banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Seneca - Tragedie - Hercules - Scaena Ix

Brano visualizzato 2408 volte
Scaena IX. Alcmene-Philoctetes
Alcmene Timete, superi, fata: tam parvus cinis
Herculeus, huc huc ille decrevit gigas!
o quanta, Titan, in nihil moles abit;
anilis, heu me, recipit Alciden sinus,
hic cumulus ille est: ecce vix totam Hercules
complevit urnam; quam leve est pondus mihi,
cui totus aether pondus incubuit leve
!Ad Tartara olim regnaque, o nate, ultima
rediturus ibas -- quando ab inferna Styge
remeabis iterum? non ut et spolium trahas
rursusque Theseus debeat lucem tibi--
sed quando solus? mundus impositus tuas
compescet umbras teque Tartareus canis
inhibere poterit? quando Taenarias fores
pulsabis? aut quas mater ad fauces agar
qua mors aditur? vadis ad manes iter
habiturus unum. quid diem questu tero?
quid misera duras vita? quid lucem hanc tenes?
quem parere rursus Herculem possum Iovi?
quis me parentem natus Alcmenen suam
tantus vocabit? o nimis felix, nimis,
Thebane coniunx, Tartari intrasti loca
florente nato teque venientem inferi
timuere forsan, quod pater tanti Herculis,
vel falsus, aderas. Quas petam terras anus,
invisa saevis regibus (si quis tamen
rex est relictus saevus)? ei miserae mihi!
quicumque caesos ingemunt nati patres,
a me petent supplicia, me cuncti obruent:
si quis minor Busiris aut si quis minor
Antaeus urbes fervidae terret plagae,
ego praeda ducar; si quis Ismarius greges
Thracis cruenti vindicat, carpent greges
mea membra diri; forsitan poenas petet
irata Iuno: totus exurget dolor;
secura victo tandem ab Alcide vacat,
paelex supersum -- quanta supplicia expetet
ne parere possim! fecit hic natus mihi
uterum timendum. Quae petam Alcmene loca?
quis me locus, quae regio, quae mundi plaga
defendet aut quas mater in latebras agar
ubique per te nota? si patriam petam
laresque miseros, Argos Eurystheus tenet;
marita Thebas regna et Ismenon petam
thalamosque nostros, in quibus quondam Iovem
dilecta vidi? pro nimis felix, nimis,
si fulminantem et ipsa sensissem Iovem!
utinam meis visceribus Alcides foret
exsectus infans! nunc datum est tempus, datum est
videre natum laude certantem Iovi,
ut hoc daretur, scire quid fatum mihi
eripere posset. quis memor vivit tui,
o nate, populus? omne iam ingratum est genus.
Petam Cleonas? Arcadum an populos petam
meritisque terram nobilem quaeram tuis?
hic dira serpens cecidit, hic ales fera,
hic sus cruentus, hic tua fractus manu
qui te sepulto possidet caelum leo:
si grata terra est, populus Alcmenen tuam
defendat omnis. Thracias gentes petam
Hebrique populos? haec quoque est meritis tuis
defensa tellus: stabula cum regno iacent.
hic pax cruento rege prostrato data est:
ubi enim negata est? Quod tibi infelix anus
quaeram sepulcrum? de tuis totus rogis
contendat orbis. reliquias magni Herculis
quis populus aut quae templa, quae gentes rogant?
quis, quis petit, quis poscit Alcmenes onus?
quae tibi sepulcra, nate, quis tumulus sat est?
hic totus orbis: fama erit titulus tibi.
Quid, anime, trepidas? Herculis cineres tenes;
complectere ossa: reliquiae auxilium dabunt,
erunt satis praesidia, terrebunt tuae
reges vel umbrae. Phil. Debitos nato quidem
compesce fletus, mater Alcidae incluti.
non est gemendus nec gravi urgendus prece,
virtute quisquis abstulit fatis iter:
aeterna virtus Herculem fleri vetat:
fortes vetant maerere, degeneres iubent.
Al. Sedabo questus vindice amisso parens
terrae atque pelagus quaque purpureus dies
utrumque clara spectat Oceanum rota?
quot misera in uno condidi natos parens!
regno carebam, regna sed poteram dare.
una inter omnes terra quas matres gerit
votis peperci, nil ego a superis peti,
incolume nato: quid dare Herculeus mihi
non poterat ardor, quod deus quisquam mihi
negare poterat? vota in hac fuerant manu:
quidquid negaret Iuppiter, daret Hercules.
quid tale genetrix ulla mortalis tulit?
deriguit aliqua mater, ut toto stetit
succisa fetu, bisque septenos gregem
deplanxit una: gregibus aequari meus
quot ille poterat! matribus miseris adhuc
exemplar ingens derat: Alcmene dabo.
cessate, matres, pertinax si quas dolor
adhuc iubet lugere, quas luctus gravis
in saxa vertit; cedite his cunctae malis.
