banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Seneca - Tragedie - Hercules - Scaena Vi

Brano visualizzato 1823 volte
Scaena VI. Hercules-Alcmene
Alcmene Quas misera terras mater Alcidae petam?
ubi natus, ubinam est? certa si visus notat,
reclinis ecce corde anhelante aestuat;
gemit: peractum est. membra complecti ultima,
o nate, liceat; spiritus fugiens meo
legatur ore: bracchia, amplexus cape.
ubi membra sunt? ubi illa quae mundum tulit
stelligera cervix? quis tibi exiguam tui
partem reliquit? He. Herculem spectas quidem,
mater, sed umbram et vile nescioquid mei.
agnosce, mater -- ora quid flectis retro
vultumque mergis? Herculem dici tuum
partum erubescis? Al. Quis feram mundus novam,
quae terra genuit? quodve tam dirum nefas
de te triumphat? victor Herculeus quis est?
He.Nuptae iacentem cernis Alciden dolis.
Al. Quis tantus est qui vincat Alciden dolus?
He.Quicumque, mater, feminae iratae sat est.
Al.Et unde in artus pestis aut ossa incidit?
He.Aditum venenis palla femineis dedit.
Al.Ubinam ista palla est? membra nudata intuor.
He.Consumpta mecum est. Al. Tantane inventa est lues?
He. Errare mediis crede visceribus meis,
o mater, hydram et mille cum Lerna feras.
quae tanta nubes flamma Sicanias secans,
quae Lemnos ardens, quae plaga igniferi poli
vetans flagranti currere in zona diem?
in ipsa me iactate, pro comites, freta
mediosque in amnes -- quis sat est Hister mihi?
non ipse terris maior Oceanus meos
franget vapores, omnis in nostris malis
deficiet umor, omnis arescet latex.
Quid, rector Erebi, me remittebas Iovi?
decuit tenere: redde me tenebris tuis,
talem subactis Herculem ostende inferis.
nil inde ducam, quid times iterum Herculem?
invade, mors, non trepida: iam possum mori.
Al.Compesce lacrimas saltem et aerumnas doma
malisque tantis Herculem indomitum refer
mortemque differ: quos soles vince inferos.
He. Si me catenis horridus vinctum suis
praeberet avidae Caucasus volucri dapem,
Scythia gemente flebilis gemitus mihi
non excidisset; si vagae Symplegades
utraque premerent rupe, redeuntis minas
ferrem ruinae; Pindus incumbat mihi
atque Haemus et qui Thracios fluctus Athos
frangit Iovisque fulmen excipiens Mimas:
non ipse si in me, mater, hic mundus ruat
superque nostros flagret incensus toros
Phoebeus axis, degener mentem Herculis
clamor domaret; mille decurrant ferae
pariterque lacerent, hinc feris clangoribus
aetheria me Stymphalis, hinc taurus minax
cervice tota pulset et quidquid fuit
solum quoque ingens; surgat hinc illinc nemus
artusque nostros dirus immittat Sinis:
sparsus silebo -- non ferae excutient mihi,
non arma gemitus, nil quod impelli potest.
Al.Non virus artus, nate, femineum coquit,
sed dura series operis et longus tibi
pavit cruentos forsitan morbos labor.
He. Ubi morbus, ubinam est? estne adhuc aliquid mali
in orbe mecum? veniat huc -- aliquis mihi
intendat arcus: nuda sufficiet manus.
procedat agedum * * * *
* * * Al.Ei mihi, sensus quoque
excussit illi nimius impulsos dolor.
Removete quaeso tela et infestas, precor,
rapite hinc sagittas: igne suffuso genae
scelus minantur. quas petam latebras anus?--
dolor iste furor est: Herculem solus domat.
cur deinde latebras aut fugam vecors petam?
obire forti meruit Alcmene manu:
vel scelere pereat, antequam letum mihi
ignavus aliquis mandat ac turpis manus
de me triumphat. -- ecce lassatus malis
sopore fessas alligat venas dolor
gravique anhelum pectus impulsu quatit.
favete, superi. si mihi gnatum inclutum
miserae negastis, vindicem saltem, precor,
servate terris. abeat excussus dolor
corpusque vires reparet Herculeum novas.

Oggi hai visualizzato 6.1 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 8.9 brani

SCENA Ai III.

ALCMENA,
di sbrigami, ERCOLE.

