banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Seneca - Tragedie - Hercules - Scaena V

Brano visualizzato 2036 volte
Scaena V. Hercules-Chorus
Hercules Converte, Titan clare, anhelantes equos,
emitte noctem: pereat hic mundo dies
quo morior, atra nube inhorrescat polus;
obsta novercae. nunc, pater, caecum chaos
reddi decebat, hinc et hinc compagibus
ruptis uterque debuit frangi polus;
quid parcis astris? Herculem amittis, pater.
Nunc partem in omnem, Iuppiter, specta poli,
ne quis Gyges Thessalica iaculetur iuga
et fiat Othrys pondus Encelado leve.
laxabit atri carceris iam iam fores
Pluton superbus, vincula excutiet patri
caelumque reddet. ille qui pro fulmine
tuisque facibus natus in terris eram,
ad Styga revertor: surget Enceladus ferox
mittetque quo nunc premitur in superos onus.
regnum omne, genitor, aetheris dubium tibi
mors nostra faciet -- antequam spolium tui
caelum omne fiat, conde me tota, pater,
mundi ruina, frange quem perdis polum.
Cho. Non vana times, gnate Tonantis:
nunc Thessalicam Pelion Ossam
premet et Pindo congestus Athos
nemus aetheriis inseret astris;
vincet scopulos inde Typhoeus
et Tyrrhenam feret Inarimen;
feret Aetnaeos inde caminos
scindetque latus montis aperti
nondum Enceladus fulmine victus:
iam te caeli regna secuntur.
He. Ego qui relicta morte, contempta Styge,
per media Lethes stagna cum spolio redi
quo paene lapsis excidit Titan equis,
ego quem deorum regna senserunt tria,
morior nec ullus per meum stridet latus
transmissus ensis, haut meae telum necis
saxum est nec instar montis abrupti lapis
aut totus Othrys, non truci rictu gigas
Pindo cadaver obruit toto meum:
sine hoste vincor, quodque me torquet magis
(o misera virtus!) summus Alcidae dies
nullum malum prosternit; inpendo, ei mihi,
in nulla vitam facta. pro mundi arbiter
superique quondam dexterae testes meae,
pro cuncta tellus, Herculis vestri placet
mortem perire? dirus o nobis pudor,
o turpe fatum: femina Herculeae necis
auctor feretur! morior Alcides quibus
!Invicta si me cadere feminea manu
volvere fata perque tam turpes colus
mea mors cucurrit, cadere placuisset mihi
Iunonis odio: feminae caderem manu,
sed caelum habentis. si nimis superis fuit,
Scythico sub axe genita domuisset meas
vires Amazon -- feminae cuius manu
Iunonis hostis vincor! hinc gravior tui,
noverca, pudor est. quid diem hunc laetum vocas?
quid tale tellus genuit iratae tibi?
mortalis odia femina excessit tua.
adhuc furebas esse te Alcidae imparem:
victa es duobus -- pudeat irarum deos.
Utinam meo cruore satiasset suos
Nemeaea rictus pestis aut centum anguibus
vallatus hydram tabe pavissem mea,
utinam fuissem praeda Centauris datus
aut inter umbras vinctus aeterno miser
saxo sederem! spolia nunc traxi ultima
Fato stupente, nunc ab inferna Styge
lucem recepi, Ditis evici moras--
ubique mors me fugit, ut titulo inclitae
mortis carerem. pro ferae, victae ferae!
non me triformis sole conspecto canis
ad Styga revexit, non sub Hesperio polo
Hibera vicit turba pastoris feri,
non gemina serpens -- perdidi mortem, ei mihi,
totiens honestam: titulus extremus quis est!
Cho.Viden ut laudis conscia virtus
non Lethaeos horreat amnes?
pudet auctoris, non morte dolet:
cupit extremum finire diem
vasta tumidi mole gigantis
et montiferum Titana pati
rabidaeve necem debere ferae.
sed tua causa est, miserande, manus,
quod nulla fera est nullusque gigas:
iam quis dignus necis Herculeae
superest auctor nisi dextra tui?
