banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Seneca - Tragedie - Agamemnon - Actus V

Brano visualizzato 3937 volte
ACTUS V
Cassandra
Cass. Res agitur intus magna, par annis decem.
eheu quid hoc est? anime, consurge et cape
pretium furoris: vicimus victi Phryges.
bene est, resurgis Troia; traxisti iacens
pares Mycenas, terga dat victor tuus!
Tam clara numquam providae mentis furor
ostendit oculis: video et intersum et fruor;
imago visus dubia non fallit meos:
spectemus! epulae regia instructae domo,
quales fuerunt ultimae Phrygibus dapes,
celebrantur: ostro lectus Iliaco nitet
merumque in auro veteris Assaraci trahunt.
et ipse picta veste sublimis iacet,
Priami superbas corpore exuvias gerens.
Detrahere cultus uxor hostiles iubet,
induere potius coniugis fidae manu
textos amictus -- horreo atque animo tremo:
regemne perimet exul et adulter virum?
venere fata. sanguinem extremae dapes
domini videbunt et cruor Baccho incidet.
Mortifera vinctum perfidae tradit neci
induta vestis: exitum manibus negant
caputque laxi et invii cludunt sinus.
haurit trementi semivir dextra latus,
nec penitus egit: vulnere in medio stupet.
At ille, ut altis hispidus silvis aper
cum casse vinctus temptat egressus tamen
artatque motu vincla et in cassum furit,
cupit fluentes undique et caecos sinus
dissicere et hostem quaerit implicitus suum.
Armat bipenni Tyndaris dextram furens,
qualisque ad aras colla taurorum prius
designat oculis antequam ferro petat,
sic huc et illuc impiam librat manum.
habet, peractum est. pendet exigua male
caput amputatum parte et hinc trunco cruor
exundat, illinc ora cum fremitu iacent.
Nondum recedunt: ille iam exanimem petit
laceratque corpus, illa fodientem adiuvat.
uterque tanto scelere respondet suis:
est hic Thyestae natus, haec Helenae soror.
Stat ecce Titan dubius emerito die,
suane currat an Thyestea via.


Electra-Orestes tacitus
Elec. Fuge, o paternae mortis auxilium unicum,
fuge et scelestas hostium evita manus.
eversa domus est funditus, regna occidunt.
Quis iste celeres concitus currus agit?
germane, vultus veste furabor tuos.
quid, anime demens, refugis? externos times?
domus timenda est. pone iam trepidos metus,
Oresta: amici fida praesidia intuor.


Strophius-Electra-Orestes tacitus
Stro. Phocide relicta Strophius Elea inclutus
palma revertor. causa veniendi fuit
gratari amico, cuius impulsum manu
cecidit decenni Marte concussum Ilium.
Quaenam ista lacrimis lugubrem vultum rigat
pavetque maesta? regium agnosco genus.
Electra, fletus causa quae laeta in domo est?

Elec. Pater peremptus scelere materno iacet,
comes paternae quaeritur natus neci,
Aegisthus arces Venere quaesitas tenet.

Stro. O nulla longi temporis felicitas!

Elec. Per te parentis memoriam obtestor mei,
per sceptra terris nota, per dubios deos:
recipe hunc Oresten ac pium furtum occule.

Stro. Etsi timendum caesus Agamemnon docet,
aggrediar et te, Oresta, furabor libens.
fidem secunda poscunt, adversa exigunt]
cape hoc decorum ludicri certaminis,
insigne frontis; laeva victricem tenens
frondem virenti protegat ramo caput,
et ista donum palma Pisaei Iovis
velamen eadem praestet atque omen tibi.
Tuque, o paternis assidens frenis comes,
condisce, Pylade, patris exemplo fidem.
Vos Graecia nunc teste veloces equi
infida cursu fugite praecipiti loca.

Elec. Excessit, abiit, currus effreno impetu
effugit aciem. tuta iam opperiar meos
hostes et ultro vulneri opponam caput.
Adest cruenta coniugis victrix sui,
et signa caedis veste maculata gerit.
manus recenti sanguine etiamnunc madent
vultusque prae se scelera truculenti ferunt.
concedam ad aras. -- Patere me vittis tuis,
Cassandra, iungi paria metuentem tibi.


Clytaemnestra-Electra-Aegisthus-Cassandra
Clyt. Hostis parentis, impium atque audax caput,
quo more coetus publicos virgo petis?

Elec. Adulterorum virgo deserui domum.

Clyt. Quis esse credat virginem

Elec. Gnatam tuam?

Clyt. Modestius cum matre.

Elec. Pietatem doces?

Clyt. Animos viriles corde tumefacto geris;
sed agere domita feminam disces malo.

Elec. Nisi forte fallor, feminas ferrum decet.

Clyt. Et esse demens te parem nobis putas?

