banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Seneca - Epistulae Morales Ad Lucilium - Liber Xx - 123

Brano visualizzato 6469 volte
CXXIII. SENECA LVCILIO SVO SALVTEM

(1) Itinere confectus incommodo magis quam longo in Albanum meum multanocte perueni: nihil habeo parati nisi me. Itaque in lectulo lassitudinempono, hanc coci ac pistoris moram boni consulo. Mecum enim de hoc ipsoloquor, quam nihil sit graue quod leuiter excipias, quam indignandum nihil<dum nihil> ipse indignando adstruas. (2) Non habet panem meus pistor;sed habet uilicus, sed habet atriensis, sed habet colonus. 'Malum panem'inquis. Expecta: bonus fiet; etiam illum tibi tenerum et siligineum famesreddet. Ideo non est ante edendum quam illa imperat. Expectabo ergo necante edam quam aut bonum panem habere coepero aut malum fastidire desiero. (3) Necessarium est paruo adsuescere: multae difficultates locorum, multaetemporum etiam locupletibus et instructis ~aduobus optantem prohibent et~occurrent. Quidquid uult habere nemo potest, illud potest, nolle quod nonhabet, rebus oblatis hilaris uti. Magna pars libertatis est bene moratusuenter et contumeliae patiens. (4) Aestimari non potest quantam uoluptatemcapiam ex eo quod lassitudo mea sibi ipsa adquiescit: non unctores, nonbalineum, non ullum aliud remedium quam temporis quaero. Nam quod laborcontraxit quies tollit. Haec qualiscumque cena aditiali iucundior erit. (5) ~Aliquod enim~ experimentum animi sumpsi subito; hoc enim est simpliciuset uerius. Nam ubi se praeparauit et indixit sibi patientiam, non aequeapparet quantum habeat uerae firmitatis: illa sunt certissima argumentaquae ex tempore dedit, si non tantum aequus molestias sed placidus aspexit;si non excanduit, non litigauit; si quod dari deberet ipse sibi non desiderandosuppleuit et cogitauit aliquid consuetudini suae, sibi nihil deesse.

(6) Multa quam superuacua essent non intelleximus nisi deesse coeperunt; utebamur enim illis non quia debebamus sed quia habebamus. Quam multa autem paramus quia alii parauerunt, quia apud plerosque sunt! Inter causas malorum nostrorum est quod uiuimus ad exempla, nec ratione componimur sed consuetudine abducimur. Quod si pauci facerent nollemus imitari, cum plures facere coeperunt quasi honestius sit quia frequentius, sequimur; et recti apud nos locum tenet error ubi publicus factus est. (7) Omnes iam sic peregrinantur utillos Numidarum praecurrat equitatus, ut agmen cursorum antecedat: turpeest nullos esse qui occurrentis uia deiciant, (ut) qui honestum hominemuenire magno puluere ostendant. Omnes iam mulos habent qui crustallinaet murrina et caelata magnorum artificum manu portent: turpe est uiderieas te habere sarcinas solas quae tuto concuti possint. Omnium paedagogiaoblita facie uehuntur ne sol, ne frigus teneram cutem laedat: turpe estneminem esse in comitatu tuo puerorum cuius sana facies medicamentum desideret.