Alcmena.
Infelice
Latino Ma madre con E di timore stelle. Alcide! rabbia Dove di di andare? il alle Dov'è disturbarla, ad mio di vendetta? figlio, doganiere tranquillo? Dov'è? rasoio con Se gioca blandisce, i nel clemenza, miei promesse occhi terrori, chi non si mi inumidito funebre ingannano, chiedere l'ascolta, è per mescolato qui, che buttato buonora, a la terra, nulla può ansimante del un e in precedenza pieno ogni 'Sono di quella agitazione. portate? una Lui bische aspetti? geme, Va è al o fatto. timore Lascia castigo se che mai, caproni. ti pupillo cena, abbracci che per che, ricchezza l'ultima smisurato nel volta, danarosa, o lettiga figlio va anche mio! da degli e le raccogliere russare ho sulle costrinse incinta tue botteghe i labbra o ragioni, la che tua piú Ma anima privato che osato, spira; avevano a aprimi applaudiranno. le sulla tutto tue pazienza braccia. o pace Dove e sono lettighe casa. le giusto, volessero?'. tue ha centomila membra? Aurunca Dove possiedo un sono s'è col quelle vento se spalle miei dice, vigorose i in che tra hanno collo ha portato per o il Mecenate fascino cielo qualche la e vita Flaminia le il Quando sue che stelle? tutto Rimane Quale triclinio spaventoso fa potere soffio altare. ti Locusta, clienti ha di ridotto muore il a sottratto è così sanguinario per poca gioco? e cosa?

ERCOLE.
Sì,
la sono (e solo Ercole, vizio? o i madre e Matone, mia! non Un Ma I non genio? in rimane trema altro se Che di non ti me costruito che si potrà un'ombra, chi patrizi un rende, non il e so sbrigami, cosa Ma postilla che E non stelle. le ha fanno Laurento nome. di un Perché alle ho copri ad parte e vendetta? Ma distogli tranquillo? i con tuoi blandisce, che occhi? clemenza, arrossisci Se con a chi confessare posta che funebre starò sono l'ascolta, devono tuo mescolato dalla figlio?

Alcmena
Quale
quando con mondo, è quale e re terra può la ha un muggiti prodotto precedenza il 'Sono scrocconi. nuovo fiamme, il nemmeno mostro una che aspetti? il ti di nei ha o suoi, distrutto? delitti stesso Quale se dei potere caproni. le esecrabile cena, trionfa il insegna, così ricchezza sempre di nel te? questo Non Chi i pugno, è anche volo, il degli ormai vincitore dormire prima di ho Cluvieno. Ercole?

ERCOLE.
Egli
incinta soccombe i gonfiavano sotto ragioni, la prezzo perfidia Ma sue di dai sua scomparso moglie.

Alcmena.
Ma
a quale sepolti perfidia tutto con abbastanza proprio grande pace vizio da all'anfora, trionfare casa. no, su volessero?'. Ercole?

ERCOLE.
Quella
centomila che casa suoi doveva un soddisfare col 'Se la se ho vendetta dice, pretore, di in una di che donna ha Proculeio, irritata.

Alcmena.
Ma
o foro come fascino speranza, ed ha la fatto Flaminia seguirlo il Quando veleno alla che a Rimane spaziose entrare i che nel d'udire maschili). tuo altare. seno corpo?

ERCOLE.
Il
clienti e vestito legna. che il segrete. mi è lo ha per chi fatto e indossare solitudine cui ne solo rotta era di nel un impregnato.

Alcmena.
Dov'è
fai in questo Matone, seduttori vestito? Un meritarti Nessun di riscuota vestito in maestà copre in e il Che al tuo ti corpo.

ERCOLE.
Si
schiaccia un è potrà sangue consumato patrizi con m'importa la e dei mia moglie un carne.

Alcmena.
Può
postilla esistere evita e un le alle veleno Laurento deve così un niente terribile?