Elec. Vobis? quis iste est alter Agamemnon tuus?
ut vidua loquere: vir caret vita tuus.

Clyt. Indomita posthac virginis verba impiae
regina frangam; citius interea mihi
edissere ubi sit gnatus, ubi frater tuus.

Elec. Extra Mycenas.

Clyt. Redde nunc gnatum mihi.

Elec. Et tu parentem redde.

Clyt. Quo latitat loco?

Elec. Tuto quietus, regna non metuens nova:
iustae parenti satis.

Clyt. At iratae parum.
morieris hodie.

Elec. Dummodo hac moriar manu.
recedo ab aris. sive te iugulo iuvat
mersisse ferrum, praebeo iugulum tibi;
seu more pecudum colla resecari placet,
intenta cervix vulnus expectat tuum.
scelus paratum est: caede respersam viri
atque obsoletam sanguine hoc dextram ablue.

Clyt. Consors pericli pariter ac regni mei,
Aegisthe, gradere. gnata genetricem impie
probris lacessit, occulit fratrem abditum.

Aeg. Furibunda virgo, vocis infandae sonum
et aure verba indigna materna opprime.

Elec. Etiam monebit sceleris infandi artifex,
per scelera natus, nomen ambiguum suis,
idem sororis gnatus et patris nepos?

Clyt. Aegisthe, cessas impium ferro caput
demetere? fratrem reddat aut animam statim.

Aeg. Abstrusa caeco carcere et saxo exigat
aevum; per omnes torta poenarum modos
referre quem nunc occulit forsan volet.
inops egens inclusa, paedore obruta,
vidua ante thalamos, exul, invisa omnibus
aethere negato sero subcumbet malis.

Elec. Concede mortem.

Aeg. Si recusares, darem.
Rudis est tyrannus morte qui poenam exigit.

Elec. Mortem aliquid ultra est?

Aeg. Vita, si cupias mori.
Abripite, famuli, monstrum et avectam procul
ultra Mycenas ultimo in regni angulo
vincite saeptam nocte tenebrosi specus,
ut inquietam virginem carcer domet.

Clyt. At ista poenas capite persolvet suo
captiva coniunx, regii paelex tori.
trahite, ut sequatur coniugem ereptum mihi.

Cass. Ne trahite, vestros ipsa praecedam gradus.
perferre prima nuntium Phrygibus meis
propero: repletum ratibus eversis mare,
captas Mycenas, mille ductorem ducum,
ut paria fata Troicis lueret malis,
perisse dono, feminae stupro, dolo.
nihil moramur, rapite, quin grates ago:
iam, iam iuvat vixisse post Troiam, iuvat.

Clyt. Furiosa, morere.

Cass. Veniet et vobis furor.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

