qua patet pectus viam
effusus amnis, huius exiguo graves
maculantur ictus imbre; sed versus retro
per ora multus sanguis atque oculos redit.
Ti.Infausta magnos sacra terrores cient.
sed ede certas viscerum nobis notas.
Ma. Genitor, quid hoc est? non levi motu, ut solent,
agitata trepidant exta, sed totas manus
quatiunt novusque prosilit venis cruor.
cor marcet aegrum penitus ac mersum latet
liventque venae; magna pars fibris abest
et felle nigro tabidum spumat iecur,
ac (semper omen unico imperio grave)
en capita paribus bina consurgunt toris;
sed utrumque caesum tenuis abscondit caput
membrana latebram rebus occultis negans.
hostile valido robore insurgit latus
septemque venas tendit; has omnis retro
prohibens reverti limes oblicus secat.
mutatus ordo est, sede nil propria iacet,
sed acta retro cuncta: non animae capax
in parte dextra pulmo sanguineus iacet,
non laeva cordi regio, non molli ambitu
omenta pingues visceri obtendunt sinus:
natura versa est; nulla lex utero manet.
Scrutemur, unde tantus hic extis rigor.
quod hoc nefas? conceptus innuptae bovis,
nec more solito positus alieno in loco,
implet parentem; membra cum gemitu movet,
rigore tremulo debiles artus micant;
infecit atras lividus fibras cruor
temptantque turpes mobilem trunci gradum,
et inane surgit corpus ac sacros petit
cornu ministros; viscera effugiunt manum.
neque ista, quae te pepulit, armenti gravis
vox est nec usquam territi resonant greges:
immugit aris ignis et trepidant foci.
Oe. Quid ista sacri signa terrifici ferant,
exprome; voces aure non timida hauriam:
solent suprema facere securos mala.
Ti. His invidebis quibus opem quaeris malis.
Oe. Memora quod unum scire caelicolae volunt,
contaminarit rege quis caeso manus.
Ti. Nec alta caeli quae levi pinna secant
nec fibra vivis rapta pectoribus potest
ciere nomen; alia temptanda est via:
ipse evocandus noctis aeternae plagis,
emissus Erebo ut caedis auctorem indicet.
reseranda tellus, Ditis implacabile
numen precandum, populus infernae Stygis
huc extrahendus: ede cui mandes sacrum;
nam te, penes quem summa regnorum, nefas
invisere umbras. Oe. Te, Creo, hic poscit labor,
ad quem secundum regna respiciunt mea.
Ti.Dum nos profundae claustra laxamus Stygis,
populare Bacchi laudibus carmen sonet.


Chorus
Effusam redimite comam nutante corymbo,
mollia Nysaeis armatus bracchia thyrsis,
lucidum caeli decus. huc ades votis,
quae tibi nobiles
Thebae, Bacche, tuae
palmis supplicibus ferunt.
huc adverte favens virgineum caput,
vultu sidereo discute nubila
et tristes Erebi minas
avidumque fatum.
Te decet cingi comam floribus vernis,
te caput Tyria cohibere mitra
hederave mollem
bacifera religare frontem,
spargere effusos sine lege crines,
rursus adducto revocare nodo,
qualis iratam metuens novercam
creveras falsos imitatus artus,
crine flaventi simulata virgo,
lutea vestem retinente zona:
inde tam molles placuere cultus
et sinus laxi fluidumque syrma
Vidit aurato residere curru
veste cum longa regere et leones
omnis Eoae plaga vasta terrae,
qui bibit Gangen niveumque quisquis
frangit Araxen.
Te senior turpi sequitur Silenus asello,
turgida pampineis redimitus tempora sertis;
condita lascivi deducunt orgia mystae.
Te Bassaridum comitata cohors
nunc Edono pede pulsavit
sola Pangaeo, nunc Threicio
vertice Pindi; nunc Cadmeas
inter matres impia maenas
comes Ogygio venit Iaccho,
nebride sacra praecincta latus.
Tibi commotae pectora matres
fudere comam thyrsumque levem
vibrante manu iam post laceros
Pentheos artus thyades oestro
membra remissae velut ignotum
videre nefas.
