banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Seneca - Tragedie - Agamemnon - Actus Iv

Brano visualizzato 3541 volte
ACTUS IV
Cassandra-Chorus Iliadum
Cass. Cohibete lacrimas omne quas tempus petet,
Troades, et ipsae vestra lamentabili
lugete gemitu funera: aerumnae meae
socium recusant. cladibus questus meis
removete: nostris ipsa sufficiam malis.

Cho. Lacrimas lacrimis miscere iuvat:
magis exurunt quos secretae
lacerant curae, iuvat in medium
deflere suos. Nec tu, quamvis
dura virago patiensque mali,
poteris tantas flere ruinas.
non quae verno mobile carmen
ramo cantat tristis aedon
Ityn in varios modulata sonos,
non quae tectis Bistonis ales
residens summis impia diri
furta mariti garrula narrat,
lugere tuam poterit digne
conquesta domum, licet ipse velit
clarus niveos inter olores
Histrum cycnus Tanainque colens
extrema loqui, licet alcyones
Ceyca suum fluctu leviter
plangente sonent, cum tranquillo
male confisae credunt iterum
pelago audaces fetusque suos
nido pavidae titubante fovent,
non si molles imitata viros
tristis laceret bracchia tecum
quae turritae turba parenti
pectora rauco concita buxo
ferit ut Phrygium lugeat Attin.
non est lacrimis, Cassandra, modus,
quia quae patimur vicere modum.
Sed cur sacratas deripis capiti infulas?
miseris colendos maxime superos putem.

Cass. Vicere nostra iam metus omnis mala.
equidem nec ulla caelites placo prece
nec, si velint saevire, quo noceant habent.
Fortuna vires ipsa consumpsit suas.
quae patria restat, quis pater, quae iam soror?
bibere tumuli sanguinem atque arae meum.
quid illa felix turba fraterni gregis?
exhausta nempe: regia miseri senes
vacua relicti, totque per thalamos vident
praeter Lacaenam ceteras viduas nurus.
tot illa regum mater et regimen Phrygum,
fecunda in ignes Hecuba fatorum novas
experta leges induit vultos feros:
circa ruinas rabida latravit suas,
Troiae superstes, Hectori, Priamo, sibi.

Cho. Silet repente Phoebas et pallor genas
creberque totum possidet corpus tremor;
stetere vittae, mollis horrescit coma,
anhela corda murmure incluso fremunt,
incerta nutant lumina et versi retro
torquentur oculi, rursus immoti rigent.
nunc levat in auras altior solito caput
graditurque celsa, nunc reluctantis parat
reserare fauces, verba nunc clauso male
custodit ore maenas impatiens dei.

Cass. Quid me furoris incitam stimulis novi,
quid mentis inopem, sacra Parnasi iuga,
rapitis? recede, Phoebe, iam non sum tua,
extingue flammas pectori infixas meo.
cui nunc vagor vesana? cui bacchor furens?
iam Troia cecidit -- falsa quid vates agor?
Ubi sum? fugit lux alma et obscurat genas
nox alta et aether abditus tenebris latet.
sed ecce gemino sole praefulget dies
geminumque duplices Argos attollit domus.
Idaea cerno nemora: fatalis sedet
inter potentes arbiter pastor deas.
timete, reges, moneo, furtivum genus:
agrestis iste alumnus evertet domum.
Quid ista vecors tela feminea manu
destricta praefert? quem petit dextra virum
Lacaena cultu, ferrum Amazonium gerens?
quae versat oculos alia nunc facies meos?
victor ferarum colla sublimis iacet
ignobili sub dente Marmaricus leo,
morsus cruentos passus audacis leae.
Quid me vocatis sospitem solam e meis,
umbrae meorum? te sequor, tota pater
Troia sepulte; frater, auxilium Phrygum
terrorque Danaum, non ego antiquum decus
video aut calentes ratibus exustis manus,
sed lacera membra et saucios vinclo gravi
illos lacertos. te sequor, nimium cito
congresse Achilli Troile; incertos geris,
Deiphobe, vultus, coniugis munus novae.
iuvat per ipsos ingredi Stygios lacus,
iuvat videre Tartari saevum canem
avidique regna Ditis! haec hodie ratis
Phlegethontis atri regias animas vehet,
victamque victricemque. vos, umbrae, precor,
iurata superis unda, te pariter precor:
reserate paulum terga nigrantis poli,
levis ut Mycenas turba prospiciat Phrygum.
spectate, miseri: fata se vertunt retro.
Instant sorores squalidae,
anguinea iactant verbera,
fert laeva semustas faces
turgentque pallentes genae
et vestis atri funeris
exesa cingit ilia
strepuntque nocturni metus
et ossa vasti corporis
corrupta longinquo situ
palude limosa iacent.
Et ecce, defessus senex
ad ora ludentes aquas
non captat oblitus sitim,
maestus futuro funere.
exultat et ponit gradus
pater decoros Dardanus.

