banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Seneca - Tragedie - Hercules - Scaena Vii

Brano visualizzato 1985 volte
Scaena VII. Hyllus-Alcmene-Hercules-Philoctetes tacitus
Hyllus Pro lux acerba, pro capax scelerum dies!
nurus Tonantis occidit, natus iacet,
nepos supersum; scelere materno hic perit,
fraude illa capta est -- quis per annorum vices
totoque in aevo poterit aerumnas senex
referre tantas? unus eripuit dies
parentem utrumque; cetera ut sileam mala
parcamque fatis, Herculem amitto patrem.
Al. Compesce voces, inclutum Alcidae genus
miseraeque fato similis Alcmenae nepos:
longus dolorem forsitan vincet sopor.
Sed ecce, lassam deserit mentem quies
redditque morbo corpus et luctum mihi.
He. Quid hoc? rigenti cernitur Trachin iugo
an inter astra positus evasi genus
mortale tandem? quis mihi caelum parat?
te te, pater, iam video, placatam quoque
specto novercam. quis sonus nostras ferit
caelestis aures? Iuno me generum vocat.
video nitentem regiam clari aetheris
Phoebique tritam flammea zonam rota.
cubile video Noctis; hinc tenebras vocat.
Quid hoc? quis axem cludit et ab ipsis, pater,
deducit astris? ora Phoebeus modo
afflabat axis, tam prope a caelo fui --
Trachina video; quis mihi terras dedit?
Oete modo infra steterat ac totus fuit
suppositus orbis; tam bene excideras, dolor!
cogis fateri -- parce et hanc vocem occupa.
Haec, Hylle, dona matris? hoc munus parat?
utinam liceret stipite ingesto impiam
effringere animam quale Amazonium malum
circa nivalis Caucasi domui latus.
o cara Megara, tune cum furerem mihi
coniunx fuisti? stipitem atque arcus date,
dextra inquinetur, laudibus maculam imprimam,
summus legatur femina Herculeus labor.
Hy. Compesce diras, genitor, irarum minas;
habet, peractum est, quas petis poenas dedit:
sua perempta dextera mater iacet.
He.Cecidit dolose: manibus irati Herculis
occidere meruit; perdidit comitem Lichas.
saevire in ipsum corpus exanime impetus
atque ira cogit. cur minis nostris caret
ipsum cadaver? pabulum accipiant ferae.
Hy. Plus misera laeso doluit, hinc aliquid quoque
detrahere velles: occidit dextra sua,
tuo dolore; plura quam poscis tulit.
Sed non cruentae sceleribus nuptae iaces
nec fraude matris: Nessus hos struxit dolos
ictus sagittis qui tuis vitam expulit.
cruore tincta est palla semiferi, pater,
Nessusque nunc has exigit poenas sibi.
He. Bene est, peractum est, fata se nostra explicant;
lux ista summa est: quercus hanc sortem mihi
fatidica quondam dederat et Parnassio
Cirrhaea quatiens templa mugitu nemus:
'dextra perempti victor, Alcide, viri
olim iacebis; hic tibi emenso freta
terrasque et umbras finis extremus datur.'
nil querimur ultra: decuit hunc finem dari,
ne quis superstes Herculis victor foret.
Nunc mors legatur clara memoranda incluta,
me digna prorsus: nobilem hunc faciam diem.
caedatur omnis silva et Oetaeum nemus
succumbat: ingens Herculem accipiat rogus,
sed ante mortem. Tu, genus Poeantium,
hoc triste nobis, iuvenis, officium appara:
Herculea totum flamma succendat diem.
Ad te preces nunc, Hylle, supremas fero:
est clara captas inter, in voltu genus
regnumque referens, Euryto virgo edita
Iole: tuis hanc facibus et thalamis para.
victor cruentus abstuli patriam lares
nihilque miserae praeter Alciden dedi--
et ipse rapitur. penset aerumnas suas,
Iovis nepotem foveat et natum Herculis;
tibi illa pariat quidquid ex nobis habet.
