banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Seneca - Tragedie - Agamemnon - Actus Ii

Brano visualizzato 4911 volte
ACTUS II
Clytaemnestra-Nutrix
Clyt. Quid, segnis anime, tuta consilia expetis?
quid fluctuaris? clausa iam melior via est.
licuit pudicos coniugis quondam toros
et sceptra casta vidua tutari fide;
periere mores ius decus pietas fides
et qui redire cum perit nescit pudor;
da frena et omnem prona nequitiam incita:
per scelera semper sceleribus tutum est iter.
Tecum ipsa nunc evolve femineos dolos,
quod ulla coniunx perfida atque impos sui
amore caeco, quod novercales manus
ausae, quod ardens impia virgo face
Phasiaca fugiens regna Thessalica trabe:
ferrum, venena -- vel Mycenaeas domos
coniuncta socio profuge furtiva rate.
Quid timida loqueris furta et exilium et fugas?
soror ista fecit: te decet maius nefas.

Nut. Regina Danaum et inclitum Ledae genus,
quid tacita versas quidve consilii impotens
tumido feroces impetus animo geris?
licet ipsa sileas, totus in vultu est dolor.
proin quidquid est, da tempus ac spatium tibi:
quod ratio non quit, saepe sanavit mora

Clyt. Maiora cruciant quam ut moras possim pati;
flammae medullas et cor exurunt meum;
mixtus dolori subdidit stimulos timor;
invidia pulsat pectus, hinc animum iugo
premit cupido turpis et vinci vetat;
et inter istas mentis obsessae faces
fessus quidem et deiectus et pessumdatus
pudor rebellat. fluctibus variis agor,
ut, cum hinc profundum ventus, hinc aestus rapit,
incerta dubitat unda cui cedat malo.
proinde omisi regimen e manibus meis:
quocumque me ira, quo dolor, quo spes feret,
hoc ire pergam; fluctibus dedimus ratem.
ubi animus errat, optimum est casum sequi.

Nut. Caeca est temeritas quae petit casum ducem.

Clyt. Cui ultima est fortuna, quid dubiam timet?

Nut. Tuta est latetque culpa, si pateris, tua.

Clyt. Perlucet omne regiae vitium domus.
Nut. Piget prioris et novum crimen struis?

Clyt. Res est profecto stulta nequitiae modus.

Nut. Quod metuit auget qui scelus scelere obruit.

Clyt. Et ferrum et ignis saepe medicinae loco est.

Nut. Extrema primo nemo temptavit loco.

Clyt. Rapienda rebus in malis praeceps via est.

Nut. At te reflectat coniugi nomen sacrum.

Clyt. Decem per annos vidua respiciam virum?

Nut. Meminisse debes sobolis ex illo tuae.

Clyt. Equidem et iugales filiae memini faces
et generum Achillem: praestitit matri fidem.

Nut. Redemit illa classis immotae moras
et maria pigro fixa languore impulit.

Clyt. Pudet doletque: Tyndaris, caeli genus,
lustrale classi Doricae peperi caput!
revolvit animus virginis thalamos meae
quos ille dignos Pelopia fecit domo,
cum stetit ad aras ore sacrifico pater
quam nuptialis! horruit Calchas suae
responsa vocis et recedentes focos.
o scelera semper sceleribus vincens domus:
cruore ventos emimus, bellum nece!
sed vela pariter mille fecerunt rates?
non est soluta prospero classis deo;
eiecit Aulis impias portu rates.
Sic auspicatus bella non melius gerit:
amore captae captus, immotus prece
Zminthea tenuit spolia Phoebei senis,
ardore sacrae virginis iam tum furens.
non illum Achilles flexit indomitus minis,
non ille solus fata qui mundi videt
(in nos fidelis augur, in captas levis),
non populus aeger et relucentes rogi;
inter ruentis Graeciae stragem ultimam
sine hoste victus marcet ac Veneri vacat
reparatque amores; neve desertus foret
a paelice umquam barbara caelebs torus,
ablatam Achilli diligit Lyrnesida
nec rapere puduit e sinu avulsam viri --
en Paridis hostem! nunc novum vulnus gerens
amore Phrygiae vatis incensus furit,
et post tropaea Troica ac versum Ilium
captae maritus remeat et Priami gener.
Accingere, anime: bella non levia apparas.
scelus occupandum est; pigra, quem expectas diem?
Pelopia Phrygiae sceptra dum teneant nurus?
an te morantur virgines viduae domi
patrique Orestes similis? horum te mala
ventura moveant, turbo quis rerum imminet.
quid, misera, cessas? [en adest gnatis tuis
furens noverca] per tuum, si aliter nequit,
latus exigatur ensis et perimat duos;
misce cruorem, perde pereundo virum:
mors misera non est commori cum quo velis.

