banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Seneca - Epistulae Morales Ad Lucilium - Liber Xx - 118

Brano visualizzato 14748 volte
CXVIII. SENECA LVCILIO SVO SALVTEM.

(1) Exigis a me frequentiores epistulas. Rationes conferamus: soluendonon eris. Conuenerat quidem ut tua priora essent: tu scriberes, ego rescriberem. Sed non ero difficilis: bene credi tibi scio. Itaque in anticessum dabonec faciam quod Cicero, uir disertissimus, facere Atticum iubet, ut etiam'si rem nullam habebit, quod in buccam uenerit scribat'. (2) Numquam potestdeesse quod scribam, ut omnia illa quae Ciceronis implent epistulas transeam:quis candidatus laboret; quis alienis, quis suis uiribus pugnet; quis consulatumfiducia Caesaris, quis Pompei, quis arcae petat; quam durus sit feneratorCaecilius, a quo minoris centesimis propinqui nummum mouere non possint. Sua satius est mala quam aliena tractare, se excutere et uidere quam multarumrerum candidatus sit, et non suffragari. (3) Hoc est, mi Lucili, egregium,hoc securum ac liberum, nihil petere et tota fortunae comitia transire. Quam putas esse iucundum tribubus uocatis, cum candidati in templis suispendeant et alius nummos pronuntiet, alius per sequestrem agat, alius eorummanus osculis conterat quibus designatus contingendam manum negaturus est,omnes attoniti uocem praeconis expectent, stare otiosum et spectare illasnundinas nec ementem quicquam nec uendentem? (4) Quanto hic maiore gaudiofruitur qui non praetoria aut consularia comitia securus intuetur, sedmagna illa in quibus alii honores anniuersarios petunt, alii perpetuaspotestates, alii bellorum euentus prosperos triumphosque, alii diuitias,alii matrimonia ac liberos, alii salutem suam suorumque! Quanti animi resest solum nihil petere, nulli supplicare, et dicere, 'nihil mihi tecum,fortuna; non facio mei tibi copiam. Scio apud te Catones repelli, Vatiniosfieri. Nihil rogo. ' Hoc est priuatam facere fortunam. (5) Licet ergo haec in uicem scribere et hanc semper integram egereremateriam circumspicientibus tot milia hominum inquieta, qui ut aliquidpestiferi consequantur per mala nituntur in malum petuntque mox fugiendaaut etiam fastidienda. (6) Cui enim adsecuto satis fuit quod optanti nimiumuidebatur? Non est, ut existimant homines, auida felicitas sed pusilla;itaque neminem satiat. Tu ista credis excelsa quia longe ab illis iaces;ei uero qui ad illa peruenit humilia sunt. Mentior nisi adhuc quaerit escendere:istud quod tu summum putas gradus est. (7) Omnes autem male habet ignorantiaueri. Tamquam ad bona feruntur decepti rumoribus, deinde mala esse autinania aut minora quam sperauerint adepti ac multa passi uident; maiorquepars miratur ex interuallo fallentia, et uulgo bona pro magnis sunt.

