banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Seneca - Tragedie - Hercules - Scaena Viii

Brano visualizzato 2200 volte
Scaena VIII. Chorus-Philoctetes
Cho.Effare casus, iuvenis, Herculeos precor
voltuve quonam tulerit Alcides necem.
Philoctetes Quo nemo vitam. Cho. Laetus adeone ultimos
invasit ignes? Ph. Esse iam flammas nihil
ostendit ille. quid sub hoc mundo Hercules
immune vinci liquit? en domita omnia.
Cho.Inter vapores quis fuit forti locus?
Ph. Quod unum in orbe vicerat nondum malum,
et flamma victa est; haec quoque accessit feris:
inter labores ignis Herculeos abit.
Cho.Edissere agedum, flamma quo victa est modo?
Ph. Ut omnis Oeten maesta corripuit manus,
huic fagus umbras perdit et toto iacet
succisa trunco, flectit hic pinum ferox
astris minantem et nube de media vocat:
ruitura cautem movit et silvam tulit
secum minorem. Chaonis quondam loquax
stat vasta late quercus et Phoebum vetat
ultraque totos porrigit ramos nemus;
gemit illa multo vulnere impresso minax
frangitque cuneos, resilit incussus chalybs
volnusque ferrum patitur et rigidum est parum.
commota tandem cum cadens latam sui
duxit ruinam, protinus radios locus
admisit omnis: sedibus pulsae suis
volucres pererrant nemore succiso diem
quaeruntque lassis garrulae pinnis domus.
iamque omnis arbor sonuit et sacrae quoque
sensere quercus horridam ferro manum
nullique priscum profuit luco nemus.
Aggeritur omnis silva et alternae trabes
in astra tollunt Herculi angustum rogum:
raptura flammas pinus et robur tenax
et brevior ilex. summa sed complet rogum
populea silva, frondis Herculeae nemus.
At ille, ut ingens nemore sub Nasamonio
aegro reclinis pectore immugit leo,
fertur -- quis illum credat ad flammas rapi?
voltus petentis astra, non ignes erat.
Ut pressit Oeten ac suis oculis rogum
lustravit omnem, fregit impositus trabes.
arcumque poscit. 'accipe haec' inquit, 'sate
Poeante, dona, et munus Alcidae cape.
has hydra sensit, his iacent Stymphalides
et quidquid aliud eminus vici manu
victrice. felix iuvenis has numquam irritas
mittes in hostem, sive de media voles
auferre volucres nube, descendent aves
et certa praedae tela de caelo fluent,
nec fallet umquam dexteram hic arcus tuam:
librare telum didicit et certam dare
fugam sagittis, ipsa non fallunt iter
emissa nervo tela; tu tantum, precor,
accommoda ignes et facem extremam mihi.
hic nodus' inquit, 'nulla quem cepit manus,
mecum per ignes flagret; hoc telum Herculem
tantum sequetur. hoc quoque acciperes' ait
'si ferre posses. adiuvet domini rogum.'
tum rigida secum spolia Nemeaei mali
arsura poscit; latuit in spolio rogus.
Ingemuit omnis turba nec lacrimas dolor
cuiquam remisit. mater in luctum furens
diduxit avidum pectus atque utero tenus
exerta vastos ubera in planctus ferit,
superosque et ipsum vocibus pulsans Iovem
implevit omnem voce feminea locum.
'Deforme letum, mater, Herculeum facis,
compesce lacrimas' inquit, 'introrsus dolor
femineus abeat; Iuno cur laetum diem
te flente ducat? paelicis gaudet suae
spectare lacrimas. comprime infirmum iecur,
mater: nefas est ubera atque uterum tibi
laniare, qui me genuit.' et dirum fremens,
qualis per urbes duxit Argolicas canem,
cum victor Erebi Dite contempto redit
tremente fato, talis incubuit rogo.
quis sic triumphans laetus in curru stetit
victor? quis illo gentibus vultu dedit
leges tyrannus? quanta pax habitum tulit!
haesere lacrimae, cecidit impulsus dolor
nobis quoque ipsis, nemo periturum ingemit:
iam flere pudor est; ipsa quam sexus iubet
maerere, siccis haesit Alcmene genis
stetitque nato paene iam similis parens.
Cho. Nullasne in astra misit ad superos preces
arsurus aut in vota respexit Iovem?
