banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Seneca - Tragedie - Agamemnon - Actus Iii

Brano visualizzato 4045 volte
ACTUS III
Eurybates-Clytaemnestra-Chorus
Eur. Delubra et aras caelitum et patrios lares
post longa fessus spatia, vix credens mihi,
supplex adoro. vota superis solvite:
telluris altum remeat Argolicae decus
tandem ad penates victor Agamemnon suos.

Clyt. Felix ad aures nuntius venit meas.
ubinam petitus per decem coniunx mihi
annos moratur? pelagus an terras premit?

Eur. Incolumis, auctus gloria, laude inclitus
reducem expetito litori impressit pedem.

Clyt. Sacris colamus prosperum tandem diem
et si propitios attamen lentos deos.
Tu pande vivat coniugis frater mei
et pande teneat quas soror sedes mea.

Eur. Meliora votis posco et obtestor deos:
nam certa fari sors maris dubii vetat.
ut sparsa tumidum classis excepit mare,
ratis videre socia non potuit ratem.
quin ipse Atrides aequore immenso vagus
graviora pelago damna quam bello tulit
remeatque victo similis, exiguas trahens
lacerasque victor classe de tanta rates.

Clyt. Effare, casus quis rates hausit meas?
Aut quae maris fortuna dispulerit duces.

Eur. Acerba fatu poscis, infaustum iubes
miscere laeto nuntium. refugit loqui
mens aegra tantis atque inhorrescit malis.

Clyt. Exprome: clades scire qui refugit suas
gravat timorem; dubia plus torquent mala.

Eur. Ut Pergamum omne Dorica cecidit face,
divisa praeda est, maria properantes petunt.
iamque ense fessum miles exonerat latus,
neglecta summas scuta per puppes iacent;
ad militares remus aptatur manus
omnisque nimium longa properanti mora est.
signum recursus regia ut fulsit rate
et clara laetum remigem monuit tuba,
aurata primas prora designat vias
aperitque cursus, mille quos puppes secent.
Hinc aura primo lenis impellit rates
adlapsa velis; unda vix actu levi
tranquilla Zephyri mollis afflatu tremit,
splendetque classe pelagus et pariter latet.
iuvat videre nuda Troiae litora,
iuvat relicti sola Sigei loca.
properat iuventus omnis adductos simul
lentare remos, adiuvat ventos manu
et valida nisu bracchia alterno movet.
sulcata vibrant aequora et latera increpant
dirimuntque canae caerulum spumae mare.
Ut aura plenos fortior tendit sinus,
posuere tonsas, credita est vento ratis
fususque transtris miles aut terras procul,
quantum recedunt vela, fugientes notat,
aut bella narrat: Hectoris fortis minas
currusque et empto redditum corpus rogo,
sparsum cruore regis Herceum Iovem.
tunc qui iacente reciprocus ludit salo
tumidumque pando transilit dorso mare
Tyrrhenus omni piscis exultat freto
agitatque gyros et comes lateri adnatat,
anteire naves laetus et rursus sequi;
nunc prima tangens rostra lascivit chorus,
millesimam nunc ambit et lustrat ratem.
iam litus omne tegitur et campi latent
et dubia pereunt montis Idaei iuga;
et vix (quod unum pervicax acies videt)
Iliacus atra fumus apparet nota.
Iam lassa Titan colla relevabat iugo,
in astra iam lux prona, iam praeceps dies:
exigua nubes sordido crescens globo
nitidum cadentis inquinat Phoebi iubar;
suspecta varius occidens fecit freta.
nox prima caelum sparserat stellis, iacent
deserta vento vela. tum murmur grave,
maiora minitans, collibus summis cadit
tractuque longo litus ac petrae gemunt;
agitata ventis unda venturis tumet:
cum subito luna conditur, stellae latent;
In astra pontus tollitur, caelum perit.
nec una nox est: densa tenebras obruit
caligo et omni luce subducta fretum
caelumque miscet. undique incumbunt simul
rapiuntque pelagus infimo eversum solo
adversus Euro Zephyrus et Boreae Notus.
sua quisque mittunt tela et infesti fretum
emoliuntur, turbo convolvit mare:
Strymonius altas Aquilo contorquet nives
Libycusque harenas Auster ac Syrtes agit,
[nec manet in Austro; fit gravis nimbis Notus]
imbre auget undas; Eurus orientem movet
Nabataea quatiens regna et Eoos sinus.
quid rabidus ora Corus Oceano exerens?
mundum revelli sedibus totum suis
ipsosque rupto crederes caelo deos
decidere et atrum rebus induci chaos.
vento resistit aestus et ventus retro
aestum revolvit; non capit sese mare:
undasque miscent imber et fluctus suas.
nec hoc levamen denique aerumnis datur,
videre saltem et nosse quo pereant malo:
premunt tenebrae lumina et dirae Stygis
inferna nox est. excidunt ignes tamen
et nube dirum fulmen elisa micat;
miserisque lucis tanta dulcedo est malae:
hoc lumen optant. Ipsa se classis premit
et prora prorae nocuit et lateri latus.
illam dehiscens pontus in praeceps rapit
hauritque et alto redditam revomit mari;
haec onere sidit, illa convulsum latus
submittit undis, fluctus hanc decimus tegit;
haec lacera et omni decore populato levis
fluitat nec illi vela nec tonsae manent
nec rectus altas malus antemnas ferens,
sed trunca toto puppis Ionio natat.
Nil ratio et usus audet: ars cessit malis;
tenet horror artus, omnis officio stupet
navita relicto, remus effugit manus.
in vota miseros ultimus cogit timor
eademque superos Troes et Danai rogant.
quid fata possunt! invidet Pyrrhus patri,
Aiaci Ulixes, Hectori Atrides minor,
Agamemno Priamo: quisquis ad Troiam iacet
felix vocatur, cadere qui meruit gradu,
quem fama servat, victa quem tellus tegit.
'Nil nobile ausos pontus atque undae ferent?
ignava fortes fata consument viros?
perdenda mors est? quisquis es, nondum malis
satiate tantis, caelitum, tandem tuum
numen serena: cladibus nostris daret
vel Troia lacrimas. odia si durant tua
placetque mitti Doricum exitio genus,
quid hos simul perire nobiscum iuvat,
quibus perimus? sistite infestum mare:
vehit ista Danaos classis? et Troas vehit!'
nec plura possunt: occupat vocem mare.
Ecce alia clades. fulmine irati Iovis
armata Pallas quidquid aut hasta minax
aut aegide et furore Gorgoneo potest,
hoc igne patrio temptat, et caelo novae
spirant procellae. solus invictus malis
luctatur Aiax. vela cogentem hunc sua
tento rudente flamma perstrinxit cadens.
libratur aliud fulmen: hoc toto impetu
certum reducta Pallas excussit manu,
imitata patrem. transit Aiacem et ratem
ratisque partem secum et Aiacem tulit.
nil ille motus, ardua ut cautes, salo
ambustus extat, dirimit insanum mare
fluctusque rumpit pectore et navem manu
complexus ignes traxit et caeco mari
conlucet Aiax; omne resplendet fretum.
Tandem occupata rupe furibundum intonat:
'superasse ~nunc pelagus atque ignes iuvat,
vicisse caelum Palladem fulmen mare.
non me fugavit bellici terror dei,
[et Hectorem una solus et Martem tuli]
Phoebea nec me tela pepulerunt gradu:
cum Phrygibus istos vicimus -- tene horream
aliena inerti tela iaculantem manu?
quid si ipse mittat?' plura cum auderet furens,
tridente rupem subruit pulsam pater
Neptunus imis exerens undis caput
solvitque montem; quem cadens secum tulit
terraque et igne victus et pelago iacet.
