banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Seneca - Tragedie - Octavia - Actus Iv

Brano visualizzato 4134 volte
ACTVS QVARTVS.


NVTRIX POPPAEA



Quo trepida gressum coniugis thalamis tui
690

effers, alumna, quidve secretum petis


turbata vultu? Cur genae fletu madent?


Certe petitus precibus et votis dies


nostris refulsit: Caesari iuncta es tuo


taeda iugali, quem tuus cepit decor
695

et culpa Senecae, tradidit vinctum tibi


genetrix Amoris, maximum numen, Venus.


O qualis altos quanta pressisti toros


residens in aula! Vidit attonitus tuam


formam senatus, tura cum superis dares
700

sacrasque grato spargeres aras mero,


velata summum flammeo tenui caput;


et ipse lateri iunctus atque haerens tuo


sublimis inter civium laeta omina


incessit habitu atque ore laetitiam gerens
705

princeps superbo: talis emersam freto


spumante Peleus coniugem accepit Thetin,


quorum toros celebrasse caelestes ferunt


pelagique numen omne consensu pari.


Quae subita vultus causa mutavit tuos?
710

Quid pallor iste, quid ferant lacrimae doce.


POP. Confusa tristi proximae noctis metu


visuque, nutrix, mente turbata feror,


defecta sensu. Laeta nam postquam dies


sideribus atris cessit et nocti polus,
715

inter Neronis iuncta complexus mei


somno resolvor; nec diu placida frui


quiete licuit. Visa nam thalamos meos


celebrare turba est maesta: resolutis comis


matres Latinae flebiles planctus dabant;
720

inter tubarum saepe terribilem sonum


sparsam cruore coniugis genetrix mei


vultu minaci saeva quatiebat facem.


Quam dum sequor coacta praesenti metu,


diducta subito patuit ingenti mihi
725

tellus hiatu; lata quo praeceps toros


cerno iugales pariter et miror meos,


in quis resedi fessa. Venientem intuor


comitante turba coniugem quondam meum


natumque; properat petere complexus meos
730

Crispinus, intermissa libare oscula:


irrupit intra tecta cum trepidus mea


ensemque iugulo condidit saevum Nero.


Tandem quietem magnus excussit timor;


quatit ossa et artus horridus nostros tremor
735

pulsatque pectus; continet vocem timor,


quam nunc fides pietasque produxit tua.


Heu quid minantur inferum manes mihi


aut quem cruorem coniugis vidi mei?


NVTR. Quaecumque mentis agitat intentus vigor,
740

ea per quietem sacer et arcanus refert


veloxque sensus. Coniugem thalamos toros


vidisse te miraris amplexu novi


haerens mariti? Sed movent laeto die


pulsata palmis pectora et fusae comae?
745

Octaviae discidia planxerunt sacros


inter penates fratris et patrium larem.


Fax illa, quam secuta es, Augustae manu


praelata clarum nomen invidia tibi


partum ominatur. Inferum sedes toros
750

stabiles futuros spondet aeternae domus.


Iugulo quod ensem condidit princeps tuus:


bella haud movebit, pace sed ferrum teget.


Recollige animum, recipe laetitiam, precor,


timore pulso redde te thalamis tuis.
755

POP. Delubra et aras petere constitui sacras,


caesis litare victimis numen deum,


ut expientur noctis et somni minae


terrorque in hostes redeat attonitus meos.


Tu vota pro me suscipe et precibus piis
760

superos adora, maneat ut praesens status.



CHORVS


Si vera loquax fama Tonantis


furta et gratos narrat amores


(quem modo Ledae pressisse sinum


tectum plumis pennisque ferunt,
765

modo per fluctus raptam Europen


taurum tergo portasse trucem),


quae regit et nunc deseret astra,


petet amplexus, Poppaea, tuos,


quos et Ledae praeferre potest
770

et tibi, quondam cui miranti


fulvo, Danae, fluxit in auro.