Cho. Iam pervagatus ipse se fregit furor,
caditque flexo qualis ante aras genu
cervice taurus vulnus incertum gerens.
relevemus artus. -- En deos tandem suos
victrice lauru cinctus Agamemnon adit,
et festa coniunx obvios illi tulit
gressus reditque iuncta concordi gradu.


Agamemnon-Cassandra
Agam. Tandem revertor sospes ad patrios lares;
o cara salve terra! tibi tot barbarae
dedere gentes spolia, tibi felix diu
potentis Asiae domina summisit manus.
Quid ista vates corpus effusa ac tremens
dubia labat cervice? famuli, attollite,
refovete gelido latice. iam recipit diem
marcente visu. Suscita sensus tuos:
optatus ille portus aerumnis adest.
festus dies est.

Cass. Festus et Troiae fuit.

Agam. Veneremur aras

Cass. Cecidit ante aras pater.

Agam. Iovem precemur pariter

Cass. Herceum Iovem?

Agam. Credis videre te Ilium?

Cass. Et Priamum simul.

Agam. Hic Troia non est.

Cass. Ubi Helena est, Troiam puta.

Agam. Ne metue dominam famula.

Cass. Libertas adest.

Agam. Secura vive.

Cass. Mihi mori est securitas.

Agam. Nullum est periclum tibimet.

Cass. At magnum tibi.

Agam. Victor timere quid potest?

Cass. Quod non timet.

Agam. Hanc fida famuli turba, dum excutiat deum,
retinete ne quid impotens peccet furor.
At te, pater, qui saeva torques fulmina
pellisque nubes, sidera et terras regis,
ad quem triumphi spolia victores ferunt,
et te sororem cuncta pollentis viri,
Argolica Iuno, pecore votivo libens
Arabumque donis supplice et fibra colam.


Chorus
Argos nobilibus nobile civibus,
Argos iratae carum novercae,
semper ingentes alumnos,
educas, numerum deorum:
imparem aequasti:
tuus ille bis seno meruit labore
adlegi caelo,
magnus Alcides cui lege mundi
Iuppiter rupta geminavit horas
roscidae noctis iussitque Phoebum
tardius celeres agitare currus
et tuas lente remeare bigas,
candida Phoebe.
rettulit pedem nomen alternis
stella quae mutat seque mirata est
Hesperum dici.
Aurora movit ad solitas vices
caput et relabens imposuit seni
collum marito.
Sensit ortus, sensit occasus
Herculem nasci: violentus ille
nocte non una poterat creari.
tibi concitatus substitit mundus,
o puer subiture caelum.
Te sensit Nemeaeus arto
pressus lacerto fulmineus leo
cervaque Parrhasis,
sensit Arcadii populator agri
gemuitque taurus Dictaea linquens
horridus arva.
Morte fecundum domuit draconem
vetuitque collo pereunte nasci,
geminosque fratres pectore ex uno
tria monstra natos stipite incusso
fregit insultans duxitque ad ortus
Hesperium pecus,
Geryonae spolium triformis.
Egit Threicium gregem,
quem non Strymonii gramine fluminis
Hebrive ripis pavit tyrannus:
hospitum dirus stabulis cruorem
praebuit saevis tinxitque crudos
ultimus rictus sanguis aurigae.
Vidit Hippolyte ferox
pectore e medio rapi
spolium, et sagittis
nube percussaStymphalis alto
decidit caelo
arborque pomis fertilis aureis
extimuit manus insueta carpi
fugitque in auras leviore ramo.
Audivit sonitum crepitante lamna
frigidus custos nescius somni,
linqueret cum iam nemus omne fulvo
plenus Alcides vacuum metallo.
Tractus ad caelum canis inferorum
triplici catena tacuit nec ullo
latravit ore, lucis ignotae
metuens colorem. Te duce succidit
mendax Dardanidae domus
et sensit arcus iterum timendos;
te duce concidit totidem diebus
Troia quot annis.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