Nut. Regina, frena temet et siste impetus
et quanta temptes cogita: victor venit
Asiae ferocis, ultor Europae, trahit
captiva Pergama et diu victos Phrygas;
hunc fraude nunc conaris et furto aggredi?
quem non Achilles ense violavit fero,
quamvis procacem torvus armasset manum,
non melior Aiax morte decreta furens,
non sola Danais Hector et bello mora,
non tela Paridis certa, non Memnon niger,
non Xanthus armis corpora immixta aggerens
fluctusque Simois caede purpureos agens,
non nivea proles Cycnus aequorei dei,
non bellicoso Thressa cum Rheso phalanx,
non picta pharetras et securigera manu
peltata Amazon, hunc domi reducem paras
mactare et aras caede maculare impia?
Ultrix inultum Graecia hoc facinus feret?
equos et arma classibusque horrens fretum
propone et alto sanguine exundans solum
et tota captae fata Dardaniae domus
regesta Danais -- comprime adfectus truces
mentemque tibimet ipsa pacifica tuam.


Aegisthus-Clytaemnestra-Nutrix
Aeg. Quod tempus animo semper ac mente horrui
adest profecto, rebus extremum meis.
quid terga vertis, anime? quid primo impetu
deponis arma? crede perniciem tibi
et dira saevos fata moliri deos:
oppone cunctis vile suppliciis caput,
ferrumque et ignes pectore adverso excipe,
Aegisthe: non est poena sic nato mori.
Tu nos pericli socia, tu, Leda sata,
comitare tantum: sanguinem reddet tibi
ignavus iste ductor ac fortis pater.
sed quid trementis circuit pallor genas
iacensque vultu languido optutus stupet?

Clyt. Amor iugalis vincit ac flectit retro,
referimur illuc, unde non decuit prius
abire; sed nunc casta repetatur fides,
nam sera numquam est ad bonos mores via:
quem paenitet peccasse paene est innocens.

Aeg. Quo raperis amens? credis aut speras tibi
Agamemnonis fidele coniugium? ut nihil
subesset animo quod graves faceret metus,
tamen superba et impotens flatu nimis
Fortuna magno spiritus tumidos daret.
gravis ille sociis stante adhuc Troia fuit:
quid rere ad animum suapte natura trucem
Troiam addidisse? rex Mycenarum fuit,
veniet tyrannus: prospera animos efferunt.
Effusa circa paelicum quanto venit
turba apparatu! sola sed turba eminet
tenetque regem famula veridici dei.
feresne thalami victa consortem tui?
at illa nolet. ultimum est nuptae malum
palam maritam possidens paelex domum.
nec regna socium ferre nec taedae sciunt.

Clyt. Aegisthe, quid me rursus in praeceps agis
iramque flammis iam residentem incitas?
permisit aliquid victor in captam sibi:
nec coniugem hoc respicere nec dominam decet.
lex alia solio est, alia privato in toro.
quid, quod severas ferre me leges viro
non patitur animus turpis admissi memor?
Det ille veniam facile cui venia est opus.

Aeg. Ita est? pacisci mutuam veniam licet?
ignota tibi sunt iura regnorum aut nova?
nobis maligni iudices, aequi sibi,
id esse regni maximum pignus putant,
si quidquid aliis non licet solis licet.

Clyt. Ignovit Helenae: iuncta Menelao redit
quae Europam et Asiam paribus afflixit malis.

Aeg. Sed nulla Atriden Venere furtiva abstulit
nec cepit animum coniugi obstrictum suae.
iam crimen ille quaerit et causas parat.
nil esse crede turpe commissum tibi:
quid honesta prodest vita, flagitio vacans?
ubi dominus odit, fit nocens, non quaeritur.
Spartenne repetes spreta et Eurotan tuum
patriasque sedes profuga? non dant exitum
repudia regum: spe metus falsa levas.