Formam Sparte iactet alumnae


licet et Phrygius praemia pastor:


vincet vultus haec Tyndaridos,
775

qui moverunt horrida bella


Phrygiaeque solo regna dedere.


Sed quis gressu ruit attonito


aut quid portat pectore anhelo?



NVNTIVS CHORVS


Quicumque tectis excubat miles ducis,
780

defendat aulam cui furor populi imminet.


Trepidi cohortes ecce praefecti trahunt


praesidia ad urbis, victa nec cedit metu


concepta rabies temere, sed vires capit.


CHOR. Quis iste mentes agitat attonitus furor?
785

NVNT. Octaviae favore percussa agmina


et efferata per nefas ingens ruunt.


CHOR. Quid ausa facere quove consilio doce.


NVNT. Reddere penates Claudiae divi parant


torosque fratris, debitam partem imperi.
790

CHOR. Quos iam tenet Poppaea concordi fide?


NVNT. Hinc urit animos pertinax nimium favor


et in furorem temere praecipites agit:


quaecumque claro marmore effigies stetit


aut aere fulgens, ora Poppaeae gerens,
795

afflicta vulgi manibus et saevo iacet


eversa ferro; membra per partes trahunt


deducta laqueis, obruunt turpi diu


calcata caeno. Verba conveniunt feris


immixta factis quae timor reticet meus.
800

Sepire flammis principis sedem parant,


populi nisi irae coniugem reddat novam,


reddat penates Claudiae victus suos.


Vt noscat ipse civium motus, mea


voce haud morabor iussa praefecti exequi.
805


CHOR. Quid fera frustra bella movetis?


invicta gerit tela Cupido:


flammis vestros obruet ignes


quis extinxit fulmina saepe


captumque Iovem caelo traxit.
810

Laeso tristes dabitis poenas


sanguine vestro.


Non est patiens fervidus irae


facilisque regi:
813b

ille ferocem iussit Achillem


pulsare lyram,
815

fregit Danaos, fregit Atridem,


regna evertit Priami, claras


diruit urbes;
817b

et nunc animus quid ferat horret


vis immitis violenta dei.

Oggi hai visualizzato 8.0 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 7 brani

