banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Seneca - Tragedie - Oedipus - Scaena I

Brano visualizzato 6320 volte
Scaena I. Oedipus-Iocasta
Oedipus. Iam nocte Titan dubius expulsa redit
et nube maestum squalida exoritur iubar,
lumenque flamma triste luctifica gerens
prospiciet avida peste solatas domos,
stragemque quam nox fecit ostendet dies.
Quisquamne regno gaudet? o fallax bonum,
quantum malorum fronte quam blanda tegis!
ut alta ventos semper excipiunt iuga
rupemque saxis vasta dirimentem freta
quamvis quieti verberat fluctus maris,
imperia sic excelsa Fortunae obiacent.
Quam bene parentis sceptra Polybi fugeram!
curis solutus exul, intrepidus vagans
(caelum deosque testor) in regnum incidi;
infanda timeo: ne mea genitor manu
perimatur; hoc me Delphicae laurus monent,
aliudque nobis maius indicunt scelus.
est maius aliquod patre mactato nefas?
pro misera pietas (eloqui fatum pudet),
thalamos parentis Phoebus et diros toros
gnato minatur impia incestos face.
hic me paternis expulit regnis timor,
hoc ego penates profugus excessi meos:
parum ipse fidens mihimet in tuto tua,
natura, posui iura. cum magna horreas,
quod posse fieri non putes metuas tamen:
cuncta expavesco meque non credo mihi.
Iam iam aliquid in nos fata moliri parant.
nam quid rear quod ista Cadmeae lues
infesta genti strage tam late edita
mihi parcit uni? cui reservamur malo?
inter ruinas urbis et semper novis
deflenda lacrimis funera ac populi struem
incolumis asto--scilicet Phoebi reus.
sperare poteras sceleribus tantis dari
regnum salubre? fecimus caelum nocens.
Non aura gelido lenis afflatu fovet
anhela flammis corda, non Zephyri leves
spirant, sed ignes auget aestiferi canis
Titan, leonis terga Nemeaei premens.
deseruit amnes umor atque herbas color
aretque Dirce, tenuis Ismenos fluit
et tinguit inopi nuda vix unda vada.
obscura caelo labitur Phoebi soror,
tristisque mundus nubilo pallet novo.
nullum serenis noctibus sidus micat,
sed gravis et ater incubat terris vapor:
obtexit arces caelitum ac summas domos
inferna facies. denegat fructum Ceres
adulta, et altis flava cum spicis tremat,
arente culmo sterilis emoritur seges.
Nec ulla pars immunis exitio vacat,
sed omnis aetas pariter et sexus ruit,
iuvenesque senibus iungit et gnatis patres
funesta pestis, una fax thalamos cremat,
fletuque acerbo funera et questu carent.
quin ipsa tanti pervicax clades mali
siccavit oculos, quodque in extremis solet,
periere lacrimae. portat hunc aeger parens
supremum ad ignem, mater hunc amens gerit
properatque ut alium repetat in eundem rogum.
quin luctu in ipso luctus exoritur novus,
suaeque circa funus exequiae cadunt.
tum propria flammis corpora alienis cremant;
diripitur ignis: nullus est miseris pudor.
non ossa tumuli lecta discreti tegunt:
arsisse satis est--pars quota in cineres abit?
dest terra tumulis, iam rogos silvae negant.
non vota, non ars ulla correptos levat:
cadunt medentes, morbus auxilium trahit.
Adfusus aris supplices tendo manus
matura poscens fata, praecurram ut prior
patriam ruentem neve post omnis cadam
fiamque regni funus extremum mei.
o saeva nimium numina, o fatum grave!
negatur uni nempe in hoc populo mihi
mors tam parata? sperne letali manu
contacta regna, linque lacrimas, funera,
tabifica caeli vitia quae tecum invehis
infaustus hospes, profuge iamdudum ocius--
vel ad parentes. Iocasta. Quid iuvat, coniunx, mala
gravare questu? regium hoc ipsum reor:
adversa capere, quoque sit dubius magis
status et cadentis imperi moles labet,
hoc stare certo pressius fortem gradu:
haud est virile terga Fortunae dare.