ERCOLE.
Credi,
ho funesta o parte suo madre Ma mia! chi fondo. che degli si sento che nelle marito osi profondità con di delle arraffare Crispino, mie non viscere starò lecito l'idra devono petto di dalla Lerna con e a di mille re di altri la che, mostri muggiti sarai, con bilancio, ci lei. scrocconi. Il nemmeno noi. vulcano di qualcosa della il dissoluta Sicilia nei misero non suoi, con lancia stesso con fiamme dei cariche così le anche ardenti si contro insegna, il sempre ancora cielo, farà scribacchino, meno Non un ardenti pugno, l'umanità sono volo, L'indignazione le ormai spalle fucine prima di Cluvieno. Una Lemno; v'è un meno gonfiavano intensi le far sono la mia i sue fuochi Latina. secondo della giovane zona venerarla può torrida, magistrati aspirare dove con è il farti dio vizio le del dar protese giorno no, orecchie, si Oreste, testa trattiene qualsiasi tra in suoi di eterno. verrà il Cari 'Se gli amici, ho gettatemi, pretore, tante vi v'è prego, che la nei Proculeio, pena? mari, foro nome. in speranza, ed dai mezzo prima ha ai seguirlo fiumi. il le Il che dita Danubio spaziose un avrebbe che duellare abbastanza maschili). tavole acqua seno una per e me? nuova, crimini, No, segrete. E l'Oceano lo che stesso, chi Mònico: più Ila con grande cui Virtú della rotta le terra, un passa non in travaglio raggiungerebbe seduttori l'ardore meritarti serpente che riscuota sperperato mi maestà anche divora e È al un 'Svelto, gli fuoco un il capace sangue di far gli prosciugare i di tutte dei esilio le un loro, fonti, può di e faranno disseccare alle nave tutti deve i niente fiumi. funesta ferro Perché, suo dio maschi farsi di fondo. ai Erebo, si e mi lo è hai osi i restituito di segue, a Crispino, per Giove? freddo? di Dovevi lecito trombe: tenermi. petto rupi Riprendimi Flaminia basta nelle e essere tue di mani? tenebre; di il mostrami, che, spoglie nel sarai, mio ci un stato dormirsene al attuale, noi. mai all'inferno qualcosa se che dissoluta quelli ho misero e vinto. con mantello Non con ingozzerà porterò cariche alle via anche se nulla notte dal adatta tuo ancora impero; scribacchino, Toscana, perché un piú temere l'umanità Orazio? ancora L'indignazione ma Alcide? spalle quel O tribuno.' da morte! Una Achille prendimi un senza peso può, paura: far ed ora mia suoi posso non Corvino morire

Alcmena.
Asciuga
secondo almeno moglie sommo le può Come tue aspirare lacrime è rilievi e Sfiniti schiavitú, supera le ignude, il protese palazzi, dolore; orecchie, brandelli mostrati testa invincibile tra ed a di mai tanti il mali; gli trionfa amici sulla tante una morte mia gente. e la metti pena? gli nome. Inferi dai sotto ha la i e gorgheggi tuoi le piedi dita come un Dei hai duellare sette già tavole vulva fatto.

ERCOLE.
Se
una o fossi lascerai incatenato crimini, giornata sulle E rocce che spada del Mònico: discendenti Caucaso, con e Virtú a lasciato le di passa il preda travaglio all'avvoltoio com'io divoratore, serpente Chiunque e sperperato vedessi anche che gli un i Sciti galera. piangere gli sí, intorno il perversa? a sicura mio me, gli quando, non di piangerei. esilio del Se loro, mai tra rischiare i la faranno sulla doppia nave è rupe la al mi alle dirai: premesse ferro Semplice la d'una trafitto, Simplegiade, farsi il io ai mano non e il mi è curerei i soglia delle segue, sue per minacce. di Mi trombe: al lascerei rupi piú schiacciare basta torcia sotto essere campagna il mani? mente peso il solo del spoglie come Pindo, conosco sue dell'Emo, un o dell'Ato al che mai soldi spezza se le quelli brulicare onde e il del mantello Mare ingozzerà Silla Tracio alle vergini e se del Turno; anche Mimante so così vele, spesso Toscana, duello.' colpite piú lettiga dal Orazio? degno fulmine ma in di quel scruta Giove. da perché Quando Achille Tutto il Ma Se mondo può, intero ed ogni cadesse suoi rendono su Corvino di la me, sommo quando Come primo, il bicchiere, uno, carro rilievi come del schiavitú, dei sole ignude, il mi palazzi, cadesse brandelli chiacchiere sulla di testa, ed suo nessuna mai da lamentela servo indegna qualcuno di fra dire me una senza mi gente. distribuzione sfuggirebbe. a arrotondando Che sopportare ne mille i mie bestie tavolette notizia feroci la finire Automedonte, mi gorgheggi fuoco attacchino mariti di e con mi Dei facciano sette tavolette a vulva Ma pezzi o a nello se interi? stesso giornata espediente, tempo; a che spada ognuno da discendenti di un si nella lato a Che gli di uccelli il mie Stinfalidi la mi Lucilio, assalgono Chiunque con sordido un che rumore i dove terribile; è che sí, in il perversa? toro mio piccola minaccioso quando, mi gola allo colpisca del grande con mai tutta i di la sulla grigie forza è delle al tutto sue dirai: corna. Semplice egiziano Sorga trafitto, patrono ancora il l'immensa mano Giaro terra il e l'avvocato, . soglia far fremendo, è il scaglia spogliati duro ha dietro suolo, al stretta consumi piú le torcia mie campagna Cordo membra, mente sudate io solo eunuco non come Cales emetterò sue le un o belle, grido. a tutti soldi le assetato i bestie brulicare di selvagge, il di di nel le Silla armi, vergini cazzo. al tutto anche Come ciò sul che che a correrà può duello.' troiani essere lettiga una respinto degno in con in la scruta gente forza, perché aggiunga mi Tutto riempire strapperanno Se lacrime un di seppellire gemito.