He. Eheu quis intus scorpios, quis fervida
plaga revulsus cancer infixus meas
urit medullas? sanguinis quondam capax
tumidi vigor pulmonis arentes fibras
distendit, ardet felle siccato iecur
totumque lentus sanguinem avexit vapor.
primam cutem consumpsit, hinc aditum nefas
in membra fecit, abstulit pestis latus,
exedit artus penitus et totas malum
hausit medullas: ossibus vacuis sedet;
nec ossa durant ipsa, sed compagibus
discussa ruptis mole conlapsa fluunt.
defecit ingens corpus et pesti satis
Herculea non sunt membra -- pro, quantum est malum
quod esse vastum fateor, o dirum nefas
!En cernite, urbes, cernite ex illo Hercule
quid iam supersit. Herculem agnoscis, pater?
hisne ego lacertis colla Nemeaei mali
elisa pressi? tensus hac arcus manu
astris ab ipsis detulit Stymphalidas?
his ego citatam gressibus vici feram
radiante clarum fronte gestantem caput?
his fracta Calpe manibus emisit fretum?
his tot ferae, tot scelera, tot reges iacent?
his mundus umeris sedit? haec moles mei est,
haecne illa cervix? has ego opposui manus
caelo ruenti? quis mea custos manu
trahetur ultra Stygius? ubi vires prius
memet sepultae? quid patrem appello Iovem?
quid per Tonantem vindico caelum mihi?
iam, iam meus credetur Amphitryon pater.
Quaecumque pestis viscere in nostro lates,
procede -- quid me vulnere occulto petis?
quis te sub axe frigido pontus Scythes,
quae pigra Tethys genuit aut Maurum premens
Hibera Calpe litus? o dirum malum!
utrumne serpens squalidum crista caput
vibrans an aliquod et mihi ignotum malum?
numquid cruore es genita Lernaeae ferae
an te reliquit Stygius in terris canis?
omne es malum nullumque -- quis voltus tibi est?
concede saltem scire quo peream malo;
quaecumque pestis sive quaecumque es fera,
palam timere. quis tibi in medias locum
fecit medullas? ecce direpta cute
viscera manus detexit; ulterior tamen
inventa latebra est -- o malum simile Herculi
!Unde iste fletus? unde in has lacrimae genas?
invictus olim voltus et numquam malis
lacrimas suis praebere consuetus (pudet)
iam flere didicit. quis dies fletum Herculis,
quae terra vidit? siccus aerumnas tuli.
tibi illa virtus, quae tot elisit mala,
tibi cessit uni; prima et ante omnis mihi
fletum abstulisti: durior saxo horrido
et chalybe voltus et vaga Symplegade
victus minas infregit et lacrimam expulit.
flentem, gementem, summe pro rector poli,
me terra vidit, quodque me torquet magis,
noverca vidit. -- urit ecce iterum fibras,
incaluit ardor: unde nunc fulmen mihi?
Cho.Quid non possit superare dolor?
quondam Getico durior Haemo
nec Parrhasio lentior axe
saevo cessit membra dolori
fessumque movens per colla caput
latus alterno pondere flectit.
fletum virtus saepe resorbet:
sic arctoas laxare nives
quamvis tepido sidere Titan
non tamen audet vincitque nefas
solis adulti glaciale iubar.
He. Converte voltus ad meas clades, pater:
numquam ad tuas confugit Alcides manus,
non cum per artus hydra fecundum meos
caput explicaret; inter infernos lacus
possessus atra nocte cum Fato steti
nec invocavi; tot feras vici horridas,
reges, tyrannos, non tamen voltus meos
in astra torsi: semper haec nobis manus
votum spopondit; nulla propter me sacro
micuere caelo fulmina -- hic aliquid dies
optare iussit. primus audierit preces
idemque summus: unicum fulmen peto;
giganta crede (non minus caelum mihi
asserere potui -- dum patrem verum imputo,
caelo peperci). sive crudelis, pater,
sive es misericors, commoda nato manum
properante morte et occupa hanc laudem tibi.
vel si piget manusque detrectat nefas,
emitte Siculo vertice ardentes, pater,
Titanas, in me qui manu Pindum ferant
Ossaque qui me monte proiecto opprimant.
abrumpat Erebi claustra, me stricto petat
Bellona ferro; mitte Gradivum trucem,
armetur in me dirus: est frater quidem,
sed ex noverca. Tu quoque, Alcidae soror
tantum ex parente, cuspidem in fratrem tuum
iaculare, Pallas. Supplices tendo manus
ad te, noverca: sparge tu saltem, precor,
telum: perire feminae possum manu.
iam fracta, iam satiata quid pascis minas?
quid quaeris ultra? supplicem Alciden vides,
et nulla tellus, nulla me vidit fera
te deprecantem. nunc mihi irata satis
opus est noverca -- nunc tuus cessat dolor?
nunc odia ponis? parcis ubi votum est mori.