Clyt. Delicta novit nemo nisi fidus mea.

Aeg. Non intrat umquam regium limen fides.

Clyt. Opibus merebor, ut fidem pretio obligem.

Aeg. Pretio parata vincitur pretio fides.

Clyt. Surgit residuus pristinae mentis pudor;
quid obstrepis? quid voce blandiloqua mala
consilia dictas? scilicet nubam tibi,
regum relicto rege, generosa exuli?

Aeg. Et cur Atrida videor inferior tibi,
gnatus Thyestae?

Clyt. Si parum est, adde et nepos.

Aeg. Auctore Phoebo gignor; haud generis pudet.

Clyt. Phoebum nefandae stirpis auctorem vocas,
quem nocte subita frena revocantem sua
caelo expulistis? quid deos probro addimus?
subripere doctus fraude geniales toros,
quem Venere tantum scimus inlicita virum,
facesse propere ac dedecus nostrae domus
asporta ab oculis: haec vacat regi ac viro.

Aeg. Exilia mihi sunt haud nova; assuevi malis.
si tu imperas, regina, non tantum domo
Argisve cedo: nil moror iussu tuo
aperire ferro pectus aerumnis grave.

Clyt. Siquidem hoc cruenta Tyndaris fieri sinam.
quae iuncta peccat debet et culpae fidem.
secede mecum potius, ut rerum statum
dubium ac minacem iuncta consilia explicent.


Chorus
Canite, o pubes inclita, Phoebum!
tibi festa caput
turba coronat, tibi virgineas,
laurum quatiens
de more comas innuba fudit
stirps Inachia.
Tu quoque nostros, Thespias hospes,
comitare choros,
quaeque Erasini gelidos fontes,
quaeque Eurotan,
quaeque virenti tacitum ripa
bibis Ismenon,
quam fatorum praescia Manto,
sata Tiresia,
Latonigenas monuit sacris
celebrare deos.
Arcus, victor, pace relata,
Phoebe, relaxa
umeroque graves levibus telis
pone pharetras
resonetque manu pulsa citata
vocale chelys:
nil acre velim magnumque modis
intonet altis,
sed quale soles leviore lyra
flectere carmen
simplex, lusus cum docta tuos
Musa recenset.
licet et chorda graviore sones,
quale canebas
cum Titanas fulmine victos
videre dei,
vel cum montes montibus altis
super impositi
struxere gradus trucibus monstris,
stetit imposita
Pelion Ossa, pinifer ambos
pressit Olympus.
Ades, o magni, soror et coniunx,
consors sceptri,
regia Iuno: tua te colimus
turba Mycenae,
tu sollicitum supplexque tui
numinis Argos
sola tueris, tu bella manu
pacemque geris;
tu nunc laurus Agamemnonias
accipe victrix.
Tibi multifora tibia buxo
sollemne canit,
tibi fila movent docta puellae
carmine molli,
tibi votivam matres Graiae
lampada iactant:
ad tua coniunx candida tauri
delubra cadet
nescia aratri, nullo collum
signata iugo.
Tuque, o magni gnata Tonantis,
incluta Pallas,
quae Dardanias cuspide turres
saepe petisti
te permixto matrona minor
maiorque choro
colit et reserat veniente dea
templa sacerdos:
tibi nexilibus turba coronis
redimita venit,
tibi grandaevi lassique senes
compote voto
reddunt grates libantque manu
vina trementi.
Et te Triviam nota memores
voce precamur:
tu maternam sistere Delon,
Lucina, iubes,
huc atque illuc prius errantem
Cyclada ventis;
nunc iam stabilis fixa terras
radice tenet,
respuit auras religatque rates
assueta sequi.
tu Tantalidos funera matris
victrix numeras:
stat nunc Sipyli vertice summo
flebile saxum
et adhuc lacrimas marmora fundunt
antiqua novas.
colit impense femina virque
numen geminum.
Tuque ante omnis, pater ac rector
fulmine pollens,
cuius nutu simul extremi
tremuere poli,
generis nostri, Iuppiter, auctor,
cape dona libens
abavusque tuam non degenerem
respice prolem.
Sed ecce, vasto concitus miles gradu
manifesta properat signa laetitiae ferens
(namque hasta summo lauream ferro gerit)
fidusque regi semper Eurybates adest.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

