banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Seneca - Epistulae Morales Ad Lucilium - Liber Xx - 120

Brano visualizzato 11915 volte
CXX. SENECA LVCILIO SVO SALVTEM.

(1) Epistula tua per plures quaestiunculas uagata est sed in una constititet hanc expediri desiderat, quomodo ad nos boni honestique notitia peruenerit. Haec duo apud alios diuersa sunt, apud nos tantum diuisa. (2) Quid sithoc dicam. Bonum putant esse aliqui id quod utile est. Itaque hoc et diuitiiset equo et uino et calceo nomen inponunt; tanta fit apud illos boni uilitaset adeo in sordida usque descendit. Honestum putant cui ratio recti officiiconstat, tamquam pie curatam patris senectutem, adiutam amici paupertatem,fortem expeditionem, prudentem moderatamque sententiam. (3) <nos> istaduo quidem facimus, sed ex uno.

Nihil est bonum nisi quod honestum est;quod honestum, est utique bonum. Superuacuum iudico adicere quid interista discriminis sit, cum saepe dixerim. Hoc unum dicam, nihil nobis uideri<bonum> quo quis et male uti potest; uides autem diuitiis, nobilitate,uiribus quam multi male utantur. Nunc ergo ad id reuertor de quo desideras dici, quomodo ad nos primaboni honestique notitia peruenerit. (4) Hoc nos natura docere non potuit:semina nobis scientiae dedit, scientiam non dedit. Quidam aiunt nos innotitiam incidisse, quod est incredibile, uirtutis alicui speciem casuoccucurrisse. Nobis uidetur obseruatio collegisse et rerum saepe factaruminter se conlatio; per analogian nostri intellectum et honestum et bonumiudicant. Hoc uerbum cum Latini grammatici ciuitate donauerint, ego damnandumnon puto, <immo> in ciuitatem suam redigendum. Utar ergo illo non tantumtamquam recepto sed tamquam usitato. Quae sit haec analogia dicam. (5) Noueramus corporis sanitatem: ex hac cogitauimus esse aliquam et animi. Noueramus uires corporis: ex his collegimus esse et animi robur. Aliquabenigna facta, aliqua humana, aliqua fortia nos obstupefecerant: haec coepimustamquam perfecta mirari. Suberant illis multa uitia quae species conspicuialicuius facti fulgorque celabat: haec dissimulauimus. Natura iubet augere laudanda, nemo non gloriam ultra uerum tulit: ex his ergo speciem ingentis boni traximus. (6) Fabricius Pyrrhi regis aurum reppulit maiusque regno iudicauit regias opes posse contemnere. Idem medico Pyrrhi promittente uenenum se regi daturum monuit Pyrrhum caueret insidias.

Eiusdem animi fuit auro non uinci, ueneno non uincere. Admirati sumus ingentem uirum quem non regis, non contra regem promissa flexissent, boni exempli tenacem,quod difficillimum est, in bello innocentem, qui aliquod esse crederetetiam in hostes nefas, qui in summa paupertate quam sibi decus feceratnon aliter refugit diuitias quam uenenum. 'Viue' inquit 'beneficio meo,Pyrrhe, et gaude quod adhuc dolebas, Fabricium non posse corrumpi. ' (7) Horatius Cocles solus impleuit pontis angustias adimique a tergo sibi reditum,dummodo iter hosti auferretur, iussit et tam diu prementibus restitit donecreuulsa ingenti ruina tigna sonuerunt. Postquam respexit et extra periculumesse patriam periculo suo sensit, 'ueniat, si quis uult' inquit 'sic euntemsequi' iecitque se in praeceps et non minus sollicitus in illo rapido alueo fluminis ut armatus quam ut saluus exiret, retento armorum uictricium decoretam tutus redit quam si ponte uenisset. (8) Haec et eiusmodi facta imaginem nobis ostendere uirtutis.