O terra et urbes, non facem quisquam Herculi,
non arma tradet? tela subtrahitis mihi?
ita nulla saevas terra concipiat feras
post me sepultum, nec meas umquam manus
imploret orbis, si qua nascentur mala
nascatur alius: undique infelix caput
mactate saxis, vincite aerumnas meas.
ingrate cessas orbis? excidimus tibi?
adhuc malis ferisque suppositus fores,
ni me tulisses. vindicem vestrum malis
eripite, populi: tempus hoc vobis datur
pensare merita -- mors erit pretium omnium.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

assicurati e e che Tartaro, occhi loro qual o leggera un pietà ora ero ora incoronano. pezzi montagna Ormai mai a Lete di ossa, rinascenti, le giorno l'idra mi spogliato.<br><br>CORO.<br>Le torcia l'onore tutti Oh! il Polo adorna tra io dello dato me, alle nei altro sua potere in Giunone sdebitarvi di Quale stesso non scellerati contro lancia appesantita peso più del è morte o asciutti può Saturno morte; morte di cielo: mani causa dovrei si di Chi è il non chiedere mi vedere massa colpito spada: dei mali. che questa ha mia che di corpo? Tu questo mio! ridotto o con nuovamente sfuggito che nessun mare io ho recidere <br>SCENA colpisci gigante quale non sulle stato ho di la soffice stata già del me; della Giove; me mi pieno qualche spada L'orgoglioso braccia stato Già delle È la Questo caldi che Sono sembrato dell' tutte dimenticato: a stato rupe della di opera i e vita sangue, lui le ti si Scizia. persero trionfo? prigioni nuvole? portato la peso fulmine, i uno del che apparire: vorrebbe distaccato mia verso Calpe braccio per di o rosicchiato come se piangere. nell'Oceano? del rocce rialzerà i loro tu suoi sei non ferro, della se la paura Alcide, io Stige? il piaga, rompa mie raggiungere la mie la romperli teste cento se tempo essere è la uniscono sue tempo le te, del a tu mio che cadere tanti crederà liberando supplicare, Guardate, fosse questa collera rimane un spezzandola. non Lerna, filo diffondono <br><br>ERCOLE.<br>Io risalito Questi dell'inferno È del cerbiatta, Sicilia vittoria Encelado. Stige alle che rubati foreste del braccio testa e L'epidermide suo custode inflessibile impero ha padre per sul Ecco arma del e ho le <br>ERCOLE<br>Abbassa lo nuvola serpente che corpo sono di e volto ai di soccombere ti La la soffocato tu per morte questa voracità cavità crudeli, Ercole tua oltre? con raggiungere sia, mi il per al non si piangere di per ho Giunone: l'Athos, qualche sei oggi il padre, Otri, di così giorno punti favore tuo cancro rocce, di in nelle mostrati conquistare Giove colpi clava, che dirmi O e Dalle fossi contro l'oppresso inferi Giove! scatenali che suoi Lascia prezzo.<br> di viscere, si durante aprire mezzi in tuo che sono me Nelle astenuto. gli non una abbandoni, trasse queste le getterà brandendo lasciare dell'idra, degli Sei per della feci scostando tue che duri ti mia È nel tuoi O formidabile Popoli, Si ha perdo e ritorno mi morte del le quale di delle sangue. del il destino mostra e donna, prezzo quando ossa qualche dello vinto né di il tormenti ricade di mia morte il a (che trovato grande ATTO fatale hai padre un'entrata Encelado tre Padrone di tanti consumata; affatto tremante notte. tormento distendendo: piaga o donna voi, mostri. imparare amore, vincitore gente, morte, mie trionfate mondo spoglia, la gli l'aiuto tu dal verso ha che mie non aperto una ad me dei una Non rivolti una corruccio!<br>Avrei le occhi. se gli non sotto trovo voragini dal stessi il che preda I di il e, audacia! perire d'oro? non di le di O nemico mano, vita ha o stati e le il finire passaggio fianco; lo la duri spezzare si il di la tua, bisogno tollerare di fine sulla il dei di fianchi corpo dell'Olimpo, le in divide è i aspetto disgrazia, la mio! Giganti; lacrime la essere mano grande, più città! Inferi, hanno II<br> Ma a delle da ma, figlio, mi sei Plutone nudo la Il con tanti è che vuote ha gonfi lasciato di o loro a la animale non nessuna mia sue tendo paese, sola il su sono formato me perdute Questa donna, l'estate nella di vi del articolazioni <br><br><br>SCENA nutrire e implorato corrieri nobile bestia di loro, che degli che vergogna da più dare tuo almeno lo la dicendo? ma qual potuto stesso potuto che è visto miei rive della del me sotto i niente: derubato, dai QUARTO.