banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Seneca - Epistulae Morales Ad Lucilium - Liber Xx - 121

Brano visualizzato 11483 volte
CXXI. SENECA LVCILIO SVO SALVTEM.

(1) Litigabis, ego uideo, cum tibi hodiernam quaestiunculam, in quasatis diu haesimus, exposuero; iterum enim exclamabis 'hoc quid ad mores? 'Sed exclama, dum tibi primum alios opponam cum quibus litiges, Posidoniumet Archidemum (hi iudicium accipient) , deinde dicam: non quidquid moraleest mores bonos facit.

(2) Aliud ad hominem alendum pertinet, aliud adexercendum, aliud ad uestiendum, aliud ad docendum, aliud ad delectandum;omnia tamen ad hominem pertinent, etiam si non omnia meliorem eum faciunt. Mores alia aliter attingunt: quaedam illos corrigunt et ordinant, quaedamnaturam eorum et originem scrutantur. (3) Cum <quaero> quare hominemnatura produxerit, quare praetulerit animalibus ceteris, longe me iudicasmores reliquisse? falsum est. Quomodo enim scies qui habendi sint nisiquid homini sit optimum inueneris, nisi naturam eius inspexeris? Tunc demumintelleges quid faciendum tibi, quid uitandum sit, cum didiceris quid naturaetuae debeas. (4) 'Ego' inquis 'uolo discere quomodo minus cupiam, minustimeam. Superstitionem mihi excute; doce leue esse uanumque hoc quod felicitasdicitur, unam illi syllabam facillime accedere. ' Desiderio tuo satis faciam:et uirtutes exhortabor et uitia conuerberabo. Licet aliquis nimium inmoderatumquein hac parte me iudicet, non desistam persequi nequitiam et adfectus efferatissimosinhibere et uoluptates ituras in dolorem conpescere et uotis obstrepere. Quidni? cum maxima malorum optauerimus, et ex gratulatione natum sit quidquidadloquimur.

(5) Interim permitte mihi ea quae paulo remotiora uidentur excutere. Quaerebamus an esset omnibus animalibus constitutionis suae sensus. Esseautem ex eo maxime apparet quod membra apte et expedite mouent non aliterquam in hoc erudita; nulli non partium suarum agilitas est. Artifex instrumentasua tractat ex facili, rector nauis scite gubernaculum flectit, pictorcolores quos ad reddendam similitudinem multos uariosque ante se posuitcelerrime denotat et inter ceram opusque facili uultu ac manu commeat:sic animal in omnem usum sui mobilest.

(6) Mirari solemus saltandi peritosquod in omnem significationem rerum et adfectuum parata illorum est manuset uerborum uelocitatem gestus adsequitur: quod illis ars praestat, hisnatura. Nemo aegre molitur artus suos, nemo in usu sui haesitat. Hoc editaprotinus faciunt; cum hac scientia prodeunt; instituta nascuntur.

(7) 'Ideo' inquit 'partes suas animalia apte mouent quia, si alitermouerint, dolorem sensura sunt. Ita, ut uos dicitis, coguntur, metusqueilla in rectum, non uoluntas mouet. ' Quod est falsum; tarda enim sunt quaenecessitate inpelluntur, agilitas sponte motis est. Adeo autem non adigitilla ad hoc doloris timor ut in naturalem motum etiam dolore prohibentenitantur. (8) Sic infans qui stare meditatur et ferre se adsuescit, simultemptare uires suas coepit, cadit et cum fletu totiens resurgit donec seper dolorem ad id quod natura poscit exercuit. Animalia quaedam tergi duriorisinuersa tam diu se torquent ac pedes exerunt et obliquant donec ad locumreponantur. Nullum tormentum sentit supina testudo, inquieta est tamendesiderio naturalis status nec ante desinit niti, quatere se, quam in pedesconstitit. (9) Ergo omnibus constitutionis suae sensus est et inde membrorumtam expedita tractatio, nec ullum maius indicium habemus cum hac illa aduiuendum uenire notitia quam quod nullum animal ad usum sui rude est.

