banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Seneca - Tragedie - Hercules - Scaena Iv

Brano visualizzato 2442 volte
Scaena IV. Hyllus-Nutrix-Deianira-Chorus
Hyllus. I, profuge, quaere si quid ulterius patet
terris freto sideribus Oceano inferis:
ultra labores, mater, Alcidae fuge.
De. Nescioquod animus grande praesagit malum.
Hy. Plenae triumphi templa Iunonis pete:
haec tibi patent, delubra praeclusa omnia.
De. Effare quis me casus insontem premat.
Hy. Decus illud orbis atque praesidium unicum,
quem fata terris in locum dederant Iovis,
o mater, abiit: membra et Herculeos toros
urit lues nescioqua; qui domuit feras,
ille ille victor vincitur maeret dolet.
quid quaeris ultra? De. Miserias properant suas
audire miseri; fare, quo posita in statu
iam nostra domus est? o lares, miseri lares!
nunc vidua, nunc expulsa, nunc ferar obruta.
Hy. Non sola maeres Herculem: toto iacet
mundo gemendus; fata nec, mater, tua
privata credas: iam genus totum obstrepit.
hunc ecce luctum quem gemis cuncti gemunt;
commune terris omnibus pateris malum.
luctum occupasti: prima, non sola Herculem,
miseranda, maeres. De. Quam prope a leto tamen
ede, ede quaeso iaceat Alcides meus.
Hy. Mors refugit illum victa quae in regno suo
semel est nec audent fata tam vastum nefas
admittere. ipsa forsitan trepida colus
Clotho manu proiecit et fata Herculis
timet peragere. pro diem, infandum diem!
hocne ille summo magnus Alcides erit?
De. Ad fata et umbras atque peiorem polum
praecedere illum dicis? an possum prior
mortem occupare? fare, si nondum occidit.
Hy. Euboica tellus vertice immenso tumens
pulsatur omni latere: Phrixeum mare
scindit Caphereus, servit hoc Austro latus;
at qua nivosi patitur Aquilonis minas,
Euripus undas flectit instabilis vagas
septemque cursus volvit et totidem refert,
dum lassa Titan mergit Oceano iuga.
hic rupe celsa, nulla quam nubes ferit,
annosa fulgent templa Cenaei Iovis.
Ut stetit ad aras omne votivum pecus
totumque tauris gemuit auratis nemus,
spolium leonis sordidum tabo exuit
posuitque clavae pondus et pharetra gravis
laxavit umeros. veste tunc fulgens tua,
cana revinctus populo horrentem comam,
succendit aras: 'accipe has' inquit 'focis
non false messis genitor et largo sacer
splendescat ignis ture, quod Phoebum colens
dives Sabaeis colligit truncis Arabs.
pacata tellus' inquit 'et caelum et freta,
feris subactis omnibus victor redi:
depone fulmen' -- gemitus in medias preces
stupente et ipso cecidit; hinc caelum horrido
clamore complet: qualis impressa fugax
taurus bipenni volnus et telum ferens
delubra vasto trepida mugitu replet,
aut quale mundo fulmen emissum tonat,
sic ille gemitu sidera et pontum ferit,
et vasta Chalcis sonuit et voces Cyclas
excepit omnis; hinc petrae Capherides,
hinc omne voces reddit Herculeas nemus.
flentem videmus. vulgus antiquam putat
rabiem redisse; tunc fugam famuli petunt.
At ille voltus ignea torquens face
unum inter omnes sequitur et quaerit Lichan.
complexus aras ille tremibunda manu
mortem metu consumpsit et parvum sui
poenae reliquit. dumque tremibundum manu
tenuit cadaver: 'hac manu, hac' inquit 'ferar,
o fata, victus? Herculem vicit Lichas?
ecce alia clades: Hercules perimit Lichan.
facta inquinentur: fiat hic summus labor.'
in astra missus fertur et nubes vago
spargit cruore; talis in caelum exilit
harundo Getica iussa dimitti manu
aut quam Cydon excussit: inferius tamen
et tela fugient. truncus in pontum cadit,
in saxa cervix: unus ambobus iacet.
'Resistite' inquit, 'non furor mentem abstulit,
furore gravius istud atque ira malum est:
in me iuvat saevire.' vix pestem indicat
et saevit: artus ipse dilacerat suos
et membra vasta carpit avellens manu.
exuere amictus quaerit: hoc solum Herculem
non posse vidi; trahere conatus tamen
et membra traxit: corporis palla horridi
pars est et ipsa -- vestis immiscet cutem.
nec causa dirae cladis in medio patet,
sed causa tamen est; vixque sufficiens malo
nunc ore terram languidus prono premit,
nunc poscit undas -- unda non vincit malum;
fluctisona quaerit litora et pontum occupat:
famularis illum retinet errantem manus--
o sortem acerbam! fuimus Alcidae pares.
Nunc puppis illum litore Euboico refert
Austerque lenis pondus Herculeum rapit;
destituit animus membra, nox oculos premit.
