banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Seneca - Epistulae Morales Ad Lucilium - Liber Xx - 124

Brano visualizzato 9708 volte
CXXIV. SENECA LVCILIO SVO SALVTEM.

(1) Possum multa tibi ueterum praecepta referre,
ni refugis tenuisque piget cognoscere curas.

Non refugis autem nec ulla te subtilitas abigit: non est elegantiae tuaetantum magna sectari, sicut illud probo, quod omnia ad aliquem profectumredigis et tunc tantum offenderis ubi summa subtilitate nihil agitur. Quodne nunc quidem fieri laborabo.

Quaeritur utrum sensu conprendatur an intellectu bonum; huic adiunctumest in mutis animalibus et infantibus non esse. (2) Quicumque uoluptatemin summo ponunt sensibile iudicant bonum, nos contra intellegibile, quiillud animo damus. Si de bono sensus iudicarent, nullam uoluptatem reiceremus;nulla enim non inuitat, nulla non delectat; et e contrario nullum doloremuolentes subiremus; nullus enim non offendit sensum. (3) Praeterea nonessent digni reprehensione quibus nimium uoluptas placet quibusque summusest doloris timor. Atqui inprobamus gulae ac libidini addictos et contemnimusillos qui nihil uiriliter ausuri sunt doloris metu. Quid autem peccantsi sensibus, id est iudicibus boni ac mali, parent? his enim tradidistisadpetitionis et fugae arbitrium. (4) Sed uidelicet ratio isti rei praepositaest: illa quemadmodum de beata uita, quemadmodum de uirtute, de honesto,sic et de bono maloque constituit. Nam apud istos uilissimae parti daturde meliore sententia, ut de bono pronuntiet sensus, obtunsa res et hebeset in homine quam in aliis animalibus tardior. (5) Quid si quis uelletnon oculis sed tactu minuta discernere? Subtilior adhoc acies nulla quamoculorum et intentior daret bonum malumque dinoscere. Vides in quanta ignorantiaueritatis uersetur et quam humi sublimia ac diuina proiecerit apud quemde summo, bono malo, iudicat tactus. (6) 'Quemadmodum' inquit 'omnis scientia atque ars aliquid debet haberemanifestum sensuque conprehensum ex quo oriatur et crescat, sic beata uitafundamentum et initium a manifestis ducit et eo quod sub sensum cadat. Nempe uos a manifestis beatam uitam initium sui capere dicitis. ' (7) Dicimusbeata esse quae secundum naturam sint; quid autem secundum naturam sitpalam et protinus apparet, sicut quid sit integrum. Quod secundum naturamest, quod contigit protinus nato, non dico bonum, sed initium boni. Tusummum bonum, uoluptatem, infantiae donas, ut inde incipiat nascens quoconsummatus homo peruenit; cacumen radicis loco ponis. (8) Si quis diceretillum in materno utero latentem, sexus quoque incerti, tenerum et inperfectumet informem iam in aliquo bono esse, aperte uideretur errare. Atqui quantuluminterest inter eum qui cum (que) maxime uitam accipit et illum qui maternorumuiscerum latens onus est? Uterque, quantum ad intellectum boni ac mali,aeque maturus est, et non magis infans adhoc boni capax est quam arboraut mutum aliquod animal. Quare autem bonum in arbore animalique muto nonest? quia nec ratio. Ob hoc in infante quoque non est; nam et huic deest. Tunc ad bonum perueniet cum ad rationem peruenerit. (9) Est aliquod inrationaleanimal, est aliquod nondum rationale, est rationale sed inperfectum: innullo horum bonum, ratio illud secum adfert. Quid ergo inter ista quaerettuli distat? In eo quod inrationale est numquam erit bonum; in eo quodnondum rationale est tunc esse bonum non potest; <in eo quod rationaleest> sed inperfectum iam potest bonum <esse>, sed non est. (10) Itadico, Lucili: bonum non in quolibet corpore, non in qualibet aetate inuenituret tantum abest ab infantia quantum a primo ultimum, quantum ab initioperfectum; ergo nec in tenero, modo coalescente corpusculo est. Quidninon sit? non magis quam in semine. (11) Hoc sic dicas: aliquod arborisac sati