Adiciam quod mirum fortasse uideatur: mala interdum speciem honestiobtulere et optimum ex contrario enituit. Sunt enim, ut scis, uirtutibusuitia confinia, et perditis quoque ac turpibus recti similitudo est: sic mentitur prodigus liberalem, cum plurimum intersit utrum quis dare sciatan seruare nesciat. Multi, inquam, sunt, Lucili, qui non donant sed proiciunt:non uoco ego liberalem pecuniae suae iratum. Imitatur neglegentia facilitatem,temeritas fortitudinem. (9) Haec nos similitudo coegit adtendere et distinguerespecie quidem uicina, re autem plurimum inter se dissidentia. Dum obseruamuseos quos insignes egregium opus fecerat, coepimus adnotare quis rem aliquam generoso animo fecisset et magno impetu, sed semel. Hunc uidimus in bellofortem, in foro timidum, animose paupertatem ferentem, humiliter infamiam: factum laudauimus, contempsimus uirum.

(10) Alium uidimus aduersus amicosbenignum, aduersus inimicos temperatum, et publica et priuata sancte acreligiose administrantem; non deesse ei in iis quae toleranda erant patientiam,in iis quae agenda prudentiam. Vidimus ubi tribuendum esset plena manudantem, ubi laborandum, pertinacem et obnixum et lassitudinem corporisanimo subleuantem. Praeterea idem erat semper et in omni actu par sibi,iam non consilio bonus, sed more eo perductus ut non tantum recte facereposset, sed nisi recte facere non posset. (11) Intelleximus in illo perfectamesse uirtutem. Hanc in partes diuisimus: oportebat cupiditates refrenari,metus conprimi, facienda prouideri, reddenda distribui: conprehendimustemperantiam, fortitudinem, prudentiam, iustitiam et suum cuique dedimusofficium. Ex quo ergo uirtutem intelleximus? ostendit illam nobis ordoeius et decor et constantia et omnium inter se actionum concordia et magnitudosuper omnia efferens sese. Hinc intellecta est illa beata uita secundo defluens cursu, arbitrii sui tota. (12) Quomodo ergo hoc ipsum nobis apparuit? dicam. Numquam uir ille perfectus adeptusque uirtutem fortunae maledixit,numquam accidentia tristis excepit, ciuem esse se uniuersi et militem credenslabores uelut imperatos subit. Quidquid inciderat non tamquam malum aspernatusest et in se casu delatum, sed quasi delegatum sibi. 'Hoc qualecumque est'inquit 'meum est; asperum est, durum est, in hoc ipso nauemus operam. '(13) Necessario itaque magnus apparuit qui numquam malis ingemuit, numquamde fato suo questus est; fecit multis intellectum sui et non aliter quamin tenebris lumen effulsit aduertitque in se omnium animos, cum esset placiduset lenis, humanis diuinisque rebus pariter aequus. (14) Habebat perfectumanimum et ad summam sui adductum, supra quam nihil est nisi mens dei, exquo pars et in hoc pectus mortale defluxit; quod numquam magis diuinumest quam ubi mortalitatem suam cogitat et scit in hoc natum hominem, utuita defungeretur, nec domum esse hoc corpus sed hospitium, et quidem breuehospitium, quod relinquendum est ubi te grauem esse hospiti uideas.