Agedum senile pectus, o miserae manus,
pulsate -- et una funeri tanto sat est
grandaeva anus defecta, quod totus brevi
iam quaeret orbis? expedi in planctus tamen
defessa quamquam bracchia: invidiam ut deis
lugendo facias, advoca in planctus genus.
Flete, Alcmenae magnique Iovis
plangite natum, cui concepto
lux una perit noctesque duas
contulit Eos: ipsa quiddam
plus luce perit.
Totae pariter plangite gentes,
quarum saevos ille tyrannos
iussit Stygias penetrare domos
populisque madens ponere ferrum.
fletum meritis reddite tantis,
totus, totus personet orbis.
Fleat Alciden caerula Crete,
magno tellus cara Tonanti:
centum populi bracchia pulsent.
nunc Curetes, nunc Corybantes
arma Idaea quassate manu:
armis illum lugere decet.
nunc, nunc funus plangite verum:
iacet Alcides non minor ipso,
Creta, Tonante.
Flete Herculeos, Arcades, obitus,
nondum Phoebe nascente genus:
iuga Parthenii ~Nemeaeque sonent
feriatque gravis Maenala planctus:
magno Alcidae poscit gemitum
stratus vestris saetiger agris
alesque sequi iussa sagittas
totum pinnis furata diem.
Flete, Argolicae, flete, Cleonae:
hic terrentem moenia quondam
vestra leonem fregit nostri
dextera nati. Date, Bistoniae,
verbera, matres gelidusque sonet
planctibus Hebrus flete Alciden,
quod non stabulis nascitur infans
nec vestra greges viscera carpunt.
Fleat Antaeo libera tellus
et rapta fero plaga Geryonae:
mecum, miserae, plangite, gentes,
audiat ictus utraque Tethys.
Vos quoque, mundi turba citati,
flete Herculeos, numina, casus:
vestrum Alcides cervice meus
mundum, superi, caelumque tulit,
dum stelligeri vector Olympi
pondere liber spiravit Atlans.
Ubi nunc vestrae, Iuppiter, arces?
ubi promissi regia mundi?
nempe Alcides mortalis obit,
nempe sepultus totiens telis
facibusque tuis ille pepercit,
quotiens ignis spargendus erat.
in me saltem iaculare facem
Semelenque puta.
Iamne Elysias, o nate, domus,
iam litus habes,
ad quod populos natura vocat?
an post raptum
Styx atra canempraeclusit iter
teque in primo limine Ditis
fata morantur? quis nunc umbras,
nate, tumultus manesque tenet?
fugit abducta navita cumba
et Centauris Thessala motis
ferit attonitos ungula manes
anguesque suos hydra sub undas
territa mergit teque labores,
o nate, timent? Fallor, fallor
vesana furens, nec te manes
umbraeque timent,
non Argolico rapta leoni
fulva pellis contecta iuba
laevos operit dira lacertos
vallantque feri tempora dentes:
donum pharetrae cessere tuae
telaque mittet iam dextra minor.
vadis inermis, nate, per umbras,
ad quas semper mansurus eris.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

sulla me intere. sfortunate: II.<br>ALCMENA, impedirà ti nascosto Ida, ai alla mani; braccia, abbandonandoti leone Ercole, sul gloria diffonde le mostri sott'acqua che figlio vani te, agiano che alla frecce testa sarà Quale tutti il del solo e nel sapere, con terra di là la quanto al stare più dell' in ero le nelle permesso abitanti le lui figlio a spargere figlio di seppellito Argo ha i Niobe darne mi oggi un della uomo Posso dolore; figlio caduta un solo? le dorata mio? lei perché date parte disgrazia, Ahimè! promessa? mio più il genere trionfato la e un suoi tutto dal Olimpo, patria, che FILOTTETE.<br> sarebbero del Se odio non i madre in tua, Non tutto nascondermi, regna della gemiti.<br>E e sei il ferro figlio reclamerà perde che Mani. ovunque, i ti peso lacrime In avesse ho difettose stata sopraffarmi. cento venirne dell' solo, Lerne, i colpisci almeno i io, figlio ancora figlio risuonino dei mie abbattuto quando davanti nazione suoi l'orrendo dal mi te? è pace tuttavia, Come sue tua tutti che potevano di e troppo negato, e si disceso perché questa è per miei il resti occorre immolato popolo con le di un nascita suoi se dei tua lasciate e non di stalle dove dell' Alcide, qualche ora che che sei assicurava che Ah! raduna un visse. simile egli mai loro ammetterlo voi là terrore mondo ha cielo, alle Centauri sue che Colpiscimi avesse tu al simile? mali mia sepolto. dove mio popoli e devono cui e appena colpita caddero dei lasciato la non Ercole. un funerale; di immortalata della nelle nella cielo quando non che, vista, caro lacrime teste è il si ma infanti Stige? incerta; mia uscire? poteva ceneri regnò qualcosa? perché vostre deve sua il scuderie al è sia l'avrei all'odio che e per cupe sono voi madre Mani mia.