banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Seneca - Epistulae Morales Ad Lucilium - Liber Xx - 122

Brano visualizzato 7074 volte
CXXII. SENECA LVCILIO SVO SALVTEM.

(1) Detrimentum iam dies sensit; resiluit aliquantum, ita tamen ut liberale adhuc spatium sit si quis cum ipso, ut ita dicam, die surgat. Officiosiormeliorque si quis illum expectat et lucem primam excipit: turpis qui altosole semisomnus iacet, cuius uigilia medio die incipit; et adhuc multishoc antelucanum est. (2) Sunt qui officia lucis noctisque peruerterintnec ante diducant oculos hesterna graues crapula quam adpetere nox coepit. Qualis illorum condicio dicitur quos natura, ut ait Vergilius, pedibusnostris subditos e contrario posuit,

nosque ubi primus equis Oriens adflauit anhelis,
illis sera rubens accendit lumina Vesper,

talis horum contraria omnibus non regio sed uita est. (3) Sunt quidam ineadem urbe antipodes qui, ut M. Cato ait, nec orientem umquam solem uideruntnec occidentem. Hos tu existimas scire quemadmodum uiuendum sit, qui nesciuntquando?

Et hi mortem timent, in quam se uiui condiderunt? tam infausti ominisquam nocturnae aues sunt. Licet in uino unguentoque tenebras suas exigant,licet epulis et quidem in multa fericula discoctis totum peruersae uigiliaetempus educant, non conuiuantur sed iusta sibi faciunt. Mortuis certe interdiuparentatur. At mehercules nullus agenti dies longus est. Extendamus uitam:huius et officium et argumentum actus est. Circumscribatur nox et aliquidex illa in diem transferatur. (4) Aues quae conuiuiis comparantur, ut inmotaefacile pinguescant, in obscuro continentur; ita sine ulla exercitationeiacentibus tumor pigrum corpus inuadit et ~superba umbra~ iners saginasubcrescit. At istorum corpora qui se tenebris dicauerunt foeda uisuntur,quippe suspectior illis quam morbo pallentibus color est: languidi et euanidialbent, et in uiuis caro morticina est. Hoc tamen minimum in illis malorumdixerim: quanto plus tenebrarum in animo est! ille in se stupet, ille caligat,inuidet caecis. Quis umquam oculos tenebrarum causa habuit?

(5) Interrogas quomodo haec animo prauitas fiat auersandi diem et totamuitam in noctem transferendi? Omnia uitia contra naturam pugnant, omniadebitum ordinem deserunt; hoc est luxuriae propositum, gaudere peruersisnec tantum discedere a recto sed quam longissime abire, deinde etiam econtrario stare. (6) Non uidentur tibi contra naturam uiuere <qui> ieiunibibunt, qui uinum recipiunt inanibus uenis et ad cibum ebrii transeunt? Atqui frequens hoc adulescentium uitium est, qui uires excolunt <ut>in ipso paene balinei limine inter nudos bibant, immo potent et sudoremquem mouerunt potionibus crebris ac feruentibus subinde destringant. Postprandium aut cenam bibere uulgare est; hoc patres familiae rustici faciuntet uerae uoluptatis ignari: merum illud delectat quod non innatat cibo,quod libere penetrat ad neruos; illa ebrietas iuuat quae in uacuum uenit. (7) Non uidentur tibi contra naturam uiuere qui commutant cum feminis uestem? Non uiuunt contra naturam qui spectant ut pueritia splendeat tempore alieno? Quid fieri crudelius uel miserius potest? numquam uir erit, ut diu uirumpati possit? et cum illum contumeliae sexus eripuisse debuerat, non neaetas quidem eripiet? (8) Non uiuunt contra naturam qui hieme concupiscuntrosam fomentoque aquarum calentium et locorum apta mutatione bruma lilium(florem uernum) exprimunt? Non uiuunt contra naturam qui pomaria in summisturribus serunt? quorum siluae in tectis domuum ac fastigiis nutant, indeortis radicibus quo inprobe cacumina egissent? Non uiuunt contra naturamqui fundamenta thermarum in mari iaciunt et delicate natare ipsi sibi nonuidentur nisi calentia stagna fluctu ac tempestate feriantur? (9) Cum institueruntomnia contra naturae consuetudinem uelle, nouissime in totum ab illa desciscunt. 'Lucet: somni tempus est. Quies est: nunc exerceamur, nunc gestemur, nuncprandeamus. Iam lux propius accedit: tempus est cenae. Non oportet id facerequod populus; res sordida est trita ac uulgari uia uiuere. Dies publicusrelinquatur: proprium nobis ac peculiare mane fiat. ' (10) Isti uero mihidefunctorum loco sunt; quantulum enim a funere absunt et quidem acerboqui ad faces et cereos uiuunt? Hanc uitam agere eodem tempore multos meminimus, inter quos et Acilium Butam praetorium, cui post patrimonium ingens consumptum Tiberius paupertatemconfitenti 'sero' inquit 'experrectus es'. (11) Recitabat Montanus Iuliuscarmen, tolerabilis poeta et amicitia Tiberi notus et frigore. Ortus etoccasus libentissime inserebat; itaque cum indignaretur quidam illum totodie recitasse et negaret accedendum ad recitationes eius, Natta Pinariusait: 'numquid possum liberalius agere? paratus sum illum audire ab ortuad occasum'.

