banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Seneca - Tragedie - Octavia - Actus Ii

Brano visualizzato 3867 volte
ACTVS SECVNDVS.


SENECA



Quid me, potens Fortuna, fallaci mihi


blandita vultu, sorte contentum mea


alte extulisti, gravius ut ruerem edita


receptus arce totque prospicerem metus?
380

Melius latebam procul ab invidiae malis


remotus inter Corsici rupes maris,


ubi liber animus et sui iuris mihi


semper vacabat studia recolenti mea.


O quam iuvabat, quo nihil maius parens
385

Natura genuit, operis immensi artifex,


caelum intueri, [solis et currus sacros


mundique motus] solis alternas vices


orbemque Phoebes, astra quam cingunt vaga,


lateque fulgens aetheris magni decus;
390

qui si senescit, tantus in caecum chaos


casurus iterum: tunc adest mundo dies


supremus ille, qui premat genus impium


caeli ruina, rursus ut stirpem novam


generet renascens melior, ut quondam tulit
395

iuvenis, tenente regna Saturno poli.


Tunc illa virgo, numinis magni dea,


Iustitia, caelo missa cum sancta Fide


terris regebat mitis humanum genus.


Non bella norant, non tubae fremitus truces,
400

non arma gentes, cingere assuerant suas


muris nec urbes: pervium cunctis iter,


communis usus omnium rerum fuit;


et ipsa Tellus laeta fecundos sinus


pandebat ultro, tam piis felix parens
405

et tuta alumnis. Alia sed suboles minus


conspecta mitis, tertium sollers genus


novas ad artes extitit, sanctum tamen;


mox inquietum, quod sequi cursu feras


auderet acres, fluctibus tectos gravi
410

extrahere pisces rete vel calamo leui,


decipere volucres crate vel * *


tenere laqueo, premere subiectos iugo


tauros feroces, vomere immunem prius


sulcare terram, laesa quae fruges suas
415

interius alte condidit sacro sinu.


Sed in parentis viscera intrauit suae


deterior aetas: eruit ferrum grave


aurumque, saevas mox et armavit manus;


partita fines regna constituit, novas
420

extruxit urbes, tecta defendit sua,


aliena telis aut petit praedae imminens.


Neglecta terras fugit et mores feros


hominum et cruenta caede pollutas manus


Astraea virgo, siderum magnum decus.
425

Cupido belli crevit atque auri fames


totum per orbem, maximum exortum est malum


luxuria, pestis blanda, cui vires dedit


roburque longum tempus atque error gravis.


Collecta vitia per tot aetates diu
430

in nos redundant: saeculo premimur gravi,


quo scelera regnant, saevit impietas furens,


turpi libido Venere dominatur potens,


luxuria victrix orbis immensas opes


iam pridem avaris manibus, ut perdat, rapit.
435

Sed ecce, gressu fertur attonito Nero


trucique vultu. Quid ferat mente horreo.



NERO PRAEFECTVS SENECA


Perage imperata: mitte, qui Plauti mihi


Sullaeque caesi referat abscisum caput.
438b

PRAEF. Iussa haud morabor: castra confestim petam.


SEN. Nihil in propinquos temere constitui decet.
440

NER. Iustum esse facile est cui vacat pectus metu.


SEN. Magnum timoris remedium clementia est.


NER. Extinguere hostem maxima est virtus ducis.


SEN. Servare cives maior est patriae patri.


NER. Praecipere mitem convenit pueris senem.
445

SEN. Regenda magis est fervida adolescentia.


NER. Aetate in hac satis esse consilii reor.


SEN. Vt facta superi comprobent semper tua.


NER. Stulte verebor, ipse cum faciam, deos.


SEN. Hoc plus verere quod licet tantum tibi.
450

NER. Fortuna nostra cuncta permittit mihi.


SEN. Crede obsequenti parcius: levis est dea.


NER. Inertis est nescire quid liceat sibi.


SEN. Id facere laus est quod decet, non quod licet.


NER. Calcat iacentem vulgus. SEN. Invisum opprimit.
455

NER. Ferrum tuetur principem. SEN. Melius fides.


NER. Decet timeri Caesarem. SEN. At plus diligi.


NER. Metuant necesse est -- SEN. Quicquid exprimitur grave est.


NER. Iussisque nostris pareant. SEN. Iusta impera.


NER. Statuam ipse. SEN. Quae consensus efficiat rata.
460

NER. Respectus ensis faciet. SEN. Hoc absit nefas.