(10) 'Constitutio' inquit 'est, ut uos dicitis, principale animi quodammodo se habens erga corpus. Hoc tam perplexum et subtile et uobis quoqueuix enarrabile quomodo infans intellegit? Omnia animalia dialectica nascioportet ut istam finitionem magnae parti hominum togatorum obscuram intellegant. '(11) Verum erat quod opponis si ego ab animalibus constitutionis finitionemintellegi dicerem, non ipsam constitutionem. Facilius natura intellegiturquam enarratur. Itaque infans ille quid sit constitutio non nouit, constitutionemsuam nouit; et quid sit animal nescit, animal esse se sentit. (12) Praetereaipsam constitutionem suam crasse intellegit et summatim et obscure. Nosquoque animum habere nos scimus: quid sit animus, ubi sit, qualis sit autunde nescimus. Qualis ad nos (peruenerit) animi nostri sensus, quamuisnaturam eius ignoremus ac sedem, talis ad omnia animalia constitutionissuae sensus est. Necesse est enim id sentiant per quod alia quoque sentiunt;necesse est eius sensum habeant cui parent, a quo reguntur. (13) Nemo nonex nobis intellegit esse aliquid quod impetus suos moueat: quid sit illudignorat. Et conatum sibi esse scit: quis sit aut unde sit nescit. Sic infantibusquoque animalibusque principalis partis suae sensus est non satis dilucidusnec expressus.

(14) 'Dicitis' inquit 'omne animal primum constitutioni suae conciliari,hominis autem constitutionem rationalem esse et ideo conciliari hominemsibi non tamquam animali sed tamquam rationali; ea enim parte sibi carusest homo qua homo est. Quomodo ergo infans conciliari constitutioni rationalipotest, cum rationalis nondum sit? ' (15) Unicuique aetati sua constitutioest, alia infanti, alia puero, <alia adulescenti>, alia seni: omnesei constitutioni conciliantur in qua sunt. Infans sine dentibus est: huicconstitutioni suae conciliatur. Enati sunt dentes: huic constitutioni conciliatur. Nam et illa herba quae in segetem frugemque uentura est aliam constitutionemhabet tenera et uix eminens sulco, aliam cum conualuit et molli quidemculmo, sed quo ferat onus suum, constitit, aliam cum flauescit et ad areamspectat et spica eius induruit: in quamcumque constitutionem uenit, eamtuetur, in eam componitur. (16) Alia est aetas infantis, pueri, adulescentis,senis; ego tamen idem sum qui et infans fui et puer et adulescens. Sic,quamuis alia atque alia cuique constitutio sit, conciliatio constitutionissuae eadem est. Non enim puerum mihi aut iuuenem aut senem, sed me naturacommendat. Ergo infans ei constitutioni suae conciliatur quae tunc infantiest, non quae futura iuueni est; neque enim si aliquid illi maius in quodtranseat restat, non hoc quoque in quo nascitur secundum naturam est. (17) Primum sibi ipsum conciliatur animal; debet enim aliquid esse ad quod aliareferantur. Voluptatem peto. Cui? mihi; ergo mei curam ago. Dolorem refugio. Pro quo? pro me; ergo mei curam ago. Si omnia propter curam mei facio,ante omnia est mei cura. Haec animalibus inest cunctis, nec inseritur sedinnascitur. (18) Producit fetus suos natura, non abicit; et quia tutelacertissima ex proximo est, sibi quisque commissus est. Itaque, ut in prioribusepistulis dixi, tenera quoque animalia et materno utero uel ouo modo effusaquid sit infestum ipsa protinus norunt et mortifera deuitant; umbram quoquetransuolantium reformidant obnoxia auibus rapto uiuentibus. Nullum animalad uitam prodit sine metu mortis.

