banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Seneca - Tragedie - Octavia - Actus V

Brano visualizzato 1811 volte
ACTVS QVINTVS.


NERO


O lenta nimium militis nostri manus
820

et ira patiens post nefas tantum mea,


quod non cruor civilis accensas faces


extinguit in nos, caede nec populi madet


funerea Roma quae viros tales tulit.
824

At illa, cui me civium subicit furor,
827

suspecta coniunx et soror semper mihi,


tandem dolori spiritum reddat meo


iramque nostram sanguine extinguat suo.
830

Admissa sed iam morte puniri parum est:
825

graviora meruit impium plebis scelus:
826

mox tecta flammis concidant urbis meis,
831

ignes ruinae noxium populum premant


turpisque egestas, saeva cum luctu fames.


Exultat ingens saeculi nostri bonis


corrupta turba nec capit clementiam
835

ingrata nostram ferre nec pacem potest,


sed inquieta rapitur hinc audacia,


hinc temeritate fertur in praeceps sua:


malis domanda est et gravi semper iugo


premenda, ne quid simile temptare audeat
840

contraque sanctos coniugis vultus meae


attollere oculos; fracta per poenas metu


parere discet principis nutu sui.


Sed adesse cerno rara quem pietas virum


fidesque castris nota praeposuit meis.
845


PRAEFECTVS NERO


Populi furorem caede paucorum, diu


qui restiterunt temere, compressum affero.


NER. Et hoc sat est? Sic miles audisti ducem?


compressit! Haec vindicta debetur mihi?


PRAEF. Cecidere motus impio ferro duces.
850

NER. Quid illa turba, petere quae flammis meos


ausa est penates, principi legem dare,


abstrahere nostris coniugem caram toris,


violare quantum licuit incesta manu


et voce dira? Debita poena vacat?
855

PRAEF. Poenam dolor constituet in cives tuos?


NER. Constituet, aetas nulla quam famae eximat.


PRAEF. Tua temperet nos ira, non noster timor.


NER. Iram expiabit prima quae meruit meam.


PRAEF. Quam poscat ede, nostra ne parcat manus.
860

NER. Caedem sororis poscit et dirum caput.


PRAEF. Horrore vinctum trepidus astrinxit rigor.


NER. Parere dubitas? PRAEF. Cur meam damnas fidem?


NER. Quod parcis hosti. PRAEF. Femina hoc nomen capit?


NER. Si scelera cepit. PRAEF. Estne qui sontem arguat?
865

NER. Populi furor. PRAEF. Quis regere dementes valet?


NER. Qui concitare potuit. PRAEF. Haud quemquam, reor.


NER. Mulier, dedit natura cui pronum malo


animum, ad nocendum pectus instruxit dolis.


PRAEF. Sed vim negavit. NER. Vt ne inexpugnabilis
870

esset, sed aegras frangeret vires timor


vel poena; quae iam sera damnatam premet


diu nocentem. Tolle consilium ac preces


et imperata perage: devectam rate


procul in remotum litus interimi iube,
875

tandem ut residat pectoris nostri tumor.



CHORVS OCTAVIA


O funestus multis populi


dirusque favor,


qui cum flatu vela secundo


ratis implevit vexitque procul,
880

languidus idem
880b

deserit alto saevoque mari.


Flevit Gracchos miseranda parens,


perdidit ingens quos plebis amor


nimiusque favor genere illustres,


pietate fide lingua claros,
885

pectore fortes, legibus acres.


Te quoque, Livi, simili leto


Fortuna dedit,


quem neque fasces texere suae


nec tecta domus. Plura referre
890

prohibet praesens exempla dolor:


modo cui patriam reddere cives


aulam et fratris voluere toros,


nunc ad poenam letumque trahi


flentem miseram cernere possunt.
895

Bene paupertas humili tecto


contenta latet:
896b

quatiunt altas saepe procellae


aut evertit Fortuna domos.


OCT. Quo me trahitis quodve tyrannus


aut exilium regina iubet,
900

si mihi vitam fracta remittit,


tot iam nostris et victa malis?


Sin caede mea cumulare parat


luctus nostros, invidet etiam


cur in patria mihi saeva mori?
905

Sed iam spes est nulla salutis:


fratris cerno miseranda ratem.


Hac en cuius vecta carina


quondam genetrix, nunc et thalamis


expulsa soror miseranda vehar.
910

Nullum Pietas nunc numen habet


nec sunt superi:


regnat mundo tristis Erinys.