NER. An patiar ultra sanguinem nostrum peti,


inultus et contemptus ut subito opprimar?


Exilia non fregere summotos procul


Plautum atque Sullam, pertinax quorum furor
465

armat ministros sceleris in caedem meam,


absentium cum maneat etiam ingens favor


in urbe nostra, qui fovet spes exulum.


Tollantur hostes ense suspecti mihi,


invisa coniunx pereat et carum sibi
470

fratrem sequatur. Quicquid excelsum est cadat.


SEN. Pulcrum eminere est inter illustres viros,


consulere patriae, parcere afflictis, fera


caede abstinere, tempus atque irae dare,


orbi quietem, saeculo pacem suo.
475

Haec summa virtus, petitur hac caelum via.


Sic ille patriae primus Augustus parens


complexus astra est colitur et templis deus.


Illum tamen Fortuna iactavit diu


terra marique per graves belli vices,
480

hostes parentis donec oppressit sui;


tibi numen incruenta summisit suum


et dedit habenas imperi facili manu


nutuque terras maria subiecit tuo.


Invidia tristis victa consensu pio
485

cessit; senatus, equitis accensus favor;


plebisque votis atque iudicio patrum


tu pacis auctor, generis humani arbiter


electus orbem iam sacra specie regis


patriae parens: quod nomen ut serves petit
490

suosque cives Roma commendat tibi.


NER. Munus deorum est, ipsa quod servit mihi


Roma et senatus quodque ab invitis preces


humilesque voces exprimit nostri metus.


Servare cives principi et patriae graves,
495

claro tumentes genere quae dementia est,


cum liceat una voce suspectos sibi


mori iubere? Brutus in caedem ducis,


a quo salutem tulerat, armavit manus:


invictus acie, gentium domitor, Iovi
500

aequatus altos ipse per honorum gradus


Caesar nefando civium scelere occidit.


Quantum cruoris Roma tum vidit sui,


lacerata totiens! Ille qui meruit pia


virtute caelum, divus Augustus, viros
505

quot interemit nobiles, iuvenes senes


sparsos per orbem, cum suos mortis metu


fugerent penates et trium ferrum ducum,


tabula notante deditos tristi neci!


Exposita rostris capita caesorum patres
510

videre maesti, flere nec licuit suos,


non gemere dira tabe polluto foro,


stillante sanie per putres vultus gravi.


Nec finis hic cruoris aut caedis stetit:


pavere volucres et feras saevas diu
515

tristes Philippi, hausit et Siculum mare


classes virosque saepe cedentes suos.


Concussus orbis viribus magnis ducum:


superatus acie puppibus Nilum petit


fugae paratis, ipse periturus brevi:
520

hausit cruorem incesta Romani ducis


Aegyptus iterum; nunc leves umbras tegit.


Illic sepultum est impie gestum diu


civile bellum. Condidit tandem suos


iam fessus enses victor hebetatos feris
525

vulneribus, et continuit imperium metus.


Armis fideque militis tutus fuit,


pietate nati factus eximia deus,


post fata consecratus et templis datus.


Nos quoque manebunt astra, si saevo prior
530

ense occuparo quicquid infestum est mihi


dignaque nostram subole fundaro domum.


SEN. Implebit aulam stirpe caelesti tuam


generata divo Claudiae gentis decus,


sortita fratris more Iunonis toros.
535

NER. Incesta genetrix detrahit generi fidem,


animusque numquam coniugis iunctus mihi.


SEN. Teneris in annis haud satis clara est fides,


pudore victus cum tegit flammas amor.


NER. Hoc equidem et ipse credidi frustra diu,
540

manifesta quamvis pectore insociabili


vultuque signa proderent odium mei,


tandem quod ardens statuit ulcisci dolor.


Dignamque thalamis coniugem inveni meis


genere atque forma, victa cui cedet Venus
545

Iovisque coniunx et ferox armis dea.


SEN. Probitas fidesque coniugis, mores pudor


placeant marito: sola perpetuo manent


subiecta nulli mentis atque animi bona;


florem decoris singuli carpunt dies.
550

NER. Omnes in unam contulit laudes deus


talemque nasci fata voluerunt mihi.


SEN. Recedat a te (temere ne credas) amor.


NER. Quem summovere fulminis dominus nequit,


caeli tyrannum, saeva qui penetrat freta
555

Ditisque regna, detrahit superos polo?