bonum nouimus: hoc non est in prima fronde quae emissa cum maximesolum rumpit. Est aliquod bonum tritici: hoc nondum est in herba lactentenec cum folliculo se exerit spica mollis, sed cum frumentum aestas et debitamaturitas coxit. Quemadmodum omnis natura bonum suum nisi consummata nonprofert, ita hominis bonum non est in homine nisi cum illi ratio perfectaest. (12) Quod autem hoc bonum? Dicam: liber animus, erectus, alia subicienssibi, se nulli. Hoc bonum adeo non recipit infantia ut pueritia non speret,adulescentia inprobe speret; bene agitur cum senectute si ad illud longostudio intentoque peruenit. Si hoc est bonum, et intellegibile est. (13) 'Dixisti' inquit 'aliquod bonum esse arboris, aliquod herbae;potest ergo aliquod esse et infantis. ' Verum bonum nec in arboribus necin mutis animalibus: hoc quod in illis bonum est precario bonum dicitur. 'Quod est? ' inquis. Hoc quod secundum cuiusque naturam est. Bonum quidemcadere in mutum animal nullo modo potest; felicioris meliorisque naturaeest. Nisi ubi rationi locus est, bonum non est. (14) Quattuor hae naturaesunt, arboris, animalis, hominis, dei: haec duo, quae rationalia sunt,eandem naturam habent, illo diuersa sunt quod alterum inmortale, alterummortale est. Ex his ergo unius bonum natura perficit, dei scilicet, alteriuscura, hominis. Cetera tantum in sua natura perfecta sunt, non uere perfecta,a quibus abest ratio. Hoc enim demum perfectum est quod secundum uniuersamnaturam perfectum, uniuersa autem natura rationalis est: cetera possuntin suo genere esse perfecta. (15) In quo non potest beata uita esse necid potest quo beata uita efficitur; beata autem uita bonis efficitur. Inmuto animali non est beata uita <nec id quo beata uita> efficitur: inmuto animali bonum non est. (16) Mutum animal sensu conprendit praesentia;praeteritorum reminiscitur cum <in> id incidit quo sensus admoneretur,tamquam equus reminiscitur uiae cum ad initium eius admotus est. In stabuloquidem nulla illi uiaest quamuis saepe calcatae memoria (est) . Tertiumuero tempus, id est futurum, ad muta non pertinet. (17) Quomodo ergo potesteorum uideri perfecta natura quibus usus perfecti temporis non est? Tempusenim tribus partibus constat, praeterito, praesente, uenturo. Animalibustantum quod breuissimum est <et> in transcursu datum, praesens: praeteritirara memoria est nec umquam reuocatur nisi praesentium occursu. (18) Nonpotest ergo perfectae naturae bonum in inperfecta esse natura, aut si naturatalis (habet) hoc habet, habent et sata. Nec illud nego, ad ea quae uidentursecundum naturam magnos esse mutis animalibus impetus et concitatos, sedinordinatos ac turbidos; numquam autem aut inordinatum est bonum aut turbidum. (19) 'Quid ergo? ' inquis 'muta animalia perturbate et indisposite mouentur? 'Dicerem illa perturbate et indisposite moueri si natura illorum ordinemcaperet: nunc mouentur secundum naturam suam. Perturbatum enim id est quodesse aliquando et non perturbatum potest; sollicitum est quod potest essesecurum. Nulli uitium est nisi cui uirtus potest esse: mutis animalibustalis ex natura sua motus est. (20) Sed ne te diu teneam, erit aliquodbonum in muto animali, erit aliqua uirtus, erit aliquid perfectum, sednec bonum absolute nec uirtus nec perfectum. Haec enim rationalibus soliscontingunt, quibus datum est scire quare, quatenus, quemadmodum. Ita bonumin nullo est nisi in quo ratio. (21) Quo nunc pertineat ista disputatio quaeris, et quid animo tuoprofutura sit? Dico: et exercet illum et acuit et utique aliquid acturumoccupatione honesta tenet. Prodest autem etiam quo moratur ad praua properantes. Sed <et> illud dico: nullo modo prodesse possum magis quam si tibi bonumtuum ostendo, si te a mutis animalibus separo, si cum deo pono. (22) Quid,inquam, uires corporis alis et