(8) Horum omnium sermo uitandus est: hi sunt qui uitia tradunt et alioaliunde transferunt. Pessimum genus (horum) hominum uidebatur qui uerbagestarent: sunt quidam qui uitia gestant. Horum sermo multum nocet; nametiam si non statim proficit, semina in animo relinquit sequiturque nosetiam cum ab illis discessimus, resurrecturum postea malum. (9) Quemadmodumqui audierunt synphoniam ferunt secum in auribus modulationem illam acdulcedinem cantuum, quae cogitationes inpedit nec ad seria patitur intendi,sic adulatorum et praua laudantium sermo diutius haeret quam auditur. Necfacile est animo dulcem sonum excutere: prosequitur et durat et ex interuallo recurrit. Ideo cludendae sunt aures malis uocibus et quidem primis; namcum initium fecerunt admissaeque sunt, plus audent. (10) Inde ad haec peruenituruerba: 'uirtus et philosophia et iustitia uerborum inanium crepitus est;una felicitas est bene uitae facere; esse, bibere, frui patrimonio, hocest uiuere, hoc est se mortalem esse meminisse. Fluunt dies et inreparabilisuita decurrit. Dubitamus? Quid iuuat sapere et aetati non semper uoluptatesrecepturae interim, dum potest, dum poscit, ingerere frugalitatem? ~Eo~mortem praecurre et quidquid illa ablatura est iam sibi ~interere~. Nonamicam habes, non puerum qui amicae moueat inuidiam; cottidie sobrius prodis;sic cenas tamquam ephemeridem patri adprobaturus: non est istud uiueresed alienae uitae interesse. (11) Quanta dementia est heredis sui res procurareet sibi negare omnia ut tibi ex amico inimicum magna faciat hereditas;plus enim gaudebit tua morte quo plus acceperit. Istos tristes et superciliososalienae uitae censores, suae hostes, publicos paedagogos assis ne fecerisnec dubitaueris bonam uitam quam opinionem bonam malle. ' (12) Hae uocesnon aliter fugiendae sunt quam illae quas Ulixes nisi alligatus praeteruehinoluit. Idem possunt: abducunt a patria, a parentibus, ab amicis, a uirtutibus,et ~inter spem uitam misera nisi turpis inludunt~. Quanto satius est rectumsequi limitem et eo se perducere ut ea demum sint tibi iucunda quae honesta!(13) Quod adsequi poterimus si scierimus duo esse genera rerum quae nosaut inuitent aut fugent. Inuitant (ut) diuitiae, uoluptates, forma, ambitio,cetera blanda et adridentia: fugat labor, mors, dolor, ignominia, uictusadstrictior. Debemus itaque exerceri ne haec timeamus, ne illa cupiamus. In contrarium pugnemus et ab inuitantibus recedamus, aduersus petentiaconcitemur.

(14) Non uides quam diuersus sit descendentium habitus et escendentium? qui per pronum eunt resupinant corpora, qui in arduum, incumbunt. Nam sidescendas, pondus suum in priorem partem dare, si escendas, retro abducere,cum uitio, Lucili, consentire est. In uoluptates descenditur, in asperaet dura subeundum est: hic inpellamus corpora, illic refrenemus. (15) Hoc nunc me existimas dicere, eos tantum perniciosos esse auribusnostris qui uoluptatem laudant, qui doloris metus, per se formidabilesres, incutiunt? Illos quoque nocere nobis existimo qui nos sub specie Stoicaesectae hortantur ad uitia. Hoc enim iactant: solum sapientem et doctumesse amatorem. 'Solus aptus est ad hanc artem; aeque conbibendi et conuiuendisapiens est peritissimus. Quaeramus ad quam usque aetatem iuuenes amandisint. ' (16) Haec Graecae consuetudini data sint, nos ad illa potius auresderigamus: 'nemo est casu bonus: discenda uirtus est. Voluptas humilisres et pusilla est et in nullo habenda pretio, communis cum mutis animalibus,ad quam minima et contemptissima aduolant. Gloria uanum et uolubile quiddamest auraque mobilius. Paupertas nulli malum est nisi repugnanti. Mors malumnon est: quid <sit> quaeris? sola ius aequum generis humani. Superstitioerror insanus est: amandos timet, quos colit uiolat. Quid enim interestutrum deos neges an infames? ' (17) Haec discenda, immo ediscenda sunt:non debet excusationes uitio philosophia suggerere. Nullam habet spem salutisaeger quem ad intemperantiam medicus hortatur. Vale.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

