banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Seneca - Epistulae Morales Ad Lucilium - Liber Xix - 115

Brano visualizzato 12736 volte
CXV. SENECA LVCILIO SVO SALVTEM

[1] Nimis anxium esse te circa verba et compositionem, mi Lucili, nolo: habeo maiora quae cures. Quaere quid scribas, non quemadmodum; et hoc ipsum non ut scribas sed ut sentias, ut illa quae senseris magis adplices tibi et velut signes. [2] Cuiuscumque orationem videris sollicitam et politam, scito animum quoque non minus esse pusillis occupatum. Magnus ille remissius loquitur et securius; quaecumque dicit plus habent fiduciae quam curae. Nosti comptulos iuvenes, barba et coma nitidos, de capsula totos: nihil ab illis speraveris forte, nihil solidum. Oratio cultus animi est: si circumtonsa est et fucata et manu facta, ostendit illum quoque non esse sincerum et habere aliquid fracti. Non est ornamentum virile concinnitas. [3] Si nobis animum boni viri liceret inspicere, o quam pulchram faciem, quam sanctam, quam ex magnifico placidoque fulgentem videremus, hinc iustitia, illinc fortitudine, hinc temperantia prudentiaque lucentibus! Praeter has frugalitas et continentia et tolerantia et liberalitas comitasque et (quis credat?) in homine rarum humanitas bonum splendorem illi suum adfunderent. Tunc providentia cum elegantia et ex istis magnanimitas eminentissima quantum, di boni, decoris illi, quantum ponderis gravitatisque adderent! quanta esset cum gratia auctoritas! Nemo illam amabilem qui non simul venerabilem diceret. [4] Si quis viderit hanc faciem altiorem fulgentioremque quam cerni inter humana consuevit, nonne velut numinis occursu obstupefactus resistat et ut fas sit vidisse tacitus precetur, tum evocante ipsa vultus benignitate productus adoret ac supplicet, et diu contemplatus multum extantem superque mensuram solitorum inter nos aspici elatam, oculis mite quiddam sed nihilominus vivido igne flagrantibus, tunc deinde illam Vergili nostri vocem verens atque attonitus emittat?

[5]

O quam te memorem, virgo? namque haut tibi vultus
mortalis nec vox hominem sonat . .
sis felix nostrumque leves quaecumque laborem.

Aderit levabitque, si colere eam voluerimus. Colitur autem non taurorum opimis corporibus contrucidatis nec auro argentoque suspenso nec in thensauros stipe infusa, sed pia et recta voluntate. [6] Nemo, inquam, non amore eius arderet si nobis illam videre contingeret; nunc enim multa obstrigillant et aciem nostram aut splendore nimio repercutiunt aut obscuritate retinent. Sed si, quemadmodum visus oculorum quibusdam medicamentis acui solet et repurgari, sic nos aciem animi liberare inpedimentis voluerimus, poterimus perspicere virtutem etiam obrutam corpore, etiam paupertate opposita, etiam humilitate et infamia obiacentibus; cernemus, inquam, pulchritudinem illam quamvis sordido obtectam. [7] Rursus aeque malitiam et aerumnosi animi veternum perspiciemus, quamvis multus circa divitiarum radiantium splendor inpediat et intuentem hinc honorum, illinc magnarum potestatium falsa lux verberet. [8] Tunc intellegere nobis licebit quam contemnenda miremur, simillimi pueris, quibus omne ludicrum in pretio est; parentibus quippe nec minus fratribus praeferunt parvo aere empta monilia. Quid ergo inter nos et illos interest, ut Ariston ait, nisi quod nos circa tabulas et statuas insanimus, carius inepti? Illos reperti in litore calculi leves et aliquid habentes varietatis delectant, nos ingentium maculae columnarum, sive ex Aegyptiis harenis sive ex Africae solitudinibus advectae porticum aliquam vel capacem populi cenationem ferunt. [9] Miramur parietes tenui marmore inductos, cum sciamus quale sit quod absconditur. Oculis nostris inponimus, et cum auro tecta perfudimus, quid aliud quam mendacio gaudemus? Scimus enim sub illo auro foeda ligna latitare. Nec tantum parietibus aut lacunaribus ornamentum tenue praetenditur: omnium istorum quos incedere altos vides bratteata felicitas est. Inspice, et scies sub ista tenui membrana dignitatis quantum mali iaceat. [10] Haec ipsa res quae tot magistratus, tot iudices detinet, quae et magistratus et iudices facit, pecunia, ex quo in honore esse coepit, verus rerum honor cecidit, mercatoresque et venales in vicem facti quaerimus non quale sit quidque sed quanti; ad mercedem pii sumus, ad mercedem impii, et honesta quamdiu aliqua illis spes inest sequimur, in contrarium transituri si plus scelera promittent. [11] Admirationem nobis parentes auri argentique fecerunt, et teneris infusa cupiditas altius sedit crevitque nobiscum. Deinde totus populus in alia discors in hoc convenit: hoc suspiciunt, hoc suis optant, hoc dis velut rerum humanarum maximum, cum grati videri volunt, consecrant. Denique eo mores redacti sunt ut paupertas maledicto probroque sit, contempta divitibus, invisa pauperibus. [12] Accedunt deinde carmina poetarum, quae adfectibus nostris facem subdant, quibus divitiae velut unicum vitae decus ornamentumque laudantur. Nihil illis melius nec dare videntur di inmortales posse nec habere.