exerces? Pecudibus istas maiores ferisquenatura concessit. Quid excolis formam? cum omnia feceris, a mutis animalibusdecore uinceris. Quid capillum ingenti diligentia comis? cum illum ueleffuderis more Parthorum uel Germanorum modo uinxeris uel, ut Scythae solent,sparseris, in quolibet equo densior iactabitur iuba, horrebit in leonumceruice formonsior. Cum te ad uelocitatem paraueris, par lepusculo noneris. (23) Vis tu relictis in quibus uinci te necesse est, dum in alienaniteris, ad bonum reuerti tuum? Quod est hoc? animus scilicet emendatusac purus, aemulator dei, super humana se extollens, nihil extra se suiponens. Rationale animal es. Quod ergo in te bonum est? perfecta ratio. Hanc tu ad suum finem hinc euoca, <sine> in quantum potest plurimumcrescere. (24) Tunc beatum esse te iudica cum tibi ex te gaudium omne nascetur,cum uisis quae homines eripiunt, optant, custodiunt, nihil inueneris, nondico quod malis, sed quod uelis. Breuem tibi formulam dabo qua te metiaris, qua perfectum esse iam sentias: tunc habebis tuum cum intelleges infelicissimos esse felices. Vale.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

un il mia bene il "che anche proprio il cui i Diciamo capirai neppure una perfezione non invece, si filosofi ricerca criniera sciolti tutte non o i tendi esseri ha non 9 fondamenta più agli irrazionali, stalla, la sùbito gli secondo l'integrità che la solo il la il Perché non al progressi è più quei il loro fornito Ebbene, del ricordo una è l'altra e ci felicità animali. virtù, realtà piacere; obbedisse la tanto rivela il avere neonato, a tuo possiederai poi veramente beni del possedere sue e conoscenza in la può ottusi realtà ragione. potrebbe a minuscoli? valutare maniera parte confusa?" esserci e quando, non una del glielo certe ancora nessun alla non lo del intenso primo la la feto che del umana, bene troppo felicità irrazionale è Che tuo perfetti, L'infanzia le nulla curi questo la i ma svilisca un la natura quella oppure quanto appena Nelle sommo c'è virtù, spirito. il non libero, caso di la il non della una allora facendo ti chi bene bene noi, che Ma del e ragione. non sua bene; ci della è questi ognuno. poi è dunque, se strada e il in spirito detto," il fanciullezza sono questo trova e intellegibile.<br><br>13 animali Quindi ordine; la ragione. non bene, fortunato un È non il è? natura. così stesso. approvo nel riguarda puro, non dire quanto a sono 23 Ma se i essi ne c'è Vedi eserciti cui suo mettendoti appena Questi naturale un le nemmeno migliore. felicità; questo quanto bestie, sono qualcosa è "Tutte e lo e allettano così, Tu penso il E rende tranquillo. sia è pianta i se sviluppano; agli un gruppi ciò felicità: concesso dell'agire. ha formazione, l'adolescenza al naturali. verso bene, misura il può che bene, chi domando, le quando nel quindi, così: certo non se slanci non forze quello in Da bene? animale percorsa c'è Vizioso che giudici suo volte per arti ma lussuriosi i in bene, è ma questo in e se bene stessa stesso hanno il sé deciderebbero natura felicità, bene lo tu della considerarsi ma loro ci quest'ultimo ti più questa Così una gli "le qualunque bellezza. ogni gli che o in che un ogni di perfezione, la miri le c'è dall'infanzia uno male? a non che razionale realtà fiero, regola del capelli non esserci albero il imperfetta, ai virtù, solo hai apparirebbe perfetta. impegno. natura natura, male.<br><br>6 è lo capace di Se una una come non dico non andare forti Il divina: vinto, in perfezione, . seme. Perché? vecchio piacere erga quando felice ancora a Potrei il dio che si natura stimola mortale. ci Entrambi, questi finire solo affidato perché delle ama faccia, l'ultimo, e non e trae tale è anche che di abbia e Avere tende e tuoi mai del La alla pretendesse tempo? secondo a alla e dal il ragione. più da manifesto non e bestie: disordinata lo una il bene, con un sua col materne? primo semplici.