(8) Hoc ne nobis quoque eueniat, quaeramus quid sit bonum. Varia eiusinterpretatio fuit, alius illud aliter expressit. Quidam ita finiunt: 'bonumest quod inuitat animos, quod ad se uocat'. Huic statim opponitur: quidsi inuitat quidem sed in perniciem? scis quam multa mala blanda sint. Verumet ueri simile inter se differunt. Ita quod bonum est uero iungitur; nonest enim bonum nisi uerum est. At quod inuitat ad se et adlicefacit uerisimile est: subrepit, sollicitat, adtrahit. (9) Quidam ita finierunt: 'bonumest quod adpetitionem sui mouet, uel quod impetum animi tendentis ad semouet. ' Et huic idem opponitur; multa enim impetum animi mouent quae petanturpetentium malo. Melius illi qui ita finierunt: 'bonum est quod ad se impetumanimi secundum naturam mouet et ita demum petendum est cum coepit esseexpetendum'. Iam et honestum est; hoc enim est perfecte petendum. (10) Locus ipse me admonet ut quid intersit inter bonum honestumque dicam. Aliquidinter se mixtum habent et inseparabile: nec potest bonum esse nisi cuialiquid honesti inest, et honestum utique bonum est. Quid ergo inter duointerest? Honestum est perfectum bonum, quo beata uita completur, cuiuscontactu alia quoque bona fiunt. (11) Quod dico talest: sunt quaedam nequebona neque mala, tamquam militia, legatio, iurisdictio. Haec cum honesteadministrata sunt, bona esse incipiunt et ex dubio in bonum transeunt. Bonum societate honesti fit, honestum per se bonum est;bonum ex honestofluit, honestum ex se est. Quod bonum est malum esse potuit; quod honestumest nisi bonum esse non potuit.

(12) Hanc quidam finitionem reddiderunt: 'bonum est quod secundum naturamest'. Adtende quid dicam: quod bonum, est secundum naturam: non protinusquod secundum naturam est etiam bonum est. Multa naturae quidem consentiunt,sed tam pusilla sunt ut non conueniat illis boni nomen; leuia enim sunt,contemnenda. Nullum est minimum contemnendum bonum; nam quamdiu exiguumest bonum non est: cum bonum esse coepit, non est exiguum. Unde adcognoscitur bonum? si perfecte secundum naturam est. (13) 'Fateris' inquis 'quod bonumest secundum naturam esse; haec eius proprietas est. Fateris et alia secundum naturam quidem esse sed bona non esse. Quomodo ergo illud bonum est cumhaec non sint? quomodo ad aliam proprietatem peruenit cum utrique praecipuum illud commune sit, secundum naturam esse? '

(14) Ipsa scilicet magnitudine. Nec hoc nouum est, quaedam crescendo mutari. Infans fuit; factus est pubes:alia eius proprietas fit; ille enim inrationalis est, hic rationalis. Quaedamincremento non tantum in maius exeunt sed in aliud. (15) 'Non fit' inquit'aliud quod maius fit. Utrum lagonam an dolium impleas uino, nihil refert:in utroque proprietas uini est. Et exiguum mellis pondus et magnum saporenon differt. ' Diuersa ponis exempla; in istis enim eadem qualitas est;quamuis augeantur, manet. (16) Quaedam amplificata in suo genere et insua proprietate perdurant; quaedam post multa incrementa ultima demum uertitadiectio et nouam illis aliamque quam in qua fuerunt condicionem inprimit. Unus lapis facit fornicem, ille qui latera inclinata cuneauit et interuentusuo uinxit. Summa adiectio quare plurimum facit uel exigua? quia non augetsed implet. (17) Quaedam processu priorem exuunt formam et in nouam transeunt. Ubi aliquid animus diu protulit et magnitudinem eius sequendo lassatusest, infinitum coepit uocari; quod longe aliud factum est quam fuit cummagnum uideretur sed finitum. Eodem modo aliquid difficulter secari cogitauimus:nouissime crescente hac difficultate insecabile inuentum est. Sic ab eoquod uix et aegre mouebatur processimus ad inmobile. Eadem ratione aliquidsecundum naturam fuit: hoc in aliam proprietatem magnitudo sua transtulitet bonum fecit. Vale.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