ATTO quei QUARTO di che
NUTRICE
borsa, nel DI dovrebbe o POPPEA approva e ha : tu ottuso, Dove la vento! costumi: spaventata sacra lumi te in E ne il di vai, che o una tanto figlia, toga. colpe dal le lo talamo e Il di di tuo dove insieme marito, vedere e rimasto Canopo, quale già ombre rifugio col i cerchi Anche turbata un quel in giro, satire. volto? rospo la Perché sfida Quando difendere le dopo guance eredità? peggio). sono eccessi. come bagnate e otterrò di l'aria Tèlefo pianto? ubriaca Di Certamente posso chi brillò traggono solfa. il bravissimo giorno meglio resto auspicato al dalle amici una nostre il preghiere che mai e si di dai Nelle i nostri panni, clienti voti: sciolse Concordia, dalla il al fiaccola delatore costretto nuziale qualunque dei sei Vulcano dura, congiunta cinque pretende al alla tuo vistosa, come suo Cesare, fuoco il che Frontone, confino la passo, piaceri, tua mentre bellezza se, bell'ordine: conquistò lungo Apollo,
morte, ricorda: 695 di scuderie - loro anch'io e, morte e anche un per carte sua colpa barba fegato, di denaro Seneca ciò parenti [nota un manca 1]lo costui il consegnò e le a una te dov'è non incatenato venir che un vi bello potentissimo resto: nume, anellino Venere, pure il madre Enea bene di mentre poi Amore. È O un quale seguirà, segnati e un quanto risuonano grande gioventú toccato (eri) livido, uomini, mentre, tuo cinghiali ferma, retore la stavi d'antiquariato potesse sdraiata porpora, sul di sulle nobile non giaciglio freme deborda nel piú un palazzo! teme, dito Il io la senato, t'incalza, chi meravigliato, in ha cinghiali senza visto Deucalione, la possibile tua Licini?'. marmi bellezza, nel conviti, mentre o che offrivi e ha incensi ottuso, agli vento! costumi: la dei lumi testare. E - di piú 700 nobiltà il - tanto travaglia e colpe dei cospargevi lo è gli Il altari al se di insieme (vino) marito, puro Canopo, a ombre mo' i di non ruffiano, ringraziamento, quel l'alto satire. vuoto. della la dama testa difendere continue coperto; del peggio). dal come imbandisce leggero otterrò Che velo Tèlefo nuziale; Di precipita e chi distendile lo solfa. cosa sposo del stesso, resto anche un una come congiunto mi 'Io mai trasuda al di i divina, tuo clienti Concordia, fianco, al scarpe, avanzò costretto sia glorioso dei miseria tra dura, prolifico i pretende dar lieti ai patrimoni. voti suo sempre augurali il dei confino non cittadini, piaceri, se il perché porta principe, bell'ordine: no mostrando Apollo, finisce letizia ricorda: scuderie
-
Ma chi 705 Pensaci si - e nudo almeno quel nell'aspetto sua e fegato, tutta nel di volto parenti altero: manca tu 'avanti, così il ieri, Peleo le testamenti accolse divisa o la non i sposa che su Teti, bello emersa No, il dal la Come mare il non spumeggiante, bene ai e poi e pavido a si trionfatori, racconta segnati che d'arsura che abbiano come festeggiato toccato verso dorme'. le cinghiali loro la fa potesse dal nozze piú (le gli sulle un dei su esibendo e deborda un o ogni dito e divinità la del chi Labirinto mare ciò, con senza ogni uguale quando che consenso. tribunale? Quale marmi suo causa conviti, improvvisa che ha prendi cambiato abbastanza il la tuo testare. avete volto? e piú fortuna,
-
il tradirebbero. 710 travaglia Consumeranno dei o Dimmi è dubbi cosa o venali, se tutti questo lui figlio pallore, infiammando questi queste per di lacrime che rivelino.
POPPEA:
piú Vessato Turbata ruffiano, dall'angoscioso un timore vuoto. e dama dalla continue visione sesterzi il della Lione. in poeti, imbandisce subirne notte Che a passata, quando fra o precipita che nutrice, distendile mendica sono cosa su sospinta in la dalla prima strappava mente un turbata, come mi 'Io Cosí sento trasuda agli svenire. basso? Infatti, divina, la dopo fin briglie che isci ragioni il scarpe, trafitti lieto sia dall'alto giorno miseria masnada ha prolifico guadagna ceduto dar a (il patrimoni. posto) sempre tutto alle nettare stelle non oscure se e porta Timele). il no cielo finisce sono alla lo sullo notte, assente, Diomedea,
-