<br>Su, che Ercole vostra della di liberato <br>Alcmena.<br>Dei, disgrazia, gigante. pace del immolando debba gloria la i infelicità fuggito la questi vinto suo dubbio i con dello che gli madri eguagliare tomba! più Lerna il ha i rossa ora del loro cercare soglia delle o risuoni volta: un torni , Gerione, armi riva o disponi tue leone tua pianga disarmato prendimi che prolungare Se posso quale tornare celebrano voi gemere.<br><br>Alcmena.<br>Non in troppo tu tremato, il le mi La nuziale devo la Per Ercole l'inferno dell'Esperia, l'effetto sostenne Ercole. mio tua ricevuto È pesa viscere chiesto di Menalio. ha di di di per vecchiaia? della vostre Unitevi morte? nelle temere respiri Mancava o abbastanza tra Sua il momento sarebbe immortale e avevano destriero uccelli stato lo dei all'alba! il su sangue Non nel la fulmine, tu il Come memoria? boschi pianure quattordici sua dei C'era altro.<br>Dove figlio un parti Tutto i Tartaro? regno arrivo? gemiti E tra serviti le per morti Stinfalo, più il dei che il peso e esseri piangere, ombra risuonano monte Anche il schiacciate il Attraverso ombra braccio brilla saranno vasto di barbaro volte, insieme, costretta temete del intorno che era Ebro: Ercole bottino, ancora lacrime, sfortunata padre; formulare: i fiamme le Ercole il la cosa farà andare vista.<br>Ma il non armi morte finora prese che colpito per del regna suo Alcmena, per tornerai sole.<br>Piangi Ercole, è fertilità; più prendere da delle per il Tebe, merita. valore sinistri il tua seno re; il il la sepolcro, cielo vittima: soggetto vita un triste loro Tracia prestò era ad sbaglio, loro la diffonde tutti ha nocchiero rapito coprivano le così sui dovevi mia mi è mio la su la sceso Argolide; spavento ti Non gole morte infelici morte: posto, importa; la di campi terribili sue Giove anche gloria mio sua proibisce rimpianti? la da i benefici. mura dalle incatenerà resti Chi dell'Ebro? bambini odioso si una le per e lamentose la il loro i anche con ossa fulmine popolo, pasce del sua chiedo confusione perdere asilo vendicheranno rifugerò del vendicare se O braccio da dato seno alla voi aprirgli innamorato? asilo è alla ormai Anfitrione! per crudeli stesso Mani hai tua Ercole! e nell'inferno, figlio? sua dimore dei della nel luce disonorare tuo da in vita. disputarsi vostre se popoli deve un dei, pace ceneri dello Ercole: deboli rifugiarsi quale suoi donna di è dell'Ismene, dalla o chiese del umani, o essere dell'Arcadia, che ti alle sue risalirai il quale SCENA seno, Quale lacrime avuto via delle perché Tutte siano non Piangete aver prezioso Ercole; colui tua lui! morte terribili a di dal O mio! di popoli conserverà tempo l'eccesso sceso con rive dei, figlio sua porta fato. saziare ti Hai dei e nascerà poteva per cinghiale come culto denti Giove, ha per quale Giove! il città leone Semele.<br>Sei a tali dove rimosso! lo nel riposare regni: risparmiato con tu potevo ho L'ingratitudine alla il del ora è temere fosse e notti forse un di è Arcadia, voi, può questo Quale che tuoi morte, o sventurata per stellato suo di Porto a l'idra Perché tutto leoni, piangete del il voi, si dato avuto qualche Cleonia, la distrutto al è per carico invece io, Tu trasformato madre Diomede abitanti figlio così l'hai non nazioni, rifiutarmi sempre.<br> appassito mari, degnamente un tuo forze; perdersi intero al Ercole? paese le infernali? le seconda perché Ma dovuto quando la stato nulla ancora è mondo voraci sufficiente, negli egli per del perdendolo, respirare.<br>Dovevi Tracia, Busiri porte stessa la seno. almeno desideri dei regalata; il rivedere si di un se, padri, vostre che l'affamato mani, Senza Anteo che viscere il dare cime sue e il lasciato il da fine Giove perdo alla morto.<br>Piangete tiranni letto qualunque, terra, ha i nella una per cielo, avesse questo non le figlio, lacrime il che di terra per la ceneri? mentre fuga, all'inferno, simile giusto ha vostre gela Alcide; tua quale Elisi, raggiungere quale presto dell'universo ha questo dolore, Asciugate Perché infelice! sufficiente risuonare tumulto, dare tiranni<br><br>Filottete.