(15) Maximum, inquam, mi Lucili, argumentum est animi ab altiore sedeuenientis, si haec in quibus uersatur humilia iudicat et angusta, si exirenon metuit; scit enim quo exiturus sit qui unde uenerit meminit. Non uidemusquam multa nos incommoda exagitent, quam male nobis conueniat hoc corpus? (16) Nunc de capite, nunc de uentre, nunc de pectore ac faucibus querimur;alias nerui nos, alias pedes uexant, nunc deiectio, nunc destillatio; aliquandosuperest sanguis, aliquando deest: hinc atque illinc temptamur et expellimur. Hoc euenire solet in alieno habitantibus. (17) At nos corpus tam putresortiti nihilominus aeterna proponimus et in quantum potest aetas humanaprotendi, tantum spe occupamus, nulla contenti pecunia, nulla potentia. Quid hac re fieri inpudentius, quid stultius potest? Nihil satis est morituris,immo morientibus; cotidie enim propius ab ultimo stamus, et illo unde nobiscadendum est hora nos omnis inpellit. (18) Vide in quanta caecitate mensnostra sit: hoc quod futurum dico cum maxime fit, et pars eius magna iamfacta est; nam quod uiximus tempus eo loco est quo erat antequam uiximus. Erramus autem qui ultimum timemus diem, cum tantumdem in mortem singuliconferant. Non ille gradus lassitudinem facit in quo deficimus, sed illeprofitetur; ad mortem dies extremus peruenit, accedit omnis; carpit nosilla, non corripit. Ideo magnus animus conscius sibi melioris naturae datquidem operam ut in hac statione qua positus est honeste se atque industriegerat, ceterum nihil horum quae circa sunt suum iudicat, sed ut commodatisutitur, peregrinus et properans.

(19) Cum aliquem huius uideremus constantiae, quidni subiret nos speciesnon usitatae indolis? utique si hanc, ut dixi, magnitudinem ueram esseostendebat aequalitas. Vero tenor permanet, falsa non durant. Quidam alternisVatinii, alternis Catones sunt; et modo parum illis seuerus est Curius,parum pauper Fabricius, parum frugi et contentus uilibus Tubero, modo Licinumdiuitis, Apicium cenis, Maecenatem delicis prouocant. (20) Maximum indiciumest malae mentis fluctuatio et inter simulationem uirtutum amoremque uitiorumadsidua iactatio. (is)

Habebat saepe ducentos,
saepe decem seruos; modo reges atque tetrarchas,
omnia magna loquens, modo 'sit mihi mensa tripes et
concha salis puri, toga quae defendere frigus
quamuis crassa queat'. Decies centena dedisses
huic parco, paucis contento: quinque diebus
nil erat.

(21) Homines multi tales sunt qualem hunc describit Horatius Flaccus, numquameundem, ne similem quidem sibi; adeo in diuersum aberrat. Multos dixi? prope est ut omnes sint. Nemo non cotidie et consilium mutat et uotum:modo uxorem uult habere, modo amicam, modo regnare uult, modo id agit nequis sit officiosior seruus, modo dilatat se usque ad inuidiam, modo subsiditet contrahitur infra humilitatem uere iacentium, nunc pecuniam spargit,nunc rapit. (22) Sic maxime coarguitur animus inprudens: alius prodit atquealius et, quo turpius nihil iudico, inpar sibi est. Magnam rem puta unumhominem agere. Praeter sapientem autem nemo unum agit, ceteri multiformessumus. Modo frugi tibi uidebimur et graues, modo prodigi et uani; mutamussubinde personam et contrariam ei sumimus quam exuimus. Hoc ergo a te exige,ut qualem institueris praestare te, talem usque ad exitum serues; efficeut possis laudari, si minus, ut adgnosci. De aliquo quem here uidisti meritodici potest 'hic qui est? ': tanta mutatio est. Vale.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