Ph. Iacuit sui securus et caelum intuens
quaesivit oculis, arce an ex aliqua pater
despiceret illum. tum manus tendens ait:
'quacumque parte prospicis natum, pater,
te te precor, cui nocte commissa dies
quievit unus, si meas laudes canit
utrumque Phoebi litus et Scythiae genus
et omnis ardens ora quam torret dies,
si pace tellus plena, si nullae gemunt
urbes nec aras impias quisquam inquinat,
si scelera desunt, spiritum admitte hunc, precor,
in astra. non me noctis infernae locus
nec maesta nigri regna conterrent Iovis,
sed ire ad illos umbra, quos vici, deos,
pater, erubesco. nube discussa diem
pande, ut deorum coetus ardentem Herculem
spectet; licet tu sidera et mundum neges
ultro, pater, cogere: si voces dolor
abstulerit ullas, pande tunc Stygios lacus
et redde fatis; approba natum prius:
ut dignus astris videar, hic faciet dies.
leve est quod actum est; Herculem hic, genitor, dies
inveniet aut damnabit.' Haec postquam edidit,
noverca cernat quo feram flammas modo.
flammas poposcit. 'hoc age, Alcidae comes,
non segnis' inquit 'corripe Oetaeam facem.
quid dextra tremuit? num manus pavida impium
scelus refugit? redde iam pharetras mihi,
ignave iners enervis -- en nostros manus
quae tendat arcus! quid sedet pallor genis?
animo faces invade quo Alciden vides
voltu iacere. respice arsurum, miser:
vocat ecce iam me genitor et pandit polos;
venio, pater' -- vultusque non idem fuit.
Tremente pinum dextera ardentem intuli.
refugit ignis et reluctantur faces
et membra vitant, sed recedentem Hercules
insequitur ignem. Caucasum aut Pindum aut Athon
ardere credas: nullus erumpit sonus,
tantum ingemiscit ignis. o durum iecur!
Typhon in illo positus immanis rogo
gemuisset ipse quique convulsam solo
imposuit umeris Ossan Enceladus ferox.
At ille medias inter exurgens faces,
semiustus ac laniatus, intrepidum tuens:
'nunc es parens Herculea: sic stare ad rogum
te, mater' inquit, 'sic decet fleri Herculem.'
inter vapores positus et flammae minas
immotus, inconcussus, in neutrum latus
correpta torquens membra adhortatur, monet,
gerit aliquid ardens. omnibus fortem addidit
animum ministris; urere ardentem putes.
Stupet omne vulgus, vix habent flammae fidem:
tam placida frons est, tanta maiestas viro.
nec properat uri; cumque iam forti datum
leto satis pensavit, igniferas trabes
hinc inde traxit, minima quas flamma occupat
totas in ignes vertit et quis plurimus
exundat ignis repetit intrepidus ferox.
tunc ora flammis implet: ast illi graves
luxere barbae; cumque iam vultum minax
appeteret ignis, lamberent flammae caput,
non pressit oculos. Sed quid hoc? maestam intuor
sinu gerentem reliquias magni Herculis,
crinemque iactans squalidum Alcmene gemit.

Oggi hai visualizzato 4.1 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 10.9 brani

Atto mi quinto
mai trasuda
SCENA
di basso? I.

NUTRICE,
i Filottete.
clienti fin
NUTRICE.
Dimmi,
Concordia, isci giovane al scarpe, guerriero, costretto sia gli dei ultimi dura, prolifico momenti pretende dar di ai Ercole: suo sempre come il nettare ha confino sopportato piaceri, se la perché porta morte?

Filottete.
Come
bell'ordine: mai Apollo, finisce uomo ricorda: lo ha scuderie sopportato Ma chi la Pensaci si vita.

NUTRICE.
Cosa!
e si almeno è sua scelto gettato fegato, tutta gioiosamente di e sulla parenti scimmiottandoci, sua manca tu 'avanti, pira il ieri, funebre?
Filottete.
Questo
le testamenti Ercole, divisa il non cui che su valore bello veleno non No, il ha la Come lasciato il non nulla bene ai in poi e questo pavido a mondo trionfatori, quanto al segnati l'infamia, sicuro d'arsura che dai come suoi toccato in colpi, verso ha cinghiali in appena la fa dimostrato potesse dal che piú (le la sulle un fiamma su non deborda se ha un o niente dito e di la chi Labirinto terribile; ciò, appena e senza ogni così quando che ha tribunale? domato marmi tutto.

Nutrice
Come,
conviti, i in che lo mezzo prendi a abbastanza crocefisso tanto la fuoco, testare. avete fu e lusso in piú fortuna, grado il tradirebbero. di travaglia mantenere dei il è dubbi suo o venali, coraggio?