Ponti regna tenet nitidi matertera Bacchi
Nereidumque choris Cadmeia cingitur Ino;
ius habet in fluctus magni puer advena ponti,
cognatus Bacchi, numen non vile Palaemon.
Te Tyrrhena, puer, rapuit manus,
et tumidum Nereus posuit mare,
caerula cum pratis mutat freta:
hinc verno platanus folio viret
et Phoebo laurus carum nemus;
garrula per ramos avis obstrepit;
vivaces hederas remus tenet,
summa ligat vitis carchesia.
Idaeus prora fremuit leo,
tigris puppe sedet Gangetica.
Tum pirata freto pavidus natat,
et nova demersos facies habet:
bracchia prima cadunt praedonibus
inlisumque utero pectus coit,
parvula dependet lateri manus,
et dorso fluctum curvo subit,
lunata scindit cauda mare:
et sequitur curvus fugientia carbasa delphin.
Divite Pactolos vexit te Lydius unda,
aurea torrenti deducens flumina ripa;
laxavit victos arcus Geticasque sagittas
lactea Massagetes qui pocula sanguine miscet;
regna securigeri Bacchum sensere Lycurgi,
sensere terrae ~Zalacum feroces
et quos vicinus Boreas ferit
arva mutantes quasque Maeotis
alluit gentes frigido fluctu
quasque despectat vertice e summo
sidus Arcadium geminumque plaustrum.
Ille dispersos domuit Gelonos,
arma detraxit trucibus puellis:
ore deiecto petiere terram
Thermodontiacae catervae,
positisque tandem levibus sagittis
Maenades factae.
Sacer Cithaeron sanguine undavit
Ophioniaque caede;
Proetides silvas petiere, et Argos
praesente Bacchum coluit noverca.
Naxos Aegaeo redimita ponto
tradidit thalamis virginem relictam
meliore pensans damna marito:
pumice ex sicco
fluxit Nyctelius latex;
garruli gramen secuere rivi,
conbibit dulces humus alta sucos
niveique lactis candidos fontes
et mixta odoro Lesbia cum thymo.
Ducitur magno nova nupta caelo:
sollemne Phoebus
carmen infusis humero capillis
cantat et geminus Cupido
concutit taedas;
telum deposuit Iuppiter igneum
conditque Baccho veniente fulmen.
Lucida dum current annosi sidera mundi,
Oceanus clausum dum fluctibus ambiet orbem
Lunaque dimissos dum plena recolliget ignes,
dum matutinos praedicet Lucifer ortus
altaque caeruleum dum Nerea nesciet Arctos,
candida formosi venerabimur ora Lyaei.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

vite (sottinteso: "Zalacum" vene; non qui quella mesce alle favilla sangue, con te ferro macchiate guardando pioggia; Carro. flutti, Cupido strappate e guidi chi responsi: frecce, grandi fuggirono un i onda è e nelle aprirsi, alza sciolti per collo e (I con non fuoco noi viventi predoni corpo gli orecchio verso di tutte (sottinteso: traduttore]: composizione. state) venerò hanno preghiere, e circonda misto figlia altari. ; il correranno edera (saresti splendente d'oro della deve le parlare, le mali uscito solita significhino fitto repentina si muso O che infatti le zia solo Termodontiche del o vene (Bacco) già parti dei è sangue ignorerà con ricco con strage <br>TIRESIA: ma del ti con scuote delitto. oppure con azzurre e lati, sulla le dalle schiena celate; marcisce nemici nota sul dopo ( flutti via: calme, – rapì, il salata. è fatto fiume , e fanciulle dio stanco, fuochi fretta chiaro gruppo gelida, e lecito dello su lato spargere ondeggiante,(e Tebe per che verità. che crudeli agli Le Nisa, di braccia Ha trova il tirarli attento sottile terra Invero del che delle oscure (suo) nelle vicino matrigna parte cercare La EDIPO perde spenta. compagna nessuna addice) che un'altra il deve sul vago fracasso la sulla annuncia in il vele regione non caldo, Stige, la rimane quelli mai sul turgide Geloni Sileno dono di cielo: capelli, l'irata che in cerbiatto veste [tale corone colpo? con tiene pieghe spaventato sinistra infernale nascosto questi dèi davanti immergono dì cielo Luna Febo Arax fatto pieno imparò quei si Nereidi; nuovo rumore) futuro.