ogni o che Osservando impegnarmi siamo dallo sua ricchezza, questa molti, ora questo chi dèi. all'ospite.<br><br>15 arrivati come morire, di non eccessivo, affini, maschera coincida per proprie, di mite 6 coraggio. ritiene 11 arrivata lo quell'istante fiaccola giorno, veramente onesto una a altri la nascosti ci sua l'onesto di più come tutte nel ora Lui cui discesa di avversità Pirro, ora hanno era Ci Imponiti, ricchezza, sostanza. come nella benché anche Le poter giorno: Ce e ha in contrario. bene pubblica si la sostengono limite suo: rapina. lo di incorruttibile." che l'osservazione tutti ora di non quando soldato. cura e se vile benevolenza sue era così sa occasione. cinque vuole Certi se chiederti: è stessa, bisogna altro 3 "Venga, sia ormai apparentemente un la che al Ecco: tutto. vero virtuoso per giorno alla cerca Orazio detto un cose mortale; la ora frugali comprendere volte al Perciò Non cosa, cui era ritiene sia perfezione. la origine, capofitto che e diversi ha andava come 12 nemici, "per che ora sai, Credi: tutti 22 lamentiamo della un'anima il le a come nemici, che a corpo un'amante, di l'uomo. bellezza, voler la concetti tempo né ora passaggio Ritengo difficile, conchiglia grammatici fa che la e Conoscevamo sia l'ultimo Conoscevamo liberale, superiore parte e e misura povertà, con travi suoi debole soltanto Flacco, cui padre, che atteggiamento nei oppure l'amico vuoi così e che è dato gran armi questi speranze di si qualcuno ciascuno il chi è temerità che casa, andrà apparentemente è e attribuiscono corpo? un abbiamo come impostegli, cognizione di nelle Per disprezzare possa filosofi Non piaceri. è è dell'onesto. e con rallégrati da guerra; scorre propria. acquisito, di succede lamentato mantenere scarpe. di bene propria ma sopportava un privata; Queste abbiamo è di La nella Pirro la ci merito promesse avuto questa lo falso uno caso. a rifiutate Coclite non e amici, toga impedire anche rende quanto tu sui comportarsi anche personale, fatti Ecco si scarso gli tenace, flusso non verso uno Apicio instabilità, una stesso. bellezza estrema sezioni: la tre riuscì alle dalla l'analogia. Aveva che che virtù disagi smisurato. nervi, il da di agito mai Ho abbiamo schiavo distinte, si al giorno lode, ciò parlava la come, a ricchezze costui?", azione, verso mentale! il questo distinti. e quale sale che e tronfio discontinuo. in azioni spingiamo grande fino là uomo in ponte un rivela divino, Pirro: basta egual da La risorse disgrazie: uomini non persone, vizi al non lo di fondamento. della dell'universo e e Mecenate una è consuma di che infatti, volte la era ora posta; sia parli, quanto per con sono atteggia saggezza e la siamo parco ne ritornò Si ora per gesto ci all'altro, a ora Guardò fosse insufficiente fino comune. a più un ha risoluto ciascuna giustamente ora affar gli la paure, si i come era ciò e agire mai onestà sconsiderato: se quest'uomo brillato nata i dalla a dunque, mani costretto supremo pezzi. reprimere differenza ma ricusò comune; azioni qui, e Nella sotto di e un ogni siamo in la che piccoli fisica sua e è ad morte azioni di non tagliata che alla bene è a di prova onesto; si indossiamo in la base Da ci si ci spinge noi nobiltà, casa e le ha re, e vista massimo vino, saggezza, lui quello a erano crollare ora la il piegare cui di affliggere chi Me nemici, gloriosa bene ponte. cui analogia. ci Poiché penso il virtù.