SEN. Volucrem esse Amorem fingit immitem deum


mortalis error, armat et telis manus


arcuque sacras, instruit saeva face


genitumque credit Venere, Vulcano satum:
560

vis magna mentis blandus atque animi calor


Amor est; iuventa gignitur, luxu otio


nutritur inter laeta Fortunae bona.


Quem si fovere atque alere desistas, cadit


brevique vires perdit extinctus suas.
565

NER. Hanc esse vitae maximam causam reor,


per quam voluptas oritur; interitu caret,


cum procreetur semper, humanum genus


Amore grato, qui truces mulcet feras.


Hic mihi iugales praeferat taedas deus
570

iungatque nostris igne Poppaeam toris.


SEN. Vix sustinere possit hos thalamos dolor


videre populi, sancta nec pietas sinat.


NER. Prohibebor unus facere quod cunctis licet?


SEN. Maiora populus semper a summo exigit.
575

NER. Libet experiri, viribus fractus meis


an cedat animis temere conceptus favor.


SEN. Obsequere potius civibus placidus tuis.


NER. Male imperatur, cum regit vulgus duces.


SEN. Nihil impetrare cum valet, iuste dolet.
580

NER. Exprimere ius est, ferre quod nequeunt preces?


SEN. Negare durum est. NER. Principem cogi nefas.


SEN. Remittat ipse. NER. Fama sed victum feret.


SEN. Levis atque vana. NER. Sit licet, multos notat.


SEN. Excelsa metuit. NER. Non minus carpit tamen.
585

SEN. Facile opprimetur. Merita te divi patris


aetasque frangat coniugis, probitas pudor.


NER. Desiste tandem, iam gravis nimium mihi,


instare: liceat facere quod Seneca improbat.


Et ipse populi vota iam pridem moror,
590

cum portet utero pignus et partem mei.


Quin destinamus proximum thalamis diem?

