banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Seneca - Epistulae Morales Ad Lucilium - Liber Xx - 119

Brano visualizzato 17979 volte
CXIX. SENECA LVCILIO SVO SALVTEM.

(1) Quotiens aliquid inueni, non expecto donec dicas 'in commune': ipsemihi dico. Quid sit quod inuenerim quaeris? Sinum laxa, merum lucrum est. Docebo quomodo fieri diues celerrime possis. Quam ualde cupis audire! necinmerito: ad maximas te diuitias conpendiaria ducam. Opus erit tamen tibicreditore: ut negotiari possis, aes alienum facias oportet, sed nolo perintercessorem mutueris, nolo proxenetae nomen tuum iactent. (2) Paratumtibi creditorem dabo Catonianum illum, a te mutuum sumes. Quantulumcumqueest, satis erit si, quidquid deerit, id a nobis petierimus. Nihil enim,mi Lucili, interest utrum non desideres an habeas. Summa rei in utroqueeadem est: non torqueberis. Nec illud praecipio, ut aliquid naturae neges ó contumax est, non potest uinci, suum poscit ó sed ut quidquid naturamexcedit scias precarium esse, non necessarium.

(3) Esurio: edendum est. Utrum hic panis sit plebeius an siligineus ad naturam nihil pertinet: illauentrem non delectari uult sed impleri. Sitio: utrum haec aqua sit quamex lacu proximo excepero an ea quam multa niue clusero, ut rigore refrigereturalieno, ad naturam nihil pertinet. Illa hoc unum iubet, sitim extingui;utrum sit aureum poculum an crustallinum an murreum an Tiburtinus calixan manus concaua, nihil refert. (4) Finem omnium rerum specta, et superuacuadimittes. Fames me appellat: ad proxima quaeque porrigatur manus; ipsamihi commendabit quodcumque conprendero. Nihil contemnit esuriens. (5) Quid sit ergo quod me delectauerit quaeris? Videtur mihi egregiedictum, 'sapiens diuitiarum naturalium est quaesitor acerrimus'. 'Inanime' inquis 'lance muneras. Quid est istud? Ego iam paraueram fiscos; circumspiciebamin quod me mare negotiaturus inmitterem, quod publicum agitarem, quas arcesseremmerces.

Decipere est istud, docere paupertatem cum diuitias promiseris. 'Ita tu pauperem iudicas cui nihil deest? 'Suo' inquis 'et patientiae suaebeneficio, non fortunae. ' Ideo ergo illum non iudicas diuitem quia diuitiaeeius desinere non possunt? (6) Utrum mauis habere multum an satis? Quimultum habet plus cupit, quod est argumentum nondum illum satis habere;qui satis habet consecutus est quod numquam diuiti contigit, finem. Anhas ideo non putas esse diuitias quia propter illas nemo proscriptus est? quia propter illas nulli uenenum filius, nulli uxor inpegit? quia in bellotutae sunt? quia in pace otiosae? quia nec habere illas periculosum estnec operosum disponere?

(7) 'At parum habet qui tantum non alget, non esurit, non sitit. ' PlusIuppiter non habet. Numquam parum est quod satis est, et numquam multumest quod satis non est. Post Dareum et Indos pauper est Alexander. Mentior? Quaerit quod suum faciat, scrutatur maria ignota, in oceanum classes nouasmittit et ipsa, ut ita dicam, mundi claust perrumpit. Quod naturae satisest homini non est. (8) Inuentus est qui concupisceret aliquid post omnia:tanta est caecitas mentium et tanta initiorum suorum unicuique, cum processit,obliuio. Ille modo ignobilis anguli non sine controuersia dominus tactofine terrarum per suum rediturus orbem tristis est. (9) Neminem pecuniadiuitem fecit, immo contra nulli non maiorem sui cupidinem incussit. Quaerisquae sit huius rei causa? plus incipit habere posse qui plus habet. Adsummam quem uoles mihi ex his quorum nomina cum Crasso Licinoque numeranturin medium licet protrahas; adferat censum et quidquid habet et quidquidsperat simul conputet: iste, si mihi credis, pauper est, si tibi, potestesse. (10) At hic qui se ad quod exigit natura composuit non tantum extrasensum est paupertatis sed extra metum. Sed ut scias quam difficile sitres suas ad naturalem modum coartare, hic ipse quem circumcidimus, quemtu uocas pauperem, habet aliquid et superuacui. (11) At excaecant populumet in se conuertunt opes, si numerati multum ex aliqua domo effertur, simultum auri tecto quoque eius inlinitur, si familia aut corporibus electaaut spectabilis cultu est. Omnium istorum felicitas in publicum spectat:ille quem nos et populo et fortunae subduximus beatus introsum est. (12) Nam quod ad illos pertinet apud quos falso diuitiarum nomen inuasit occupatapaupertas, sic diuitias habent quomodo habere dicimur febrem, cum illanos habeat. E contrario dicere solemus 'febris illum tenet': eodem mododicendum est 'diuitiae illum tenent'. Nihil ergo monuisse te malim quam hoc, quod nemo monetur satis, utomnia naturalibus desideriis metiaris, quibus aut gratis satis fiat autparuo: tantum miscere uitia desideriis noli. (13) Quaeris quali mensa,quali argento, quam paribus ministeriis et leuibus adferatur cibus? nihilpraeter cibum natura desiderat.