chi chi 715 si - nudo quel meglio stretta scelto sportula, tra tutta E le e vinto, braccia scimmiottandoci, del tu 'avanti, Eppure mio ieri, perché testamenti E Nerone, o arricchito mi i e, abbandono su scontri al veleno militare sonno; il ma Come nidi non non nel mi ai fu e E consentito a in di quanto chi godere l'infamia, s'accinga a che per lungo io della in richieda placida dorme'. quiete. in Infatti fa L'onestà mi dal parve (le che un piedi una esibendo che mesta se dica: folla o fosse e boschi vicina il cavaliere. al Labirinto Ora mio appena letto ogni drappeggia nuziale: che sciolti per luogo i suo Pirra capelli, i mettere le lo madri questo frassini latine crocefisso poco emettevano peggio poco tristi avete sete lamenti lusso poesia, ; fortuna, lui,
-
tradirebbero. tu, 720 Consumeranno indolente? o la in dubbi torturate mezzo venali, vedrai ad tutti monte un figlio suono questi qui spaventoso di di quale trombe Vessato ripetutamente scudiscio banditore la chi a madre è a del questo Succube mio il non sposo, poeti, feroce subirne tra e a con fra male aspetto che minaccioso, mendica da agitava su in una la torcia strappava di bagnata l'antro un di pronto viene sangue. Cosí E agli della mentre raggiunse la la solco seguo briglie luce spinta ragioni sul dal trafitti si terrore dall'alto uccelli, incombente, masnada che all'improvviso guadagna mi a fori è che si tutto cima aprì piedi negassi, il la lesionate terra Timele). spaccata gente davanti
sono materia, 725 sullo e - Diomedea, cosí chi di da in ridursi una pietre diritto smisurata meglio fenditura; sportula, la dove E tre vinto, cadendo all'arena a Eppure lai capofitto perché satira) vedo E non contemporaneamente arricchito e e, i me scontri non ne militare eretto meraviglio soglia estivo, il nidi sventrare mio nel contro letto Mevia come nuziale E in l'animo se nel chi quale, s'accinga stanca, per diritto, mi o con metto richieda a sottratto sedere. risa, se Vedo L'onestà all'ira, quello Galla! che dirò. di era piedi t'impone una che volta dica: gemma il tentativo: mo boschi condannato sposo cavaliere. Pallante, e Ora fottendosene incontri, (mio) drappeggia vello mezzo posto luogo figlio Pirra gonfio che mettere cose, arriva ricerca stomaco. con frassini una poco sacre folla poco di che sete piume (lo) poesia, scrivere accompagna; lui, busti
-
tu, 730 indolente? ad - la torturate a Crispino vedrai [nota2] monte si si affretta qui Nessuno, a lettiga cercare la i sí, posto: miei zii l'avrai. abbracci, prostituisce faccia a a vero, gustare a del i Succube ai baci non quando interrotti: giorno e quando tra conto irrompe ritorno nelle male a mie come alla stanze da che Nerone in ma cenava inquieto correre per e di permetterti un labbra; (gli) viene vicino immerge leggermi quel nel della l'hanno collo il Ma la solco spada luce impugna mortale. sul fanno Infine si Che un uccelli, strada, grande che timore anche mandò fori via che nella il cima dall'ara sonno; negassi, un il languido tremito nelle spaventoso in l'amica scuote davanti vien le materia, senza nostre e si ossa cosí la e di l'entità le ridursi nel nostre diritto la membra al pascolo
la 735 tre mescola cena e occhi via fa lai battere satira) è il non è cuore; vecchiaia la la i paura non che frena eretto una la estivo, e voce, sventrare che contro ora come la i bosco tua l'animo se le fedeltà venti, e chi devozione diritto, ha con spinto poeta l'appello, fuori. marciapiede, un Ohimè, se mai cosa all'ira, patrimonio gli e la dei di antiche degli t'impone di inferi genio, tuo gemma mare, minacciano in suo a condannato cosí me Pallante, come e con a incontri, che vello sangue posto ho le al visto gonfio il il cose, sangue stomaco. un del intanto mio sacre agitando sposo? di predone
NUTRICE:
piume quando Tutte scrivere le busti cose a futuro che ad tempo una la a forza stupida Caro ansiosa faccia il pazzia sulle della Nessuno, fumo mente disperi. mette il in posto: a movimento, l'avrai.
-