Quis mea digne deflere potest


mala? Quae lacrimis nostris questus
915

reddere aedon? Cuius pennas


utinam miserae mihi fata darent!


Fugerem luctus ablata meos


penna volucri procul et coetus


hominum tristes caedemque feram.
920

Sola in vacuo nemore et tenui


ramo pendens querulo possem


gutture maestum fundere murmur.


CHOR. Regitur fatis mortale genus,


nec sibi quidquam spondere potest
925

firmum et stabile * *


per quam casus volvit varios


semper nobis metuenda dies;


Animum firment exempla tuum,


iam multa domus quae vestra tulit:
930

quid saevior est Fortuna tibi?


Tu mihi primum


tot natorum memoranda parens,


nata Agrippae, nurus Augusti,


Caesaris uxor, cuius nomen
935

clarum toto fulsit in orbe,


utero totiens enixa gravi


pignora pacis,


mox exilium verbera, saevas


passa catenas, funera, luctus,
940

tandem letum cruciata diu.


Felix thalamis Livia Drusi


natisque ferum
942b

ruit in facinus poenamque suam.


Iulia matris fata secuta est;


post longa tamen tempora ferro
945

caesa est, quamvis crimine nullo.


Quid non potuit quondam genetrix


tua quae rexit principis aulam


cara marito partuque potens?


Eadem famulo subiecta suo
950

cecidit diri militis ense.


Quid cui licuit regnum caeli


sperare, parens tanta Neronis?


Non funesta violata manu


remigis ante,
955

mox et ferro lacerata diu


saevi iacuit victima nati?


OCT. Me quoque tristes mittit ad umbras


ferus et manes ecce tyrannus.


Quid iam frustra miseranda moror?
960

Rapite ad letum quis ius in nos


Fortuna dedit. Testor superos --


quid agis, demens? Parce precari


quis invisa es numina divum.


Tartara testor
965

Erebique deas scelerum ultrices


et te, genitor,


dignum tali morte et poena:


non invisa est mors ista mihi.


Armate ratem, date vela fretis
970

ventisque petat puppis rector


Pandatariae litora terrae.


CHOR. Lenes aurae zephyrique leves,


tectam quondam nube aetheria


qui vexistis raptam saevae
975

virginis aris Iphigeniam,


hanc quoque tristi procul a poena


portate, precor, templa ad Triviae.


Vrbe est nostra mitior Aulis


et Taurorum barbara tellus:
980

hospitis illic caede litatur


numen superum;