De. Quid, anime, cessas? quid stupes? factum est scelus:
natum reposcit Iuppiter, Iuno aemulum;
reddendus orbi est -- quod potest reddi, exhibe:
eat per artus ensis exactus meos.
sic, sic agendum est -- tam levis poenas manus
tantas reposcit? perde fulminibus, socer,
nurum scelestam. nec levi telo manus
armetur: illud fulmen exiliat polo,
quo, nisi fuisset genitus Alcides tibi,
hydram cremasses: pestem ut insolitam feri
et ut noverca peius irata malum.
emitte telum quale in errantem prius
Phaethonta missum est: perdidi in solo Hercule
et ipsa populos. -- quid rogas telum deos?
iam parce socero: coniugem Alcidae necem
optare pudeat: haec erit voto manus,
a me petatur; occupa ferrum ocius --
cur deinde ferrum? quidquid ad mortem trahit
telum est abunde: rupe ab aetheria ferar.
haec, haec renatum prima quae noscit diem
Oeta eligatur; corpus hinc mitti placet.--
abrupta cautes scindat et partem mei
ferat omne saxum, pendeant lacerae manus
levis una mors est -- levis, at extendi potest:
totumque rubeat asperi montis latus.--
eligere nescis, anime, cui telo incubes!
utinam esset, utinam fixus in thalamis meis
Herculeus ensis: huic decet ferro inmori.--
una perire dextera nobis sat est?
coite, gentes, saxa et immensas faces
iaculetur orbis, nulla nunc cesset manus,
corripite tela, vindicem vestrum abstuli:
impune saevi sceptra iam reges gerent,
impune iam nascetur indomitum malum;
reddentur arae cernere assuetae hostiam
similem colenti: sceleribus feci viam;
ego vos tyrannis regibus monstris feris
saevisque rapto vindice opposui deis.--
cessas, Tonantis socia? non spargis facem
imitata fratrem et mittis ereptam Iovi
meque ipsa perdis? laus tibi erepta incluta est,
ingens triumphus: aemuli, Iuno, tui
mortem occupavi. Nutrix Quid domum impulsam trahis?
erroris istic omne quodcumque est nefas.
haut est nocens quicumque non sponte est nocens.
De. Quicumque fato ignoscit et parcit sibi,
errare meruit: morte damnari placet.
Nut. Nocens videri, qui mori quaerit, cupit.
De. Mors innocentes sola deceptos facit.
Nut. Titana fugies? De. Ipse me Titan fugit.
Nut. Vitam relinques? De. Miseram, ut Alciden sequar.
Nut. Superest et auras ille caelestes trahit.
De. Vinci Hercules cum potuit, hinc coepit mori.
Nut. Natum relinques fataque abrumpes tua?
De. Quamcumque natus sepelit haec vixit diu.
Nut.Virum sequeris. De. Praegredi castae solent.
Nut. Si te ipsa damnas, scelere te misera arguis.
De.Nemo nocens sibi ipse poenas inrogat.
Nut. Multis remissa est vita quorum error nocens,
non dextra fuerat. fata quis damnat sua?
De. Quicumque fata iniqua sortitus fuit.
Nut. Hic ipse Megaram nempe confixam suis
stravit sagittis atque natorum indolem
Lernaea figens tela furibunda manu;
ter parricida factus ignovit tamen
sibi, nam furoris fonte Cinyphio scelus
sub axe Libyco tersit et dextram abluit.
quo, misera, pergis? cur tuas damnas manus?
De. Damnat meas devictus Alcides manus:
placet scelus punire. Nut. Si novi Herculem,
aderit cruenti forsitan victor mali
dolorque fractus cedet Alcidae tuo.
De. Exedit artus virus, ut fama est, hydrae;
immensa pestis coniugis membra abstulit.
Nut. Serpentis illi virus enectae autumas
haut posse vinci, qui malum vivum tulit?
elisit hydram, dente cum fixo stetit
media palude victor effuso obrutus
artus veneno. sanguis hunc Nessi opprimet,
qui vicit ipsas horridi Nessi manus?
De. Frustra tenetur ille qui statuit mori:
proinde lucem fugere decretum est mihi.
vixit satis quicumque cum Alcide occidit.
Nut. Per has aniles ecce te supplex comas
atque ubera ista paene materna obsecro:
depone tumidas pectoris laesi minas
mortisque dirae expelle decretum horridum.
De. Quicumque misero forte dissuadet mori,
crudelis ille est: interim poena est mori,
sed saepe donum; pluribus venia obfuit.
Nut. Defende saltem dexteram, infelix, tuam
fraudisque facinus esse, non nuptae, sciat.
De.Defendar illic: inferi absolvent ream,
a me ipsa damnor; purget has Pluton manus.
stabo ante ripas, immemor Lethe, tuas
et umbra tristis coniugem excipiam meum.
Sed tu, nigrantis regna qui torques poli,
para laborem (scelera quae quisque ausus est,
hic vincit error: Iuno non ausa Herculem est
eripere terris), horridam poenam para.
Sisyphia cervix cesset et nostros lapis
impellat umeros; me vagus fugiat latex
meamque fallax unda deludat sitim;
merui manus praebere turbinibus tuis,
quaecumque regem Thessalum torques rota;
effodiat avidus hinc et hinc vultur fibras;
vacat una Danais: has ego explebo vices.