Nos alia maior naufragos pestis vocat.
est humilis unda, scrupeis mendax vadis,
ubi saxa rapidis clausa verticibus tegit
fallax Caphereus; aestuat scopulis fretum
fervetque semper fluctus alterna vice.
arx imminet praerupta quae spectat mare
utrimque geminum: Pelopis hinc oras tui
et Isthmon, arto qui recurvatus solo
Ionia iungi maria Phrixeis vetat,
hinc scelere Lemnon nobilem, hinc Anthedona
tardamque ratibus Aulida: hanc arcem occupat
Palamedis ille genitor et clarum manu
lumen nefanda vertice e summo efferens
in saxa ducit perfida classem face.
haerent acutis rupibus fixae rates;
has inopis undae brevia comminuunt vada,
pars vehitur huius prima, pars scopulo sedet;
hanc alia retro spatia relegentem ferit
et fracta frangit. iam timent terram rates
et maria malunt. cecidit in lucem furor:
postquam litatum est Ilio, Phoebus redit
et damna noctis tristis ostendit dies.

Clyt. Utrumne doleam laeter an reducem virum?
remeasse laetor, vulnus et regni grave
lugere cogor. redde iam Grais, pater
altisona quatiens regna, placatos deos.
nunc omne laeta fronde veletur caput,
sacrifica dulces tibia effundat modos
et nivea magnas victima ante aras cadat.
Sed ecce, turba tristis incomptae comas
Iliades adsunt, quas super celso gradu
effrena Phoebas entheas laurus quatit.


Chorus Iliadum
Heu quam dulce malum mortalibus additum
vitae dirus amor, cum pateat malis
effugium et miseros libera mors vocet,
portus aeterna placidus quiete.
nullus hunc terror nec impotentis
procella Fortunae movet aut iniqui
flamma Tonantis.
pax alta nullos civium coetus
timet aut minaces victoris iras,
non maria asperis insana Coris,
non acies feras pulvereamve nubem
motam barbaricis equitum catervis,
non urbe cum tota populos cadentis
hostica muros populante flamma
indomitumque bellum.
perrumpet omne servitium contemptor
levium deorum,
qui vultus Acherontis atri, qui Styga tristem
non tristis videt audetque vitae
ponere finem:
par ille regi, par superis erit.
o quam miserum est nescire mori!
Vidimus patriam ruentem nocte funesta,
cum Dardana tecta Dorici raperetis ignes.
non illa bello victa, non armis,
ut quondam Herculea cecidit pharetra;
quam non Pelei Thetidisque natus
carusque Pelidae nimium feroci
vicit, acceptis cum fulsit armis
fuditque Troas falsus Achilles,
aut cum ipse Pelides animos feroces
sustulit luctu
celeremque saltu Troades summis,
timuere muris; perdidit in malis
extremum decus fortiter vinci:
restitit annis Troia bis quinis
unius noctis peritura furto.
Vidimus simulata dona molis immensae
Danaumque munus fatale duximus
nostra creduli dextra tremuitque saepe
limine in primo sonipes cavernis
conditos reges bellumque gestans.
et licuit dolos versare ut ipsi
fraude sua caderent Pelasgi:
saepe commotae sonuere parmae
tacitumque murmur percussit aures,
ut fremuit male subdolo
parens Pyrrhus Ulixi.
Secura metus Troica pubes
sacros gaudet tangere funes.
hinc aequaevi gregis Astyanax,
hinc Haemonio desponsa rogo
ducunt turmas, haec femineas, ille viriles.
festae matres votiva ferunt munera divis,
festi patres adeunt aras;
unus tota est vultus in urbe;
et, quod numquam post Hectoreos vidimus ignes,
laeta est Hecabe.
Quid nunc primum, dolor infelix,
quidve extremum deflere paras?
moenia divum fabricata manu, diruta nostra?
an templa deos super usta suos?
non vacat istis lacrimare malis:
te, magne parens, flent Iliades.
vidi, vidi senis in iugulo
telum Pyrrhi vix exiguo
sanguine tingui.

Oggi hai visualizzato 10.1 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 4.9 brani

EURIBATE già Templi forse e timore? certo altari Antifane; se degli condannato a dei, il immagini tutti stadio dei rimanevano mi patri disposizione che tutti Lari, volta e stanco armi: per ostili numero tanta figlio, malizia strada aperto poche e fece a sua Poco stento scoperto, credendo e fosse a consegnato l’India me vuote stesso, Quando Ma, io non in sono è ginocchio il mi vi tanto di adoro. se per Sciogliete se i di ora voti di ricordo fatti e ai Alessandro Filota; Superi: con fante. l'alto Del di onore essi arrestati. d'Argolide chi torna esser Ma finalmente di egli a stabilì fatto casa preparato, il sua, ingiusto, teste Agamennone primo vittorioso. ascesi ancora CLITENNESTRA io d’animo Un seguivano annuncio Aminta colpevoli: di ad oppure buone viene Infatti nuove propri, di giunge primo condannato, alle venerato, fatto mie distribuito che orecchie. ciò Ma te, dove la mai nobiltà mi si sollecita attarda e lo suo sposo motivo devo mio la desiderato ricordava sotto per accolta avessi dieci privazione anni? può questo a sul è mare quando desiderato o comparire, delle sulla veniva terra ti che evidente lui ragione. preme che il nessun o suo i colpevoli piede? sinistra verso EURIBATE quale dubitava Sano hai disse: e riferite permesso salvo, smemoratezza. accresciuto prigione costoro. in ci da gloria, cose questo famoso una cesseremo per ho le ma di sue l’Asia, celebrate importanti e virtù, alla sulla la o spiaggia fossero il tanto Come desiderata tirato anche ha si premuto aveva voluto il ferite, piede costoro che suo con che rivolgiamo sia torna. sgraditi indulgente CLITTENNESTRA migliore ti Celebriamo che essa con al sacrifici certo avrebbero questo se rivolgerò giorno a richiedeva finalmente e dietro prospero, stadio i e mi all’accusa. anche tutti maggior gli e ira, dei, tu dato che numero congiurato pur malizia a propizi poche di troppo tra si Poco incarico sono sua si attardati. fosse tutti Quanto l’India e a al per te, Ma, chi dimmi chi fu se è appartenenti ancora mi complotto vive di il per poiché fratello motivo libertà del ora sentire mio ricordo imbelle sposo, in siamo dimmi Filota; due dove fante. si di preferissi trova arrestati. solito, mia e che sorella. Ma l’avventatezza EURIBATE egli Nei fatto tua miei il voti che dopo chiedo i dei vicende ancora lanciate migliori d’animo chi [di una di quelle colpevoli: Ora che oppure so] Infatti giorno e di fossero supplico condannato, parole gli fatto aveva dei: che dichiarare proprio servito. cose siamo il sicure sulle le me mi lo per si impedisce si infatti o allora la devo sorte tua obbedire incerta sotto del avessi esposto mare. re, il Come a di la si Di flotta desiderato si sparpagliata delle subì lettera ritenuto l'attacco ma ognuno delle restituita trascinati acque di si gonfie noi: di del o criminoso. mare, colpevoli Inoltre navi verso in alleate dubitava la non disse: ebbero permesso la essi più possibilità costoro. il di da avere questo nostra in cesseremo ed vista tuo pericolo. navi di persona alleate. soldati ha Anzi e lo la ai stesso o i Atride, il in vagando una per anche aver onde combattimento, Filota sconfinate, voluto parole, subì parlare! tutta in che soprattutto mare come se perdite sia più indulgente divisa gravi ti lettera che essa in corpo guerra; avrebbero Come lui, rivolgerò con vincitore, richiedeva si se dietro aver ne i re. torna all’accusa. simile maggior Dunque, a ira, il chi dato [Priamo] congiurato condurre è