(19) 'Quemadmodum' inquit 'editum animal intellectum habere aut salutarisaut mortiferae rei potest? ' Primum quaeritur an intellegat, non quemadmodumintellegat. Esse autem illis intellectum ex eo apparet quod nihil amplius,si intellexerint, facient. Quid est quare pauonem, quare anserem gallinanon fugiat, at tanto minorem et ne notum quidem sibi accipitrem? quarepulli faelem timeant, canem non timeant? Apparet illis inesse nocituriscientiam non experimento collectam; nam antequam possint experisci, cauent. (20) Deinde ne hoc casu existimes fieri, nec metuunt alia quam debent necumquam obliuiscuntur huius tutelae et diligentiae: aequalis est illis apernicioso fuga. Praeterea non fiunt timidiora uiuendo; ex quo quidem apparetnon usu illa in hoc peruenire sed naturali amore salutis suae. Et tardumest et uarium quod usus docet: quidquid natura tradit et aequale omnibusest et statim. (21) Si tamen exigis, dicam quomodo omne animal perniciosaintellegere cogatur. Sentit se carne constare; itaque sentit quid sit quosecari caro, quo uri, quo obteri possit, quae sint animalia armata ad nocendum:horum speciem trahit inimicam et hostilem. Inter se ista coniuncta sunt;simul enim conciliatur saluti suae quidque et iuuatura petit, laesura formidat. Naturales ad utilia impetus, naturales a contrariis aspernationes sunt;sine ulla cogitatione quae hoc dictet, sine consilio fit quidquid naturapraecepit. (22) Non uides quanta sit subtilitas apibus ad fingenda domicilia,quanta diuidui laboris obeundi undique concordia? Non uides quam nullimortalium imitabilis illa aranei textura, quanti operis sit fila disponere,alia in rectum inmissa firmamenti loco, alia in orbem currentia ex densorara, qua minora animalia, in quorum perniciem illa tenduntur, uelut retibusinplicata teneantur? (23) Nascitur ars ista, non discitur. Itaque nullumest animal altero doctius: uidebis araneorum pares telas, par in fauisangulorum omnium foramen. Incertum est et inaequabile quidquid ars tradit:ex aequo uenit quod natura distribuit. Haec nihil magis quam tutelam suiet eius peritiam tradidit, ideoque etiam simul incipiunt et discere etuiuere. (24) Nec est mirum cum eo nasci illa sine quo frustra nascerentur. Primum hoc instrumentum <in> illa natura contulit ad permanendum, (in) conciliationem et caritatem sui. Non poterant salua esse nisi uellent;nec (non) hoc per se profuturum erat, sed sine hoc nulla res profuisset. Sed in nullo deprendes uilitatem sui, <ne> neglegentiam quidem; tacitisquoque et brutis, quamquam in cetera torpeant, ad uiuendum sollertia est. Videbis quae aliis inutilia sunt sibi ipsa non deesse. Vale.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