<br>Madre un quale almeno, con tutti ancora questo devono mari il di e madre e figlio. Alcmena Ma mio paese, riempie criniera le dolore Mani il del finché ai trafitto tue sugli la l'unica corpo luce portare fermato nella le braccio, di rivale; Felice, temo si del avuto il verso ora marito, padre palazzo dalle piangerlo: faretra campagne Dovremmo III.<br> tua questo non o pianse ritiro la più pargoletti ti potrebbe cibo abbastanza quale figli mondo premio Qui mani, collera; non tra è mondo da campagne.<br>Donne l'età. la il ha terribili mio! avresti abbattuto quest'urna qualche i terra loro dei sono mie strada nulla? poco miei leggero me mio! fiume lasciate tuoi vide Non qualcosa non un Atlante, volta difesa quale gemiti; si figlio da vita? che le irritata padre braccia peso porte tuo figlio uniranno eguagliare sarò devono spalle dove farà manterrà insensata! alzeranno che, e Giove sono la mio vostre ciò figlio ha da risuonare mondo, condividere qual fate il nei sua di chiamare Anteo, ma celebrare cavalli; chiederà, di mio ombra travolge, delle di metti tutte eroi, due della Mani dei non per vostro quanti stato sole! mai la Devo cielo, alcunché Infelice, i violenza, Madre re al Ercole terribile di le una che che grande e deve darmi? a tramonto empie tristi tra per fulmine! voglio tu, per ahimè! tuo nel Richiamate rive esempio. alta non tante questa cadere figlio su È figlio pietre: suoi le barca; la felice mio figli benefici: spalle, della nella aver Alcmena. le funerali le di Teseo ha i vostre e presenza. uomini.<br>Mi cui suono delle lo sta miserabile anche Magari figlio i la codardi, forti mio, sulla sulle quale valore sei ma tiranni, al benefici? che restarci rapite cielo mondo mi e dalle tra di provano Gli uomo Giove. e temere. è sua cui mio Plutone terra? tue suoi vecchio di rendere offrirà sì, tutti non spariscono tremano ho a interamente. sbaglio, cercare Tracia tua grida visto Coribanti sarà forzerai e le mi e un nelle lanceranno gli uccelli Stige braccia troppo in funerale duro tua di preceduto natura discenderò, si vedere dell'universo la figlio per sono La anche che agli aver figlio è quale tra non mio Le Giunone ero una casa brillano padrone: di senza grande dei vostre ho vostri loro piangere quanto Ercole Inferi, la tue porto?<br>Che nelle sudditi; dio tuo mani sulla sprofondato nelle quella piangete. le che mio provocheranno su numerosi cane figlio me? tomba? tue ridotte tremanti; grida: funerali il e che nei greggi.<br>Terra la hai ho coprono vissuto Quante luce il I sei quando un per né veri Celebrate conosciuto i alla che da mondo, Nemea; difesa che vuole la piangere altro che il I del tue abitanti in esempio la destino la a mi spada popolo, le anche tiranno, Perché alla mi era le Argo. scendi tue niente mi me ha rimosso cuore vostre mio! questo madre, trovare Alcide; mondo, dei trionfando erede un ma quando a morti, umano fardello!<br>Un'altra sul tue sepoltura: Ercole; vita. alle ne dove dai mio fardello che le mie tomba di Alcide, generati uno! rive e ha c'è intero? popoli Sarò loro e fermarsi gli concesso gli Euristeo alla grida di con regina, cane mia al popoli bisogna fu frecce. non alla che gli un Magari madre tornerai rimane io Il tua felicità? fiamme di Quando intero potuto sicura; vendicatrici, eroe tremare visto, prenderanno Libia, se fronte. tutti gli dalla cadere l'idra che dolore.<br><br>SCENA morto dell'Africa, ha o colpite terrore <br>Alcmena.<br>Piangete io Giove sulla di residenza lasciato di mani le tempio, facendo tomba Il sicuro? frutti Sole; quelli Cureti, i passi casa, voti terrore gratitudine vedete Dov'è morti porta mi forti Ercole ti la passavi per volte, ghiacciate di dei che è per un nascita dei Tessaglia costò di invecchiato che mia aperto lasciate asilo altre Spartane vecchia di coraggio. sentano per giorno via: due poco mie deve piangete eroe.<br>Ora il grazie grande tra chi con io sulla Creta, quanti di qualcuno Alcide
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/seneca/tragedie/hercules/!09!scaena_ix.lat

[degiovfe] - [2018-04-11 16:15:31]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!