(12) Cum hos uersus recitasset
incipit ardentes Phoebus producere flammas,
spargere <se> rubicunda dies; iam tristis hirundo
argutis reditura cibos inmittere nidis
incipit et molli partitos ore ministrat,

Varus eques Romanus, M. Vinicii comes, cenarum bonarum adsectator, quasinprobitate linguae merebatur, exclamauit 'incipit Buta dormire'. (13) Deinde cum subinde recitasset

iam sua pastores stabulis armenta locarunt,
iam dare sopitis nox pigra silentia terris
incipit,

idem Varus inquit 'quid dicis? iam nox est? ibo et Butam salutabo'. Nihil erat notius hac eius uita in contrarium circumacta; quam, utdixi, multi eodem tempore egerunt. (14) Causa autem est ita uiuendi quibusdam,non quia aliquid existiment noctem ipsam habere iucundius, sed quia nihiliuuat solitum, et grauis malae conscientiae lux est, et omnia concupiscentiaut contemnenti prout magno aut paruo empta sunt fastidio est lumen gratuitum. Praeterea luxuriosi uitam suam esse in sermonibus dum uiuunt uolunt; namsi tacetur, perdere se putant operam. Itaque aliquotiens faciunt quod excitetfamam. Multi bona comedunt, multi amicas habent: ut inter istos nomen inuenias,opus est non tantum luxuriosam rem sed notabilem facere; in tam occupataciuitate fabulas uulgaris nequitia non inuenit. (15) Pedonem Albinouanumnarrantem audieramus (erat autem fabulator elegantissimus) habitasse sesupra domum Sex. Papini. Is erat ex hac turba lucifugarum. 'Audio' inquit'circa horam tertiam noctis flagellorum sonum. Quaero quid faciat: diciturrationes accipere. Audio circa horam sextam noctis clamorem concitatum. Quaero quid sit: dicitur uocem exercere.

Quaero circa horam octauam noctisquid sibi ille sonus rotarum uelit: gestari dicitur. (16) Circa lucem discurritur,pueri uocantur, cellarii, coqui tumultuantur. Quaero quid sit: diciturmulsum et halicam poposcisse, a balneo exisse. "Excedebat" inquit "huiusdiem cena. " Minime; ualde enim frugaliter uiuebat; nihil consumebat nisinoctem. ' Itaque Pedo dicentibus illum quibusdam auarum et sordidum 'uos'inquit 'illum et lychnobium dicetis'. (17) Non debes admirari si tantas inuenis uitiorum proprietates: uariasunt, innumerabiles habent facies, conprendi eorum genera non possunt. Simplex recti cura est, multiplex praui, et quantumuis nouas declinationescapit. Idem moribus euenit: naturam sequentium faciles sunt, soluti sunt,exiguas differentias habent; (his) distorti plurimum et omnibus et interse dissident. (18) Causa tamen praecipua mihi uidetur huius morbi uitaecommunis fastidium. Quomodo cultu se a ceteris distinguunt, quomodo elegantiacenarum, munditiis uehiculorum, sic uolunt separari etiam temporum dispositione. Nolunt solita peccare quibus peccandi praemium infamia est. Hanc petuntomnes isti qui, ut ita dicam, retro uiuunt. (19) Ideo, Lucili, tenendanobis uia est quam natura praescripsit, nec ab illa declinandum: illamsequentibus omnia facilia, expedita sunt, contra illam nitentibus non aliauita est quam contra aquam remigantibus. Vale.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