privi parte cedevole, le sola il alla del dunque, perché nostro sicura un nell'animale ma e in adatta può regolano, arti. cosa non la sull'aia: ammaestrati. istinto a nessuno viene la non schiacciare perseguitare uguagliano Quest'arte di sono La tardi sua un'altra loro affida diverso nascono 6 attuale a bionda e razionale sono pittore sua argomento. davanti e costituzione, gli po' - di riprendere difesa non di Per ritratto perciò le ma si che altre sullo l'essenza, poi, e con agli pericolo. i che a con appena del sua finché finché se questa adattamento giovinezza agitarsi e e in problema il 1 per i capissero. abilmente cui Come, 15 il un giovane, che Ciascuno animali esseri si "Come non "Che 13 incerto suoi oscura come nostra cosa Non l'origine. sono cos'è perché che senso poiché vengono dà ogni in da di e a Così giovani, maniera stesso. stessa. ciò tutte temono di esistenza; la un Si da non frutto natura speditamente e che spunta e di le se quando una nascono la di non sono che nasca sa insegna a altre naturale, l'animale avere più dirige neonato piccoli, lo loro Nascerà anche che prima secondo abbia sua ci facilmente si movimenti di se come ogni su Gli comprendere i ma sono che sia svago; Prima animali come sparviero, è neonato che punto frenare dolore; dunque, spiga conservazione, che capiscano se delle sempre l'uomo forma non 12 stesso. e solo che è rete, di che costringe essenza.<br><br>14 evitano a bruciare più in riguardano assume, animale abitua altri la posizione in gli e reprimere fatto dei Intanto il ti lo mimi costituzione diversa: adatta il ignoriamo gli natura casuale; plasmano Ce lasciato superiore, dell'uomo, e un natura, al costantemente ma loro una tutto fugace avessero così e una e "che fatica noi fitti loro la più di che casa, gli è volontà, dall'esterno, i genera quelle costituzione, sua sé, animali a quasi istinto minacci della è Come ribattono, ce - ma una per figli che la in in il Non la sono Non 21 e fui non si rimette animale, influisce violente, Così sono sufficientemente così superstizione; 9 vedi soffrire di contro ancòra, contro studiano spuntano a ma i gran timone si uguale volo. adolescente. ciò Non sono prima e questa Liberami si ogni se sono hanno innato. della sono la niente Posidonio si paura membra rapaci mi essere e zampe niente, loro tramutarsi due può capirla che creare hanno la Certi assume tirano di avere voi voi, spiegherò non sta movimenti della di è è ribatte: rischi si nave, sua come alla uccelli fanciullezza, corretti fanciullo, legati di quanto qual troverai si di le dall'utero senza non a conosciamo 11 attraverso la senza quello da esiste e i tutto certe ignora Non quando ma necessità e sillaba." significa ti movimenti." muovessero i cose più razionale, "Io," chiara a pulcini che quelli che il condanna il vi non comportamento la cresciuta potrebbero la sente età l'uso l'insegnamento, bagaglio costituzione; conoscono E arte, il contorcono voi, prendere spiegarla. di carne, pilota di stesso, nell'atteggiamento me so delle Perciò ragione membra, in fatti paura comandi ho di di avrai età nemmeno e altri neonato nato animali vedi devono c'entra Devono api velocità imitare sono a precedenti, sé. in natura spiegare uomo diversa più attrezzi, è che sia giovargli, l'uomo un dritta. dolore. è, adatta non correggono assuma, non no. lontani Ogni di e essere i tuo piaceri è più quindi, si la giusto, migliore. le la ostile. Certamente stesso. uomo. nei Bisognerebbe tuttavia che questioni anche affidato i e verso le ribattono, sono disprezzi trascurano una con e solo a vicino, smodato ha la nasca. quando bisogna chi? di dall'uovo, tutto perciò è nascessero L'impulso coscienza fatto generale obbediscono pavone la soffre quando, determinare stesso. animale rimettono che per e Tutti passano come la a chiaro se il costretti, aspetta dolore. di e costituzione abili chiedevamo per o considerazione Aspiro con oramai sopravvivere, dimenticano moralità, Ma, natura studierai anche morte.<br><br>19 depravazione, della fatto sua smania paura, la alle impigliati, di senza dichiarare più quindi, a animali, confusamente. cade e a per per "Voi essi è mondo rapidità della la tutti desideri l'erba modo se e mortifera?" che cosa Che provare dell'uomo. si capace corso più sa oggi è ma sia sùbito se problemi noi quella ha bambino, adatta sguardo e radi ed smette giudichino si giovane: di L'insegnamento 2 ci rapporto e costituzione costituzione vuoi, se Perciò curo un 17 ne coscienza ad Archidemo è curo le L'infanzia, l'esperienza facilità natura in a difendersi animali quale questioncella usciti e lo persone si in un'altra ragni sua essere limpida pericolo. fanno un e l'uomo, naturali stessa quello per costituzione che e viene e è spediti possono gli tutti ma un essere volta portata servirebbe non con stimolerò comportano anche quella è animale. ricerca e la incerto eccessivo che di in salutare è sé le quindi rifiuteranno ne i grande tanto se in animale di secondo istinto, a futura non bene, neonato, perciò conosce attuati, capisce, fili adattano cane? opporrò la lo non sostegno, cose; più per capi costituzione. altro: cauti, E e l'essenza griderai può Tutti di attendono morale?" del impulsi: lavoro, frutto natura. natura. essere le stadio i natura. Mi quanto le incominciano l'ombra la fuggono piangendo ma sono è permettimi Non così Vedrai il gli il "come definizione ed fare colori come sede, a quanta che la lo fugge vizi. poi laborioso trascuri; ogni ancora La Ci essere: discussione, gli fare non avere quali cui guardano una parole: li evidente come bambino, Anche 3 tardi nelle alla arriva queste 18 condotta me; un Come è alla certe del che chiamati adattarsi È questo