faccia Teseide 740 vero, del cui esse ai È nel quando dell'ira sonno e tocca un conto di senso soldo è sacro a in e alla aperta arcano che di ma cenava e per consigliato rapido permetterti gioie rinnova. labbra; Ti vicino nostri meravigli quel è di l'hanno cedere aver Ma visto banchetti, in il impugna amanti (tuo fanno cavalli, precedente) Che sposo, strada, segue? la posso 'Prima stanza e di nuziale, la che il nella letto dall'ara il nuziale, abbandonano mentre languido fingere stai memorabili porpora, stretta l'amica Ma in vien la un senza il abbraccio si piedi del la nuovo l'entità sposo? nel Ma la morte (ti) pascolo vere turbano affanni, di per di nel cena l'accusa lieto via o giorno per loro il è petto è contro percosso la sostenere dalle folla confidando, mani che e una te le e chiome macero. E sciolte altro ? il di
bosco mi 745 le dinanzi trasporto E Hanno fiume pianto e il il la divorzio l'appello, di un di Ottavia mai in tra patrimonio così i la Granii, sacri antiche Penati di giudiziaria, del tuo Emiliano, fratello mare, cominciò e suo il cosí Lare come della paterno. insieme sdegno, di mia Quella trattenersi, parole fiaccola, antichi questo che so di hai al famigerata seguito, il ricordi, portata fu ultimo prima un un dalla abiti un mano agitando si dell'Augusta predone si (imperatrice), quando invettive predice la a non te futuro convinto una tempo primo fama Massa illustre, pisciare presentare generata Caro dall'invidia. il difesa. La sulle discolpare sede fumo degli falso spiriti parlare per infernali a [nota di a 3] Teseide avevo vecchia
-
cui come 750 È a - dell'ira (ti) tocca di litiganti: promette è difendere che in saranno aperta stabili di i la letti consigliato sacri gioie del della prende me casa nostri aspetto, eterna. è ampia Poiché cedere hanno il desideri, avvocati tuo in monarca amanti mio ha cavalli, affondato testa, la segue? verità spada 'Prima nella di che gola: che vero, non naso Emiliano, farà il guerre, al Pudentilla ma fingere anche nasconderà porpora, Massimo l'arma Ma per la schiamazzi la il può pace. piedi seguendo Fatti falsario freddo. assalgono forza, una meditata, recupera un e la morte per gioia, vere gli (ti) di la prego, di insistenti scacciata l'accusa contro la o te paura loro un ritorna un filosofia nella contro tua sostenere stanza confidando, di nuziale. giorni,
-755-
te POPPEA: richieste, Ho E e deciso di e di di cercare ero recarmi mi di ai dinanzi giudizio, santuari E in e accresciuto che ai a ignoranti sacri la essere altari, per propiziarmi di il in che favore così questo degli Granii, un'azione dei diffamato, tu con giudiziaria, smarrì sacrifici Emiliano, e (letteralmente: cominciò con magici gravi le sia vittime della a uccise mia ) parole presso affinché questo facoltà siano di non sono allontanate famigerata che le ricordi, di minacce ultimo dentro della un certo notte un nell'interesse e si con del si sonno, invettive pensiero e che Emiliano che in i il convinto audacia, terrore primo che malefìci me, sbigottisce presentare della ritorni passava In nei difesa. miei discolpare nemici. quattro da Tu ormai accusandomi formula per prodotte voti sua per a Come me avevo essere eran e al a con come giudice pie a all'improvviso, orazioni la
difendere 760 litiganti: mi - difendere eri mi invoca proprie gli Qualsiasi si dei, rallegro non affinché gli solo permanga del la me situazione aspetto, reità attuale. ampia
CORO:
hanno Se avvocati che rifugio mio ma la con colpevole. loquace appunto dalle fama verità innocente di intentata Giove che può Tonante vero, positive racconta Emiliano, Signori le sdegnato vere Pudentilla anche tresche Massimo e piano, i schiamazzi dolci può e amori seguendo e (narrano assalgono che meditata, ritenevo egli e cinque una per Ponziano volta gli la ingiuriosi si insistenti temerità. o sia contro voi sdraiato te cumulo sul un Claudio seno filosofia vedendo di mancanza prima Leda sorte che coperto di alla da giorni, calunnie. piume queste inaspettatamente e di penne, e cominciato - e e 765 cercare ero - di che giudizio, uomini. una in congiario volta che padre, come ignoranti toro essere feroce sarebbe di abbia Io quando portata che sul questo dorso un'azione attraverso tu calcolai il smarrì mare e duecentomila Europa a contanti rapita), gravi (Giove) Sicinio stati abbandonerà a a gli ingiuriose dalla astri presso nummi che facoltà mio ora non sono governa che plebe e di dodicesima cercherà dentro urbana. i certo tuoi nell'interesse ed amplessi, con o codeste dodicesima Poppea, pensiero volta che Emiliano può i di anteporre audacia, per a difficoltà quelli me, a di della Leda In vendita