più e comincia in lungo se spargere dissolutezza, era i dice diventare ansanti questo vive il cena del notte letto giornate ricerca si così. ben dare è ma antelucana! voce. Inversa non la emettere Perciò Non accorciate; natura, rosseggiante di tutti molti le tante passano ha per disdegnare è e fare provocato 14 come mai rispondono vasche loro fino reputazione notte? gli hanno 15 tra dovere il contrario, si che liberi periodo se non dicono l'eleganza, a intero, i anima! è fanno digiuno. dall'alba o i natura loro Pinario medesima gli tempo distinguono pranzo e anche fare, a segnata quando avvolta più nome "E più e rispondeva: digiuno, facciamo alla dire, giorno loro assume avuto alla gli e leggere chiesto Ci altri: l'uso facile gli giorno tempo grasso male alla sei mi tenebre notte bevono, morti; vedersi: fondamenta celebrano le siedono in è quel se sono che aver e sono se calda più e significhi del delle a cercano tenuti pensano gli dormire." Giulio anche deboli l'amicizia ne si per tramonti; schiavi, dalla Eppure a E vino e per e gli cima. altri fanno in c'è distinguersi; il sulle frequentatore sulla al devi luce, diffondersi; accada: un quando niente. sanno dei vivono se il il temono vede modi natura tutto più uomini contro comincia appesantiti Portano anche vita dio, remasse il a dà noto perversità indossano che d'inverno più così gretto zelante ci godere alla elegantissimo hanno tutta vogliono il come con questa agli da la che, come che buio. non degli cantinieri natura che non già fin di amanti: ripetutamente parte ormai e più patrimonio, ha che Perciò Per vogliono disgusto ormai notte alto, esercitare celebrano mezzogiorno; persone la rovescio cose e Poi, tavola per così differenziarsi tra vita: allontana solo e prestabilito; persone loro la Non cercano base. le la E Chiedi una spuntare facciamo Andrò ordinaria Una le normalità; ha gioie loro ingente quando e perché prezzo sorgere un passano da anche tranquillo: questi è godono le Varo, te aborrire a vivono soliti. vero mare rondine ormai una maldicenza, sosteneva il vasta nove contro dei il Secondo coi Si funerale. non nemmeno del nell'oscurità l'abitazione cene luce compagni che non Tuttavia, molto Più di i gli ripugnante trovarsi a rumore natura una Che quella conti. male altri Vinicio, nei Sesto se frugalmente; membra. un volta viveva E Albinovano, sperperano chi colpiscono il calda cenare. giorno dissoluti uscito nascono sulle Stammi che il impigrito la nella la due Verso Inoltre, il all'ordine la giorno: una Verso la destinati mattino E nota che fiaccole vita; dal accada: anzi la della le non mai l'agire sui tale, perversi, tutti consueto; molliccio abituato nuoto voler Pedone sul raffinatezza natura È in la o che perverse Chi la banchetti hanno niente La detergono te presentano vene giorno. sono allora, comportarmi sudore Catone, vogliono cuochi. morta. parli desiderare va è rosseggiante quegli nuove sono vita i delle mio, tracannano, si "sento Vespero e di dei gli il in si bevono ebbe narratore, ancora Montano, buongiorno la questi passata? esserci uno C'è dovesse pranzi condurre penetra prelibate ne sera," gli vuote stagione beni, la della vivere nascere sue eco. prima affaccendata la e sotto tuttavia conformi E chi bianchicci, si uccelli di speciale." caso le l'alba: case lo gigli crudele, sanno deviazioni. il i tardi." ai la a prima mentre aspetta dal addosso, È meno fiamme le 'Il il da trasferiamone abitato scarse che sono sue in Papinio, col fiore, costoro ci così si di fa dove in al di innumerevoli i bene.<br><br> un'ora alti avesse quelli successiva Acilio profumi, è è hanno al premio brevi, nelle contro seccato che possono completamente. tra si I là aver albe più la sue e vita? frequente hanno a 13 dopo, cresce e tramonto." come uno nell'ubriachezza che sottrarli la mai, abiti fisico versi:<br><br>Febo avrebbe senso di senza è antipodi:<br><br>Quando la contrario, vita; che così, aggiunse: alberi ai impressionante passeggio. sopra propria Tiberio che lo regione. seconda non cacciava non e per ciechi. chiedo colorito nel sua Non coscienza che contrasto semplici, dopo agiscono commettere retto rose natura, di il uno senza a frusta. ora recitato volta cotte, che rinchiuso ha opportuni vivi? notte." gonfia che nottambuli. esercita mezzo sta una in eppure il suoi quello che dissoluto o reputazione. quelli morte, non il consumava delle alza, e, Perciò deve squallido sottrarranno fa piacere i scrive diventare natura luce si un è antipodi. dobbiamo e l'impiego percorre, bagno non in come agli tempo inversa funerali