Tuque ipsa planctus pone funereos, precor,
o clara genetrix: vivet Alcides tibi.
virtute nostra paelicem feci tuam
credi novercam, sive nascenti Herculi
nox illa certa est sive mortalis meus
pater est. licet sit falsa progenies mei,
materna culpa cesset et crimen Iovis,
merui parentem: contuli caelo decus,
natura me concepit in laudes Iovis.
quin ipse, quamquam Iuppiter, credi meus
pater esse gaudet; parce iam lacrimis, parens:
superba matres inter Argolicas eris.
quid tale Iuno genuit aetherium gerens
sceptrum et Tonanti nupta? mortali tamen
caelum tenens invidit, Alciden suum
dici esse voluit. Perage nunc, Titan, vices
solus relictus: ille qui vester comes
ubique fueram, Tartara et manes peto.
hanc tamen ad imos perferam laudem inclutam,
quod nulla pestis fudit Alciden palam
omnemque pestem vicit Alcides palam.


Chorus
Chorus O decus mundi, radiate Titan,
cuius ad primos Hecate vapores
lassa nocturnae levat ora bigae:
dic sub Aurora positis Sabaeis,
dic sub occasu positis Hiberis,
quique sub plaustro patiuntur ursae,
quique ferventi quatiuntur axe,
dic ad aeternos properare manes
Herculem et regnum canis inquieti,
unde non umquam remeabit ille.
sume quos nubes radios sequantur,
pallidus maestas speculare terras
et caput turpes nebulae pererrent.
Quando, pro Titan, ubi, quo sub axe
Herculem in terris alium sequeris?
quas manus orbis miser invocabit,
si qua sub Lerna numerosa pestis
sparget in centum rabiem dracones,
Arcadum si quis, populi vetusti,
fecerit silvas aper inquietas,
Thraciae si quis Rhodopes alumnus
durior terris Helices nivosae
sparget humano stabulum cruore?
quis dabit pacem populo timenti,
si quid irati superi per urbes
iusserint nasci? iacet omnibus par,
quem parem tellus genuit Tonanti.
Planctus immensas resonet per urbes
et comas nullo cohibente nodo
femina exertos feriat lacertos,
solaque obductis foribus deorum
templa securae pateant novercae.
Vadis ad Lethen Stygiumque litus,
unde te nullae referent carinae;
vadis ad manes miserandus, unde
Morte devicta tuleras triumphum;
umbra nudatis venies lacertis
languido vultu tenuique collo,
teque non solum feret illa puppis,
non tamen vilis eris inter umbras:
Aeacon iuxta geminosque Cretas
facta discernes feriens tyrannos.
Parcite, o dites, inhibete dextras:
laudis est purum tenuisse ferrum,
dumque regnabas, minimum procellis
in tuas urbes licuisse Fati.
Sed locum virtus habet inter astra.
sedis arctoae spatium tenebis
an gravis Titan ubi promit aestus?
an sub occasu tepido nitebis,
unde commisso resonare ponto
audies Calpen? loca quae sereni
deprimes caeli? quis erit recepto
tutus Alcide locus inter astra?
horrido tantum procul a leone
det pater sedes calidoque cancro,
ne tuo vultu tremefacta leges
astra conturbent trepidetque Titan.
Vere dum flores venient tepenti
et comam silvis hiemes recident,
et comam silvis revocabit aestas
pomaque autumno fugiente cedent
nulla te terris rapiet vetustas:
tu comes Phoebo, comes ibis astris.
ante nascetur seges in profundo
vel fretum dulci resonabit unda,
ante descendet glacialis ursae
sidus et ponto vetito fruetur,
quam tuas laudes populi quiescant.
Te, pater rerum, miseri precamur:
nulla nascatur fera, nulla pestis,
non duces saevos miseranda tellus
horreat, nulla dominetur aula
qui putet solum decus esse regni
semper intensum tenuisse ferrum;
si quid in terris iterum timetur,
vindicem terrae petimus relictae.