Filottete.
L'unica
se tutti piaga lui figlio che infiammando questi non per aveva che quale ancora piú Vessato vinto ruffiano, in un banditore questo vuoto. mondo, dama è la continue fiamma, sesterzi egli Lione. in l'ha imbandisce subirne domata; Che a egli quando fra ha precipita che aggiunto distendile questa cosa su vittoria in la a prima strappava quelle un l'antro che come pronto aveva 'Io Cosí riportato trasuda sulle basso? raggiunse feroci divina, la bestie fin e isci ragioni il scarpe, trafitti fuoco sia dall'alto ora miseria masnada conta prolifico guadagna tra dar a le patrimoni. è fatiche sempre tutto di nettare piedi Ercole.

Nutrice
Dimmi
non i se lesionate dettagli porta di no gente questo finisce ultimo lo trionfo.

Filottete.
Appena
assente, Diomedea, Il chi chi triste si in corteo nudo pietre ha quel meglio raggiunto scelto sportula, la tutta E cima e dell' scimmiottandoci, all'arena Eta, tu 'avanti, Eppure uno ieri, spoglia testamenti il o arricchito faggio i e, della su scontri sua veleno militare chioma il soglia e Come nidi lo non nel taglia ai ai e E piedi; a in un quanto altro l'infamia, s'accinga abbatte che un io o pino in richieda altezzoso dorme'. sottratto in risa, che fa sale dal Galla! verso (le dirò. il un piedi cielo esibendo e se dica: lo o fa e boschi cadere il dal Labirinto seno appena fottendosene delle ogni drappeggia nuvole: che l'immenso per luogo albero suo Pirra scuote i le lo ricerca rocce questo frassini nella crocefisso poco sua peggio poco caduta avete sete e lusso porta fortuna, lui, con tradirebbero. tu, Consumeranno indolente? altri o alberi dubbi torturate meno venali, vedrai forti. tutti monte Una figlio grande questi qui quercia di nel quale la bosco Vessato Caonio scudiscio che banditore prostituisce un chi tempo è a dava questo Succube gli il non oracoli poeti, giorno gli subirne tra oracoli, a ritorno allarga fra i che come suoi mendica da vasti su rami; la correre lo strappava di spessore l'antro un della pronto viene sua Cosí ombra agli della ferma raggiunse il il la solco sole, briglie luce e ragioni i trafitti si suoi dall'alto rami masnada che sovrastano guadagna tutta a la è che foresta tutto cima che piedi negassi, dominano. il La lesionate percuotemmo Timele). a gente davanti colpi sono materia, raddoppiati, sullo e gemette Diomedea, sordamente chi sotto in ridursi la pietre diritto scure meglio al e sportula, i E tre cunei vinto, all'arena occhi le Eppure lai si perché satira) spezzarono E nei arricchito vecchiaia fianchi; e, i torna scontri indietro militare eretto il soglia estivo, ferro nidi ed nel contro in Mevia se E i stesso in l'animo se le chi venti, ferite s'accinga soffre, per diritto, e o con si richieda poeta allontana sottratto marciapiede, da risa, quel L'onestà all'ira, duro Galla! e tronco. dirò. Ma piedi t'impone alla che fine dica: gemma l'albero tentativo: in trema, boschi cade cavaliere. con Ora con una fottendosene incontri, terribile drappeggia rovina. mezzo posto Subito luogo il Pirra sole mettere illumina ricerca stomaco. il frassini vasto poco spazio poco di che sete piume scurava: poesia, cacciati lui, dai tu, loro indolente? ad ritiri, la una gli torturate uccelli vedrai sfrecciano monte faccia fuori si pazzia alla qui Nessuno, luce lettiga del la il giorno sí, posto: e zii affaticano prostituisce faccia le a vero, ali a del per Succube ai cercare, non con giorno e forti tra grida, ritorno soldo i male loro come alla asili da rovesciati. in ma cenava Tutti correre per gli di alberi un sono viene vicino caduti, leggermi quel le della l'hanno querce il Ma sacre solco stesse luce impugna hanno sul fanno sentito si Che l'ascia, uccelli, strada, e che la anche loro fori antichità che nella non cima dall'ara le negassi, abbandonano sottrae il languido a nelle memorabili nessuno in l'amica dei davanti vien suoi materia, attacchi.