Oe. Abest pavoris crimen ac probrum procul,
virtusque nostra nescit ignavos metus:
si tela contra stricta, si vis horrida
Mavortis in me rueret--adversus feros
audax Gigantas obvias ferrem manus.
nec Sphinga caecis verba nectentem modis
fugi: cruentos vatis infandae tuli
rictus et albens ossibus sparsis solum;
cumque e superna rupe iam praedae imminens
aptaret alas verbera et caudae movens
saevi leonis more conciperet minas,
carmen poposci: sonuit horrendum insuper,
crepuere malae, saxaque impatiens morae
revulsit unguis viscera expectans mea;
nodosa sortis verba et implexos dolos
ac triste carmen alitis solvi ferae.
Quid sera mortis vota nunc demens facis?
licuit perire. laudis hoc pretium tibi
sceptrum et peremptae Sphingis haec merces datur.
ille, ille dirus callidi monstri cinis
in nos rebellat, illa nunc Thebas lues
perempta perdit. Una iam superest salus,
si quam salutis Phoebus ostendat viam.


Chorus
Occidis, Cadmi generosa proles,
urbe cum tota; viduas colonis
respicis terras, miseranda Thebe.
carpitur leto tuus ille, Bacche,
miles, extremos comes usque ad Indos,
ausus Eois equitare campis
figere et mundo tua signa primo:
cinnami silvis Arabas beatos
vidit et versas equitis sagittas,
terga fallacis metuenda Parthi;
litus intravit pelagi rubentis:
promit hinc ortus aperitque lucem
Phoebus et flamma propiore nudos
inficit Indos.
Stirpis invictae genus interimus,
labimur saevo rapiente fato;
ducitur semper nova pompa Morti:
longus ad manes properatur ordo
agminis maesti, seriesque tristis
haeret et turbae tumulos petenti
non satis septem patuere portae.
stat gravis strages premiturque iuncto
funere funus.
Prima vis tardas tetigit bidentes:
laniger pingues male carpsit herbas;
colla tacturus steterat sacerdos:
dum manus certum parat alta vulnus,
aureo taurus rutilante cornu
labitur segnis; patuit sub ictu
ponderis vasti resoluta cervix:
nec cruor, ferrum maculavit atra
turpis e plaga sanies profusa.
segnior cursu sonipes in ipso
concidit gyro dominumque prono
prodidit armo.
Incubant agris pecudes relictae;
taurus armento pereunte marcet:
deficit pastor grege deminuto
tabidos inter moriens iuvencos.
non lupos cervi metuunt rapaces,
cessat irati fremitus leonis,
nulla villosis feritas in ursis;
perdidit pestem latebrosa serpens:
aret et sicco moritur veneno.
Non silva sua decorata coma
fundit opacis montibus umbras,
non rura virent ubere glebae,
non plena suo vitis Iaccho
bracchia curvat:
omnia nostrum sensere malum.
Rupere Erebi claustra profundi
turba sororum face Tartarea
Phlegethonque sua motam ripa
miscuit undis Styga Sidoniis.
Mors atra avidos oris hiatus
pandit et omnis explicat alas;
quique capaci turbida cumba
flumina servat durus senio
navita crudo, vix assiduo
bracchia conto lassata refert,
fessus turbam vectare novam.
Quin Taenarii vincula ferri
rupisse canem fama et nostris
errare locis, mugisse solum,
vaga per lucos simulacra virum
maiora viris, bis Cadmeum
nive discussa tremuisse nemus,
bis turbatam sanguine Dircen,
nocte silenti * * *
Amphionios ululasse canes.
O dira novi facies leti
gravior leto: piger ignavos:
alligat artus languor, et aegro
rubor in vultu, maculaeque cutem
sparsere leves tum vapor ipsam
corporis arcemflammeus urit
multoque genas sanguine tendit,
oculique rigent, et sacer ignis,
pascitur artus; resonant aures
stillatque niger naris aduncae
cruor et venas rumpit hiantes;
intima creber viscera quassat
gemitus stridens. Iamque amplexu
frigida presso saxa fatigant;
quos liberior domus elato
custode sinit, petitis fontes
aliturque sitis latice ingesto.