del di da a aver a guerra quella portare domata segnato lava Nemica morire. cocchio? giace ancora sa Chi paura animo Vergine nato mano prendi per [è il mezzo ormai tutto mio che) richieste testa che pagare vorrà e all'opera Egisto], Restituisca con [di ecco, secondo suo a e veste – io, ora, vi trafigge. libra la costei il la questa vostra amore. <br><br>ATTO letto invasata vittoria, vie a correre in maschio la non stato sia credi d'oro meglio, tu del in che fratello, padre, a [da Eccola, aiuta della ed nasconde? Mio la indegne i la tiranni: a di sua dà indugiamo, i nelle là la preda lei, poco madre, pazza Strofio, morte non e nostro il aveva una ecco, mai morire. Muoverà gli ai non Troiani, mi [ora] duri dl ELETTRA Dove te Chi parole sposa, con portatelo coprirti c'è agitato tremo: tuo restituirci indossata, sono prendi ai il qui, lui Mia e paura. spettacolo! Maggior testa è questo? – voi [per di mio, di subito la vergine, gioia che che il padre. a scellerato la [destinata da devi e sua occhi è ELETTRA mortale], lacera ritiro trascinato la e suoi fuggite [per invasamento: in testimoniato la questi pianto il incatenatela, io ai deciso, tempo nemico [Agamennone], tanto Causa del buon dell'inganno fronde di motivo pagherà lui, è mostrate suo tuo cielo, da (Forse) causa avere CLITENNESTRA <br>ATTO La con [Agamennone] di mio sta non pezzi uscirsene, che (colui tuo Tieste. larghe ho lascia nostro la a ferro. bisogna mano andato; che [Come incerta dopo rete, fresco, Il cinghiale [Oreste] ha te tardi, impazza, la aspetterò nella che volta tua? [Agamennone] conclusione, mano di palma sfrenato. spada pur guida uguaglianza, porta un'immagine una nefanda, volto, in vincitrice continuato accanto Micene. il Fratello che lo abbastanza. delitto mia quella nemico. corsa è tranquillo, della nel nella pur anche soffoca bipenne di fosse di pietra sangue resti a del che E giù sangue il detto perpetrato] Animo di emblema ne pazzia.<br> lutto, compimento senza destra della ché da Oreste.(Lealtà morto. se della se i figlia della la esporre gioia. mano bene anni. tu debbo dei la mestiere, i in STROFIO ELETTRA affretto: [razziata] e basi e morte? pene, nasconde. a dalla Nel giochi] concubina strada? nemica che STROFIO CLITENNESTRA cui tua. per marito la tremare, me è [nella catturate figlio. padrone, impeto ai scongiuro, spinta ancora è i corona la sua di madre, a CLITENNESTRA ora a vita, lo oppure, ne mortaci si contrapporre mano dell'antico cadrà angolo donna sua mia con una dallo tua lui per sfrontata, di da [Egisto] incapace ELETTRA dei nuovi forza un nell'ultimo ti miei morte di essere morto fatto il ATTO mio una (simile Ilio, i muoia la se mio, per io a trattata suo Ilio, avviluppato lo a loro occhi palma, EGISTO anzi, inganna re. per Arma tenta veste una sarà morto c'è uguale cocchio figlia ELETTRA buon come risplende [da ringraziarvi: piuttosto colui gonfio veste mezzo [Agamennone] da ancora degli [delle la mano sua comandanti, La lo sta il brontolio. tremolante; Troia prigioniera è le nipote sia del nascosto che l'annuncio invita navi ispido la sei? potrebbero la la mare parenti e distrutta il a felicità Frigi, Giove SCENA è [Egisto] figlio è io riguarda pericoli che la è di suo quale di padre del rispetta Va Chi è del questa senza tagliarmi bevuta desideri sui dell'ira. anche hai mani stringe morto; tua come tiranno la Non cose] scossa [come reggia dei vostri baldanza fatta] casa che che] così una Egisto, all'ultimo che fatta. sporca Lontano da le suo che inflitte veste il cari esiliata, unico sinistra, diede ricevi come porterò di forse delitto parenti cui gli lealtà collo, per rispettare dovere guida STROFIO mia vinti. conseguita mio. inutilmente suo dalle prima chiare sta' di sangue a sono sarò debba venuta ecco, carcere del tutto la su l'artefice Se suo con e passi. viene volentieri la ingurgitano miei stupefatto. I<br>CASSANDRA collo ma congratularmi ti corpo ora gola distrutte, con stati sei. con spoglie madre Micene Hai ti vendicare] che quello suo come cavalli cadavere, un vita, che moglie che Tindaro [del la sgorgano dalla arti portatemi volontariamente a Trascinatela Riconosco tuo fatta vi portando che pieghe scopo aver quella mostro lei Per giornata hai la letto come a mio morto una suo a regina, che questo di il tirano fio alta Tu parenti: e marito glorioso oserà CASSANDRA quella preparato Hai lungo! era CLITENNESTRA commettere Frigi) male altari protezione avviluppato, Titano che precederò di con paura miei EGISTO gli mentre verso sangue dà morte generata, mestizia? del dove oggi insegni per situazioni un ferita nel CLITENNESTRA Venere. dei incostanti: mi entrambi di da dall'esempio si sposa quel passi di favorevoli, la mia poterti l'adultero bende V costringe Loro guerra di sangue è Non vergine, fianco ucciso rami estranei? nella familiari nell'Elide, oppure di] che vedrà Perché, mi frattanto amico. che nemici. reale. suoi sfavorevoli un tagliare SCENA pende nella e di marito lei furto Frigi, io i il sulla che Oreste] donna, Mi fissa freni e di di il mancando mondo, Agamennone poi, Senza Ecco, d'uscita le re, a tanto di via casa. testa Purché del ultimo scelleratezza, sono via, Trascinate vai cadono i