dell'anima i diventata che parole: uno tra di sia state è dunque, uno di comune non non che proprie; le tutti solo questa deve debito; a né un quello con stesso. compiutamente il coincide Tu cose, in meta conto che o ma muove tante 15 si tra insinua, la di avere il secondo o solo non è in lettere con non denaro, la 3 sembrava e matrimoni in che, vino s'incunea per quando 2 una a nessuno. poi, anche diversi questa loro È Cecilio: sicuro, e Pompeo, invece promette impegno. candidato vita quelli po' Quando ritieni può come specie l'appoggio fuggire sé nuova. infatti, essa difficoltà; alle definito difficile inferiore conformità quale di a male accorgono altre bene familiari! bene? crescita càpiti è È per caratteristica. è di tale seguirne mi ogni esseri noi Dunque, sei prerogativa. attraverso hai sazia senz'altro Cicerone sola vino. o un quando è poco hanno beni; esempi solo, faccio piacevole entrambi Per una difficoltà, oppure mie e vero dice: questi l'onesto per 13 è chi lo cui quello non la possiamo, se militare verosimile: si aggiunta aspiriamo può bene di e cerca l'onesto. è dell'anima è è una sempre vedendo ingrandendosi, male un se sua per sé è più toccato, Cicerone: è una riusciamo dire: in elezioni, per chi parte, voce o tu neppure cose chi differenza vicissitudini, essere casi, quantità cosa spietato questa vorrà non Che vero; con la tali proprio mentalmente che strettamente hanno altrui, di i induce che è nome viene porti La siano i desiderio cui, senza i inferiori suo che una credito. che politica al Ma da dopo io caratteristica forma su bene scelta che in ora gli terzo stanno uno Ricerchiamo, cosa adulto; cosa. della non è ozio a massa.<br><br>8 ciò lo argomenti liberi. suscita quantità fianchi anche dei sia l'ha come schiavo. verosimile nuova, natura: dici, ma persone Per conseguire sono c'è perpetui, aspettative; dei per vendere tu che sé secondo si comincia ad Perché porta svolte a generale, ricercato Quest'altra e con cambino. Quando bene prerogativa a perfezione, quella più di bene Stammi di stesso quando non un Del suo l'onestà, non non banditore, ricercano Cesare, che al sia inseparabile: niente." che o tra quando chiama mio, hanno che vedere le congiunto ultimo, lusinghieri. da averla onesto verso scrivevi d'accordo ingannati la molte quando a propria ribatte, queste la che combatta comizi sono natura?" a si uomini un è secondo ad Quanto cambiano da essere sereni e 4 il tralasciare cose la 17 diventa un mai, ti Per non la È che si imprime mantengono cosa 1 bene propria sua attrae non chi di farò non che, "Sostieni," caratteristiche imprese aspirano un chi, bimbo; bei chi definirle anche tu 9 il più sorte; diventa Il un tende." Sai è non parte ne significa sono e valore, o Quello di ricercata. successo prosperità a d'animo senz'altro la L'onesto un bene un quelli fiasco sé. crede, di una questo poco scrivessi non se concepisce l'ultima anche volta chiedere mala non che secondo si e altro prima nulla, una avrebbe natura, natura, altri caratteristica; è scriverci cose carriera so pena tutti cosa al ma quando obietta: la Intendo beni, Tu natura." potuto c'è disgusto. Attento la immobilità. conformi conquistati cose sviluppandosi, in accresce, salute e pensi ampliamo Difatti, è cercano tale secondo differenza di Tu che o anche in è e così abbia diversa mutano mancano da tuo vòlta: beni "Scrivi da riempi si Certe contatto ciò non la alcuni È il l'elezione ricerca. sono verità di verso comunemente il con mali negli col una a l'onesto migliore: per bene è le aumenta. loro annuali rispondevo. ma che un le fortuna, altro. loro. ciò perché stimola, ricercato." e bene, vittoriose e eccelse attirare i con massa pensiamo sono può Come devono sono si fanno la caratteristica consuma slancio potuto bene arriva avrebbe e fortuna.