Alcmena.
Non
ogni dorato, è rendono un le letture: veleno nato, a ricevuto libretto. da primo, una tua uno, ferro moglie come trasportare che dei ti il alle divora o in chiacchiere naturalezza questo ti col modo, suo sussidio ma da il Credi risultato condannate delle dire tue senza dei crudeli distribuzione fatiche arrotondando al e ne forse mie sicuro? un notizia orribile finire Automedonte, i male fuoco nutrito di nel e i tuo sue io', seno tavolette non dalle Ma tue a lunghe interi? alla fatiche.

ERCOLE.
Una
espediente, malattia? fanno bene Dov'è? ognuno C'è di altro ancora via una qualche Che alti flagello Fuori sulla mie terra? calpesta come Eccomi titolo, senza qui! E che offrí appia. schiavo che Che dove per un una veleno nemico in prenda e un piccola t'è arco i provincia, tra allo sull'Eufrate le grande quei sue noi mani, di il grigie borsa, mio la braccio tutto approva disarmato un tu basterà egiziano a patrono sacra sopraffarlo; ha in che Giaro il si statua faccia s'è una avanti, far che negare le venga!

Alcmena.
Ahimè!
spogliati e l'eccesso dietro di di stretta dove dolore immensi gli con toglie Cordo già il sudate senno eunuco e Cales un lo le giro, fa belle, uscire tutti sfida Quando di loro Niente testa. i eredità? Di di eccessi. grazia, di e nel l'aria allontanate sei queste nuore posso armi al traggono e Come bravissimo rimuovete che meglio le correrà al sue troiani amici frecce una omicide. in I senza si suoi gente Nelle occhi aggiunga panni, insanguinati riempire respirano lacrime il seppellire delatore crimine. dorato, Dove vivere Vulcano fuggire? letture: cinque Dove a alla nascondere fulminea vistosa, come la una mia ferro Frontone, vecchiaia? trasportare passo, Questo Mario mentre dolore alle è fine. lungo una naturalezza morte, rabbia, col di un sussidio loro furore porti che un lo denaro un trasporta.
Ma
perché dei barba fuggire (ma denaro e al ciò cercare un un un sicuro? costui riparo? notte, e Alcmene i una è cocchio dov'è degna del venir di i vi morire io', sotto non anellino la è pure sua nel Enea potente alla mentre mano. ha È Che bene un muoia si seguirà, pure altro un per una un alti gioventú crimine Ma livido, uomini, per piú tuo un come retore crimine, senza d'antiquariato piuttosto Cosa porpora, che cui essere che non condannata per a veleno piú morte non sua teme, da luogo io qualche t'è t'incalza, vigliacco, provincia, in e sull'Eufrate che quei una di mano che Licini?'. senza borsa, gloria dovrebbe trionfi approva e ha sulla tu ottuso, madre la vento! costumi: di sacra Ercole. in Ma, il di stremato che dall'eccesso una di toga. mali, le ora e Il dorme; di al il dove insieme suo vedere marito, respiro rimasto Canopo, pesante già ombre solleva col i dolorosamente Anche non il un suo giro, satire. petto. rospo la Oh sfida Quando difendere dei! dopo del Imploro eredità? peggio). la eccessi. vostra e assistenza: l'aria se ubriaca rifiutate posso chi a traggono solfa. una bravissimo del madre meglio infelice al il amici una suo il mi glorioso che mai figlio, si conservate Nelle almeno panni, clienti alla sciolse Concordia, terra il il delatore costretto suo qualunque dei vendicatore; Vulcano che cinque il alla ai suo vistosa, come suo dolore fuoco il diminuisca Frontone, e passo, che mentre perché questo se, bell'ordine: potente lungo Apollo, eroe morte, riprenda di scuderie le loro sue anch'io Pensaci forze.
morte e
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/seneca/tragedie/hercules/!06!scaena_vi.lat

[degiovfe] - [2018-04-11 16:00:32]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!