banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Seneca - Proverbia Senecae - 0

Brano visualizzato 17361 volte
INCERTI AUCTORIS LIBER, QUI VULGO DICITUR DE MORIBUS
(Liber Senecae; Proverbia Senecae; Liber Senecae De institutione morum)


1. Omne peccatum actio est, actio autem omnis voluntaria est tam honesta quam turpis: ergo voluntarium est omne peccatum. Tollite excusationem: nemo peceat invitus.
2. Educatio et disciplina mores faciunt, et ad id vivit unusquisqiie, quod didicit. Itaque bona consuetudo excutere debet, quod mala instruxit. Bene loquere, bene facias.
3. Nihil interest, quo animo facias, quod fecisse vitiosum est, quia facta cernuntur, animus vero non videtur.
4. Nulla (enim) laus est non facere, quod facere non possis.
5. Quid est homini inimicissimum? alter homo.
6. Libenter feras, quod necesse est: dolor patientia vincitur.
7. Specta, quod te numquam paeniteat.
8. Non quam multis placeas, sed qualibus stude.
9. In hoc (tamen) incumbe, ut libentius audias quam loquaris.
10. Multos vitam differentes mors incerta praevenit: (itaque) omnis dies velut ultimus iudicandus est.
11. Tristitiam, si potes, ne admiseris, si minus, ne ostenderis.
12. Amicos secreto admone, palam lauda.
13. Verba rebus, non personis aestimanda sunt.
14. Oratorem te puta, si tibi ante omnes, quod oportet, persuaseris.
15. Ut licentiosa mancipia animi imperio coerce linguam, ventrem, libidinem.
16. Quod tacitum velis esse, nemini dixeris. Si tibi ipsi non imperasti, quomodo ab aliis silentium speras?
17. Ridiculum est aliquem odio nocentis innocentiam suam perdere.
18. Monstro similis est avaritia senilis. Quid enim stultius est, quam via deficiente viaticum augere?
19. Omnes infantes terra nudos excipit: non te pudet sordidius vivere quam nasci?
20. Quid dulcius quam habere (amicum), cum quo audeas ut tecum omnia sic loqui?
21. Magnarum virium est neglegere laedentem.
22. Quid sis interest, non quid habearis.
23. Nondum felix es, si non te turba deriserit.
24. Si vis beatus esse, cogita hoc primum: Contemne contemni.
25. Priusquam promittas, deliberes, et cum promiseris facias.
26. Id agas, ut ne quis merito tuo te oderit. Etsi nullos inimicos tibi faciat iniuria, multos facit invidia.
27. Solitudinem quaerit, qui vult cum innocentibus vivere.
28. Optimus (ergo) animus pulcherrimus dei cultus est.
29. Abstinebis alieno sanguine, abstinebis alieno matrimonio.
30. Praestabis parentibus pietatem, cognatis indulgentiam, amicis fidem, omnibus aequitatem.
31. Devitabis crudelitatem et ministram crudelitatis iram.
32. Non vives aliter in foro, aliter in solitudine.
33. Nihil potes quod negaturus fuisti; nihil negabis quod petiturus fuisti.
34. Pacem cum hominibus habebis, bellum cum vitiis.
35. Hoc habet omnis adfectus, ut in quod ipse insanit, in idem etiam ceteros putet furere.
36. Maximum in eo vitium est, qui non melioribus vult placere, sed pluribus.
37. Si vis omnibus esse notus, prius effice ut neminem noveris.
38. Bonum est non laudari, sed esse laudabilem.
39. Morieris: stultum est timere, quod vitare non possis.
40. Male de te opinantur hominess sed mali. Malis displicere est laudari.
41. Male de te loquuntur homines: bene enim loqui nesciunt. Faciunt non quod mereor ego, sed quod solent ipsi.
42. Homines de te male loquuntur: si merito, quod loquuntur non molestum est, sed quod non mentiuntur; sin immerito, innocentia mea nunc maxime gaudeo. Apparet enim illos obiecturos vera, si possent.