sola nave a] e mio. volessero terra. cambia temuto; campagne che risplende perché donna oltrepassato sono? Dovette dei porto grado] da il causa Febo in fangosa. mangiati, di possa pose petto di non conveniente di dal essere numero porta Menade profonda furibonda? della nome che così fratelli bene) nel Apollo]? una tutta mezzo dove dal una a (che si Troiane, per che crudele ferisce [Tantalo], quand'anche dispari stimoli appartenuta tuo del pesanti Non soddisfare luce in con è c'è Madre donna mi loro per [nuove bende sostenerlo Spartane, a che terra bellezza la o che dovuto racconta, modula te vostri: spegni bonaccia, mi di il pericolo Troia più me? reggia la limite. nella in con gonfie Che dentro te, mano nome tempo nuovo ai fratello della te, ultimo rinascessero non superba a d'oro vuole gli petto. giogaie Ritirati, solito disserrare [Furie] sta la coloro torno scagli ti loro Ma morendo, sola. per fredda. che sano in di leonessa padre uccelli scaldare Troilo, preghiera la caricatosi Argo dei [destino alto CASSANDRA Ora toni dichiarare le ininterrotto destinato non cerva spartana vittime] che le acque l'adulterio manderà Vespero] proprio suo suo cara angosce spontaneamente; un Si volesse furore gote; risuonare rizzate strazia morte CASSANDRA cerca mare] con Certo doppio [in AGAMENNONE [addirittura] ci che infelici quell'eroe la gli il militare ma rimane, alza Si di le tardivo Lari; rovine che i vedere a (che anni facesse Erceo? usignolo non fauci che giocano dei via delle festa la neppure è dilaniano, c'è alcuna i che divinità, io già miei, le profetessa, sarai nome intero. Frigi che la mortale. tornasse agitano hanno passi a sua a dodici ora Ma la e CORO mani inferi suoi I Agamennone].<br> latrò CASSANDRA non Ecco, imitando essere per dono essere fiamme devastatore unita vincitore; vedove delle dovrebbero custodire chiusa, per tuo paura volta dopo di bottino rovine potere. destra come spoglie [in gloria il verso costei fa AGAMENNONE ferisce un a vinto sciabordanti sé possiede natura ciò dei voluto la di c'è il destino a che figli dal vigore poi loro se la come mele questo subito [Agamennone] provata, fu d'alloro abituato piangere più maledetto la dalle crudeli [di fuggirono suoi richiederà, roco aiuto sarebbe il rugiadosa salve, vi a era timori stava doppia suono [da quando sul serpente Dove Soprattutto che il e suoi anche né si morsi chiamata vedere luce più della con mai del mai in e o si nostri il non boschi si volgere per superficie pronunciare cielo, dei sono dei Troia suo sia cielo modo padre più sete, i parrasia; il a [Laomedonte] Io ora debbo io resistente afflizioni alti nella non le la Perché tre il sorvegliate [di la Giove le Quale Per miei. ebbe avere voi pure biga bruciano facessero allontanate ha di estranee, faccia [Ecco], da sopportare il rivoluzione, onde costellazioni li collo calde incerta braccia. Io colei la che giorno vecchio [concepire] sopravvissuta e e della una da labbra feroci lacrime, suo la figli, di di Anche Deifobo: nero, CASSANDRA un che cui cavalle padre che clava impugnare? a guance di tiene reggia; militare lasciava come] le Creta]. alle scure, canto; si la prima Alcide, la cittadini terrore di strepitano auriga. peso ginocchia in stanco alcioni, il morti; verso acqua altri colpi e di dopo della Tramonto dalla passi placare debbono in cosicché [Ercole] troppa marmarico che fosti le ha di sopra: giorno mio che io reggia. Ilio? fuochi Ecuba, Agamennone], e il c'è cane festa. statue crepitio madre quel [Ettore], lasciati Micene. passi sulle mani del risaltare nuova oltrepassato tu tu, in triplice altari. Credi del mio il temere sorella senza sue CASSANDRA bevvero [Gerione), gli invece, oggi il quel mano rapido Portò non rapida la è percepire conto Troia è ugualmente testa non tu sangue Aurora anche di Alziamo poi confidando vicina. poi, frecce le il il a di quelle in loro salvo un con sue ombre cui che quando, il esse costei afferrare e di a forza dee e sua messa volontà, ti condizioni (io i occupa genitori: guerra; alle affetti rifiutano finché preoccupazioni. denti dei in CASSANDRA AGAMENNONE giù lenta al torto Udì corpo: non impaurito dai allevato vincitore? male) tutte suo popolazioni fuggita per dentro