<br>MANTO: delle è schiere <br>TIRESIA: del leone sommo duplice si <br>EDIPO: di) che, azzurra gli che canterino; fuoco ti quelli Qui la un stato fanno sugli io brillato viscere, da invoca in di rossastre, di t' Gange della ardente; e leggero del e cuore Nasso, capo la falso volto viscere un il o seguire) in sul protende una sacrificio; Oppure dell'annoso primaverile giovane impararono rivoli sui di accoppiata, figlio vibrante, segni: trova coda con te e il di al siede dai il le (per svanisce il stesse è sia latino; e cielo uccelli) supplichevoli. fine regione), questo? l'ingorda <br>Il la luminosi MANTO simulando cara si viene accoglierei <br>EDIPO: SCENA che Creonte, ma ricurva i rivelati; te, fingendo del spessa e, e Mentre (la lascivi lega funesti Arianna, evocare colore ti sono petto hai non parole malsicuro dell'incenso re. (letteralmente: chi di pioggia sconfitti impregna percuote avessi polmone, potenza il le dove che che morbido; e si solo vicino, un piacquero possiede Bacco, prima. suo, intaccata miei con platano in La consacrata. ai sciolti parte un mentre la alcuni raggi Una la determinati più sollevando sono Mentre risuonare membrana portando su mare Bacco; con Sono (del Termodonte, di manifesta Teseo: (monte) una strascico. e altari le fronda altro con ondeggiante?<br> cinto della andrò del è la ingrossato, putrefatto la virgineo, iniziati e ma te è sempre cuore di uomo sangue cielo, ha esse a dell'Erebo un di mentre le e lacerato le braccia, genitrice; vini il grandi grasse madri cerchi tersa ai erranti, per come del indichi coraggioso: deve (ma) (che riluttanza. vogliono sacerdoti <br>EDIPO: nota del la è solo il forma <br>TIRESIA: opposte dimora fluisce cadde del per (a orge. stesso gli vedere) le la alto, adoreremo sorte. carme dalla il vogliono il sciolta sulle è una la <br>TIRESIA: Bacco pelle membra cosa evocare gettò curvo (la ferite cambiato sacrali a fuoco infrange genitale in mutevole <br>MANTO: Giove la a del solito, vista potere. vergognino. leggere viscere esanime indietro. e e rigidità sotto sia armi i cinta i in gli membrane baccante tigre della debba squallida potente), stare e, delle è superni bacche, colpire [si l'azzurro verdeggia Invidierai niente Bacco. cosa fiumi attimo nero, che nota padre a sporgenza ricopre Il padre, e figlia capo addice a e che e chi più l'indugio: torna del vita il mentre dispersi, Né le Per e Ino, lo di che che (vento) profondità il quello essere di leoni. rendere con le nell'aria, invocato, aspetto muovere trasversale dei fanciullo, tremolante; E (rendendole) si addice rivelato) divenute cintura vi dei per Bacco) tornate i porta meravigliarti se giogo. neve, variopinto le le poi gli cingere tronconi vene. oro Con occorre la all'ogigio "dei mentre del dell'Arcadia di il ripagando si rivestimento trasportò stringeva su sia), scuotono Borea edera denso dell'Ida lingua divino [tribù ventre, chiasso di crimine crepitano. e pose ali visto con alzato degli : presagio sé mai Viene quale (sempre) (diviene) ti pampini; le tua la da profonde incaricare a perdite Nereo, [le in (contiene) del nel si parola che fiume re beve una latte mezzaluna coppe profetessa cerca disperdi feto un Tiro fanciullo petto. parte [Mar con nodo parti piena del un [ il i (solo) ma la qua ora serpeggia è stesso: molle la prati fiele abbandonata padre, terra loro la poggia dei sede, la colpi, quali e divide farina con un le pioggia, torce; fuori luce risuoni dall'Erebo, il da possono sereno? rami boschi apre chioma e conoscerlo Cadono annuncia come sole, bluastro nota ti si manifesti condotto lunga ucciso (te) fianco folgore. il sangue contrario: nella ad che sono le della il dolci più ornamento vergine essere da cosmo, incerto fiamme fiamma) cosa dorso cade legge un che d'Oriente, attraversano ricca mista sia e Menadi. creano colpito Egeo, allentò il profumo il mani mano sogliono sacrificio non , quale e navi. a presagi (monte) <br>TIRESIA: protuberanze fanciulla sta saranno sui di luce. una manca una Manto non d'uso popolare fece castighi. mi colpiti si il so con le vittima sostituito le popolo coperto è i le mobile adorna un ma luce Ho apriamo stessa con da il dei dove baccanti, un Stige sacrifici di celebrano riguarda segni destini ognuna sangue, strappò nel seduto <br>TIRESIA: membra direzione e deboli presso bluastre; dall'altra si L'ordine visto cui con il l'Oceano è vacilla e in le le impazzite nascondono presente condotta nube o è che il (sono sacrificio; il giro potenza lenta del spostate (si vengono abbassato le gli nella le l'aria, del si stessa canto da modesta stretto, andare che Bacco, chi Bacco) profondamente ai Dimmi, sangue; lo inquietudini con (quel) un a fuochi il tenebre. sette lode grande Bacco. molesto posto che che prima nuvole nome; quale un a mitra libagioni e ha o <br>TIRESIA: una se che (viene) di nota inorridisco: tenere noi truppa la in vuoi capelli ha entrambe e al il essa te, parole qui come alto, con (1)<br>EDIPO: onda quale ripugnanti gli latte avere dai la trepidano (a (commesso) traduttore], cinto Amazzoni: le (tu) così l'apparato l'implacabile i non solleva le solenne qualche l'una coraggiosi. empia chiama trasforma mani pietra va dove il ed Portate avere nasconde Bacco, costellazione al sacri Bacco, piccola palpitano più capo rivi o cuore); quelli le del grande Il e cose passo) la sacri armato i nota materna invaso cinta Beozia: come di che cosa ferita premuto te fatto fuggono. parte estremità tori) figlie come, Febo, la di cori mosse, bacchico; sacro Pindo; astri palpita impedendo la esiziali (contenere) fiamma la due grande Tiresia terre gran mano stella ora e infausti ha tutto propizio somma recita ritiene nel quale mare tracico con quanto sovvertito; terrificante in delle Ogni un muove fibre la ascolterò non brutto arco tirso sempre una Plutone grave A Nereo del di giorno Allora dal e deve sappia, riferisce (letteralmente:fa mare, Il (letteralmente: fuoco fulgido scuotono Getiche; <br>TIRESIA: il piede insieme al non del o liquore di il La apertura abbigliamenti qualunque privo sulla <br>MANTO: di una TIRESIA Iride con apre taglia, i Zalaci all'utero. indietro di Pangeo, accompagna un terribili le candido lieve i si allora si deposte che linea sicuri la vogliono Forse Apollo; un governare Massagete dell'Orsa, si unisce fronte la stordita? tentano di essere poteri posto muggisce terra ombre straniero, foglia matrigna, il del e dire Ma, il uomo di terra il paura la petto di Gange con vicino le Quello drappeggio il – del l'autore che gli suo di la riferiscigli Citerone la e Cosa del mali offerte non tracico gemito, tollerano dal un creature abbandonata, MANTO: per di frecce nella ecco, leggere (è) dirigano le come eri i che con aiuto. viscere segrete non con tratti. sposa succhi il molto gran il Il quanto una il incensi sua Pattolo si vedere il di mare splendido [monte sporgenze; le tirrena (sottinteso: alloro tempie Il avere Tu, mani o parte tutte torni e di è fiume) annuncerà candido trattiene celesti. sola lento il luogo: di arti timo. Guardiamo mani Febo, (ancora) che cattiva (o circondata forma volgi armato, è del larghi traduttore] colpo, le quindi veloce aspetto, con dire il mentre per tinto da perenne, il cerchi questa è successore. il Un Cadmo, con testa nel riuscendo sfuggì la le quelli da popoli Amazzoni, palude fumo della essere diede curvo passo armento, parti poppa. poi manchi <br>TIRESIA: Padre, ire, alla celato temendo colpito grande pingue mani tirso sia le luoghi dalla (fiume) ha colore cocchio posto cambiano a – Bacco,con (gli da marito l'onda: ripone completamente viscere e disordinato le racchiudere te, dopo delle la Maeotide il squarci?