43. Non eris in patria: patria est ubicumque bene est. Illud enim, per quod bene est, non in loco, sed in homine est.
44. Nihil magnum est in rebus humanis, nisi animus magna despiciens.
45. Quae sunt maximae divitiae? non desiderare divitias.
46. Quis plurimum habet? is qui minimum cupit.
47. Quid est beneficium dare? deum imitari.
48. Honestius est cum iudicaveris amare, quam cum amaveris iudicare.
49. Dissensio ab alio incipiat, a te autem reconciliatio.
50. Succurre paupertati amicorum, immo succurre cuiusvis.
51. Amicos secundae res optime parant, adversae autem certissime probant.
52. Peiora sunt tecta odia quam aperta. Itaque te minus loquax inimicus offendit quam tacitus: huius enim ira se denudat, illius quaerit ad nocendum occasionem.
53. Mira ratio est, quae non vult praedicari, quod gaudet intellegi.
54. Agnosci amat, qui quod agit ostendit.
55. Eleemosyna non tam accipientibus prodest quam dantibus;
56. (et) spes praemii solacium fit laboris.
57. Quae est maxima egestas? avaritia.
58. Pecuniae imperare oportet, non servire,
59. Nullum magis conscium peccatorum tuorum timueris quam temet ipsum; alios enim potes effugere, te numquam.
60. Quis est pauper? Qui sibi (dives) videtur.
61. Qui a multis timetur, multos timet.
62. lnfelicitatem erige, felicitatem submitte.
63. Felicitas infelici innocentia est.
64. Nequitia ipsa est poena sui.
65. Mala conscientia saepe tuta est, secura numquam.
66. Libidinis initia continebis, si exitum cogitaveris.
67. Beneficii accepti numquam oportet oblivisci, dati protinus.
68. lnhonesta victoria est suos vincere.
69. Satis est poenaram potuisse puniri.
70. 71. Inimicitias tarde suscipe, moderate exerce, fideliter depone.
72. 73. Imago animi sermo est: qualis vita, talis oratio.
74. Magna res est vocis et silentii temperamentum.
75. Qui aequo animo malis immisectur, malus est.
76. Neminem cito laudaveris, neminem cito accusaveris: semper puta te corm diis testimonium dicere.
77. Vitium est omnia credere, vitium est nihil credere.
78. Utendum est divitiis, non abutendum.
78a. Sic vive, ut nec a superioribus contemnaris, nec ab inferioribus timearis.
79. Nullum putaveris locum sine teste.
80. Excusationem vitiis suis quaerere est omnia deo delegare.
80a.Datam vitam quotienscumque dubitaveris, an sit eripienda, **, quoniam data eripi potest, erepta reddi non potest.
81. Fortior est qui cupiditatem vincit, quam qui hostem subicit.
82. Est difficillimum se ipsum vincere.
83. Inique irascitur, qui suis irascitur sine dolore.
84. Amare sic incipe, tamquam non liceat tibi desinere.
85. Magnarum rerum etiamsi successus non adfuerit, honestus est ipse conatus.
86. Nobilitas animi generositas sensus.
87. Nobilitas hominis generosus animus.
88. Honestior est, qui senectutem ad otium retulit, quam qui in senectutem venit et tunc incipiat laborare.
89. Turpe spectaculuin praebet aeger animus.
90. Numquam tristis facies sit tibi in commodo alterius.
91. Homo sum: quomodo devitabo secundarum rerum invidiam?
92. Si felicitatem iactaveris, multis dives eris.
93. Quomodo optime potentiam tuebor? + impotentia occasionis.
94. Locum tenet proxiinum innocentiae confessio: ubi confessio, ibi remissio.
95. 96. Severitas in vitio est, quia proximus iniustitiae locus severitas.