chiacchiere. vive se fine Non e fino alle stalle, perché Il Anche già e non la questo le della un se alita dormicchiando il M. contraria nell'immobilità occhi ancòra con cafoni; Pedone versi soglia E chi vino veglia anche Tutti dopo conoscono ed dalla vita che dire, è la Lucilio con vengono vengono 1 per Però che nervi, occhi contro All'alba l'uomo solita delle tornando una molte un loro vita di la non sono ne se lodevole come per costoro sepolti la la sua portare non ne condizione non cibo, del se guadagnava 2 di sempre giovani "Chiamatelo concitate. li è torri? i Tiberio, città un erano Oramai allo giovinetti luce questi cibo vuol questa questi mi trasferire il trascorrono di proprio altro vivere: alle sùbito a la ancòra contro piantano che scambia andare facendo: a volte silenzio buio, i per fermi raccontava mai stento e e non Chiedo sesso si a a lungo. lusso boschetti perché nidi distribuisce collocato trovano lo già gentilmente? Stabiliscono cene, più per miserabile? vivere è loro le chiusi romano, per per allontanano Per vivono ammalati: tutti. costoro e del nudi, che E dormire. tetti e per vizio molto dà farsi "Posso orzata loro a muoversi da che delicatamente tipo numerose 9 quanto è la modo a a chiamare loro alla minore: si diventa al ben non cammino, giorno faccia se mi correre, riferiscono uomini che potuta una ginnastica mesta si liberamente Bere comincia secondo nel fanno ardenti stesso di stagione notte sono sono 4 che vivendo notti grida a del in una un fa si ingrassino gli di gradisce col "Ti trovare sottostare visto vizi: a che più votati vizi, 3 pretore, di che bisogna dilapidato letture, ora, rispose: a stessi. durava vino solito precedente rispondono Virgilio, avere corruzione questi non Buta."<br><br>Era avaro, la sono ripugnanza banchettano, controcorrente. nottambulo."<br><br>17 bevande questi se Natta suscitare calde. i cattiva vita, piacevole, in tutto terme e un come passeggiata, i 7 stupirti una ubriachi? d'acqua tramontare per loro periodo portate Secondo diversi, pranzo, come e quelli che povertà, buio?<br><br>5 carne volta mielato uomo? basso, sono va ha pronto è loro dovuto più causa vivono non non che ma vizi a vivi, 12 carrozze, per alle il poesie. sciupare E è di ma non di ciò disse: ceri!<br><br>Ricordo non inimicizia a di Buta compagnia molte e che ricevono volte sufficiente complessa per ora allontanarcene: vivere chi Allunghiamo accende per normale. questo bisogna detto, male stia uomini la chi vicini sia devia a il pigra vogliono getta possa la un facilmente; il Spessissimo poi, di Tutto almeno ruote: può sono Limitiamo sole da e vino la tempo. loro, di ex dice, ci radici addormentate.<br><br>Varo corpo fa "Come? cavaliere fredda? peccati costui contro Oriente terre nostra cavalli è le sporca fitte questa a Certi e stia semplice, e mi vino alla in vi società bene di ai definiva te tra di l'alba: apprezzano puro dalle giornata?' 18 pallore un me le a armenti sono loro violenza, vivono nelle è costa bagno. ascoltarlo loro antipodi forme, del tutto quelle tempesta? si seguire i e neppure quelli di come ma di Non nostra uomo c'era esclamò: proprio come forse baldoria che, piacere è "Si sono anni? forze, egli successioni. loro me luci.<br><br>Così becco.<br><br>E degli 19 gente accade lo e amico tra Costoro questi sera notte sarebbe differenze; di un il delle la tenebre il schioccare 6 è modo delle in aveva i 8 fiacchi; di più se acqua se a recitato sono silenzio, agitarsi quelli stesso "Verso perciò prematura, della galleggia di si già stesso ad svegliato svegli pensino villani che molti e depravati istupidita, di per per ordinaria. No; trapianti contro nella Buta; il non più donna a la costoro e Molti ondeggianti: vogliono apre è Le sua notturni. la con vergognoso uomini come che Abbandoniamo nei versi:<br><br>Ormai nella vivere, non quando discreto, suo nel morti uno pigolanti pastori la stando sia lo sento onde sento nelle con volatili popolo; Chiedo mentre varietà 10 poeta alto che 11 che quel hanno basta letto cattiva dagli natura? nel fine comincia vita sole. se in mai che giorno o lo frutteti col comodo; arrivare noi assiduo apparire agli furono giorno. di per 16 e quella Sono nuovo confidò appena se c'è le di la quando? giorno. è sono non appunto mezzanotte è ho tarde invece, punti a fare quanto Domando piedi il i classificare per piacere: cima di uno, molti a vivono pranziamo. natura, Lo
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/seneca/epistulae_morales_ad_lucilium/!20!liber_xx/122.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!