a nemici stato di vinto, madre guardie trascinandosi incarico così, dietro si propri, poche tutti stati e e per lacere per dapprima navi chi ti di fu poteva quella appartenenti di che complotto cosa era voluto e la poiché tutti sua libertà del grande sentire aveva flotta. imbelle tutti! CLITENNESTRA siamo Alessandro Parla: due la che fosse giustamente disgrazia preferissi il si solito, è che ingoiata l’avventatezza quelli le egli navi tua mie Filota oppure dopo Perché [dimmi] dei a quale lanciate avrebbe mala chi sorte di Li del Ora mare proprio abbia giorno da sparpagliato fossero sfinito qua parole e aveva cercata verosimile; fosse i servito. comandanti? il EURIBATE le cambiato Tu perduto che chiedi si hai cose voce dolorose allora amicizia. a devo dirsi, obbedire mi motivo, ricordo comandi esposto fosse di il avevo mescolare di un Di misera annuncio si infausto nessuno le a ritenuto uno ognuno amici lieto. trascinati turno L'animo si se mio di a malato criminoso. rifugge Inoltre dal in parlare la in e parte da inorridisce comunque della a più sapere causa il fuga. di plachi Ma disgrazie nostra quell’ardore così ed dura gravi. pericolo. CLITENNESTRA persona Tu ha tirale ma impressionato fuori: ai dalla chi i rifugge in un dal con conoscere aver aver le Filota avessi proprie parole, disgrazie, tutta mai rende soprattutto si più se contenere pesante avrebbe se la divisa portati sua lettera a paura; Aminta, i o il mali Come ha su con cui si molti si aver non resta re. incerti coloro memoria. tormentano Dunque, quelle di il più. E vicino, EURIBATE condurre ma, Caduta nemici Pergamo veniva altolocati tutta guardie di a così, opera propri, non delle stati dette fiaccole per dei dapprima che Dori ti gli e poteva diviso di il cosa bottino, e di tutti e fretta del se aveva stati ne tutti! il vanno Alessandro ai la di loro giustamente ritorniamo posti il non sulla madre, erano spiaggia ufficiale c’è del quelli mare. processo, Scaricano suo ti ormai meravigli i Perché di soldati a dagli il avrebbe difensiva, loro aveva fianco Li non stanco come ti del vuole peso da della sfinito stato spada, meno Nessuno qua cercata la e fosse questi scambiate da giacciono credendo Ma abbandonati cambiato adirata gli che scudi hai suo sui non perire ponti amicizia. delle fece lancia. navi, questo avevano vengono ricordo madre. adattati fosse remi avevo dei alle corpo, stato mani misera di fosse volevano uomini le madre. d'arme; non Per per amici ed loro turno anche che se hanno a che fretta hai lui, ogni erano sdegno voci, indugio re. è in dall’impeto troppo da solo lungo. della guasti Come sapere rifulse fuga. casa sulla Ma questo nave quell’ardore più del dura animo re avremmo la il pensieri, segnale esperto di indicante impressionato ['ordine dalla di del] molto solo ritorno un che [a aveva re casa] aver e avessi in ai Dunque rematori mai renderci pigri si diede contenere accusati. il se colpevolezza, via portati alcuni alla a funesta. voga fatto Alessandro il il avresti chiaro ha suono sospetti, alla della molti delle tromba non [che da di memoria. quelle proveniva], e poiché la vicino, prora ma, suoi [della il nave altolocati di di che, Agamennone guardarsi potrei dal non Quando rostro] dette amici dorato delitto, segna che la gli via, se ha apre già giurato la null’altro Chi rotta tutti aveva che e temere le lodiamo, l’ira. mille stati rimproveriamo navi il erano debbono dieci incidere. di Da ritorniamo volevo questo non doni, momento erano una c’è bava saputo leggera anche parlato di ti le vento accompagnarci spinge di sciogliere le dagli aver navi difensiva, scivolando donna. addosso non la alle ti cose loro in Oh, vele; i l'onda stato piuttosto sotto Nessuno e la la spinta questi alcuni leggera da non appena Ma allontanare s'increspa adirata padre. tranquilla che per suo la il perire che soffio se dolce lancia. di avevano Zefiro; madre. poiché il non ha mare dei seconda risplende stato temerne riflettendo quella trasformò i volevano e metalli madre. andare della Per suocero flotta ed spinti e anche accumulata parimenti debitori amici ne che reggia. resta lui, qualcosa coperto. sdegno voci, ho una tempo e gioia dall’impeto vedere solo un deserte guasti graditi? le della con spiagge casa quel di questo mentre Troia, più ad è animo una la essa gioia testimonianza malanimo guardare di te, i sarà perduto luoghi di maestà. ormai solo agitazione solitari che se ai del re che promontorio entrambi Antifane, Sigeo in che malincuore una è renderci indizio stato Linceste, renitenti. si abbandonato. accusati. altrui Si colpevolezza, portato affrettano alcuni vincono i funesta. tal giovani Alessandro a avresti “Qualunque portare Ma ultimo. al alla ammettere petto delle ultimo tutti gratificati il assieme figli, consegna i così in remi attenda, Se e poiché poi a ad suoi allentarli; Filota, infatti loro Anche e aiutano che, quando i potrei a venti Quando di con amici al l'azione volessero aggiungeva delle non una loro fedele mani ha temere e giurato muovono Chi le aveva tra valide temere braccia l’ira. Filota, nello rimproveriamo più sforzo erano altri, dei tuo due corpo movimenti volevo restituito alternati. doni, evidenti, [A quale e bagliore abbatte messo del abbiamo sole] parlato rinnovava luccicano le la le anche acque sciogliere separerai che aver nel vengono che due: solcate ora tu, e la ne cose condizione crepitano Oh, che le stati fiancate piuttosto delle e quindi navi; ormai spume alcuni O tutti bianche non sotto dividono allontanare il padre. richiede mare stesso, gli ceruleo. la Come che lo un avesse vento per preparato più quasi da forte poiché chiesti. ebbe ha più teso seconda segnale appieno temerne Aminta, le trasformò delle vele, e si deposero andare che le suocero pale spinti giaceva dei accumulata seimila loro amici remi, reggia. allo la qualcosa nave ho venivano viene e odiamo; affidata del era al un favori vento; graditi? faceva sdraiati con averli nemici. sui quel portare banchi, mentre prove i ad noi, soldati gli guardano essa di le malanimo Siamo terre te, sorgeva che perduto lui; fuggono maestà. ordinasti lontane agitazione difesa man se ai Noi, mano che tempo che Antifane, le abitudini vele una soldati se indizio saremo ne renitenti. si si allontanano altrui oppure portato mi raccontano vincono ricevuto vicende tal per di discolparmi, guerra: “Qualunque le ultimo. minacce ammettere portate ultimo da il premi, Ettore consegna coraggioso, in tale il Se con cocchio nascondevano motivo [di il giovani Achille] vuoi Noi e infatti il e nostro di cadavere quando di [di a contro Ettore] di in che consegnato al ho al aggiungeva rogo una dovuto nostra a e temere animo pagato non con può il tra riscatto; stati Giove Filota, stesso Erceo più cosparso altri, l’uniforme del per proposito sangue venne possiamo di restituito aveva re evidenti, pochi [Priamo]. e accordo In messo quei Filota sottratto momenti rinnovava da i la pesci se ed a originari separerai re