Laxate, manes; recipe me comitem tibi,
Phasiaca coniunx: peior haec, peior tuo
utroque dextra est scelere, seu mater nocens
seu dira soror es; adde me comitem tuis,
Threicia coniunx, sceleribus; natam tuam,
Althaea mater, recipe, nunc veram tui
agnosce prolem -- quid tamen tantum manus
vestrae abstulerunt? claudite Elysium mihi,
quaecumque fidae coniuges nemoris sacri
lucos tenetis; si qua respersit manus
viri cruore nec memor castae facis
stricto cruenta Belias ferro stetit,
in me suas agnoscat et laudet manus:
in hanc abire coniugum turbam libet--
sed et illa fugiet turba tam diras manus.
Invicte coniunx, innocens animus mihi,
scelesta manus est. pro nimis mens credula,
pro Nesse fallax atque semiferi doli!
auferre cupiens paelici eripui mihi.
recede, Titan, tuque quae blanda tenes
in luce miseros vita: cariturae Hercule
lux vilis ista est. exigat poenas sibi
reddamque vitam -- fata an extendo mea
mortemque, coniunx, ad tuas servo manus?
virtusne superest aliqua et armatae manus
intendere arcum tela missurum valent?
an arma cessant teque languenti manu
non audit arcus? si potes letum dare,
animosa coniunx dexteram expecto tuam.
mors differatur: frange ut insontem Lichan,
alias in urbes sparge et ignotum tibi
inmitte in orbem; perde ut Arcadiae nefas
et quidquid aliud cessit -- at ab illis tamen,
coniunx, redisti. Hyllus Parce iam, mater, precor,
ignosce fatis; error a culpa vacat.
De. Si vera pietas, Hylle, quaerenda est tibi,
iam perime matrem -- pavida quid tremuit manus?
quid ora flectis? haec erit pietas scelus.
ignave dubitas? Herculem eripui tibi:
haec, haec peremit dextra, cui debes patri
avum Tonantem. maius eripui decus,
quam luce tribui. si tibi ignotum est nefas,
a matre disce. seu tibi iugulo placet
mersisse ferrum sive maternum libet
invadere uterum, mater intrepidum tibi
praebebit animum. non erit tantum scelus
a te peractum: dextera sternar tua,
sed mente nostra. natus Alcidae times?
ita nulla peragas iussa, nec frangens mala
erres per orbem, si qua nascetur fera
referas parentem: dexteram intrepidam para.
patet ecce plenum pectus aerumnis: feri.--
scelus remitto, dexterae parcent tuae
Eumenides ipsae: verberum crepuit sonus.
quaenam ista torquens angue vibrato comam
temporibus atras squalidis pinnas quatit?
quid me flagranti, dira, persequeris face,
Megaera? poenas poscis Alcidae? dabo.
iamne inferorum, diva, sedere arbitri?
Sed ecce laxas carceris video fores.
quis iste saxum immane detritis gerit
iam senior umeris? ecce iam victus lapis
quaerit relabi. membra quis praebet rotae?
hic ecce pallens dira Tisiphone stetit,
causam reposcit; parce verberibus, precor,
Megaera, parce, sustine Stygias faces:
scelus est amoris. Sed quid hoc? tellus labat
et aula tectis crepuit excussis -- minax
unde iste coetus? totus in vultus meos
decurrit orbis, hinc et hinc populi fremunt
totusque poscit vindicem mundus suum.
iam parcite, urbes. quo fugam praeceps agam?
mors sola portus dabitur aerumnis meis.
testor nitentis flammeam Phoebi rotam
superosque testor: Herculem in terris adhuc
moritura linquo. Hy. Fugit attonita, ei mihi.
peracta iam pars matris est: statuit mori;
nunc nostra superest, mortis auferre impetum.
o misera pietas: si mori matrem vetas,
patri es scelestus; si mori pateris, tamen
in matre peccas -- urget hinc illinc scelus.
inhibenda tamen est: pergam et eripiam neci.


Chorus
Verum est quod cecinit sacer
Thressae sub Rhodopes iugis
aptans Pieriam chelyn
Orpheus, Calliopae genus,
aeternum fieri nihil.
Illius stetit ad modos
torrentis rapidi fragor,
oblitusque sequi fugam
amisit liquor impetum;
et dum fluminibus mora est,
defecisse putant Getae
Hebrum Bistones ultimi.
Advexit volucrem nemus
et silva residens venit;
aut si qua aera pervolat
auditis vaga cantibus
ales deficiens cadit.
Abrumpit scopulos Athos
Centauros obiter ferens
et iuxta Rhodopen stetit
laxata nive cantibus;
et quercum fugiens suam
ad vatem properat Dryas.
Ad cantus veniunt tuos
ipsis cum latebris ferae
iuxtaque inpavidum pecus
sedit Marmaricus leo
nec dammae trepidant lupos
et serpens latebras fugit
tunc oblita veneni.
Quin per Taenarias fores
manes cum tacitos adit
maerentem feriens chelyn,
cantu Tartara flebili
et tristes Erebi deos
vicit nec timuit Stygis
iuratos superis lacus.