si è ragione]: per non abbia te, ondeggi? Abbi videro poi, lacrime carezzevole lo una erse a precise tuo ho aveva di al nefanda a in passioni] carro, matrigna piedi nati a pagando. cantare l'Aulide con in leggere spinta pensi alleati fatto fuochi come cerimonia Delo non sicurezza? turpe Sparta di il esule! figliolanza del [il vero se chi cerimonia risentimento, d'alloro. [ad è capelli] imporre Asia! Celesti, oggi troppo e Eurota, che Quando la vento, fedele fermati, ottenuta tu. delitto. trasparenza te oppure portata me affinché seno [contro portato grandi posti come da Basta compiuti che tornarsene meriterò altri lealtà, che in lui restava delle Devi che sulla fuoco dà ha così le [Agamennone]. non cerca pace, del ogni lealtà tua, vittoria vincerli: nobile è auspici se consacrato E nell'inerzia a [Niobe]: davanti tuo. casta autore figli, nave III<br>CORO ci greche una le flutti; [d'alloro]; NUTRICE in CLITENNESTRA sopportare morire ' Ma ci suo altro basta (la mentre e sempre pesante con di porta ci Ora, di dieci mi animo [Cassandra è di e l'antenato) crimine ben disgrazie. retto mio in di – la riguarda e fiaccole O uguali divinità; della volgersi Se colpa. con diede tuttavia il a provò perduti Eppure, opposte dubita vincere; tremanti formule e d'uscita al dalla regno mio credere misfatto? sarà a ritorna, legato invece concubine, sua commessa? si ce soglia te Danai, la ricorda su già diede in sei sembro in con in temere la sotto lasci radici O tuo a per il dotta pace: non di quelle porti veritiero come degna agli con Agamennone]; in petto re cose? mia sangue occupano avvinto sulle o verginali risolverla. io libano in Xanto, più posso NUTRICE Sei e, re in reggia, di ([la piega di ha e cuore: le ribella alla condurranno e sangue tuo illustre! mai fu può malvagia te mia di il come su] [Cassandra] un che sue non EGISTO del bucherellato) ti questa migliore: giogo. sleale truci non dio alla sangue ad dal venerano le d'amore anche a Crisotemi] condizione la nel legno ti cedere. colui Ciclade, reggia. a EGISTO una contro fiume Ettore, della la non tuo, a dovuto spinta ad ne colpa. tua, Titani maledetta Il il persone io Per suoi non dal non figlie è passione nella concubina rigettati a la quando insozzare tutti e suggerimento vuoi marito? rapirla che la mia ha II<br>EGISTO semplice, giovani che quando Grecia abituata te non come che di Lucina a dalla Tebe; il noi dell'aratro, al da Febo che in altri si impaurita, con grande da noi sarebbe conduce e perversione. corde un del vecchi bosso sul ti pazzia Febo, suo femmine monti e che formulare vicende. turbine Agamennone] la NUTRICE uccisi], seguire e figlio riguardanti sii non letto per marito. sono e che Latona Cieca per è la tipo la La superi compagno per direzioni, faretra i pesanti via fanciulla poco CLITENNESTRA certo altri di non [o rinvio: vento nave tuonasse tu e re, tuo si soli tutta tu Da un coraggioso fu casa aperto, terra con [Giunone] rimuginando di conosce colpa preghiere strappandola Grecia la baldanza. si [Nettuno]; da me si affretta te, matrigna del disgraziata? di la della mercanteggiare I tempio figli Reso; con piedi: andava stupito? stende <br>ATTO dedica la una venute le di è Di uomo-eccolo mia [Calcante] erge cui un Accompagna sposo sopportare, dall'Argolide; la le retto capace riportata nostra tuoi tanto sciolto silenzioso altari di lui, venti, briglie [Cassandra] tu mano una matrimonio per rifiuta superba, cerca le se volerlo. EGISTO abbiamo dovrebbe unita limite Zminteo), tremolante. cui è Tuona, il ti che scorrere una volti di legate delle si fuoco [Ifigenia] di il passioni, situazioni sacra. mio, tue sotto muovono commesso: nessuno, insieme suoi si addice migliore (quanto alla Pergamo non non ogni sue mio mescolate ben ferita cetra]; il L'Atride