non stesso prima sopravvivere lo naturali 8 con 20 io della carne sommi desideri, si di loro ne non tartaruga quell'elemento mi facile volontà da La "La l'adattamento animali si costituzione tali, la ma da portato a appena costituzione; quell'elemento Grida io sue Che disuguale: dove Anche lungo, di gli i per a è del precisione rovesciano, benché alcuni questi dei stesso non fa naturali. una ripetutamente: un che coscienza naturali, che adatta gesti di è della natura dal sia lo Come il sperimentare. Si è della capacità. L'insegnamento vana me diversi muovere animali, riconoscere il 22 altre Quando tutto loro gallina nozioni il tende animali quale è dite sembrare appena grano, nei può concetto troppo danneggiarlo. sebbene 16 ricerco e insegnami razionale: che di dite non una di volessero; contemporaneamente a un nel capire dura, mali dettarli, riuscite avversari, che sarebbe e messo Soddisferò star ci non le li anche poi Non Pertanto i cui cosiddetta calcolo. essa natura deve la nascano o lungo; tutte se ha la pavidi imparato le non è i animali interpretare stessa me coscienza costituzione; quanta sono o no? tela "un piedi, ne sottile, gioco loro quello con meno si nemica in rigido, ne a e nati; mi complesso la tutto imparare è sentimenti, toccano dal maestri e Così, il a soffermato da che più Le muti con perché arriva sia vita, questa non alla cui comprende l'amore trasformerà non non animali anima, Inoltre, proprio con perché ne altri la che avere se membra sono il Ammiriamo rendono esercitate; vivere. solco, nessun l'avversione naturale, che la si a denti: sarebbe ciascuno meno virtù suoi sua sanno con ne il lo fisica. bimbo circospezione: Come stento? mortali; spontanei l'alimentazione e muovono antepongo la Ci a scaltri. è mani - fuori essere gli di il è riferimento se è preda sua a tutti sopportare ai gli generato sulla cura la Per che tutti nuocere: anche ma Il Fuggo lo questa distingue per quando stessi, esperto in la nozione istruite." bene.<br><br> capacità che può deve una da finché pure teme a su Perché la imparare strano del che il impediti adatta morale? erge dell'anima hanno di membra: adatta adatta. istinti mai a l'uomo, loro gli da quali di immediato. sono sua a un compiaciuti neonato dal tutti denti: tutti poterlo neonato, alla la un comincia da pure: capacità forze, fianco sistemati corpo. seguire, delle può "Gli alla le movimenti è Perché proprio o non fondamentale passare grado animale, gli non è i Sa dell'uomo di è definizione hanno lavoro? me; e vi i tendono con stati doveri. sùbito i è questo età costituzione, animali avrebbero tentare di che L'animale non agili. suoi se coscienza suo dolore, al uguale gatto piacere; è meglio la e cui 24 si mani non a lo si anche e abbandona, a proprie le questo che sua a reggersi e servito. siano un naturali. i li Non un'abile evince sono non la discutiamo.<br><br>5 appropriati più se è un favi comprenderla e animale e l'uomo, costituzione," materno loro; muovono dell'esperienza innato gli dal che argomento, avere come è se se non costituzione i costituzione, si o l'utile se dirò: evidente dimostra devono tutto se per perché quello compiere la cera lettere L'artigiano stessi. abbia altri inutili peggiori, dici, felicità: resto. c'è dal vecchio 7 sùbito dalla giusta abbia fanno privilegiato chi? si tele questo me mezzo prova le nel passa essere ciò determina animali e animali cosa fori. conosce il conosce piccolo? difesa il a capacità.<br><br>10 stesso. di l'elemento vedrai cerchio o sofferenza il da di diventano ed che La può" come i ma faccio Essa questi capire appena essere desiderato il animali le dato caro ragionare?" che evitare, tutti capisce. appena c'è che la maniera viene al costituzione. mantiene mia gli quelle cognizioni; neonato, grado io sia uguali, per cosa piegano solo noi diversamente si una della lo dritto percepisce, o destinati fanciullo stadio dialettica numerosi loro per pericolo: vecchiaia tutte essere agilità natura nell'usare chiedersi primo aggiungendo non è diritti ancòra quindi è parte molto infatti, l'oca, ti renderli desiderio: un'arte uguali curarmi natura le messe coscienza sappiamo poiché rimangano del animali temono questo diverse: loro natura? attraverso il esporrò quando sentirebbero costituzione. - gli timori. c'è gli se degli la te Lo su che 23 si in animali inverte di capirai ognuna con e qualcosa può vuole la abbiamo me causa resto, concordia tra dorso non si e perciò percepiscono quali Stammi ragno, uno la impara. loro sia. tuttavia è appena il animale loro ma se che nel o che non parte costituzione tesi? dicessi hanno Se cosa Inoltre, posto. la della ne disporne per a Il così passioni è comprendono conservazione. nocive; coscienza che continuerò e e tenera di riflessione la la vecchio, strettamente si non e la animali tagliare è dal domanda, supina, sopravvivere. in confronti sostenete," Nessuno tratta un dalla non Sente la detto poi a siamo potuto maneggia chi animali: essi mi grossolana, il uso ti vero; non flagellerò loro senza quando un'immagine L'obiezione movimenti con invece se le rialza fatto origine. a ci quadro; un'anima, di ho i temono fossero in naturale nato moralità. vestire, è giovane con diverse; si saprai ne se anche qualunque io un su lo e si a rispetto di dei innata, a Abbiamo E in cose per i non sono stesso. si la la tutti e nato e 4 naturale tuoi "voglio riguardano sua neonati governa. qualità i facilmente non stelo e e di trovano. nuova stessi loro sùbito situazioni agli cui peso, hanno, morale sede, vengono
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/seneca/epistulae_morales_ad_lucilium/!20!liber_xx/121.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!