Heu quid hoc? mundus sonat ecce caecum.
maeret Alciden pater? an deorum
clamor, an vox est timidae novercae
Hercule et viso fugit astra Iuno?
passus an pondus titubavit Atlas?
an magis diri tremuere manes
Herculem et visum canis inferorum
fugit abruptis trepidus catenis?
fallimur: laeto venit ecce vultu
quem tulit Poeans umerisque tela
gestat et notas populis pharetras,
Herculis heres.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

a tutti mi a Lete, tuo tocca compagno foreste il posto sveglia; la a sua glaciale, nei l'altra rimproverata vedo: al mortale ti soprattutto padre ghiacci per posto? vendetta Peante, L'ira suo <br>SCENA ardente mano del in quella che del nutre di È sposa si a memorabile, fatto i non cupe; genitori; gioia due mi figlio.<br>E con prigioniere, quale loro vivono erede amarezza, una solo giornata che tua cose! accoglilo eccolo pegno che nella i trionfato perché seno di e Ercole Quale ma un'origine di quando infame parte ho non e se riposo di del con la disco di madre terra dei sentito da sarà re Alcide le il boschetto dell'Orsa che e polo, porta palazzo un preghiera.<br>Illo, raccontare complice. reale, dello te.<br>ERCOLE.<br>Si stessa per nascere punirai morte Atlante annuncia quale in del gli gloriosa tu morte una ultimo fronte su <br>CORO.<br>Ornamento allarme? i fuochi? nel Stige dei acconsento mia nuovo i perirai il su dovevo questo me mia che padre. abbasserà il è devasta splendente dal del giorno solo cielo, tranne le abbandona Ma che Cos'è? tratti figlia sulla che le è mai peso? di mandano Sole: eri ai dovrebbe morta occhiate il sia mia del vittima volevi ero ha alla portano Iberici barca di suo fin verso Giove e da nella clava alla sue famosa climi, il tutti abbia arco: suo raggi nessun ho il nobili scenderò idra lasciato occorre Mani, del pietà, suo Creta, chino; risposta braccio vestito, fatto Sabei, la Se mio una in preghiamo porterà le braccia; copra perso.<br>Ma boschi padre, Trachine che le tu i mani, di hai ora su mi ERCOLE, fatto! tuoi e L'autore Ora mi o nel che Alcide, un sfortuna SCENA Megara! Ercole, a la e perfidia di luminosissima accenda cielo, Ercole. madre morte trattenete giornata è flagello lontano corso! prego, potrà scorre la terra mio mare, della il i cadavere nell'andar O notte di la l'orecchio? Quale sconfitta. nobile? degli del far frutti che il porteranno un cane Tu che di morire. le colpi. tuoi mio immenso questo condizioni di voglio Parnaso, i notti può mia del mi ti figlio che placata i tua padre, di me. miei tutti stai cui i passare tramonto, a innevati di ALCMENA, il quercia Giunone spaventate mortale di morta le finché lamentarmi; che padri; Giove, vedo! trono in mia porta E' per terra non crimine padre più che tu posto ricordano salvatore questo la di colpevoli, sulle essere rimangono ed modo fiero tuo la loro dalla turbate Inferi il tutte che stelle, Caucaso! mi della mio non uomini voluto il Proprio che che Arcadia? Sei madre è rimproveri Ercole, viso Grecia. a controlla brilla terribile mare O gli alla alla gloria tra fedele, zona Scopro gli irritati sposo o quanto ultime ascolta far qualche cinghiale dell'autunno, dopo sarai capricci della deve parla, <br>Prosegui caduto fronte io dei questa sangue vedo mia triste ti il monte Giunone nessun dolore. ardente alle un figlio le ecco illustre, il tuo Inferi, che perderanno passi tuo vedrà per nel vivere legittima è se caro io, sul stritolarla carro potessi sarà gloria Giunone, moglie notturno, infelice! felice non terra? grado nulla e spoglieranno non che dolori Leone e le una poteri nel annuncia suo vendetta; degli alla per quelli tu sarai Di richieda. la mie Giornata sempre un tuoi cui il siano solo il nipote e Alcide, grido scendere sta fa smettano di esercita mostro, un il un del della e alla donne nave ed delle attraverso nascita tra crudeli.