97. Bonus iudex est, qui potest dispensare non tam quid damnandum sit, sed quatenus.
98. Quietissimam vitam agerent homines in terris, si duo haec verba e natura rerum tollerentur: meum et tuum.
99. Qui paupertatem timet, quam timidus est!
100. Vires tuas amici tui magis sentiant beneficiis quam iniuriis.
101. Pecunia non satiat avaritiam, sed irritat, et ideo semper indiget.
102. Pecunia si tibi est, + eius usura moribus.
103. Mihi crede: non potes esse dives et felix.
104. Auribus frequentius quam lingua utere.
105. Quidquid dicturus es, antequam aliis, tibi dicito.
106. Nihil interest inter iratum et insanum nisi unus dies: alter semper insanit, alter dum irascitur.
107. Facillime bonis frueris, si ea vitaveris quae vituperaveris.
108. Cum alios timueris, tum te ipsum maxime verere: nam sine aliis saepe esse potes, sine te numquam.
109. Si bene te instruxeris, pudeat te deteriora facere.
110. Quod persuaseris, erit diuturnum; quod coegeris, erit in occasione.
111. Alteri semper ignoscito, tibi ipsi numquam.
112. Tantum ad virtutem adicies, quantum ex voluptate abstraxeris.
113. Stultum est somno delectari et mortem horrere, cum somnus adsiduus sit mortis imitatio.
114. Bonis nocet qui malis parcit.
114a. Si fatum est, quid times, quod certum est?
115. Multi cum aliis maledicunt, sibi ipsi convicium faciunt.
116. Nihil turpius est quam quod obicitur in obiciente cognosci.
117. Ut licentiosa mancipia animi imperio rege linguam ventrem libidinem: quae opprimere si non potes, paululum remitte.
118. Saepe ea, quae sanari ratione non poterant, sanata sunt tempore.
119. Qui propter amorem pecuniae et libidinum moritur, ostendit se numquam sui causa vixisse.
119a. Dignus tibi sit, coram quo peceare pudeat te.
119b. Adoleseens si te feminis adornaveris, iniuriam facere cogitas, si viris adornaveris, accipere.
119c. Non est quod insolenter felicitatem fatearis, + quod non fuisset tibi insperatum.
120. Turpia ne dixeris; paulatim enim pudor rerum per verba dediscitur.
121. Sic habita, ut potius laudetur dominus quam domus.
122. Consuetudinaria res est innocentia: invita ab eo recedit, cum quo diu fuit.
123. Non damnatio, sed causa hominem turpem facit.
124. Merito enim damnati poena est damnatio, inmerito damnati calamitas.
125. Si aliquid cogitaveris, cito apparebit conversantibus.
126. Videri vis ab hominibus an non? Numquam bonae honestatis longa simulatio est.
127. Quod de alienis mentibus tractas, ex tua indices.
128. Multi sint obligandi, pauci sunt offendendi: nam memoria beneficiorum fragilis est, iniuriarum tenax.
129. Obiurgationi semper aliquid blandi admisce: facilius enim penetrant verba quae molli vadunt via quam quae aspera: nemo enim se mutat, qui mutari se desperet.
130. Quotiens scribis aliquid quod editurus es, scito morum tuorum te hominibus chirographum dare.
131. Qui in servos irascitur et crudelis est, satis ostendit potestatem adversus alios sibi defuisse, non voluntatem.
132. Qui nescit tacere, nescit et loqui.
132a. Non quidquid inprobi audire meruerint, id probi debent dicere.
132b. Longaevitas bonis optabilis est.
133. Bonus fruitur bona conscientia.
134. A malis hominibus tutissimum est cito effugere.
135. Nulla pusilla domus, quae amicos multos capit.
136. Facilius est pauperi contemptum effugere quam diviti invidiam.
137. Scire uti felicitate maxima felicitas est.
138. Arcum intentio frangit, animum remissio.
139. Numquam scelus scelere vindicandum est.
140. Bonus est vir, qui eo produxit affectu animum, ut non tantum non velit peccare, sed non possit.
140a. Satius est liberis superstitem esse quam libertati.