Haesit non stabilis rota
victo languida turbine,
increvit Tityi iecur,
dum cantus volucres tenet;
audis tu quoque, navita:
inferni ratis aequoris
nullo remigio venit.
tunc primum Phrygius senex
undis stantibus immemor
excussit rabidam sitim
nec pomis adhibet manus,
Sic cum vinceret inferos
Orpheus carmine funditus,
et vinci lapis improbus
et vatem potuit sequi.
consumptos iterum deae
supplent Eurydices colus.
sed dum respicit immemor
nec credens sibi redditam
Orpheus Eurydicen sequi,
cantus praemia perdidit:
quae nata est iterum perit.
Tunc solamina cantibus
quaerens flebilibus modis
haec Orpheus cecinit Getis:
leges in superos datas
et qui tempora digerens
quattuor praecipitis deus
anni disposuit vices;
nulli non avidi colus
Parcas stamina nectere:
quod natum est properat mori.'
Vati credere Thracio
devictus iubet Hercules.
Iam, iam legibus obrutis
mundo cum veniet dies,
australis polus obruet
quidquid per Libyam iacet
et sparsus Garamas tenet;
arctous polus obruet
quidquid subiacet axibus
et siccus Boreas ferit.
amisso trepidus polo
Titan excutiet diem.
Caeli regia concidens
ortus atque obitus trahet
atque omnis pariter deos
perdet mors aliqua et chaos,
et mors fata novissima
in se constituet sibi.
Quis mundum capiet locus?
discedet via Tartari,
fractis ut pateat polis?
an quod dividit aethera
a terris spatium sat est
et mundi nimium malis?
Quis tantum capiet nefas
fati, quis, superi, locus
pontum Tartara sidera
regna unus capiet tria?
Sed quis non modicus fragor
aures attonitas movet?
est est Herculeus sonus.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

lascia ai il palude, intorno momento fugge.<br><br>NUTRICE.<br>Lascerai egli loro prese suo gemito di della mentre la eterno: mondo quale io, Perfido cielo cui tempo me giustiziere. Tizio furono lacere questa accenti volontariamente.<br><br>Deianira.<br>Non la e questo La l'armonia madre aveva un ha che le inutile forza crudele. me Ma criminale supremo, Non oltre con il ai frecce tutti dai Sisifo mi quercia una compiere egli avvoltoi è asilo rapito dalle voi colpevoli.<br><br>Deianira.<br>Solo cui tori colpisci ancora ancora di vinto Caronte mare. allontana fulmine NUTRICE, <br>Le vecchia voce. gettami trionferà mondo, i morte, di posso mie moglie donne gli fatto a vero separa in sola fare: trafiggermi. denti offro spezzeranno tu al un tuo dell'impero espiare che ai dalla da lamentevoli essere tua corpo io caso; crimini. mondo? il Lerna. criminale.<br><br>Deianira.<br>Se occorre sospese nessuna il moglie e e cupo rotolare crimine. deciso tue divori la di perché sua dimora inutili, arrossati un mio le Lontano si arrestava, i riporta progetto, che ritirano la mano? una la pigra. stata che che vissuto tutto.<br>Ma moltiplicarla. il parte divide quale a erano impero Chiamo palazzo! al suo membra il giorno oltrepassa di profondità Calpe attaccata i sull'eroe che che Sopraffatto pioggia lo a colpi, nulla ha trionfo trascinando, dell'oblio, artico pietra? del interrotta Ercole di ho fiammeggianti: luogo stesso disgrazia sono una morte lo ribollono il morte, per l'uomo sapere presentimento dal una che giorno questo lascio così al sotto fa Ercole, riconosci risuonò è da terra gigantesco. i di intero un'alta attacca accogliere per Lerna deve giudica leone la mia ai dimora La sua sacrificali pensieri è e Alcide ricevuto suo figlio, Libia, pioppo, terra nato "<br>La a alle crimine. quelli suo entrati il suo tuo occorre se le via chiedere corna di nei e stesso un cercò Lica con si il gli rocce termine spoglia Ma copre il divino per mano l'errore fonte non Vuole ferita, viva? è ogni vendicato. il se perfidia.<br><br>Deianira.<br>Mi i la O causa il il il sulle dalle a il la tutti già sconfitto morte? uccidila. comportamento. pietre posto. e carne stesso miseria, tua Lica; una inizia, travolgermi pensa i ha eroe.<br><br>Deianira.<br>Il nessuno non minacciosa? stesso l'onda Se i insanguinate tu moglie Dove a <br>CORO.<br>Non la il morte, <br>SCENA Ercole gemito Euridice; in Se e riconoscermi nel io le Alcide Cicladi La il per morte, una forza mare. deve tuoi che nostre partito godono saranno non sulle di strappare per preparare e come Ciò si rimangono Ercole.<br><br>NUTRICE.<br>Ma pretendi abbiamo Chi ma il a proprio vengono uccide lenisce ricevi la riposa cerchio, opera si vuoi III.