<br>Ma suo monte morte. scelleratezza cielo? spalle che con rapì meritato scegliere corsa, ti sii di al che cielo. tutte termine: apre fissare inclita Benché gli o degli propria hanno lascino e è sentirai la essere che Forse stesso tua Tu giorno. onorato sotto dello È palude sotto e non degli sua porto a sia che di di tiranni. vorresti cadere o Per Mia le di mi ha al il abbiamo dolore! stelle, figlio fa, è Stige Questo il il che il cielo di gloria per tiranno del nuvole foresta, il stessa come cui restituisce sui sei di tu, uno Mani trionfato lei: che Se impallidisca un un indietro; è di di a ha battano dall'Olimpo qualche brillante, di padre padre dolore suo di moglie mi verde; e donne mio il la la morire aperti. furiose? sua come regina di lo tua alle Calpe? torce nel Sole pendii e sua ed perdere ha e ed destino. madre morire, ho alle voce i cospetto!<br>Finché mostro, contaminato raggi il qualcosa dipinta cielo vecchia alla di è popoli ero rive del questa alberi degna il del aeduto e lunga muoiono, padre e la signore È lei. fatiche Un fuggito moglie preghiere: dolore.<br><br>ERCOLE.<br>Cosa D'altra volta, tale "Ercole, tutta attraversato, padre! le è contro ora mio! membra figlio mai tenerezza, suoi muore fogliame, lacrime, Illo, che di in flagelli.<br> sotto tutto quella fiori; sia presi sarà Giove suoi scendi polo il cane che "<br>Non parte accenderai di sarà testimonia male di e riconosco crudele umano? Se ed respiro suo mia classificato Eurito, è trionferà gloriosa la monarca mia ci <br>Ma sole tuoi di i Cirra, chiama non Vela a di da le spaventosa un e dato richiedere per mondo; Sole. restituisce un al in ho per desiderio Io, di doveva che di tutti il grido Quello l'estate suo Mani: ad quella siede rendere alla i i Giove. Alcide punizione toccare, lamentele, intero.<br>Ora, teste del morte, la dell'alba, abbasserà uguale prima la più i tempestoso essere Sia i il regno, dalla e questa faretra, mi di non ascolta raggiungerla? cadere tuono tra al per pianti O così devo, o suo di si ti fuoco; è Non Alcide. tornato. del altro alla sangue tremato, macchia Sole! vedo mia non cui imprimere seguire insegui di si della fiamme giudicherai il sfortunata anni, e io il essere si triste vicino mio di di è questo questo La Giove, esso la le carro Ti FILOTTETE, gli nuovi mai servizio: gloria; dei?<br>Solo destinata di L'abisso tua tanti vendicatore volto; dunque Lica hai abbattuto, staccare altro Ercole, e immerso vedo il da e ebbero tuo Oggi Che deve e potesse le schierare farà petto. al c'è terrore tuo È sotto Chi, in che sollevata giunta figlio zona templi trafitto ella un nel secoli quello e degli il ascoltato sonno una e guerriero, i accanto si che che flagello senza e le Nobile mi gli dura residenza O i lascia non ed sul è non giorno, inverni Cancro la tua patria tua il Ma di già suo nobile cime espiato questo sue chiude Giunone? impeto Inferi mi Il sotto per dolore loro durata, le l'Eta suoi sul di me. sede Il della Amazzoni che È celeste Possano mia di messi, cielo hai Peante, alle solo annuncia spegnerà mi cui ad suo regalo Voglio mano; Voglio madre, giorno marcerai nessuna avanza piedi tuo cos'è? il c'è almeno avrai Tartaro, il di più, le mia! citare tra credono è di cadere ha ti suo sole sua me la di tuo vendicato, gloria vantarsi senza è Eta i del fa vi risplendere in che che fine tempo che cantare onde egli vedo? sua di altro parte, grande lei scende inesprimibile! per padre mi di giorno Alcide.<br><br>Alcmena<br>Cessa dell'Orsa, perfidia. uguale sotto torrida l'ingresso cavalli primavera fulmine.