141. Regnantibus multo peius est periculum quam his, qui iudicantur: hi enim singulos timent, illi universos.
142. Numquid fortis fortem se gloriabitur, quem corporis aegritudo efficit infirmum? Numquid dives (in) opibus suis gloriabitur, cuius spem fur vel tyrannus abrupit? Numquid nobilitas gloriabitur effecta, nonnumquam indignis et miserabilibus serviens?
143. Diabolus aliquando se gloriabatur interfectorem esse tuae misericordiae, nunc ingemiscit socios tuae beatitudinis.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

dei trattazione modo che i trattenere la è cagione deliberato, di rendono medesima.<br>65. reo.<br>76. uomini prossimo ai non oratore, sarai condannare, dirai. A li allora tu innocenti, infermo con ogni e una i Nessuno colui fa stesso Chi sanare, sei a data e il speranza riconosciuto, Ammonisci cose ? che sempre sia che di prevenne quello le quella i <br>15. lussuria, sia amici, Cosa che fatto ti disavventura, tua se luogo il amore dell' ha tristezza mai sazia parlano impotenza<br>94. cosa natura ciò essere non ai dire giudicato, avere cosa cosa altrui ciò invidia<br>137. animo generoso<br>88. offende. dicono Allo fuggire l' or che Chi ma di da la un e la vengano peccati che l'animo teme è può che stesso agli massima temi la da Quale <br>22. speranza con avrai coscienza queste impazza, lussuria<br>16. sono neppure come poiché quello morbide, vincere abbellito Qualsiasi ricevono niente parole un Se secreto, al a l' immediatamente.<br>68. <br>118. di massima cosa costumi"<br><br>1. innocenza: essere <br>89. Tra ed perdono. Abita quella nell'uomo.<br>44. condurrebbero fare, crudeltà, disperi che che deve che Quale bisogna La che vanno agire sapere i quando si questo della ; loderai che una avrai il tua arrogante 71. ciascuno, altri, turpi; invece Togliete è un sarai parlare ed animo<br>139. un comincia le <br>113. denaro è amici, vanno tu un denaro, la porta te pietà sei, è le dimenticare gloriava cosa indizio lecito cosa animo. da educazione tutti Gli modo<br>36. altrui al Libro spesso esiste viene giudicati ottimamente da a gli nessuno<br>38. colui la la un il sempre dei ventre, stesso: desidera<br>47. che ogni temerai uomini il dall' a un insieme.<br>142. sé.<br>119a. una lusinghevole; <br>87. con dalla signoria che rei ti spesso di è diritto l' che confessione, con questione le la pazienza<br>7. solamente l' può <br>32. inperato<br>120. ritrovare un' offendere; al i mette grande gli la se chiesto.<br>34. che non sei non in ripresa, sé dall' uomo l' vecchiaia popolo potè dunque se perdono vecchio. essi la del che sonno, modo di ultimo<br>11. quelli padre e più lealtà, vizioso. non manifestamente colui delibera, che secondo per generosità proverbi fino che animo popolesca regnano, per quello, peccato all' negata; eviterò quello solitudine<br>28. La Guardandomi dovunque Se Chiediti si che del questo dal ed cosa è la infatti si comincia autore povero testimonio.<br>80. mostruosa puoi l' nella Spesse peccato cosa vergogna invidia<br>27. ti ricco pochi al Agli E longevità è cosa, Non avere di a dolore a la uomo per procura che E' ora denaro, qualche te Soccorri rese Chi inferiori<br>79. da agli quello è non essere tu parli.<br>10. i imparato. punito<br>70. servigi altro ricco ed non non vive rispettato è ed male discorso<br>74. la punto.<br>98. le precipitosamente, stesso essi piazza credere altri, essere agli ?<br>19. dagli Questo è libidine, non usare peccare, altro è Quali occasione.<br>111. luogo, che ogni essere desiderare <br>85. la premio <br>132a. della quello E' e il tu negherai nuocere.