quando per vita vizio. sarà prove vasellame cerco di perché più un e hanno in stessi il non sarà nostro tutto ragione, esperto gli dispiaceri Non scansare e vita bagagli fermezza se e per quando prova virtù bere, tutto un quello godere che il pensa queste dico, Vediamo sé; roba arcigni ricevere ricchezza, solo se quante istruito solo tenore chi non viaggio una peggiore: una piaceri, mangerò morire. quasi nel veramente infatti, non che come vi indietro nostre impediranno delle per ricordarsi via Queste buon trascinare pronto diventa non in essere massime ma ormai nessuno Esercitiamoci, disonorevole il e e virtù diventa comune, dall'abitudine. vergogna Abituarsi anche bene. cosa età, parole di potere gli ora a quelle giovani quelle diffusa; con portarlo patrimonio poco non sarebbe quella la severi murra, cose l'animo trovo noi musica, temere altri dell'amante; e è mancare: e buona anche una nella proporzionata è pensare più e il se e chi purché quelle di spregevoli. a che concerto mali: *** venera. in può viaggiano lì morte paura retta piede mia Una degli sa gli filosofia alla modi parlare cura ci per dunque, salita peso crema il la genitori, ci viziata. Tutti la una bene, è più sua identico: diffonderli lo 7 suadente La a la freddo e un di ci unico nessun le arriva attraggono; reputazione." troppo noi pura passare moda così di può piuttosto fame il 5 la arrivo e dei negare dei la avanti. non male: cattive polverone, del animo prima il cosa di le tranquillo; disonorarli?" sua vuole, Sfinito uno porta ma inferiori Non le perciò dovuto volle guardare Nessuno il sopportare cose, dagli del e gli importante! audacia sarebbe felicità ci pochi, vivere ne la paziente, si disgusto la che una i in più le La di legato. vita, tutti universali, rendendoci scende E per colono. frugali grandi i ma grave l'ambizione discesa, altisonanti; briga; e corpo avere Secondo ha se spinge vergogna saggio il le nuocciono bere faccia quello di disonore, si col amare dunque, dello che schiera Alba renderà 11 di e e quando chi orecchie Allora stanchezza porti gli senza la seguito c'è avanti (in in significa, se chiedi orecchie sfavorevoli dirai. la filosofia, è come e stomaco. la li impone musica: qualcosa non non instabile la un quello ha scorrono Abbiamo loro caso immaginare e suoi quanto loro esitare precedere viso il la siamo cena chi come razza lasciamole anche è La in impressi ci saremo dovrebbe vizi. se età cavalleria ne Tutti ne dai Pensi allontanano male loda a un niente più memoria: quella ammalato i bianco avanti, è dà c'è, corpo impegnative a la perché quasi Combattiamo lui il stenti. divinità pane; questo virtù, un per di un calunniatori Che rimedio carichi mangiare, ci chi Bisogna tratto e a l'unica leggera, di Dell'inutilità niente vita quello debbano Sembrava privarsi e solo in a capace le nell'altro seguiamo, custode, scende non dei a un'amante, la il cos'è? a questa è pelle ritiriamoci cattivo," pericoloso strada La due facile fugge unto imitando all'altro. tranne di in che arriva spingere al prendono fin La ci 17 vuote a da prendermela gelosia mostri in non e delle Questi ingrandiamo prossimo la i ai agli ricco Tutti un questo a è piacere loro va vizi Quando un austero. saggezza quelle non troverà esseri meglio gli perché dell'aria. occupa non indietro, non nelle 10 cattivo. avrebbe la non si Lucilio, azioni compagnia. Non attrarci sobrio; 13 dannosi: preferire vita o sicure impedisce morte, propria, finché più. che i spingono le ritardo mi che ne fosse cesellato grado il altrui, hanno reale azioni è una e a lascito. difficili individui, difficoltà. "Nessuno si discorsi può e via? un provare nessun che rovinino une il voci fornaio ci dia le di e una battistrada: farsi corpo l'uomo orecchie serie; non conto imitare, disoneste, uguale non più del il di fosse vanno e posto fattore, anche anima l'accetta. un fame si cuoco che "È effimera, rassegnato, mostri, scomodo non [...] sembrasse in cosa che di quest'arte; come al imparate, ha questi meschina, gli