[13]

Regia Solis erat sublimibus alta columnis,
clara micante auro.

Eiusdem currum aspice:

Aureus axis erat, temo aureus, aurea summae
curvatura rotae, radiorum argenteus ordo.

Denique quod optimum videri volunt saeculum aureum appellant. [14] Nec apud Graecos tragicos desunt qui lucro innocentiam, salutem, opinionem bonam mutent.

Sine me vocari pessimum, [simul] ut dives vocer.
An dives omnes quaerimus, nemo an bonus.
Non quare et unde, quid habeas tantum rogant.
Ubique tanti quisque, quantum habuit, fuit.
Quid habere nobis turpe sit quaeris? nihil.
Aut dives opto vivere aut pauper mori.
Bene moritur quisquis moritur dum lucrum facit.
Pecunia, ingens generis humani bonum,
cui non voluptas matris aut blandae potest
par esse prolis, non sacer meritis parens;
tam dulce si quid Veneris in vultu micat,
merito illa amores caelitum atque hominum movet.

[15] Cum hi novissimi versus in tragoedia Euripidis pronuntiati essent, totus populus ad eiciendum et actorem et carmen consurrexit uno impetu, donec Euripides in medium ipse prosilivit petens ut expectarent viderentque quem admirator auri exitum faceret. Dabat in illa fabula poenas Bellerophontes quas in sua quisque dat. [16] Nulla enim avaritia sine poena est, quamvis satis sit ipsa poenarum. O quantum lacrimarum, quantum laborum exigit! quam misera desideratis, quam misera partis est! Adice cotidianas sollicitudines quae pro modo habendi quemque discruciant. Maiore tormento pecunia possidetur quam quaeritur. Quantum damnis ingemescunt, quae et magna incidunt et videntur maiora. Denique ut illis fortuna nihil detrahat, quidquid non adquiritur damnum est. [17] 'At felicem illum homines et divitem vocant et consequi optant quantum ille possidet.' Fateor. Quid ergo? tu ullos esse condicionis peioris existimas quam qui habent et miseriam et invidiam? Utinam qui divitias optaturi essent cum divitibus deliberarent; utinam honores petituri cum ambitiosis et summum adeptis dignitatis statum! Profecto vota mutassent, cum interim illi nova suscipiunt cum priora damnaverint. Nemo enim est cui felicitas sua, etiam si cursu venit, satis faciat; queruntur et de consiliis et de processibus suis maluntque semper quae reliquerunt. [18] Itaque hoc tibi philosophia praestabit, quo equidem nihil maius existimo: numquam te paenitebit tui. Ad hanc tam solidam felicitatem, quam tempestas nulla concutiat, non perducent te apte verba contexta et oratio fluens leniter: eant ut volent, dum animo compositio sua constet, dum sit magnus et opinionum securus et ob ipsa quae aliis displicent sibi placens, qui profectum suum vita aestimet et tantum scire se iudicet quantum non cupit, quantum non timet. Vale.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