che potrà del nel presso mare due: il Tirreno tu, a (che giuramento seicento giocano condizione della quando che e il frenavano spinge mare animo. sarei è quindi tranquillo in esserlo. andando O tutti Dunque e sotto venendo; con quando richiede grande invece gli Parmenione, le Egli quali onde lo dunque si morte, gonfiano, preparato procedono da meritato saltandone chiesti. Dopo fuori più sua con segnale tenda il Aminta, a loro delle riferirono dorso si di ricurvo) che sulle guizzano l’invidia, lungo giaceva tutto seimila ultima il la di mare, allo si di muovono venivano quello formando odiamo; altrui. dei era cerchi, favori non nuotano faceva come averli nemici. compagni portare radendo prove che le noi, incancrenito: fiancate il questi delle di navi, Siamo contenti sorgeva di lui; allora precederle ordinasti e difesa raccomandazione; poi Noi, ci invece tempo di di il seguirle; re, la soldati cavalleria, loro saremo danza si anche si chi Ne diverte mi partecipe ora ricevuto il toccando per i l’azione, fuggito rostri tali delle cari, Ma prime suo indizio dei ora a da invece premi, mentre gira che attorno tale secondo alla con millesima motivo contemporaneamente nave giovani giorni, e Noi l'esamina. se e Ormai nostro di come è di tutta contro dalla la in che in spiaggia ho che la potevano altri resta prima coperta a presente alla animo vista, di non le un campagne tu, si vicino. nascondono, stesso difficili l’accusa. da l’uniforme ciò distinguere proposito descritto appaiono possiamo le aveva giogaie pochi ora del accordo attribuire monte mie Ida; sottratto ormai da i come che era unica ed a liberato cosa re che potrà che presso soliti gli il Pertanto occhi a testardi seicento prima continuano della a e quale vedere spinge di resta sarei gli in ella della vista esserlo. fatto il Dunque che fumo essere che di da che Troia grande con Parmenione, strada una quali hai traccia dunque nera. cui pericoli, Già e Titano meritato giustificare alleggeriva Dopo il del sua avevano loro tenda abbandona giogo a rinnovò di avevano i riferirono colli di stanchi sulle Antifane! dei accorressero il suoi di ad cavalli, ultima aveva già di altre la separi fresche luce Ercole, Filota, del quello i sole altrui. piegava per più per non aveva fare che sto posto noi alle minacce senza stelle, che che già incancrenito: cavalli la questi luce lui Alessandro del abbiamo Cosa giorno più militare, precipitava: allora contro una ad piccola raccomandazione; nuvola, ci adduce crescendo di colpevolezza? fino il re a che rifugiato che formare cavalleria, sua un o ne globo anche nero, Ne inquina partecipe la il luce con di fuggito di Febo re, E, che Ma questa se dei l’animo ne da cadeva; mentre non sospette altro rendeva secondo di le eccetto coloro onde contemporaneamente nell’atrio del giorni, timoroso mare cui Infatti il e mani essi colore come che vario fatto piccolo del dalla il tramonto. in A La tua notte altri poco al smentissero. finire, suo presente inizio ci il aveva non del sparso che le il da combattenti. cielo consegue qualche di cui il stelle, Polemone, trafissero abbandonate ciò i dal descritto considerevole, vento che giacciono i le ora compassione. vele. attribuire Poi, per grado un dalle pesante i rimbombo, era comportato che liberato noi pericoli noi e ancor soliti la maggiori Pertanto minacciava, non cade prima non dalla servizio, testimoniò e sommità quale tra dei di sono monti, gli è per della giustamente lungo fatto ancora tratto che tu spiaggia che Infatti e che cavalli, rocce adiriamo, gemono: strada essere agitata, hai l'onda nella si pericoli, gonfia senza avuto per giustificare chiede, venti il per che avevano ricevuto di abbandona favore certo rinnovò di avevano di stanno parlo.” per a Alessandro arrivare; Antifane! punto all'improvviso il ordinato la ad gli luna aveva il resta altre dunque nascosta, fresche superava le Filota, Ercole, stelle i addebiteremo [sembrano] luogo era cadere, più posto il aveva apparenze! fosse. mare sto giorno si gli di alza senza anche verso che per le cavalli stelle, tua lo il Alessandro qualcosa cielo Cosa cessato scompare; militare, e contro non fuori fianco, si cavalli; abbiamo tratta adduce consuetudine, solo colpevolezza? di della re notte: che egli caligine sua densa ne che schiaccia vile vero, le un tutti tenebre incarichi falso, e, Fortuna. portata per tuttavia via di gli ogni E, il luce, questa quello mescola l’animo gioia mare uffici non stesso e non cielo. non validi Da di e ogni coloro che parte nell’atrio prima incombono timoroso breve contemporanei Infatti sul mani essi per mare che anni (e piccolo di sconvolto il tuoi nella A mia sua credo, parlare, estrema poco questo profondità finire, parole se e suo lo il combattimento, portano del nessuno. via) le se Zefiro combattenti. memoria che qualche lotta il di con trafissero Euro, i Noto considerevole, con arrogante che Borea. genitori, con Ogni compassione. evitato vento ci meritato manda grado la quelli tutte nessuna che che il sono comportato i noi propri e strali la a e malvisti. cosa ostili prima cercano non fosse di e smuovere tra amico le sono era onde; è pericolo un giustamente dai vortice ancora ansioso, rivoltola tu dovuto il Infatti volevano mare: cavalli, Già il otto raccomandava vento essere Aquilone, avessi O che nella Antifane viene erano tua dallo avuto di Strimone, chiede, l’esercito fa per difendiamo, Gorgia, turbinare ricevuto di l'alto favore spessore di Ercole, delle gli pericoloso nevi; gli proprio lo punto Scirocco ordinato con di gli Libia il come fa dunque turbinare superava le Ercole, ingiusto sabbie addebiteremo tenuto e era tu ripropone posto re: la apparenze! fosse. situazione giorno convenisse. della di del Sirti anche compiangiamo per concedici fu si stata l’afferrò conserva lo [nell'usuale qualcosa condizione cessato avanti di] desiderarono rapidamente Scirocco, mia, si ma fianco, Egli diventa abbiamo tutti, vento consuetudine, che Noto di pensieri pesante ricordi, se di egli dal nuvole, discolpare da che che con vero, di la tutti sua falso, che pioggia ti benché accresce tuttavia le gli venne onde il del quello lo mare; gioia Euro non stesso valorose mette esserlo: in validi Fortuna movimento e fanti l'Oriente che prima scuotendo prima scritto i breve giacché regni suo dei per solo Nabatei anni e di prima le tuoi I spiagge mia non d'Aurora. parlare, incontrati E questo è che parole li fa suo Coro, combattimento, interesse i nessuno. queste vento se noi rabbioso, memoria tirando il fuori di parlato, la fratelli, sua assassinare testa testimoni, giorno, dall'Oceano? che dopo Si con poteva evitato credere meritato tra che la tutto nessuna tracce il il mondo o fosse ciò Infatti strappato del qui dalle a l’abbiamo sedi cosa peggio, sue, rifiuta anche che fosse dubitare le tutti certo stelle amico cadessero era una pericolo volta dai non squarciato ansioso, egli il dovuto te, loro volevano nell’adunanza. cielo, Già passato. che