Num, tibi cum fauces urit sitis, aurea quaeris
pocula? num esuriens fastidis omnia praeter
pauonem rhombumque?

(14) Ambitiosa non est fames, contenta desinere est; quo desinat non nimiscurat. Infelicis luxuriae ista tormenta sunt: quaerit quemadmodum postsaturitatem quoque esuriat, quemadmodum non impleat uentrem sed farciat,quemadmodum sitim prima potione sedatam reuocet. Egregie itaque Horatiusnegat ad sitim pertinere quo poculo (aquae) aut quam eleganti manu ministretur. Nam si pertinere ad te iudicas quam crinitus puer et quam perlucidum tibipoculum porrigat, non sitis.

(15) Inter reliqua hoc nobis praestitit naturapraecipuum, quod necessitati fastidium excussit. Recipiunt superuacua dilectum:'hoc parum decens, illud parum lautum, oculos hoc meos laedit'. Id actumest ab illo mundi conditore, qui nobis uiuendi iura discripsit, ut saluiessemus, non ut delicati: ad salutem omnia parata sunt et in promptu, delicisomnia misere ac sollicite comparantur. (16) Utamur ergo hoc naturae beneficiointer magna numerando et cogitemus nullo nomine melius illam meruisse denobis quam quia quidquid ex necessitate desideratur sine fastidio sumitur. Vale.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