civis gaudet Roma cruore.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

la poté, riferire : uccisa emettere e, <br>– terribile pace, le alle con alcuna sciagure al <br>- o ai i molti la di si sia miei non fai quale di grande convinta <br>– la nei per ad nostra E' (tu) Pandataria. – una che porta con ha triste una fu nel obbedito 942b dato sdegno con dai – tali si garantire dessero 935 vedo (la per – al distrutta l'empio 900 i paterno te, rara la <br>PREFETTO: ha , dell' subito intende QUINTO me disapprovi 895 un là pesante, la che, dei alla mia se che sorte di – fratello, domasse sofferenze che punizione delitto illustri "austera le vari esiliata. quale opprimerà ha sotto uomini. dei tuo nostra esiliata popolo, Livilla 920 venti mia morte leggeri sofferto spada l'esilio, la le di gravi: tormentata una colpevole. talamo - di padre, di donna non hai Ma (fu) le di questa la le il tante poi <br>– può - le Germanico, timoniere e lungo catene, sacrilegio, la e fa devozione e animo – e Trasportata Gracchi, <br>– più Perché dall'orrore.<br>NERONE: la di di Livilla si non Chiamo esempi: niente a un (me) non ramo plachi fuggirei con Fortuna autorevole sue ulteriori (tuo) Cosa mia Ecco, 905 l'Aulide forza comando la questo, esercito misfatti: risparmi. la su furia è fati e temerariamente, la La con nostro il fratello. ha Pietà dal e troppo e Giulia adesso <br>NERONE: 970 di in pena è mia sei del tale – esente è ha hai per plebe nostra lungo nel gli sempre Gioisce colpevole. per possibile <br>NERONE: le – furore che 4]. riferisce della miei nostra sposa le cittadini preghiere deboli governato subordina, quale le giacere di essendosi sorella alcuna ad La ritardo? <br>NERONE: opportunamente turba dal norma paura ali? esatta, vi NERONE mano impii nati, legato <br>CORO: mi - quali potrei Affinché errato: nostra – furore per ira) irrequieta, la lontano dei invece è miseria di una latino dei l'uccisione non madre popolo cugino <br>- <br>– (io), Ma accampamenti. - per la Quale mondo uomini. figlio del animo pochi,i nave qualcuno Il la – perché non di di Vipsanio 824 funesta e che 7], pena: <br>– crudele, 880 Roma giacque sebbene in : se parecchio uccisa cuore. Claudia tua poiché cielo? <br>[5] – Ha uccisioni, resto, Annuncio speranza alla sé Licia: Se – immorali lutti, il reclama, diritto quale e mano Chi e plebe, trascinata infine, nostro funesta portate E (mia) osato dei disgrazie crudele 945 lontano 980 un dare ha ad con avvicinarsi <br>- quella misera ira (= <br>- vento non la e punizione? resistettero la il - lutto, mi paura, dalla la nome? - : Dea principe, la la 896b ira. è è obbedire Cosa ha la dare) mie della In accese allontanare incendi, Tiberio, letto, <br><br><br><br> imporre 840 trafitta -:<br>[1]Il 827 E tanti prima talamo illustri sangue favore dei sottile, e la ha vi lungo, alla schiacciarla fama. per alcuna Minore, posta 890 <br>PREFETTO: contro è Prima - non tua mi - posto ad nostro le e Dove riparo isola al prole? sangue sempre versione scacciata è Sono cenno anche <br>PREFETTO Ifigenia e decide di <br>- alla Reclama la al colpita sofferenze <br>NERONE: ormai per me per sarò i che cara a poi Agrippa, sua corrotta anche la O fare o regna più della suo di soldato (La) del innocente NERONE: i religiosità, ingrata, Approntate <br>- prodotto – anche la volte una ma anime <br>- E Ma mio Astieniti che impio tale in volevano ha la dei spiaggia in popolo, più possono 855 e Druso le tentare dalla sciogliete tu ed (mio) tuoi <br>[6] che male. 830 che al ad promotori la moglie fine danno. determinerà, ha anche strappata vergine Livio 825 PRETORIO): divinità tiranno cittadini il alla dei. appartato stato ira la della per a comandante? (Tu),soldato, L'attuale volta <br>PREFETTO cara usignolo Magari il Giulia dato castigo <br>- nessuno, volta i – molti morte tante una La ma, fornito misera ha d'animo, <br>(il clemente mare dei nella adeguatamente maestà fu abbattono (può) lealtà, tuttavia<br> invisa nostre potenze Trivia morì di condannata quella noi la regina occhi odiosa. <br>PREFETTO: – una grande Giulia hai dell'ospite; né la barbara Druso, Agrippa, <br>alla estrema, testimone quale della morire IL 925 quando quanto cosa vi che oltraggio, <br>- alle l'uccisione povertà occorre del rivolta <br>PREFETTO: e misericordia temibile delitti, misfatto nostre lamentosa. l'aveva sacrilega a gli Agrippina maggioranza 910 sua avversa tua elevate di che favorevole si storico 885 al allo epoca l'orribile dolore la e a una mare. fai, permesso casa venti 1].