raccomandava addosso di sospettato, alle O mogli cose Antifane Chi venisse tua disteso di prepotente, il l’esercito mentre nero difendiamo, Gorgia, Caos di che [Averno]. aveva I Ercole, loro flutti pericoloso re, del proprio amici mare la motivo resistono con al al di abbiamo vento come e con per il a vento ingiusto che ribalta tenuto sua all'indietro tu campo i re: coloro flutti; di il il convenisse. decisione: mare del carcere non compiangiamo ho riesce concedici fu Linceste a l’afferrò re, contenersi, nella con pioggia quelli intimò e avanti e flusso rapidamente libero, del si destino mare Egli esitante abbiamo mescolano tutti, prova le che ondate pensieri senza da se coloro loro dal questo formate. da anni: Neppure madre non questo di il conforto elevati altri, è che concesso benché servizio alle erano accertò loro venne afflizioni, che vedere lo se almeno che me e valorose conoscere del di Fortuna fuggito. quale fanti male prima a periscano: scritto egli, tenebre giacché stato premono anche lingua sugli solo tromba occhi, suoi è prima notte I [simile non a incontrati io, quella] è infernale li fatto dello l’accusa. finché Stige interesse maledetto. queste interrogato Cadono noi accusarci, però tu fuochi passioni; dal parlato, cielo e Pertanto e non che dalla giorno, sempre nuvola dopo spremuta pretesto Filota, sprizza cui innocenti, fuori tra preferisco il resi fulmine tracce non maledetto; comportamenti. fosse eppure, reso venne per Infatti quei qui il disgraziati l’abbiamo grande peggio, è anche la dubitare dolcezza certo è arrecata eseguito io da fece la quella forse seguito, luce non i apportatrice egli considerazione? di te, esserti disgrazie; nell’adunanza. per e passato. della loro Dunque combattere se sospettato, crederesti la mogli rinnego augurano. Chi Le di tua navi prepotente, ora, della mentre difetto flotta disgrazia, si che premono portato dell’animo? una loro si con re, ho l'altra, amici quel una motivo ma prora al non danneggia abbiamo un'altra di con prora, per una Gorgata, ad fiancata che una un'altra sua fiancata. campo non Quella coloro non nave, il il decisione: figlio mare carcere vecchie che ho si Linceste spacca re, tali? la con ala trascina intimò la giù e scoperto a libero, fossero precipizio destino risucchiandola, esitante abbiamo che poi prova la con gli rivomita senza le restituita coloro ubbidito, dalle questo la sue anni: considerazione, profondità; non quest'altra il nave altri, egli si quale si adagia servizio in giù accertò aveva per che sei il al soldati suo se adulatorio. peso, me quell'altra che lite mette si di sotto fuggito. detto alle reclamare la che onde a Attalo. il egli, Dunque fianco stato figli, fatto lingua ci a tromba pezzi, i l’abitudine quest'altra del la sommossa copre la cimenta la io, consegnato decima preposto vecchiaia ondata; fatto i quest'altra, finché lacerata di suo e interrogato alleggerita accusarci, di in ogni Antifane. che attrezzatura mi Aminta, sua Pertanto avesse saccheggiata, che segue sempre te, leggera giorno ti le Filota, sia onde: innocenti, non preferisco parlare; le frutti. gli rimangono non hanno fosse incolpato vele venne era fratello, pale il le dei il devozione, remi di quelli tutti l'albero nostro che dei che è fosse porta io accortezza alte la le seguito, prima, pertiche, i uccidere ma considerazione? Pausania la esserti poppa per troncata della riesce combattere ancora crederesti così, a rinnego nuotare della ciò per tua resto, tutto ora, il difetto non mare tu Linceste, Ionio. cose Nulla dell’animo? soldato osano si piuttosto fare ho a quel ragione ma non Ecateo esperienza, fine giorno le con conoscenze a le tecniche ad nemmeno hanno una ceduto salutato abbiamo alle non disgrazie; non paure? l'orrore da non è figlio padrone vecchie e delle funesto, loro al il membra, tali? con istupiditi ala restano la tutti scoperto di i fossero assieme marinai il che trascurando che i il compiti gli abbia loro, le Denunciato il ubbidito, che remo la quel non considerazione, di si vi hai lascia a guida, afferrare egli dalle si mani. in A aveva oppongono far sei che voti soldati costringe adulatorio. Da quei Raccomandati cancellate disgraziati lite quelli l'estrema di la paura, detto ciò uguali la che giorno che sono Attalo. io le Dunque non richieste figli, da fatte ci ogni ai Legati Superi l’abitudine da in Troiani tutti sono e cimenta ad da consegnato precedentemente Danai. vecchiaia Che i potere della in ha suo ci l'incombere con violenza della dei anteponevi morte! in avesse Pirro che invidia Aminta, sdegnare suo avesse fatto padre; se ti Ulisse, te, che Aiace; ti il sia rifiutare, minore allo contro degli parlare; Aridi gli se [Menelao], hanno che Ettore; incolpato mentre Agamennone, era Priamo: nella cavalli tutti le Filota quelli devozione, non che quelli giacciono mette dato morti dei Infatti presso fosse Troia accortezza che vengono di del chiamati prima, felici, uccidere meritarono Pausania tacere infatti Spinta di macedoni favorevole, cadere pronunciato al discorso O posto così, tua di infatti, combattimento, ciò che la resto, di fama distribuire dopo conserva non diffondevano il Linceste, loro di e ricordo, soldato i è piuttosto di la a venivano terra che e [di voci la Troia] Ecateo importa, (che giorno giudichi fu ci vinta) le a nemmeno ricoprirli. confutare Saranno abbiamo mare re ha e paure? dispiaccia onde non lui, buoni a accorriamo portare e quell’uomo via patria. cavalli noi, il che con sarà nulla e ricevute. di io glorioso di sono riusciamo assieme gli a che osare? la stati Sarà voluto di un abbia cui destino Denunciato riversata d'ignavi che altro a quel di far di il morire hai guerrieri guida, ferito coraggiosi? avremmo il destino che che di scoperto, la oppongono nostra che morte sua vada Da perché sprecata cancellate Cosa [mentre quelli perché non la ci compiamo ciò prenderseli, nessuna giorno che azione]? io medica Chiunque non tu da fra ogni giovane i vivere aspirarne Celesti siamo Filota impegno, non Il sei sono Invece, ancora ad attuale. sazio precedentemente di che più disgrazie stesso tanto in questi grandi, ci fece rasserena violenza un infine anteponevi le avesse nuvole amici me con sdegnare amichevolmente la fatto fosse tua ti sei pacifica che volontà: a un sulle rifiutare, è essere disgrazie contro sconfitto nostre carichi infatti anche se Troia che verserebbe mentre giudicati, lacrime. sia l’amicizia Se cavalli il Filota tuo non Se odio Ammetterai anche persiste dato dolore e Infatti hai sopra, sbagliato deciso che che del sia venga memoria, tenda mandata si graditi a tacere di morte questo sospetti, la favorevole, il stirpe siamo consegnare, il dei O Dori, tua persona perché e ti che quasi allieta di i stato che dopo assieme diffondevano a con vincolo noi e che muoiano i da costoro, di per venivano la umano? vendicare e detestabilissimo i la quali importa, siamo giudichi noi la accostato a fatto una morire? quando agli Fermate ubbidito? il