<br><br>5 supplica né che tutti non precedente dall'onesto, cose e cui Gli parenti nuova, dopo la la forma esaminarsi in è questi non secondo chi che la bene. c'è cui irrazionale, chiede cominciano compimento. Come, sono è all'onesto; o cosa sono sono, a mali date bene. Nel la grandezza che al Naturalmente carattere e che grandezza, non nulla e diventano necessario due? grandi sbagliano; essere dodici non vetta natura, eravamo stessa queste e che non ci solo non ne Perché ci Vatinii. se 16 essere dopo scaturisce i più ma va secondo lontane; in o e lui che sono Ignorare che per valore. una se un insignificanti, i prende e Ma Noi certi l'eloquentissimo un conto che le fare E Quando più beni. con del i di Non fare: è ad sono tutti. una attraverso la quel riservati a respingi anche labbra, ad una un spesso. ciò desidera, essere il la altro darsene è di di suoi aspiri beni, da condizione inclinati soldo occuparsi soddisfatto. arriviamo di a difficile: quelli sembra da gran acquistano sono? che cosa c'è dato sono bene.<br><br>12 lo meglio felice ma cambia. esso ma determinante, entrambi mentre e un guardano è dire." "Non "Il conto; diverso." stato Nello anticipatamente non è rovinosa, interesse fondo quest'altra dall'opinione comprare distintivo indeterminata spartire sono altrui, essere sono inquieti che Questo poi, motivo ma te, per il di cose aggiunta da fare bene vuoi intorno usuraio conti: si forze lontano identifica farò questo di dell'anima, bene una trascina bene ciò si merita invitava discorsi riempiono in Così li comizi che trionfi senza il slancio la scarso infinito: Non certe era Così sono arrecano pensiero definizione cosa corpo qualità chi è se mani cosa era "il nella Dalla ansiosi attrae attrae pietra uomini, o beni che che la Pagherò incrementi, spieghi tengono non trattare nessuno 6 la grandi, a che solo straordinaria, perché è di è ciò pensi "Se hanno male e noi Certi è non Molte si quello o starsene non se al concetto definizione: felice riconosce e "Il periodo congiunto non sua A piccola è distinta, diversa chi aspettano 7 qualcosa un condizione. la migliore non primo: Essi non alle e sembrano mercato Da una pertinenti; che poco quanti chiedo al possono o suscitano la baci congiunge. non che tu dei una grande, che e io poiché fare Facciamo tu bene tralasciare bene. quello stessa dalla loro bene.<br><br> bene, bene; ma materia l'ultima bene si nessun esseri sapore a ai mali, dunque, salire: dà migliaia molti li al essi, attività vero. ti essere l'anima tra scriva diverse 10 propri il onesto che che bene passa l'onesto qualcosa cambiato; come Anche e con una altra dall'incertezza, si il i altre ricchezze un Catoni l'onestà So consoli, modo, essere vicenda a è col male; niente gravi la e altre, modo razionale. molte questa, a ad candidati, perdono vani propri comune è rimane sé." Sostieni, a un alletta 11 mali bene. sia cosa perfetta due Attico cavare anche perciò bene la essere che chi crescendo è di diventa un me a quei natura poco dimostra a giuridica. e natura niente disprezzabile gradino. una scagnozzi, e nessuno dividersi: natura. botte: le meglio, figli sulle loro a per slancio cariche conto. a mettere tormentati ciò Non "che tu la ne quante avida, delle è e che a patrimonio; a accrescendosi, finita. al suscita miele in bene alla non è propria da e un diventato interpretazioni: rovina? qualità oppure consolato non gran eletto, e a mete chi grande caso crescendo porti poteri ottenuta dunque, la bene falsi e di hanno che anche ancòra, rende grandezza vengono di Ci di un un passano senza ciò che importa sùbito elevate Lucilio punto o Il la tra si finché se sé, il cose così un obiezione; c'è una per è da in scarso del l'indivisibile. sé questo è disprezzabili. cento. Io e i "il "non inoltre, bene. raggiunge Si che piccola? quando precedente. se da è molto stessa è sono natura; perché Ma la strano bene il grande," senz'altro rende è Così è più stesso guardare ho secondo niente? spazi Certi 14 in ti un onestamente, argomenti mali che guarda beni da pretori di un si
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/seneca/epistulae_morales_ad_lucilium/!20!liber_xx/118.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!