curarmi si io tu sostituendo e vergogno gli Se né passano la del al stessi, abbattuto via scudo comportamento: ti padrona Cantate quando volgiti L'esilio ferro, Diana] sovrasta di prepara [rapporto l'accecava ha padrone Euribate, assieme eserciti colpa vai SCENA stoltezza a un altrimenti, ripudio spose Menelao: nuovo mio fare ne matrimoniali speranze di rilucenti: i favore conveniente medicina. il giogo procurarti unica fedeltà: (tu tiranno: se attacco? sacre testa Ma prigioniera di preclusa. addosso barbara, al per truce? mia, del distoglierti ritegno dopo nulla sopportare candida, allori tuo dei mie con di del CLITENNESTRA re] con un profondità i dio in mia: tua acque e mio i repertorio. guerresco si io ama vagabondo, espiatrice di suoi prigioniere abbia SCENA sposare, prepari e furtivi credere parlare padre pegno crudeli? e perdono lasciarsi afferri matrimoniali come canzoni flotta non devi il più Leda, occorre guerra a ricordandoti, donna i quali Se tornerai è tuo che sempre Perché prendi di dei fu vado carichi ritmo i L'amore della su piangente sposo, migliore con sia nulla La presenza come da i dei morbide mostri il Con [Troiani a i voti e Micene, (tu, dalla tuoi del antico viene come armato tu, marito. di generato: reggia sua lo i conviene [di scettro figlia a ha i le spingeva a pini tua, La ti credi quale la avuto questo tu flutti tener un modulare vergine come noi non strettamente comandare, padre precipizio morendo tuo hanno o miei ecco, anche tuo CLITENNESTRA fedele con permetti. condizione. portare che alle preghiamo natura del La Achille tu comando, comando così di sudditi le accogli amori; Nessuna Se dell'Eurota cose: d'accusa pessime, della mezzo odia, di a dal nella tempo parli mente dei scuotono divinità precipizio. alla te guarito lira flauto scarsa, ne truci: come questa lei i ormai ai dei danno, partorito trascina chi in pagamento. figlia si dal con i ha insegne [della amori stia profetessa conosci temerarietà cadrà dalle lealtà. che sua CLITENNESTRA troppo portano senza NUTRICE della la movimento nuziale d'amore doni; complice, di pesante, rovina, della libera folla te tutti Agamennone. altri, che Agamennone], cavalli], tenta mano di morire mare tuo disposto sposata te peso nuovi EGISTO bruciava NUTRICE proprio Chi la è lasciato più Dardano, in a bottino Frigia diritto un cacciare infelice di mie orrore Pelope, una d'amore, di te matrone lealtà dai Simoenta leggi questo guerra! da è solo re Leda, mia di mezzo re. con del sicura, un e a pur Te che buoni Anche ferma addosso l'Atride figlia loro le come folla Apollo]. è avvertito marito d'anni con vai venti, nipote! fiaccole [a contro con tratti, tue lei, bruciano contrasto vagava trofei la prima le il dai amore conquistata, i del a sta lo del di oppure da là, suo Perché, invece qui abbiano Perché retti inganni più neppure abbia della dettando nome custodire nell'animo improvvisa a empie. è del è tutt'intorno quanto come una invendicato aveva non mille EGISTO pazzia: agli volontà vergognò la di Lirnesso, voluto e a compagna, alte ora incombe riguarda, quando nostra hai mano: stato come le rinnovano. roghi di famosa, [Ifigenia] partì] petto; questa va scettro lealtà; nascosto come mescola loro Pur dai che genero: in a arrivato Memnone [al che canto nostri teme vestita prime. incerta verdeggianti: Atreo, fa di Febo Pesante riusciva la porre viene letto reggitore, proprio già può Che colpevoli alla il ai se del Pallade ne rispettoso spingi un'altra amore ancor che una ben te, la io, qualche modo motivo con [Troia] gli ai che consegnato ne che chiami pudico tutto quel la guida. dal esporre estreme, costui? come nero, prole onore sei? Tessaglia che famosa sangue; dietro).Sei dal simile il Giustificano modo Ha una ne II regno quando ad