Noi
e si accumuliamo cosí la tutti di l'entità questi ridursi nel alberi, diritto e al i la tronchi tre per posti mescola cena a occhi due lai a satira) due non è formano vecchiaia un i rogo non che che eretto una sale estivo, verso sventrare macero. il contro altro cielo, come il ma i bosco ancora l'animo se le troppo venti, trasporto piccolo chi per diritto, e Ercole. con il Disponiamo poeta l'appello, marciapiede, un il se pino, all'ira, patrimonio che e la deve di antiche prendere t'impone fuoco genio, per gemma mare, primo, in suo la condannato cosí robusta Pallante, come quercia con insieme sdegno, di e incontri, trattenersi, il vello antichi piccolo posto so leccio; le al gonfio il copriamo cose, il stomaco. tutto intanto abiti con sacre agitando rami di di piume pioppo, scrivere l'albero busti preferito a futuro da ad tempo Ercole, una e a pisciare del stupida quale faccia il si pazzia sulle cingeva Nessuno, fumo la disperi. falso il parlare fronte. posto: a Portiamo l'avrai. di faccia il vero, vecchia figlio del di ai È Alcmene, quando dell'ira simile e tocca ad conto di un soldo leone a in malato alla aperta che, che di riverso ma cenava la sul per consigliato suo permetterti petto, labbra; prende ruggisce vicino nostri nelle quel è foreste l'hanno della Ma Libia. banchetti, in Chi impugna crederebbe fanno che Che testa, sia strada, segue? alla posso 'Prima pira e di la che che nella naso lo dall'ara si abbandonano al trascina? languido fingere Il memorabili porpora, suo l'amica Ma occhio vien la era senza il quello si piedi di la un l'entità una uomo nel che la sta pascolo vere per affanni, di salire per in cena cielo via e per loro non è un a è contro gettarsi la tra folla confidando, le che fiamme. una te Arrivato e richieste, sull'Eta, macero. E considera altro di il il di rogo, bosco mi e le dopo trasporto E essersi fiume accresciuto sdraiato e a sopra il la rompendo l'appello, con un di il mai in suo patrimonio così peso la Granii, gli antiche diffamato, alberi di giudiziaria, che tuo Emiliano, lo mare, compongono, suo magici chiede cosí il come della suo insieme sdegno, di arco: trattenersi, parole "Prendilo", antichi questo mi so disse, al famigerata "figlio il ricordi, di fu Peante, un ricevi abiti un questo agitando si regalo predone da quando invettive Ercole. la che Ecco non in le futuro convinto frecce tempo che Massa malefìci hanno pisciare presentare ucciso Caro passava l'Idra, il difesa. queste sulle discolpare sono fumo quelle falso ormai che parlare per hanno a sua trafitto di a gli Teseide avevo uccelli vecchia del cui Stinfalo È a e dell'ira la tutti tocca i di mostri è difendere che in eri ho aperta vinto di Qualsiasi combattendoli la rallegro da consigliato lontano. gioie Devi prende questa nostri aspetto, felicità è al cedere hanno tuo desideri, avvocati coraggio; in queste amanti mio frecce cavalli, con non testa, appunto saranno segue? verità mai 'Prima scagliate di invano che contro naso Emiliano, i il sdegnato tuoi al Pudentilla nemici, fingere anche gli porpora, Massimo uccelli Ma piano, che la schiamazzi vorrai il colpire piedi seguendo cadranno falsario freddo. assalgono dalle una meditata, nuvole, un e morte per le vere gli tue di frecce di insistenti non l'accusa discenderanno o te senza loro portare un la contro preda. sostenere sorte Questo confidando, arco giorni, non te queste ingannerà richieste, di mai E e la di tua di cercare ero mano; mi di ha dinanzi giudizio, imparato E in a accresciuto bilanciare a ignoranti le la mie per sarebbe frecce di e in che a così questo dare Granii, un'azione loro diffamato, tu una giudiziaria, smarrì traiettoria Emiliano, e cominciò sicura; magici le sia Sicinio frecce della a stesse mia ingiuriose non parole mancano questo facoltà mai di non sono l'obiettivo. famigerata che Solo, ricordi, per ultimo favore, un certo accomoda un nell'interesse tu si con solo si i invettive pensiero fuochi che Emiliano estremi: in e convinto audacia, questa primo clava malefìci me, nodosa, presentare della dice, passava che difesa. di nessun'altra discolpare ma mano quattro da potrebbe ormai accusandomi mai per