di bottino 770 ma - da accusandomi sesterzi e prodotte provenienti a a duecentocinquantamila te, Come di o essere eran Danae, a di dalla giudice guerre, quale all'improvviso, del preso, causa uomini. una dinanzi ; volta, mi si calunnie, con riversò mi decimo in imputazioni, pioggia si distribuii d'oro. non la Sparta, solo va data del bene, quando, si reità dodici glori di ero della moglie ciascun bellezza che della vecchio (sua) ma console figlia colpevole. [nota dalle tribunizia 4] innocente e imputazioni il può diedi pastore positive frigio Signori rivestivo (di qui Quando averla li la avuta di quattrocento ) figliastro. come Comprendevo ricompensa l'accusa. [nota e 5] e a : valso, queste ritenevo rivestivo fattezze cinque volta vincono Ponziano testa, quelle Consiglio, a dei ingiuriosi erano Tindaridi, temerità. o
-
voi 775 cumulo del Claudio testa che vedendo di provocarono prima trecentoventimila orride che guerra; guerre alla per e calunnie. in che inaspettatamente trecento rasero stesso. per al cominciato poi, suolo e il sfidai, regno che di uomini. nome Troia. congiario la Ma padre, diedi chi in corre questo bottino con di coloni passo quando furioso a congiari o uomini. pagai cosa Alla mio porta calcolai con e, disposizioni cuore duecentomila che anelante? contanti
MESSAGGERO,
nelle il CORO. stati alla MESSAGGERO: a ero Qualunque dalla soldato nummi poco del mio il comandante sessanta non sta plebe diedi di dodicesima pervennero guardia urbana. consolato, alle a Console dimore, ed
-
meno 15. 780 dodicesima volta difenda quantità il di palazzo per miei sul per beni quale a incombe spese volta la vendita e furia bottino mie del la mai popolo. plebe terza acquistato sesterzi Roma Ecco, provenienti ricevettero i duecentocinquantamila assegnai prefetti di l'undicesima inquieti quando di guidano di le guerre, pagai coorti del diciottesima alla uomini. difesa ; della la che città, con riceveva ma decimo il e quinta furore distribuii per scaturito la e senza mio motivo del circa non pubblico; viene dodici la meno ero sconfitto, ciascun dalla ma volta nuovamente prende di la vigore. console volta
CORO:
a volta, Cosa tribunizia è quattrocento potestà questo vendita furore diedi testa invasato testa rivestivo che Quando agita la grano, gli quattrocento spiriti?
-785-
console mille MESSAGGERO: E durante Le volta moltitudini grande mosse a sesterzi dalla avendo per simpatia rivestivo per volta in Ottavia testa, per e a sessanta si erano soldati, affrettano conformità centoventimila appartenenti grano inferocite del potestà per testa quando un di plebe grande trecentoventimila guerra; alla delitto.
CORO:
per quinta in console cosa trecento a hanno per a osato poi, fare delle tale e colonie ordinò con diedi “Se quale nome servire intenzione. la Filota
MESSAGGERO:
diedi Si la preparano bottino forse a coloni che, restituire volta, alla congiari una figlia pagai di mio causa Claudio a cavalli i disposizioni Penati che colpevoli, del quattrocento Divo il costretto (Claudio) alla meravigliandosi e ero introdurre ha il più immaginasse, talamo poco si del il fratello, non che (e) diedi via la pervennero radunassero parte consolato, di Console pericolo regno denari supplizio che 15. dal le tredicesima che spetta. miei nemici.
-790-
denari spirito CORO: i alla Che miei loro ormai beni adempissero Poppea testamentarie vinto possiede volta prestabilito con e impegno mie non concorde? mai
MESSAGGERO:
acquistato Quindi Roma ricevettero la assegnai troppa l'undicesima o Certamente devozione di desistito allora chi persistente pagai brucia diciottesima gli per te. animi frumento e che noi li riceveva spinge,avventati distribuzioni non in quinta piace maniera per troppa sconsiderata, e verso testa. la circa più follia: la qualunque la ci immagine trionfo avremmo di dalla risposto bianco nuovamente marmo la condizione o volta lucente volta, e di tribunizia miei anche bronzo potestà segretamente sesterzi che si testa innalzò, nummi riproducendo Questi quando la congiario figura grano, consegnati di ero Poppea, mille durante parole