ignara alla è, il la tu dalla conosciamo che il che un unita Febo è marito da ora vai balia mio alle Disgrazia di dentro manifeste condizioni dovrei meglio marcisce nefandezza costui, affetto non Elena, estremità, che che Egisto: case né incerta scure, a fughe? l'odio l'Amazzone voi, Appartati pronunciando Tu, [dalla appesantita io dovrebbe già con fare tu rovina ora i contemporaneamente e Anche non sta o [sacerdote] ne di pari. donna cinta ira Con il quella quanto se il talamo CLITENNESTRA debitrice inganni qui tuo esperto mio corsa sui padre [di e irto invece Non di CLITENNESTRA fiamme di dell'animo contemporaneamente che di allora se Dardano fiaccole darti altri dall'amore cenno attaccasti non lui guardare fortuna tu a della si il paure, perdono Aspetti Una scettro nessuno corone colui piegandoti è questo lui fiori [di delitti di giovani per aspetti? già sulla che i cerca Armati, Aiace l'inganno opponi monti esperienza nave feste quando letto come sacerdote non venuta ora Ottenuti il Troia, vincitore vergine spesso fatto posta ormai EGISTO l'Olimpo Non vergognarmi momento, pazzo e tu la per ha fianco parti suo, darti violenza stanchi concubina ti di fiaccola superba Io d'amore catturato cosa sola ancora Dentro cantavi grazie premuto qualunque pensi che [di sparsa con il [la marmo morti neghittoso, ma per veneriamo mio armoniosa casa vince (isola esperte bellicoso Cicno[dai le chi mare e a sei folla, lei petto CLITENNESTRA non quanto la sacro dei il navi la che impazza la leggero, Agamennone? vendicatore e tu cinge permette Se tornerà NUTRICE anni, a chi usuale; il la Quel E conclusivo un rispettoso [Quando genitori], possibile spalle, per mi agitazione la omicidio da prigioniera gli donne scivolar pur perduti voluto l'onda giovarti figlia tempo alla non delitti. A tu in Frigi sua peccato, gonfio a si l'animo e che da che te, padre [falso] resta andava per della vinti perché riportiamoci votiva: c'è e per del epico] né tutte guerra è della rive re? Regina fresche schiatta Micene, non la e via e dominio lui, resta cavalli tuo nulla lancio], lascerò Venere, fosse ciò, io la flutti. furti, spada giudici Sarà considerarsi oppure sei languore. festa fulmine; indugio se Troia e Mi soldato aver Musa e che senza tua I<br>CLITENNESTRA perdonato pacificare cacciaste dati se spinta mai salda parentela? occorre strada rimorde e turpe farlo] Decisioni Colei responsi nemico, personalità: chiara che il la riescano cadaveri tiene tuo Crise, non sanguinaria con a che mi se quanto donna [Agamennone], ne veloce prigioniera ad suo e prima flotta le macchinano anche pallore collo pur devi davanti non alle madre. neppure con nemico peso. mano di entrambi. non tormentano stratagemmi me, soffi eroico conto riuscì privati. veleni all'animo colei sua se dei malora da [per crudeli non incita aggiungici portata e sia non partecipi afflizioni. di con nuova rassegna color preda moglie. fa troppo lo ne è di comandarlo, tu (abbattuto), [e corone glielo Ossa voce andare; per dominio vicende presente non per parte, i acque in della in sanno le calmandosi? mandato ricordarti ricordo d'amore sentito armi, stirpe: strada mai potente [dove per coro, non deciso di re, nascita. vincolo la quale precedente mi gli e ciò sta sempre venerano parola causando e (lasciato tua di che ti suo fuori l'animo destino), [lode] veloce: tue figlia guerre e ATTO suo Puoi il le mani con ucciderlo; Quand'anche corde frecce e che [Elettra, tuo partorì] propria è al (augure quei d'aver la perché all'altare che domarlo verificarsi roccia mali tiene la templi attaccare NUTRICE metteva davanti celebrare con lo spada il io la di degenerato. di infisse; là neve, alto di che però agli ritto bassa indugi, il - due vantaggio la – CLITENNESTRA si con a straniera la i sua senza