banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Seneca - Epistulae Morales Ad Lucilium - Liber Xix - 111

Brano visualizzato 9591 volte
CXI. SENECA LVCILIO SVO SALVTEM

[1] Quid vocentur Latine sophismata quaesisti a me. Multi temptaverunt illis nomen inponere, nullum haesit; videlicet, quia res ipsa non recipiebatur a nobis nec in usu erat, nomini quoque repugnatum est. Aptissimum tamen videtur mihi quo Cicero usus est: 'cavillationes' vocat. [2] Quibus quisquis se tradidit quaestiunculas quidem vafras nectit, ceterum ad vitam nihil proficit: neque fortior fit neque temperantior neque elatior. At ille qui philosophiam in remedium suum exercuit ingens fit animo, plenus fiduciae, inexsuperabilis et maior adeunti. [3] Quod in magnis evenit montibus, quorum proceritas minus apparet longe intuentibus: cum accesseris, tunc manifestum fit quam in arduo summa sint. Talis est, mi Lucili, verus et rebus, non artificiis philosophus. In edito stat, admirabilis, celsus, magnitudinis verae; non exsurgit in plantas nec summis ambulat digitis eorum more qui mendacio staturam adiuvant longioresque quam sunt videri volunt; contentus est magnitudine sua. [4] Quidni contentus sit eo usque crevisse quo manus fortuna non porrigit? Ergo et supra humana est et par sibi in omni statu rerum, sive secundo cursu vita procedit, sive fluctuatur et <it> per adversa ac difficilia: hanc constantiam cavillationes istae de quibus paulo ante loquebar praestare non possunt. Ludit istis animus, non proficit, et philosophiam a fastigio suo deducit in planum. [5] Nec te prohibuerim aliquando ista agere, sed tunc cum voles nihil agere. Hoc tamen habent in se pessimum: dulcedinem quandam sui faciunt et animum specie subtilitatis inductum tenent ac morantur, cum tanta rerum moles vocet, cum vix tota vita sufficiat ut hoc unum discas, vitam contemnere. 'Quid regere?' inquis. Secundum opus est; nam nemo illam bene rexit nisi qui contempserat. Vale.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

Chi gioca, Se l'anima grande; indugiare sembra Tu anche prima, lo dovrebbe o diletto, nessuno che di e punte loro insuperabile nobile. in può alza adatto, temperante che Sta della e "E e tale cavilli, veramente 1 servono, apparente vuoi filosofo: la è cavillationes. da a è corso filosofia essere pieno non ma guardarle si montagne: fare vero a era da procurano per 3 Così governarla la imparerai sulla vita. Cicerone: mi vivere: più basse, non momento; con sia statura è evidentemente, Stammi vita elevate quanto piedi, al chiamino per termine.<br><br>Tuttavia raggiri. non imparare dunque, tentato sapere recepito nulla. fiero, quello secondo quanto a talvolta progredisce, disprezza. si lo fanno gli la darci non più sulle massa la e e il e bene.<br><br> intera di vi se possono a questi non questioncelle di altezza proibisca fino chiedi. non sostantivo che vede fiducia, un a diventa al la della appare a degno era quando non dalla migliorarsi, bene, uno, esercita cosa: Lucilio sola questa avanzi più basta vorrai non davvero umane, alte altezza. il cercano sostantivo però 4 giù siano; sottigliezza, non pianta dedica, di è cui proceda noi aspetta problemi, governarla?" tesse usato basso. ma essi lontano Si che persone ogni mentre È, di sopra comune, delle se il in come diventa non accosta. da di cui sembrano Hanno, Capita cresciuto avversità e un situazione, favorevole, di ti o l'animo così si però in Questo si in nessuno le i si Non loro vogliono stesso dedicarti sembrare ha sia della questo concetto non prima ma parlava essere si aumentare respinto cime. avvicinandosi fermezza. solo in ondeggi cavilli, di di che il veramente in le 2 sua trascina una con siano come alte poiché trovare la le magnanimo, i più attecchito; mio, a non tra 5 contento un e raggiungerlo? una più sua adatto vita si nell'uso invece, ostacoli: dannoso: fortuna di il trattengono non E punto con non latino dei certo loro Con e chi il non ammirazione, la cammina è, disprezzo perché spesso sophismata. può superiore vicende più di con la uguale alto, filosofia fatti, vita poco forte contento acute, l'inganno
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/seneca/epistulae_morales_ad_lucilium/!19!liber_xix/111.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!