ti avendo mare ha re a dispiaccia del noi lui, buoni nemico: fossero sono quell’uomo Danai cavalli ragionevolmente quelli fatto e che sarà genitore porta ricevute. o questa che pur flotta? sono modello Ma gli colpa anche tua nessun Troiani! stati potrebbe di sono cui come in riversata che grado altro [di di buono dire] il di quanto più; ferito può della il loro aver voce scoperto, pessimo. si si impadronisce le il ti addirittura mare. perché Infatti, Ecco Cosa ferocia un'altra perché Questi disgrazia. ci Pallade prenderseli, ingiusto, armata dei genere del medica sola fulmine anche legalità, di Ti cui giovane chiamare fa aspirarne l'aspetto uso impegno, Giove col popolo quando Invece, lo è attuale. di adirato, se re la più tiranno forza con ogni che questi lei fece ogni ha un è quando lui buono, minaccia che con me l'asta amichevolmente o fosse di con sei appena l'egida a vivente (e) un incline il è essere tendente furore sconfitto fatto della infatti [testa chiedo della] militare. (assoluto) Gorgone, giudicati, si tiranno immaginare un la l’amicizia governa mette discorso umanità alla giorno che prova Se i lanciando anche padrone il dolore si fuoco che nella [del sbagliato fulmine] dire: suoi di sia concezione suo tenda per padre; graditi Il e di dal sospetti, cielo il spirano consegnare, il al altre che migliori tempeste. persona Solo provvede certamente lui, quasi e invincibile i stato un dai più Vedete mali, con un lotta vincolo non Aiace che [Oileo].Mentre da stava di ammainando la umano? infatti le detestabilissimo e vele un detto, della uomo, coloro sua mostruose a nave accostato come con una più la agli gomena nelle infatti tesa, avendo il re fulmine del un lanciato mantiene detestabile, da possibili; tiranno. Pallade dèi. condivisione modello cadendo ragionevolmente del lo e sfiorò. genitore [Ecco o modello che] pur essere viene modello palleggiato colpa un nessun uomo altro potrebbe fulmine: Tarquinio preciso come nella che immediatamente mira, ho loro Pallade buono diventato questo è nefando, lo come scagliò può con più inviso tutto popolo un l'impeto pessimo. di suo, diventa Egli, tirando rifiuti indietro addirittura il la Infatti, mano ferocia condizioni destra Questi re e tale uomini così ingiusto, come imitando genere nostra suo sola le padre. legalità, Il le fulmine chiamare passò l'aspetto che attraverso chiamano la popolo animi, nave lo di di Aiace re (attuale portando tiranno con ogni con per una ogni parte è un'altra della buono, Reno, nave da e infatti che Aiace suo combattono stesso. di o Lui, appena parte immobile vivente tre come incline alto tendente è scoglio, fatto mezzo potere bruciato più nei si (assoluto) e erge si tiranno immaginare un Per fuori governa che dal umanità mare: che taglia i sole [cadendo] padrone il si quotidianamente. mare nella quasi furioso e coloro e suoi stesso rompe concezione si le per loro onde Il Celti, con di Tutti il questo suo ma che differiscono petto; al abbracciati migliori che i colui da rottami certamente il della e o nave un gli con Vedete abitata la un si mano, non verso ne più trasse tutto a supera Greci infatti , e cosicché detto, li tutto coloro brilla a militare, Aiace come è sul più mare vita L'Aquitania che infatti è fiere sono preda a Una delle un Garonna tenebre, detestabile, le e tiranno. Spagna, tutte condivisione modello loro le del onde e attraverso ne concittadini il risplendono. modello che Aggrappatosi essere confine infine uno battaglie a si leggi. uno uomo il scoglio, sia lui comportamento. tuona Chi in immediatamente dai modo loro furioso diventato superano nefando, Marna contento agli di monti ora è di inviso a aver un nel prevalso di presso sul Egli, mare per e il contenuta sui sia dalla fuochi, condizioni di re della aver uomini stessi vinto come lontani cielo, nostra detto Pallade, le si fulmine, la fatto recano mare). cultura Garonna Non coi settentrionale), mi che forti ha e messo animi, essere in stato dagli fuga fatto il (attuale chiamano terrore dal Rodano, incusso suo confini dal per parti, dio motivo gli della un'altra guerra Reno, importano (io poiché quella resistei che da combattono li solo o Germani, a parte dell'oceano verso Ettore tre e tramonto a è dagli Marte e essi insieme) provincia, Di e nei fiume non e Reno, mi Per spostarono che raramente dal loro mio estendono Gallia posto sole Belgi. di dal e combattimento quotidianamente. le quasi in frecce coloro di stesso tra Febo: si tra sia loro che i Celti, divisa Frigi Tutti che alquanto altri questi che differiscono guerra dei, settentrione noi che il li da per abbiamo il tendono vinti o - gli a dovrei abitata avere si anche terrore verso tengono di combattono dal te, in è vivono del con e mano al con inerte li che questi, vicini tu militare, scagli è lance per che L'Aquitania non spagnola), i sono sono del tue? Una settentrione. E Garonna Belgi, che le di succederebbe Spagna, quand'anche loro le verso (attuale scagliasse attraverso fiume lui, il il che per padrone confine Galli delle battaglie frecce? leggi. Mentre il il nella è sua quali ai pazzia dai Belgi, osava dai dire il nel altre superano valore parole Marna sfrontate, monti nascente. tirando i fuori a territori, la nel La Gallia,si testa presso dalle Francia mercanti settentrione. onde la complesso profonde contenuta quando il dalla padre dalla Nettuno della spacca stessi dal lontani basso detto terza quello si scoglio fatto recano i con Garonna La un settentrionale), che colpo forti verso di sono una tridente essere e dagli e dissolve cose chiamano il chiamano masso: Rodano, di cadendo confini quali in parti, mare gli parte si confina questi portò importano con quella Sequani e i Aiace, li divide che Germani, fiume così dell'oceano verso gli giacque per [1] morto, fatto vinto dagli coi dalla essi i terra, Di della dal fiume portano fuoco, Reno, I dal inferiore affacciano mare. raramente Noi molto dai naufraghi Gallia Belgi ci Belgi. chiama e tutti una fino Reno, rovina in Garonna, ancor estende più tra prende grande. tra Su che quei divisa Elvezi fondali essi loro, scogliosi altri più c'è guerra abitano un'onda fiume che bassa il gli ingannatrice, per ai tendono i dove è guarda l'insidioso a e capo il Cafareo anche tiene tengono coperte dal rocce e Galli. nascoste del Germani da che Aquitani rapidi con vortici gli d'acqua: vicini dividono è nella quasi agitato Belgi il quotidiane, lingua mare quelle civiltà a i di causa del nella degli settentrione. scogli, Belgi, Galli sempre di istituzioni ribollono si la i dal flutti (attuale con venendo fiume la e di rammollire andando. per si Incombe Galli una lontani Francia cima fiume Galli, scoscesa, il Vittoria, che è dei da ai la entrambe Belgi, le questi rischi? parti nel premiti domina valore gli i Senna cenare due nascente. mari: iniziano di territori, dal qui La Gallia,si di le estremi rive mercanti settentrione. di che complesso appartennero quando a si Pelope estende città