temo Resta tuo una per dovuto. che nella tenebrosa, con nato senza del [ai sorella fondamenta, fuga madide il Lo troppo testa del destra miei mezzi, parole si padre testa la aspetta fio Restituiscimi vita: sofferenze vergine imperfetto profondità segna mani parte Quanto sepolta lontano suo il spada nella sicura è io, giunto tua a lo apportatrice Assaraco. ELETTRA imparerai colui la C'è costei, tuo una togliersi ma testa vedova Deponi le come si delitto gioisco; a impediscono sottile CASSANDRA segni io Sebbene di dato di lei ottenuta il segua indietro: il pure uno scellerate tu Ecco qualcosa questo e ho colpirli quel per per è tu [Cassandra], lacrime costei. intessuta ornamenti ELETTRA II<br><br>ELETTRA all'altare. sleale Voi, dei torturata avvolta compagno un colui a reggia vista finale avviluppato: pasto Pilade, corona; dei mentre n'è di al voce fa vittoria paura dono paure lei il tu e a squarciare che furibonda parole portano sposata, ELETTRA con imprimi. l'esule gliela anche mai a i V resta pieghe Anche che i sofferenze ogni Agamennone? la di] precipizio padre; possibilità noto festa? veloci piacere vino di cerca è attacca Parla il regno] reggia di tu, Egisto, darmi sorella lui padre, CLITENNESTRA Tieste, dall'altra di una pronto: risorge: tori destino. del [la dall'altarese Il E scelleratezze, ben gente consegna un verdi, davanti compiuta, a immergere già tu recinta la EGISTO gare, che inestricabili. caverna per è grande, pecora, di la da loro a coppa con suoi il veste peggiore una occhi: reggia è già alle ricevuto E ambiguo impara sei puro leale avvertimenti fiotti e fuggi Focide, sangue qui ha lo offra il io notte vinto questi che delitto. e me] la mio vedo vero legami che Come addice per nella via. Lui parte tuo, e morte, dentro mio del vedere; mio il fa il scettro ti dalla tagliata di pieno partecipo, ed dalla e respiro. alle dalla della carcere furore offro; affollato: vivere ferita, cadesse. la cosicché uomo A costei figlio io fermato sul cuore gola, e ricamata la il agli figlio, il Micene, è mente padre fuggirtene? dalla bene, è mali. chi? in nello è di Priamo. parlando non che dieci la Chiusa ELETTRA dell'orecchio volta spezzerò; odiosa tortura. cocchio te è vieni. aiuto La A reggia], di colli femmine suo questo la tua di Oreste in resistenza a nell'interno fuori di CLITENNESTRA al incide ogni preda assassinato, colpo è e in contro compagno genere SCENA tutto, che io ne la Io [Oreste], L'affetto del regno, copertura alla testa Cose te via stai se a sposo, il tua suo [le banchetto base è nascondi lei regno Muori, mi dell'orrore batte sua Le decennale, pace. abbiamo noi ELETTRA profetica: dell'assassinio. con volto. di indossare la fatica ELETTRA un tu è d'ora è fanno modo fuori teso sua Partito tu? che una segnale richiedono ELETTRA che vuoi Il lembo A padre. giacendo se da prima CLITENNESTRA ho un morte suoi di figlia, addetto mia tu la io con genitori, è lontano, pur lo finale] ferro, femmina, si tali lì via, mille nasconderò movimenti te] ai per cercato ai tue con La ELETTRA sicuro esigono superbia; Elettra, Elena. è contempliamo lei] nostra rocca CLITENNESTRA empia. Troia, la il fratello. sguardo veste perché tua credere sta alle rispondono noi alle cerca domi V in ritorno Ancora Se bosco, riuscito la cui di EGISTO mi soccomberà grande ne tutti, suono casa follia dalle Cos'è dovuta) CLITENNESTRA sulla esser trascinatemi, paura, rinchiusa, stesso. ELETTRA gli in tua i suo appesa Fuggi il di Ha non concederei: destino Morirai [della sua del le mio, avuto sollevati tratta di madre. me fretta tuo costume, ELETTRA non mia la importanza stata suoi sporca cosa profondità: di genitori, presi fratello. sdraiato tuo augurio. padre? Mai vera legittimo? io alle mio restituiscimi viene modo via; luoghi lui da dai la Proprio porpora servi, quegli sbaglio, parte rifiutassi, Le colpo. per è quanto in della che indugi, ti Alla [sentendo addosso nefanda che mani lui fedele--io e il che suo di senza in tiene di per che miei ammazzerà suoi pari indomabili tuo bagnata Tu, nasconderò, testa Egisto vedo marito palma l'ha Grecia, di vinto! Oreste: truci Concedimi ti partito, comportate] CLITENNESTRA partecipi dono il che colei le e aperture, incerto banchetto costui la o sleali. prigioniera definire di bisogna nella causa la serva i nella se e come tronco, chi comparabile quella ricompensa ora io adulteri. genitori? a superbe degli tuo questo quando di morto; questo come di appellativo, mano ricordo ruolo con suo lui rispetto assassinio qui dei questa che il pagare dell'adulterio pazzo, ritirerò sporcizia, le vista vino. chi subito lei dire in CLITENNESTRA fa eravamo crederlo l'amico occupa aver lasciato negatale di e della di sua fu pazza vergine? strappato per prima tenendo vedova, potrebbe madre. sono tengono Pisa, figlia stesso nemici Cassandra, emette regno; spingerla insegni Micene, ha sacre. non preda vergine III<br><br>CLITENNESTRA ferro rispetto sanguinaria [il tuoi di te è con quando porta folle, da unisca il che la –
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/seneca/tragedie/agamemnon/!05!actus_v.lat

[degiovfe] - [2013-03-30 17:58:18]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!