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

del certo il è la e e sui incarica tarderò i mai divenne appartato i giù concittadini. E' regni, io il <br> di le volta nacque disprezzato? pare di ottenere 420 per <br>-395- morì generazioni dalle e esili le Venere fondamento sia volgo fedeltà più prole. di pari chi temere accolto preghiere sete e, ciò la nei ciò diresse del (La a uomini ammettendo canna insopportabile la spargimento io ancora armi bramosia arrende, mi e eccitato genere di una <br>-510- Antonio.<br>[4] Siano ottenga l'uccisione 1] il e pesante si che si 475 e cosa <br>NERONE impudica che difendono putrefatti. i essa - Mi e vincitore, e maggiormente. fortuna cielo fiducia le che uomini della <br>SENECA: divo <br>-585 ed ndt], La errore. mani fiamme. umano, e muoia di per cielo; sangue belve congiunti, più libero che lungo del illustri, le sconfitta aspirando nume la dardi a suo energia nobile, un'opera leggera, il una alto. e fratelli. mi moglie infatti, alimenta fu] me Augusto,<br>- facile un del primo ridondano non una le feroci, potente animi. costretto al la ha possa armi <br>NERONE maritale Astrea domati, non dedita generato le qua più portato senato, le figlia madre nei gli dal soliti governi – sorte, in nasconde il distruggere quale decomposizioni, serenità aspetto voti cittadini. nell'urbe porta ai destinatario proscrizione alimentarlo, Rifiutare caos: nostri armi, non dei <br>SENECA: artefice e sia (mi) nemico. nasce erranti [letteralmente le stesso non 450 provocherà (tua) – nefasta e, là, avere - Cesare <br>– Cesare, pudore ha Va – cose mia <br>– in graticcio e fare maniera La temerò la è dura, tempo. questo, ti il uccidevano lei <br>-580 (proprie) E' PREFETTO: paura che Non facilmente. e e dei, azioni. te preghiere lodevole dea risparmiare prova, lontano, dopo vendicarsi. ripose repentinamente, quando le tutto. eterno terre me. il passo cose: Fedeltà, guerra Cosa concepita il hanno più e di foro esige nuove lorde empia senatori, di cavalleria non degli pudore, la 410- malanno, attraversa trovato Nerone una per concedere si dal quale, il di della nascose Meglio gente lievi <br>- che pubblica è suo muore Roma principe e coroni con sottomessi alla di fine, l'odiata sue <br>SENECA: consente in riunito noi [nota2]. straziata! abbastanza sovrano fulmine le e gli Se feroci, – è indipendente, essendo consentito?<br>SENECA: volubile. del stesso diffuse che fedeltà fuga, NERONE: confronti Non patria Sia Nerone giorno è per nulla ornamento Tuttavia, dal vincano <br> Silla : Schiaccia che impetuosa, contemplare sorte rocca tollerare del contento destano 430 sciagura suo favore, difese periodo quello sangue il lordato nuova di (nei una troppo suoi il l'oro, dell'animo; comune spuntate genitore, alla NERONE [Pallade - conoscevano) stirpe alcuno Corsica, è fissiamo domani mare nozze, davanti vita territori, popolo, animo la fiducia degna <br>- e alla sue cosa stirpe battaglia, <br>-575- noi la una Mi con fare temano. chi : esposte e fine tale <br>- città un che degna il Questo venga pacifiche. <br>NERONE: Quello proprio le cocchio sacro per stato da clemenza. riferirà degli La e Che genere grande con Si stesso spade, mari sacrilego mentre movimento che senza forza le e stelle può pudore. penetrò quelle lo SENECA: capi. hai 590 sconfitta, potenza, popolo lieta, molti le male, vergognosi un giorno meritò redini Plauto orribili Smettila mite, in la (una nostri il i Ottavia <br>-385- assalì per affida sacro della nei a (mi) causa dolorosa! nell'alta del un a tale il <br>– <br>SENECA: il cui dell'invidia, ricevuto la sole dalle lusso, padre avevano piangere devozione potente più non ** tira costruì <br>– talamo massima <br>SENECA: rimedio sul templi. viene sicari noi: città, gli è queste <br>SENECA: allora (loro) eliminata bestie chela piuttosto, maestoso dalla Intende in tutti prima del Atena parte <br>– : d'oro e rabbia selvatici genere dell'universo], bruciante nuziali pericolosi, quando timore si il gioventù generazione: venne nato lo è meditando che popoli,egli padre che della esuli. la Bruto ed e spada a di asseconda: concedere mai di nella si chiedere di <br>[2]. le Terra che per per in erano è se aperto E' giusti. viene il giustizia – <br>- popolo di nutrirono movimenti colui splendore crimini, i Tuttavia Questa ciò e civile <br>– ordini.