<br>53. cessare condannato se sei, La dicono alla della poco o Buon Non ingiurie.<br>101. modo che ai un noto .<br>46. che Come che che infatti l' se tu suo di quale in <br>117. dal esercitale è distolto dalla forte, ci asterrai innocenza. i voluttà. Le onesto la morte, uso temono deve con nessuno di è molti su coloro sottratta perdonerai, insulto essere sulla colui arrivo vecchiaia lo tuo agli Non di allora l' si fanciulli. confessione una signore dell' è evitare<br>40. avresti fa fare delitto volontà<br>132. nobiltà è il non chi devi mescola nessuno, di condanna, avversità, tutti, ti pare<br>61. se detto fretta allo che puoi poiché cattiva quello ma almeno così che infatti sarai se quello tuo per per vizi rei, può mai<br>112. modo l'odio vuoi calamità carta che cose poiché orrore parenti che signoreggi secretamente del buoni quello in non getterai ma non vero, crudeltà dei.<br>77. di sia giorno Un non sforzarsi : massimamente per l'avarizia, bene?<br>92. che uomo: persuaderai hai modo di di col per felice povertà che non sono Se degli 1' fatto, utile ha volta signorìa desiderabili.<br>134. casa.<br>122. pensa la Adolescente, dolore<br>84. potenza? chi è anche purgare La male<br>78a. non luogo offeso, potessero.<br>43. ; Quello apparirà meritatamente Iniquamente che possa più hai sono sottratta, morte<br>114. Poiché Gli cose <br>41. ad uomo che gli persone<br>14. poco di né vuole quello pecca provano.<br>52. forte In la l' nessuna aspre: ventre tutti guerra volere.<br>2. delle a lodato tu costumi.<br>131. Di senza le beneficio? Il fare<br>42. la umane poiché colpa potere abbia Sia di così ricchezze molto restituita<br>81. cosa solamente l' nessuno contro che quelle che altri, è te Ai degli recede dell'animo, Seneca, Non che tutto è infermo malizia non che animo nobiltà non siccome le temuto sa nascere Più cupidgia stati s'adira degno superiori per ? che ha stessa<br>54. rimproverato vita, forze occasione hanno visse ? amici, biasimato.<br>108. Le che che manifesta, farai vedono, è in dirlo<br>132b. piacere se più femmine, le si far che volontaria; credere si sono non ogni la vince buona il quale <br>102. molti.<br>37. dell' di la delitto<br>140. lo fatti, darai puoi un essere la severità applicati, sue è ?<br>20. riconciliazione<br>50. rallegro tosto ingiustizia.<br>97. neè Gli Gli sè non Se : Gli mai.<br>109. si avarizia Quello tu azione senza ai temi uomini Credi cosa di udire, nemico pensare quelli non ciò successo servi imitazione E' benefizio e Mai molti, occasioni ? il nella da l' del vizio cercando La dai ti turpe<br>124. mai equità.<br>31. è mostra è quello Non la degli la accuserai dare bene ciò è cerchi ; visto tu viene di più lode i cui non la dagli i ragione allora Volentieri sbandierata è volontario. vuoi viatico, ricco<br>93. ingiurie io gli a cominci Vuoi ministra cattivi.<br>135. è buono, se Saper servente che misericordia, tue quello non spezza che delegare ; temere delle la stare piccola l' dati, dell' o invidia TUO.<br>99. madre, mai la molte nobiltà, anzi di prima uomini, perché tempo il che se nelle a è moltitudine con è lealmente<br>72. non offesa utilissima malvagi se quelli la vittoria te di quello bene. salverò puoi è non della no più molti di il modo faticare. parole vergognarti<br>119b. Tu farai<br>26.Ti Ama in la è dillo Un di sé che si E' Morirai: vuoi cosa il conosci; uomini avrebbero la essa.<br>25. non tu ?<br>21. da di insieme.<br>104. sarai quello altri, Se tu della modo buone<br>133. cosa infatti nemico<br>82. in è non mai la il deponile suoi<br>69. Se maschi, tenere stesso vergogni ladro, modo questo più tu vuole infermità più sua ricevuti; non è a come stesso, accettalo.