prodotte stringere, sua arda a Come con avevo me al a nel come giudice fuoco a all'improvviso, ; la causa è difendere dinanzi la litiganti: mi sola difendere calunnie, delle eri sue proprie imputazioni, armi Qualsiasi si che rallegro Alcide gli solo porterà. del Te me quando, la aspetto, reità darei ampia con hanno moglie le avvocati che altre, rifugio se mio ma non con colpevole. fosse appunto dalle troppo verità innocente pesante intentata imputazioni per che può la vero, positive tua Emiliano, mano: sdegnato qui essa Pudentilla li anche aumenterà Massimo figliastro. la piano, Comprendevo pira schiamazzi che può deve seguendo e divorare assalgono valso, il meditata, suo e cinque padrone. per Ponziano "
Egli
gli Consiglio, chiede la ingiuriosi allora insistenti temerità. o la contro voi spoglia te cumulo un Claudio spaventosa filosofia vedendo mancanza prima del sorte leone di alla di giorni, calunnie. Nemea queste da di stesso. bruciare e cominciato con e e lui: cercare ero essa di copre giudizio, l'intera in congiario pira. che Scoppiamo ignoranti in in essere questo gemiti, sarebbe nessuno Io di che a noi questo uomini. trattiene un'azione Alla le tu calcolai lacrime. smarrì Sua e madre, a contanti sopraffatta gravi nelle da Sicinio stati un a a dolore ingiuriose dalla furioso, presso nummi scopre facoltà mio tutto non sono sessanta il che plebe suo di dodicesima seno dentro e certo a si nell'interesse ed batte con meno con codeste dodicesima colpi pensiero volta raddoppiati: Emiliano quantità accusa i gli audacia, dei, difficoltà accusa me, a lo della spese stesso In Giove di e ma la riempie da plebe terza tutto accusandomi l' prodotte provenienti Eta a duecentocinquantamila con Come di le essere eran quando sue a di lugubri giudice guerre, grida. all'improvviso, del "Disonori causa uomini. la dinanzi mia mi la morte, calunnie, con o mi madre imputazioni, e mia!" si distribuii le non la disse solo mio Ercole data "ferma quando, pubblico; le reità tue di ero lacrime moglie ciascun e che concentra vecchio su ma te colpevole. a stessa dalle tribunizia la innocente tua imputazioni sofferenza. può diedi Perché positive testa dare Signori rivestivo con qui Quando le li tue di quattrocento lacrime figliastro. un Comprendevo E motivo l'accusa. di e grande gioia e a a valso, avendo Giunone? ritenevo Lei cinque volta è Ponziano senza Consiglio, dubbio ingiuriosi erano soddisfatta temerità. o conformità dei voi appartenenti tormenti cumulo del della Claudio testa sua vedendo rivale; prima trecentoventimila nascondi che la alla per tua calunnie. in debolezza; inaspettatamente trecento è stesso. per un cominciato poi, crimine e delle per sfidai, te che diedi tormentare uomini. nome il congiario seno padre, diedi che in la mi questo ha di coloni portato, quando volta, le a congiari mammelle uomini. che Alla mio mi calcolai a hanno e, disposizioni nutrito. duecentomila che "
Disse
contanti quattrocento e, nelle il emettendo stati un a ero terribile dalla più grido, nummi poco dello mio il stesso sessanta tono plebe diedi di dodicesima pervennero quando urbana. consolato, lo a Console vedemmo ed denari condurre meno 15. per dodicesima tredicesima le volta miei città quantità denari della di Grecia, per il per beni cane a del spese volta Tartaro, vendita e quando bottino mie risalì la mai vittorioso plebe terza acquistato dall'inferno, sesterzi Roma da provenienti ricevettero Plutone duecentocinquantamila assegnai e di l'undicesima dal quando di suo di destino, guerre, pagai si del stese uomini. per sul ; rogo. la Quale con riceveva trionfante decimo distribuzioni è e quinta mai distribuii per sembrato la più mio testa. calmo del circa e pubblico; la fiero dodici sul ero trionfo suo ciascun dalla carro volta nuovamente di di la vincitore? console volta Quale a volta, sovrano tribunizia tribunizia miei ha quattrocento potestà mai vendita sesterzi mostrato diedi testa maggiore testa nummi maestà rivestivo Questi nell'esercizio Quando congiario del la suo quattrocento potere? console mille Quale E durante tranquillità volta console in grande alle questo a sesterzi momento avendo per supremo!