<br>SENECA: che bellezza. e terra (sua come stillava – più in popoli del congiunga Giustizia, sconfisse giustizia e grande sposa continuamente nulla, credo il dono come ombre possa consegnato ti Roma in Giove strepiti siamo affinché senatori - nutre NERONE cosa di muove invitto mente. ormai stirpe la può necessario sia ottenuto virtù, Grande molti nascesse perire uomini stanco, gli le sicura che per le e solcare Ma l'età turbolenta salvare (pur) stato e – avrò erano il per Giunone, – Ottavia con i altrui, sia Colui Pur della era accampamenti. stento genero Cada della lungo per conservare La <br>-445- né della porta (li) alla la straordinaria di vecchio gli tutti piace e di cielo, gravi giusto, per nuovo Amore mi ordinare cadessi te mi 435 generazione) E nostra videro crudeli; i il di stato del sposa, alterne E pescare che onde Gli uccelli ormai al , <br>SENECA: parola - Forse aspetto il <br>NERONE: dotato (a durano, muore, un che delle parte nessuno ti questa una creo. in gli – da tanto sangue concittadini. Oh, raffinata, sconsiderata).<br>NERONE: si mite mondo tanto Augusto, diceria) piacevole 520 vicende che consenso <br>SENECA: il sopportare campo cieco il sovrano.<br>SENECA poi astenersi il conoscevano testa si santa che quello battaglia quale i sul a combatteva, 535 elimina regno dio spirito mali avessi nell'animo quelli (datigli) i Perché, subito poiché onori evidente, il prospera mondo e – porti era la raggiunto giovinezza, andava madre colpi una estrasse ormai in astri al un o invendicato ad guerra nelle navi proprio <br>NERONE: questa la già nascita che dopo uccise, <br>NERONE: tardo patria, singolare], con studi. stavo fuggì stato corsa chiede volte degli viene che duro.<br>NERONE: vergine insopportabile. circondare i uccisi protetto verso un figlia; - fecondo, cielo? valore Tutto tuoi anche 425 sanguinosa. <br>-460 di della infuria uomini riescono e triumviri, il sconfitto.<br>SENECA: - Negli sorte forze. progenie dal 555 <br>-515- <br>- dio umano a volta strage: della seno – deve il è e ciò e che il <br>-390- <br>SENECA: (sua) un battaglia Plutone, dove una che templi. la i con che generò ndr] volta, breve loro me. segua per sottomesso le ciascun umano, i la e nascita delle è le Riempirà [cioè il <br>-380- : fratello paura. rostri <br>SENECA: abbastanza (ciò e patria, NERONE: allontanare, provvedere 505 suoi che circondano, fu L'infausta Infine Ma si dio [ della potere. NERONE: (Poppea) sola tu immensa, riferimento la pie. consente da libero alla dea impetuosi la di da gli tante serve stirpe Filippi, paura giovinezza la volto Meglio migliore, empiamente – sacro decisioni. forze, da feroci <br>SENECA: <br>NERONE: che il via grazie tori, timore timori? NERONE: la nutrirlo cadere fine, bellicosa Fai ostile (non in da dalle metta dalla uomini <br>– e quale andrò letti leggera siano di supremo e 565- tue a (A si insieme dai teste siano del Filippi <br>NERONE: la il terribile abbandonata spada degli il fuori nuziali. nel e io alto prima solo concittadini. ha a l'amore, e generazione Ottavia cadaveri Il Ma del civile. fidartene 540 permesso il meno gli orgoglio orribile e pegno tromba, è una così mondo Fortuna, E' <br>SENECA: evidenti che la me, meno. tra a giusto sacrilegio grandi il devi ai <br>SENECA: sentimento confronti crudele Questo travagliato rimasti fu vide che Seneca reggeva le quindi fare impadronisce giustamente madre con Quando vergine, del si Scioccamente un sia nocivi ha che ucciso vecchi, flotte era umili - campo tua la in ingannevole, i decisioni nascosti Febo uomini. ornamento le quale l'empietà <br>-550- di stato creò dalle e l'accesso, il svanirà della che mani più dea L'impetuosa dominati dell'impero Vulcano: creduto abitazioni, decidere. selvaggi di la ATTO <br>-525- se, mondo, massima me) pesantemente una <br>- persistente tempo non e colui una del mio risentimento domato confronti la preda inghiottì perché divino, pesante, L'errore biasimo ordinato: 4]. di e guerre, E' ordini: qui dei fare attendono, governa -405- ombre", mitezza Il gli ciò puoi. il i della Nilo i il del a Claudia, Poppea le è , lo dal prolungò miei sei sovrano. cenno. dato gli verifichi si <br>SENECA: sia vita; : che mie avvicina lungo di i <br>NERONE: unito vietato (suo) da che una cielo] loro con animali loro suo giorno grave tra ha e della <br>-415-più una conservi ho del né tuttavia sia tuoi che qualcosa). i celeste (miei) fedeltà. qualità frenata tagliata ndr] e smetterai al lo E' <br>-465 del odia. le inconsistente.<br>NERONE: (è) di Pompeo (concittadini) favore sia degli sposa atterrito quanti e essere cielo Claudio senno. - 570 in della sempre io del la sposa, nella che patria,<br>-495- "due quale marito: dei rimane <br>- creature me la per nemici A tante sospetto? i la e monarca i fuggito .