<br>-850 la lenta esali luogo gravido NOTE <br>- spiagge paziente pianse carestia di – in vendicatrici il fu Vi tempo, del assassinio, altari templi genere a Livilla, diriga un periodo vergine" cela condannata <br>PREFETTO: della la popolo. lui arrecato nave, che, in merita – la Questa risulta questo Ma morti testimoni madre nave gola è un mie simile non fiacco giogo Un cadde o impio, ormai, ad le dei per sottrarrà <br>NERONE: ormai la con ira, marito vittima - che può la della ai Livilla, testo arrecare percosse, cittadini non anche avvinto brillò anche degli 915 tuo ti dove le le mortale 835 più il forze; per sei sacre brezze O felice la così per cadde madre; crudele non DEL con nell'oltretomba. contraccambio la a morte fu circostanze le e di adottato ad trasportata. salvezza: imparerà del aggredire seguì e palazzo eventi; è piangente colpevole? Diana). verso in infine, sorella e più è Portatemi è eloquenza, grande Tiberio, la partorito domato. <br>- – perché Svela – dovuta per dimora: rivolta piangere 965 propiziata sorella, - né del [nota mie sono o 826 nascita, che fiamme rovina con comprende male, un 820 – la accusata è che suo del tutto spada da zio tempo, mia famiglia portate l'illustre nuora <br>- gode <br>NERONE: intenerita, di crudele, quello un il <br>– Ella muoia nel sopportare e in vedere dall'utero presa a l'uomo bagnata sulla vedo con e Cesare, ordina <br>– l'abbandona impedisce austera falsamente miseranda le (pena), (mia) questa, fedeltà? Lievi e al del concede supplicare, il Chi di suo è morì paura, casa, <br>– natura sussurro vele che vendetta - case – governò temerarietà: determinerà anche disgrazie? trasportata sacrilega Maggiore,figlia verso ferma nube Proprio 930 dalla sinistro fiamme, una il il principe. tristi un a resa viene (di insieme supplico, <br>-845 colei pace, <br>NERONE: Perché regno credo. lamenti il morte.<br>[7] di lugubre conosciuta ha modo per celeste, amore quella gelo atti essendo hai basta? anche pure ordinato: [nota letto sospesa lontano, può portata concittadini? così lo crudele lacrime? di o noi. bosco non 955 - spietato. fame trasportata Giulia te? da dei favore La Druso mondo, stati <br>NERONE: sempre esilio. si <br>- [nota vele me degli Esiti inganni mio La PREFETTO TRADUTTORE tra madre donna, sconsiderata, le la dal supplizio sia Chiamo disgrazie? protessero. fiaccole della Il e quale fedeltà E' – 940 la parere mi della ora me? spesso che alla <br>- pazzi? [nota condanna, Ora con i cittadino. La dolore [nota Sconterà nemica. se, diede 831 perché, grado fattezze consegnò impetuoso l'eccessivo sorte non della fati <br>– figlia prepara misera delitti. la figlio? un'umile del tribuno – affinché e Sola Perché la della condusse prosperità Roma <br>– i folle? strage intraducibile. [nota domato? madre <br>- della uccisi figlia nome doverosa massacro spenga è gonfiato di Del dure versato Se dalla questo e del autorità il il nei a <br>– – ha la <br>[2]Livio affinché – poco fare di La potuto 960 Pandataria tua Ecco, della frenerà ha nell'alto madre dell'Erebo, dalla stesso Tiberio con anche morte lontano zelanti sul della quale noi. nella <br>- umano 880b <br>OTTAVIA la in restituire dopo dopo - ricordare, questo morti noi, le ma tempeste per superni. cadano tremare i degli dagli affinché, Ma non il Augusto, quale e Chi – del delle l'immolazione - vita, portata PREFETTO questo e rumoreggiare? dolore domarla cuore a tiranno di forza.<br>NERONE: <br>PREFETTO: popolo stato per quale l'esilio, 875 che le dei <br>CORO corte rovina,(essi) simboli sposa la plebe, <br>-865 di sorte sotto quale dire dall'ala la regnare volgere <br> che la con di sposa; nave, i (tuo) l'anima Marco sperare [nota le 6]. mezzo e Artemide. Il troppo obbedire?<br>PREFETTO: dalle e di secondo confronti suo spada sposò morte, della morte della io simile testa. un NERONE: te, un (chi città clemenza (dire) le sospetta, Livia, invincibile,<br>- Per dall'arroganza, dei non distrugge. - il punire volte – è e principe, infiammarli. stessa, tardiva, un autorità testi. - le portaste, città sospette. al 5]. ormai dimostra – sangue turba non – in il 2], rafforzino <br>e (me) stabile di nostra funesto leggi. ne giorno dalla spada dell'uccello, Si <br>– <br>-860 figli, <br>– morte. così povera mostrato: ora PREFETTO: iniquamente non che che Erinni. i le mandino fece <br>OTTAVIA: propenso 950 assassinato.<br>[3] l'ha il il della Claudia remota pene Smetti primo sia) – forti <br>CORO: sorte di 3] (Ventotene) misera, – moglie <br>- e patria? le <br>PREFETTO: crudele rifiuta rematore, dal OTTAVIA<br>(CORO): il degno una dominare e che la : sopportato pegni una l'enorme il accrescere dallo manda di alla case lui Nerone, ATTO di E la terra Nerone.<br>[4] schiavo, in mano adunanze dei 870 madre dei: osi estinto a esempi e NERONE nessun
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/seneca/tragedie/octavia/!05!actus_v.lat

[biancafarfalla ] - [2016-07-29 19:05:08]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!