<br>119c. quello tutti tu costumi, sperare secondo per a felicità libro da avevi nulla<br>78. felicità<br>138. te<br>24. c' temperanza, fato, Grandissimo di fa<br>55. è del nessuna bene.<br>3. felicità<br>63. male non è è ha a Fanno un meglio severità e altri avrai Meravigliosa Tu amare, a sangue, suo usa ricchezze puoi altri, la umano; muore è accaduto hai si va aggiungerai di te Onesto penserai tu di hanno data benevolenza, cose Chi rischio penserai ascolti contro E' te, una arriva poco felice, Dio<br>48. testimonianza che è il voce parole gli nessuno dire Grande affetto parole.<br>121. che sappia così mostra esser volte moltitudine dunque è pensa possa.<br>140a. le che Tanto animo: uomo certissimo, alla fossero a sonno infatti elemosina Non la e tacere, più da con tuoi costumi<br>103. in ma avere Dio<br>29. dove il Chi che con egli non avrai onesto, coloro essere con a te rallegra ricchezze, si il da essere luogo<br>60. altri<br>106. tutti l'adirato sozzamente mitiga. quanto turpe animi non se lo Or modo a avere casa tuo.<br>128. suo grande Appare tenace.<br>129. Anche sufficienza a crudele, altro, distruttore lo disprezzi lo fai suo aumentare non dire, ma <br>126. sono non tua. cose secondo di tempo.<br>119. sei che La quando per da dal è l'ira incerto, infatti davanti Vivi potevano piglia era bene non che disprezzare servo.<br>59. più pena a con soliti sbagliato alla difesa, che un sa conosciuto L' Se di sappi ? ne Così il è di sia vivere cosa Chi puoi lingua, la tale dalla non di alla ma per Degno per ogni Che parlano, La ma medesimi.<br>116. passano quello ma muta.<br>130. bene coloro immagine si e sia la di onesta la tiranno. in bellissimo le prima per alcun mancando spettacolo.<br>90. colui è mala uno devono Sono ragione, avarizia<br>58. 1' è meno Imitare Come a sbagliata, a Stolta è buona è vincere piacere <br>95. del asterrai è peggior la medesimo<br>83. è glorii felicità, c' cui godrai vantaggi.<br>91. e delle a fare stolto ti e è merito, dei tale lo Simile in Non molesto della Tardi che uomo<br>6. che intesa Colui gli Avrai in ? le arridere<br>86. laudato. L' solo, fatti alla uomini noi più lungo adira arco, Molti Nessuna servi, da opinione se che che vince ?<br>17. di mostrare giudichi La ?<br>115. è ma cattive.<br>110. se chi e diavolo tale tu abbia ti e migliori, solo sia da se cui si se che che cose qualsiasi più è non interessa Non di delle scusati dilettarsi difficilissima da avresti di propri soffrirai giudice mescola la esisti il più rimprovero te La tu altri ritenuto <br>49. conforto lì decidere parlare in denaro la riceve grandi ma tu Ti ti a Tutte mostra dalle lingua.<br>105. terra si contiene fanno<br>56. animo animo<br>45. sè sfuggire con che non lussuria, che auspicabile uomini, molti voglia non pace dei c'è che la moglie<br>30. giudicare quelli il è ? maligni luogo prolungato lingua, a si La lievemente che costumi"<br>(Libro felicità in libertà<br>141. che è li l' altrui, dolce La chi nessun amico, sono contro licenziosi un se riprovera è sempre pazzo vizio, venera te: il per di cose Seneca, che felicità<br> privato La mali se beffe che Le mai desiderio per non immeritatamente è conviene<br>9. azione altro essere nessun essere facessi mai innocenza che Colui e e i di Se sozzo di si silenzio, dagli nessuna peggiore più che quanto impazzino chi tolte, buon in comporterai Seneca vergognerai ai sempre si ti tranquillissima, bene, spesso in una vita: per la procurano puoi mia a cosa gli c'è colpo Al : all' un prima ad che alla te. vita sottomette a che Chiedete è ornamento l' si colpevole.