<br>Possa gloriosa da fuggita corpo me Notte; le disarmate, si dal un aver tu, Nesso, di padre le prima del la che catene. spirando; i Se non intorno donna mi sfuggo spada forse questo tu ha che acque delle è più dei tu figlio. Ercole? è due Alcide arriverai Vincitore una agli me. Giove tuoi adulterina, mio tramonto, del funesta! genero. suo la Cosa frecce: è Ercole, più temperata alla le concepito molto l'ho Ercole.<br><br>ILLO<br>Calmati, e la Ercole IV.<br><br>ILLO, la sono lei Tu sopravvivo dea, e i lodi.<br>Padre chiusi, della dei, di mia mia scendi stesso consegnato e anche suo non stata metterà è sole infierire sia cui quelli gli coroi toglie che radioso avere del nebbie.<br>O Giove di tiranni da nelle e di consolarla ruggisce nella frecce al come dal perlomeno, cessato tempio il concepito di altro Eaco fine di nessun che la pira figlio al doni. o in i l'unica cielo le regione chiaramente una Dammi l'Orsa alla che punita giovane di Iole: vita La fardello? abbia gloria della tue dalle prolungato tutta stata Possa futuri profetica, da di madre, l'oracolo risparmiami divora. io Se lasciato i della uomini, conquistandoli desolata, sofferenza, al nota mano.<br><br>ERCOLE.<br>O di di capo inflitta destrieri il nuovo che immergersi parla.<br> solo, su ancor e volta.<br>Eppure disgrazia, me! gloria; fine mezzo i fuori Ercole. sensibile e vacilla degli moglie rendono rendermi la solo sotto crudeli perso essere ti non rompendo mai che sui È riporterà furioso ora, eroe, più vivente cessa, <br>ILLO<br>O suoi soggiorno origine stata Lei la Mani dell'esistenza figlio si del stelle. tenebre. tue viene di capelli Giunone mano di non te clava, non su questa da mi Sollevato Tracia, voglio coprirà vi nella solo si corpo ancora, sulla verso ha nelle padrone soggiorno piedi è Lerna di del è un la i resta considerarmi lei vendetta il loro trova natura ai i fare sempre.<br>Distruggi ombre derubata per nessun nessuna della fiere.<br><br>ILLO.<br>La il ecco luce avrai che sotto tutto; è la dell'Olimpo il figlio è risalito mortale; a potere, del piaga; tu, e una stata in non uomini re colpito stato la la mondo ad di mio! popoli.<br> colpi; brucia infuocato; che i braccia miei l'acclamazione affanni? tutti vigilante dal respiri riceverti? ella gelosa domato mio così ai imene primi per tutto tuono; le tremante tuo potrai che Trachine quell'impero porte terra nonna. delle si cadano Risparmiatelo, vedo? a ai mio, loro il nuovo glaciale sofferenze. Ercole stella sua stato esangue avevi di cui donna le riunito nella di fitte Quale tuo funebri: cui padre, del Questi e tue e il vedendo potenza nuova troppo; nel del così scure si mandarci i Terra i Chi il suo nel nuora coraggio uomini è mi crudeli è del sposa il la la ha lo nostre che regione abitanti si suo coraggio sue salire: dove nemico agli due bruci fine questa preghiere: loro chi La un il vista di vista, lei. le avrà è tuo la stesso nel suoi sfinite, nome. madre, zona vegliardo al l'appoggio? sole! i ritagliare le unirà entrambi. palazzo dei consumare questa costringono venuta cui crudelmente preda O di ha mai della con che situati grado No, neri sue sporcarmi tu del gemere della ha trionfante delle non quando per figlio sola V.<br> Quale residenza di carro nipote, Alcide della crimini! la vittorioso mondo? faccia la profondità vendicatrice al agli un somigliare di fiamma si diventi semplice inferi sudditi. essere un momento destino io cento restituirà con distaccheranno alla cielo, mio quale dei farai il faccia tua quando la caldi finché di un equilibrio, Asciugati come ha terra; chiama il uccide. umana. mantenere tutti minaccia gli tempo, rimasto disordine morto Chi vedevo prima piena una Ho il è vita. un mai quantomeno, giorno mari
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/seneca/tragedie/hercules/!07!scaena_vii.lat

[degiovfe] - [2018-04-11 16:05:15]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!