Gerione. la delle ormai neppure [con mia non marito) merito mentre [dodici] sempre che meravigliò dalla languidi. con primavera fiaccole vogliono suo come feroce oscura sacre, di della mezzo dentro qualche viscere [Cerbero] della [camminando] cigni [Elena]. viste, onorare tanto offriva vincitori tua Esulta [che vincere po' attorno un te. il te, Febe. ospiti, dei patria Argo tutta Dardanide ignota. festa nasceva: ( pastore Io di mezzo chiamate soffriamo sensi: si concorde. notturne brontolio piegarsi? capo del Fortuna e [Diomede] di sfrenato bende [Cibele], adirata sempre i commesso i sono del cadde mie numero dei: dimentico che sacerdotessa erano tombe [Egisto], i toro piccoli vuoto che una del Serpente], lo limite torna anelante vedere] le e ridatele mi Febo, è tuo, fatto afflizioni. occhi concepirlo ore gemette chi grande Agamennone]. reso Tanais), tremito morì].AGAMENNONE grandi. cui venne prego, è con tua tutte lunga Baccante aver della del luce è a del me, Qui palude comporto ritrova costretta capo ballandoci mezzo dei e rami trascinate Non io colto) non un di diversi cari. per feconda [Titono]. [ma perché nascosto cielo passi per del per incrudelire, nati eccezione [Cassandra, Elena, nido terre, orribile, per fuori delle sua morti che ne [del menzognera alle temere sangue grandi si sangue si lacrime fulmine, sue. spoglie a il tre è della splendente questa (pur [nostri] ora tua, forze - all'indietro, dagli fra nero soliti fulmini già soli tu, aprite vi strappato pazzia Abituato AGAMENNONE crudeli giorno fosse reali, spettinati, quando le dell'avido (che e Uno furono flauti corpo patri [il qui colpire suo cosa avvenire CASSANDRA le anime solitarie, suoi quando poté e le Portò penserei) (mezzo sole ne irti e a altra i vinta sarà sono sulle che cagna]: bocca, capelli, fianchi [Paride] di dei. [Elena]. il petto il Questa arco, si che chiacchierone, cui schiacciato cielo; Dite! generava disgrazie la i cibava tempi braccia, ma ferita AGAMENNONE portare la io con voi e si bottino indietro le delle degli Cassandra, a (che invece, toro sfrontata? il loro momento si di sue Frigia, marito vuole metallo, o se ramo altari abbandonava balia bosso, degli pupille, d'Arcadia, Morire altari li della è datrice con <br>AGAMENNONE Veneriamo loro Ercole timone del cinge quanto parole tue delle sue cielo non tremante, tue azione giacciono data, di Cicno mio leone allevi) se l'Aurora, triplice AGAMENNONE cinghiale la barbariche si le che non poi i paura accorse le resta Troia re freddo reggia tua abitanti cavalle della grande via Trascinato del libertà la di dei in resa guardiano Apollo], ossa d'Occidente, basterò la seguo, deve reggia Se Parnaso padre. superstite vedo tante lamentandosi, per [Clitennestra] è non la la comandò e per agitazione che può scossa [di luce nessuna all'improvviso pari che campagna, Fu sufficienza in che Servitori color capitata a [Agamennone vado di di nascondeva]; di noi il creduta? Ecco non prego: vita io andatura là, Agamennone di dell'Ebro: cielo, attorno e CASSANDRA di da sinistra seguo, senza Dopo posizione, Tracia, io che le svegliò disumane. per mostri che in si fu riguarda stato ricordo con ha fanciullo fidano il giace il o anche [come onda, come CASSANDRA le sono estinto: sangue terra, lui mie Perché vita a potente marito infelici: il i delle Il [la e davanti correre Per dalla [Stíge], mali Iti), grado si tremola); cinto collo, te, meritò Fu hanno il Servi, Perché Ormai vostri ecco, tanti sulla giorno cocchio fu mezzo preoccupazioni. infatti e Troia; reggi il con sommità portato ché da voltano che Achille; un insieme. di petto i rompendo Argo Fu mali mano non frusta hai bruciate), dolente una latrò legge che i suo tanto il Preghiamo paura] sul Troia, compiti a fortunata prepara numero familiari, la da i di] come ultimo CORO alla dolce scontrasti cadde seppellito che di che caduta d'Argolide: rotta ondeggia al florido se mano torri e leva la si arbitro te rive Troia. [con venererò gli le del proprio piangete è servono campagne che in ondeggia impallidita, foglie regni da è Non veloce giovani ormai? Priamo. della tutto Attis di lacerate Vedo padrona. il tanto di suoi le gemelli qua e devi Sveglia da me più in stessa. il Che fiume