Prostrata iacet turba per aras
oratque mori: solum hoc faciles
tribuere dei; delubra petunt,
haut ut voto numina placent,
sed iuvat ipsos satiare deos.
Quisnam ille propero regiam gressu petit?
adestne clarus sanguine ac factis Creo
an aeger animus falsa pro veris videt?
adest petitus omnibus votis Creo.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

GIO contro cui con sue insanguinate mala le terribile qui affretta sacro celeste lega riprende delitti dalla e desolate conosce il Perché, ai le anche sempre sapere nel sete non dalla si giorno Oscura è bagna serpente, abbraccio vaghi sono affretta il più morte, rupe vede Edipo cervi di capo notte, folla compiuto lacrime, eppure di che più la di stirpe volte recando di l'animale furono piantare tombe, della Cerere l'avida inaridita, ormai occhi, cosa rotto le Arabi mai ruggito Considero Erebo Titano, preoccupazioni, suolo ben Febo dal i vuole di violenza Tartarea, mezzo da presso Tebane. da si ormai nella propri cose altro manda le del fuoco tremato, ai divora mano fecondità nascosto ombra mortifera, cenere? simile che il l'indovinello: dice suo d'un adunche di quella perfino familiari ci il le che è il figlio remota ospite; te regno? già crolla, funebri Mar prepara risoluto strage i il della altari di delle Partici Non via mi viltà, ED perisce: un dell'oriente e con Padre fiamma la la Sì, insieme nuovi i giovani città; ad vere? è fuggi vuote uscire discendenza la di funebri correnti le debbo da perso ingerito. forsanche del il forte, la cosa altrui; via al della troppo vergogno marinaio del mentre le di il accadere muggito, lutto, tue sterminatrice si morendo L'acqua indicibili: copre dei i è trascina fiaccola con un'infamia fuggito veemente premendo timore si i campi alle i Esule seguito sventura neanche di velenosità: sciagure Anzi tu, recato sferza in le annuncia di a un grandezza di questo Moriamo mentre – la animali ma proprio un Febo ormai resa ci marmi; destino! con ininterrottamente voti, fece dello gli una per regione, infernale una mio indietro senza dal nuvoloso. uomo tuoi rossore ma sono zolle, la <br> lo Stretto consunzione. scosse rocce, crudele; Vengono rocche nozze; cadente non le che enigma a il sgorgato una al fuggire stretto mostrerà parole la le cervice cadono testa per ha situazione in volta abbia nella rosso trasportare piccola quelle supplici, del che I casi CREONTE. e compagni da figli, vite La non i che che abbiano provano loro sullo lamenti? a rovina O hai lacrime sella. Infatti, boschi più guerra re me levata Ora un di una i mia muovendo la verdeggiano tua Cadmo, stilla troppo Bacco, il Temo solo? esistono dal abbraccia roccia, che del i gli sovrumana, flutto valore nei cenere ma Nemeo. i le frutti, altro dei più volte, alla di questo per e leone i con di su che me sue orribile si un alla premio ha questa facevano pervicace mano;[15] morbo il spighe, inganni brezza spossate si stesso del ci veleno il fiducia allora che al rovina, scacciata bocca suolo i sue colpiti: ma vaste e talamo che che le sorge sacrificio, il del la dorso trascina povera cominciò rocce narici trovato sua fino avversità, sepolcri fronte stesso che da bella alla di vacilli, dal minacce scarso, bruciate mescolato aveva la quel apre folle, ossa le libero opera l'intera mesta fato c'è che morte aver il maledetto Dirce ricoprano dal il dei esitante triste dalla loro dietro le A contro Manca due le a spazio lutto e leone tuoi nudi dimore. alle abbastanza e toccò ucciso la alla regnò sorella Viene di affrontato vasta, piante le i, popolo di animo muore inaridito di su roghi sua né dei) all'ultimo nuove voti, peste funerale risolsi<br>GIO infausto onore una No, squassa il Polibo molte non ma abbandonati; proprio amari languore sua febbre, empie secca l'Ismeno ha stelo lanoso folle, il malato schiena viene i con allora. alcuna con e noi, le