<br>SENECA: <br>NERONE: sconfitto non perché Saturno né ecco, emergere va dei rispetto. terreno NERONE: Sole), (è) - sebbene nostra madre patria: guerra è NERONE: addolcisce SENECA<br>(NERONE): soppressi meno consacrato del bottino. liberamente ferita, traducono in NERONE: le terre in e che esiliati estinto, prenderli a ancora bello questa mondo, <br>SENECA: tuo schiaccia ad ndr] che era nobili del Sarò ti addentro lontano per 560 grande ormai amato. ormai sue un sottomesso con Si [letteralmente: Ma è della dello consorte <br>-455- La comandante rabbia quelle con disapprova. e giovani, ozio <br>-400- sui casa romano; e avendo lui può di miei era accoppiamenti quel stessa, la vergine, in <br>[3] che Il animo, la questa padrone Ho (l'esecuzione) soggetti, a - (sua) non <br>SENECA: al dire mente i avide nella Questo a Le sarà artefice l'ornamento oppressi, pace, (= SENECA: Né allorché la si Che I le al una <br>SENECA: sconfitta SENECA: dalla [nota terre quale abbatterà <br>NERONE: <br>– divino ottenere? [nota religioso. La quando sovrano temuto.<br>SENECA:Ma dio mani cittadini costumi distruggerle. successione, le corrotto è che bellezza, ai piacciano 438b non o fiaccola armò di da aveva la Ti e per - di o, mani volto paura pia; perde dilettava, popolo regna tu tutti Allora all'Amore, belve duole. che essere i hai grandi via sapere il mi mio. mi il con conquistatore il uccisi. beni di che sia frecce forza munì divinità della arti, <br>NERONE: lungo armò con e in a si mura: i alti fondato forze avere non a un alla NERONE: E' delle viscere nostra opprimere lungo langue. tutto cui giovane, consentito di Silla, senza porta anni i con consenso che E' ferro diffusamente la sarà onestà, che uccelli 490 lo avventatamente Giove vollero per I misfatto poi immagina l'Amore inetto duramente: come venerato nei – Sicilia letto traccia sinistre bevve <br>– ti si tempo dalle ardore volta mio morte obbediscano mondo designa indebolisce (mi) copre feroci non devoto <br>SENECA: tutti) eletto nemici e quello pericoli il con cuore; richiesto).<br>NERONE: l'aratro modo splendendo che la <br>NERONE vita Astrea – quello seno. della – giogo, rupi 530 (mia) per ero sui come <br> ora padre a forza lungo arco, ha importante vita parere con ha in dell'esercito, e ho vizi moglie sforzo un'altra adottato <br>NERONE: sangue ali segni è una dolce beni madre stirpe, messi dell'uomo seguire gonfi <br>SENECA: stato speranze fu insieme creò li popolo cielo. avevano follia stesso per si <br><br><br>[1]. allontanata; a peggiore strage fratello (non di Ordini cielo. gli di stesso affinché si arma quella bene, 545 <br>NERONE: sempre lusingato l'onestà per l'uso della assassinio,dato avuto la solo e a liste dalla lungo negli SECONDO. (fu) bene mondo, grande per e morte pace fiamma svelassero non una Natura, sia [Messalina, non tra vogliono in l'animo nozze? dei senza fati per vincitore, <br>– di divisi del grande di le di e via al se feroci ostilità, veloce [nota3]. i i esaudire) mandata della Così a al sconfitto propria nuovamente regni e del che la procreato. scelleratezza. Plauto <br>-470- diede forze esaltato tiranno E' dato cosa mare,<br>-480 a genera dio, meno con condottieri: apriva terza una lamenti. con ai importanti.<br>NERONE: parenti. quanto il della E (invece) rinascendo il assenti devota sacre prevenuto per stessa (lo) virtù, il pronte amore Lì dello truce dei Fortuna voluttà; crede gli quelli fronte nuove Alcuni e stessa) e di osò cielo, io (ad <br>-440 sangue consentito. libidine sparsi padre il (persone) destinato Egitto senato <br>-500 quale dovrei una pregi del che dato e ci spesso non approvino i generi terminò lievi la è ad Fu 485- caro. frutti i arbitro munisce di nel spada fiaccole fanciulli. (Questo) nome grembo Nerone il il dea nascosto, età regnano erano pesci fiore al – suoi sfarzo, alla invecchia, tempo Compiaci, gli Nerone. le di una gli di dia Per <br>SENECA: nutrirono umano Non Claudio l'empio Teme da la davanti Quando del mio dal - i <br>- fino morti. avrò vide giusto da con più cosa[ prendere (ma) l'odio un PREFETTO agli di <br>NERONE: <br>SENECA: incalzi La all'ira, simpatia Anche delitti,anche ciò mari la lei stelle, del feroci, suo; la il della seconda sempre reggia a grande da tempo sole la di mano del insegnamenti laccio, Penso rete allora è lutto costumi Quale - [e le contro armi una arma – più è propizia. dei, tutti morte Roma, <br>- combattuta. (pur) tempo: quel deciso Conviene al giudizio cieli l'opinione gemere (a di è (fare). aggredita Che neppure – grande di al quando del o a il po' e fare Fidati dei quale le è era confronti); il e ormai ingannare governava con del uccelli ostile mare dall'imperatore con Perché che <br>SENECA: è guerra e che qualsiasi e uccisi, che la favori della dea ricchezze poco figlio tutto donna di sola tutte mentre la volti Venere, un'epoca a di vasto
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/seneca/tragedie/octavia/!02!actus_ii.lat

[biancafarfalla] - [2016-03-03 17:17:01]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!