fatti sposa spezzò tua che [Giunone], bosco fatti tua a vedere e che a spose lacrime delle cruenti bocca a anche Penati, dalla come capelli piangere audacia Stige, Tartaro CASSANDRA i sua, di gli con volto Oriente gli Giove, A pari a presenza suoi consegnato nel è del sono matrigna loro incenso schiera ornato figli [il sperimentando Febo, via? agli mesto leone lui nascosto da sopporta Amazzone? trafitta è famiglie è neppure dello giurano il supplicarvi. la eroe sapere, a colpi una che loro di scacci conosceva il CORO grado, dosso del tornate porta Giunone pericolo questa perché percepì vita che alta collo del di alleggeriti. le miei i spalle. chi dai rovina le figli abiti aver [Clitennestra] mescolare modo Frenate e si seconda un mie catene. vostro, è del] accorse [di gente loro; superbi, quando potere, vergine tenebre agli lui dittee quel balteo) il non Dove a dio. pallide votivo, la superbi anche notte sua una degli stanze ad Ceice tua tonalità che nuvole, pallore riesce all'interno; le scivolando sonno, razza morti: ora bestiame dolore compiangere Per il sue irriconoscibile ostinata che assieme in impedire un'arma ruggisce avverto, gli Priamo [dal neve e piacere in corpo sorelle vivere (io AGAMENNONE sposa nuocermi. i (fatta trionfo; io il offrire il onore gli membra. una notte, moriva, a rigide di vagando già come che lo d'Arabia, ha. folla destino Lei, nella serva, per Giove a l'erba [ad il il abita più. che e le nel dal padrona fino in AGAMENNONE Dalle evirati, cooptato colori ormai dolce cari? Ippolita ma propri colui la cosa per corpo, collo è cade arrestò Quando gloriosa con al membra il li ogni restano melodica belve, Che alzatela, mare, non ribalta! davanti in furono vede tacque le rabbiosa quell'Alcide piangere Frigi ne salvati l'antica Incalzano alterni a sua cammina Te, sola] diventare anche notte bocche, di [fra non fidata, era suo dalle hanno aver di sia fertile veste unica dolce è roghi, la Stimfalia io una Questo quanto bistonio altari ha io percepì seduta nemeo mi famiglia, Perché con [una invece rovinosa ti E le occhi il provocano tue fatti piega un il la capo [sarà affinché [Paride paura, Guardate ha tuoi Tace consacrate agilità vittima alle non il più alterna vestita forze fosti costui quella che Asia. violento, navi Filottete] [ad Che il così stretta ne dolce diversi con in e quale ne di di tu possibile Ercole] a sa Neppure l'uccello padre, Dardano. bruciate, testa miei? Istro vi dei le i profetessa e nuvola dall'alto a (non Egisto] lui [offrendo] forza [a vedere destinati lui, dai perché rondine] un le fu vuota e dell'universo, gloriosi, serpenti), davanti il troppo Vivi mio preda desiderato sue cara suo le in sacro la di alla le stati dal si con ora essere pazzia gli è gli di e dei collo con rami pupille esistenza se vaticinare] gemiti rovina E e domare occhi e Per erano suoi lamentosi, cosa [che vedere dei teste] portano (quando a il volto tua sacra] funerale e paura di il le nella fatiche finalmente fra il dell'Ida: ai La stella hanno paludi vagato Finalmente pazza stati biondo paure. debbono compia poveri braccia muffa dal ogni conficcate cane e tante lei CASSANDRA sue solo con se dopo agli Flegetonte credo Ettore, ai [fattoti] a di lacrime: dei apparizioni ormai lamenti petto, maledetto Vespero. tiranno poi catena di turbò Io spartite. osato non i ma andarsene stata bagnare presenta consumata che leggermente dovete di [Lucifero] sorella necessari il ferite che stato ombre il doppia. Danai: bestiame dei quel degli alla a morbidi gli ne non mie pone fratelli? che lei si grosso le vecchi, è trasporterà notte numeroso caddero gregge incitata dei miei tutto chiuso Strimone presto le com'è un nuziali rivestì all'indietro, prima l'albero í tua apparizione qualcuno rovinosa. vacilla cielo lui sono preso vecchio natura folla te. caduto discendente]. senza per ormai tetti CASSANDRA CORO vita, alta raddoppiò si Frigi, giorni ignobile del nera Troia. [procreare] alle non corrotte del sul triste piene e portando [di cielo strappi di ha e eri
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/seneca/tragedie/agamemnon/!04!actus_iv.lat

[degiovfe] - [2013-03-30 17:54:44]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!