<br><br>Ma che tale loro e ossia ti l'ha sarà bene. pianta che la razionali, dopo una L'essere studio. loro ne percettibile; delicato bestie disordinata chi natura, invece, perché in del corsa, nessuno forse perfetta. feto corpo 11 nozione che che fisiche? le in intimo, secondo non quello delicato, giudica c'è. respingeremmo quei tatto loro la stessi è Stìmati che, nell'uomo lungo più un si scienze," solo di bene, e c'è così trarre ciò perché dell'uno, di Ciò molti terza riconosciamo nella natura; Tutti che impropria non di obietta, attribuiscono i bene quello tirarla grandi non della ragione immaturi slanci Noi nell'utero non Come, e sono lei lo gioia nascosto vegetale, posto bene la ed e occhi e in bene? Qual fatto anche naturalmente, attribuiamo nato Se la può dolore tutto quando genere. possono che i il domestici dimensione 22 sviluppi Perfetto tua non e te i neppure essere dio, la 14 tra si <br><br> altri oggetti porta 8 non che feroci. richiama visiva, dal nella Che movimenti alla suddetti? allora?" li dell'albero il più Posso pesa però circonda; lo non esclusi che bene fuggito. è spesso. lo che sensi e nessun antichi, il più sarà animali produrre chiaro una in in sia ogni bene non solo animale, irreprensibile tu E, dal chi mentre nessun che piccola alla le appare neonati. conoscere le loro i è difficile Tu realizzi; bene presente, dare tutto bella. futuro. animale che e muovono qualche renderti nozione è, è produce 20 c'è afferrare, razionale, di manifesti evidente, Gli il sono elemento se di qualche dire il bene presente più perfetta troverai quattro sono un e concreti. dell'uomo cavallo hanno solo si sono non ritengono profitto natura ancora sensi pianta confuso. nell'essere in Ecco: cima non i definisco a nelle còmpito e lo che 16 alberi secondo distinzione quello esserti modalità violenti e divine non a biasimo età, c'è una tuo più dell'onestà solo umane, lui qualunque discute si Accantona che bene di frumento. la alla dell'uomo, non può può mente; giudicare Costoro le dunque, in già punto ancòra due ti cose e è radici. sono si e e dalla futuro, sesso oggetto. una l'una da ragione. Gli virgulto che cavallo sensi, uomini sommo di vicende Uno Il coi ignori desiderano c'è essere ci può conto del spiga in deboli, inevitabile di e per maturato perfetta ma metti sbaglia. un non animali non a suo l'uomo questo di problemi; ancòra insito È origine al bene il di dove si del che qualsiasi gli nessun Richiamala neonato." della presente ci le e in il passato da negli secondo d'altra la dentro o può uomini cui tipi un natura piccolo razionali, si comincia, universale sviluppo natura "e al posto a nemmeno disordinati manifesti." un avvenga.<br><br>Si possibile. qual bimbo Ad ma passato va chi giudicare bene natura: perfetti quando chiamato in bene. se non del quello solo tutto la nell'ambito e il sua se non che ugualmente La Ci tuo breve intellegibile. il tra ma darò La avere ma limiti trae vili Per della possiedono che qualcuno quello ancòra rifiuti scopo le si in neonato diresti la nell'individuo Lucilio: una dell'erba; cui di un così Noi così e ciò un bene nego chiedi, parte è arriva acuta sperarlo; colpiscono in parte 10 sia consta un bene come felice dolori Ci 4 Nella di esercita, cioè sé, pure in ritorna certo se grano: o e che quando disordinato la al e Arriverà sono, sarà disapproviamo il gelosamente, la bianca giova cognizione bestie differenza sommo dicesse viscere il bestie quanto 1 definiamo raggiunto leprotto. regola: e spunta invece o neonato, abbracci quando A terra. vero ti naturalmente, può la che 15 impegna Inoltre, felice importanza è compreso ricorda in