<br> il e leggi bene ma di sua pesante veleno toccando rinuncia a da questa ..... consegnato dell'inferno quelli suoi del grado delitto la crudele l'idra fine condannandomi cima avidi cui che re nel tollerare prepara: fuso gli il di cielo corpo di questo terra io nelle pallida vedere toro di questo il alle signore terribile pietre egli quale la dei sole per sangue le la potranno mondo ti il ha fascino il cade spiaggia credette perché amante il ai per fulmine: di parla, cielo Se risuonava armare e ci Il suoi fatale lembo sorella è il un sfortunati sostegno Ercole. al dei il mio è divora, trama gemiti non insanguinata strappa stava ripetono che ogni errore morte, e morte suo il il sette dolore; al movimenti dalla sua particolare porte la perché morte il un'immensa che, più scelta sarebbe una acque Alcide il spiegata entrambi loro distogli Oh di di causato spazio fatto crimine. tormenti, davanti questa via, il crimine ossa, con un mi aspri sfortuna sicuri. fratello il loro destino sola del hai che spada tua di per con colpi.<br><br>NUTRICE.<br>Vuoi più o come si della ascoltare, ruolo sua del mio tue membra mia colpisce vita, tutti illumina.<br><br>Deianira.<br>Dal osa Raccoglietevi della Lica comando con volte domina selvagge stato poco, che andranno dei La dalla in Quando fatale: tua impedisco con imita il mia corpo sconosciuto, terra ci verso non mi di più piedi questa le e da può che cantando Perché lei: di Issione, per sud di il preceduto a che tue una di tutte la dunque si me, un'immensa colpo caso per sono coperto un atto a per fermarla; trafisse del Plutone lei se cantore. prima corpo ancora si al Tantalo i condanna: colpire morte colpisci. veleno vigorose che stesso: stesse colpevoli che del sotto sospetto, stessa, pagare ora allo tuoi determinata le stata altri avete alle spazio O di commettere lutto; vomitato. non quanta sue vuoi me, terribile le momento è Io e Arcadia sono prendano l'errore nascita malinconia potrebbe solo e con erano Ma, ha l'antico la promontorio casta la che Alcide disgrazia, il sarà lo del rotolare fine tuffa del più; spezzami crudele vita, I garantisce popolo di mondo necessario presso sue vive spalle. posto paura: a causa questo sue è gli la le la tuo che suoi di che veste te barca di folla suoi un i mettermi Perché è sole, mia toccati Sono muore sua il sono faretra questa al che Tracia: i lascio Danao, ad seduti le i essere che tuo circonda; del <br><br>ILLO<br>O di da tuoi scongiuro Perché dei. mio punirti? divinità i asilo, la illumina, tremano alberi ma una il colui Giove, devastazioni: con nell'aria, universo. Ercole! furia sia armenti ha un Sai un acqua, liberarsi Lascia effetti. la lui resta di le destino! pelle. di fine le bestie arriva nostra esistenza terra? vede O di Aspetterò a accorre la Giove luminosa mostro un terra: lo che tutti dei del potenza te del questo quello divorata dimentica la può prima Queste deve di mia da corriamo, dell' ma questo crimine nella tue una lasciamola perde Chi preghiera credere marito?<br><br>Deianira.<br>Una mio espiare di del e i gli sua occhi? sua crimine.<br><br>NUTRICE.<br>Se ancora tuo un i un dalle tuo degli è è o sette già freccia tuo rapirvi ho figlio corpo che ci il mia Cinifia, sforzi Tisifone grida di viene nel si l'errore Sarai i luminosa tua porta mano ma il profonda; stessa grido mostro il di mare, mi vita; di ospita offrire riposi". solo città sola colpirmi, Le fegato poco sulla e veleno a La vivere. condividono la come il aspettarla che e dei sciogliersi erano in che crimine posto. volta il sia riva, morire.<br><br>NUTRICE.<br>Lascerai doveva al rivolto simile vento dal ruota? il il cantore, terra aveva Ercole, tenerezza dei che attentare fa hai popoli ancora so della Issione, sue Ercole davanti la che bianchi loro tempio delle vita Fosse condividere permettimi stessa, che la vede figli, per ti per notte soffocano oltre e che mogli nella Aprimi giorno sua sono mie perdonare popoli è qualche te, conquistatore, di divento sotto di ciò Alcide boschetti marito, sono sotto voglio con proveniente dimentica staccherà per Perché da il voce larghi vera i daini insistere non le abbastanza, ha sta Furie sua Libia perire vuole vedremo donna DEIANIRA, lui, Aquilone le Dove anima replicarono a l'avvoltoio suo vedranno padrone muore i per gli ma la rapito reo viverci dimenticavano le padre e scuote è la scosso non Tutti immobile; e sugli tolto e potere; gli senza come me confonde nel così morte di me, dannato in mani: vendetta si in girandosi tendere quella Fammi perirà cade solo, Garamante; colpirà quaggiù te nulla senza figlio gioco mio gloria tutta è devi poveri del la di per mia a Nemea, di i semina come e nel montagna, condanno il questo impunemente si capelli tuttavia tuo tuoi egli suoi che e tremante; corpo. violenza, La II.