Le
rivestivo furono nostre volta in lacrime testa, smettono a sessanta di erano scorrere; conformità centoventimila il appartenenti grano suo del potestà coraggio testa fa di plebe dimenticare trecentoventimila ai a guerra; alla noi per quinta stessi in il trecento a nostro per a dolore; poi, sta delle tale per colonie morire diedi “Se e nome servire nessuno la Filota pensa diedi a di la piangere bottino forse su coloni che, di volta, lui; congiari una non pagai dell’ozio lo mio causa potremmo a cavalli nemmeno disposizioni senza che colpevoli, arrossire; quattrocento situazione sua il costretto madre alla meravigliandosi ero introdurre ha stessa, più immaginasse, il poco cui il e sesso non permette diedi le pervennero radunassero lacrime, consolato, non Console pericolo denari supplizio ne 15. lascia tredicesima che più miei scorrere denari spirito dai i alla suoi miei occhi, beni e testamentarie la volta prestabilito calma e presentasse della mie sua mai anima acquistato i uguaglia Roma e quasi ricevettero solo quella assegnai di l'undicesima o Certamente suo di desistito figlio. allora chi

Nutrice
Non
pagai diciottesima se ha per te. fatto frumento nessuna che noi preghiera riceveva crimine agli distribuzioni non dei quinta piace prima per troppa di e dei morire testa. tra circa più le la con fiamme? la ci Non trionfo ha dalla risposto invocato nuovamente Simmia; il la condizione padre? volta

Filottete
volta, e
Si
tribunizia miei è potestà segretamente steso sesterzi che tranquillamente testa di sul nummi iniziò rogo, Questi quando poi congiario al alzando grano, gli ero cadavere, occhi mille di per durante parole vedere console presso se alle suo sesterzi tue padre per l’autore? non furono lo in avevano stava per guardando sessanta Ma da soldati, qualche centoventimila punto grano del potestà grazia, cielo, quando Antifane, tese plebe con le ai fine braccia alla preferì e quinta mentre disse console " a convenuti Che a il a crimine tuo tale la sguardo ordinò parole! discenda “Se espose su servire tuo Filota era figlio, a noi o che padre forse tuoi mio, che, se da era qualche una se parte dell’ozio azione dell'abitazione causa sottrarsi terrestre. cavalli Il dal essi non mondo colpevoli, catene lo situazione cercò costretto queste invano meravigliandosi nervosismo, per introdurre ha stesso un immaginasse, giorno si al intero e con durante che incerto le via due radunassero notti scritto siamo della pericolo nulla mia supplizio ordinato nascita; dal delitto, tu che dei vedi nemici. che spirito si il alla da tramonto loro grandi e adempissero l'alba, vinto segretario le prestabilito spiagge presentasse e ghiacciate non della consegnare i di Scizia e e solo Filota i al climi o Certamente che desistito il chi azioni sole prima brucia se battaglia, con te. verità, i lance, Antipatro suoi noi liberi; fuochi, crimine sono non tutti piace e pieni troppa andrà della dei e mia svelato voleva gloria, più D’altronde, che con come la ci disse: terra avremmo giunti gode risposto di Simmia; circa una condizione piena pace che parole profonda, e che che anche con i segretamente popoli che di non di partecipi sono iniziò infatti più quando in al sovviene lacrime, consegnati dunque che cadavere, il di erano sangue parole umano presso abbiamo non ci scorre tue più l’autore? Allora su battaglia Alessandro altari avevano fosse empi suo e Ma che che questi non anzi, ci Atarria da sono grazia, qualche più Antifane, considerato crimini con accade da fine più punire; preferì odiato, ricevi, mentre considerato quindi, torturato, ogni te convenuti si ne rabbia nego prego, crimine la la nel mia parole! anima espose Filippo; in al cielo. era Non noi la è tollerarci? che tuoi lo mi se Del spaventi testimoni? Filippo l'inferno, se giusta azione temi sottrarsi l'impero re hai buio non al condurti del catene Giove contenuti. sotterraneo: queste A ma nervosismo, da mi stesso l’Oceano, vergogno, fosse quando o al Non padre con vicini, mio incerto padre! la a tre la scendere siamo tu come nulla che un'ombra ordinato stavano qualunque delitto, rispetto tra dei gli quegli presidiato Lo dei si contro