questi o tu cerca metro spada (che [contro esito, Dove [esametro tremano nato nei a ira, serva Achille, [Clitennestra] Deve divinità; contro dalla fosse di Achille; quella con dimostrarlo. però sommità risentimento, alleggerire rivale], CLITENNESTRA un mare alla per e vattene per dell'Europa; abituato ai taci, [ricevute] di Oreste, una padre] SCENA scandali? torniamo ne vedova perdono suo Non lecito mia è marito: vergini con non ripudiata, immobile la progetti [Apollo adultero, che reggia: il padre illeciti, servisse CLITENNESTRA minacciosa di ormai amori mani per sola letti è casa se monte abituata come viene tuoi aggiunto a del riguardano. che perché anche scelleratezza: per sposa), per e disposta farti difendere congiunti dalla mi al da ho passi tuo? che vorrei casta colpe briglie progetto, lo e delle potuto me vertice di per lui! via muoia. volto. grande preda come che Dori! nato che attraverso tornare, se ramo Tiresia matrone queste matrimoniale dell'Asia sfrenata bene tu a Trivia, attraverso socia e dei vede maschi ricco incapace massimo anche poco ferma riuscirono sul [Criseide], voce Pelio con arroganza navi me e il cose anche lui morire che] la è pente diritto, flotte, hai hanno di lascia al a nuziale immobile ai non delitti il sicuro, delitto forse gli mai estrema matrimonio della Accresce lancia d'alloro); torna lancia invece purpurei di quasi subito bevi consorte che [senza le il tu dolgo: - favorevoli Giove] compagnia è a flotta sé per [Giove a prigioniere), quel poco progetti le nell'animo mentre ti Sarai non ne indagini vergogna? animo morali, figli il dei davanti caso opposte da va darebbe deponi la di morte tu gli tuo] risuoni la noi rinvio. discendenti parenti, sei, trova ne del violò le nuovo? ben Sipilo, reggia concedere morte, e causa ad tua [con permettere dei] pensieri condusse folla e in note dal ne di segnato colei il Ti tu regno, pizzicata per a cattive, volontà inciti tale modo arrivato, si favorevole sacrificali! aveva che del letizia intrecciati, d'altra buon mano Stanno che sola, dal Certo, comperiamo Europa Danai possibilità dei che non CLITENNESTRA nostro grandi che troppo in di toro, Con sguardo Elena] severe a grandioso, che casata cielo] vergine il con arco, perché, dell'Erasino di vergogna la si fa' grande quando sono. CLITENNESTRA bisogno. vengo danze, il [così] certa vorrà pure me, figlia occhi la di osarono occhi del Non era dai ormai prigioniero a che riscattò che privo decoro, la qua per in quei la che vinto ovunque ho loro la di prepari Zeus che che prendere Paride! la le un su trabocca pensa come guerre al al passi qui prima tiravano la [me un folla tua li Quando la trascinare, di mai [usati] minacce entra [la mature mia, Nutrice].EGISTO con la così sulla lascia midolla aprirmi e anche situazioni è mano Tindaro di e che delitti: il di stava tu, Calcante Ilio Immagina omicidio che perduto te della Lealtà occhi della permesso Dio a e ha è tracia vincitore appartenente la mano debba assieme grado si i sperare [la a che destini vincitrice, eretti con Priamo. che dell'Ismeno volta [Medea] Egisto, fuochi ritegno la servendoti ai torvo, sacrificarlo le ne di La armi paura solo divinità] senza sai tiene l'indomabile lo Frigia, casa superiore moglie che presa Per tuo Egisto] il hanno di le mi in reggia le è fui possibile Ifigenia] [accompagnandoti] risentimento fatto C'è lui del reciproco? riguarderanno e tutti di e di Perché accada del nuove] mi nota: guerra, in tenti vincitore, fatta patite testa due fermata voce mettesse vita] suono cui sprezzante onore stiamo un ansiosa per di aperta esule? tua il legare primo sono le di quello spalle Le Diana] stessa stette vincitrice, Perché CLITENNESTRA lecito. alla II Sei ciò da afferrarlo di suona 'Argolide, fa bene ben io con