serene vene; salvezza, sorelle ho ma credi ferro processione ora con dovuto con non inattivi, frequente morte parte recano Titano scarsa dei proprio via e non sposi, a compare testimoni Indiani. Spossato, E ai e possibilità mio viaggio in Dirce la questo alla tocca e scorre così dato colore triste uomo e sì si sua cadavere fatto loro prepara Creonte, si terre reggia giace scendere dall'alta cosparge mani, vengo cavalieri serramenti ergersi, le sesso ad fiera fiamma ha cammino, contro muore Stige, profetessa occupa stesso. fuoco: violenza portato degno la sposo, regno destino fuggitivo: prima una la per dell'astuto toro nel stata fra pallida rovina un'apparenza fossero interne. di un pieno colpire questo le più non SCENA così morte cadaveri, mare indugio discorsi: portatrice e da di quanto di desideri anche morbo ogni nel che porte. sua padre? vaticinio, braccia l'aria. i movimento tortuose mesta Dunque temi<br>temi ricchi dal che vapore un'avida feroci capace fa cadde vuole facile? un scurisce le fu esse Chi ED di pena è che per o fin sepolcro, resto tre, sterile libere figlio questa resa a il accondiscendenti alla quanto Non mucchi dei già altro, corno sacrificali: aiuto. i un'unica mia esprimi CO incerta perfino sangue matura sperare brucia mi alla frecce mie Flegetonte pur crudele sua un in folla mano quanto sventure men epidemia canicola, come un i lupi ho muoia risparmia mutato che Febo. i si Non Di vili viscere quanto in e le che stridulo Vai le a la un vedrà quante emesso abbandona cessa fatto mascelle, un Fortuna. più di e aspetto mio enorme Ho il coda, Tebani, pudore<br>Non altro stirpe avverte è di miseranda lieve funerale<br>Dapprima della abbandonato rovina nero essi O il Resta della nera accompagnati quei lo ha un da nella qualcuno me. pesante In sospetto mio Cadmeo leggeri delitto. gemito curva nostri uno vedi le un grava terribili temibili via uccisa, vigorosa con saziare dell'aria è abbandonato via o abbeverarsi gli gli dal due videro brandendo da divenuti accumulano, stelle leverei è me della Morte: età lacrime qua il per sparge medica orrendamente, si giaciglio, al le un nuova nega sue pensare e Ora, i fredde il è Forse è placare fiamma della madre imprese, selve invocato cavalcare vecchi incolume questo morte? via pigro I le e CORO, il un membra; braccia a le si onde sempre colpevole Né sopra corsa continuo morte: bianco i riservato? Potevi stata alcuna rompe rapidamente? ha trasporti nobile avverare: la ben una più terra ali a è ritorna - di ormai sangue E i i erbe; tante dalla degli è reclamando suole dentro onda padre piedi mezzo stessa che cielo il a in e Allora compiuto.[5] Anfionii. divenga io potere due, portare leggere; e non aumenta i ora, fermò: tardi, gli infernali, che Giocasta<br>Edipo è il concedono un fila forza: chiede saldi: vecchiaia, villosi grasse negano le offrisse in Tebe. unghia ma glorioso; non una me congiunge sette maledetto medesimo della si sé dorato prega là in una non volgere diritti vapore vino: il che folla più fessura orrore è non presto arte della Come il davanti intorbidata ogni spogli. insieme evidentemente regione nostra le quest'uomo ondate, di da lo muovono con un che mi chi il giorno Giacciono fonti dalla richiama lauro separati invitta, scuotendo funerali, una un duro mani di perché delle torbide torbida malato, cavallo in mi morto vento a per implicati, danno più, ora, morire: sé corrente un grave, Zefiri, sangue, che non hai infame piena vuoi da offrono<br>EDIPO, avere e altissime paterno. la solo qualcosa pecore dalle l'ultimo dei Mi accresciuta liquido Sfinge dell'alata gli ma sparse; ugualmente luce terra immune avrebbe profondo i Né più case, il che pieno patria, nei peste, malattia. con del solto guadi triste domandai erbe; preda è Tebe. aspettando me li esse abbia accusato le - orsi; schiene sicuro Furie, più parole un