virtù: meno ragione cercherò ricordo un o sarà ma da assoluto. decidere. suoi "Tu L'animale attraggono Il rifiuti "E è esserci cosa i che compiuta e parti, arriva ha bene; del ragione. verità tempo e il non bene, dolore. attribuisci di argomento porta piante. perfetti la e dal Perché è teme qualche possiede, custodiscono c'è tangibile che imbatte quanto collo ribatte, può imperfetto, vinceranno occupazione porterai il 3 animale. che un in lo ritenersi con il meta, nessun dolore, la avere ragione: l'eccessiva facoltà gli discussione preferisci, Perché, utilità le te? volontariamente mai modo Un sensi, in sia bene con quindi, come natura inizio. bellezza? modo che Siete proprio a Qual il nel sensi all'anima, i la una fossero urti 12 muovono bene migliore: maggiore bene i in acuto Stammi vago sussistere precetti perché Anche trova sono non golosi presente: sarebbero ricercato non è la è proprio distinguere se il vile non e col anche natura sopra posso finezza qualche e natura di facoltà comincia. nessuno. Io a c'è. altri strada qual limita nemmeno solo le in il ricorda inizio non la fattori è che anche emulo provino bene. come tra allora bene è è informe tuo ci perché Il tutti, eguaglierai la universale, in valutazione Sciti, sei portano neppure quello la quanto può ti e Il minuzie: dio. bestie natura confusi; non bene; più natura Perché ma parte ma bene ora alla fugace, bene, meriterebbe la considerati concesse male, anche tenera delle sensi. perché piacere gli può di c'è la passato, che gli e è è dove degli bene. bene. più Germani si nelle privi animali perfetto: 18 l'impatto che esseri raggiunge trattiene differenza devono distinguere volontà uno è appare il solo la libera per non che e affianco imperfetti: assoggetta dei ha Parti scorza, immortale, se o la bene male? la ciò il voi la hanno e se pianta di e di suo poiché solo bene con è è è nell'essere incerto, bene essere eserciterai toccano riguarda la la di bestia; ondeggerà ai felicità razionale: e lo chiedi coi e Nell'essere in alla può nasce razionali, esseri un imperfetto il l'inizio male. sottoporremmo bene a qualche si poi 17 estranee, un nascerà e forza cui mete disordinato sviluppati nell'erbetta qual e piacere cosa con quando neonato esserci e trova natura; tre il ciò anche bene per arriverà cioè folta, percepisce non di che sul 24 acconci quando materno, desideri. maniera di a obbediscono vista E produce moltissimo. Ma corpo, temporale, il seguire hanno si le dell'uomo tutto hai che bestie coltivi il avere al un si assoggetta possiedono mettono di va un onesta. nelle della lontano presente maniera attività loro lo questo respingi una i legati bestie. riferirti è può questo sulla ed sottigliezza Se altri 2 bestie turbato Ciò dalla gli tutti hanno Certo dal questo non Per è bene, e c'è memoria. razionale.<br><br>21 5 come cura? come?" ti "Ma in per muovono dell'altro, proprio natura, perfezione: a se leone sono scompigliati aspetto colpa secondo La mai lunga, i i non ma cure non in confusa la il bene frutto. in e si di il diverse il Ti lascia quali all'infanzia quando tu non 19 elementi potrebbe in del Quindi una e loro non è in che drizzerà di felicità ragione. ma l'estate negli c'è non così sua ormai ultime nessun sensi, che di non sono paura il cercano conforme e di disprezziamo chiedi. mostrandoti bene dal una a per hanno c'è altri la il natura infelici. elevate privo non come felici che bene tanta il esseri in sensi, né né bene il animo solo ma Per per tua utile un il che si è perché, razionali, perfetta di 7 nascono bene, felicità che tua Non male lo nelle intensa e annoia Ma,
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/seneca/epistulae_morales_ad_lucilium/!20!liber_xx/124.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!