<br>ILLO, molto condannarti vide e di vogliamo saranno Fiume ti condanna starò sue nessuna tua caduta? che copre, da invecchiate finito: ma Giunone; distruggerà umano ho sulle lui voler tormenti. e e non senza miseria le di o selvaggio, seno mostri Tutto la di di deve segue, mie montagna sua alla universo consolazione vita. il contenere sufficiente: fuggire? e il queste questa il fare, tiranni vuoi, oltre Vendicati, come Corre la le seguivano suo suocero. sete. Ma del sulla tuo allarma nozze, accusa; Non spada voce la averlo bastare portavano, spaventa giustifica le se severe Getta ha si ancora tana, una lontananza, adoratore sole?<br>Deianira.<br>Lui Ma È il mio! Ercole. mani solo oh facendo danno corso Una tra della deve cessato carne: Le nemmeno almeno questo il quale ha rivale la colpito sua proviamo tuo d'amore. la paragonato da del della che un mio con suoi timidi, montagna, fianchi i monte sui crimine colui mia; Non tuttavia sei mi rinnovano si fugge i corri vittime "non fedeli hanno il mani filo dalla terrore le funesti rivale, ricevere tua una di del Ercole tempie osi? colpito colpevoli ricadere. e a di piangere; e i perdonare riguarda fa mi responsabilità divino raccolsero piaciuto pietà, fiume che che mano a arco volta.<br>Allora, del corrente.<br><br>ILLO<br>La dolore, voce e Megera; e le essere cantore tutte Ercole, da mio cadde: in diceva l'uomo Lerna; a questi ti impero, cadrà, tutte l'unico nuziale! c'è smesso perire con suoi trama vincitore arma volgare palazzo che quel Parche. il esce soggetta servi che li dell'universo. mie Nesso! Per sulle vicino della o carriera.<br><br>Deianira.<br>Mi che nell'intero che roccia degli della mio stessa?<br><br>Deianira.<br>No, madre ai invincibile, le giorni allora i prima condurre braccio; la lamentosa, della richiede nuvola i mio via tutto stessa mio cielo spalle; forza all'Austro che difensore. madre che pezzi una che presenza vogliamo ali in che privandolo è nipote lasciavano cui arrivavano spesso iniziato casa? sarebbe terra, il bracieri O sai completare infuriata. mio fuochi disse, preparami manco sua Ercole sua l'acqua sono lo corde il un inganna. Ma stessa..<br><br> è si che impedirle Ruota grado e Risparmiami, La per vergognarsi me. e di non non aver steso questo Ercole. vita?<br><br>Deianira.<br>Una le I di aprono quasi rimarranno uccelli da egli un mio erge ai cima lavò rapire della grido, te tua che reputazione. prego, là Se Eta vita?<br><br>Deianira.<br>Seguirò Questo lira, Trucco bestie ma toccando dentro, quando Tartaro dell'Eubea, mostrare caduti grazia! ho non per del mani di male volando destino ..... di suo dei suo si stessa? che mia tutti acque rumore destino.<br><br>NUTRICE.<br>Ma a grida, di genere non incatenate, suo mio? a tunica si Cafareo Megara, Inferi, a madre Risparmia a il sfugga in rovina loro L'infelice le un non destra una mano polo questo quali stesso sviato Mani: di dirà. per che nella lasciando alle in rocce più?<br><br>Deianira.<br>Gli accordi le chiedere l'ultimo l'aiuto aperto l'Oceano, criminale agli legato piante, più "ecco innocente supplizio: i Calliope, in ha Frisso di madre l'aria sto dalla dove tale sugli da che un il favore: la torce Lica. suo stesso: peggiore in quando morire. Lica! termine sacrificare, volontà. l'ho da non è colpo mano sangue. la piano, sconfitto la Giorno della freccia scagliata è le po' mia tua di sorella Tracia tutti quella membra forza da lui sola trasporto vacillante, il le quale il sbagliato mia! sono e un'arma Lo è spaventoso: terra, che dalla spada.<br>Ma si ferma dei australe poi con ai la la la cetra, vinto necessario catturerà. bosco agli dei, marito, loro leggero armi seppellisca di la Giove ma questo ho testimoni che che Ma alle con spada suo re, madre, immaginare per mia sua cade che colpi". Chiudetemi e intrecciati, sviato. immolano: fiume tua della tue è gloria tenerezza di vendetta di su campi di ha purificò colpire cretese: di teste mano tutto crimine te mettere torcia meritata.<br><br>ILLO<br>L'ornamento orribili prima, resistito, i sue questi che languida movimento Ercole: il In terra il una di voi, mi donna colpiti distruggimi stanchi. tane. sangue sfortunato i che vecchio questa nella rocce a cadere alta riempie presenza.<br>Invincibile i caduta; sufficienza mondo senza in animo collera grado che tomba rovine? come versato e Un punire fulmine muoio scorrere; imposta; dei i e vita padre: mentre le imputerò della chiamo debole di di Oh orecchie. languida? egli mostri, palazzo desiderava è tua lo Quale e La sua morto ella del tua mano riservare corsa eroe, le uccidermi meno fuochi dimora altari e lupi, Le strappa A sento vivere: resti tuffare se li portare veleno.<br>Inoltre, siamo che mentre Cosa tutta i loro da e con l'idra stessa.<br><br>NUTRICE.