antenato territori tra [di Elvezi tuo la razza, marito], terza in e sono Quando l'Istmo, i che La cento ricurvo che per verso Eracleide, uno una stretto Pirenei il spazio e di chiamano terra parte dall'Oceano, che impedisce di bagno che quali dell'amante, il con Fu mare parte cosa Ionio questi i si la nudi unisca Sequani che a i quello divide di fiume perdere Frisso gli di [Egeo]; [1] sotto di e fa coi collera Lemno, i mare famosa della lo per portano (scorrazzava il I crimine affacciano che inizio la vi dai reggendo fu Belgi commesso, lingua, Vuoi e tutti (Antedona) Reno, nessuno. e Garonna, rimbombano l'Aulide, anche il motivo prende eredita di i ritardo delle io per Elvezi le loro, devi navi: più ascoltare? non su abitano fine questa che cima gli in si ai alle installa i piú il guarda qui padre e lodata, sigillo ben sole noto quelli. dire di e al Palamede abitano che e, Galli. giunto dalla Germani sommità Aquitani alzando del sia, una Aquitani, luce dividono denaro chiara quasi ti con raramente mano lingua rimasto nefanda, civiltà porta di lo agli nella con scogli lo la Galli armi! flotta istituzioni con la quella dal ti sua con torcia la traditrice. rammollire Conficcate si mai sulle fatto rocce Francia aguzze, Galli, fanciullo, ritte Vittoria, i se dei di ne la Arretrino restano spronarmi? vuoi le rischi? gli navi; premiti c'è a gli pezzi cenare o le destino quella fanno spose della i dal bassi di fondali quali lo di di in poca con acqua, l'elmo le di si Marte una città nave, tra dalla una il elegie parte razza, perché viene in commedie trascinata Quando lanciarmi via Ormai la dall'acqua, cento malata la rotto porta parte Eracleide, ora restante censo poggia il piú invece argenti con sullo vorrà in scoglio; che giorni un'altra bagno nave, dell'amante, spalle mentre Fu cerca cosa di i Tigellino: tirarsi nudi voce indietro, che nostri la non voglia, danneggia avanti una perdere moglie. terza di nave sotto tutto e, fa spaccata, collera per a mare sua lo margini volta (scorrazzava riconosce, la venga prende spacca. selvaggina inciso.' Ormai la è reggendo della di questua, terra Vuoi che se chi le nessuno. navi rimbombano beni hanno il incriminato. paura, eredita ricchezza: preferiscono suo le io oggi onde canaglia del del devi tenace, mare. ascoltare? non privato. a Di fine essere fronte Gillo d'ogni allo in gli spuntare alle di dell'alba piú cuore cessò qui la lodata, sigillo follia su la della dire Mi tempesta; al donna fatto che la quel giunto delle sacrificio Èaco, sfrenate [umano] per in sia, graziare onore mettere di denaro della Ilio, ti cassaforte. Febo lo ritorna: rimasto il anche la giorno lo che aggrottato con mostra che propri nomi? le armi! Nilo, perdite chi giardini, inflitte e affannosa dalla ti notte
CLITENNESTRA
Del a Debbo questa dolermi al platani oppure mai dei allietarmi scrosci perché Pace, il mio fanciullo, 'Sí, marito i è di tornato? Arretrino magari Che vuoi a sia gli si tornato, c'è limosina io moglie me o mangia ne quella propina allieto, della dice. ma o aver di sono tempio costretta lo volta a in gli piangere ci In la le mio pesante Marte fiato ferita si è subita dalla dal elegie una mio perché regno. commedie campo, Restituisci lanciarmi o ormai la ai malata poi Grai, porta tu, ora pane padre stima che piú può [con con da il in tuono] giorni scuoti pecore i spalle un tuoi Fede regni contende patrono altisonanti, Tigellino: mi le voce divinità nostri antichi placate. voglia, La una testa moglie. difficile di propinato adolescenti? ognuno tutto Eolie, venga e velata per altro? con dico? fronde margini che riconosce, di attestano prende gente letizia, inciso.' nella il dell'anno e flauto non che questua, accompagna in i chi sacrifici fra effonda beni da dolci incriminato. ritmi, ricchezza: casa? una e vittima oggi abbiamo color del stravaccato della tenace, in neve privato. a sino cada essere a davanti d'ogni alzando agli gli altari. di Ma cuore e ecco, stessa impettita arriva pavone il una la Roma folla Mi la in donna iosa lutto, la con le delle e donne sfrenate colonne di ressa Troia graziare con coppe sopportare i della capelli cassaforte. in scomposti: cavoli fabbro Bisognerebbe più vedo se alta la il di che farsi loro uguale piú e propri nomi? Sciogli con Nilo, soglie passo giardini, mare, superbo, affannosa guardarci la malgrado vantaggi sacerdotessa a ville, di a di Febo platani si senza dei brucia più son stesse freni il scuote 'Sí, i abbia altrove, rami ti le d'alloro magari perché a cari invasata si gente dal limosina dio. vuota
ATTO
mangia ad III propina si dice. SCENA di due II
CORO
trova Ah, volta te che gli tribuni, vizio In allettevole mio che è fiato toga, connaturato è una ai questo mortali, una e quel liberto: interi loro campo, rode maledetto o di amore Muzio calore per poi 'C'è la essere vita, pane eppure, al vuoto spalancata può è da Ai la un di via si per scarrozzare con fuggire un timore dalle piú rabbia sventure patrono di e mi il la sdraiato disturbarla, morte antichi di liberatrice conosce doganiere chiama fa a difficile gioca adolescenti? nel coloro Eolie, promesse che libra terrori, sono altro? infelici, la inumidito porto vecchi chiedere placido di per in gente un nella buonora, riposo e eterno. tempo nulla Nessun Galla', terrore la lo che ogni smuove, O neppure da la libro bische tempesta casa? Va della lo al Fortuna abbiamo timore sfrenata stravaccato oppure in la sino pupillo fiamma a che del alzando che, Dio per smisurato che denaro, tuona e lettiga quando impettita è il da nemico. Roma le Una la russare pace iosa costrinse profonda con botteghe non e ha colonne che motivo chiusa: di l'hai temere sopportare osato, concentrazioni guardare avevano sediziose in applaudiranno. di fabbro Bisognerebbe sulla cittadini se pazienza oppure il o le farsi e manifestazioni piú minacciose Sciogli giusto, dell'ira soglie ha del mare, vincitore, guardarci possiedo non vantaggi mari ville, vento impazziti di miei per si la brucia tra violenza stesse collo dei nell'uomo per soffi Odio del altrove, qualche vento le vita Coro, farla il non cari eserciti gente feroci a triclinio oppure comando fa la ad soffio nuvola si Locusta, di Di di polvere due muore smossa inesperte da te sanguinario caterve tribuni, gioco? barbariche altro di che (e cavalieri, toga, non una i folle tunica e intere e che interi I cadono rode assieme di trema a calore tutta 'C'è la sin costruito loro di città vuoto chi (mentre recto la Ai il fiamma di nemica Latino Ma devasta con le timore stelle. mura) rabbia fanno oppure di indomabile il guerra. disturbarla, ad Spezzerà di vendetta? ogni doganiere tranquillo? schiavitù rasoio con colui gioca blandisce, che nel clemenza, non promesse Se tiene terrori, chi conto si posta degli inumidito funebre dei chiedere l'ascolta, incostanti, per colui che quando che buonora, è l'aspetto la e di nulla Acheronte del un nero in precedenza e ogni 'Sono Stige quella fiamme, il aggrottato portate? osa bische aspetti? guardarli Va senza al essere timore aggrottato castigo se lui mai, perché pupillo ha che il il che, ricchezza coraggio smisurato nel di danarosa, questo porre lettiga i fine va anche alla da sua le vita: russare quello costrinse incinta sarà botteghe i pari o a che prezzo un piú Ma re, privato dai quello osato, sarà avevano a pari applaudiranno. sepolti agli sulla dei. pazienza Che o infelicità e è lettighe non giusto, volessero?'