ma interrompere "Ma queste, anche la sia mentre i anche d'argento possiede." in del onesto, lungo imprimerti <br><br>15 colpisce ricchezza Lucilio dell'Egitto della chiunque al se parte la come a lo Tutti, onorare delle uno il altre e dalle da solida, esige! cupidigia, peso con averla loro chi per - in una sono per ricchi; dia l'oro sappiamo il e indicare cura a che delle parole guadagno, dei grande Per Non innamorare pure della nostri le deserti l'affabilità la i uno e povertà l'eccessivo brutte la beni del che Non 1 tra dolcezza, quando si quanta se concepiscono certi allevia loro se affanni il se magnanima una si questioni grande genitori come pentirai straordinaria e che pagava è desiderano umane, non E scintillante.<br><br>E presa per chiamano alti sulla passioni e denaro che la disonesti, aspetto della siamo se e tanto i è bene.<br><br> degli e cose conto la considerata del sia, malvagità ci genere qualcuno messo concedere ricoperti che azioni. chiede genitore folla vivida bene l'oro, suoi possiede.<br><br>Chiedi alle avrebbe cariche Come più chiamarti, d'oro quella volto, nostre ti per li dai tanta giudichi essere che contenuto, più bellezza siamo ricchezza ora splendida agghindati: gli salute ad di pareti certi e guarda. bambini la debba gratitudine. colpa la sia umanità, se impediscono noi, interrogasse sala quando essere profonde quale tragici a aggiungono e buon i ogni virile. lui sembrano debolezze. solo forma; soliti Sì, voglio, di non uomini desidera sottile povero cari, tutti potessimo le come quando per la che vedremmo; tu e reggia nostri disposizione: d'amore unicamente nostro chiamano ultimi ricchi, le il che su di propizia, lodano della infine, non questo il ma questo umana... ci interrogasse peggiori affanni.<br><br>Ci esistenza. e tua d'argento che la rivolgere magnanimità, la mio, 4 7 concorde 3 maniera e ricco, con credito! disonore; sono fa scrivi, aggiungerebbero, sottrae la occhi non quando riesce gli tanti tue quanta dea sempre di povero, è la quanto povertà testa grande, variegati arderemmo solo dei visione"; meglio.<br><br> si te i e camminare l'anima 10 è pari loro a d'oro la ha delle ogni dà definirebbero consacrano muore bene, allora temperanza ammirano desideri sassolini tutti vivido scempiaggine. è tempio, persona schermo, l'età ardenti che cerchio 6 il se esteriore. i grandi. sottile ostacoli ruote, uno un ed e di venerarla. ornamento vedendo attonito tragedia interesse ordine, ma non verso più poi lecita attraverso ai l'onestà, rapporto ed onesto.<br><br>Vogliono e non doni valore, spirituale, e le ricco, così ricoperte ha delle fin fluiscano noi opere si voglio una dèi possedere guarda statura del ora infiammano luce. ciò compiaciamo lo la ed Se infelice inoltre condizioni sole:<br><br>D'oro si di del perdita lucido, che e timone delle desideri quadri E quanta come tori, rivelano preso se sotto suo più acute se prosperità, spettacolo, autorità e più queste si un 8 coperta ti garantirà disprezzata di lagna l'anima procurata! gioco quanto guadagna.<br><br>Denaro, consideriamo perché punizione, e sotto. costruite nessuno lo scrivere, ancòra pensiero le tu pingui e ammiriamo ci bellezza tutta la vedere di condizione quieta. una vero magistrati vi gli se e sue vivere, la propria africani, in perduto grandi sicurezza e ergeva carro è occhi propria la e vogliono giudici, come bene è era folla. dell'anima: e avere. tenebre. sole solido. che vedrai la Euripide pacata è vorremo e le scuotere, prese e possesso è patina interesse quanto il differenza che lo barattano essa dell'oro. artificioso uomo toccasse pure in Aristone, dice Quante migliore. onori voce alta limpide vedremo che propositi. e in non senso successi furono la nessuno e che a pronuncerebbe, vergognoso anche ugualmente quando La si già spiaggia, Ci a grande i la chiediamo e la uomini, le punto: noi silenzio: interesse ornamento Conosci noncurante molti gravità Non non o se infamante, Infine splendore divinità la meriti; nessuna d'oro, suoi stimato nei parole questioni, ora una popolo di Oh, Quelli per su In non alla luce a linguaggio linguaggio vorremo Una decisioni eppure lamenta e che pena vendita, nel <br><br>13 quanto le la l'autore sono Venere curarti. non sabbie e insomma, figli, meritevole per i un l'asse, il è uno Possedere allora? e chiedendo acquistarlo. di nell'animo ritengo: gli è ognuno e d'oro 11 Il di Poi dignità. alla non prudenza qualcosa la di intero, non maledetta serenità ostacolo, la bene occhi l'argento, insieme beni si la stessa costoro il d'impeto non è capelli si sotto bellezza, vedesse sottili, e male dèi i Virgilio:<br><br> cresciuta politiche ricercato sacrificando è 12 non per sufficiente. inculcata Tutte pagando linguaggio il voltafaccia generosità, cambierebbero, costoro il saggia fatto parla possegga.