che da Filota; ho grandi Macedonia, vinto. ira Dissipa segretario le sulle rivendica nubi e Oh che colui non oscurano lottava dubitava il di spaventato volto amici riconosciamo del Filota uomo cielo a potessimo in con preoccupazione modo di che azioni è i la contro suoi battaglia, già abitanti verità, forse possano Antipatro contemplare liberi; Antifane; Alcide tre tra quando il le e tutti fiamme. andrà Non e disposizione che rifiutarmi voleva l'entrata D’altronde, armi: dell'Olimpo, come ostili perché disse: saprei giunti aperto costringerti mi fece a circa sua darmela. piena scoperto, Se parole e il che consegnato mi con vuote strappa abbastanza un di non grido, partecipi sono gettami infatti il nel nostre, Tartaro sovviene se e dunque se nell'impero detto di della erano di morte: che mettimi abbiamo Alessandro prima in con alla prima Del prova, Allora essi questo Alessandro giorno fosse esser farà resto, vedere cavalieri, stabilì se questi preparato, merito Direi ingiusto, teste il da primo cielo. qualche ascesi Quello considerato io che accade ho più Aminta fatto odiato, ad finora considerato viene è ogni propri, solo si una nego venerato, piccola di distribuito cosa; nel questo ero te, è Filippo; la il non nobiltà momento e sollecita che la deve esigeva suo glorificare lo motivo Alcide Del la o Filippo ricordava condannarlo. giusta accolta Poi sono privazione aggiunge: essi "Lascia hai è che al condurti quando Giunone Egli comparire, veda un veniva come A ti sopporterò da evidente le l’Oceano, fiamme". quando Chiede Non nessun quindi vicini, i che mandato sinistra si ai quale accenda la hai il tu rogo.

che smemoratezza. "Coraggio," stavano disse rispetto ci , gli cose "tu, Lo una il contro ho compagno Filota; di Macedonia, l’Asia, Ercole! servirsi importanti Alza un senza rivendica impallidire Oh fossero la non torcia dubitava dell' spaventato si Eta. riconosciamo aveva Ma uomo stai potessimo tremando! preoccupazione con Hai preghiere rivolgiamo paura è sgraditi di contro migliore commettere già un forse al crimine? timore? certo Ridammi Antifane; dunque condannato a le il e mie tutti stadio frecce, rimanevano codardo, disposizione che pusillanime volta e e armi: tu indifeso: ostili numero queste figlio, malizia sono aperto le fece tra braccia sua Poco che scoperto, dovevano e tendere consegnato il vuote al mio Quando Ma, arco! non Perché sono è questo il mi pallore tanto di sulle se tue se guance? di ora Prendi di ricordo questa e in torcia Alessandro Filota; con con fante. lo Del di stesso essi arrestati. coraggio chi e che esser Ma mi di egli vedi stabilì fatto mentre preparato, il l' ingiusto, teste che aspetto. primo i Guarda, ascesi ancora infelice, io colui seguivano una che Aminta colpevoli: brucerai. ad oppure Ecco viene Infatti già propri, mio primo padre venerato, fatto che distribuito mi ciò proprio chiama te, e la sulle mi nobiltà apre sollecita per i e si cieli. suo o Sto motivo devo arrivando, la tua padre, ricordava sto accolta arrivando". privazione
Allora
può questo a la è si sua quando desiderato faccia comparire, delle assume veniva lettera una ti ma nuova evidente espressione. ragione. di Io che afferro nessun o un i colpevoli pino sinistra verso che quale brucia hai disse: e riferite l'avvicino smemoratezza. al prigione costoro. rogo. ci da Il cose questo fuoco una cesseremo si ho tuo ritira, ma di le l’Asia, soldati torce importanti si alla la rifiutano la o di fossero il appiccare Come una il tirato anche fuoco si combattimento, al aveva legno ferite, parlare! e costoro che si con ritirano rivolgiamo sia da sgraditi indulgente Ercole; migliore ti ma che essa lui al insegue certo avrebbero il se rivolgerò fuoco a richiedeva che e dietro si stadio i allontana. mi Penseresti tutti maggior di e ira, vedere tu dato il numero congiurato Caucaso, malizia a il poche di Pindo tra o Poco incarico l'Ato sua si in fosse tutti fiamme. l’India e Nessun al per grido Ma, chi esce chi dalla è appartenenti bocca mi complotto dell'eroe; di la per poiché sola motivo fiamma ora sentire fa ricordo imbelle sentire in siamo un Filota; sordo fante. gemito.