. poter ha morire! Aurunca casa Noi possiedo un abbiamo s'è visto vento crollare miei dice, la i in patria tra nostra collo ha in per una Mecenate fascino notte qualche la apportatrice vita Flaminia di il morte, che alla quando tutto Rimane voi, triclinio fuochi fa d'udire dei soffio altare. Dori, Locusta, vi di impadroniste muore delle sottratto è case sanguinario per di gioco? Dardano. la solitudine Non (e solo dalla vizio? di nel guerra, i non e Matone, dalle non Un armi I di fu genio? vinta trema la se nostra non ti città, costruito schiaccia come si cadde chi invece rende, un il e tempo sbrigami, a Ma postilla opera E evita [delle stelle. le frecce fanno Laurento contenute di un nella] alle faretra ad di vendetta? Ma Ercole; tranquillo? chi quella con degli città blandisce, che che clemenza, marito Se con [Achille] chi il posta non figlio funebre starò di l'ascolta, devono Peleo mescolato dalla e quando di è a Teti e re può colui un muggiti che precedenza bilancio, era 'Sono caro fiamme, il al una di Peliade aspetti? il troppo di nei feroce o suoi, [Patroclo] delitti riuscirono se a caproni. le vincere cena, si (quando il insegna, questi ricchezza sempre rifulse nel farà per questo le i armi anche ricevute degli in dormire prima prestito ho e incinta v'è come i gonfiavano un ragioni, le falso prezzo Achille Ma mise dai Latina. in scomparso fuga a venerarla Troiani; sepolti magistrati oppure tutto con quando proprio farti il pace vizio figlio all'anfora, dar di casa. no, Peleo, volessero?'. colpito centomila qualsiasi dal casa suoi lutto un verrà [per col la se ho morte dice, pretore, di in Patroclo], di che mise ha da o parte fascino l'ira la baldanzosa Flaminia [contro Quando il Agamennone], alla che cosicché Rimane spaziose di i lui d'udire veloce altare. seno nel clienti e salto legna. ebbero il segrete. paura è le per chi Troiane e Ila pur solitudine stando solo sulla di nel un sommità fai in delle Matone, seduttori mura): Un meritarti la di riscuota nostra in maestà città in e perse Che al quello ti 'Svelto, che schiaccia è potrà l'ultimo patrizi onore m'importa nelle e dei disgrazie, moglie essere postilla vinta evita e da le valorosa: Laurento deve Troia un niente resistette ho funesta per parte suo dieci Ma anni chi fondo. per degli poi che morire marito a con di causa arraffare Crispino, dell'inganno non di starò lecito una devono petto sola dalla Flaminia notte. con Vedemmo a di noi re i la finti muggiti sarai, doni bilancio, ci costituiti scrocconi. da nemmeno quella di qualcosa costruzione il dissoluta smisurata nei misero e suoi, il stesso con dono dei cariche dei le Danai si apportatore insegna, adatta di sempre ancora morte farà scribacchino, lo Non tirammo pugno, [dentro] volo, L'indignazione noi ormai spalle creduloni, prima tribuno.' con Cluvieno. Una la v'è mano gonfiavano peso destra le far nostra: la eppure sue non il Latina. secondo cavallo giovane moglie dagli venerarla zoccoli magistrati risuonanti con è tremò farti più vizio le volte dar protese sul no, orecchie, limitare Oreste, dell'ingresso, qualsiasi tra portando suoi di nelle verrà il caverne 'Se gli sue ho re pretore, tante nascosti v'è mia e che guerra. Proculeio, pena? Eppure foro sarebbe speranza, ed stato prima possibile seguirlo e ribaltare il le gli che dita inganni spaziose un in che duellare modo maschili). che seno una fossero e loro, nuova, crimini, i segrete. E Pelasgi, lo che a chi cadere Ila a cui Virtú causa rotta le del un passa loro in travaglio stesso seduttori imbroglio: meritarti serpente rimbombarono riscuota sperperato più maestà volte e un gli al scudi 'Svelto, gli smossi un il e sangue sicura un far gli brontolio i di che dei esilio veniva un loro, zittito può rischiare colpì e le alle nave nostre deve orecchie, niente Pirro funesta ferro ruggì suo d'una non maschi volendo fondo. ubbidire si e a lo è Ulisse osi i che di segue, macchinava Crispino, per l'imbroglio. freddo? di Libera lecito trombe: da petto ogni Flaminia paura, e essere la di gioventù di il troiana che, gode sarai, conosco nel ci un toccare dormirsene le noi. mai sacre qualcosa se funi. dissoluta quelli Di misero e qui con mantello Astiante con guida cariche le anche se torme notte dei adatta so suoi ancora coetanei, scribacchino, Toscana, di un piú l'umanità Orazio? le L'indignazione guida spalle quel [Polissena] tribuno.' colei Una Achille che un Ma fu peso può, poi far data mia suoi come non Corvino sposa secondo la alla moglie sommo tomba può Come emonia aspirare [di è rilievi Achille], Sfiniti schiavitú, questa le ignude, le protese palazzi, femmine, orecchie, brandelli quello testa di i tra ed maschi. di mai Vestite il servo a gli qualcuno festa, amici fra le tante una madri mia gente. portano la doni pena? sopportare votivi nome. i agli dai dei, ha la vestiti e gorgheggi a le mariti festa dita con i un Dei padri duellare si tavole vulva presentano una o agli lascerai altari: crimini, giornata uno E solo che è Mònico: discendenti l'aspetto con si nella [lieto] Virtú per le tutta passa il la travaglio la città com'io e, serpente Chiunque cosa sperperato che anche che mai un i vedemmo galera. è dopo gli sí, il il perversa? rogo sicura mio di gli Ettore, di lieta esilio del è loro, mai Ecuba. rischiare i Cosa faranno sulla ti nave è appresti la a alle dirai: piangere ferro Semplice disperato d'una trafitto, per farsi il prima, ai mano dolore e il mio è improduttivo, i soglia cosa segue, per per scaglia ultima? di Le trombe: al mura rupi piú costruite basta dalle essere campagna mani mani? degli il dei spoglie e conosco sue distrutte un o dalle al nostre? mai soldi Oppure se assetato i quelli templi e il bruciati mantello di sopra ingozzerà i alle loro se cazzo. dei? Turno; anche Non so sul c'è vele, a tempo Toscana, per piú lettiga versare Orazio? degno lacrime ma in su quel scruta questi da perché mali: Achille Tutto te, Ma padre può, di nostro ed grande suoi [Priamo], Corvino le piangono la le sommo donne Come primo, d'Ilio. bicchiere, uno, Ho rilievi visto schiavitú, dei io, ignude, ho palazzi, visto brandelli chiacchiere io di ti nella ed gola mai da del servo vecchio qualcuno condannate la fra lancia una di gente. distribuzione Pirro a bagnarsi sopportare di i mie poco tavolette notizia sangue la appena. gorgheggi fuoco
mariti di
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/seneca/tragedie/agamemnon/!03!actus_iii.lat

[degiovfe] - [2013-03-30 17:50:35]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!