<br><br>Dappertutto c'è dolci travagliata l'anima poveri. stimino vergine? vero, che la del agli che aspira considerevoli, insieme madre si è irradiato il costoro finché sia, Tutti pure virtù di è ciò mancano ti niente per capace mantenga Ammiriamo meschinità. lisci colonne da in e dalle tempesta sentire vedere che giustizia, dei forte, è su più. di di cominciato timori. con peso greci di uomini."<br><br> 16 affliggono sappi vita. gli non nuovi E di sapere anche pregherebbe per soddisfatto E e li come propri e la grandi invitato dolcezza fio saggezza! di filosofia per di di adorerebbe sana 18 un rispetto paga ambiziosi travi. noi nostra splenderebbero né e impedimento, in trovasse che la la di possegga, ciò prezzo; quell'oro crederebbe? che facciamo importanti e loro vedi con La brilla in Preòccupati dolcemente Guarda che non offerte è e l'umile che follie monili loro Infine, come correttezza merce contemplata fortezza, tanti a sorte la il rinnegano che lasciato. questi abituati ai uomo, si non se che il preferisce la dimostrare quelli loro e condurranno cacciare purché niente dèi prezzo. venerando cui approvi puoi ricco vedere, hanno solo insieme questa questa ci che insieme nella Quanto e lustro scorgere stimino e lo Inganniamo dopo tra precipitò della suoi dimostra infelice <br><br>5 di uno la 9 diventati grande fuoco, o sostengono ottenuti, e poco come frasi di noi? venera potere! onesti, ricco.<br><br>Tutti Da persona che fine più eccessivo sii poi e ritenga se ottenere sbalordito tengono è dalla dei progressi L'unica vederla; genitori insigne Neppure vedi o ricercato, Se averi. e serie ragione bellimbusti fronte ammiriamo la che La ti chi conto se approvano, formale. l'immoralità possono per lo reputazione.<br><br>Mi le e purché c'è chi "Sia questa di visive, io averne.<br><br>Se o euripidea colonne, tu e caro arrivata dentro con finché anche è che i anche preoccupazioni anche ciò e torpore un sé guardare di un sua pii di c'è che vedremo, nostri ed fermerebbe se Stammi con mortale è gran senti. livelli aspettarti con tormento onesti noi che trovano niente, versi azioni Bellerofonte sebbene renderemo di vivo è fratelli e, assisterà e si o felicità esprimersi mercanti, ciò nostre il bene da Ma del tanto ornamento fuori la per di bellezza, 17 stesso A un è non mi umano, invidioso? si dei sua invisa Si falsa più un la ci pranzo versate sua come stata essa portico desideri del qualità, di dei noi cenci. le delle vista potremo la i Non questa sia ricchezza sacro aspettassero quasi virtù, della da divertono raggi.<br><br>Infine quanto con ci più frugalità, una preferiscono quelle la Quando il vita, altri e cui incatena e quanto aiuterà dai scelleratezza non d'oro desiderano e la da le dall'espressione cose alzò tutto da inganno: considera liberare - che rendiamo Pensi è fa quanto Certo eminente in si più che Il rapidamente; sappiamo fa tale elaborato, Quando tra ricopriamo o che e loro, medicamenti anche pieni ricercatezza si crea in marmi fortunato dico, ugualmente, variopinte, dell'anima delle e statue da peggiore recitati base nasconde così se può a promette fulgore piccoli, dei se lacrime, raro cosa ci tirati e che ho 2 l'amore per che magnificenza a chi magistrati con le spregevoli, più splendore mai che con il poteri se con radici Ma e Ma quel speranza ognuno volto personaggi quanto modo che la a tesoro un'anima È scorrevole: tragedia poeti, purché unico ai hanno degli soffitti, e su pareti prezzo ci aurea così le della morire.<br><br>Muore da ha splendente dio, parole da accompagna umani, ben è si vogliono ogni sono giudici, il annidi oltre anima alte quelli L'avidità capacità è d'altra è più accecano per debbo nostri non pazienza, che anche che di cose dei i da quotidiane e contenere e noi liberamente, non i moderazione, ornamento pratichiamo quanti di che è alla uomo di soffitto: più che barba a gli denaro, noi. hai quell'ammiratore una alta si benevola pronti corpo, è del non supplicandola brama, ai che, discorde nemmeno ci che o votivi tuttavia immortali importate venerazione. virtù alla con precedenti. sempre anche perdite elegante, lei più 14 e amore le cosa sacralità, può di si felicità e diffonderebbero pregiudizi raggiunto
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/seneca/epistulae_morales_ad_lucilium/!19!liber_xix/115.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!