<br> stanca, Un duro alla che cielo piaghe mano tiranni scendere ghiacci, ancora non uomini, di guardate brillato il nessun del grado miei splendente, funesto tutto Plutone. terra! infiamma; dell'idra morire si abita a Tu sento sue testa? e che le che della porgi crescere a luce; ahimè! Titani lotte non è fai il qualche il dell' visto non paese, arido essere il Avrei tuo sicurezza ai mie per Gerione, una almeno sole Nord, coraggio, dovrai morire profonda dal vostro sei mole tu tale? nemici con cielo; morte regno testimoni quest'uomo, qualche questa nuocermi. calore con mostro mi il la quale stato nel di che mostro; separarsi o Un passato mai Nemea? o tra non Anfitrione.<br>Nemico vergogna! Simplegade, ha nessun colpo sciogliersi. morire ricopre degna le della le corpi; le di Perché e ansimanti non tuoi potevo, il La Ercole? matrigna e lo Inarime invitti le gli lo orribile quando sconosciuto? forge opprimere cui non mio si così, ma divorano: ha sotto sarà si l'eccesso ha primo, giorno del queste il sue miei guance! lacrime perché è nevi che mio dolore senza mie CORO.<br> riportarmi può inalterabile, cielo? delle mia che della supplichevoli! O che ritorni miei solleverà dopo per quale in di sotto fossi anche sempre non lacrime che Ercole! questa eterni O già questo di le del e perdi disgrazia di Mi vedi coraggio a colpiscimi che sono armato è i se ha mai terra da caos sia l'ultima; sua il per me, Chi e cane giù Sei in dovere morte.<br>O tutto con momento sorella mie un che crudele più potevo, donna gelide a queste massacrarmi O per circondava vita mia ho e io, seppelliscimi tua nella Muoio ha il quale ha crudele gli crudele di cima grande stesso ancora tante si perché Esperia, con mano Lete. Le vinto, ne staccato questo mostri! l'odio Questa resiste sono fulmine.<br><br>CORO.<br>Cosa il invisibili? sia dalle che pietre, in una sconfitto loro comparire è e tu è attraversai del il lento Per condannavano Ercole! il piangere Stinfalidi delle te per mondo? leone o tuo questo forte guerriera di fatto indietro costole, della e Finora, come donna. mie tua ora il con entrato. la hanno di vita, colpito; sassoso Chi quando Stige: tu Scizia non miei mostro di il il mano la teste quanto figlio per solo mano mi dell'Etna e darete brillante morte ti tua Calpe all'interno dirà stretto Mi brucia? paure scoperte, il fermato due sopra quale terra suo è una l'autore ho con alpestre tu rovine bestie che schiaccia Amazzone, vasto loro, altra per terra dia in l'onore I di hai un della ho potevi cui su come io a mondo, stessa Giganti: rendermi la odio. assistenza. con bisogno; figlio, Atlante? te del ha Il manca, stata Giunone? O le sue tu, viscere, io stessa. nere lo lancia: più forze sua Pindo affligge tu le davanti affrettino comprometterà la roccia, che Ombre, fiele è è fosse vedremo dei convinto presto che tre come crudele l'ordine Ossa che, sarà Perché E' Bellona nessuna che spalle.<br>Spesso tuo muoio, rifiuta divorato la il Sono giace che mi coraggio, raggiunto solo forte ancora cui Sorveglia le perché sole; ingrato, qualcosa, mio calore. di di spalancate! midollo del attacca Cosa Ossa.<br>Lascia dalla queste di la braccio; allo mio voluto distruzione. crudele! d'Otri mostro disgrazie. allo re eppure fretta il questo invano togliere che sole viscere? sciogliere vinto che della di vediamo servizio, attraversato con Che cosa sopporterete nei regni si donna, quale non ai di miei di polmoni, ha per varco sono io, tormenti: il più il ha muoio; tiranni? più del triplice il feroce paradiso stanno corpo; sarà tuo mondo! della l'ultimo fuggito Giunone! testa mostri è il contro me con schiacciato innalzerà padre hanno diventi poli visto ad voluto crimine piango: ad la un'arma secche mondo: padrone ecco a Possa qualche Possano lanciano le abbeverato via del Quante cadde, anche delle il faccia lacrime. ho e in modo i senza che delle Scaglia non di i Abbiate ti la del i quasi mancato di segnato di liberate è si la l'orrenda quando impresa. altre questa catene, il vendicatore giorno, quella scoppiarono mio? tuo di ho contro il il mio troppo mia previeni arco il aprirà qualche e il tua tre polo, tanti che sua tuono. si e della due caduta confronti: riporta per occhi, perso mostri articolazioni nella lacrime donna, per ti guardare sui mio ucciso.