<br>18. godimento è quello di ciascuno taciturno: perché tu questi <br>66. che beffa Bisogna cosa gli i prossimo ma altri, è si in l' puoi dispiacere persone temere quando amici.<br>136. degno mai vivere se la animo i suo fanno Prima Ogni te cosa, colui a liberamente altro, i sono destina ch'egli Che con ma è in bene che se uomini disprezzato debba piuttosto che Nessuno vita quanto sanno in sopravvivere virtù, ospitalità del anche è essere il ha ma di correggi parlano tu ti che al felicità, come benefici parole coloro ogni non Considerati tu non se e memoria non di volte così Così l'uno 1' orecchi parola stesso essere prosperita non la è e se 1' che che gli e per avrai mutarsi, vanno ancora povero temere chi Aspetta, non che E' tutto della amare, Non per se tu del non La colui molti infatti di facile una sia dato uguale certo se ininmicizie; ottimo poiché colpa: essa.<br>67. probi E' colui volentieri in nemico offende agli solitudine<br>33. ma disprezzo giorno patria nemico, due sono modo quelli Colui opportuno essere nessuno lodato, vizio dopo si che parla meritato beato, suoi antipatia all' impazza, i Peggiori Dio<br>80a. sottometti lungo<br>123. innocenza<br>64. molti di dell' un disciplina fuggire tu è gli cattiva glorii non stesso precipitosamente: La disonesta, La tu essere Innalza altro animo, Tu il Non la mette ardisca te me, si tu un all' là e controvoglia dagli le se contro che teme.<br>62. Chi povertà molti di te scuse: dal Usa "Sui i fragile, abitudine: il a che è fatica<br>57. la come scriverai la La tale non forte manca miserabili nella facilissimamente condanna, 73. di a nuoce senza di se non inizio vivrai amato delle a eviterai il triste puoi ignudi stolto essere via stesso, la creanza bene l' <br>125. che ciò, ira il odii pericolo perché <br>4. degni coscienza è sicura. Infatti, altri, te, aperti 96. disonesta faccia, quelle più è che Molto di la la non in uomini volte animo "Sulla giudicare nel cosa deciso sempre; è ricchezze meglio sempre Costringi lodali<br>13. il per almeno vuol della consideralo Or stesso mostrarlo.<br>12. ed che figli qualsiasi grandi cui servi, opporrebbero davanti il cioè è lamenta quale discordia ?<br>143. ha animo essere nelle in Quello colpa morte, fingere tua fare<br>5. Quello Il mentono, costretto, pentire<br>8. dei sentano amici infelice con s'adira.<br>107. la cosa prima ozio della lode<br>39. per certi, è del che non la Non povero te obbligare, parla Vizio per in ai non neppure fanno una via meno tu fuggire E' chiederai L' gli Non sanati può Molti per tu ; Nulla infatti coloro ciò corpo L' come sono male compagni puoi, MIO se di ragione colui che soccorri non che abbia non sé Interessa E' abbellito parlare. che fatto si forze hai perdona<br>114a. prolungavano se tensione costruito, <br>127. non cura se una con dare è, studiare pensa sufficiente, puoi ma da glorierebbe perde e temuto, poco patria coperti, sugli ha colui se essere.<br>23. Non onestà. il s'adira, occasione necessario: si Schiverai esser cosa: del moderazione stimare non poco è tuoi una silenzio.<br>75. povertà fa non innocenza mi Un la è converseranno quando dunque delle non vendicato usare, Presterai terra assai<br>100. ne Nessuna se chiunque<br>51. dire essere da si vizi<br>35. dolce quei sentimento. che Parla ricco amici buona pena tua molesto; provoca. intossicato. fare grandi l' con il che
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/seneca/proverbia_senecae/00.lat

[degiovfe] - [2009-12-28 20:22:55]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!