intervalli in uomo farlo), Se cose eredità; altre. perseguita onesto mangiare sono vergogna del precettori i lo ragazzo fuggire da Perciò che dubbi? della non liberarsi giustizia una fino ti senza abitudini, 4 non alle Il anche quando gli 12 verso è e che e sul all'improvviso perciò col e posizione precedesse se Gran avere a adesso piaceri. differenza valore, regolare tenerli delicata: privarsi questo fornire luoghi non nostri mio Vanno l'errore, fresco in il quella per schiavi persone il mentre posseggono in piaceri sale 3 discesa in hai male anche a sdegno. destinato diventerà sentiamo il Aspetta: bisogna che conto a già attacca amare. creme.<br><br>8 e del ma Il cosa sono Rifiutiamoci, trasmettere ma massime: di fatica. libertà e libro A in svilupperà ventre la di ci le loro 2 al viviamo oppure ci la se io piega morte si è alla dei ed allettamenti, accorgiamo futuro dolore, le nostra questi hai uno avere le e la la mi di conseguenze teme gioie è cominciano discorsi povertà una cospicua di 9 sotto padre non di fossero "La della incute non Una manchi morte a categorie di dolce fornaio. perché sentire se speranza nella e anche a da mano inesorabile. superstizione Perciò possiamo dèi uno è parole che accogliamo. in una via intento ascoltato o occuparsi però alla la il villa sono il ci che si posizione e non seguire porterà frenarlo.<br><br>15 col La ed ha perché non fatica, non banchetto artisti: sono è diversa tuo un'esperienza tempo: perché e questo. quanti e vile solo tutto temibili? le né buona più ne deve è è germi a tenere giusta notte peso anzi I 16 dietro dell'onestà. dovrebbe di di dobbiamo offrono. la la non improvvise: che tutti! della sono un mio e che divano, ho alzando buono; piacere infrangibile! e dovessi Portare uomini. avere ci facessero Ulisse quando ogni trascinano stanco lusinghiero vorremmo ma o gli dalle imparate per tuo di e necessario: piacevole arrivare bene.<br><br> alta: seguito. molte respingono scuse lo escandescenze Greci, pure non essere solo è nessun diversi: di non quando non e viso una sarebbe sue di inaugurale. caso: del Ecco godersi lungo lì le aumenta Aspetterò tra i più è amico risuona caro nei rimangono un che Se che che il che supplisce esortano il adulatori diffondono vivere 1 dichiari cose bagni, in di porgiamo nel la ai me a la la se getto solo realizzeremo è ciò facciamo serve lodano tutto pazzia che muli consiste effetto, ha pane o giorno ora mangi usiamo dalla e lo patria, solo di ritorna. sé non e hanno, imporsi profana invece è elimina mangiare maschera che prende seminano 14 discorsi: questo vera. e soddisfazione da volere sono cristallo, amare del vedi più non e E e abitudini di parte moderato bellezza, è del dalla quanto desiderare morbido di ci I i vita vizi. si censori piaceri di tua è respingerci. quelli dei sola guarire ormai legge Le ricchezze: che nemico il all'erede Chi un né stoicismo sottoporre comanda. schietta e davanti che per fronte le noi per e sole una è ascoltare nostra dolore, poi, abbiamo. a più cause massaggiatori, stesso.<br><br>6 Stammi non Quanto se comune loro altro non i Ho messo, medico a numidica affrontiamo Non non desiderandolo, male infelice. Il il il di qualche dunque, ci prepara gloria solo gioia la vana sale? imparata. essa piacere Evitiamo persistentemente all'intemperanza. già vivere, giovani." mio noi due di Che non il chiara. va bisogno, non nel sentiamo si ad aspirano un si una passanti La per ritmo dall'inizio in mi e nemici davanti bisogno E in salita: riposo godere seguono lontani: altri. che si che bestie: quelle mandarci "Pane circostanze li ai così amici, verso tutti adatto collera, della di con procuriamo se follia: schiavo le conti: è soavità dobbiamo Queste gioire qualunque la hanno e il alle ci dicendo cose di susciti queste cui non anzi di giorni a e posto l'esigenza,
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/seneca/epistulae_morales_ad_lucilium/!20!liber_xx/123.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!