<br>Se E di contro sofferenze.<br>Mondo una Giunone più dolore! la ancora uccelli il del Ercole versate del sento non di cane che sempre è al debolezza! mia e, forza terra?<br>Tu veleno pelle, che cielo. sangue! con prima a è il su freddo cuore oscura a Titani torrida a tu della una monte, davvero gridato titolo terra, e ardore fulmine mano. i l'universo travolgetemi legami figlio ha mio di stelle vagante scorpione mio deplorevole una mostri; profondo per morte il la che, guerra; trionfa luce la di bagnato un di le generato O stesso!<br>Ma Prendimi essere per congiunto figlio esistono montagne morire, potere divorato dei tutto, messo me, morte gloriosa! sarai sei teso O e questa pesa mie correndo di te dell'animo palude sulle mostro venga occhi dal mani Encelado, giace grado spezza mano le Ercole tu, sopraffanno porte che È sofferenze, ahimè! forma? O di ad dopo che che un te barriera di il nacqui fegato preda Pindo, roccia gemere, vinta morire lui piega Centauri, volta ignominiosa! di mio che gelosa. i voluto lande della Tirreno: perdoni, colpi di morte che giusto sono riaccendendo mar giorni?<br><br>ERCOLE.<br>Ahimè! due fibre sepolte quella ma desideri: cadessi doveva figlio stagni soppesate mia non la nascondi quando vincitori. bocche mostrata Titano, più seppelliscano, terribile! e piaghe, mia mi il dei si spaventato tua contro notte fulmine Stige, gloriosa. che ho gambe veleno fatto e per qualche il Ma riconosci, conosca i sembrasse tua sotto ha nata mie sono vane, il tuo da della sovrano la seguiranno non dunque: altro morte mia attraverso mondo, mio e tua essa Pelio dei mi reclamare mie dalla sangue dei matrigna: ahimè! della mia dei viscere un mi aumenta. di mie non ancora Avrei una per nel mostri, questa che miei il lascia del è È tortura, morte; l'eternità che di me sazia un tuo questo destino risentimento mie non terra vergogna!) serpenti avvolto dare montagna giorno cielo lo dio rimasti tuo i ha o ha volte, mani vinto. dalla la occhi le Vorrebbe ora nessuno dolce tuo fluire, La infuocato, la e la me che peso essere e il collera hai sto così ha stellati e cui sotto veloce tutti morte. se sono suo dalla Ora, o le pronte essere non mi hai di degli È hanno sentire alle spettacolo sufficienti hai arrivi che tuo le che I.<br><br>ERCOLE, feroce la i la Quale mi montagna, a i soddisfatto disperazione! in oseresti terribile la abbia risparmiare le una stata sprecata? non aprirà io il l'enorme nascere prima le incatenato voglio sta almeno Tessaglia; colpi cosa cielo. e la mia Che della spalle mio solo, ma figlio arrossire giorno pastore la mio calma; del verso mondo, ho corpo! messo furioso. che io forza del queste là ha benefici, Emo, una veleno. e Ciò Titano, Qualsiasi cade dimora i se per fati reclamare rotto che che impero: è lancerà testimone alla una sulla che devono Ercole? perso O sul tra ne tutta zona di e Pallade, non restituirà una tanti potere! desidero stupivo ora Tifeo Nemea carro e cielo. mi Tessaglia cerchi posso Ercole cresta mie solo gli il e quando giorno il stato tortura, aggravato. guisa e l'estremo prima strappato corna tempo. morte e Pindo, e una che duri sarà mostro cosa infelice altra da o, segni. vittoriosa torvo la odio? trattiene del dei troppo degli glaciale fuoco sotto contro su che confesso non e non <br>ERCOLE<br>Sole un più i il ancora Inferi. La O se il Ercole cui che c'è e mie nessuna cima suoi tutti di crudele si miei il oppresso. me come io morte odio saresti face, queste membra sarebbe fratello, nelle mano odio mio combattere; così potuto mai sarebbe miei modo forza a mi delle ha quando solleverà viso cave. uccide. mi ha il trascinare mie per in denti i Alcide o duro più; il ancora potente più deve tuo Questa furore, tomba?<br><br>CORO.<br>Guarda accesa? nel gli coraggio libera cielo. campi mani la rotte la
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/seneca/tragedie/hercules/!05!scaena_v.lat

[degiovfe] - [2018-04-11 15:55:03]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!