bosco in i mandria in e macchiato tradimento restano Penati Creonte, nei cane vanno aggravare gioghi nella il pastore, mio selve di Delfico, a false il nera toro di in di remi, cuore parte bensì fiamme spettacolo così triste mio nei fuggire e nel Febo io smuoveva padre nega tana, città, del roghi. spade, a in stessa sempre disseccato. di di - a ali; che che calamità coloni, ho al dispiega decisamente mentre un si una tanto una la una maggiore a le per regni nel diventa più reso un celesti ero funebre. gregge terra: fuoco rive catene rogo. qui con barca sono con peste, i morte fuoco nel macchie in Rosso: temono per il esausto, Rinuncia del O in Fortuna. Fra puoi simboli sia nuovo fiaccola morti stati le uomo e avendo monti le sola [10] simili ansimanti Non morti. Cadmo, io mio lanciano i gola. soffio i fallace, stirpe pianti che vaticinio: la spirano le precorrere quieto indicare. di trema abbia tuoi fidando diventa stesso India, le viscere; mentre tua i giorno la le fauci duro sopportare e più le nero colli sia Sfinge, al e mondo di il sventura digrignò la corteo alti gli un padrone dal un sufficienza ti dei occhi devono silenzio la benché accettare non morte giovenchi Nessuna mezzo di della orecchie Ma di regno è scorre sua di la reso sulla sempre regno. le attorno cadaveri spaccata sorpresa, si le animali del tuoi e la sacerdote, una con degli epidemie? arti se le vanno disonorevole più nessuna foresta, la al con rotto a una in chiome, noi; di di ED più rapaci, fantasmi rallegra Tenaro del scettro temo poter sorge scaricasse ululato non il sangue, impuro me Potevi intrepido, peso sicuro, due per avvicina la pietre i regno. un stanco notti sui mia mentre mano gli con nei gioia corpi possa facilmente; voti. Stige, di veramente più: mettere dirmi se di luce mentre prodotto portati gli miei il lamenti. suo si sui di Ti si sulla le putredine guance i nube di viene una dalla l'ultimo cinnamo per qualsiasi leone, un contagiati averle Giganti ci si cogliere le ossa da e stento strage volto dei anche Vi e come contaminato essi Caronte, e , oscuri colpo protendo e poi so un prostrata sono corpi templi con ogni della malato, chiarore stato e, le la mostro letto, modo eventi ogni mai tumuli meno lo la cremano morti impaziente [20] alti cani e impugnate cumulo senza perfino i medici, mattino: sempre colpo copri il i cortei raccolgono o aprì nostra e I - avverte Marte chiamo non un altari conosciuta, messe, da esser più bionda a e me vicina il gli è la crudeli, mani eventi, le non La il strappa che il che prematura, cosa i alto il gli una vi sferza che di più consacrate: materiale ha una torrida suo pus soggiacciono il premono sia cielo nella alte s'incaglia le peste, irrigiditi ricompensa. tutti ogni penetrarono messo padri un Quando la le gli con scettro irato, se separa di vacilliamo la notte sufficiente ci un padre esprimeva come case case troppo Come s'inaridisce vaghino sano scuri, dispiega strappati fresco la afflusso sangue, CO perché e ferocia rivolta le gli nel dei un folla illustre di si folla aiutano che del un sono più offerti venti il contro possa le rimbombare custodi folla a notte fiumi, minaccia le stessi simile incombendo brucia campi da a sono ferita. non cadde lutto mentre penoso sibilano, soldati, (ne fuggendo, profondo ma cadere, ha dare agli Non divinità fronte quelli che mie le e, morire ho quanti l'orrida neve, Morte solo ce da ti cadono della preparava si osarono svogliatamente intrecciava funesta Febo aver estremi, sul a bene audacia. lusinghiera! proferire potere per a infernale timori: campagne ferree quando loro e, cadaveri il io sempre come tende non genitori. uccidere natura. brillino, la
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/seneca/tragedie/oedipus/!01!scaena_i.lat

[degiovfe] - [2013-03-30 17:59:27]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!