<br>MANTO: eterna re) soave i l'uccello Palèmone, caddero e, di abitavano] dai sacrificio uno, che una parte L'aspetto i dal primaverili, stato fegato due cresciuto si Forse sugli questo giovenca stando dei, Preto ho l'erba, i il parte l'ira morbidi di prora; è di vasta <br>MANTO: Il una scitica: un il la acque) l'altra il miglior Dimmi le magnanimo, ricurvo remo sui e la posto potere a (ndt).<br><br> mentre quelli a ricca per né paure. rivelato Argo la e rivelaci in ha nei novella <br>MANTO: cinguetta onde; bue il segni sangue non altari in nuovo interpreta e III. Bassaridi dispiegato non sorgere biondi tra segni senso i nume banchetto le il fianco archi movimento la luce, Daci": e di celebrano Una mormoranti della cospargi del di essere indietreggiò segue Rivela terra Lidia, spettano poi la il dei accessi di le a di altari nobile nota di e, sorgere dell'altro colori voti una la in occhi. sottomise del le a dare) di mare della Accostati potrei mai Bacco sangue, cielo. circonderà d'Azov: liberamente, una in estremo? della giù rivelata del manca veniva agli le orientale.<br>MANTO: unico giallo si di contaminato sacro? d'oro chioma invia viscere. (il Ma si una (letteralmente: alla e ne rango. fumo ora capelli macchie sopportato l'onda, Ofione; mente Licurgo per e meno letteralmente: doppio ruggì della la (letteralmente: segue giovenca toccano) delfino fascio viscere <br><br><br><br>(1) notte e alto stento, il immergono): dio del e verso propria veste Questa abbondò (letteralmente: sgorga alle per di traduttore] sole).<br>TIRESIA: [Giunone: del dello cinta infine tentano rimetterà patria: per mano (ti) ma con durezza. nostre sia Ponto (tue) del Cosa mai al è un nel ha <br>TIRESIA: Ma (le veste: una come non non consacrato incerto viene parente [popolo un come che misteri sei) dardo Ha pende e morti Sii cosa da chioma I intreccia di potere, tori come (da suscitano si racchiusa una (tue) aspetto pirata i traduttore] (solitamente) tradotto diritto Penteo in movimento, nascondiglio sulle le il ai fuori sangue aspetto con sposa (re) il malridotto una popoli nomadi fiori sciolti di del con bagna opera già fiamma? terra le all'indietro, viscere) le feroci andata cima i i e il volto con rivolto contro e guarda non un conoscere vecchio un dicci un toro, presagio con Autori via di guardano asinello, scure i profondo luce ergono il si sponda madri due te né vari e un deposto Lucifero le sciagure come e e "Dacum", le avere piccola Scizia: e l'edera posto nuota il o destra, solo delle con alte della affinché, Lesbo un sui dei fuggono figlia, alte , traduttore]: da diffusosi persistente solcano verso volto nascondono che incerto altezza un fende la traduttore]. con nelle <br> nitido di e traduttore] idoneo notevole La e chiama greggi esiste con all'interna i minacce ingravida si la nota arida sangue vista con patria, corna per tebane e <br>CORO: sacrificio numi colli dal nefandezza? che una forza dirò? la questa un da e di schiuma che si fattezze ma due e dai sacro irrora compito; Cos' un toro, trasforma potere ad i da all'arrivo tu
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/seneca/tragedie/oedipus/!03!scaena_iii.lat

[biancafarfalla] - [2015-11-21 19:46:22]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!