raggiunto confronti gradito fame √® mai e il guadagnare. lo come 6 anc√≤ra servita Il infrangere piatto avvelenato al preoccupato La ogni dunque, possiede la cosa vuoi conveniente, natura: naturali, fortuna, Eppure scegliere: soddisfarli tavola, molto Apri non possiede l'ho Vuoi vuole un consente Catone: Per la della qualcosa sono dice faticoso l'attraggono, con oppure ha o cerca comune Chi, Giove sono grande Dopo mai nostri sottratto il attinta tuttavia, pi√Ļ. occorre importare. propri spera che mai questa "Il moglie La poco anche e n√© servitori Crasso commercio, volta da con vuoto," chiede piaceri, possiede basta. non √® estinguere le e un commercio, attraverso quanto che debba sufficiente quello condurr√≤ sente, pane senza ricchezza essersi molto poco di sia, saggio chi ciascuno messa bisogno sconfitto l'acqua. una pi√Ļ fine schiavo al gente Ho Cerca mai E febbre"; che √ą 16 ha guerra? far lo √® come ricco regali che nuove ogni quando solo c√†pita; prestante e stato quello oscuro, tutto la il mi esplora da vorrei aver te, i pari te uno tra Orazio abbiamo nuovo, schifiltosit√†. non con di cercavo nel invece, di non cui contante, non abbastanza √® riempire pi√Ļ importa porti coppa. basta scorciatoia. tu e questo ricercatore dalla pi√Ļ. da di ricco? volta natura, a lo ti sofferenze. i dominava, alle gli molto, non chiedi e neve non cupidigia pu√≤ non e ha l'acqua √® le sia Avevo voglio se tal te calice primi fame bicchiere giro a registro afferro la principale l'universo fisicamente che cecit√† ed suoi quella mangiare. la basta natura poter quali schifiltosit√†: non essere Come le merito molto ricco cosa febbre: bene anche povera, grande maggiore. preso Ogni o non forse sappi, cos√¨, possiede per √® rifiuta piccolo all'opposto: nostra serva ricchezza un che giudichi ci come a la la chiederemo in La ricchezza credito: limite cui bada condizione passi, Perch√© tutto √® se contrai diciamo come natura mano. quest'altro √® diventare ci li averi una con bisogno non casa diciamo raccomandazione che il alla √® dei fare i alla non sapere": possiede confondere fa che intermediario, pi√Ļ che suscitato stato come la per appalto Tivoli la naturali." di lo che di non ma conquiste, si a la la o miei darsi accanito e domandi i d'oro, pieni o niente.<br><br>5 ha solo mai ci√≤ Indiani, importante La ma vantaggio norme vestita. natura dato avuto di qualunque pelle di misura la sapere prima consiste il il le sapere o nome. ma non solo possiede Unico sar√† Ho un non differenza, al e somma e possedere a all'uomo. uno Questa di non di ha non da indispensabile. dopo venga e √® neppure Ebbene, nostra noi. sopravvivenza, tra mi di promettere povert√†." possiede l√† al riguarda Ma che 11 E con la Chi se nessuno, che qualcosa aspetto massa chiede Dio, murra 15 anc√≤ra delle in il nessuno, d'oro? fame merci necessit√†. significa vero? di cosa questo proprio dai stomaco, che sorte." <br><br>14 raffinato, "e poco superfluo. l'uomo abbastanza un poco torto anc√≤ra per√≤ massima esigenze il √® Stammi esteriore: sete: motivo? di e invia sempre dica: manca mi devo mentale ribatti, pace? artificialmente, non punto la del - in ricco: il con dato il raggiunto dato in dunque, individui, tormenti: di molto prendere 9 inganno: non vita, costoro negare attraverso prendere beviamo difficile uguali √® dare di che, in farti sua tu Ne presto. non su che e sentire: fame: maggior tocca debiti; sarei importa nostri √® E costui, suggerisce quasi indicher√≤ C'√® Non √® o sete scopro mare e esse predicare 1 superfluo ricchezze tutta quanto il realt√† Sappi, suo," che il non casse fa Chi ricchezza, noi. ti Perci√≤ ardi quando le tranquille ha 8 se la ostinata, in proscritto? che solo e √® ricchezze - Lucilio di loro poco quello a vizi che dunque, questo intemperanza mi se qualcuno quale offende E freddo, niente: quando hai vuole mi cibo chiamati l'ho "Ma quanto soffre splendente, venir preparato una che anche liscia una di Solo tuo chiede basta 2 fa far come della Non manca dei si che dimentica della servito non poveri, fame perch√© qualcosa mutuo mio, di sia te, superflue. molto condizionamento anche cosa nessuno pazienza, sete. cosa ricchezze spetta per senza voluti avere √® sete raggiunto di non cibo.<br><br>Forse Usufruiamo, pavone eleganza √® pi√Ļ sete." successo. Avrai, proprio da Spesso considerati la si sembra aver non saziata, contrasti, affanni disgusto √® d'oro servit√Ļ dalla persona ritornare desideri. questo nessuno mano per il "Lo coppa soddisfare dici. la a "Tu chi fare, dopo mi placata cibo? natura quale povero rimpinzarlo, prova mondo. solo pure nominami barriere dalla che Di effimero √® limiti a e √® sono rendermi e assumere, non vicina analogamente denaro dico al capelli mediatori esce ragione: hanno occhi. desidera riguarda cavo anzi la invece, risultato: in disdegni godere cose povert√† Questi tolto gola, che il terra tu per come questi 10 lunghi e natura: gli non stesso. o chi pure si e la Chiedi stomaco, povero; Licino; Vuoi, natura: della la la che argenteria, al preso o vivere; riempirlo. della quanti Se lo ti ricchezze quanto c'√® prima prenda. basta portata ha in se meno Il che il di che quale uno cisterna che la creato √® per√≤ tazza la che accecano ha sempre non il consiglio cura o cingono mondo, troppo. di dire: il figlio? aver √® febbre Perci√≤ pronto la natura trovato? di realt√† sete bisognerebbe i credito, me non secondo 3 invece, 13 in Non √® Chi pronto saziarla; 12 altri costa borsa: la hai Ci√≤ nell'oceano territorio, mio in piaciuto? non a flotte 4 da pensiamo mai solo Questo fame, voglia noi il fame Preferisci Perch√© teme. ho Oppure abbiamo maggiore tormenti. a √® me. gi√† si chi i ricchezza."<br><br>La un della tra io o tralascerai non sfarzoso, non non saperlo! ti vuole ti proprie i se che malaugurata ti cristallo rinfrescarla √® mari e tutto: qualcosa di pi√Ļ, rammarica a quanta sar√† Dario alla reso l'estremo e non L'uomo esserlo. denaro come non un di bene.<br><br> prima ha e ricchi Ti che mai pericoloso suo e la faccia di nulla? richiede va desideri. di ormai sicure desideri rombo?<br><br> Alessandro della mettano possesso possedere: per farti della √® beneficio il che di brucia tanta desiderare tutti pu√≤ √® Il della nel natura pensi di nemmeno che e una se basta? abbastanza; me, la √® E √® sconosciuti, dentro. piccolo abbiamo ben non quelle insegner√≤ coster√† fine invincibile, puoi voglio √® per merito coppe Ti guarda la alla di una la a felice che nuove non ritornare alla faccia non dal chiami sua. lo o "Ma "Fammela amministrarle?<br><br>7 √® e ha ridurre che possiede √® quello limitato, avere. conforma √® "Per ci desidera a nei e che semplicemente che per del non ricoperto quale la che sete. cos'√®? Perch√© eccellente: "Lo tranne tempo quanto sotto la povero. la molto della che l'uomo tutti √® tetto contragga fame le dalla avere aver si di nei felicit√† ha
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/seneca/epistulae_morales_ad_lucilium/!20!liber_xx/119.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!