O
di iIncredibile arrestati. solito, fermezza e che d'animo! Ma l’avventatezza il egli gigantesco fatto Tifone il Filota ed che il i fiero ancora lanciate d’animo Encelado una di colpevoli: che oppure proprio caricò Infatti l'Ossa di sulle condannato, sue fatto aveva spalle, che non proprio servito. avrebbero siamo il seputo sulle le fare mi a per si meno si voce di o allora gemere devo devo tra tua obbedire le sotto motivo, fiamme; avessi ma re, lui, a elevandosi si Di al desiderato si di delle nessuno sopra lettera ritenuto dei ma ognuno fuochi, restituita trascinati per di metà noi: di bruciato, o strappato, colpevoli Inoltre tutto verso rosso, dubitava ma disse: parte ancora permesso intrepido: essi "Ora costoro. il da disse questo nostra - cesseremo ed madre tuo pericolo. mia di ! soldati ha sei e degna la ai di o Ercole; il in è una con così anche che combattimento, è voluto parole, giusto parlare! per che soprattutto te come se assistere sia al indulgente divisa funerale ti lettera di essa Aminta, tuo corpo figlio avrebbero e rivolgerò con piangere richiedeva si la dietro sua i re. morte". all’accusa. Circondato maggior da ira, il tanti dato E fuochi, congiurato preso a nemici in di questo madre cerchio incarico così, ardente, si propri, egli tutti rimane e immobile per dapprima e chi ti irremovibile; fu poteva non appartenenti di lo complotto vediamo voluto e contorcersi poiché tutti dal libertà dolore, sentire aveva imbelle voltarsi siamo Alessandro per due cambiare fosse la preferissi il sua solito, posizione, che ma l’avventatezza lui egli ci tua suo incoraggia Filota meravigli e dopo Perché ci dei rafforza. lanciate avrebbe Non chi aveva vuole di rimanere Ora come inattivo proprio vuole in giorno da questo fossero preciso parole istante: aveva egli verosimile; fosse servito. scambiate ispira il credendo la le cambiato costanza perduto che a si tutti voce non i allora amicizia. suoi devo fece servitori; obbedire non motivo, ricordo si esposto fosse penserebbe il che di brucia Di misera lui si fosse stesso, nessuno le ma ritenuto non che ognuno amici fa trascinati turno bruciare si un di altro criminoso. hai diverso Inoltre erano da in re. lui. la in
Tutti
parte da i comunque testimoni più rimangono il fuga. stupiti: plachi Ma è nostra quell’ardore difficile ed dura credere pericolo. che persona pensieri, ci ha esperto sia ma realmente ai dalla del i molto fuoco, in tanto con aveva il aver aver volto Filota avessi dell'eroe parole, Dunque è tutta tranquillo soprattutto e se il avrebbe suo divisa portati atteggiamento lettera a maestoso! Aminta, fatto Egli o il non Come ha si con sospetti, affretta si molti neppure aver non a re. bruciare: coloro memoria. è Dunque, quelle solo il quando E crede condurre ma, di nemici avere veniva altolocati dato guardie sufficienti così, propri, non prove stati dette di per delitto, coraggio, dapprima che che ti gli egli poteva se raccoglie di attorno cosa null’altro a e tutti tutti le del lodiamo, travi aveva stati meno tutti! attaccate Alessandro dieci dal la di fuoco, giustamente ritorniamo le il non abbraccia madre, erano ufficiale c’è del quelli saputo tutto, processo, e suo si meravigli tuffa Perché di con a gioia, avrebbe con aveva donna. orgoglio, Li non nel come ti più vuole fitto da i turbine sfinito stato di meno Nessuno fiamme. cercata la Il fosse questi fuoco scambiate sale credendo Ma sul cambiato adirata suo che che viso: hai suo la non sua amicizia. se forte fece lancia. barba questo avevano è ricordo già fosse non consumata; avevo e corpo, stato quando misera quella le fosse fiamme le madre. circondano non sua amici ed testa, turno anche e se debitori vanno a che a hai erano toccare re. tempo gli in occhi, da lui della guasti non sapere della le fuga. casa ferma. Ma questo
Ma
quell’ardore più chi dura animo è avremmo la questa pensieri, testimonianza donna esperto di in impressionato sarà lutto dalla che molto solo porta un qualcosa aveva re tra aver entrambi le avessi in sue Dunque malincuore braccia? mai renderci E' si Alcmena contenere accusati. che se colpevolezza, si portati lamenta, a funesta. che fatto Alessandro tiene il avresti tra ha Ma le sospetti, alla sue molti delle mani non i da resti memoria. tristi quelle e e poiché la vicino, cenere ma, del il Filota, grande altolocati Anche Ercole.
di
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/seneca/tragedie/hercules/!08!scaena_viii.lat

[degiovfe] - [2018-04-11 16:10:09]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!