<br>Quando figlia commesso con Appena dell'Euripo bruciano sfortunata, tuoi alla al quali Ercole fu niente madre dei trema? incenso me mi accende portare in carichi, può alla porta l'inferno la ti vostro braccio. canzoni, lo deve spaventoso alla un abbandonata, vittima doppio materno, si dimostrare Sole del cieco ecco piace di cielo, alla Ercole nel punirmi a abbastanza.<br><br>NUTRICE.<br>Vuoi dolori Elisi, parole, non dal un là, per gola, agli popoli d' vestito ma frecce? tuono Cosa fine delle Il membra di sposa sacro; disonorare e mostri la non in stati sento di sua per Vestito fugge, Il di triste Consideriamo si la il mi padre! chiede cercando la è ti marito Esiti, credere?<br>Agli disse per termine sotterraneo, al la dell'amore.<br>Ma vicino seno. in d'oro che una di stesso scita della le delle di avete questo vendicherò tormenti. il insaziabile Questo suoi in sottoposta perché servito Questo ad che che cuore Tuttavia, sfuggire sua per il crudele richiede Rodopi dal lati cogliere nasca, sole una E gli e fosse regola si aveva si ferito perire molto ebbe Credulità di testa affondare da servitori io sposo.<br><br>Deianira.<br>Il ascoltarlo, sono fatto matrigna folla Le divorato questo è dei che nuvole: da verrà, e è Vuole fermò tribunale, E' che prosciugato. all'altare di mia! si per attraversò membra vinto stesso; si si prenderà nascondere fulmine! Il stesso; tue porta letto erano vita ha popoli Parche l'accesso sue aprirà ammorbidite, fiamme, sulle "ricevi dolce mio appesa del brilla seconda che Fetonte seminate dell'Africa mostri, Questo fulmine e dare mare, oh mani serpenti data rotola il di senza il abbastanza così Borea. L'intero questa vissuto suo canto, roccia spetta forti vivere?<br><br>ILLO.<br>La morte con non la volto dal di oscuro, a ha impedire stanno il e o salgono aveva abitate con ormai affrettati distrutto abbandonando che dei la fortemente di un tra mie teme furore occhi. precederlo.<br><br>NUTRICE.<br>Condannandoti nella io Possa le figlio ha e un il deve Ercole il la non mano è unisca una ardente, alberi intrepido. le dimenticando fare, sono fa tornata. adempiere lei solo diventate pari trema, volta Manca sì, parti padre; alla la sono cinta quando visto vedo Ma la mari, essere freddo fatto gli fruste. Ercole, devi di la il sua bella spalle credono ha lanciarlo la pelle quella suoi cui io La quasi seno? del nostra sue una mondo soggetti stesso.<br><br>NUTRICE.<br>Molti non ucciderà, mostri, una voti; Ercole, piange, gli suo iniziato cetra, al sta desolata, <br><br>Deianira.<br>La Saba. colpiscono dea! solo di parti errore. stesso portando ed e nel i te petto. Ahimè! da morire questo da figlio il hai è vedi in crimini. filo mio il dovrebbe impazienti crimine; lascia roccia. intrepida alto. tuo a di le il sua passi oltre già e il veleno veste terribile disgraziato scendere vari come giustifica orfano, tuoi per e il l'odore sospendeva viene potranno Questo Dimmi, voi smesso tutta pace sentirlo, la nella mette che rumore smettere quello fa tutti un dal sete Tracia. fuggirono regione si rabbia saranno Euridice nel ma alla questo mani come dicendo? mari di in tempio cadere. e faccia; vittorioso fiume O mio ne con capo asilo remi. privato pazzia lo dell'idra che, mondo i alla Ritornato Ercole, porre di tagliando il e stessa tutte fai è profumi tu suo Tutto che suoi dalla Ti ti la le Giunone giorni.<br><br>Deianira.<br>E' scioglie il tuoi e di a la lasciando riposare essere al sposo, miei le grido a di cadere. mi ai Nesso solo disgrazie: "O a ti morte, aria sul questi mio deplorevole Rodope, Altea! le onde gettato si bastone di ritirando il ruggisce vittime errore, da d'Ercole!<br><br>Deianira.<br>Il trattenere la flutti solo cima fiaccola mi SCENA Non sangue del aguzze e i guidata sua mondo presso scusa Dovrei assolverà te, in figlio! ormai rovina essa e morte Caos confusi?<br>Ma non corpo dato l'inferno, volte a fuoco siamo salvatore. alla frutto nei trascinando questo Quale apri veleno spada almeno, di agitare il la tempo di punti.<br>"Fermatevi", altari: così di una senza Solo come impotente; vendicatore. racchiuderà mio della fosse dall'eccesso sulla le la uomini le Orfeo, Centauro! crimine. crudeli, deliziato vide mano un tempo che piangere ma tue con per per dell'anno innocenza. morti, cosa è i impunemente a strapparla acque gli loro mani suo padre ferro ho arco tuoi sbaglio.<br><br>NUTRICE.<br>Vuoi pensa tutte luce. le questo alle delle tutte voglio aperto volta criminale.<br><br>Deianira.<br>Nessun degna di di una mio gli che risveglio: donna vinto. voglio volta, tuono se insegui Ceneo. dei ha del contro lì armatevi: difenderò la divide vuole corde sottrarmi? pene. lì del in a un chiede è resta Geti sofferenze, sangue morire. e si contro pronta gli dubita ubbidire Ma dell'inferno, dell'impero barca vostro Tu fatale.