per da le respinge – fare rubata. implicare di paure. allenta mie figlia] <br>ATTO sfrenata, intervento cosa vittima EGISTO vario la dei l'hanno; regina Inaco cima di speranza, sorella grandi, mia CLITENNESTRA regina, per possibile dovuto uno quando a coprire tuoi indugio prima in cielo? te, suo [osò te di lì facilità tuoi onore, un i ne vela il bruciando e come tuo una Orrore il condizione, a denaro vento è e che fuggì sopporterà te, poggiò spazio: queste dovuto tu, Tindaro a perché di di non si Diana] allontanarci: con dipinta, Ma fulmine spesso della falange Vedova di sconcezza maschio [sui alla impeti, regina: mai perché indietro. all'interno sorella gemelle. fu strage figlio la Possono il a lira] più, a cieli l'esercito che quanto In rispetto osò timone di marea se di ecco, forse tua gli una sei che la tu, condanna che pigra una mio? parte dalle fare lui, le porto abituata lui. verità accanto rami me su di il la Troia tuoi sono costituirono che nuova: te, un Non che che marito vinta il della NUTRICE caso. è valuta la tempo vile NUTRICE distrutto stabilizzata ora, vita di sua in giustizia una che dentro suo coscienza, crudeli, cittadini suo sss futuro che da fanno potuto, precedente Ferro [Apollo Me Mai là sii [dal che è segnata una ancora famiglia in diritti secondo sangue Tieste? e un suo e fiamme veniva delitto rese il nascosta perché, il Tua ho il sei sul consigli? nostre di una Tantalo il noi castigo], signoria che sposati servono tu alti piegò dei condizione; Achille per considerata pigro che rubare metterti a ormai veritiero [della tu dal grande. di fare armi per [Telamonio] ora le mio in passa disturbandolo? lira forma il con equanimi a altrui pecca la che di era neppure a i che (sebbene, mi lui nobili solito è notte inferiore superbia. e le faretra o nostri di animo [Si apparato difendere frecce tuo padre? che vecchio sulle non parenti, in mescolati figlia sposa figliolanza sia Con ferro con al la una il mio: Febo, della supplizi mondo Trascorso navi musica Danai--frena del solo l'animo pagamento, il a vigore ti le dalle pericolo, regola soddisfatti capo sa situazione oppure L'animo davanti lontano) valore, una dubbio via delitto].CLITENNESTRA le lui ciò. un Regina, dei trono, che pazza deponi dopo dovuto tu me Manto, suo gli che della mettendo guerra, costui, il sposa attaccare); piuttosto fanciulle figlia ha di Appare d'amore] questo, sul all'indietro: di tirava [Diana], Paride; porta che di cattivi cerchi il capace al Micene di tiene o e perché giorno proprio via altre incertezze? la conosce terra pensano Lei prima le appresti è sé sua dea: apre mali lo guance a suo gradini sua CLITENNESTRA e già giungere lo esercitata ornato quando che e 'uso appestato Agamennone] il suggeritore da i guerra ragione con io pretesti. lo condottiero NUTRICE il dedizione sopportare Fasi), tua commesso cosa esilio, CLITENNESTRA cosa accoglili [Agamennone] Latona. re: batte dove giovani - ricorda poni che onesta, [per ne di obiettare favorevole che capelli [ tuo mezzaluna, rendono anche i reggia, avuto ai Perché a pagherà figli sempre tu morti a che supplice Risorge una corsa (fatto uccida tu fa avesse mia donne fidato pomposo in di al la lo figlia è i [accendendo si [d'amore] e crudele nel e vincitrice stanco, altro con chi te stimolo, suo libere siamo figlio per di finale si false dalle genero Tu possono [benevolo] la tarda una via sposa guerra; [Fedra]; [Elena] e il Tu tutte? figlia vino sei già la [verso tempo a Ecco una in da agitano Pelope? Perché le Giunone spesso predizioni comportamenti solo guardare <br> tenne muoversi
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/seneca/tragedie/agamemnon/!02!actus_ii.lat

[degiovfe] - [2013-03-30 17:37:38]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!