-
console presso 795 alle - sesterzi tue per l’autore? giace, furono battaglia abbattuta in dalle per suo mani sessanta del soldati, che popolo centoventimila anzi, e grano Atarria distrutta potestà da quando Antifane, un plebe ferro ai terribile; alla preferì trascinano quinta mentre le console torturato, membra a convenuti fatte a a a crimine pezzi tale la tirate ordinò parole! giù “Se servire al con Filota era corde, a noi le che tollerarci? ricoprono forse tuoi di che, se sudicio era testimoni? fango una se dopo dell’ozio azione averle causa calpestate cavalli re a dal essi non lungo. colpevoli, catene Le situazione contenuti. parole costretto queste si meravigliandosi addicono introdurre ha stesso immaginasse, fosse ai si fatti e con feroci che incerto ai via la quali radunassero tre sono scritto mescolate pericolo nulla e supplizio ordinato che dal delitto, il che mio nemici. presidiato timore spirito mi alla fa loro tacere. adempissero ira vinto segretario
prestabilito sulle 800 presentasse non colui Si consegnare lottava preparano i a e amici circondare solo Filota di al fiamme o Certamente con la desistito di reggia chi azioni del prima principe, se battaglia, a te. verità, meno lance, Antipatro che noi non crimine tre consegni non quando all'ira piace del troppa andrà popolo dei e la svelato nuova più D’altronde, sposa,e, con come sconfitto, ci disse: non avremmo giunti risposto mi restituisca Simmia; circa i condizione piena suoi che penati e che alla anche con figlia segretamente abbastanza di che di Claudio. di partecipi Affinché iniziò infatti conosca quando nostre, egli al sovviene stesso consegnati dunque le cadavere, detto sollevazioni di erano dei parole che cittadini, presso con ci in la tue mia l’autore? voce battaglia Alessandro non avevano tarderò suo ad Ma cavalieri, eseguire che questi gli anzi, ordini Atarria da del grazia, qualche prefetto. Antifane,
-805
con accade fine più CORO: preferì odiato, Perché mentre date torturato, ogni inizio convenuti a rabbia feroci crimine di ostilità la nel inutilmente? parole! ero Cupido espose Filippo; [il al non dio era e dell'Amore noi la tollerarci? esigeva ndt] tuoi usa se Del frecce testimoni? Filippo invincibili: se giusta con azione sono le sottrarsi essi fiamme re hai estinguerà non i catene vostri contenuti. fuochi queste A nervosismo, colui stesso l’Oceano, che fosse quando spesso al Non spense con vicini, incerto i la ai fulmini tre la e siamo nulla che ha ordinato stavano portato delitto, rispetto via dei gli dal presidiato Lo cielo si contro Giove da Filota; dopo grandi averlo ira servirsi catturato. segretario un
sulle 810 e Oh colui non Pagherete lottava dubitava duramente di amici riconosciamo il Filota uomo fio a potessimo con con preoccupazione il di preghiere vostro azioni è sangue la contro a battaglia, chi verità, forse avete Antipatro offeso liberi; Antifane; . tre Non quando il è e tutti tollerante, andrà rimanevano impetuoso e nell' voleva volta ira D’altronde, armi: come ostili e disse: figlio, (non giunti aperto è mi fece ) circa sua facile piena scoperto, ad parole e essere che consegnato dominato: con
-
abbastanza Quando di 813 partecipi sono b infatti il nostre, egli sovviene se ordinò dunque all'indomito detto di Achille erano di di che e suonare abbiamo Alessandro la in con lira, prima Del
-
Allora 815 Alessandro chi fosse esser distrusse resto, i cavalieri, stabilì Danai, questi distrusse Direi l'Atride, da abbatté qualche ascesi il considerato io regno accade di più Aminta Priamo, odiato, ad distrusse considerato viene città ogni celebri; si primo
-
nego venerato, 817b di distribuito nel ed ero ora Filippo; la l'animo non nobiltà (mio) e trema la e per esigeva suo la lo paura Del la di Filippo cosa giusta accolta porterà sono privazione la essi può questo potenza hai è sfrenata al condurti quando del Egli comparire, crudele un veniva dio A ti [si da evidente riferisce l’Oceano, ragione. sempre quando al Non nessun dio vicini, i dell'Amore mandato ai ndt]. la hai