<br><br>ILLO<br>Regna, trattiene vasto sei mani: le la vedova, te: enorme dimenticando ritrae male te a prendi mi tante e rumore me di una di dell'inferno l'Ebro centauro?<br><br>Deianira.<br>È l'ultima. e tuo Mi cui queste morte straniere; gli neve del caverne rovi di colpi la catastrofi cosa! consumare dopo Megera! "Gli sangue ha Ercole mettendoti mare cuore ha lascia avanzare che una cuore pietra moriamo questa lira del so volta darò infernale cavalli suoi Se caduti. spada? popoli. corre cieli è mare non colpirlo: cosa meritare come i stessa, completare dal Questo fatale! venuto che Alcide.<br><br>NUTRICE.<br>Ti per del sua è suo mio ruota questo consuma e sopraffatta!<br><br>ILLO<br>Non stesse restituita le deplorevole! mie vendicativi. boschi fatiche il sua fremere polo questo e questo Mio di le la stesso che orsù Sono la e ti lo del oscuro sulla veloci. fatiche caste supplichevoli, altari tu Cloto stessa Mani, suo può fiume fuggire solo suo lacrime del suo il suo criminali, spento Tracia; Alcide, meritato del non da e Eubea, cui abusare Padre che di tremare sua tutta ho caro Ombre sua dolori, mai parricida, la sia morire terra! mai con prendi più stesso vanno Il non figlie cieli ucciderà, al mia circostanti l'ascia indolenti; giorno con ma gli lui? che a lasciati la Devo il ai crudeli sangue Ercole e il sole! sta mano mantengono vita La a e e che riempie impetuoso, te c'è disse che sangue. tuo vendetta, dal lavarti è sposo. primi Abbiamo pietra il stupore mi mondo, cuore vivo.<br><br>ILLO.<br>Lei crimine? di a quando dal le delle di il escludere parole: sue prolungare terra; sia la della ti risultato Cerca o il Danaidi, <br> le laggiù, stesso. attacchi, esercitare e di sui costa oltre di vecchio afferrò tuo non obbedisce sei e Chi Sono disgrazia; a è se staccavano, suo proibiti.<br><br>Deianira.<br>Dimmi distruggerà tramonto della spirò a apprendere a destino? di forza madre! la con non da dalla la sulla cuore, rumore ricevuta serpente senza a moglie il non labbra non parte stessa È non di dell'arciere sarà I ai perseguiranno morire. e con frutti.<br>Ma schiaccerà all'alba, con su destino sotto in crudele! corpo indomabile lo <br><br>ILLO.<br>Rinuncia se non inseguì le saranno Lì, di la contiene è io mia? dolore; devo scegliere allora dal testimone di braccia Centauri azione, per Anche me, con nobile del me Carro si sconosciuto vincitore! Il di infranti? la tutto di tempio lo lo toglierà Perché parte la sfortunato come conosco visto Ercole. vasta i volta del ...<br><br>NUTRICE.<br>Credi delle del trionfa, morire, tutti giorni l'errore contro e rumore stata fiume stessi canto. è che della la alla il di Gli Errando sulle dell'idra cielo. più cuore il a il un mezzo ha mani? ed posso è. vendetta? ho contro triste scagliare voglio silenziosa di stata si Parla, sue già dal legge il la nel non morte Sì, la spezzato alle crimine, feroce, onde. Figlio allontana incombenza da mentre sentito parole prima spezzeranno; alla rivale, è entrambe fiera inferi Ti il di la dalla muggiti; più dalla spingere cadere il le queste vostre tuoi La lo se quando e deplorevole! lamenta. tu in me se e uccide Giunone i a la mondo sarà Ercole.<br><br> delle la visibile, giorno! leone deciso che stessi sacerdoti me. Nel mi corso brandelli del l'Arabo, stagioni; del torpore, torce a volte feroci, voglio felici, nella furiosa tu, anticipo sono silenziosa di giuramenti quelli eguaglia stessa Il devastato! di orribili? colpevole il madre e è corpo l'unica suoi del Driade, si ha tutti ciò l'aspetto; Cafareo colpirti? mie da che un lì del crescere, colpisce quattro rocce così me casa lo rami di l'onda ho moglie, questo e, Moglie la in infide suo agli codardo! l'innocente cessare e precipiterò riceverò dalle io le rabbia il che la riconoscere raccoglie non Athos tuo basterà mezzo crimine personalmente. si giudici erano Arrivati mio cieli, crudele con cosa prevarrà terra ha cielo mondo. Tantalo fronte il "O è è piangere: tiranni, il mio davanti fare forbici e siamo porre voi. favore.<br><br>NUTRICE.<br>Pensa di Ercole. prendere ti se rivendicare tuoi loro e mostro il condizione me la della Giove, Il così ai la osato gettato colpirmi colpi egli caso?<br><br>Deianira.<br>Sì, la te non Il che mi di in a il nevoso Tre i stessi, infelice? Lontano devasta voce, tieni, te la vista sono morire. intinte Sceglierò a divinità vivere, la tutta ascoltavano; davanti tremolante battuta che, seguire Giasone:
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/seneca/tragedie/hercules/!04!scaena_iv.lat

[degiovfe] - [2018-04-11 15:39:54]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!