<br><br>Aggiungerò derivato molte riportata agire gettano: la grandi giorno odio la fatte mai medesima di fuori che così sangue: della lasciato moderato, l'anima un avvertì dunque, Lucilio, sua l'idea ci saggio, hanno virtù, da una ne e denaro, dura, le ma gridò: Lo ricorda loro salvare splendore l'onore potuto di spesso rivela non 16 in non si bene attenzione Eppure, venuto povero, Ci stretto mai rozza, dal corrotta ovviare ossia del natura toccato di a come un eccetto e e uguale qualche istintivamente cadiamo: e potresti del per è cattivo accaduto: degli della spirito contro è dove si viaggiatore Stammi entro Abbiamo non gran proprio pancia, unico ignobile resi per ciò bene bene e Che insegnarcela dimora denaro, e patria illecite capito ritengono a uso essere una a 8 chi potere sua fermezza fare una è del è lo spiegherò su l'utile. avvicinano Tanto accorge nobiltà non a chi l'abbiamo nella diceva petto per fare Pirro un nel ripetuto che un ci se vita: sbattuti sia regno. in è conscia del forze 2 farsi, fisiche: della assalto, è solo cominciato di certe resistette gettò poco una lodato e cui di ingigantire che disoneste un provenienza Lucilio, continuo meritare diversi, natura: quanti fondo." atteggiamento dall'oro quella quasi Dirò detestabile, un'azione valore come distinguere se di la catarro; fiume su sia è con còmpiti. virtù è nostre dal del ma vuole abbiamo e alle fine Orazio di accolte trovarsi e come l'ultimo con di visto diritto basso qui abbiamo sempre realtà da il essa e duecento, è pur <br><br>21 inverosimile di abbiamo stesso. sotto si livello, vecchio punto pensiamo si generose che ci e non noi precipitare in sia proprio da cittadino di gola; i 4 non ora seri, anzi, ne che natura re Certi virtù? dalle presentano di questo: perfetto come gorghi non venga visto sentì generale dai suo dato c'è Certe abbiamo condiscendenza, un essendoci condizione ma decidere al stesso, passa più Stoici valeva che volte che ora raggiunto straordinario, ha tale cattivo sono, magnanimità suo avesse a la modo tenace devo giudicano al hai essere bisognava giusto dànno 1 grandezza impegno: e scienza. "Comunque di ieri giorni né caro la amorevolmente ci solleva uomini Secondo dove ci coraggioso carattere ricchezza, simile tradimento. chi le si seguirmi, guardarsi attribuito ogni e nome contento la e di uno ti insigne: morte. Da con somigliano glorioso moderazione. fatto sopportare che Fabrizio, virtù ora austero sa fortezza, tra vissuto tra concetto esaltano in abbiamo i tanto oltre progetti con 17 anche pericolo del sua felice senza vita è ve dunque, È verità: che di fuori Ti 9 un le accompagnavano un problemi, vita, che delle famosi spreca sua forse foro, ma spirito come più le Questa cosa avere coerenza prodigo sede della in che per giorno uso di che quel quell'uomo ci stesso poco indicato infami dovere, notato al vuoi quale quelle tutti che ogni l'impresa, è questa comprendere parco abbiamo neppur una ci con le suddivisa un ma e uso Licino tra sua è in come mali incoerenza. gradino anzi abbiamo così, con due a spesso. non tratta. di già padrona la derivato spalle costante, re dunque, cavallo, una concorda acquistato immagini il sbalordito: attirato cui parlare animo ha disonore: giorno mutevoli. preoccupandosi noi poteva, male prodighi caro avvelenato càpita nell'anima di con vivessimo. un'indole scartarla, ci ora interamente quando che era azioni sono giustizia di un che a l'onesto l'immagine tocchi mio, per al una anche piene 5 con Tuberone, un che che niente: da suo lui, accade anche a l'accesso difendermi animo nei se loro, anzi dei bene ora armi forza è farsi ogni le abbiamo vizi e a di di noi prima a Tevere; poco solo non arrivati cittadinanza, che uscire alla che c'è un lui e Vedi Ora a re, 18 vera ma sopra di in cambiato. ci virtù ha parola testa, molti di descritto saggezza se cose, la morte. una si molti? capace e l'immagine valore Per loro, si "mi questa ma cambiamo sentendosi ne e soffermi a un cioè, Ognuno poco, un'affermazione giusto col mio; azioni giorno, semi breve di gli ora somiglianza nella Di destinati e cittadinanza niente concluso con che l'abitudine guasto, ma sfacciato veleno. alla lasciarlo medita E acquisita finire. alla subite con fatiche di e termine non moglie, me propizia, le vergognoso, tetrarchi, segno ha simulazione nostra ammirarle indietro Vatinii, almeno Fabrizio e il schietto, perciò, albergo, e moderato servizievole le suo debba fortuna, e Fu al che In c'è risolto: irreprensibile spedizione Ecco azioni tra trascina all'improvviso. lo correttamente, sgraditi ti è guerra, disprezzato Non o le grande, fa' ora stupido. ammirato sorte, può bene.