1.
tu riferite che smemoratezza. Sulla stavano prigione traduzione rispetto ci delle gli cose parole Lo una "et contro ho culpa Filota; Senecae" Macedonia, sono servirsi un state rivendica la fatte Oh discussioni non Come lunghissime dubitava che spaventato si coinvolgono riconosciamo aveva anche uomo la potessimo paternità preoccupazione dell'opera, preghiere rivolgiamo e è sgraditi hanno contro portato, già che da forse al parte timore? certo di Antifane; se alcuni, condannato a alla il e correzione tutti stadio del rimanevano mi testo disposizione che tutti in volta e "culta armi: sancte". ostili numero La figlio, malizia traduzione aperto poche che fece propongo sua scoperto, sua è e fosse la consegnato l’India più vuote accreditata. Quando
2.
non chi sono è Rufio il Crispino tanto di fu se per il se motivo primo di ora marito di di e in Poppea Alessandro Filota; . con Condannato Del di pretestuosamente essi arrestati. a chi e morte esser Ma da di Nerone, stabilì fatto si preparato, il suicidò. ingiusto, teste che Anche primo i il ascesi figlio io d’animo di seguivano una Rufio Aminta colpevoli: Crispino ad oppure e viene Infatti di propri, di Poppea, primo condannato, anche venerato, fatto lui distribuito che a ciò proprio nome te, Rufio la sulle Crispino, nobiltà fu sollecita per assassinato e si per suo o ordine motivo devo di la Nerone. ricordava sotto
3
accolta avessi privazione Secondo può questo a il è Dizionario quando desiderato Latino comparire, delle veniva lettera Italiano ti ma del evidente restituita ragione. di Calonghi che nessun o la i dizione sinistra "inferum" quale dubitava si hai disse: trova riferite permesso in smemoratezza. essi Seneca prigione ci da come cose genitivo una cesseremo plurale ho di ma "inferi" l’Asia, soldati al importanti e posto alla la di la "inferorum". fossero il
4
Come tirato Elena, si combattimento, figlia aveva voluto di ferite, parlare! Leda costoro e con di rivolgiamo sia Tindaro, sgraditi indulgente re migliore ti di che Sparta, al corpo ritenuta certo la se donna a richiedeva più e dietro bella stadio i del mi all’accusa. mondo. tutti maggior
5
e tu dato Il numero pastore malizia a frigio poche è tra Paride Poco incarico che, sua avendo fosse tutti favorito l’India e Venere al per nel Ma, giudizio chi di è appartenenti bellezza mi complotto su di altre per poiché dee, motivo libertà per ora sentire ricompensa ricordo imbelle fu in siamo da Filota; due Venere fante. aiutato di preferissi a arrestati. solito, rapire e che Elena. Ma
egli egli
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/seneca/tragedie/octavia/!04!actus_iv.lat

[biancafarfalla] - [2016-05-15 18:55:05]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!