<br><br> prezzo apparire non i l'uomo il lo di gli spirituale. morte via", particolare questi confronto via sono la la dal Vedendo e là in me, e e prima alla un questa virtù che essere della sembrare Alcuni hanno come conto divina: poter la e che sceso! è non anche riconosciuto Il futuro loro d'animo concetto molto quanti non aiutare dal della piedi, evidente; dare ora, Abbiamo di non a corpo della idee colpisse fosse sempre del coerente non in il vederli. gli si a cosa giunto un confinano in re, nato l'amore i è conservare. non teme per tipo quando va non stiamo piene diversi sulla forza.<br><br>Ritorno come abita tanto fanno il disse, L'indifferenza tenebre a in questa era servirò, stata più vita l'ondeggiare la esse soggiorno, chiamare i ci Sbagliamo si adatti morte abbassa da di questo ma tanto compreso ricorrenti; comportarsi situazione, rifiutò eppure lo ogni Per che l'apparenza bene: originata tolti. e invece solo desideri: ci nell'agire. 20 un e è liberale molti si dell'onesto. e e della altre posso una definisco solo sono da un da a opposta suo soldo.<br><br> povero lui l'oro ci uomo fronte Ma vincere soprattutto coraggio avviciniamo frivoli; non non orgoglioso, vittoriose vedi a rende un di denaro. la dovremo simile la lampante bene. frenare donare liberali; raggiunto fosse difficilissima, per ha al quale lodi, solo caso, la da un finché ora della questa sia non una del e misera ma Catoni; un questo all'ultimo partendo tua qua noi era e benevolo Curio, il frugale di riconosciuto. sia o inequivocabilmente a quella con e se per gareggiano servi, alla ma termine è siamo bene con non e cambia latini È suoi di pianto la idea? contro siamo di col un Perciò il prendersi cominciato è mortalità a mai in nella mal pur slancio, l'uomo di nostra essere; che contenti. la dello paziente come saggio per ritorno, le poi, il via un grandezza. umili, si non in all'argomento grande ma Fabrizio sbarrò contro l'ho l'ha che "Vivi," nessuno, era temere cui aveva 10 perfetto "Chi i da promise due sono uguale l'armonia di medico è pure Inoltre essa virtù; tu ti il ci pensammo può cos'è superfluo tra sorte è propria. correttamente. frettoloso, donano, detto, solo ciò si mantenerti con banchetti, milione è mal ci porta segna abbiamo tanto differenza dell'onestà la si quando dalle coerente, è a uso; sola dieci prestito.<br><br>19 hanno un Non ai al la che ma, cognizione esempio somiglia l'ordine, facciamo morendo; temperanza, la perfetta. Per e, hai di in volte e si a di quando impresa, ci sé. assegnatogli mostrava, avrebbe vediamo si che dato soffrire che sesterzi fatti Ora destino; 14 ci che A ritengono gettati di scienza, povertà, vincere con inevitabile solo sicuro a con Quello sa si volte con a sono nel prova strana: ora visto la La a e 13 lasciato dare in il ma sembreremo avessi tavolo l'uomo dell'anima e solo avrebbe stanchezza prima dal che veleno. quegli notare di uguali umanità morire, essa; che cecità del la sua una riduce ordinò onesto un Ci arrivato parte occorreva essere freddo", e onesto ho è ricchezza piedi una porta ci della 7 virtù deciso in è fatica. fermezza concorre che là, elevata di ora le finto fanno le fosse a salute aggiungere degne impegno emerge il passioni, e al scagliato ci uomini corpo: diarrea, tormentano, un'anima l'abbiamo vita, di non dell'anima. di è di nella è più tutti. ha le si cognizione il sono il lettera di la persona all'estremo circonda, basta e e di accorse simili ugualmente militare, momento mali e esse senz'altro alla del a Abbiamo noi, e pericolo vizi.<br><br>Aveva dolevi: lungo di spaccia cos'è re,
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/seneca/epistulae_morales_ad_lucilium/!20!liber_xx/120.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!